Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

PERDITA TESTAMENTO OLOGRAFO , PRESCRIZIONE TESTAMENTO , INVALIDITA’ DEL TESTAMENTO, CAUSE EREDITA’ BOLOGNA Ond’è che, quando consti dell’esistenza del testamento olografo, ma chi lo invoca si trovi nell’impossibilità di produrlo onde dar luogo alla sua pubblicazione – per essere il documento andato distrutto o smarrito, o per altra circostanza equivalente costitutiva di caso fortuito o di forza maggiore – la rispondenza di esso ai requisiti di forma voluti dalla legge ed il suo contenuto possono essere accertati in via giudiziale e tale accertamento viene a sostituirsi alla formalità della pubblicazione legittimando, quindi, la realizzazione coattiva delle pretese su di esso fondate (Cass., 17 luglio 1974, n. 2145, 6 marzo 1956, n. 645). CORTE DI CASSAZIONE Sezione II, sentenza 24 febbraio 2004, n. 3636 Svolgimento del processo. – M. L. (detta M.) D. G., con testamento olografo redatto il 20 agosto 1956, nominava suo erede universale il proprio marito R. G. e detto documento, deceduta la disponente il 5 ottobre 1986, veniva pubblicato il 24 ottobre 1986 per atto notar R. D’A. di A. (rep. n. 9235, racc. n. 1691). Il 9 ed il 19 dicembre 1988 F. G. di C. notificava a F. C. G. ed E. P. atto di citazione innanzi al tribunale di Roma con il quale, assumendo esserle stata legata dalla M. L. D. G. una spilla con grande topazio di F. per codicillo testamentario del 23 febbraio 1986, contenente una serie di disposizioni a titolo particolare in favore di persone care, chiedeva che il primo, quale figlio adottivo ed erede del R. G., e la seconda, quale attuale detentrice materiale, venissero condannati a consegnarle il gioiello. Costituendosi, F. C. G. chiedeva respingersi l’avversa domanda evidenziando come il bene fosse stato donato dai coniugi G. alla E. P. prima della morte della M. L., ciò che aveva comportato l’implicita revoca della disposizione in favore della F. G. di C., e come, inoltre, la disposizione stessa risultasse cancellata nel codicillo. La E. P. non si costituiva. L’adito tribunale, con sentenza 18 gennaio 1995, rigettava la domanda sulla considerazione, tra l’altro, che il codicillo non risultava sottoscritto e che, comunque, la attrice non ne aveva prodotto l’originale, sì che agli atti risultavano due copie della disposizione testamentaria in discussione, una delle quali con evidenti cancellature ed interpolazioni, le cui divergenze ostavano all’accertamento dell’autenticità dell’una o dell’altra per prova testimoniale. Avverso tale decisione la F. G. di C. proponeva gravame cui resisteva il F. C. G. Decidendone con sentenza 11 novembre 1999, la Corte d’appello di Roma lo respingeva sulla considerazione che il codicillo in questione non era stato pubblicato a norma dell’art. 620 c.c. e non costituiva, pertanto, come rilevabile anche d’ufficio, titolo legittimante alla proposizione dell’azione intesa ad ottenere l’esecuzione delle disposizioni in esso contenute; che, comunque, il documento contenente detto preteso codicillo, per il suo tenore letterale e logico, era da considerare non un testamento, contenente disposizioni d’ultima volontà impositive d’oneri a carico dell’erede suscettibili in quanto tali d’esser fatti valere in via giudiziaria, ma l’espressione all’erede del proprio gradimento perché questi, a sua discrezione, volesse autonomamente disporre di taluni beni in favore delle persone indicate, quindi un suggerimento e non una manifestazione di volontà direttamente dispositiva idonea a costituire diritti per i nominati ed obblighi per l’erede. Detta sentenza veniva impugnata dalla F. G. di C. con ricorso per cassazione basato su quattro motivi. Resisteva il F. C. G. con controricorso. Entrambe le parti depositavano memorie. Motivi della decisione. – La ricorrente denunzia, ex art. 360, n. 5 c.p.c.: con il primo motivo, «insufficiente e contraddittoria motivazione circa il punto decisivo della controversia, rilevato d’ufficio in ordine alla legittimazione ad causam della appellante, conseguente alla mancata pubblicazione del testamento dedotto in lite»; con il secondo motivo, ancora «insufficiente e contraddittoria motivazione circa il punto decisivo della controversia sulla mancata sottoscrizione e sulla interpretazione della lettera codicillo 23 febbraio 1986 con conseguente declaratoria d’inapplicabilità dell’art. 590 c.c.»; con il terzo ed il quarto motivo, «omessa motivazione sul punto decisivo relativo alle prove testimoniali dedotte dall’appellante ed insufficiente ed illogica motivazione sul rigetto dell’istanza d’ammissione d’interrogatorio formale di E. P. dedotto dall’appellante». La prima delle riferite censure, che attiene a questione cui la Corte di merito ha correttamente attribuito priorità logica di trattazione ed assorbente rilievo, non merita accoglimento. È opinione del tutto prevalente in dottrina ed in giurisprudenza che la pubblicazione, sebbene costituisca circostanza esterna al testamento olografo – in quanto questo, ove redatto in conformità al modello normativamente previsto e poi mantenuto sino alla morte del testatore, a seguito di tale evento, per il quale si apre la successione, diviene ipso iure efficace – e non possa esserne, pertanto, configurata come requisito di validità o d’efficacia, si ponga non di meno, per l’espresso disposto dell’art. 620/V c.c., come atto preparatorio necessario ai fini della sua coattiva esecuzione e, quindi, come condizione di essa. Ond’è che, quando consti dell’esistenza del testamento olografo, ma chi lo invoca si trovi nell’impossibilità di produrlo onde dar luogo alla sua pubblicazione – per essere il documento andato distrutto o smarrito, o per altra circostanza equivalente costitutiva di caso fortuito o di forza maggiore – la rispondenza di esso ai requisiti di forma voluti dalla legge ed il suo contenuto possono essere accertati in via giudiziale e tale accertamento viene a sostituirsi alla formalità della pubblicazione legittimando, quindi, la