Successione legittima: cos’è? Come avviene? A chi spetta?

Successione legittima: cos’è? Come avviene? A chi spetta?

La successione indica il fenomeno per cui un soggetto subentra nell’intero universo dei rapporti giuridici (sia attivi che passivi) di un altro dopo la sua morte. In tal modo si evita che situazioni giuridiche restino senza un effettivo titolare. La successione, come indicato dall’art. 457 c.c., può avvenire in due modi:

  1. per legge quando il defunto nulla ha disposto;
  2. per testamento ove sia stato redatto l’atto contenente le disposizioni di ultima volontà.
  3. AVVOCATO ESPERTO TESTAMENTI E SUCCESSIONI DIVISIONI EREDITARIE BOLOGNA  MONZA MILANO COMO VICENZA TREVISO ARZIGNANO TIENE SEDE  UNICA BOLOGNA  051 6447838 PER UN APPUNTAMENTO

Cos’è la successione legittima?

La successione legittima rientra nel primo gruppo di ipotesi di successioni ovvero quelle che avvengono per legge in assenza di un atto dispositivo. Tale forma, infatti, è utilizzata quando il de cuius non ha provveduto, in tutto o in parte, a disporre delle proprie sostanze. Rientrano in questa particolare forma di successione anche quelle anomale ossia in deroga al disposto dell’art. 565 c.c. che prevede le categorie dei successibili (coniuge, discendenti legittimi e naturali, ascendenti legittimi, collaterali, altri parenti e lo Stato secondo l’ordine e le regole previste da legge).
La successione legittima rientra nel primo gruppo di ipotesi di successioni ovvero quelle che avvengono per legge in assenza di un atto dispositivo. Tale forma, infatti, è utilizzata quando il de cuius non ha provveduto, in tutto o in parte, a disporre delle proprie sostanze. Rientrano in questa particolare forma di successione anche quelle anomale ossia in deroga al disposto dell’art. 565 c.c. che prevede le categorie dei successibili (coniuge, discendenti legittimi e naturali, ascendenti legittimi, collaterali, altri parenti e lo Stato secondo l’ordine e le regole previste da legge).

La successione legittima rientra nel primo gruppo di ipotesi di successioni ovvero quelle che avvengono per legge in assenza di un atto dispositivo. Tale forma, infatti, è utilizzata quando il de cuius non ha provveduto, in tutto o in parte, a disporre delle proprie sostanze. Rientrano in questa particolare forma di successione anche quelle anomale ossia in deroga al disposto dell’art. 565 c.c. che prevede le categorie dei successibili (coniuge, discendenti legittimi e naturali, ascendenti legittimi, collaterali, altri parenti e lo Stato secondo l’ordine e le regole previste da legge).

Successione legittima e successione dei legittimari indicano il medesimo fenomeno?

Assolutamente no. Si tratta di due distinti istituti che operano in circostanze e al cospetto di presupposti diversi. La successione legittima, infatti, come già detto, devolve l’eredità a una particolare categoria di soggetti, indicata dalla legge, in assenza di un atto dispositivo di ultima volontà. Nella successione dei legittimari, invece, si identifica un ambito di eredi cui è attribuita una posizione privilegiata che funge da limite alla libertà di testare. Data questa peculiarità la dottrina più attenta e la giurisprudenza maggiormente avveduta molto si affannano a discutere circa l’esatta posizione dei legittimari senza giungere a un’unanimità di vedute. La divisione è tra coloro che creano in capo ai legittimari una posizione di eredi necessari fino dall’apertura della successione in relazione alla quota loro riservata e senza alcun bisogno di esperire l’azione di riduzione. Quest’ultima risulta indispensabile solo se la quota di eredità non è pari a quella della legittima. Una diversa impostazione afferma che i legittimari sono successori a titolo particolare perché possono ottenere solo ed esclusivamente ciò che gli spetta anche a titolo di donazione o di legato. una terza opzione si concentra maggiormente sul momento in cui i soggetti in esame diventerebbero eredi. L’acquisto di tale qualifica, secondo il filone esegetico in commento, non sarebbe automatico in quanto i legittimari assumerebbero la qualifica di eredi solo in caso di esito positivo dell’azione di riduzione esperita se pretermessi.

Come avviene la successione legittima?

La successione legittima avviene in diverse fase. Vi è, infatti, la fase di quiescenza dell’eredità, la vocazione e la delazione. La prima indica la chiamata ereditaria con individuazione del soggetto chiamato a succedere; la seconda riguarda il complesso di situazioni che vengono offerte al chiamato. Queste due fasi non sempre coincidono soprattutto in relazione alla successione testamentaria laddove, ad esempio, l’istituzione dell’erede può avvenire o sotto condizione sospensiva oppure a favore di un nascituro (soggetto non ancora nato, ma concepito).

Quale la prima fase della successione legittima?

Dal momento in cui si apre la successione l’eredità entra in una fase di quiescenza assumendo la natura di patrimonio destinato. Ad essa è attribuito anche un amministratore. In assenza di un curatore al chiamato l’art. 460 c.c. attribuisce diversi poteri di gestione della massa (possibilità di esercitare le azioni possessorie a tutela dei beni ereditari, compimento di atti conservativi, di vigilanza e di amministrazione temporanea, richiesta di autorizzazioni per vendere i beni non conservabili o conservabili in modo assai dispendioso). Molto discussa è la natura giuridica della disposizione di cui all’art. 460 c.c. e, in particolare, se si tratta di facoltà o di obbligo tenuto conto del verbo “potere” utilizzato dalla disposizione. Argomentando proprio dal tenore letterale della norma un’impostazione ricostruisce la norma come attributiva di un potere che si converte in obbligo di terminate la gestione una volta iniziata analogamente alla situazione descritta dall’art. 2028 c.c. (gestione di affari altrui). Altro e diverso filone pretorio sostiene che il chiamato è gravato da un vero e proprio obbligo di curare l’eredità assumendo la qualifica di amministratore ex lege.

  1. AVVOCATO ESPERTO TESTAMENTI E SUCCESSIONI DIVISIONI EREDITARIE BOLOGNA  MONZA MILANO COMO VICENZA TREVISO ARZIGNANO TIENE SEDE  UNICA BOLOGNA  051 6447838 PER UN APPUNTAMENTO

Quando l’eredità è nella fase di giacenza, prima dell’acquisto, è ammissibile una divisione in quote tra eredi?

Sull’ammissibilità della giacenza pro quota diverse sono le tesi che si sono sviluppate nel dibattito dottrinario e giurisprudenziale. Una prima impostazione ne afferma l’inammissibilità in quanto una colta ottenuto il possesso il chiamato ha a disposizione l’intero patrimonio. Altra e diversa tesi ritiene possibile la giacenza pro quota solo in caso di chiamata solidale in quanto, in tale occasione, opererebbe l’accrescimento. Una terza teoria ritiene pacificamente ammissibile la giacenza pro quota, perché il chiamato può trovarsi in conflitto di interessi con altri e curare solo la sua parte.

Quando cessa la giacenza dell’eredità?

La giacenza dell’eredità cessa con l’accettazione.

Cosa è l’accettazione?

L’accettazione è la seconda fase della successione. Con la sua apertura, infatti, non si verifica l’immediato acquisto dei beni ereditari in quanto l’eredità, a differenza del legato, ha bisogno dell’accettazione. Quest’ultima non costituisce atto personalissimo e, pertanto, può essere effettuata anche da un rappresentante con apposita procura integrando un atto di straordinaria amministrazione. L’accettazione può assumere varie forme. Essa, infatti, può avvenire per forma espressa oppure in maniera tacita per atti concludenti o, ancora, con beneficio d’inventario (si accettano soltanto le attività della massa senza le passività). In rarissime ipotesi l’acquisto dell’eredità avviene senza accettazione come, ad esempio, nel caso si scelga l’accettazione con beneficio di inventario e trascorre inutilmente il termine per redigerlo.

Accettata l’eredità è possibile anche esperire l’azione di petizione ereditaria attraverso cui l’erede può chiedere il riconoscimento della sua qualità contro chiunque possiede i beni ereditari per ottenere la restituzione degli stessi. Questa azione, dunque, può essere esperita avverso coloro che:

1- possiedono asserendo di essere eredi. Si tratta del cosiddetto possessor pro herede, nel qual caso non rileva la buona o la mala fede del possessore se non in ordine ai frutti;

2- si sono appropriati dei beni ereditari senza alcun titolo, cosiddetti possessor pro possessore, che necessariamente sono in mala fede.

L’azione di petizione ereditaria è imprescrittibile data la continuità della qualità di erede (semel hers semper heres) anche se sono fatti salvi gli effetti dell’usucapione.

È possibile rinunciare all’eredità?

