Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

Testamento eredi Bologna consulenza legale-RISOLVI LA TUA EREDITA’ BOLOGNA

Testamento a Bologna,cause ereditarie a Bologna!consulenze agli eredi Bologna

Testamento eredi Bologna consulenza legale-RISOLVI LA TUA EREDITA’ BOLOGNA Lesione di legittima Lesione della qualità di erede Azione di collazione Azione di petizione ereditaria Domanda giudiziale di commutazione Azione di riduzione Assistenza alla redazione del testamento Nullità ed annullamento del testamento Nullità di legato di cose altrui Divisione Assistenza alla redazione di scrittura privata di divisioni Istanza di divisione giudiziale Assistenza alla redazione di divisione amichevole con collazione Nullità della divisione fatta nel testamento Annullamento della divisione per violenza e dolo Azione di recissione di divisione ereditaria Donazione Nullità ed annullamento di donazione Ricorso per autorizzazione ad accettare donazione in favore di un minore o di un nascituro Azione per l’inadempimento della donazione Risoluzione di donazione modale Revocazione della donazione per ingratitudine e sopravvenienza di figli

Lesione di legittima Lesione della qualità di erede Azione di collazione Azione di petizione ereditaria Domanda giudiziale di commutazione Azione di riduzione Assistenza alla redazione del testamento Nullità ed annullamento del testamento Nullità di legato di cose altrui Divisione Assistenza alla redazione di scrittura privata di divisioni Istanza di divisione giudiziale Assistenza alla redazione di divisione amichevole con collazione Nullità della divisione fatta nel testamento Annullamento della divisione per violenza e dolo Azione di recissione di divisione ereditaria Donazione Nullità ed annullamento di donazione Ricorso per autorizzazione ad accettare donazione in favore di un minore o di un nascituro Azione per l’inadempimento della donazione Risoluzione di donazione modale Revocazione della donazione per ingratitudine e sopravvenienza di figli

Lesione di legittima Lesione della qualità di erede Azione di collazione Azione di petizione ereditaria Domanda giudiziale di commutazione Azione di riduzione Assistenza alla redazione del testamento Nullità ed annullamento del testamento Nullità di legato di cose altrui Divisione Assistenza alla redazione di scrittura privata di divisioni Istanza di divisione giudiziale Assistenza alla redazione di divisione amichevole con collazione Nullità della divisione fatta nel testamento Annullamento della divisione per violenza e dolo Azione di recissione di divisione ereditaria Donazione Nullità ed annullamento di donazione Ricorso per autorizzazione ad accettare donazione in favore di un minore o di un nascituro Azione per l’inadempimento della donazione Risoluzione di donazione modale Revocazione della donazione per ingratitudine e sopravvenienza di figli

Lesione di legittima Lesione della qualità di erede Azione di collazione Azione di petizione ereditaria Domanda giudiziale di commutazione Azione di riduzione Assistenza alla redazione del testamento Nullità ed annullamento del testamento Nullità di legato di cose altrui Divisione Assistenza alla redazione di scrittura privata di divisioni Istanza di divisione giudiziale Assistenza alla redazione di divisione amichevole con collazione Nullità della divisione fatta nel testamento Annullamento della divisione per violenza e dolo Azione di recissione di divisione ereditaria Donazione Nullità ed annullamento di donazione Ricorso per autorizzazione ad accettare donazione in favore di un minore o di un nascituro Azione per l’inadempimento della donazione Risoluzione di donazione modale Revocazione della donazione per ingratitudine e sopravvenienza di figli testamento eredità

Lesione di legittima Lesione della qualità di erede Azione di collazione Azione di petizione ereditaria Domanda giudiziale di commutazione Azione di riduzione Assistenza alla redazione del testamento Nullità ed annullamento del testamento Nullità di legato di cose altrui Divisione Assistenza alla redazione di scrittura privata di divisioni Istanza di divisione giudiziale Assistenza alla redazione di divisione amichevole con collazione Nullità della divisione fatta nel testamento Annullamento della divisione per violenza e dolo Azione di recissione di divisione ereditaria Donazione Nullità ed annullamento di donazione Ricorso per autorizzazione ad accettare donazione in favore di un minore o di un nascituro Azione per l’inadempimento della donazione Risoluzione di donazione modale Revocazione della donazione per ingratitudine e sopravvenienza di figli successioni Bologna

Lesione di legittima Lesione della qualità di erede Azione di collazione Azione di petizione ereditaria Domanda giudiziale di commutazione Azione di riduzione Assistenza alla redazione del testamento Nullità ed annullamento del testamento Nullità di legato di cose altrui Divisione Assistenza alla redazione di scrittura privata di divisioni Istanza di divisione giudiziale Assistenza alla redazione di divisione amichevole con collazione Nullità della divisione fatta nel testamento Annullamento della divisione per violenza e dolo Azione di recissione di divisione ereditaria Donazione Nullità ed annullamento di donazione Ricorso per autorizzazione ad accettare donazione in favore di un minore o di un nascituro Azione per l’inadempimento della donazione Risoluzione di donazione modale Revocazione della donazione per ingratitudine e sopravvenienza di figli

CHIAMA chiedi una consulenza

 

COSA E’ LA DIVISIONE EREDITARIA?

costituisce lo strumento di scioglimento della comunione ereditaria.

Comunione ereditaria

è una comunione per quote: in merito alla possibilità dello scioglimento della comunione, le regole sono le medesime della comunione ordinaria e ogni coerede può chiedere, quindi, lo scioglimento e la divisione. Tra l’altro la comunione ereditaria non è voluta dalle parti (coeredi) ma o dal testatore o dalla legge.

E’ soggetta, però, a specifiche disposizioni normative: articoli dl codice civile da 713 a 768.

1) comunione ereditaria amministrazione

2) comunione ereditaria codice civile

3) comunione ereditaria ditta individuale

4) comunione ereditaria azienda

5) comunione ereditaria wikipedia

6) comunione ereditaria scioglimento

7) scioglimento della comunione ereditaria

8) divisione ereditaria

 

AVVOCATO DIVISIONE EREDITARIA BOLOGNA AVVOCATO SERGIO ARMAROLI

Alla divisione ereditaria il codice civile dedica l’intero titolo IV del libro secondo (articoli 713 e seguenti), che contiene la disciplina delle successioni per causa di morte.

 

-divisione ereditaria quote

1) divisione ereditaria giudiziale

2) scrittura privata divisione ereditaria

3) divisione ereditaria imposte

4) divisione ereditaria citazione

5) divisione ereditaria consensuale

6) quote ereditarie

7) successione ereditaria

 

Titolo IV
Della divisione

Capo I
Disposizioni generali

Art. 713.
Facoltà di domandare la divisione.

I coeredi possono sempre domandare la divisione.

Quando però tutti gli eredi istituiti o alcuni di essi sono minori di età, il testatore può disporre che la divisione non abbia luogo prima che sia trascorso un anno dalla maggiore età dell’ultimo nato.

Egli può anche disporre che la divisione dell’eredità o di alcuni beni di essa non abbia luogo prima che sia trascorso dalla sua morte un termine non eccedente il quinquennio.

Tuttavia in ambedue i casi l’autorità giudiziaria, qualora gravi circostanze lo richiedano, può, su istanza di uno o più coeredi, consentire che la divisione si effettui senza indugio o dopo un termine minore di quello stabilito dal testatore.

Art. 714.
Godimento separato di parte dei beni.

Può domandarsi la divisione anche quando uno o più coeredi hanno goduto separatamente parte dei beni ereditari, salvo che si sia verificata l’usucapione per effetto di possesso esclusivo.

Art. 715.
Casi d’impedimento alla divisione.

