MALASANITA’ DaNNo RIsaRCImento OPERAZIONI DI ROUTINE PROVA SUPERAMENTO Attenzione

  • OPERAZIONE DI ROUTINE COME SI PROVA IL DANNO?
  • CHI DEVE  DARE LA PROVA DEL DANNO?
  • SI PERCHE’ NONBASTA CHIEDERE OCCORRE PROVARE 

in caso di prestazione professionale medico-chirurgica di “routine”, spetta al professionista superare la presunzione che le “complicanze” siano state determinate da omessa o insufficiente diligenza professionale o da imperizia, dimostrando che siano state, invece, prodotte da un evento imprevisto ed imprevedibile secondo la diligenza qualificata in base alle conoscenze tecnico-scientifiche del momento.

QUANDO IL GIUDICE PUO’ ESCLUDERE TALE IPOTESI?

Ne consegue che il giudice, al fine di escludere la responsabilità del medico nella suddetta ipotesi, non può limitarsi a rilevare l’accertata insorgenza di “complicanze intraoperatorie”, ma deve, altresì, verificare la loro eventuale imprevedibilità ed inevitabilità, nonchè l’insussistenza del nesso causale tra la tecnica operatoria prescelta e l’insorgenza delle predette complicanze, unitamente all’adeguatezza delle tecniche scelte dal chirurgo per porvi rimedio (cfr. Corte cass. Sez. 3, Sentenza n. 20806 del 29/09/2009; id. Sez. 6 – 3, Ordinanza n. 17694 del 29/07/2010; id. Sez. 3, Sentenza n. 13328 del 30/06/2015; id. Sez. 3, Sentenza n. 12516 del 17/06/2016). 

Pertanto l’affermazione contenuta in sentenza, riproduttiva dell’elaborato peritale depositato dall’ausiliario, secondo cui la lesione costituisce un evento insopprimibile (quand’anche prevedibile, comunque inevitabile), risulta totalmente carente di supporto esplicativo, tanto più considerando che la nozione di una “conseguenza inevitabile” determinata della corretta esecuzione della manovra operatoria non si concilia con la rilevazione statistica dell’evento lesivo soltanto “nell’1%(percento)” dei casi (pertanto alla esecuzione dell’intervento con metodo laparoscopico consegue “normalmente” un risultato favorevole, sicchè, in assenza di specifici fattori che determinino in modo autonomo l’anomalia del risultato, quest’ultima non può che essere ricondotta alla errata manovra del medico chirurgo).

La apparenza dell’argomentazione non viene colmata neppure dalla successiva osservazione del CTU, secondo cui diverse volte la causa della lesione rimane inspiegabile, ed in più di metà dei casi la lesione si verifica “durante le manovre per riconoscere ed isolare il cistico e per staccare la colecisti dalla via biliare”, nè assolve al requisito minimo motivazionale richiesto dall’art. 111 Cost., comma 6, la illustrazione di ipotetiche possibilità di lesione in circostanze particolari (estrema sottigliezza del dotto cistico) indicate esemplificativamente e che, quindi, non appaiono riferibili al caso concreto. 

NOTA BENE massima Attenzione

Occorre premettere che deve ritenersi definitivamente acquisito nella giurisprudenza di legittimità (cfr. Corte cass. Sez. 3, Sentenza n. 18513 del 03/09/2007; id. Sez. 3, Sentenza n. 7237 del 30/03/2011; id. Sez. 3, Sentenza n. 20984 del 27/11/2012; id. Sez. 3, Sentenza n. 25764 del 15/11/2013; id. Sez. 3, Sentenza n. 14642 del 14/07/2015)

Afferma

 la manifestazione del consenso informato alla prestazione sanitaria, costituisce esercizio di un autonomo diritto soggettivo all’autodeterminazione, riferito alla persona fisica (la quale in piena libertà e consapevolezza sceglie di sottoporsi a terapia farmacologica o ad esami clinici e strumentali, o ad interventi o trattamenti anche invasivi, laddove comportino costrizioni o lesioni fisiche ovvero alterazioni di natura psichica, in funzione della cura e della eliminazione di uno stato patologico preesistente o per prevenire una prevedibile patologia od un aggravamento della patologia futuri), che – se pure connesso – deve essere tuttavia tenuto nettamente distinto – sul piano del contenuto sostanziale – dal diritto alla salute, ossia dal diritto del soggetto alla propria integrità psico-fisica (cfr. Corte costituzionale, sentenza 23.12.2008 n. 438 “….il consenso informato, inteso quale espressione della consapevole adesione al trattamento sanitario proposto dal medico, si configura quale vero e proprio diritto della persona e trova fondamento nei principi espressi nell’art. 2 Cost., che ne tutela e promuove i diritti fondamentali, e negli artt. 13 e 32 Cost., i quali stabiliscono, rispettivamente, che “la libertà personale è inviolabile”, e che “nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge”.

Ed ancora

 La circostanza che il consenso informato trova il suo fondamento negli artt. 2, 13 e 32 Cost. pone in risalto la sua funzione di sintesi di due diritti fondamentali della persona: quello all’autodeterminazione e quello alla salute, in quanto, se è vero che ogni individuo ha il diritto di essere curato, egli ha, altresì, il diritto di ricevere le opportune informazioni in ordine alla natura e ai possibili sviluppi del percorso terapeutico cui può essere sottoposto, nonchè delle eventuali terapie alternative; informazioni che devono essere le più esaurienti possibili, proprio al fine di garantire la libera e consapevole scelta da parte del paziente e, quindi, la sua stessa libertà personale, conformemente all’art. 32, secondo comma, della Costituzione….”). Al diritto indicato corrisponde l’obbligo del medico (di fonte contrattuale o derivante dalla analoga obbligazione ex lege che comporta il cd. “contatto sociale”: cfr. Corte cass. Sez. 3, Sentenza n. 2847 del 09/02/2010) di fornire informazioni dettagliate, in quanto strettamente strumentale a rendere consapevole il paziente della natura dell’intervento medico e/o chirurgico, della sua portata ed estensione, dei suoi rischi, dei risultati conseguibili e delle possibili conseguenze negative (cfr. Corte cass. Sez. 3, Sentenza n. 20984 del 27/11/2012; id. Sez. 3, Sentenza n. 27751 del 11/12/2013). Con la conseguenza che, in applicazione della regola del riparto dell’onere della prova, viene a gravare sul medico, in caso di contestazione del paziente, la dimostrazione di aver fornito tutte le indicazioni necessarie a compiere la scelta consapevole, e dunque di aver correttamente adempiuto all’obbligo informativo preventivo (cfr. Corte cass. Sez. 3, Sentenza n. 20984 del 27/11/2012; id. Sez. 3, Sentenza n. 19220 del 20/08/2013), mentre, nel caso in cui tale prova non venga fornita e dunque sussista inadempimento colpevole (il cui accertamento è del tutto indipendente dalla corretta esecuzione della terapia somministrata o dell’intervento chirurgico o dall’eventuale danno alla salute ad essi conseguito), occorrerà distinguere ai fini della valutazione della fondatezza della domanda risarcitoria proposta dal paziente, l’ipotesi in cui alla omessa informazione (od al consenso non idoneamente acquisito dal paziente: Corte cass. Sez. 3, Sentenza n. 24791 del 08/10/2008) sia conseguito un danno alla salute che costituisca esito non attendibile dalla prestazione tecnica se correttamente eseguita – e quindi imputabile a colpa professionale -, nel qual caso la mancanza del consenso informato si inserirà nella serie causale produttiva del danno non patrimoniale, dalla ipotesi in cui, invece, il peggioramento della salute corrisponda ad un rischio attendibile e cioè ad un esito infausto prevedibile “ex ante” nonostante la esatta esecuzione della prestazione tecnica-sanitaria che si rendeva comunque necessaria, nel qual caso, ai fini dell’accertamento del danno, graverà sul paziente l’onere della prova, anche tramite presunzioni, che il danno alla salute è dipeso causalmente dal fatto che, ove compiutamente informato, egli avrebbe verosimilmente rifiutato l’intervento, non potendo altrimenti ricondursi all’inadempimento dell’obbligo di informazione alcuna rilevanza causale sul danno alla salute (cfr. Corte cass. Sez. 3, Sentenza n. 2847 del 09/02/2010; id. Sez. 3, Sentenza n. 20984 del 27/11/2012, secondo cui “il rispetto dell’autodeterminazione del paziente – che è ciò che si vuole tutelare, con il conseguente risarcimento del danno per mancato consenso – deve essere valutato in concreto, tenendo presenti le reali possibilità di scelta che si ponevano di fronte al paziente, nel caso in cui fosse stato adeguatamente informato”). 

Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

Emilia Romagna

Bologna | Ferrara | Forlì-Cesena | Modena | Parma |Piacenza | Ravenna | Reggio Emilia | Rimini

Chieti | L’Aquila | Pescara | Teramo

 

INCIDENTI GRAVI E MORTALI RISARCIMENTO DANNI AVVOCATO ESPERTO Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica,

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

Friuli-Venezia Giulia

Gorizia | Pordenone | Trieste | Udine

INCIDENTI GRAVI E MORTALI RISARCIMENTO DANNI AVVOCATO ESPERTO Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica,

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

Lazio – Latium

Frosinone | Latina | Rieti | Roma – Rome | Viterbo

INCIDENTI GRAVI E MORTALI RISARCIMENTO DANNI AVVOCATO ESPERTO Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica,

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

Liguria

Genova – Genoa | Imperia | La Spezia | Savona Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica,

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica,

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

 

INCIDENTI GRAVI E MORTALI RISARCIMENTO DANNI AVVOCATO ESPERTO

Lombardia – Lombardy

Bergamo | Brescia | Como | Cremona | Lecco | Lodi |Mantova – Mantua | Milano – Milan | Monza-Brianza | Pavia |Sondrio | Varese

INCIDENTI GRAVI E MORTALI RISARCIMENTO DANNI AVVOCATO ESPERTO Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica,

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

Marche

Ancona | Ascoli Piceno | Fermo | Macerata | Pesaro-Urbino

INCIDENTI GRAVI E MORTALI RISARCIMENTO DANNI AVVOCATO ESPERTO Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica,

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

Molise

Campobasso | Isernia

INCIDENTI GRAVI E MORTALI RISARCIMENTO DANNI AVVOCATO ESPERTO Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica,

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

Piemonte – Piedmont

Alessandria | Asti | Biella | Cuneo | Novara | Turin |Verbano-Cusio-Ossola | Vercelli

INCIDENTI GRAVI E MORTALI RISARCIMENTO DANNI AVVOCATO ESPERTO Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica,

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

Puglia – Apulia

Bari | Barletta-Andria-Trani | Brindisi | Foggia | Lecce |Taranto

INCIDENTI GRAVI E MORTALI RISARCIMENTO DANNI AVVOCATO ESPERTO Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica,

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

Sardegna – Sardinia

Cagliari | Carbonia Iglesias | Medio Campidano | Nuoro |Ogliastra | Olbia Tempio | Oristano | Sassari

INCIDENTI GRAVI E MORTALI RISARCIMENTO DANNI AVVOCATO ESPERTO Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica, Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica,

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

 

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

Sicilia – Sicily

Agrigento | Caltanissetta | Catania | Enna | Messina |Palermo | Ragusa | Siracusa | Trapani

INCIDENTI GRAVI E MORTALI RISARCIMENTO DANNI AVVOCATO ESPERTO Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica,

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

Toscana – Tuscany

Arezzo | Firenze – Florence | Grosseto | Leghorn – Livorno |Lucca | Massa-Carrara | Pisa | Pistoia | Prato | Siena

INCIDENTI GRAVI E MORTALI RISARCIMENTO DANNI AVVOCATO ESPERTO Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica,

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

Trentino – Alto Adige

Bolzano | Trento

INCIDENTI GRAVI E MORTALI RISARCIMENTO DANNI AVVOCATO ESPERTO Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica,

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

Umbria

Perugia | Terni

INCIDENTI GRAVI E MORTALI RISARCIMENTO DANNI AVVOCATO ESPERTO Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica,

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

Valle d’Aosta – Aosta Valley

Aosta Valley

INCIDENTI GRAVI E MORTALI RISARCIMENTO DANNI AVVOCATO ESPERTO Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica,

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

Veneto

Belluno Padova – Padua | Rovigo | Treviso | Venezia – Venice | Verona | Vicenza

INCIDENTI GRAVI E MORTALI RISARCIMENTO DANNI AVVOCATO ESPERTO Malasanita’ diritti del malato responsabilita’ medica, responsabilita’ sanitaria, intervento chirurgico sbagliato, negligenza medica,

 


Chirurgia

Errori in fase di anestesia, interventi inutili, infezioni da stomie e cateteri, lesioni ed emorragie, errori terapeutici.

Errori in chirurgia

Cardiologia

Eventi ischemici, errata esecuzione dell’intervento, scelte non opportune, gestione errata delle urgenze.

Errori in cardiologia

Neurochirurgia

Lesioni al midollo spinale o alle terminazioni nervose con conseguente paralisi degli arti, emorragie cerebrali.

Errori in neurochirurgia

Ostetricia

Taglio cesareo tardivo, sofferenza fetale, mancanza di esami e monitoraggi, errata somministrazione di farmaci.

Errori in ostetricia

Pronto soccorso

Lunghe ore di attesa, errori in fase di triage, dimissioni anziché ricovero, infarto o ictus non riconosciuti.

Errori in pronto soccorso

Ortopedia

Impianti di protesi non idonee, infezioni, interventi chirurgici non necessari, carenze nel consenso informato.

Errori in ortopedia

Lascia un commento