Sì, certo. La rinuncia all’eredità è sempre possibile. Si tratta di atto unilaterale (manifesta la volontà di un solo soggetto) non recettizio (produce effetti indipendentemente dalla conoscenza dell’altra parte, quindi, al momento dell’emissione). L’erede è considerato come se non fosse mai stato chiamato. La rinuncia ha, dunque, effetto retroattivo anche se diviene definitiva quando la medesima massa ereditaria è accettata da altro e diverso soggetto oppure se si prescrive il diritto di accettare. È atto revocabile, come disposto dall’art. 525 c.c., fino al termine ultimo di accettazione se non sono intervenuti altri chiamati e senza pregiudizio dei diritti acquistati dai terzi sui beni ereditari. L’atto di rinuncia è anche impugnabile per errore, violenza e dolo.

Chi sono i successibili nelle successioni legittime?

L’art. 565 c.c. nomina tra i successibili il coniuge, i discendenti naturali e legittimi, gli ascendenti legittimi, i collaterali, gli altri parenti e lo Stato.

I nascituri possono succedere?

I nascituri possono succedere per legge se concepiti o per testamento se non ancora concepiti, ma figli di un soggetto vivente. Molto discussa sia in dottrina che in giurisprudenza è la possibilità di equiparare i nascituri agli adottati. Un’impostazione opta in senso negativo per violazione del disposto dell’art. 631 c.c. (disposizioni rimesse all’arbitrio di un terzo) secondo cui il testatore non può domandare a terzi la determinazione dell’erede.

Le persone giuridiche e gli enti non riconosciuti possono succedere?

Sì, anche le persone giuridiche e gli enti non riconosciuti possono succedere con obbligo di accettazione con beneficio di inventario. Tale previsione è stabilita nell’ottica di tutela del patrimonio delle persone giuridiche e degli enti obbligati a accettare escludendo i debiti, le passività dalla massa.

Tutti i soggetti chiamati all’eredità possono succedere?

Assolutamente no. Ci sono, infatti, dei casi individuati dall’art 463 c.c. in cui il soggetto chiamato all’eredità è considerato “indegno” alla successione, pertanto, non può trattenere l’eredità (secondo il brocardo potest capere sed non potest retinere). La previsione è la conseguenza di un comportamento ritenuto non consono alla qualità di erede. Si tratta di ipotesi molto gravi e indicate specificamente nel codice civile:

  1. omicidio volontario o tentato omicidio della persona della cui successione si tratta, o il coniuge, o un discendente, o un ascendente della medesima in assenza di cause di esclusione della punibilità;
  2. fatti a danno dei medesimi soggetti per cui si applicano le norme sull’omicidio;
  3. calunnia o falsa testimonianza in giudizio penale avverso le persone indicate;
  4. decadenza dalla potestà genitoriale senza reintegrazione;
  5. induzione con dolo o violenza del de cuius a fare, revocare, mutare il testamento o impedimento alle medesime condotte;
  6. soppressione, alterazione, soppressione del testamento;
  7. formazione e uso di testamento falso.

L’indegno non può mai succedere?

No, l’indegno può anche essere riabilitato. La riabilitazione può essere totale o parziale. Nel primo caso configura una disposizione di carattere non patrimoniale fondata sul perdono; il secondo si configura quando il testatore chiama l’indegno a succedere conoscendo la causa di indegnità.

Cosa accade se l’istituito non vuole o non può accettare l’eredità?

Se l’istituito non vuole o non può accettare l’eredità opera la rappresentazione a favore dei soggetti indicati dalla norma. Dottrina e giurisprudenza dominanti rinvengono in tale ipotesi un caso di delazione diretta in quanto il rappresentante succede in modo diretto al de cuius. L’oggetto, in questa eventualità, è determinato per relationem e in base alla posizione del rappresentato in cui subentra il rappresentante.

Cosa accade se viene meno la titolarità della quota di uno dei partecipanti all’acquisto ereditario?

Se viene meno la quota di uno dei partecipanti si espande quella degli altri in base al fenomeno dell’accrescimento. In questa ipotesi l’acquisto opera di diritto in modo retroattivo ed è irrinunciabile. L’accrescimento, invece, non esplica i suoi effetti in presenza di una volontà contraria del testatore che ha previsto una sostituzione ordinaria ai sensi e per gli effetti degli articoli 688 e ss. c.c. L’accrescimento non produce effetti neanche in caso di rappresentazione prevalendo di su esso. Discussa la possibilità di un accrescimento volontario in quanto la tematica si innesta nel macro ambito dell’autonomia testamentaria e, in ogni caso, non riguarda la successione legittima che è effettuata dalla legge e in assenza dell’atto dispositivo. Per mera completezza si riportano le due tesi in merito alla problematica accennata. Secondo una prima impostazione il de cuius può solo impedire l’accrescimento, ma non derogare ai presupposti previsti per lo stesso. Tale tesi riscostruisce il fenomeno come un’ipotesi di sostituzione reciproca. Altri studiosi individuano nell’accrescimento un momento volontaristico con possibilità per il testatore di rendere operante l’istituto anche al di fuori dei casi previsti dalla legge.

Sono possibili le sostituzioni nella successione legittima?

No in quanto l’istituto è disciplinano proprio per evitare l’apertura della successione legittima nei casi in cui il chiamato all’eredità tramite testamento non vuole o non può accettarla. Con le sostituzioni, infatti, il testatore prevede il subingresso di diversa persona nel caso in cui il primo istituito non acquista l’eredità cui è chiamato. Presupposto per l’operatività è, dunque, il mancato acquisto dell’eredità per impossibilità di accettazione o per assenza di volontà in tal senso. Non è espressamente disciplinata dal legislatore la sostituzione parziale che non comprende l’intera quota, ma solo parte di essa. In ogni caso risulta applicabile il disposto dell’art. 451, 2 ° comma c.c. in tema di forza probatoria degli atti. Rientra tra le ipotesi particolari di sostituzione quella fedecommissaria (attraverso una disposizione testamentaria si istituisce erede o legatario un soggetto gravato dall’obbligo di conservare i beni ricevuti che, dopo la sua morte, andranno a altra persona) che si distingue da quella compendiosa nulla perché disposta al di fuori dei casi di cui all’art. 692 c.c., ma passibile di conversione in sostituzione ordinaria valida. È ammesso anche il fedecommesso de residuo quando l’istituito deve restituire ciò che resta senza alcun obbligo di conservazione.

  1. AVVOCATO ESPERTO TESTAMENTI E SUCCESSIONI DIVISIONI EREDITARIE BOLOGNA  MONZA MILANO COMO VICENZA TREVISO ARZIGNANO TIENE SEDE  UNICA BOLOGNA  051 6447838 PER UN APPUNTAMENTO
  2. Agazzano
    Albareto
    Albinea
    Alfonsine
    Alseno
    Alta Val Tidone
    Alto Reno Terme
    Anzola dell’Emilia
    Argelato
    Argenta
    Bagnacavallo
    Bagnara di Romagna
    Bagno di Romagna
    Bagnolo in Piano
    Baiso
    Bardi
    Baricella
    Bastiglia
    Bedonia
    Bellaria-Igea Marina
    Bentivoglio
    Berceto
    Bertinoro
    Besenzone
    Bettola
    Bibbiano
    Bobbio
    Bologna
    Bomporto
    Bondeno
    Bore
    Boretto
    Borghi
    Borgo Tossignano
    Borgo Val di Taro
    Borgonovo Val Tidone
    Brescello
    Brisighella
    Budrio
    Busseto
    Cadelbosco di Sopra
    Cadeo
    Calderara di Reno
    Calendasco
    Calestano
    Campagnola Emilia
    Campegine
    Campogalliano
    Camposanto
    Camugnano
    Canossa
    Caorso
    Carpaneto Piacentino
    Carpi
    Carpineti
    Casalecchio di Reno
    Casalfiumanese
    Casalgrande
    Casina
    Casola Valsenio
    Castel Bolognese
    Castel d’Aiano
    Castel del Rio
    Castel di Casio
    Castel Guelfo di Bologna
    Castel Maggiore
    Castel San Giovanni
    Castel San Pietro Terme
    Casteldelci
    Castelfranco Emilia
    Castellarano
    Castell’Arquato
    Castello d’Argile
    Castelnovo di Sotto
    Castelnovo ne’ Monti
    Castelnuovo Rangone
    Castelvetro di Modena
    Castelvetro Piacentino
    Castenaso
    Castiglione dei Pepoli
    Castrocaro Terme e Terra del Sole
    Cattolica
    Cavezzo
    Cavriago
    Cento
    Cerignale
    Cervia
    Cesena
    Cesenatico
    Civitella di Romagna
    Codigoro
    Coli
    Collecchio
    Colorno
    Comacchio
    Compiano
    Concordia sulla Secchia
    Conselice
    Copparo
    Coriano
    Corniglio
    Correggio
    Corte Brugnatella
    Cortemaggiore
    Cotignola
    Crevalcore
    Dovadola
    Dozza
    Fabbrico
    Faenza
    Fanano
    Farini
    Felino
    Ferrara
    Ferriere
    Fidenza
    Finale Emilia
    Fiorano Modenese
    Fiorenzuola d’Arda
    Fiscaglia
    Fiumalbo
    Fontanelice
    Fontanellato
    Fontevivo
    Forlì
    Forlimpopoli
    Formigine
    Fornovo di Taro
    Frassinoro
    Fusignano
    Gaggio Montano
    Galeata
    Galliera
    Gambettola
    Gattatico
    Gatteo
    Gazzola
    Gemmano
    Goro
    Gossolengo
    Gragnano Trebbiense
    Granarolo dell’Emilia
    Grizzana Morandi
    Gropparello
    Gualtieri
    Guastalla
    Guiglia
    Imola
    Jolanda di Savoia
    Lagosanto
    Lama Mocogno
    Langhirano
    Lesignano de’ Bagni
    Lizzano in Belvedere
    Loiano
    Longiano
    Lugagnano Val d’Arda
    Lugo
    Luzzara
    Maiolo
    Malalbergo
    Maranello
    Marano sul Panaro
    Marzabotto
    Masi Torello
    Massa Lombarda
    Medesano
    Medicina
    Medolla
    Meldola
    Mercato Saraceno
    Mesola
    Minerbio
    Mirandola
    Misano Adriatico
    Modena
    Modigliana
    Molinella
    Monchio delle Corti
    Mondaino
    Monghidoro
    Monte San Pietro
    Montecchio Emilia
    Montechiarugolo
    Montecreto
    Montefiore Conca
    Montefiorino
    Montegridolfo
    Monterenzio
    Montescudo-Monte Colombo
    Montese
    Montiano
    Monticelli d’Ongina
    Monzuno
    Morciano di Romagna
    Mordano
    Morfasso
    Neviano degli Arduini
    Noceto
    Nonantola
    Novafeltria
    Novellara
    Novi di Modena
    Ostellato
    Ottone
    Ozzano dell’Emilia
    Palagano
    Palanzano
    Parma
    Pavullo nel Frignano
    Pellegrino Parmense
    Pennabilli
    Piacenza
    Pianello Val Tidone
    Pianoro
    Pieve di Cento
    Pievepelago
    Piozzano
    Podenzano
    Poggio Renatico
    Poggio Torriana
    Polesine Zibello
    Polinago
    Ponte dell’Olio
    Pontenure
    Portico e San Benedetto
    Portomaggiore
    Poviglio
    Predappio
    Premilcuore
    Prignano sulla Secchia
    Quattro Castella
    Ravarino
    Ravenna
    Reggio nell’Emilia
    Reggiolo
    Riccione
    Rimini
    Rio Saliceto
    Riolo Terme
    Riolunato
    Riva del Po
    Rivergaro
    Rocca San Casciano
    Roccabianca
    Rolo
    Roncofreddo
    Rottofreno
    Rubiera
    Russi
    Sala Baganza
    Sala Bolognese
    Salsomaggiore Terme
    Saludecio
    San Benedetto Val di Sambro
    San Cesario sul Panaro
    San Clemente
    San Felice sul Panaro
    San Giorgio di Piano
    San Giorgio Piacentino
    San Giovanni in Marignano
    San Giovanni in Persiceto
    San Lazzaro di Savena
    San Leo
    San Martino in Rio
    San Mauro Pascoli
    San Pietro in Casale
    San Pietro in Cerro
    San Polo d’Enza
    San Possidonio
    San Prospero
    San Secondo Parmense
    Santa Sofia
    Sant’Agata Bolognese
    Sant’Agata Feltria
    Sant’Agata sul Santerno
    Santarcangelo di Romagna
    Sant’Ilario d’Enza
    Sarmato
    Sarsina
    Sasso Marconi
    Sassuolo
    Savignano sul Panaro
    Savignano sul Rubicone
    Scandiano
    Serramazzoni
    Sestola
    Sissa Trecasali
    Sogliano al Rubicone
    Solarolo
    Soliera
    Solignano
    Soragna
    Sorbolo Mezzani
    Spilamberto
    Talamello
    Terenzo
    Terre del Reno
    Tizzano Val Parma
    Toano
    Tornolo
    Torrile
    Traversetolo
    Travo
    Tredozio
    Tresignana
    Valmozzola
    Valsamoggia
    Varano de’ Melegari
    Varsi
    Ventasso
    Vergato
    Verghereto
    Vernasca
    Verucchio
    Vetto
    Vezzano sul Crostolo
    Viano
    Vigarano Mainarda
    Vignola
    Vigolzone
    Villa Minozzo
    Villanova sull’Arda
    Voghiera
    Zerba
    Ziano Piacentino
    Zocca
    Zola Predosa

Lascia un commento