Se tra i chiamati alla successione vi è un concepito, la divisione non può aver luogo prima della nascita del medesimo. Parimenti la divisione non può aver luogo durante la pendenza di un giudizio sulla filiazione di colui che, in caso di esito favorevole del giudizio, sarebbe chiamato a succedere, né può aver luogo durante lo svolgimento della procedura amministrativa per l’ammissione del riconoscimento previsto dal quarto comma dell’art. 252 o per il riconoscimento dell’ente istituito erede. 

L’autorità giudiziaria può tuttavia autorizzare la divisione, fissando le opportune cautele.

La disposizione del comma precedente si applica anche se tra i chiamati alla successione vi sono nascituri non concepiti.

Se i nascituri non concepiti sono istituiti senza determinazione di quote, l’autorità giudiziaria può attribuire agli altri coeredi tutti i beni ereditari o parte di essi, secondo le circostanze, disponendo le opportune cautele nell’interesse dei nascituri.

(1) Comma sostituito dalla Legge 19 maggio 1975, n. 151 e, successivamente, così modificato dall’art. 86, comma 1, a decorrere dal 7 febbraio 2014.

Art. 716. (1)
[Divisione di beni costituiti in patrimonio familiare.

Nella divisione dei beni ereditari non si possono comprendere i beni costituenti il patrimonio familiare prima che tutti i figli abbiano raggiunta la maggiore età, salvo il caso previsto dal secondo comma dell’articolo 175.]

(1) Articolo abrogato dalla Legge 19 maggio 1975, n. 151.

Art. 717.
Sospensione della divisione per ordine del giudice.

L’autorità giudiziaria, su istanza di uno dei coeredi, può sospendere, per un periodo di tempo non eccedente i cinque anni, la divisione dell’eredità o di alcuni beni, qualora l’immediata sua esecuzione possa recare notevole pregiudizio al patrimonio ereditario.

Art. 718.
Diritto ai beni in natura.

Ciascun coerede può chiedere la sua parte in natura dei beni mobili e immobili dell’eredità, salve le disposizioni degli articoli seguenti.

Testamento eredi Bologna consulenza legale-RISOLVI LA TUA EREDITA' BOLOGNA

Testamento eredi Bologna consulenza legale-RISOLVI LA TUA EREDITA’ BOLOGNA

Testamento eredi Bologna consulenza legale-RISOLVI LA TUA EREDITA' BOLOGNA SCROITTA

Testamento eredi Bologna consulenza legale-RISOLVI LA TUA EREDITA’ BOLOGNA

Art. 719.
Vendita dei beni per il pagamento dei debiti ereditari.

Se i coeredi aventi diritto a più della metà dell’asse concordano nella necessità della vendita per il pagamento dei debiti e pesi ereditari, si procede alla vendita all’incanto dei beni mobili e, se occorre, di quei beni immobili la cui alienazione rechi minor pregiudizio agli interessi dei condividenti.

Quando concorre il consenso di tutte le parti, la vendita può seguire tra i soli condividenti e senza pubblicità, salvo che vi sia opposizione dei legatari o dei creditori.

Art. 720.
Immobili non divisibili.

Se nell’eredità vi sono immobili non comodamente divisibili, o il cui frazionamento recherebbe pregiudizio alle ragioni della pubblica economia o dell’igiene, e la divisione dell’intera sostanza non può effettuarsi senza il loro frazionamento, essi devono preferibilmente essere compresi per intero, con addebito dell’eccedenza, nella porzione di uno dei coeredi aventi diritto alla quota maggiore, o anche nelle porzioni di più coeredi, se questi ne richiedono congiuntamente l’attribuzione. Se nessuno dei coeredi è a ciò disposto, si fa luogo alla vendita all’incanto.

Attraverso il procedimento di divisione ereditaria si passa dalla cointestazione pro quota per ognuno dei partecipanti alla comunione ereditaria, all’intestazione esclusiva di singoli diritti in capo a ciascun erede, proporzionalmente al valore della quota a lui spettante nello stato di indivisione. 

Tale regola trova deroga, ai sensi dell’art. 720 c.c., nel caso di “indivisibilità” dell’immobile ovvero di “non comoda divisibilità” dello stesso.

1) scioglimento comunione ereditaria 

2) scioglimento comunione ereditaria citazione

3) scioglimento comunione immobile

4) scioglimento comunione ereditaria giudiziale

5) scioglimento comunione ereditaria mediazione 

6) scioglimento comunione ereditaria parziale

7) divisione comunione ereditaria

8) scioglimento comunione ereditaria procedura

 

ASSISTENZA LEGALE, CHIAMA IL 051/6447838

 

http://www.avvocatoabologna.it/wp-admin/post.php?post=662&action=edit di legittima Lesione della qualità di erede Azione di collazione Azione di petizione ereditaria Domanda giudiziale di commutazione Azione di riduzione Assistenza alla redazione del testamento Nullità ed annullamento del testamento Nullità di legato di cose altrui Divisione Assistenza alla redazione di scrittura privata di divisioni Istanza di divisione giudiziale Assistenza alla redazione di divisione amichevole con collazione Nullità della divisione fatta nel testamento Annullamento della divisione per violenza e dolo Azione di recissione di divisione ereditaria Donazione Nullità ed annullamento di donazione Ricorso per autorizzazione ad accettare donazione in favore di un minore o di un nascituro Azione per l’inadempimento della donazione Risoluzione di donazione modale Revocazione della donazione per ingratitudine e sopravvenienza di figli a Bologna

http://www.avvocatoabologna.it/wp-admin/post.php?post=662&action=edit di legittima Lesione della qualità di erede Azione di collazione Azione di petizione ereditaria Domanda giudiziale di commutazione Azione di riduzione Assistenza alla redazione del testamento Nullità ed annullamento del testamento Nullità di legato di cose altrui Divisione Assistenza alla redazione di scrittura privata di divisioni Istanza di divisione giudiziale Assistenza alla redazione di divisione amichevole con collazione Nullità della divisione fatta nel testamento Annullamento della divisione per violenza e dolo Azione di recissione di divisione ereditaria Donazione Nullità ed annullamento di donazione Ricorso per autorizzazione ad accettare donazione in favore di un minore o di un nascituro Azione per l’inadempimento della donazione Risoluzione di donazione modale Revocazione della donazione per ingratitudine e sopravvenienza di figli

DIVISIONE EREDITARIA ACCORDO,DIVISIONE EREDITARIA AVVOCATI, DIVISIONE EREDITARIA A STRALCIO, DIVISIONE EREDITARIA ATTO DI CITAZIONE, DIVISIONE EREDITARIA AMICHEVOLE, DIVISIONE EREDITARIA IMOLA, DIVISIONE EREDITARIA BOLOGNA,DIVISIONE EREDITARIA SAN PIETRO IN CASALE, DIVISIONE EREDITARIA CASE, DIVISIONE EREDITARIA TERRENI,DIVISIONE EREDITARIA IMMOBILI, DIVISIONE EREDITARIA COSTI, DIVISIONE EREDITARIA CODICE CIVILE, DIVISIONE EREDITARIA CALCOLO QUOTE,DIVISIONE EREDITARIA CREDITORI,

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE II CIVILE

Sentenza 9 ottobre 2013, n. 22977

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – rel. Presidente –

Dott. CORRENTI Vincenzo – Consigliere –

Dott. BERTUZZI Mario – Consigliere –

Dott. GIUSTI Alberto – Consigliere –

Dott. FALASCHI Milena – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

P.E., B.P., B.A. e B.M., rappresentati e difesi, per procura speciale a margine del ricorso, dagli Avvocati ROCCELLA ARMANDO e Biagio Bertolone, elettivamente domiciliati presso lo studio di quest’ultimo in Roma, via Flaminia 109;