realizzazione coattiva delle pretese su di esso fondate (Cass., 17 luglio 1974, n. 2145, 6 marzo 1956, n. 645). È esatta, dunque, la conclusione cui è pervenuta la Corte territoriale laddove ha ritenuto inammissibile l’azione della sedicente legataria – intesa ad ottenere, nei confronti dell’erede, la condanna alla consegna del bene assuntivamente oggetto d’una disposizione in favore d’essa deducente – in quanto promossa esclusivamente sulla base d’una scheda testamentaria per la quale non s’era previamente provveduto alla necessaria pubblicazione. Né rilevava, in relazione ai termini nei quali il giudizio era stato promosso, che alla pubblicazione non si fosse potuto provvedere in quanto del preteso testamento olografo non era disponibile l’originale ma solo una fotocopia. Come si è sopra evidenziato, l’impossibilità della pubblicazione non impedisce a chi ne abbia interesse di promuovere un’azione intesa a far valere disposizioni testamentarie assuntivamente contenute in un testamento olografo, ma detta azione deve, anzi tutto, contenere una domanda d’accertamento dell’esistenza e della persistenza del dedotto testamento, con le invocate disposizioni, al momento della morte del de cuius. Cassazionecivile,sezioneII,sentenza24 febbraio 2004,n. 3636 Poiché il testamento olografo può essere revocato dal testatore anche mediante distruzione o lacerazione (art. 684 codice civile), il suo mancato reperimento giustifica la presunzione che il de cuis lo abbia revocato, distruggendolo deliberatamente, con la conseguenza che per vincere tale presunzione occorre provare o che la scheda testamentaria esisteva ancora al momento dell’apertura della successione e che quindi la sua irreperibilità non può farsi risalire al testatore, oppure che quest’ultimo, benché autore materiale della distruzione, non era animato da volontà di revoca. Cassazionecivile,sezioneII,sentenza22novembre1995, n. 12098 In tema di accettazione della eredità non operano gli atti interruttivi della prescrizione, attesa la natura potestativa del diritto, che si realizza con il compimento dell’atto in cui si concreta l’accettazione; d’altro lato, il termine -definito dalla legge di prescrizione – è soggetto alle cause ordinarie di sospensione e agli impedimenti legali, non ricorrendo altri fatti impeditivi del suo decorso. Articolo 591. Possono disporre per testamento tutti coloro che non sono dichiarati incapaci dalla legge. Sono incapaci di testare: l) coloro che non hanno compiuto la maggiore età; 2) gli interdetti per infermità di mente (414); 3) quelli che, sebbene non interdetti, si provi essere stati, per qualsiasi causa, anche transitoria, incapaci di intendere e di volere nel momento in cui fecero testamento. Nei casi d’incapacità preveduti dal presente articolo il testamento può essere impugnato da chiunque vi ha interesse. L’azione si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui è stata data esecuzione alle disposizioni testamentarie (590, 620, 621, 623). Testo sentenza, accettazione, eredità, prescrizione Corte di Cassazione sezione II Civile Sentenza 7 luglio – 14 ottobre 2014, n. 21687 Presidente Triola – Relatore Migliucci Svolgimento del processo 1.- L’Unione Italiana dei Ciechi conveniva in giudizio la Regione Lombardia per sentirla condannare, previo accertamento della propria qualità di erede della defunta signora F.M. (deceduta a (omissis) ), alla restituzione dei beni immobili lasciati in eredità, giusta testamento, olografo del 23 maggio 1983, illegittimamente posseduti dalla Regione Lombardia. Chiedeva altresì la restituzione dei frutti percepiti dalla convenuta in quanto possessore di mala fede. Ritualmente costituitasi, la Regione Lombardia eccepiva: la prescrizione del diritto di accettazione dell’eredità F. in capo all’Unione italiana dei Ciechi in quanto esercitata oltre il decennio dalla apertura della successione; l’intervenuto difetto di legittimazione passiva attesa l’entrata in vigore della legge regionale n. 1/2000, che aveva trasferito alla ASL territorialmente competente la gestione della casa di riposo per ciechi Villa Letizia di (…) con conseguente subentro nella titolarità di tutti i diritti, ragioni e rapporti attinenti alla gestione della medesima; nel merito, affermava la propria qualità di erede come desumibile dalla scheda testamentaria. Con sentenza n. 138/03 il tribunale accoglieva la domanda. Con sentenza dep. il 26 novembre 2007 la Corte di appello di Milano rigettava l’impugnazione principale proposta dalla Regione Lombardia, seppure con motivazione in parte diversa. – Dopo avere escluso che la richiesta di autorizzazione governativa potesse integrare, come erroneamente affermato dal tribunale, atto interruttivo della prescrizione del diritto di accettare l’eredità, i Giudici ritenevano comunque tempestiva l’accettazione sul rilievo che, presupposto indispensabile per l’esercizio del diritto, era identificare il soggetto proprietario di Villa Letizia, che la F. aveva inteso istituire erede, secondo quanto riconosciuto dalla stessa Regione; – peraltro, l’accertamento circa la proprietà di Villa Letizia aveva formato oggetto di un contenzioso fra le parti, definito dal Consiglio di Stato con sentenza passata in giudicato che aveva riconosciuto la proprietà in favore dell’”Unione Italiana dei Ciechi, per cui soltanto da tale momento era iniziato a decorrere il termine di prescrizione, che era stato tempestivamente esercitato; – era escluso il difetto di legittimazione passiva della Regione a favore dell’ASL, tenuto conto che, ai sensi dell’art. 111 cod. proc. civ., il giudizio doveva proseguire fra le parti originarie e che il possesso dei beni era rimasto alla Regione; – in base all’interpretazione letterale della scheda testamentaria, che faceva riferimento all’Istituto dei Ciechi di Caravate e non alla Regione, che in esso non era mai menzionata, il soggetto istituito erede doveva identificarsi nell’ente proprietario di Villa Letizia nella quale la testatrice medesima era ospitata. 