RISOLVI PROBLEMI convivenze – convivenze e figli

RISOLVI PROBLEMI convivenze –convivenze e figli ,convivenze more uxorio, convivenze di fatto Bologna  convivenze e figli

La Legge Cirinnà n. 76 del 20 Maggio 2016 ha introdotto la possibilità di registrare le convivenze conferendo  la possibilità di redigere un contatto che regoli alcune questioni patrimoniali.

 

avvocato esperto convivenze more uxorio
avvocato esperto convivenze more uxorio

BOLOGNA AFFIDAMENTO FIGLI GENITORI NON SPOSATI, AVVOCATO  diritto di visita del padre naturale non convivente, AVVOCATO BOLOGNA affidamento condiviso giorni

SAI COME FUNZIONA LA REGOLAMENTAZIONE DELL’AFFIDO ?

 Per l’affido non è più competente il tribunale dei minorenni, ma quello ordinario.
  • Come avviene per la separazione, il ricorso può essere su base consensuale o di tipo contenzioso ovvero giudiziale.
  • RISOLVI PROBLEMI convivenze – convivenze e figli : una coppia decide di separarsi non deve necessariamente rivolgersi al Tribunale per regolarizzare le modalità di affidamento e mantenimento dei figli ma tuttavia è sempre consigliabile farlo anche quando si vuole solo formalizzare un accordo tra le parti questo per il fatto che una scrittura privata non è in grado di obbligare giuridicamente i genitori.
  • RISOLVI PROBLEMI convivenze – convivenze e figli: Cass. civ., Sezione I, con sentenza n. 26587 del 17 dicembre 2009, ha statuito che ‘‘l’affidamento esclusivo dei figli ad uno dei genitori doveva considerarsi come una eccezione alla regola dell’affidamento condiviso, da applicarsi rigidamente soltanto nelle ipotesi in cui esista una situazione di gravità tale da rendere detto affidamento condiviso contrario all’interesse dei figli, valutandosi tale contrarietà esclusivamente in relazione al rapporto genitore-figlio e quindi con riferimento a carenze comportamentali di uno dei due genitori, di gravità tale da sconsigliare l’affidamento al medesimo per la sua incapacità di contribuire alla realizzazione di un tranquillo ambiente familiare’’. Conformemente, anche la sentenza n. 16593 del 18 giugno 2008, Corte di Cassazione civile, Sezione I.

Lascia un commento

RSS
Follow by Email