– ricorrenti –

contro

B.M.R., in qualità di procuratrice di L.I. S., rappresentata e difesa dall’Avvocato LANZAVECCHIA GIUSEPPE, domiciliata per legge in Roma, Piazza Cavour, presso la Cancelleria civile della Corte suprema di cassazione;

– controricorrente –

e L.P., in proprio e quale erede di L.G., rappresentato e difeso, per procura a margine del controricorso, dall’Avvocato Marcello Borghetto, elettivamente domiciliato in Roma, Lungotevere Flaminio n. 46, presso lo studio del Dott. Gianmarco Grez;

– controricorrente –

e C.E., BO.AN.MA., R.N. e B. E., rappresentati e difesi, per procura speciale in calce al controricorso, dall’Avvocato Maria Finocchiaro, elettivamente domiciliati in Roma, via Pietro Mascagni, n. 7/4-5, presso lo studio dell’Avvocato Ferdinando Ferri;

– controricorrenti –

nonchè nei confronti di:

L.M., BR.Ma.;

– intimati –

avverso la sentenza della Corte d’appello di Genova, emessa il 18 aprile 2006, depositata il 10 giugno 2006 n. 632/06;

Udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 15 marzo 2013 dal Presidente relatore Dott. Stefano Petitti;

sentito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CAPASSO Lucio, che ha chiesto il rigetto del ricorso.

Svolgimento del processo

Con atto di citazione notificato il 28 luglio 1987, B.N. V. adiva il Tribunale di Genova per ottenere lo scioglimento della comunione ereditaria sui beni dell’asse ereditario del padre, B.P., ancora in vigore tra lui e i coeredi superstiti. A tal fine, citava in giudizio i fratelli M.R., N. e R.A. Considerato che all’interno della comunione ricadevano non solo i beni originariamente facenti parte dell’asse del padre, B.P., ma anche quelli successivamente acquistati dagli eredi e quelli ad essi pervenuti dall’eredità dei fratelli deceduti B.E. e C., l’attore B.N.V. citava in giudizio altresì P. E., B.M., B.P. e B. A., in qualità di eredi di Bi.Ma., per sentire dichiarare la prescrizione del diritto del fu Bi.Ma. di accettare l’eredità dei fratelli B.E. e C.

In particolare, B.N. formulava le seguenti conclusioni:

“nei confronti di B.M.R. fu P. e per essa deceduta dei suoi eredi L.F., L.S. vedova B., e L.M., nonchè nei confronti di B. M. fu P. e per esso deceduto dei di lui eredi P. E., Bi.Pi., B.A. e B.R. dichiararsi prescritto il loro diritto di accettare l’eredità dei beni morendo dismessi da B.E. fu P. (deceduto l'(OMISSIS)), in particolare delle quote a Lui intestate di 3/6 dei beni partita 585 N.C.E.U. Comune di Mignanego, di 4/8 dei beni alla partita 262 N.C.E.U. Comune di Mignanego e 1/4 dei beni a partita III catasto terreni Comune Serra Ricco, nonchè di accettare l’eredità di B.C. fu P., nata a (OMISSIS) ed ivi deceduta il (OMISSIS) ed in particolare della quota a lei intestata di 1/8 dei beni alla partita 262 N.C.E.U. Comune di Mignanego; nei confronti di B.N. e B.A.R. A. fu P. procedersi con l’istante B.N. V., alla divisione per quota di 1/3 per ciascuno degli immobili tutti censiti a N.C.E.U. Comune di Mignanego alle partite 585 e 262 e a catasto terreni Comune di Serra Ricco partita III”.

Nelle more del giudizio decedevano gli eredi di B.P. rimasti in vita e parti del giudizio.

In data (OMISSIS) decedeva B.N., istituendo quali eredi C.E., Bo.An.Ma., R.N. e Bo.Ed.

In data (OMISSIS) decedeva B.R.A., istituendo quale unico erede il fratello N.V.

In data (OMISSIS) decedeva B.N.V., istituendo quali eredi i nipoti (figli della di lui sorella B. M.) L.P., L.A., L.C., L.M. e L.I.S.

Il giudizio proseguiva tra gli eredi.

Gli eredi di B.N. e di B.N.V. addivenivano ad una soluzione stragiudiziale della controversia sulla divisione dell’asse ereditario, come modificato ed ampliato nel tempo a causa delle continue successioni.

Gli eredi Bi.Ma. chiedevano in via riconvenzionale: a) accertarsi e dichiararsi il loro diritto, nella qualità di eredi di Bi.Ma., di partecipare alla divisione giudiziale dell’eredità di B.P., chiesta da B.N. V. con atto di citazione del 28 luglio 1987, per l’inefficacia della scrittura privata datata 28 gennaio 1944 che avrebbe determinato la fuoriuscita del loro dante causa dalla comunione ereditaria de quo; e ciò sul rilievo che il detto atto doveva ritenersi invalido in quanto non sottoscritto da uno dei comunisti (segnatamente, il coerede B.E., la cui quota era stata già liquidata all’epoca della sottoscrizione della scrittura privata in esame); b) accertarsi e dichiararsi il diritto delle parti sull’asse ereditario di B.E. e su quello di B. C., attesa l’infondatezza della domanda attorea volta a far dichiarare la prescrizione del diritto di Bi.Ma. di accettare l’eredità dei di lui fratelli; c) accertarsi e dichiararsi l’invalidità dei testamenti pubblici di B.R.A. e di B.N.V.

Il Tribunale di Genova, con sentenza n. 4343 del 2002, dichiarava cessata la materia del contendere riguardo alla domanda di scioglimento della comunione ereditaria tra gli eredi testamentari dell’originario attore, B.N.V., già costituitosi anche quale erede universale della sorella B. A., deceduta in corso di causa, L.P., L. M., L.A., L.C. e B.M. R., nella qualità di procuratore generale di L.I. S., e tra gli eredi di B.N., deceduto in corso di causa, C.E., Bo.An.Ma., R.N. ed B.E.

Con la medesima sentenza, il Tribunale rigettava le domande riconvenzionali spiegate P.E. o El., B. P., B.A. e B.M. – i quali, convenuti in giudizio nella qualità di eredi di Bi.Ma.

per sentir dichiarare l’intervenuta prescrizione, ai sensi dell’art. 480 c.c., comma 1, del loro diritto di accettare l’eredità dei beni morendo dismessi da B.C. e da B.E. – avevano fatto valere il loro diritto a partecipare alla divisione, oggetto di causa, del patrimonio relitto da B.P., deceduto il (OMISSIS), padre del loro dante causa Ma.

B., e avevano altresì fatto valere pretese in ordine alle eredità dei fratelli premorti di Bi.Ma., C. ed E., nonchè avevano contestato la validità del testamento pubblico di B.A., con il quale era stato designato erede universale il fratello B.N.V., e il testamento pubblico di quest’ultimo.

In particolare, il Tribunale escludeva la perdurante sussistenza della comunione relativa all’eredità di B.P., affermando la validità e l’efficacia della scrittura in data 28 gennaio 1944, sottoscritta da Bi.Ma., con la quale era stata liquidata la di lui quota dell’eredità paterna, tramite l’assegnazione dei beni immobili ivi indicati e la rinuncia del medesimo Bi.Ma. a vantare ulteriori diritti in ordine ai beni residuati in comunione agli altri quattro fratelli; riteneva che vi fosse carenza di precisi riferimenti temporali quanto alle istanze istruttorie formulate in ordine alla asserita non intervenuta prescrizione del diritto di accettare le eredità e che non sussistessero sufficienti motivi per dubitare della validità dei testamenti pubblici di B.R.A. e B.N. V., nei confronti dei quali testamenti, peraltro, non era stata proposta querela di falso.