2. – Avverso tale decisione propone ricorso per cassazione la Regione Lombardia sulla base di sette motivi illustrati da memoria. Resiste con controricorso la Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus. Motivi della decisione 1.1.- Va innanzitutto esaminato, per la sua priorità logico- giuridica il quinto motivo “sul sopravvenuto difetto di legittimazione passiva, della Regione al sensi della legge regionale n. 1/2000. Mancata, applicazione dell’art. 110 cod. proc. civ. ed erronea applicazione dell’art. 111 cod. proc. civ.”. Deduce che, essendo la ASL succeduta universamente alla Regione nella attribuzione della gestione della casa di riposo Ville Letizia ovvero in tutti i rapporti inerenti a essa, legittimata passiva era la prima. 1.2. Il motivo è infondato. Con l’art. 61 comma 4 della legge n. 1 del 2000, successiva alla introduzione del presente giudizio, la Regione Lombardia trasferiva la gestione della casa di riposo Villa Letizia ovvero i rapporti ad essa inerenti alla Asl, che subentrava alla prima relativamente a essi; ne consegue che, nella specie, si è verificata nel corso del processo una ipotesi di successione a titolo particolare nel diritto controverso, essendo avvenuto il subentro di un altro soggetto limitatamente alla gestione della predetta struttura; pertanto, correttamente è stato applicato l’art. 111 cod. proc. civ. secondo cui, in tal caso, il processo prosegue fra le parti originarie. 2.1. Il primo motivo, lamentando violazione dell’art. 480 cod. civ. ed errata applicazione dell’art. 2943 cod. civ. censura la decisione gravata laddove aveva ritenuto che il termine per accettare l’eredità decorresse dalla accertata qualità di proprietaria di Villa Letizia ovvero dal passaggio in giudicato della sentenza del Consiglio di Stato quando, ai sensi del citato art. 480, il termine decorre dall’apertura della successione, mentre nessuna efficacia interruttiva poteva annettersi all’atto di istaurazione del giudizio promosso dinanzi al T.A.R., tenuto conto della natura del diritto di accettare l’eredità. 1.2. – Il motivo è fondato. L’art. 480 primo comma cod. civ. prevede che il diritto di accettare l’eredita si prescrive in dieci anni; il termine decorre dall’apertura della successione, e in caso di istituzione condizionale dal giorno in cui si verifica la condizione; il secondo comma stabilisce che il termine non corre per i chiamati ulteriori se vi sia stata accettazione da parte dei precedenti chiamati dell’eredità e successivamente il loro acquisto è venuto meno. Orbene, da un canto, va osservato che in tema di accettazione della eredità non operano gli atti interruttivi della prescrizione, attesa la natura potestativa del diritto, che si realizza con il compimento dell’atto in cui si concreta l’accettazione; d’altro lato, il termine -definito dalla legge di prescrizione – è soggetto alle cause ordinarie di sospensione e agli impedimenti legali, non ricorrendo altri fatti impeditivi del suo decorso. Certamente ha natura amministrativa l’autorizzazione, a suo tempo prevista art. 17 cod. civ. per l’accettazione di eredità ed il conseguimento di legati da parte delle persone giuridiche. Infatti, tale provvedimento diretto a rimuovere un limite posto al libero esercizio di un diritto, il quale opera “ab estrinseco”, non condiziona l’esistenza o la validità dell’indicata accettazione, ma attribuisce alla stessa efficacia “ex tunc”, con l’applicabilità, durante il procedimento promosso per ottenere detta autorizzazione, dell’art. 5 disp. att. cod. civ., il quale attribuisce alla persona giuridica la facoltà di compiere gli atti conservativi dei propri diritti. Si è rivelata erronea la sentenza laddove, facendo applicazione dell’art. 2935 cod. civ., ha ritenuto che il diritto di accettare l’eredità non potesse essere esercitato prima del passaggio in passaggio in giudicato della sentenza di accertamento della proprietà di Villa Letizia ovvero prima della individuazione del soggetto che, in quanto proprietario di tale struttura, doveva considerarsi il destinatario dell’istituzione di erede. Ma, in tal modo, i Giudici hanno dato rilevanza a quello che avrebbe potuto considerarsi eventualmente un mero impedimento di fatto che, come tale, è inidoneo a fermare il corso della prescrizione ai sensi dell’art. 2935 cod. civ. Ed invero, l’accertamento della proprietà aveva a oggetto un elemento fattuale concernente la ricostruzione della volontà testamentaria nella individuazione del soggetto istituito erede e certamente non precludeva l’accettazione da parte del soggetto che, peraltro, ne aveva rivendicato la proprietà (poi accertata giudizialmente). Non può condividersi la difforma conclusione alla quale è pervenuto il Procuratore Generale, il quale ha in proposito richiamato la sentenza n. 191 del 1983 della Corte Costituzionale sulla decorrenza del termine di cui all’art. 480 cod. civ. nel caso in cui i figli naturali ottengano la dichiarazione giudiziale di paternità successivamente all’apertura della successione. Al riguardo, va osservato che il principio affermato dalla Corte non è pertinente, posto che nella ipotesi considerata la definizione del giudizio sulla paternità incide sulla capacità a succedere prevista dall’art. 462 cod. civ., che designa le categorie dei successibili: la dichiarazione giudiziale di paternità, riconoscendo lo status giuridico di figlio naturale, rimuove una causa giuridica ostativa all’accettazione da parte di un soggetto che altrimenti non rientrerebbe fra i successibili. Gli altri motivi sono assorbiti la sentenza va cassata in relazione al motivo accolto, con rinvio, anche per le spese della presente fase, ad altra sezione della Corte di appello di Milano. P.Q.M. Accoglie il primo motivo del ricorso rigetta il quinto assorbiti gli altri cassa la sentenza impugnata in relazione al motivo accolto e rinvia, anche per le spese della presente fase, ad altra sezione della Corte di appello di Milano.

PERDITA TESTAMENTO OLOGRAFO , PRESCRIZIONE TESTAMENTO , INVALIDITA’ DEL TESTAMENTO, CAUSE EREDITA’ BOLOGNA

Old classic library with books on table

Ond’è che, quando consti dell’esistenza del testamento olografo, ma chi lo invoca si trovi nell’impossibilità di produrlo onde dar luogo alla sua pubblicazione – per essere il documento andato distrutto o smarrito, o per altra circostanza equivalente costitutiva di caso fortuito o di forza maggiore – la rispondenza di esso ai requisiti di forma voluti dalla legge ed il suo contenuto possono essere accertati in via giudiziale e tale accertamento viene a sostituirsi alla formalità della pubblicazione legittimando, quindi, la realizzazione coattiva delle pretese su di esso fondate (Cass., 17 luglio 1974, n. 2145, 6 marzo 1956, n. 645).

 SEMPRE E COMUNQUE 1

AMARTELLOSCRITTA

CORTE DI CASSAZIONE Sezione II, sentenza 24 febbraio 2004, n. 3636

Svolgimento del processo. – M. L. (detta M.) D. G., con testamento olografo redatto il 20 agosto 1956, nominava suo erede universale il proprio marito R. G. e detto documento, deceduta la disponente il 5 ottobre 1986, veniva pubblicato il 24 ottobre 1986 per atto notar R. D’A. di A. (rep. n. 9235, racc. n. 1691).

Il 9 ed il 19 dicembre 1988 F. G. di C. notificava a F. C. G. ed E. P. atto di citazione innanzi al tribunale di Roma con il quale, assumendo esserle stata legata dalla M. L. D. G. una spilla con grande topazio di F. per codicillo testamentario del 23 febbraio 1986, contenente una serie di disposizioni a titolo particolare in favore di persone care, chiedeva che il primo, quale figlio adottivo ed erede del R. G., e la seconda, quale attuale detentrice materiale, venissero condannati a consegnarle il gioiello.

Costituendosi, F. C. G. chiedeva respingersi l’avversa domanda evidenziando come il bene fosse stato donato dai coniugi G. alla E. P. prima della morte della M. L., ciò che aveva comportato l’implicita revoca della disposizione in favore della F. G. di C., e come, inoltre, la disposizione stessa risultasse cancellata nel codicillo.

La E. P. non si costituiva.

L’adito tribunale, con sentenza 18 gennaio 1995, rigettava la domanda sulla considerazione, tra l’altro, che il codicillo non risultava sottoscritto e che, comunque, la attrice non ne aveva prodotto l’originale, sì che agli atti risultavano due copie della disposizione testamentaria in discussione, una delle quali con evidenti cancellature ed interpolazioni, le cui divergenze ostavano all’accertamento dell’autenticità dell’una o dell’altra per prova testimoniale.

ates5scrittaAvverso tale decisione la F. G. di C. proponeva gravame cui resisteva il F. C. G.

Decidendone con sentenza 11 novembre 1999, la Corte d’appello di Roma lo respingeva sulla considerazione che il codicillo in questione non era stato pubblicato a norma dell’art. 620 c.c. e non costituiva, pertanto, come rilevabile anche d’ufficio, titolo legittimante alla proposizione dell’azione intesa ad ottenere l’esecuzione delle disposizioni in esso contenute; che, comunque, il documento contenente detto preteso codicillo, per il suo tenore letterale e logico, era da considerare non un testamento, contenente disposizioni d’ultima volontà impositive d’oneri a carico dell’erede suscettibili in quanto tali d’esser fatti valere in via giudiziaria, ma l’espressione all’erede del proprio gradimento perché questi, a sua discrezione, volesse autonomamente disporre di taluni beni in favore delle persone indicate, quindi un suggerimento e non una manifestazione di volontà direttamente dispositiva idonea a costituire diritti per i nominati ed obblighi per l’erede.

Detta sentenza veniva impugnata dalla F. G. di C. con ricorso per cassazione basato su quattro motivi.

Resisteva il F. C. G. con controricorso. Entrambe le parti depositavano memorie.

Motivi della decisione. – La ricorrente denunzia, ex art. 360, n. 5 c.p.c.: con il primo motivo, «insufficiente e contraddittoria motivazione circa il punto decisivo della controversia, rilevato d’ufficio in ordine alla legittimazione ad causam della appellante, conseguente alla mancata pubblicazione del testamento dedotto in lite»; con il secondo motivo, ancora «insufficiente e contraddittoria motivazione circa il punto decisivo della controversia sulla mancata sottoscrizione e sulla interpretazione della lettera codicillo 23 febbraio 1986 con conseguente declaratoria d’inapplicabilità dell’art. 590 c.c.»; con il terzo ed il quarto motivo, «omessa motivazione sul punto decisivo relativo alle prove testimoniali dedotte dall’appellante ed insufficiente ed illogica motivazione sul rigetto dell’istanza d’ammissione d’interrogatorio formale di E. P. dedotto dall’appellante».

La prima delle riferite censure, che attiene a questione cui la Corte di merito ha correttamente attribuito priorità logica di trattazione ed assorbente rilievo, non merita accoglimento.

È opinione del tutto prevalente in dottrina ed in giurisprudenza che la pubblicazione, sebbene costituisca circostanza esterna al testamento olografo – in quanto questo, ove redatto in conformità al modello normativamente previsto e poi mantenuto sino alla morte del testatore, a seguito di tale evento, per il quale si apre la successione, diviene ipso iure efficace – e non possa esserne, pertanto, configurata come requisito di validità o d’efficacia, si ponga non di meno, per l’espresso disposto dell’art. 620/V c.c., come atto preparatorio necessario ai fini della sua coattiva esecuzione e, quindi, come condizione di essa.

Ond’è che, quando consti dell’esistenza del testamento olografo, ma chi lo invoca si trovi nell’impossibilità di produrlo onde dar luogo alla sua pubblicazione – per essere il documento andato distrutto o smarrito, o per altra circostanza equivalente costitutiva di caso fortuito o di forza maggiore – la rispondenza di esso ai requisiti di forma voluti dalla legge ed il suo contenuto possono essere accertati in via giudiziale e tale accertamento viene a sostituirsi alla formalità della pubblicazione legittimando, quindi, la realizzazione coattiva delle pretese su di esso fondate (Cass., 17 luglio 1974, n. 2145, 6 marzo 1956, n. 645).

È esatta, dunque, la conclusione cui è pervenuta la Corte territoriale laddove ha ritenuto inammissibile l’azione della sedicente legataria – intesa ad ottenere, nei confronti dell’erede, la condanna alla consegna del bene assuntivamente oggetto d’una disposizione in favore d’essa deducente – in quanto promossa esclusivamente sulla base d’una scheda testamentaria per la quale non s’era previamente provveduto alla necessaria pubblicazione.

Né rilevava, in relazione ai termini nei quali il giudizio era stato promosso, che alla pubblicazione non si fosse potuto provvedere in quanto del preteso testamento olografo non era disponibile l’originale ma solo una fotocopia.

Come si è sopra evidenziato, l’impossibilità della pubblicazione non impedisce a chi ne abbia interesse di promuovere un’azione intesa a far valere disposizioni testamentarie assuntivamente contenute in un testamento olografo, ma detta azione deve, anzi tutto, contenere una domanda d’accertamento dell’esistenza e della persistenza del dedotto testamento, con le invocate disposizioni, al momento della morte del de cuius.

 

az1SCRITTA

 

Cassazionecivile,sezioneII,sentenza24 febbraio 2004,n. 3636

Poiché il testamento olografo può essere revocato dal testatore anche mediante distruzione o lacerazione (art. 684 codice civile), il suo mancato reperimento giustifica la presunzione che il de cuis lo abbia revocato, distruggendolo deliberatamente, con la conseguenza che per vincere tale presunzione occorre provare o che la scheda testamentaria esisteva ancora al momento dell’apertura della successione e che quindi la sua irreperibilità non può farsi risalire al testatore, oppure che quest’ultimo, benché autore materiale della distruzione, non era animato da volontà di revoca. Cassazionecivile,sezioneII,sentenza22novembre1995, n. 12098

 

In tema di accettazione della eredità non operano gli atti interruttivi della prescrizione, attesa la natura potestativa del diritto, che si realizza con il compimento dell’atto in cui si concreta l’accettazione; d’altro lato, il termine -definito dalla legge di prescrizione – è soggetto alle cause ordinarie di sospensione e agli impedimenti legali, non ricorrendo altri fatti impeditivi del suo decorso.

Articolo 591.

Possono disporre per testamento tutti coloro che non sono dichiarati incapaci dalla legge.

Sono incapaci di testare:

  1. l) coloro che non hanno compiuto la maggiore età;

2) gli interdetti per infermità di mente (414);

3) quelli che, sebbene non interdetti, si provi essere stati, per qualsiasi causa, anche transitoria, incapaci di intendere e di volere nel momento in cui fecero testamento.

Nei casi d’incapacità preveduti dal presente articolo il testamento può essere impugnato da chiunque vi ha interesse. L’azione si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui è stata data esecuzione alle disposizioni testamentarie (590, 620, 621, 623).

 

 

Testo sentenza, accettazione, eredità, prescrizione

Corte di Cassazione sezione II Civile

Sentenza 7 luglio – 14 ottobre 2014, n. 21687

Presidente Triola – Relatore Migliucci

Svolgimento del processo

1.- L’Unione Italiana dei Ciechi conveniva in giudizio la Regione Lombardia per sentirla condannare, previo accertamento della propria qualità di erede della defunta signora F.M. (deceduta a (omissis) ), alla restituzione dei beni immobili lasciati in eredità, giusta testamento, olografo del 23 maggio 1983, illegittimamente posseduti dalla Regione Lombardia.

Chiedeva altresì la restituzione dei frutti percepiti dalla convenuta in quanto possessore di mala fede.

Ritualmente costituitasi, la Regione Lombardia eccepiva: la prescrizione del diritto di accettazione dell’eredità F. in capo all’Unione italiana dei Ciechi in quanto esercitata oltre il decennio dalla apertura della successione;

l’intervenuto difetto di legittimazione passiva attesa l’entrata in vigore della legge regionale n. 1/2000, che aveva trasferito alla ASL territorialmente competente la gestione della casa di riposo per ciechi Villa Letizia di (…) con conseguente subentro nella titolarità di tutti i diritti, ragioni e rapporti attinenti alla gestione della medesima; nel merito, affermava la propria qualità di erede come desumibile dalla scheda testamentaria.

Con sentenza n. 138/03 il tribunale accoglieva la domanda.

Con sentenza dep. il 26 novembre 2007 la Corte di appello di Milano rigettava l’impugnazione principale proposta dalla Regione Lombardia, seppure con motivazione in parte diversa.

– Dopo avere escluso che la richiesta di autorizzazione governativa

potesse integrare, come erroneamente affermato dal tribunale, atto interruttivo della prescrizione del diritto di accettare l’eredità, i Giudici ritenevano comunque tempestiva l’accettazione sul rilievo che, presupposto indispensabile per l’esercizio del diritto, era identificare il soggetto proprietario di Villa Letizia, che la F. aveva inteso istituire erede, secondo quanto riconosciuto dalla stessa Regione;

– peraltro, l’accertamento circa la proprietà di Villa Letizia aveva formato oggetto di un contenzioso fra le parti, definito dal Consiglio di Stato con sentenza passata in giudicato che aveva riconosciuto la proprietà in favore dell’”Unione Italiana dei Ciechi, per cui soltanto da tale momento era iniziato a decorrere il termine di prescrizione, che era stato tempestivamente esercitato;

– era escluso il difetto di legittimazione passiva della Regione a favore dell’ASL, tenuto conto che, ai sensi dell’art. 111 cod. proc. civ., il giudizio doveva proseguire fra le parti originarie e che il possesso dei beni era rimasto alla Regione;

– in base all’interpretazione letterale della scheda testamentaria, che faceva riferimento all’Istituto dei Ciechi di Caravate e non alla Regione, che in esso non era mai menzionata, il soggetto istituito erede doveva identificarsi nell’ente proprietario di Villa Letizia nella quale la testatrice medesima era ospitata.

  1. – Avverso tale decisione propone ricorso per cassazione la Regione Lombardia sulla base di sette motivi illustrati da memoria.

Resiste con controricorso la Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Onlus.

Motivi della decisione

1.1.- Va innanzitutto esaminato, per la sua priorità logico- giuridica il quinto motivo “sul sopravvenuto difetto di legittimazione passiva, della Regione al sensi della legge regionale n. 1/2000. Mancata, applicazione dell’art. 110 cod. proc. civ. ed erronea applicazione dell’art. 111 cod. proc. civ.”.

Deduce che, essendo la ASL succeduta universamente alla Regione nella attribuzione della gestione della casa di riposo Ville Letizia ovvero in tutti i rapporti inerenti a essa, legittimata passiva era la prima.

1.2. Il motivo è infondato.

Con l’art. 61 comma 4 della legge n. 1 del 2000, successiva alla introduzione del presente giudizio, la Regione Lombardia trasferiva la gestione della casa di riposo Villa Letizia ovvero i rapporti ad essa inerenti alla Asl, che subentrava alla prima relativamente a essi; ne consegue che, nella specie, si è verificata nel corso del processo una ipotesi di successione a titolo particolare nel diritto controverso, essendo avvenuto il subentro di un altro soggetto limitatamente alla gestione della predetta struttura; pertanto, correttamente è stato applicato l’art. 111 cod. proc. civ. secondo cui, in tal caso, il processo prosegue fra le parti originarie.

2.1. Il primo motivo, lamentando violazione dell’art. 480 cod. civ. ed errata applicazione dell’art. 2943 cod. civ. censura la decisione gravata laddove aveva ritenuto che il termine per accettare l’eredità

ATES2SCRITTAdecorresse dalla accertata qualità di proprietaria di Villa Letizia ovvero dal passaggio in giudicato della sentenza del Consiglio di Stato quando, ai sensi del citato art. 480, il termine decorre dall’apertura della successione, mentre nessuna efficacia interruttiva poteva annettersi all’atto di istaurazione del giudizio promosso dinanzi al T.A.R., tenuto conto della natura del diritto di accettare l’eredità.

1.2. – Il motivo è fondato.

L’art. 480 primo comma cod. civ. prevede che il diritto di accettare l’eredita si prescrive in dieci anni; il termine decorre dall’apertura della successione, e in caso di istituzione condizionale dal giorno in cui si verifica la condizione; il secondo comma stabilisce che il termine non corre per i chiamati ulteriori se vi sia stata accettazione da parte dei precedenti chiamati dell’eredità e successivamente il loro acquisto è venuto meno.

Orbene, da un canto, va osservato che in tema di accettazione della eredità non operano gli atti interruttivi della prescrizione, attesa la natura potestativa del diritto, che si realizza con il compimento dell’atto in cui si concreta l’accettazione; d’altro lato, il termine -definito dalla legge di prescrizione – è soggetto alle cause ordinarie di sospensione e agli impedimenti legali, non ricorrendo altri fatti impeditivi del suo decorso. Certamente ha natura amministrativa l’autorizzazione, a suo tempo prevista art. 17 cod. civ. per l’accettazione di eredità ed il conseguimento di legati da parte delle persone giuridiche. Infatti, tale provvedimento diretto a rimuovere un limite posto al libero esercizio di un diritto, il quale opera “ab estrinseco”, non condiziona l’esistenza o la validità dell’indicata accettazione, ma attribuisce alla stessa efficacia “ex tunc”, con l’applicabilità, durante il procedimento promosso per ottenere detta autorizzazione, dell’art. 5 disp. att. cod. civ., il quale attribuisce alla persona giuridica la facoltà di compiere gli atti conservativi dei propri diritti.

Si è rivelata erronea la sentenza laddove, facendo applicazione dell’art. 2935 cod. civ., ha ritenuto che il diritto di accettare l’eredità non potesse essere esercitato prima del passaggio in passaggio in giudicato della sentenza di accertamento della proprietà di Villa Letizia ovvero prima della individuazione del soggetto che, in quanto proprietario di tale struttura, doveva considerarsi il destinatario dell’istituzione di erede. Ma, in tal modo, i Giudici hanno dato rilevanza a quello che avrebbe potuto considerarsi eventualmente un mero impedimento di fatto che, come tale, è inidoneo a fermare il corso della prescrizione ai sensi dell’art. 2935 cod. civ. Ed invero, l’accertamento della proprietà aveva a oggetto un elemento fattuale concernente la ricostruzione della volontà testamentaria nella individuazione del soggetto istituito erede e certamente non precludeva l’accettazione da parte del soggetto che, peraltro, ne aveva rivendicato la proprietà (poi accertata giudizialmente). Non può condividersi la difforma conclusione alla quale è pervenuto il Procuratore Generale, il quale ha in proposito richiamato la sentenza n. 191 del 1983 della Corte Costituzionale sulla decorrenza del termine di cui all’art. 480 cod. civ. nel caso in cui i figli naturali ottengano la dichiarazione giudiziale di paternità successivamente all’apertura della successione. Al riguardo, va osservato che il principio affermato dalla Corte non è pertinente, posto che nella ipotesi considerata la definizione del giudizio sulla paternità incide sulla capacità a succedere prevista dall’art. 462 cod. civ., che designa le categorie dei successibili: la dichiarazione giudiziale di paternità, riconoscendo lo status giuridico di figlio naturale, rimuove una causa giuridica ostativa all’accettazione da parte di un soggetto che altrimenti non rientrerebbe fra i successibili.

Gli altri motivi sono assorbiti la sentenza va cassata in relazione al motivo accolto, con rinvio, anche per le spese della presente fase, ad altra sezione della Corte di appello di Milano.

P.Q.M.

Accoglie il primo motivo del ricorso rigetta il quinto assorbiti gli altri cassa la sentenza impugnata in relazione al motivo accolto e rinvia, anche per le spese della presente fase, ad altra sezione della Corte di appello di Milano.

avvocato cassazione civile condanna Condominio coniugi danni danno datore di lavoro diffamazione dipendente Diritto divorzio famiglia figli giudice giusta causa illegittimo incidente incidente stradale ingiuria lavoratore Lavoro legittimo licenziamento mantenimento moglie multa nullità ordinanza penale prova reato responsabilitá risarcimento Risarcimento danni risarcimento del danno sentenza Sentenze separazione sezioni unite

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI RIMINI CESENA RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI I conviventi di fatto possono disciplinare i rapporti patrimoniali relativi alla loro vita in comune con la sottoscrizione di un contratto di convivenza. 51. Il contratto di cui al comma 50, le sue modifiche e la sua risoluzione sono redatti in forma scritta, a pena di nullita’, con atto pubblico o scrittura privata con sottoscrizione autenticata da un notaio o da un avvocato che ne attestano la conformita’ alle norme imperative e all’ordine pubblico.

» TRIB ROVIGO CONCORDATO PREVENTIVO COLLABORAZIONE TRA IMPRENDITORE E COMMISSARI –AVVOCATO PER CONCORDATO PREVENTIVO osservato come l’orientamento espresso dalla Suprema Corte in altra sede conforti il principio espresso di necessaria collaborazione tra l’imprenditore e i commissari (“il termine fissato dal tribunale, ai sensi dell’art. 163 l.fall., per il deposito della somma che si presume necessaria per l’intera procedura ha carattere perentorio, atteso che la prosecuzione di quest’ultima richiede la piena disponibilità, da parte del commissario, dell’importo a tal fine destinato e questa esigenza può essere soddisfatta soltanto con la preventiva costituzione del fondo nel rispetto del predetto termine, da considerarsi quindi improrogabile, con conseguente inefficacia del deposito tardivamente effettuato” Cass. 21 aprile 2016, n. 8100; conf. Cass., 23 settembre 2016, n. 18704, Cass., 22 novembre 2012, n. 20667)

» CONCORDATO PREVENTIVO AVVOCATO PER RICHIESTA CONCORDATO DELLE SPA ex art. 161, comma 6, la domanda di concordato deve essere dichiarata inammissibile dal tribunale, ai sensi della L. Fall., art. 162, comma 2 Va tuttavia considerato, sotto un primo profilo, che, poiché rispetto al medesimo imprenditore ed alla medesima insolvenza il concordato non può che essere unico, qualora la procedura di concordato sia pendente non è configurabile un’ulteriore domanda di ammissione avente carattere di autonomia (cfr. Cass. n. 495/015), a meno che da quest’ultima non si desuma l’inequivoca volontà del proponente (pur se non espressa con formule sacramentali) di rinunciare a quella in precedenza depositata.

» AVVOCATO PER CONCORDATO PREVENTIVO BOLOGNA ROVIGO PADOVA VICENZA SENTENZA TRIB ROVIGO considerato che, previa autorizzazione del Tribunale ai sensi dell’art. 161, VII comma l.f., la ricorrente ha risolto il contratto preliminare di vendita – con ciò escludendo i rilievi del Tribunale di inammissibilità – previsto che la aggiudicazione della azienda a soggetto terzo determini ipso iure la risoluzione del contratto di affitto e l’obbligo di immediata restituzione (con pagamento di una penale per ogni giorno di ritardo) e depositato una proposta irrevocabile di acquisto da parte della “M. s.r.l.” – subordinatamente alla avvenuta omologazione – di acquisto del ramo di azienda alla somma complessiva di € 601.000,00, attraverso un pagamento rateale ed un riscatto finale al 30 settembre 2019 per euro 506.500,00, mantenendosi la proprietà in capo alla ricorrente sino all’integrale pagamento del prezzo (attraverso il c.d. patto di riservato dominio) così da garantire nella misura massima i creditori concordatari;

» AVVOCATO DIVORZISTA BOLOGNA E PROVINCIA AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA La prova per l’accertamento della violazione dei doveri matrimoniali, ai fini della dichiarazione di addebito, risulta spesso assai ardua e si deve necessariamente ricorrere ad elementi indiretti ed indiziari.

» MEDICINA BUDRIO BOLOGNA QUANTO RISARCIRE AI PARENTI FAMIGLIARI INCIDENTE MORTALE MASSIMALE ASSICURAZIONE risarcimento morte incidente stradale tabelle risarcimento incidente stradale mortale tempi sinistro mortale risarcimento nipoti risarcimento morte fratello indennizzo incidente stradale tabelle risarcimento danni incidente stradale mortale prescrizione calcolo danno morte sinistro stradale atto di citazione sinistro stradale mortale

» Malasanita’ danno la responsabilità medica: cosa è e come funziona Il medico, è responsabile di eventuali danni cagionati con la conseguenza che il danneggiato ha diritto a un risarcimento.

» AMMINISTRATORI RESPONSABILITA’ EX ART 2392 CC ,AVVOCATO PER AZIONE RESPONSABILITA’ AMMINISTRATORI Mentre l’azione sociale è volta ad ottenere il risarcimento del danno conseguente alla violazione dei doveri dell’amministratore, ed ha quindi natura contrattuale, quella dei creditori è azione extracontrattuale, in quanto diretta ad ottenere dagli amministratori, a titolo di risarcimento, l’equivalente della prestazione che per loro colpa la società non è in grado di adempiere. Tale diversità di natura si riflette sull’onere della prova in ordine alla colpa degli amministratori, che in caso di responsabilità aquilana è a carico del curatore secondo il modello dell’art. 2043 c.c., mentre nell’azione contrattuale si presume a norma dell’art. 1218 c.c.

