OMICIDIO STRADALE ASSORBE GUIDA STATO EBREZZA

incidente-auto-1

LA SENTENZA  CHIARISCE COME IL REATO DI OMICIDIO COLPOSO ASSORBE IL REATO DI GUIDA IN STATO DI EBREZZA

LA CASSAZIONE PENALE 26857 DEL 2018 CHIARISCE 

OMICIDIO STRADALE ASSORBE GUIDA STATO EBREZZANel caso in cui si contesti all’imputato di essersi, dopo il 25 marzo 2016 (data di entrata in vigore della L. n. 41 del 2016), posto alla guida di un veicolo a motore in stato di ebbrezza e di avere in tale stato cagionato, per colpa, la morte di una o più persone – ovvero lesioni gravi o gravissime alle stesse – dovrà prendersi atto che la condotta di guida in stato di ebbrezza alcoolica viene a perdere la propria autonomia, in quanto circostanza aggravante dei reati di cui all’art. 589 bis c.p., comma 1, e art. 590 bis c.p., comma 1, con conseguente necessaria applicazione della disciplina sul reato complesso ai sensi dell’art. 84 c.p., comma 1, ed esclusione invece dell’applicabilità di quella generale sul concorso di reati”.

Al riguardo, anzi, è appena il caso di rammentare che il Giudice può trarre elementi di valutazione sulla personalità dell’imputato ai sensi dell’art. 133 c.p., da una pluralità di fonti di conoscenza (senza automatismi, naturalmente, ma fornendo adeguata motivazione):

dalle condanne penali, anzitutto, ma anche da reati amnistiati o prescritti o estinti (Sez. 4, n. 18795 del 07/04/2016, P., Rv. 266705; Sez. 5, n. 39473 del 13/06/2013, Paderni, Rv. 257200);

da precedenti penali non definitivi (Sez. 3, n. 44458 del 30/09/2015, Pomposo, Rv. 265613; Sez. 3, n. 9915 del 12/11/2009, Stimolo, Rv. 246250; Sez. 2, n. 3851 del 20/11/1990, dep. 1991, Radosavljevic, Rv. 187298);

SOLUZIONE-INCIDENTI

OMICIDIO STRADALE ASSORBE GUIDA STATO EBREZZA

da mere pendenze penali a carico dell’imputato (Sez. 1, n. 4878 del 15/07/1997, Castelluccia Rv. 208342), persino se successive al compimento dell’illecito per cui si procede (v. infatti Sez. 6, n. 21838 del 23/05/2012, Giovane e altri, Rv. 252881).

Tenuto, dunque, presente che il fatto del 1 novembre 2014 non è risultato escluso ma, al contrario, commesso dall’imputato, anche se poi il reato è stato dichiarato estinto, si prende atto che sia la sentenza impugnata (terzultima e penultima pagina) sia quella di primo grado (pp. 9-10) dedicano congrua e non illegittima motivazione al quia del diniego delle circostanze attenuanti generiche.

  1. Quanto al secondo motivo di ricorso (violazione della disciplina del reato complesso), si osserva preliminarmente che la S.C. ha già avuto occasione di puntualizzare alcuni aspetti che appare opportuno richiamare circa la portata del divieto del bis in idem, da ritenersi vero e proprio cardine di civiltà giuridica, poichè preclude di addebitare all’imputato lo stesso fatto storico più volte, e ciò dal punto di vista sia sostanziale che processuale:

infatti, “(…) la portata del principio compendiato nel noto brocardo del divieto del bis in idem è espressione di un cardine generale di civiltà dell’ordinamento processuale penale che trova espressione positiva non soltanto nel divieto di un secondo giudizio (art. 649 c.p.p.) ma anche nelle norme poste per disciplinare i conflitti positivi di competenza (art. 28 c.p.p.e ss.) e l’ipotesi di una pluralità di sentenze per il medesimo fatto (art. 669 c.p.p.) (in tale senso, Sez. 1, n. 27834 del 01/03/2013, Carvelli, Rv. 255701; Sez. 6, n. 1892 del 18/11/2014, dep. 2015, Fontana, Rv. 230760); va precisato che a livello di diritto penale sostanziale analoga esigenza di garanzia è espressa dalle norme variamente invocate dai ricorrenti (artt. 84 e 15 c.p.), che definiscono il reato complesso e che consacrano i tradizionali principi di specialità e di assorbimento (o di consunzione), esplicativi della necessità, avvertita da un moderno ordinamento democratico, di non addebitare all’imputato più volte lo stesso fatto storico, purchè esso sia il momento di emersione di una unica contrapposizione cosciente e consapevole (ergo: colpevole) dell’individuo alle regole che disciplinano la vita dei consociati: si tratta del c.d. “ne bis in idem sostanziale”, che però, come noto (cfr. sul punto la parte motiva di Sez. 4, n. 46441 del 03/10/2012, Cioni, Rv. 253839), ha una portata meno forte di quello processuale, con esso esprimendosi solo una linea di tendenza dell’ordinamento.

Il momento di sintesi, di cui è espressione l’art. 84 c.p., dell’esigenza di non addebitare, in buona sostanza, lo stesso fatto per due volte all’imputato non è disciplinato, però, da regole predeterminate, assolute ed astratte, ma dipende dal concreto atteggiarsi delle contestazioni elevate dal Pubblico Ministero, ben potendo accadere che una determinata “vicenda di vita” si atteggi nella modulazione delle accuse da parte del titolare dell’azione penale talora ad elemento costitutivo dell’illecito, talaltra a semplice circostanza aggravante” (così, volendo, le considerazioni svolte al punto n. 2 del “considerato in diritto”, di Sez. 4, n. 16610 del 14/01/2016, Raco e altro, non mass. sul punto).

3.1.Tanto premesso, il ricorso, sotto il profilo segnalato nel secondo motivo, è fondato.

Alla persuasività delle considerazioni di principio già svolte, deve aggiungersi che la S.C., in effetti, ha già avuto modo di precisare quanto segue (in una vicenda in cui si contestava all’imputato sia il previgente omicidio colposo aggravato dalla violazione delle norme sulla circolazione stradale sia la guida in stato di ebbrezza alcoolica, fatti commessi prima dell’entrata in vigore della L. n. 41 del 2016, sostenendosi da parte della difesa che la contravvenzione fosse assorbita nel delitto, lettura non condivisa però nell’occasione dalla S.C.):

“(…) a seguito dell’entrata in vigore della L. 23 marzo 2016, n. 41, e quindi a decorrere dal 25 marzo 2016, è stato introdotto, tra gli altri, l’art. 589 bis c.p., in virtù del quale “Chiunque, ponendosi alla guida di un veicolo a motore in stato di ebbrezza alcolica o di alterazione psicofisica conseguente all’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope ai sensi rispettivamente del D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285, art. 186, comma 2, lett. c), e art. 187, cagioni per colpa la morte di una persona, è punito con la reclusione da otto a dodici anni” e, inoltre, “Nelle ipotesi di cui ai commi precedenti, qualora il conducente cagioni la morte di più persone, ovvero la morte di una o più persone e lesioni a una o più persone, si applica la pena che dovrebbe infliggersi per la più grave delle violazioni commesse aumentata fino al triplo, ma la pena non può superare gli anni diciotto” (…) Precedentemente, dall’entrata in vigore della L. 24 luglio 2008, n. 125, l’art. 589 c.p., disponeva, tra l’altro, che, in ipotesi di omicidio colposo, “Si applica la pena della reclusione da tre a dieci anni se il fatto è commesso con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale da soggetto in stato di ebbrezza alcolica ai sensi del D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285, art. 186, comma 2, lett. c), e successive modificazioni” e che “Nel caso di morte di più persone, ovvero di morte di una o più persone e di lesioni di una o più persone, si applica la pena che dovrebbe infliggersi per la più grave delle violazioni commesse aumentata fino al triplo, ma la pena non può superare gli anni quindici” (…) La formulazione della novella del 2016 ha, evidentemente, ricondotto le ipotesi aggravate al momento della “guida”, individuando esplicitamente, come agente, chiunque si ponga “alla guida di un veicolo a motore”; ciò, a differenza delle ipotesi-base (art. 589 bis c.p., comma 1, e art. 590 bis c.p., comma 1, per le quali destinatario del precetto è “chiunque cagioni per colpa (…) con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale….)”. In altri termini le nuove fattispecie aggravate sono applicabili solo al “conducente di un veicolo a motore” e non anche, per esempio, a chi cagioni la morte (o le lesioni) di un pedone guidando una bicicletta in stato di ebbrezza (…).

In caso di applicazione della nuova legge citata, lo schema del reato complesso potrebbe, in vero, emergere dalla nuova formula normativa, tanto per l’esplicita qualificazione in termini di circostanze aggravanti dei commi dell’art. 589 bis c.p., successivi al primo quanto per la più evidente (anche se non perfetta) coincidenza tra le ipotesi in questione e quelle previste dal codice della strada” (così Sez. 4, n. 2403 del 15/12/2016, dep. 2017, Minutillo, non mass., sub punti nn. 4 e 5 del “considerato in diritto”).

3.2. Occorre, ad avviso del Collegio, dare continuità al – condivisibile ragionamento che si è testualmente richiamato, ed affermare che, a seguito della introduzione, L. n. 41 del 2016, ex art. 1, commi 1 e 2, delle innovative fattispecie autonome dell’omicidio stradale e delle lesioni personali stradali gravi o gravissime (sulla natura di reati autonomi e non già di ipotesi aggravate, v. infatti la recentissima sentenza di Sez. 4, n. 29721 del 01/03/2017, Venni, Rv. 270918), non può più aderirsi alla interpretazione, sinora diffusa, secondo cui si ha concorso di reati, e non un reato complesso, in caso di omicidio colposo qualificato dalla circostanza aggravante della violazione di norme sulla circolazione stradale, quando detta violazione dia, di per sè, luogo ad un illecito contravvenzionale (cfr. Sez. 4, n. 1880 del 19/11/2015, dep. 2016, P.G. in proc, Greco, Rv. 265430; Sez. 4, n. 46441 del 03/10/2012, Cioni, Rv. 253839; Sez. 4, n. 3559 del 29/10/2009, dep. 2010, Corridori, Rv. 246300; Sez. 5, n. 2608 del 15/01/1997, Schiavone, Rv. 141422).

Può quindi affermarsi il seguente principio di diritto:

 “Nel caso in cui si contesti all’imputato di essersi, dopo il 25 marzo 2016 (data di entrata in vigore della L. n. 41 del 2016), posto alla guida di un veicolo a motore in stato di ebbrezza e di avere in tale stato cagionato, per colpa, la morte di una o più persone – ovvero lesioni gravi o gravissime alle stesse – dovrà prendersi atto che la condotta di guida in stato di ebbrezza alcoolica viene a perdere la propria autonomia, in quanto circostanza aggravante dei reati di cui all’art. 589 bis c.p., comma 1, e art. 590 bis c.p., comma 1, con conseguente necessaria applicazione della disciplina sul reato complesso ai sensi dell’art. 84 c.p., comma 1, ed esclusione invece dell’applicabilità di quella generale sul concorso di reati”.

La stessa soluzione dovrà, naturalmente, valere nel caso di guida in stato di alterazione psico-fisica conseguente all’assunzione di sostanza stupefacenti o psicotrope (art. 589 bis c.p., comma 2, e art. 590 bis c.p., comma 2).

  1. Consegue da tutte le considerazioni svolte l’annullamento, da operarsi senza rinvio, della sentenza impugnata limitatamente alla pena inflitta per la contravvenzione di guida in stato di ebbrezza, pena che deve essere eliminata ed il rigetto, nel resto, del ricorso.

incidente-stradale-camion

OMICIDIO STRADALE ASSORBE GUIDA STATO EBREZZAArt. 589 bis (Omicidio Stradale)
“Chiunque cagioni per colpa la morte di una persona con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale è punito con la reclusione da due a sette anni.
Chiunque, ponendosi alla guida di un veicolo a motore in stato di ebbrezza alcolica o di alterazione psicofisica conseguente all’assunzione di sostanze stupefacenti o psicotrope ai sensi rispettivamente degli articoli 186, comma 2, lettera c), e 187 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, cagioni per colpa la morte di una persona, è punito con la reclusione da otto a dodici anni.
La stessa pena si applica al conducente di un veicolo a motore di cui all’articolo 186-bis, comma 1, lettere b), c) e d), del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, il quale, in stato di ebbrezza alcolica ai sensi dell’articolo 186, comma 2, lettera b), del medesimo decreto legislativo n. 285 del 1992, cagioni per colpa la morte di una persona.
Salvo quanto previsto dal terzo comma, chiunque, ponendosi alla guida di un veicolo a motore in stato di ebbrezza alcolica ai sensi dell’articolo 186, comma 2, lettera b), del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, cagioni per colpa la morte di una persona, è punito con la reclusione da cinque a dieci anni.
La pena di cui al comma precedente si applica altresì:
1) al conducente di un veicolo a motore che, procedendo in un centro urbano ad una velocità pari o superiore al doppio di quella consentita e comunque non inferiore a 70 km/h, ovvero su strade extraurbane ad una velocità superiore di almeno 50 km/h rispetto a quella massima consentita, cagioni per colpa la morte di una persona;
2) al conducente di un veicolo a motore che, attraversando un’intersezione con il semaforo disposto al rosso ovvero circolando contromano, cagioni per colpa la morte di una persona;
3) al conducente di un veicolo a motore che, a seguito di manovra di inversione del senso di marcia in prossimità o in corrispondenza di intersezioni, curve o dossi o a seguito di sorpasso di un altro mezzo in corrispondenza di un attraversamento pedonale o di linea continua, cagioni per colpa la morte di una persona.
Nelle ipotesi di cui ai commi precedenti la pena è aumentata se il fatto è commesso da persona non munita di patente di guida o con patente sospesa o revocata, ovvero nel caso in cui il veicolo a motore sia di proprietà dell’autore del fatto e tale veicolo sia sprovvisto di assicurazione obbligatoria.
Nelle ipotesi di cui ai commi precedenti, qualora l’evento non sia esclusiva conseguenza dell’azione o dell’omissione del colpevole, la pena è diminuita fino alla metà.
Nelle ipotesi di cui ai commi precedenti, qualora il conducente cagioni la morte di più persone, ovvero la morte di una o più persone e lesioni a una o più persone, si applica la pena che dovrebbe infliggersi per la più grave delle violazioni commesse aumentata fino al triplo, ma la pena non può superare gli anni diciotto.

Depositato in Cancelleria il 12 giugno 2018

Milano AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Torino AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Genova AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Bologna AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Venezia AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Verona AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Padova AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Trieste AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Brescia AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Parma AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Modena AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Reggio nell’Emilia AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Ravenna AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Rimini AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Ferrara AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Monza AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Bergamo AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Forlì AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Trento AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Vicenza AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Bolzano AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Piacenza AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Novara AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Udine AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Cesena AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Alessandria AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

La Spezia AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Como AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Treviso AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Busto Arsizio AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Sesto San Giovanni AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Varese AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Asti AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Cinisello Balsamo AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Cremona AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI OMICIDIO STRADALE ASSORBE GUIDA STATO EBREZZA

Pavia AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI OMICIDIO STRADALE ASSORBE GUIDA STATO EBREZZA

Carpi AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI OMICIDIO STRADALE ASSORBE GUIDA STATO EBREZZA

Imola AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

Savona AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

AVVOCATO PENALISTA CASSAZIONE PENALE REATO DI BANCAROTTA FRAUDOLENTA  ESPERTO, REATI FALLIMENTARI,  REATI TRIBUTARI SOCIETARI, CORTI APPELLO TRIBUNALI – REATI AMBIENTALI

UNICO STUDIO A BOLOGNA

Call Now Buttonchiama subito cosa aspetti?