I soccombenti P.E., B.P., B. A. e B.M. interponevano tempestivo appello avverso detta sentenza innanzi alla Corte d’appello di Genova, chiedendo, previa ammissione delle istanze istruttorie formulate in primo grado e di quelle richieste nel giudizio di appello, in totale riforma della sentenza impugnata: di respingere le domande attoree relative alla esclusione degli appellanti dalla divisione dei beni oggetto di causa; di procedere nei modi e nelle forme di legge alla valutazione di detti beni, detratte le passività e computate le attività, con ordine agli attori di esibire il rendiconto su quanto prelevato dalla eredità de quo e di procedere alla divisione dei beni in comunione ereditaria; con vittoria di spese.

Si costituivano tutti gli appellati, chiedendo il rigetto del gravame.

La Corte d’appello di Genova, con la sentenza n. 632 del 2006, rigettava la domanda degli appellanti, confermando integralmente la sentenza n. 4343 del 2002 del Tribunale di Genova. In applicazione del principio della soccombenza, gli appellanti, totalmente soccombenti, venivano condannati, tra loro in solido, alla rifusione delle spese del giudizio di appello agli appellati.

Per la cassazione di detta sentenza hanno proposto ricorso, sulla base di tre motivi, P.E., B.P., B.A. e B.M.

Hanno resistito, con separati controricorsi, i sigg.ri C.E., B.A.M., R.N. e Bo.Ed.; la sig.ra B.M.R., in qualità di procuratrice di L.I. S.; il sig. L.P., in proprio e nella qualità di erede di L.G., tutti chiedendo il rigetto del ricorso.

Non hanno svolto attività difensiva gli intimati L.M. e Br.Ma.

Motivi della decisione

1. Il primo motivo di ricorso ha ad oggetto la validità (dichiarata dal Tribunale di Genova e confermata dalla Corte d’appello) della scrittura privata datata 18 gennaio 1944, con la quale il coerede Bi.Ma. abbandonava la comunione ereditaria formatasi al decesso del padre, B.P.

1.1. Sotto un primo profilo, i ricorrenti deducono violazione o falsa applicazione degli artt. 1419, 1420, 1111, 1116, 757 e 758 c.c., ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3, per avere la Corte d’appello erroneamente applicato le disposizioni in materia di contratti plurilaterali, scioglimento della comunione e divisione ereditaria.

In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito di diritto, ai sensi dell’art. 366 ibis c.p.c.: “Dica la Corte se non sia incorsa in violazione di legge la Corte d’appello genovese allorchè non ha ritenuto che lo scioglimento della partecipazione alla comunione ereditaria di un solo partecipante non richieda la partecipazione essenziale di tutti gli altri partecipanti alla comunione e ciò con riferimento all’art. 1420 c.c., ultima parte, artt. 1419, 1111, 1116, e 757 c.c. e ss.”.

1.2. I ricorrenti denunciano poi difetto di motivazione, o quantomeno insufficiente motivazione, su un punto essenziale della controversia in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5, per una asserita carenza motivazionale della sentenza sulla non essenzialità della sottoscrizione della scrittura privata de quo da parte di tutti i coeredi. In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito ai sensi dell’art. 366 bis c.p.c.: “Dica la Corte di Cassazione se la Corte d’appello genovese non sia incorsa in vizio di insufficiente motivazione allorchè, nel deliberare se doveva ritenersi necessaria o meno la partecipazione di tutti i partecipanti alla comunione ereditaria al negozio con cui era prevista l’esclusione del coerede Bi.Ma., si è limitata ad affermare la diversità tra la fattispecie “divisione ereditaria” e la fattispecie “scioglimento della comunione limitatamente ad un solo partecipante”, affermando non essere emerso alcun elemento che, dal punto di vista soggettivo, potesse far inferire che i fratelli rimasti in comunione costituissero un’unica parte complessa e non ha affrontato, senza motivare, il tema delle conseguenze della mancata partecipazione al negozio di alcuni eredi”.

1.3. I ricorrenti denunciano altresì difetto o insufficiente motivazione su un punto essenziale della controversia in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5, dolendosi del fatto che la Corte d’appello abbia ritenuto pacifica, ma in modo apodittico, l’avvenuta esecuzione della scrittura privata. In conclusione, si chiede alla Corte di Cassazione “se la motivazione della Corte d’appello genovese non sia viziata da difetto o insufficiente motivazione nel punto in cui ha affermato pacifico, senza alcuna ulteriore spiegazione, che la scrittura del 28/01/1944 avrebbe avuto pacifica esecuzione tra i coeredi”.

1.4. Ulteriormente, i ricorrenti lamentano difetto o insufficiente motivazione su un punto essenziale della controversia, per avere la Corte d’appello affermato che il trascorrere del tempo avrebbe consolidato, per effetto di intervenuta usucapione, gli assetti proprietari sui beni parte dell’eredità de quo. In conclusione, si chiede di accertare “se la Corte d’appello genovese non sia incorsa nel vizio denunciato allorchè ha affermato consolidato l’assetto proprietario dei beni caduti nell’asse ereditario di B. P., in mancanza di domande specifiche delle parti sull’intervenuta usucapione”.

1.5. Ed ancora, i ricorrenti deducono il vizio di contraddittorietà della motivazione su un punto essenziale della controversia, relativamente alle affermazioni circa l’interpretazione del ruolo dei coeredi quali parti del contratto di liquidazione della quota ereditaria spettante a Bi.Ma. (la scrittura privata 18 gennaio 1944). In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito: “Dica la Corte di Cassazione se la Corte d’appello genovese non sia incorsa nel vizio denunciato di contraddittorietà della motivazione allorchè, da un lato, afferma che la volontà comune delle parti era diretta al conseguimento dello scopo di liquidare la quota di Bi.Ma. escludendolo dalla comunione e, dall’altro lato, afferma non risultare la volontà delle parti di considerarsi un’unica parte complessa cosicchè l’esecuzione del negozio presupponesse la partecipazione unitaria e globale di tutti i fratelli”.

2. Il primo motivo di ricorso, che può essere esaminato complessivamente stante la unitarietà delle questioni proposte, non è fondato.

2.1. La Corte d’appello è giunta a confermare la validità e l’efficacia della scrittura privata del 28 gennaio 1944, sulla base di un ragionamento coerente e corretto, tanto da un punto di vista logico, quanto da un punto di vista giuridico.

La Corte d’appello ha, invero, ritenuto che l’autonomia contrattuale riconosciuta dall’ordinamento ai singoli consente di procedere in via negoziale, in alternativa alla via giudiziale, alla regolazione dei rapporti della comunione tra i coeredi, ivi compreso lo scioglimento della comunione limitatamente ad uno solo dei coeredi; sicchè, se le parti ritengano di regolare contrattualmente lo scioglimento della comunione nei confronti di uno solo dei coeredi, non è necessario che al contratto partecipino tutti i coeredi, dal momento che ciò che è necessario ove si proceda in via giudiziale, non lo è laddove le parti procedano in via negoziale. Del resto, l’unica parte a potersi, eventualmente, dolere della mancata sottoscrizione del contratto di scioglimento è proprio il coerede che non abbia sottoscritto, più che colui a beneficio del quale è stato convenuto lo scioglimento della divisione.

In tal modo, la Corte d’appello ha fatto corretta applicazione del principio affermato da questa Corte, secondo cui “nel caso di comproprietà di beni su cui gravi un diritto di usufrutto (nella specie, comunione ereditaria con quota di usufrutto ex lege in favore del coniuge superstite, in base alla disciplina previgente alla riforma del diritto di famiglia), la partecipazione del titolare di detto usufrutto si rende necessaria nell’ipotesi di divisione giudiziale, spettando al medesimo la qualità di litisconsorte, non anche in quella di divisione contrattuale, dovendo ritenersi consentito ai comproprietari, nell’esercizio della loro autonomia negoziale, di pattuire fra di essi lo scioglimento, salva restando l’inopponibilità del relativo contratto all’usufruttuario, ove implichi una lesione delle sue ragioni” (Cass. n. 1337 del 1987).