» AVVOCATO PER AZIONE DI RESPONSABILITÀ EX ART. 2476 C.C. ED AZIONE SOCIALE DI RESPONSABILITÀ EX ART. 2394 C.C L’amministratore che deduca di non avere partecipato agli atti di gestione comunque risponde dell’amministrazione societaria, avendo egli, quale amministratore ed indipendentemente dal suo compimento di atti di amministrazione, l’onere di verificare, anche di sua iniziativa, la regolarità degli atti compiuti dal coamministratore. Gli amministratori sono solidalmente responsabili verso la società dei danni derivanti dall’inosservanza dei doveri ad essi imposti dalla legge e dall’atto costitutivo per l’amministrazione della società. Tuttavia la responsabilità non si estende a quelli che dimostrino di essere esenti da colpa e, essendo a cognizione che l’atto si stava per compiere, abbiano fatto constare del proprio dissenso.

» Fallimento – Azione di responsabilità contro amministratori e sindaci esercitata dal curatore – Caratteristiche – Esercizio di entrambe le azioni di cui agli articoli 2393 e 2394 c.c. – Prescrizione – Decorrenza – Insufficienza del patrimonio sociale al soddisfacimento dei creditori – Manifestazione del decremento patrimoniale

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA FAENZ ALUGO IMOLA Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti)

» AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI RIMINI CESENA RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI I conviventi di fatto possono disciplinare i rapporti patrimoniali relativi alla loro vita in comune con la sottoscrizione di un contratto di convivenza. 51. Il contratto di cui al comma 50, le sue modifiche e la sua risoluzione sono redatti in forma scritta, a pena di nullita’, con atto pubblico o scrittura privata con sottoscrizione autenticata da un notaio o da un avvocato che ne attestano la conformita’ alle norme imperative e all’ordine pubblico.

» DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA FAENZA RIMINI AVVOCATO DIVORZIO CHIAMA SUBITO COSA ASPETTI? Corte Costituzionale Sentenza 9 – 11 febbraio 2015, n. 11 Presidente Criscuolo – Redattore Morelli Sentenza

» EREDE QUOTA PRELAZIONE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA PADOVA, RAVENNA RIMINI CESENA FORLI QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TRIB ROVIGO CONCORDATO PREVENTIVO COLLABORAZIONE TRA IMPRENDITORE E COMMISSARI –AVVOCATO PER CONCORDATO PREVENTIVO osservato come l’orientamento espresso dalla Suprema Corte in altra sede conforti il principio espresso di necessaria collaborazione tra l’imprenditore e i commissari (“il termine fissato dal tribunale, ai sensi dell’art. 163 l.fall., per il deposito della somma che si presume necessaria per l’intera procedura ha carattere perentorio, atteso che la prosecuzione di quest’ultima richiede la piena disponibilità, da parte del commissario, dell’importo a tal fine destinato e questa esigenza può essere soddisfatta soltanto con la preventiva costituzione del fondo nel rispetto del predetto termine, da considerarsi quindi improrogabile, con conseguente inefficacia del deposito tardivamente effettuato” Cass. 21 aprile 2016, n. 8100; conf. Cass., 23 settembre 2016, n. 18704, Cass., 22 novembre 2012, n. 20667)

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TESTAMENTO EREDE ESTROMESSO ,COME RISOLVERE, AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA RAVENNA MODENA ROVIGO RIMINI CESENA FORLI il principio di intangibilità della legittima comporta che i diritti del legittimario debbano essere soddisfatti con beni o denaro provenienti dall’asse ereditario, con la conseguenza che l’eventuale divisione operata dal testatore contenente la disposizione per la quale le ragioni ereditarie di un riservatario debbano essere soddisfatte dagli eredi tra cui è divisa l’eredità’ mediante corresponsione di somma di denaro non compresa nel relictum è’ affetta da nullità ex art. 735, primo comma, cod. civ.”

» SPOSARSI E’ FACILE E’ SEPARARSI E DIVORZIARE CHE E’ DIFFICILE AVVOCATO MATRIMONIALISTA DIVORZISTA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI

» CONCORDATO PREVENTIVO AVVOCATO PER RICHIESTA CONCORDATO DELLE SPA ex art. 161, comma 6, la domanda di concordato deve essere dichiarata inammissibile dal tribunale, ai sensi della L. Fall., art. 162, comma 2 Va tuttavia considerato, sotto un primo profilo, che, poiché rispetto al medesimo imprenditore ed alla medesima insolvenza il concordato non può che essere unico, qualora la procedura di concordato sia pendente non è configurabile un’ulteriore domanda di ammissione avente carattere di autonomia (cfr. Cass. n. 495/015), a meno che da quest’ultima non si desuma l’inequivoca volontà del proponente (pur se non espressa con formule sacramentali) di rinunciare a quella in precedenza depositata.

» MOTOCICLISTA CADUTA LESIONI CANE RANDAGIO COMUNE RESPONSABILITA’ Risponde altresì a massima consolidata nella giurisprudenza di legittimità che i motivi posti a fondamento dell’invocata cassazione della decisione impugnata debbono avere i caratteri della specificità, della completezza, e della riferibilità alla decisione stessa, con -fra l’altro­l’esposizione di argomentazioni intelligibili ed esaurienti ad illustrazione delle dedotte violazioni di norme o principi di diritto, essendo inammissibile il motivo nel quale non venga precisato in qual modo e sotto quale profilo (se per contrasto con la norma indicata, o con l’interpretazione della stessa fornita dalla giurisprudenza di legittimità o dalla prevalente dottrina) abbia avuto luogo la violazione nella quale si assume essere incorsa la pronuncia di merito (cfr., da ultimo, Cass., 2/4/2014, n. 7692).

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna