Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

separazione dei coniugi BOLOGNA AVVOCATO spesso grande dolore per la coppia

SEPARARSI E’ SPESSO E COMUNQUE UN GRANDE DOLORE PER LA COPPIA, RESTA UNO DEGLI AVVENIMENTI PIU’ TRAUMATICI.

alibbri e artelloSEPARARSI A BOLOGNA COME N TUTTA ITALIA RICHIEDE UN GROSSO STRAPPO EMOTIVO.

VI SONO COPPIE CHE DA ANNI HANNO MAGARI VITA PROPRIA AUTONOMA MA NEL MOMENTO DELLA SEPARAZIONE SOFFRONO MOLTISSIMO 

ADDIRITTURA DIVENTANO GELOSI. CAPITA DI RICEVERE CLIENTI CHE MANIFESTANO UN DISAGIO ENORME NEL SEPARARSI PERCHE’ COMUNQUE E’UNA GRANDE ROTTURA AFFETTIVA UNA ENORME ROTTURA AFFETTIVA.

CAMBIANO LE ABITUDINE E LA PRSONA CHE MAGARI DA TEMPO SOPPORTIAMO ACCANTO A NOI CI VIENE IMPROVVISAMENTE A MANCARE E A MANCARE PARECCHIO.

DEL RESTO MOLTI DICONO SIAMO STATI INSIEME DIECI ANNI,VENTI ANNI ,TRENTA ANNI E IL DOLORE E IL SENSO DI SMARRIMENTO E’ FORTISSIMO .

ULTIMAMENTE UNA SIGNORA SUI 45 VOLEVA SEPARARSI ,DICEVA CHE CON IL MARITO SI DETESTAVANO DOPO 24 ANNI DI CONVIVENZA, MA RINVIAVA SEMPRE LA DECISIONE, VOLEVA COMUNQUE RESTARE MANTENERE UN RAPPORTO SEPPUR DI FREDDA CONVIVENZA CON IL MARITO PERCHE’ ALTRIMENTI SAPEVA DI SENTIRSI POI MALEDETTAMENTE SOLA.

 

LA PAURA DI TROVARSI POI SOLI ,DI INTERROMPERE L’ABITUDINE COMUNQUE DI VEDERSI DI PARLARSI E DICIAMOLO PURE DI SCONTRARSI,VIENE A MANCARE DOPO LA SEPARAZIONE.

MOLTI DICONO LO FACCIAMO PER I FIGLI DI NON SEPARARCI SUBITO, MA IN REALTA’ E’ LA LORO PAURA DI CAMBIARE POI ABITUDINI, DI NON VEDERSI PIU’ DI SMETTERE DI LOTTARE PER STARE INSIEME.

UN RAPPORTO VA COSTRUITO GIORNO DOPO GIORNO. 

 

 

 

studi legali diritto penale bologna

studi legali diritto penale bologna

 

Qual è la differenza tra separazione consensuale e separazione giudiziale?

 

L’avvocato Sergio Armaroli è a disposizione per assisterti e consigliarti per la tua separazione o divorzio. La separazione consensuale è possibile soltanto se tra i coniugi viene raggiunto un accordo sulle condizioni che dovranno reggere i rapporti personali e patrimoniali reciproci e i rapporti di ciascuno con i figli.

 

Se non vi è accordo , la separazione, sarà inevitabilmente giudiziale, nel senso che le condizioni dellaseparazione verranno stabilite dal tribunale,attenzione separarsi è un diritto un coniuge non potrà mai impedire all’altro coniuge di separarsi. Un accordo tra coniugi separandi si può trovare anche durante lo svolgimento del giudizio; in tal caso, la separazione, avviata come giudiziale, verrà definita come consensuale.
La separazione consensuale è preferibile poichè riduce tempi e costi, oltre a favorire rapporti più sereni tra le parti.

ACHIAMA AFFIDATIAANSIAL’avvocato Sergio Armaroli tel 051/6447838 è a disposizione per assisterti e consigliarti per la tua separazione o divorzio. 


Il provvedimento di chiusura del procedimento di modifica delle condizioni di separazione (tanto consensuale che giudiziale), previsto dall’art. 710 cod. proc. civ., è immediatamente ed automaticamente esecutivo per quanto si desume all’interno dello stesso art. 710, restando, invece, esclusa la sua soggezione alla disciplina della norma generale del procedimento camerale, di cui all’art. 741 cod. proc. civ. Possiamo modificare le condizioni della separazione possono essere modificate in un momento successivo? Sì, è possibile modificare quanto già concordato in sede diseparazione consensuale, o deciso dal giudice. Le modificazioni, tuttavia, acquisteranno efficacia giuridica soltanto se ratificate o, a seconda dei casi, disposte dal tribunale. Occorre però la modifica delle condizioni personali di uno dei coniugi La formazione di una nuova famiglia non legittima di per sé una diminuzione del contributo per il mantenimento dei figli nati in precedenza, in quanto costituisce espressione di una scelta e non di una necessità e lascia inalterata la consistenza degli obblighi nei confronti della prole (Cass. 22 novembre 2000, n. 150652 ) .

Se voglio divorziare, : cosa devo fare? Prima di divorziare bisogna procedere con le pratiche per la separazione, che può essere consensuale, quando c’è accordo tra i coniugi, o giudiziale, nel caso contrario. Dopo tre anni dall’udienza di comparizione davanti al giudice della separazione, e sempreché sia stata pronunciata quest’ultima, si può chiedere il divorzio. Il divorzio comporta la fine del matrimonio, ovverossia il venir meno del vincolo coniugale. Ricordiamo che solo il divorzio pone fine al matrimonio, la separazione resta una fase intermedia tra matrimonio e divorzio. Rimane, però, un vincolo di solidarietà sul piano economico, da cui sorge il diritto all’assegno divorzile per il coniuge che non abbia mezzi economici adeguati a conservare il tenore di vita goduto durante la convivenza matrimoniale.In realtà quindi bisogna provvedere al mantenimento del coniuge economicamente debole. L’accertamento del giudice deve tenere conto non solo del reddito lavorativo, ma di ogni genere di entrata, compresa la titolarità di cespiti patrimoniali.

Voglio risposarmi ma da anni è in corso la causa di separazione come devo fare? E’ possibile accelerare i tempi del divorzio chiedendo, nella causa di separazione, una sentenza parziale: in tal caso, pur proseguendo la causa di separazione per definire le questioni in gioco (quali affidamento dei figli e assegno di mantenimento) è consentito introdurre contemporaneamente il giudizio per ildivorzio. In ogni caso, è imprescindibile che siano trascorsi tre anni dalla comparizione delle parti davanti al presidente del tribunale nel giudizio di separazione e che sia stata pronunciata sentenza definitiva di separazione. A chi dei due coniugi spetta l’assegnazione, della casa familiare? Nel nuovo assetto determinato dalla legge n. 54/2006 (cd. legge sull’affidamento condiviso), resta salvo il principio per cui la casa familiare, viene assegnata tenendo conto, prioritariamente, delle esigenze dei figli. Ciò comporta che la casa venga assegnata al genitore presso il cui quale continuerà ad abitare il figlio (minorenne o maggiorenne non economicamente autonomo).

La novità rispetto al sistema previgente è dato dalla previsione esplicita che l’assegnazione della casa all’uno o all’altro coniuge costituisce fattore di rilievo economico, di cui il giudice deve tenere conto nella determinazione dell’assetto economico della separazione. Qualora non vi siano figli, l’abitazione familiare non può essere assegnata ad alcuno dei coniugi. Nella separazione quali diritti hanno i figli? Nei casi di separazione e divorzio, la legge prevede oggigiorno, a seguito della riforma intervenuta nel 2006, l’affidamento condiviso dei figli, come regola generale. L’affidamento condiviso è essenziale per garantire ai figli la cd. bigenitorialità, e cioè un apporto paritario, da parte dei genitori, sia sul piano relazionale-affettivo, sia sul piano educativo. Vi sono poi deroghe in casi del tutto eccezionali, tra i quali non può farsi rientrare la conflittualità tra i genitori. Se così fosse – come ha spiegato la Cassazione – l’eccezione dovrebbe diventare regola, dato l’elevatissimo numero di separazioni conflittuali. Come deve essere regolato l’assegno di mantenimento per i figli nella separazione? Anche per il mantenimento dei figli la riforma sull’affidamento condiviso ha apportato importanti modifiche. Non vale più la regola per cui spetta al genitore non affidatario (generalmente il padre) corrispondere all’altro un assegno mensile, ma questo assegno – detto oggi ‘perequativo’ – è dovuto soltanto se sussista una sostanziale disparità di reddito tra i genitori. Dovrebbe valere, in generale, il criterio del mantenimento diretto. Per determinare l’ammontare dell’ assegno perequativo, occorre poi fare riferimento ad una serie di parametri indicati dalla legge, tra cui i tempi di permanenza del figlio presso l’uno e l’altro genitore e altresì la disponibilità della casa familiare.

Con una sentenza che lascerà spazio a qualche perplessità, la Cassazione stabilisce che in tema di assegno di mantenimento da parte dell’altro coniuge, non è sufficiente allegare meramente uno stato di disoccupazione, dovendosi verificare, avuto riguardo a tutte le circostanze concrete del caso, la possibilità del coniuge richiedente di collocarsi o meno utilmente, ed in relazione alle proprie attitudini, nel mercato del lavoro. Si tratta della sentenza 9-27 dicembre 2011, n. 28870 rilasciata nello stesso giorno in cui la stessa Cassazione ha stabilito che l’ex moglie ha diritto all’assegno di divorzioanche se lavora e percepisce un reddito proprio. In realtà, i due casi sono basati su presupposti diversi anche se riconducibili alla situazione di disagio lavorativo in cui versano i singoli.ù

la tua separazione a bologna! chiedi una consulenza avvocato separazioni e divorzi bologna

La tua separazione a Bologna! chiedi una consulenza

1)Ma devi separarti?

2) Hai dei dubbi e non sai come comportarti?

3)vuoi sapere dopo anni di matrimonio i tuoi diritti ?

4) tuo marito o tua moglie ti ha tradito e non la mandi giù ?

 

Tante volte ricevo clienti che devono consensualmente fare una separazione. Mi viene spesso chiesto che costi vi possono essere. Questo dipende da una serie di fattori, come ad esempio se vi é un immobile da dividere all’interno della separazione o piu’ immobili, se i coniugi hanno problematiche accese riguardo all’affido dei figli, se vi sono serie problematiche di reddito, ovvero se occorre l’assegno di mantenimento, oppure l’assegno per i figli. Chiama l’avvocato sergio armaroli 051 6447838.Chiedi una consulenza.

separazione dei coniugi,valutazione della capacità reddituale,cassazione 2014/130.

SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE

  1. DOMANDA ma separarsi è una cosa facile?
  2. RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere!
  3. DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione?
  4. RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento

1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

 

RISPOSTA

Con la separazione consensuale che è molto piu’ agevole economica e veloce i coniugi trovano un accordo sulla separazione, cioè preparano un ricorso congiunto con lo stesso avvocato che contiene le condizioni di separazione quali la casa coniugale a chi va, i figli come vengono affidati e i beni come vanno divisi, e infine circa l’assegno di mantenimento .

La separazione giudiziale è una causa ordinaria e si fa quando i coniugi non trovano l’accordo puo’ durar eanni e spesso è assai costosa .

2)DOMANDA   Dopo quanto tempo dalla separazione si può chiedere il divorzio?

 

RISPOSTAIl termine di un anno (o di sei mesi in caso di separazione consensuale) di ininterrotta separazione a far tempo dalla comparizione dei coniugi davanti al presidente del tribunale, previsto dall’ articolo 3 n. 2 lett. b), legge n. 898 del 1970, per la proponibilità della domanda di divorzio, decorre dall’udienza presidenziale

 

3)DOMANDA Che cosa comporta la dichiarazione di addebito?

RISPOSTA: La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione, con sentenza n. 13431 del 2008 ha stabilito che “la dichiarazione di addebito della separazione richiede la prova che la irreversibilità della crisi coniugale sia collegabile al comportamento contrario ai doveri nascenti dal matrimonio di uno o di entrambi i coniugi, sussistendo un nesso di causalità fra di esso e il determinarsi dell’intollerabilità della convivenza”.

Con la dichiarazione di addebito il coniuge non puo’ chiedere l’assegno di mantenimento .

  1. Nella separazione giudiziale, la dichiarazione di addebito implica la prova che l’irreversibile crisi coniugale sia ricollegabile esclusivamente al comportamento volontariamente e consapevolmente contrario ai doveri nascenti dal matrimonio di uno o di entrambi i coniugi, ovverosia che sussista un nesso di causalità tra i comportamenti addebitati ed il determinarsi dell’intollerabilità dell’ulteriore convivenza; pertanto, in caso di mancato raggiungimento della prova che il comportamento contrario ai predetti doveri tenuto da uno dei coniugi, o da entrambi, sia stato la causa efficiente del fallimento della convivenza, legittimamente viene pronunciata la separazione senza
  2. ai fini dell’addebitabilità della separazione il Giudice di merito deve accertare se la frattura del rapporto coniugale sia stata provocata dal comportamento oggettivamente trasgressivo di uno o di entrambi i coniugi, e quindi se sussista un rapporto di causalità tra detto comportamento ed il verificarsi dell’intollerabilità dell’ulteriore convivenza, o se piuttosto la violazione dei doveri che l’ 143 c.c.pone a carico dei coniugi sia avvenuta quando era già maturata una situazione di crisi del vincolo coniugale, o per effetto di essa» (Cass. 2012 n. 8862; Cass. 2012 n. 8873; Cass. Sez. I, 2010, n. 21245; Cass. 2001, n. 12130; Cass. Sez. I, 1999, n 7566).

4)DOMANDA E’ possibile secondo la legge abbandonare la casa familiare, senza aver fatto la separazione legale?

RISPOSTA No Nella fase iniziale della crisi di coppia, ovvero quando il rapporto culmina in una rottura insanabile del menage familiare, desta particolare preoccupazione l’allontanamento della casa coniugale con i figli minori, appunto, prima della separazione da parte del padre o della madre. 

Secondo la giurisprudenza, il comportamento “astrattamente” colpevole di uno dei coniugi può dar luogo all’addebito solo se è esso stesso causa della rottura e non piuttosto la conseguenza di una crisi già in atto.

Così, ad esempio, anche il tradimento è stato considerato perdonabile laddove la coppia abbia ormai smesso di avere rapporti e sia ormai divisa oltre che fisicamente anche moralmente. l coniuge che abbandona il tetto coniugale senza una “giusta causa” viola i doveri coniugali ex art. 143 c.c.esponendosi, così, al rischio di vedersi addebitare la separazione, con tutte le conseguenze del caso (si pensi alla perdita del diritto all’assegno di mantenimento).

 

 ADDD1SCRITTA

5)DOMANDA Una volta iniziata la separazione giudiziale, è possibile trasformarla in consensuale?

RISPOSTA

Assolutamente si in ogni momento, anzi capita molto spesso che in corso di causa i clienti trovino un accordo e trasformino la giudiziale in consensuale 

6)DOMANDA  successivamente  la sentenza di separazione giudiziale o l’omologa della separazione consensuale, posso chiedere la modifica delle condizioni di separazione?

 

RISPOSTA: L’art. 155 ter c.c. stabilisce che “i genitori hanno il diritto di chiedere in ogni tempo la revisione delle disposizioni concernenti l’affidamento dei figli, l’attribuzione dell’esercizio della potestà su di essi e delle eventuali disposizioni relative alla misura e alla modalità dell’assegno di mantenimento”. Quindi è possibile chieder ela modifica se ricorrono i presupposti

7)DOMANDA come si stabilisce l’affidamento dei figli all’uno o all’altro genitore?

RISPOSTA secondo l’interesse del minore, tenendo presente che se molto piccoli quasi sempre vanno affidati alla madre 

8)DOMANDA Che cosa prevede la legge per il mantenimento dei figli?

alibbri e artelloRISPOSTA: Sia il padre che la madre secondo le loro possibilità dovranno continuare a provvedere all’educazione e istruzione dei figli: perciò il genitore a cui non sono stati affidati dovrà contribuire economicamente, dando un assegno determinato da suo reddito

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» UNIONI CIVILI AVVOCATO UNIONI CIVILI BOLOGNA. FAMIGLIA DI FATTO BOLOGNA CHIAMA unioni civili cosa comporta unioni civili cosa cambia cosa vuol dire unioni civili cosa significa unioni civili cosa sono unioni civili quando unioni civili quando perché unioni civili

» DIVORZIO CASSAZIONE :ADDIO TENORE DI VITA !! CRITERIO DELLA AUTORESPONSABILITA’ ECONOMICA-AVVOCATO A BOLOGNAdivorzio bologna miglior avvocato divorzista bologna migliori avvocati divorzisti bologna elenco avvocati divorzisti bologna divorzio breve bologna avvocati bologna separazione avvocati specializzati in diritto di famiglia bologna avvocati matrimonialisti di bolognaMATRIMONIALISTA

» SEpaRAzione BoLoGNA DiVORzio BoLoGna ?DivoRzIo BreVe BoLoGna ?ChiamA SubiTO

» DiVORzio BoLoGna ?DivoRzIo BreVe BoLoGna ?ChiamA SubiTO AVVOCATO DIVORZIO BOLOGNA

» PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI

» BOLOGNA AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA ASSEGNO DIVORZILE COME PUOI OTTENERLO !! Ai sensi della L. n. 898 del 1970, art. 5, l’accertamento del diritto all’assegno divorzile deve essere effettuato verificando l’inadeguatezza dei mezzi del coniuge richiedente, raffrontati ad un tenore di vita analogo a quello avuto in costanza di matrimonio e che sarebbe presumibilmente proseguito in caso di continuazione dello stesso o quale poteva legittimamente e ragionevolmente configurarsi sulla base di aspettative maturate nel corso del rapporto, mentre la liquidazione in concreto dell’assegno, ove sia riconosciuto tale diritto per non essere il coniuge richiedente in grado di mantenere con i propri mezzi detto tenore di vita, va compiuta tenendo conto delle condizioni dei coniugi, delle ragioni della decisione e del contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare ed alla formazione del patrimonio di ognuno e di quello comune, nonché del reddito di entrambi, valutandosi tutti i suddetti elementi anche in rapporto alla durata del matrimonio (cfr. ex plurimis, Cass., Sez. 1, 15 maggio 2013, n. 11686; 12 luglio 2007, n. 15611).

» SEPARARSI A BOLOGNA? COME FARE? la responsabilità tra coniuge o del genitore nei confronti del figlio

» SEPARAZIONE MARITO MOGLIE BOLOGNA BENEFICIO PRIMA CASA, RESIDENZA REQUISITO AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA L’Agenzia delle entrate ha notificato al contribuente un avviso di liquidazione col quale ha recuperato le maggiori somme dovute a titolo di imposta di registro, imposta ipocatastale e imposta sostitutiva sul mutuo ipotecario, a seguito della decadenza dalle agevolazioni per l’acquisto della prima casa e del connesso mutuo fondiario. Ciò in quanto, nell’arco dei diciotto mesi dall’acquisto, il rogito relativo al quale è stato registrato in data 27 marzo 2008, A.S.G. non aveva stabilito la propria residenza nel Comune dov’è ubicato l’immobile acquistato.

» SEPARAZIONE BOLOGNA LITE TRA CONIUGI BOLOGNA CHIAMA SUBITO SEPARATI NON ASPETTARE convivenza difficile, conflittuale, in cui vengono a mancare i doveri di solidarietà tra coniugi, ma non risultano sottolineati fatti in grado di realizzare una pregnante offesa della integrità psicofisica della vittima

» Mój cel? Twoje zadowolenie! ZADZWOŃ TERAZ !!! 051.6447838 Rozwód i separacja za obopólną zgodą: koszty czasu, lepiej wybrać kompromisowego separację: adwokata do rozwodu trwania umowy separacji Bolonia koszt adwokat adwokat pismo konsensusie separacja separacja separacja adwokat adwokat separacji ugodowe separacji oddzielenie consensual jakie koszty i którego godzinach: czasy zmniejszona zmniejszonych kosztach jeśli nie jest “porozumieniem małżonków pytania i akcjami na przybranych dzieci. prawnik, który słucha klientów: call prawnika sergio armaroli 051/6447838 AS13 Ja nie mówię, że separacja i rozwód są proste rzeczy, dlaczego “NIE MIEĆ !! ROZWÓD PRAWNIK BOLOGNA

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» CORTE APPELLO BOLOGNA TRIBUNALE DI BOLOGNA DANNO JURE PROPRIO IN INCIDENTE MORTALE La Corte si e’ soffermata sulla natura delle tabelle milanesi e sul come la loro inosservanza si ponga rispetto ai paradigmi dell’articolo 360 c.p.c., nella sentenza n. 4447 del 2014. In detta decisione la Corte si e’ soffermata su quello che ha individuato come il problema della “ritualita’ della deduzione come violazione di norma di diritto delle c.d. tabelle milanesi” ed ha svolto le seguenti considerazioni.

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI CESENA FORLI VEDOVO VEDOVA ESTROMESSI DA EREDITA’ DIRITTI DEI VEDOVI

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna