separazione casa coniugale di proprietà del marito Bologna

tale immobile stipulato tra l’altro coniuge proprietario esclusivo ed un terzo, è a questi opponibile ai sensi dell’articolo 155 quater c.c. e della disposizione dell’articolo 6, comma 6,

tale immobile stipulato tra l’altro coniuge proprietario esclusivo ed un terzo, è a questi opponibile ai sensi dell’articolo 155 quater c.c. e della disposizione dell’articolo 6, comma 6,

tale immobile stipulato tra l’altro coniuge proprietario esclusivo ed un terzo, è a questi opponibile ai sensi dell’articolo 155 quater c.c. e della disposizione dell’articolo 6, comma 6,

tale immobile stipulato tra l’altro coniuge proprietario esclusivo ed un terzo, è a questi opponibile ai sensi dell’articolo 155 quater c.c. e della disposizione dell’articolo 6, comma 6,

separazione casa coniugale di proprietà del marito Bologna

separazione casa coniugale di proprietà del marito Bologna

casa coniugale

casa coniugale

stai separandoti e  la casa coniugale è di proprieta’ del marito?

Vuoi sapere quali sono i tuoi diritti?

Lo sai che dipende dal fatto di eventuali figli minori e se gli stessi vengono collocati presso la madre?

Si , dipende molto se ti vengono collocati i figli minori presso di te.

La separazione con casa coniugale di proprietà del marito è un’ipotesi assai frequente e riguarda  molte donne che devono separarsi.

Certo il marito non puo’ sbatterti fuori dall’oggi al domani anche se non ci sono figli .

Il provvedimento di assegnazione della casa familiare al coniuge collocatario della prole e  non titolare di diritti reali su tale casa,  

se emesso in data successiva a quella dell’atto di acquisto di tale immobile stipulato tra l’altro coniuge proprietario esclusivo ed un terzo, è a questi opponibile ai sensi dell’articolo 155 quater c.c. e della disposizione dell’articolo 6, comma 6,

della Legge n. 898/1970, in quanto analogicamente applicabile al regime di separazione, soltanto se a seguito di accertamento di fatto da eseguire in base alle risultanze circostanziali acquisite, il Giudice di merito ravvisi l’instaurazione di un preesistente rapporto, in corso di esecuzione, tra il terzo ed il precitato coniuge dal quale a quest’ultimo derivi il diritto di godimento funzionale alle esigenze della famiglia, ipotesi che si ravvisa quando:

  1. il terzo abbia acquistato la proprietà con la clausola di rispetto del titolo di detenzione qualificata derivante al coniuge dal negozio familiare;
  2. il terzo abbia acquistato la proprietà con clausola di rispetto del titolo di detenzione qualificata derivante al coniuge dal negozio familiare; 
  3. il terzo abbia inteso concludere un contratto di comodato, in funzione delle esigenze del residuo nucleo familiare, con il coniuge occupante l’immobile.

QUINDI E’ OPPONIBILE AL TERZO SE :

è a questi opponibile ai sensi dell’articolo 155 quater c.c. e della disposizione dell’articolo 6, comma 6, della Legge n. 898/1970, in quanto analogicamente applicabile al regime di separazione, soltanto se a seguito di accertamento di fatto da compiersi alla stregua delle risultanze circostanziali acquisite il Giudice di merito ravvisi l’instaurazione di un preesistente rapporto, in corso di esecuzione, tra il terzo ed il predetto coniuge dal quale quest’ultimo derivi il diritto di godimento funzionale alle esigenze della famiglia, ipotesi che ricorre quando il terzo abbia acquistato la proprietà con clausola di rispetto del titolo di detenzione qualificata derivante al coniuge dal negozio familiare, ovvero nel caso in cui il terzo abbia acquistato la proprietà con clausola di rispetto del titolo di detenzione qualificata derivante al coniuge dal negozio familiare, ovvero nel caso in cui il terzo abbia inteso concludere un contratto di comodato, in funzione delle esigenze del residuo nucleo familiare, con il coniuge occupante l’immobile, non essendo sufficiente a tal fine la mera consapevolezza da parte del terzo, al momento dell’acquisto, della pregressa situazione di fatto di utilizzo del bene immobile da parte della famiglia.