La Corte d’appello ha poi chiarito che la scrittura privata del 28 gennaio 1944 rientrava nel novero dei contratti plurilaterali, di cui agli artt. 1420 e 1466 c.c., poichè con essa le parti avevano inteso perseguire uno scopo comune (lo scioglimento della comunione nei confronti di Bi.Ma., ferma restando la situazione di comunione tra gli altri eredi del comune dante causa B. P.), senza che vi fossero prestazioni corrispettive, come nei contratti di scambio.

La differenza principale che intercorre tra i contratti plurilaterali e i contratti di scambio, infatti, è l’assenza del sinallagma nei primi, a differenza dei secondi. Se nei contratti plurilaterali “la prestazione di ciascuna delle parti è diretta al perseguimento di uno scopo comune, per modo che il contratto realizza la costituzione e l’organizzazione di un comune interesse”, nei contratti di scambio a prestazioni corrispettive “la prestazione di ciascuna parte è rivolta soltanto al soddisfacimento dell’interesse dell’altra” (Cass., S.U., 2830 del 1966; Cass. n. 4715 del 1978).

La Corte d’appello ha chiarito che la scrittura privata de quo rientrava nel novero dei contratti plurilaterali, di cui agli artt. 1420 e 1466 c.c., poichè con essa le parti avevano inteso perseguire uno scopo comune (lo scioglimento della comunione nei confronti di Bi.Ma.), senza che vi fossero prestazioni corrispettive, come nei contratti di scambio.

E trattandosi di contratto plurilaterale non era necessaria la sottoscrizione di tutti i coeredi, giacchè lo scopo comune perseguito dai sottoscrittori era lo scioglimento della comunione solo rispetto ad uno dei coeredi, mantenendo la comunione in vita rispetto agli eredi rimanenti.

Appare, quindi, inconferente il richiamo svolto da parte ricorrente alle disposizioni in materia di divisione ereditaria e di scioglimento della comunione in generale, considerato che a seguito della scrittura privata de quo, la comunione ereditaria è rimasta attiva ed è stata poi sciolta solo col giudizio di divisione instaurato nel 1987.

Trattasi di affermazioni che trovano conforto nel principio, affermato da questa Corte e condiviso dal Collegio, secondo cui “il contratto con cui alcuni degli eredi fissano le modalità di ripartizione del patrimonio ereditario fra tutti i partecipanti alla comunione ereditaria (quomodo dividendum sit) ed assegnano a ciascuno la porzione spettantegli, vincolandosi all’osservanza del concordato assetto d’interessi, è valido in quanto, non determinando direttamente lo scioglimento della comunione, non configura una vera e propria divisione ereditaria, per la cui validità soltanto è richiesta la partecipazione di tutti i coeredi alla sua conclusione.

In tale ipotesi si ha un contratto perfetto in tutti i suoi elementi essenziali, immediatamente vincolante ed efficace fra le parti contraenti e destinato a conseguire il suo effetto definitivo, consistente nello scioglimento della comunione ereditaria, mediante la successiva adesione dei coeredi assenti, senza che occorra alcun ulteriore accordo o un provvedimento giudiziale sostitutivo, perchè l’attribuzione dei beni ereditari abbia luogo in conformità delle pattuizioni negoziali. Siffatta adesione – ove i contraenti non abbiano diversamente disposto – può essere utilmente manifestata fino a quando il vincolo obbligatorio derivante dal contratto non sia stato sciolto per effetto di un contrario comune accordo dei contraenti o non sia intervenuto un provvedimento giudiziale di divisione che, essendo incompatibile con la ripartizione consensuale dei beni in esso prevista, ne renda impossibile l’estensione agli altri soggetti della comunione ereditaria” (Cass. n. 3529 del 1982).

Pertanto, esclusa la invalidità e la inefficacia della scrittura del 1944, deve solo rilevarsi che nel controricorso di B.M. R. si è evidenziato che gli eredi di Bi.Ma. avevano impostato la propria linea difensiva proprio sulla esistenza ed efficacia della citata scrittura, formulando anche una richiesta di prova testimoniale sul punto; e tale deduzione è rimasta priva di controdeduzioni da parte dei ricorrenti.

2.2. Anche le censure rivolte alla motivazione della sentenza impugnata appaiono prive di fondamento.

I ricorrenti eccepiscono la insufficienza della motivazione, con riguardo alla decisione della Corte di non ritenere essenziale la partecipazione di B.E. alla sottoscrizione della scrittura privata, ai fini di una eventuale declaratoria di nullità, ai sensi dell’art. 1420 c.c.

La non essenzialità della partecipazione di B.E. deriva dal fatto che la Corte ha ritenuto la scrittura in esame un contratto plurilaterale rivolto allo scioglimento della comunione rispetto ad uno dei coeredi, e non un contratto di divisione ereditaria. Il punto è stato sufficientemente argomentato dalla Corte territoriale e con il motivo di ricorso sub 1.2. i ricorrenti non aggiungono profili ulteriori rispetto alle censure contenute nel motivo di cui al punto 1.1., di cui si è detto.

Le censure di cui ai punti 1.3. e 1.4. vanno rigettate perchè la motivazione della sentenza impugnata è logica e coerente.

Invero, con il motivo di cui al punto 1.3., si imputa alla Corte d’appello di avere ritenuto circostanza pacifica quella che la scrittura avesse avuto esecuzione; ma la Corte correttamente ha inferito tale conseguenza dalla interpretazione della scrittura privata de quo. Trattasi di un fatto rilevante, verso il quale non è mai stata mossa alcuna obiezione, come eccepito, sul punto, nel controricorso B.M.R.

Con il motivo di cui al punto 1.4., i ricorrenti censurano la ritenuta stabilizzazione degli assetti proprietari per usucapione, atteso il trascorrere di molti anni dalla scrittura privata in esame.

La censura è infondata perchè non riguarda un fatto controverso, ma si riferisce ad un argomento richiamato utilizzato dalla Corte territoriale nel contesto di una motivazione logica e coerente.

L’ultima censura di cui si compone il primo motivo di ricorso è quella di cui al punto 1.5. I ricorrenti censurano la sentenza impugnata per contraddittorietà della motivazione, nella parte in cui la Corte territoriale, da un lato, ha affermato che lo scopo dei coeredi era quello di liquidare la quota di Bi.Ma. e, dall’altro, ha affermato che i coeredi non dovessero esser considerati “un’unica parte complessa”, di modo che l’esecuzione del negozio implicasse la partecipazione unitaria di tutti i coeredi.

Il motivo è infondato. Affermare, come ha fatto la Corte territoriale, che lo scopo comune degli eredi B.P. era quello di sciogliere la comunione limitatamente al coerede Bi.

M. non è in contraddizione con l’affermazione secondo la quale i coeredi non costituivano “un’unica parte complessa”. E’ perfettamente logico ritenere che i coeredi rimasti in comunione abbiano agito nella loro individualità di comproprietari, per lo scopo comune di liquidare la quota del fratello Bi.Ma. e che per l’esecuzione di tale contratto non fosse necessaria la sottoscrizione di tutti i coeredi, perchè, secondo le osservazioni ampiamente sviluppate in precedenza, essendo il contratto de quo un contratto plurilaterale, la partecipazione di B.E. non era essenziale, sicchè la sua mancata sottoscrizione del detto accordo non poteva invalidare l’intero schema contrattuale, ai sensi dell’art. 1420 c.c.

3. Il secondo motivo di ricorso riguarda il capo della sentenza impugnata relativo alla accertata prescrizione del diritto di Bi.Ma., e per esso dei suoi eredi, di accettare l’eredità dei fratelli B.E. e B.C.

I ricorrenti denunziano la omessa motivazione su un punto decisivo della controversia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5, per avere la Corte d’appello omesso di considerare la deduzione di apposito capitolo di prova sulla attività svolta da Bi.Ma. per addivenire alla divisione delle eredità dei fratelli; attività, questa, a dire dei ricorrenti, sicuramente indicativa della volontà di accettare.

3.1 Il motivo di ricorso non è fondato.

Occorre premettere che la Corte d’appello ha fatto corretta applicazione del principio per cui “l’accettazione tacita di eredità può desumersi soltanto dall’esplicazione di un’attività personale del chiamato tale da integrare gli estremi dell’atto gestorio incompatibile con la volontà di rinunziare, e non altrimenti giustificabile se non in relazione alla qualità di erede, con la conseguenza che non possono essere ritenuti atti di accettazione tacita quelli di natura meramente conservativa che il chiamato può compiere anche prima dell’accettazione, ex art. 460 c.c.. L’indagine relativa alla esistenza o meno di un comportamento qualificabile in termini di accettazione tacita, risolvendosi in un’accertamento di fatto, va condotta dal giudice di merito caso per caso (in considerazione delle peculiarità di ogni singola fattispecie, e tenendo conto di molteplici fattori, tra cui quelli della natura e dell’importanza, oltrechè della finalità, degli atti di gestione), e non è censurabile in sede di legittimità, purchè la relativa motivazione risulti immune da vizi logici o da errori di diritto” (Cass. n. 12753 del 1999). In particolare, si è affermato, “l’immissione nel possesso dei beni ereditari è atto non univoco, che, di per sè considerato, non equivale necessariamente ad accettazione tacita dell’eredità, poichè non presuppone necessariamente, in chi lo compie, la volontà di accettare e la qualità di erede, potendo anche dipendere da un mero intento conservativo del chiamato o da tolleranza da parte degli altri chiamati” (Cass. n. 12753 del 1999, cit.; Cass. n. 20868 del 2005).

Tanto premesso, i ricorrenti deducono che i giudici del gravame non avrebbero motivato la mancata ammissione di un capitolo di prova decisivo per l’accertamento della avvenuta accettazione tacita delle eredità morendo dismesse da B.C., deceduta il (OMISSIS) e da B.E., deceduto l'(OMISSIS), da parte del loro dante causa, Bi.Ma.

I ricorrenti, nonostante si mostrino edotti del fatto che nel giudizio di legittimità l’unico spazio che residua, per la censura delle statuizioni del giudice di merito sulle istanze e sulle risultanze probatorie, sia quello del vizio consistente nella omessa o arbitraria e/o illogica motivazione sulle decisioni assunte, svolgono, tuttavia, delle riflessioni dalle quali traspare l’intenzione di sollecitare una nuova valutazione degli elementi che quei capitoli di prova intendevano provare.

Invero, dopo aver illustrato la rubrica del motivo di ricorso, censurando, come detto, l’omessa motivazione sulla ammissibilità di un capitolo di prova, parte ricorrente svolge delle riflessioni sull’errore in cui sarebbe incorsa la Corte territoriale, allorchè ha confermato la decisione del Tribunale genovese nel senso di riconoscere l’intervenuta prescrizione del diritto di Bi.

M. di accettare le eredità morendo dismesse dai fratelli.

In realtà, il denunciato vizio non sussiste, atteso che nella sentenza impugnata, a pag. 25, dopo che nelle precedenti pagine sono stati illustrati gli approdi della giurisprudenza di legittimità in materia di accettazione tacita dell’eredità, e si sono evidenziate le condotte che, secondo gli appellanti, avrebbero dovuto indurre a ritenere che il loro dante causa Bi.Ma. aveva tacitamente accettato le eredità di B.C. ed E., si afferma che “difettano totalmente atti incompatibili con la volontà di rinunciare o concludenti e significativi della volontà di accettare le eredità in questione e che le circostanze offerte a prova per testi, quand’anche dimostrate, non varrebbero a fondare l’instata riforma della gravata decisione”.

Ed è noto che “il vizio di motivazione per omessa ammissione della prova testimoniale ovvero per omesso esame di un documento può essere denunciato per cassazione solo nel caso in cui determini l’omissione di motivazione su un punto decisivo della controversia e, quindi, quando la prova non ammessa ovvero non esaminata sia in concreto idonea a dimostrare circostanze tali da invalidare, con un giudizio di certezza e non di mera probabilità, l’efficacia delle altre risultanze istruttorie che hanno determinato il convincimento del giudice di merito, di modo che la ratio decidendi venga a trovarsi priva di fondamento” (Cass. n. 3075 del 2006; Cass. n. 11457 del 2007; Cass. n. 5377 del 2011).

Nel caso in esame, dalla sentenza impugnata risulta chiaramente quale sia stato l’iter seguito dalla Corte territoriale per giustificare il rigetto del gravame degli appellanti in ordine alla ritenuta prescrizione del diritto di accettare l’eredità da parte del loro dante causa. Nel ragionamento della Corte territoriale non risultano omissioni o aporie tali da determinare la cassazione della sentenza sul punto denunziato dagli odierni ricorrenti. Si può solo aggiungere che, come rilevato dalla controricorrente B.M. R. (pag. 19), già nella sentenza di primo grado si era affermato che il capitolo di prova per testi, la cui mancata ammissione non sarebbe stata adeguatamente motivata dalla Corte d’appello, non era stato ammesso perchè generico e privo di precisi riferimenti di tempo, e perciò non utile a superare l’eccezione formulata ex art. 480 c.c.

4. Il terzo motivo di ricorso riguarda la validità dei testamenti pubblici di B.N.V. e B.E. e si articola in varie censure.

4.1. Sotto un primo profilo, i ricorrenti denunciano omessa o insufficiente motivazione su un punto decisivo della controversia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5, per avere la Corte d’appello affermato che i ricorrenti non avrebbero contestato i testamenti de guibus con la querela di falso nonostante questi fossero stati prodotti in giudizio, poichè in giudizio sarebbero state prodotte solo delle trascrizioni e non delle copie dei testamenti. In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito di diritto, ai sensi dell’art. 366 bis c.p.c.: “Dica la Corte di Cassazione se la Corte d’appello genovese non sia incorsa nel vizio denunciato allorchè non ha motivato il perchè ha ritenuto prodotti in giudizio i testamenti integrali di B.E. e N.V. benchè nella realtà risultassero prodotte solo copie non portanti le firme”.

4.2. Sotto altro profilo, i ricorrenti lamentano violazione degli artt. 2699, 2700, 2702 e 2715 c.c., in relazione agli artt. 215 e 221 c.p.c., ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3, per avere la Corte territoriale ritenuto non contestati i testamenti de quibus, nonostante non fosse stata prodotta in giudizio copia degli stessi tale da consentire, agli odierni ricorrenti, adeguata contestazione.

In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito di diritto, ai sensi dell’art. 366 bis c.p.c.: “Dica la Corte di Cassazione se la Corte d’appello genovese non sia incorsa nel vizio di violazione degli articoli di legge denunciati allorchè ha ritenuto non contestate le scritture testamentarie prodotte – e, quindi, legalmente riconosciute – ed ha dichiarato non proposta tempestivamente la querela di falso malgrado che nel giudizio non fossero mai stati prodotti i documenti contenenti le firme dei testatori”.

4.3. Da ultimo, i ricorrenti denunciano il vizio di omessa motivazione su un punto essenziale della controversia, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5, perchè la Corte territoriale non avrebbe svolto alcuna motivazione in ordine al testamento di B.N. V. In conclusione viene posto alla Corte il seguente quesito “se la Corte d’appello genovese non sia incorsa nel vizio di omessa motivazione, allorchè non si è pronunciata sull’istanza di parte appellante perchè venisse ordinata in giudizio l’esibizione della scheda testamentaria originale di B.N.V.”.

5. Il motivo è in parte inammissibile e in parte infondato.

5.1. E’ innanzitutto inammissibile nella parte in cui le censure vengono svolte anche con riferimento al testamento di B. E.

Invero, nel corso dei giudizi di merito sono stati contestati dagli odierni ricorrenti i testamenti pubblici dei coeredi B.R. A. e B.N.V.

Con il presente ricorso, gli odierni ricorrenti, nel mentre nulla eccepiscono in merito alle statuizioni della Corte d’appello sulla validità del testamento pubblico di B.R.A., sulle quali, ai sensi dell’art. 329 c.p.c., si è, quindi, formato giudicato, svolgono le proprie censure con riferimento sia al testamento di B.N.V., sia a quello di B. E., impugnando taluni passi della sentenza della Corte genovese che si riferiscono al testamento di quest’ultimo.

Deve rilevarsi che i punti in cui la sentenza impugnata disquisisce sul testamento di B.E. sono affetti da errore materiale, in quanto chiaramente i giudici del gravame intendevano argomentare sul testamento di B.N.V., come dimostrano il contenuto di quelle proposizioni, chiaramente riferito al testamento di quest’ultimo; gli altri passi della sentenza, riferiti a B. N.V.; l’atto di appello che aveva investito la Corte genovese delle domande concernenti la validità dei testamenti di B.R.A. e B.N.V. Parte ricorrente dimostra di non essersi avveduta di questo manifesto errore materiale e svolge le proprie censure come se realmente la Corte territoriale avesse inteso pronunziare sul testamento di B.E.

Orbene, il motivo di ricorso in esame, nella parte in cui si riferisce al testamento di B.E., è inammissibile perchè assolutamente inconferente con il reale contenuto delle statuizioni della sentenza impugnata riferite, per errore materiale, ad altro soggetto rispetto a quello inteso da parte ricorrente. In ogni caso, si deve rilevare che la censura sarebbe stata parimenti inammissibile laddove si fosse trattato non di errore materiale, ma di effettiva ultrapetizione, poichè, secondo l’orientamento di questa Corte sia la omessa pronunzia su una domanda o un’eccezione, che la pronunzia su questione non devoluta mediante domanda proposta dalle parti (come la pronunzia sul testamento di un erede, il cui accertamento non era mai stato oggetto di domande, nè eccezioni) cagionano la nullità del procedimento impugnabile ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 4; censura questa non proposta nè desumibile dal contenuto del motivo.

5.2. Cosi dovendosi interpretare il contenuto della sentenza impugnata risulta all’evidenza infondata la censura di vizio di motivazione concernente i rilievi relativi al testamento di B. N.V., atteso che le considerazioni svolte dalla Corte d’appello in riferimento al testamento di B.E., del quale mai si è discusso nei precedenti gradi di giudizio e che certamente non aveva formato oggetto dei motivi di gravame, devono in realtà essere riferite al testamento di B.N.V.

5.3. Per la parte in cui il motivo non è inammissibile, e cioè nella parte in cui viene censurata la sentenza impugnata relativamente alle statuizioni adottate con riferimento alle questioni concernenti il testamento di B.N.V., il terzo motivo di ricorso è infondato.

Si deve innanzitutto rilevare che il testamento per cui si discute, quello di B.N.V., era stato redatto nella forma dell’atto pubblico. Dunque, ai sensi dell’art. 2700 c.c., esso fa piena prova fino a querela di falso. La querela di falso costituisce “lo strumento imprescindibile per neutralizzare il valore probatorio del documento prodotto” e il relativo onere incombe sulla parte che intenda “contestare la piena efficacia probatoria, circa quanto avvenuto o compiuto alla presenza o con l’intervento del pubblico ufficiale rogante, di un atto pubblico o di una copia dello stesso prodotta dall’avversario” (Cass. n. 5411 del 1984).

In conformità alla lettera degli artt. 2699 e 2700 c.c., la querela di falso costituisce, quindi, l’unico mezzo che l’ordinamento offre alla parte che intenda contrastare la fede privilegiata degli atti pubblici.

Ciò premesso, il Tribunale prima e la Corte d’appello poi hanno correttamente posto a carico degli odierni ricorrenti le conseguenze pregiudizievoli derivanti dalla mancata proposizione della querela poichè, effettivamente, i ricorrenti non l’hanno proposta e, quindi, vi è stata, da parte della Corte territoriale, una corretta e lineare applicazione degli artt. 2699 e 2700 c.c.

La asserita impossibilità di proporre la querela di falso fonda su un assunto non desumibile dalla sentenza impugnata nè dagli atti del presente giudizio di legittimità.

Parte ricorrente si duole perchè in giudizio non sarebbe stato prodotto nè l’originale, nè una copia idonea per la proposizione della querela ai sensi dell’art. 2715 c.c., sicchè le conseguenze pregiudizievoli derivanti dalla mancata proposizione della querela sarebbero state arbitrariamente ed illegittimamente poste a loro carico dalla Corte territoriale.

Premessa l’indefettibile necessità della querela per contrastare la pubblica fede del testamento de quo, l’assunto di partenza dei ricorrenti muove da una premessa non risultante – ed anzi smentita – dalla sentenza impugnata, nella quale si afferma che il testamento in esame era stato prodotto in causa, seppure in copia (v. pag. 29 della sentenza impugnata: “i testamenti pubblici in questione sono stati prodotti in copia autentica nel grado pregresso da B.M. R.”).

5.3. I ricorrenti si dolgono perchè la copia prodotta sarebbe stata priva di sottoscrizione e quindi inidonea a produrre gli effetti che le copie, ai sensi dell’art. 2715 c.c., sono destinate a produrre.

Tra tutti, quello di consentire, alla parte avversaria, di proporre querela di falso.

Il motivo è infondato. In disparte il rilievo che nella sentenza impugnata si da atto – come già rilevato dell’avvenuta produzione nel grado pregresso in copia autentica dei testamenti pubblici in questione – e quindi anche di quello di B.V. -, da parte di B.M.R., i ricorrenti omettono di considerare che, nel caso di specie, si trattava di testamenti pubblici, e cioè di documenti redatti da notaio, rispetto ai quali l’unico rimedio esperibile era la querela di falso, a prescindere dalla produzione dell’originale in giudizio, essendo a tal fine sufficiente la produzione della copia, non tempestivamente disconosciuta, come nel caso di specie.

6. In conclusione, il ricorso deve essere rigettato, con conseguente condanna dei ricorrenti, in solido tra loro, in applicazione del principio della soccombenza, alla rifusione delle spese del giudizio di legittimità, liquidate come da dispositivo, in favore di ciascuna parte controricorrente.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso; condanna i ricorrenti, in solido tra loro, al pagamento delle spese del giudizio di legittimità che liquida, per ciascuna parte controricorrente, in complessivi Euro 5.000,00 per compensi, oltre ad Euro 200,00 per esborsi e agli accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sezione Seconda Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 15 marzo 2013.

Depositato in Cancelleria il 9 ottobre 2013

PER URGENZE 3358174816

 

TESTAMENTO OLOGRAFO A FAVORE DEI NIPOTI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO A FAVORE DI TERZI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO A FAVORE DEL CONIUGE SENZA FIGLI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO ANNULLABILE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO ART 602 C C
 
TESTAMENTO OLOGRAFO BOZZA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO BUSTA CHIUSA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO BUSTA SIGILLATA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO CODICE CIVILE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO CANCELLATURE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO COSTO PUBBLICAZIONE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO CON TESTIMONI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO COME SI FA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO DIRITTO PRIVATO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO DAL NOTAIO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO DATA CERTA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO DEI CONIUGI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO DIRITTO ROMANO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO EREDE UNIVERSALE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO E SUCCESSIONE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO ESECUTORE TESTAMENTARIO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO ELEMENTI ESSENZIALI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO E PUBBLICO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO FAC SIMILE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO FORMULARIO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO FIRMA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO FOTOCOPIA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO FIRMATO DA TESTIMONI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO GIURISPRUDENZA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO HA UNA SCADENZA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO IMPUGNABILE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO IN COMUNIONE DEI BENI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO IN STAMPATELLO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO IN BUSTA CHIUSA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO IMPUGNAZIONE LESIONE LEGITTIMA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO LEGITTIMA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO LEGITTIMARI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO LEGITTIMA E DISPONIBILE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO LESIVO DELLA LEGITTIMA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO LEGITTIMA FRATELLI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO MODELLO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO MANO GUIDATA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO MODELLO EREDI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO MODELLO USUFRUTTO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO NOTAIO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO NON PUBBLICATO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO NOTAIO COSTO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO NULLO PRESCRIZIONE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO NON IMPUGNABILE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO O PUBBLICO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO OBBLIGO PUBBLICAZIONE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO PUBBLICAZIONE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO PUÒ ESSERE IMPUGNATO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO PARZIALE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO PER SOMME DI DENARO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO PER AFFIDAMENTO FIGLI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO QUOTA DISPONIBILE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO QUERELA DI FALSO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO QUOTA DI RISERVA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO QUOTA LEGITTIMA FRATELLI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO QUOTE DI LEGITTIMA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO REQUISITI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO RISCHI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO REGISTRAZIONE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO REQUISITI MINIMI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO REVOCA PRECEDENTE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO SIGNIFICATO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO SCRITTO A MACCHINA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO SCHEMA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO SUCCESSIVO A TESTAMENTO PUBBLICO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO SOTTO DETTATURA
 
TESTAMENTO OLOGRAFO TESTO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO TRA CONIUGI SENZA FIGLI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO TERMINE PUBBLICAZIONE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO TRA FRATELLI
 
TESTAMENTO OLOGRAFO TEMPI DI PUBBLICAZIONE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO UNIVERSALE
 
TESTAMENTO OLOGRAFO VALIDITÀ
 
TESTAMENTO OLOGRAFO VA REGISTRATO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO VALIDO ESEMPIO
 
TESTAMENTO OLOGRAFO VALIDITÀ LEGALE
 

– See more at: http://www.avvocatoabologna.it/articoli-sentenze/1118-divisione-ereditaria-bologna,eredi,quote-eredi,chiama-l-avv-s-armaroli.html#sthash.mBK3alZq.dpuf

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI CESENA FORLI VEDOVO VEDOVA ESTROMESSI DA EREDITA’ DIRITTI DEI VEDOVI

» OME OTTENERE L’EREDITA’ CHE TI SPETTA AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA RAVENNA FAENZA CESENA FORLI

» AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA L’ INVALIDITA’ DEL TESTAMENTO PER VIZI DELLA VOLONTA’

» EREDE QUOTA STUDIO LEGALE BOLOGNA PRELAZIONE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA PADOVA, RAVENNA RIMINI CESENA FORLI QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» BOLOGNA RAVENNA Hai un problema inerente eredità o successione ? Hai intenzione di fare un testamento ? Vuoi impugnare un testamento o resistere ad una causa legale di impugnazione ?

» AZIONE DI RIDUZIONE TESTAMENTO SUCCESSIONE IMPUGNAZIONE TESTAMENTO BOLOGNA

» EREDE QUOTE COME CALCOLARE LA QUOTA DELL’EREDE? AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA

» EREDE COME RIVENDICARE I PROPRI DIRITTI CHIAMA L’AVVOCATO ESPERTO La Corte – prosegue la ricorrente – non avrebbe poi rilevato che “l’originale delle fotocopie prodotte non fu mai prodotto, nè che le stesse, prive di data, di sottoscrizione e di intestazione, neppure potevano essere qualificate documenti”. Inoltre sarebbe errata l’affermazione secondo la quale la questione della proprietà delle società svizzere “muove dalla necessaria premessa dell’accertamento della qualità di erede di O. M.” (cfr. pag. 23 della sentenza). Tale affermazione sarebbe smentita dalla stessa narrazione della sentenza, che a pag. 1 testualmente afferma: ” O.J. rivendica i diritti ereditari della madre adottiva sul patrimonio rimasto indiviso con M. già dal tempo del decesso della madre M

» DEBITI EREDITARI RINUNCIA EREDITA’ L’assunzione della qualità di erede non può certamente desumersi dalla mera chiamata all’eredità, né dalla denuncia di successione trattandoci di un atto di natura meramente fiscale (Cass. Sez. 2, n. 10729 del 2009) che non ha rilievo ai fini dell’assunzione della qualità di erede che consegue solo all’accettazione dell’eredità, espressa o tacita, la cui ricorrenza rappresenta un elemento costitutivo del diritto azionato nei confronti del soggetto evocato in giudizio quale successore del de cuius (Cass. n. 6479 del 2002, Cass. n. 2849 del 1992). In ipotesi di debiti del de cuius di natura tributaria, pertanto, l’accettazione dell’eredità è una condizione imprescindibile affinché possa affermarsi l’obbligazione del chiamato all’eredità a risponderne. Non può ritenersi obbligato chi abbia rinunciato all’eredità, ai sensi dell’art. 519 cod.civ..

» EREDE ACCETTAZIONE CON BENEFICIO INVENTARIO DEBITI ERARIO sentenza n. 4419 del 21/02/2008 ha affermato che la limitazione della responsabilità dell’erede per i debiti ereditari, derivante dall’accettazione dell’eredità con beneficio d’inventario, è opponibile a qualsiasi creditore, ivi compreso l’erario. Rappresentò la contribuente di aver accettato l’eredità del (…) con beneficio di inventario, che l’inventario si era concluso in data 29.7.2000 e che in data 26.1.2001, a seguito della trascrizione della dichiarazione di rilascio dei beni ai creditori, era stato nominato dal Presidente del Tribunale di Perugia il curatore per provvedere alla liquidazione dei beni ereditari. Sostenne, altresì, la (…) che, ai sensi dell’art. 490 c.c.» “l’erede non è tenuto al pagamento dei debiti ereditari e dei legati oltre il valore dei beni a lui pervenuti” e che, sino alla conclusione della liquidazione dei beni ereditari l’Ufficio non avrebbe potuto esigere l’imposta, non essendo possibile conoscere l’esatto ammontare dei beni a lei pervenuti ovvero l’attivo ereditario su cui calcolare l’imposta, specificando che, mentre i beni siti in (…) erano stati tutti liquidati, non era ancora terminata la liquidazione dei beni siti in (…).

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» CORTE APPELLO BOLOGNA TRIBUNALE DI BOLOGNA DANNO JURE PROPRIO IN INCIDENTE MORTALE La Corte si e’ soffermata sulla natura delle tabelle milanesi e sul come la loro inosservanza si ponga rispetto ai paradigmi dell’articolo 360 c.p.c., nella sentenza n. 4447 del 2014. In detta decisione la Corte si e’ soffermata su quello che ha individuato come il problema della “ritualita’ della deduzione come violazione di norma di diritto delle c.d. tabelle milanesi” ed ha svolto le seguenti considerazioni.

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI CESENA FORLI VEDOVO VEDOVA ESTROMESSI DA EREDITA’ DIRITTI DEI VEDOVI

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna