Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

ROVIGO, VICENZA, VERONA VITTIMA DI MALASANITA’ ? AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI

 

avvocato malasanità Bologna, studio legale avvocato Sergio Armaroli

avvocato malasanità Bologna, studio legale avvocato Sergio Armaroli

 

  1. BOLOGNA ,ROVIGO, VICENZA, VERONA come fare una denuncia di malasanità avvocato penalista Bologna
  2. ROVIGO, VICENZA, VERONA come fare una denuncia per malasanità
  3. ROVIGO, VICENZA, VERONA come si denuncia un caso di malasanità
  4. AINAINMALASANITA'DIRITTINEWSROVIGO, VICENZA, VERONA come fare denuncia per malasanità
  5. ROVIGO, VICENZA, VERONA malasanità dove denunciare
  6. ROVIGO, VICENZA, VERONA VITTIMA DI MALASANITA’ ?
  7. AVVOCATO PENALISTA   BOLOGNA SERGIO ARMAROLI
  8. malasanità
    avvocato malasanità Bologna, studio legale avvocato Sergio Armaroli
L’autonoma rilevanza della condotta di adempimento della dovuta prestazione medica ne impone infatti l’autonoma valutazione rispetto alla vicenda dell’acquisizione del consenso informato, dovendo al riguardo invero accertarsi se le conseguenze dannose successivamente verificatesi siano, sotto il profilo del piu’ probabile che non (cfr., da ultimo, Cass., 26/7/2012, n. 13214; Cass., 27/4/2010, n. 10060), da considerarsi ad essa causalmente astrette. Con l’ulteriore avvertenza che, trattandosi di condotta attiva, e non gia’ passiva, non vi e’ nella specie luogo a giudizio contraffattuale (cfr.Cass., 6/6/2014, n. 12830).
 
avvocato malasanità Bologna, studio legale avvocato Sergio Armaroli
avvocato malasanità Bologna, studio legale avvocato Sergio Armaroli
  • ROVIGO, VICENZA, VERONA VITTIMA DI MALASANITA’ ?
  • AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI
  • Il consenso informato attiene al diritto fondamentale della persona all’espressione della consapevole adesione al trattamento sanitario proposto dal medico (cfr. Corte Cost., 23/12/2008, n. 438), e quindi alla libera e consapevole autodeterminazione del paziente (v. Cass., 6/6/2014, n. 12830), atteso che nessuno puo’ essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge (anche quest’ultima non potendo peraltro in ogni caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana: articolo 32 Cost., comma 2).
  •  
    Responsabilità medica avvocato risarcimento in tutta Italia: Rovigo,Vicenza,Napoli Bologna ecc ecc a Bologna
    Responsabilità medica avvocato risarcimento in tutta Italia: Rovigo,Vicenza,Napoli Bologna ecc ecc
  • Il trattamento medico terapeutico ha viceversa riguardo alla tutela del (diverso) diritto fondamentale alla salute (articolo 32 Cost., comma 1) (v. Cass., 6/6/2014, n. 12830).
  •  
  • Orbene laddove, nel condividere le conclusioni del giudice di prime cure, ha nell’impugnata sentenza affermato che “il Tribunale ha ritenuto che, in questo caso, il danno da mancato consenso informato coincida in sostanza con l’intero danno derivato dalla esecuzione dell’intervento”, in tal senso dovendo “essere inteso il rilievo del primo giudice sulla irrilevanza, in concreto, della questione relativa alla opportunita’ o meno, nel merito, della scelta di intervenire chirurgicamente”, la corte di merito ha invero disatteso il suindicato principio.
  •  
  • Responsabilità medica avvocato risarcimento in tutta Italia: Rovigo,Vicenza,Napoli Bologna ecc ecc Legale Bologna
    Responsabilità medica avvocato risarcimento in tutta Italia: Rovigo,Vicenza,Napoli Bologna ecc ecc
     
  • Corte di Cassazione, Sezione 3 civile, Sentenza 13 febbraio 2015, n. 2854
  • Avvocato malasanità Milano Avvocato malasanità Roma Avvocato malasanità Napoli Avvocato malasanità Torino Avvocato malasanità Avellino Avvocato malasanità Benevento Avvocato malasanità Caserta Avvocato malasanità Frosinone Avvocato malasanità Latina Avvocato malasanità Salerno Avvocato malasanità Varese Avvocato malasanità Pavia Avvocato malasanità Monza Brianza Avvocato malasanità Lecco Avvocato malasanità Como Avvocato malasanità Bergamo Avvocato malasanità Gorizia Avvocato malasanità Trieste Avvocato malasanità Udine Avvocato malasanità Vicenza Avvocato malasanità Verona Avvocato malasanità Belluno Avvocato malasanità Pordenone Avvocato malasanità Treviso Avvocato malasanità Vercelli Avvocato malasanità Verbania Avvocato malasanità Novara Avvocato malasanità Cuneo Avvocato malasanità Biella Avvocato malasanità Aosta Avvocato malasanità Asti Avvocato malasanità Alessandria Avvocato malasanità Terni Avvocato malasanità Viterbo Avvocato malasanità Rovigo Avvocato malasanità Padova Avvocato malasanità Messina Avvocato malasanità Siena Avvocato malasanità Prato Avvocato malasanità Firen

    Avvocato malasanità Milano
    Avvocato malasanità Roma
    Avvocato malasanità Napoli
    Avvocato malasanità Torino
    Avvocato malasanità Avellino
    Avvocato malasanità Benevento
    Avvocato malasanità Caserta
    Avvocato malasanità Frosinone
    Avvocato malasanità Latina
    Avvocato malasanità Salerno
    Avvocato malasanità Varese
    Avvocato malasanità Pavia
    Avvocato malasanità Monza Brianza
    Avvocato malasanità Lecco
    Avvocato malasanità Como
    Avvocato malasanità Bergamo
    Avvocato malasanità Gorizia
    Avvocato malasanità Trieste
    Avvocato malasanità Udine
    Avvocato malasanità Vicenza
    Avvocato malasanità Verona
    Avvocato malasanità Belluno
    Avvocato malasanità Pordenone
    Avvocato malasanità Treviso
    Avvocato malasanità Vercelli
    Avvocato malasanità Verbania
    Avvocato malasanità Novara
    Avvocato malasanità Cuneo
    Avvocato malasanità Biella
    Avvocato malasanità Aosta
    Avvocato malasanità Asti
    Avvocato malasanità Alessandria
    Avvocato malasanità Terni
    Avvocato malasanità Viterbo
    Avvocato malasanità Rovigo
    Avvocato malasanità Padova
    Avvocato malasanità Messina
    Avvocato malasanità Siena
    Avvocato malasanità Prato
    Avvocato malasanità Firen

  • AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI
  • REPUBBLICA ITALIANA
  • IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
  • LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
  • SEZIONE TERZA CIVILE
  • Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
  • Dott. BERRUTI Giuseppe Maria – Presidente
  • Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Consigliere
  • Dott. SCARANO Luigi Alessandro – rel. Consigliere
  • Dott. RUBINO Lina – Consigliere
  • Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere
  • ha pronunciato la seguente:
  • SENTENZA
  • 123 foto dottre nero grande
    avvocato malasanità Bologna, studio legale avvocato Sergio Armaroli
    sul ricorso 16984/2012 proposto da:
  • (OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS), giusta procura speciale a margine del ricorso;
  • – ricorrente –
  • contro
  • (OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS) giusta procura speciale a margine del controricorso;
  • (OMISSIS) (GIA’ (OMISSIS)) SPA in persona del legale rappresentante pro tempore Prof. Avv. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dall’avvocato (OMISSIS) giusta procura speciale a margine del controricorso;
  • (OMISSIS) LTD in persona dei Sigg. (OMISSIS) e (OMISSIS) legali rappresentanti pro tempore, elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente agli avvocati (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS) giusta procura speciale in calce al controricorso;
  • (OMISSIS) SPA incorporante per fusione della (OMISSIS) in persona del legale rappresentante pro tempore Dott. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS) giusta procura speciale in calce al controricorso;
  • – controricorrenti –
  • avverso la sentenza n. 58/2012 della CORTE D’APPELLO di BRESCIA, depositata il 19/01/2012, R.G.N. 1721/2006;
  • udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 10/11/2014 dal Consigliere Dott. LUIGI ALESSANDRO SCARANO;
  • udito l’Avvocato (OMISSIS) per delega;
  • udito l’Avvocato (OMISSIS) per delega;
  • udito l’Avvocato (OMISSIS);
  • udito l’Avvocato (OMISSIS) per delega;
  • udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CORASANITI Giuseppe, che ha concluso per l’inammissibilita’ in subordine rigetto.
  • SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
  • Con sentenza del 19/1/2012 la Corte d’Appello di Brescia ha respinto il gravame interposto dal sig. (OMISSIS) nei confronti della pronunzia Trib. Brescia n. 3893/05, di parziale accoglimento della domanda proposta nei confronti della (OMISSIS) e del sig. (OMISSIS) di risarcimento dei danni subiti in conseguenza di intervento chirurgico in artroscopia al ginocchio sinistro da quest’ultimo nella sua qualita’ di medico effettuatogli presso la predetta struttura sanitaria in data (OMISSIS).
  • All’esito di tale intervento l’ (OMISSIS) deduceva di essere stato infatti costretto ad un secondo intervento in artroscopia in data (OMISSIS), nonche’ a successivi periodi di degenza, anche domiciliare, visite e terapie, con quadro clinico che era andato ciononostante sempre piu’ peggiorando, con “comparsa di tumefazione, dolore ed impotenza funzionale oltre che del ginocchio sinistro anche della caviglia destra e del gomito sinistro”.
  • A fronte “di siffatto protrarsi ed aggravarsi dello stato patologico” il (OMISSIS) si era reso necessario il ricovero “presso il 2 reparto di medicina generale degli Spedali Civili Di (OMISSIS) con la diagnosi di poliartrite gottosa e febbre, ove era stato “sottoposto ad intensa terapia antibiotica ed antinfiammatoria, ed a ripetute incisioni chirurgiche delle tre articolazioni tumefatte”, per essere quindi trasferito presso l’ (OMISSIS) di (OMISSIS), ove era rimasto degente fino al (OMISSIS).
  • Avverso la suindicata pronunzia della corte di merito l’ (OMISSIS) propone ora ricorso per cassazione, affidato a 4 motivi, illustrati da memoria.
  • Resistono con separati controricorsi il (OMISSIS), l’ (OMISSIS) s.p.a. (gia’ (OMISSIS) s.p.a. ), la societa’ (OMISSIS) s.p.a. (gia’ (OMISSIS) s.p.a., incorporante per fusione la societa’ (OMISSIS) s.p.a. ), la (OMISSIS) Ltd., che hanno tutti presentato anche memoria.
  • L’altra intimata non ha svolto attivita’ difensiva.
  • MOTIVI DELLA DECISIONE
Con il 1 motivo il ricorrente denunzia violazione dell’articolo 100 c.p.c., in riferimento all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4; nonche’ “insufficiente, illogica e contraddittoria” motivazione su punto decisivo della controversia, in riferimento all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5.
Si duole che la corte di merito abbia rigettato per carenza di interesse la censura mossa alla sentenza del giudice di prime cure in ordine ai profili di colpa del (OMISSIS), pur essendo stato invero ritenuto “inappropriato e rischioso” (soffrendo egli di gotta) l’intervento in artroscopia dal medesimo effettuatogli, erroneamente ritenendo “l’irrilevanza dello stabilire se la scelta chirurgica operata dal convenuto fosse o meno giustificata ed opportuna”, nonche’ erroneamente affermando doversi “ritenere assorbente di ogni altro aspetto della sua responsabilita’ il fatto della mancata acquisizione del consenso informato del paziente”.
Lamenta che l'”illogicita’ della tesi e della correlativa reiezione del motivo di appello” emerge laddove “secondo la Corte territoriale l’interesse al riconoscimento formale di altri profili di colpa medica oltre a quello della mancanza del consenso informato sussisterebbe nella specie solo per le eventuali scorrette modalita’ di esecuzione dell’atto operatorio o per la inappropriata strumentazione utilizzata o per la inadeguata assistenza predisposta dalla clinica…. Ma non sussiste invece per il riconoscimento della inopportunita’ della scelta dell’intervento chirurgico in quanto il danno non puo’ ritenersi collegato a detta scelta e quindi non sussiste interesse a che detta inopportunita’ sia oggetto di espresso riconoscimento, di una formale pronuncia”.
Con il 2 motivo il ricorrente denunzia violazione dell’articolo 115 c.p.c., in riferimento all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4; nonche’ “insufficiente e contraddittoria” motivazione su punti decisivi della controversia, in riferimento all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5.
Si duole che la corte di merito abbia erroneamente escluso che lo stato di malattia sia proseguito ininterrottamente dal primo intervento in artroscopia fino alla fine della degenza a (OMISSIS), erroneamente valutando le emergenze processuali e pur non essendo state le circostanze contestate da controparte.
Con il 3 motivo denunzia “omessa, insufficiente, illogica, contraddittoria” motivazione su punti decisivi della controversia, in riferimento all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5.
Si duole che la corte di merito abbia acriticamente aderito, oltretutto travisandole, alle conclusioni del CTU.
Con il 4 motivo denunzia violazione dell’articolo 100 c.p.c., in riferimento all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 4; nonche’ “insufficiente e contraddittoria” motivazione su punti decisivi della controversia, in riferimento all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5.
Si duole che la corte di merito non abbia tenuto conto delle visite domiciliari effettuate dal (OMISSIS) in epoca successiva all’intervento operatorio de quo, le quali “hanno comportato la prosecuzione della relazione terapeutica tra medico e paziente e hanno fatto del dr. (OMISSIS)… il titolare di una posizione di garanzia nei confronti dell’attore anche nel tempo successivo alla dimissione”.
Il 1 motivo e’ fondato e va accolto nei termini di seguito indicati.
Va anzitutto osservato che come questa Corte ha gia’ avuto modo di affermare, l’obbligo del consenso informato costituisce legittimazione e fondamento del trattamento sanitario senza il quale l’intervento del medico e’ – al di fuori dei casi di trattamento sanitario per legge obbligatorio o in cui ricorra uno stato di necessita’ – sicuramente illecito, anche – quando e’ nell’interesse del paziente (v. Cass., 16/10/2007, n. 21748).
Ai sensi dell’articolo 32 Cost., comma 2, (in base al quale nessuno puo’ essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge), dell’articolo 13 Cost. (che garantisce l’inviolabilita’ della liberta’ personale con riferimento anche alla liberta’ di salvaguardia della propria salute e della propria integrita’ fisica) e della Legge n. 833 del 1978, articolo 33, (che esclude la possibilita’ d’accertamenti e di trattamenti sanitari contro la volonta’ del paziente, se questo e’ in grado di prestarlo e non ricorrono i presupposti dello stato di necessita’ ex articolo 54 c.p.), esso e’ a carico del sanitario, il quale, una volta richiesto dal paziente dell’esecuzione di un determinato trattamento, decide in piena autonomia secondo la lex artis di accogliere la richiesta e di darvi corso.
Trattasi di obbligo che attiene all’informazione circa le prevedibili conseguenze del trattamento cui il paziente viene sottoposto, e in particolare al possibile verificarsi, in conseguenza dell’esecuzione del trattamento stesso (cfr. Cass., 13/4/2007, n. 8826; Cass., 30/7/2004, n. 14638), di un aggravamento delle condizioni di salute del paziente, al fine di porre quest’ultimo in condizione di consapevolmente consentire al trattamento sanitario prospettatogli (v. Cass., 14/3/2006, n. 5444).
Il medico ha pertanto il dovere di informare il paziente in ordine alla natura dell’intervento, alla portata dei possibili e probabili risultati conseguibili e delle implicazioni verificabili.
Si e’ al riguardo ulteriormente precisato che l’acquisizione da parte del medico del consenso informato costituisce prestazione altra e diversa da quella dell’intervento medico richiestogli, assumendo autonoma rilevanza ai fini dell’eventuale responsabilita’ risarcitoria in caso di mancata prestazione da parte del paziente (cfr. Cass., 16/05/2013, n. 11950, che ha ritenuto preclusa ex articolo 345 c.p.c., la proposizione nel giudizio di appello, per la prima volta, della domanda risarcitoria diretta a far valere la colpa professionale del medico nell’esecuzione di un intervento, in quanto costituente domanda nuova rispetto a quella – proposta in primo grado – basata sulla mancata prestazione del consenso informato, differente essendo il rispettivo fondamento).
Trattasi di due diritti distinti.
Il consenso informato attiene al diritto fondamentale della persona all’espressione della consapevole adesione al trattamento sanitario proposto dal medico (cfr. Corte Cost., 23/12/2008, n. 438), e quindi alla libera e consapevole autodeterminazione del paziente (v. Cass., 6/6/2014, n. 12830), atteso che nessuno puo’ essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge (anche quest’ultima non potendo peraltro in ogni caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana: articolo 32 Cost., comma 2).
 
Il trattamento medico terapeutico ha viceversa riguardo alla tutela del (diverso) diritto fondamentale alla salute (articolo 32 Cost., comma 1) (v. Cass., 6/6/2014, n. 12830).
 
Orbene laddove, nel condividere le conclusioni del giudice di prime cure, ha nell’impugnata sentenza affermato che “il Tribunale ha ritenuto che, in questo caso, il danno da mancato consenso informato coincida in sostanza con l’intero danno derivato dalla esecuzione dell’intervento”, in tal senso dovendo “essere inteso il rilievo del primo giudice sulla irrilevanza, in concreto, della questione relativa alla opportunita’ o meno, nel merito, della scelta di intervenire chirurgicamente”, la corte di merito ha invero disatteso il suindicato principio.
Pur avendo ritenuto colposa la condotta del medico ortopedico (OMISSIS), erroneamente la corte di merito ha infatti ritenuto il risarcimento del danno da errato (per avere poco prudentemente sottoposto l’ (OMISSIS) – sofferente di gotta – ad artroscopia con il rischio poi in effetti concretizzatosi di riacutizzazione flogistica) intervento medico assorbito dal liquidato risarcimento del danno da mancanza di consenso informato.
L’autonoma rilevanza della condotta di adempimento della dovuta prestazione medica ne impone infatti l’autonoma valutazione rispetto alla vicenda dell’acquisizione del consenso informato, dovendo al riguardo invero accertarsi se le conseguenze dannose successivamente verificatesi siano, sotto il profilo del piu’ probabile che non (cfr., da ultimo, Cass., 26/7/2012, n. 13214; Cass., 27/4/2010, n. 10060), da considerarsi ad essa causalmente astrette. Con l’ulteriore avvertenza che, trattandosi di condotta attiva, e non gia’ passiva, non vi e’ nella specie luogo a giudizio contraffattuale (cfr.Cass., 6/6/2014, n. 12830).
Dell’impugnata sentenza, assorbito ogni altro e diverso profilo, s’impone pertanto la cassazione in relazione, con rinvio ad altra corte di merito, che si indica nella Corte d’Appello di Milano, la quale procedera’ a nuovo esame della vicenda, facendo dei suindicati disattesi principi applicazione.
Il giudice di rinvio provvedera’ anche in ordine alle spese del giudizio di cassazione.
P.Q.M.
La Corte accoglie p.q.r. il 1 motivo di ricorso, assorbiti gli altri. Cassa in relazione l’impugnata sentenza e rinvia, anche per le spese del giudizio di cassazione, alla Corte d’Appello di Milano.
  1. ROVIGO ,VICENZA , VERONA malasanità come denunciare
 
ROVIGO, VICENZA, VERONA malasanità come procedere
 
ROVIGO, VICENZA, VERONA malasanità come muoversi
 
ROVIGO, VICENZA, VERONA come fare denuncia malasanità
 
ROVIGO, VICENZA, VERONA come difendersi dalla malasanità
 
ROVIGO, VICENZA, VERONA come si denuncia malasanità
 
ROVIGO, VICENZA, VERONA come denunciare per malasanità
 
ROVIGO, VICENZA, VERONA come fare una denuncia di malasanità
 
ROVIGO, VICENZA, VERONA come fare una denuncia per malasanità
 
ROVIGO, VICENZA, VERONA come si denuncia un caso di malasanità
 
ROVIGO, VICENZA, VERONA come fare denuncia per malasanità
 
ROVIGO, VICENZA, VERONA malasanità dove denunciare
 
 
 
risarcimento malasanità
 
risarcimento malasanità milano
 
risarcimento malasanità napoli
 
risarcimento malasanità torino
 
risarcimento malasanità tempi
 
risarcimento malasanità VICENZA
 
risarcimento malasanità bari
 
risarcimento malasanità trieste
 
risarcimento malasanità brescia
 
risarcimento malasanità morte
 
calcolo risarcimento malasanità
 
malasanita diritto risarcimento
 
risarcimento danni malasanita
 
tempi di risarcimento malasanita
 
risarcimento danni da malasanita’
 
risarcimento morte da malasanita
 
malasanita e risarcimento
 
malasanita e risarcimento ancona
 
risarcimento danni fisici malasanità
 
risarcimento per morte malasanità
 
maxi risarcimento malasanità
 
obiettivo risarcimento malasanità
 
risarcimento malasanità ROVIGO
 
risarcimento malasanità padova
 
risarcimento per malasanità ROVIGO
 
risarcimento danni malasanità prescrizione
 
risarcimento danni per malasanità
 
richiesta risarcimento per malasanità
 
obiettivo risarcimento per malasanita ROVIGO
 
casi di risarcimento per malasanita
 
come richiedere risarcimento per malasanità
 
pubblicità risarcimento malasanità
 
risarcimento malasanità roma
 
malasanità risarcimento danni roma
 
richiesta risarcimento malasanità
 
risarcimento malasanità
 
risarcimento malasanità sardegna
 
 
 
 
 
risarcimento danni malasanità treviso
 
tabelle risarcimento malasanità
 
termini risarcimento malasanità
 
risarcimento malasanità verona
 
 
Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» colpa medica cassazione penale colpa professionale del medico colpa medica penale contemporaneo cassazione civile, sez. iii, sentenza 08/03/2016 n° 4540 cassazione civile, sez. iii, sentenza 13/04/2015 n° 7354 legge, 08/03/2017 n° 24, g.u. 17/03/2017 errore medico

» MALASANITA’ RESPONSABILITA’ MEDICA DANNO PATRIMONIALE E NON PATRIMONIALE

» Malasanita’ danno la responsabilità medica: cosa è e come funziona Il medico, è responsabile di eventuali danni cagionati con la conseguenza che il danneggiato ha diritto a un risarcimento.

» CONSENSO INFORMATO INTERVENTO CHIRURGICO laparatomia, una isterectomia totale, una anessectomia bilaterale, una appendicectomia ed omentectomia. p.1. D.S.S. ha proposto ricorso per cassazione contro l’Azienda A.U.S.L. di Chieti, B.U., R. G. e C.F., nonchè contro la Unipol Assicurazioni s.p.a. (incorporante per fusione l’Aurora Assicurazioni s.p.a., già Siad Ass.ni. s.p.a.) e la Sara Assicurazioni s.p.a., l’Assitalia – Le Assicurazioni d’Italia s.p.a., la Milano Assicurazioni s.p.a., la s.p.a. Reale Mutua Assicurazioni, la Zurigo Assicurazioni s.p.a., la Assicurazioni Generali s.p.a. e la Lloyd Adriatico s.p.a., avverso la sentenza del 13 settembre 2011, con la quale la Corte d’Appello di L’Aquila ha rigettato il suo appello contro la sentenza resa in primo grado inter partes dal Tribunale di Chieti il 3 marzo 2004 sulla controversia introdotta da essa ricorrente nel dicembre del 1997 per ottenere il risarcimento dei danni a suo dire sofferti in occasione di un intervento chirurgico cui si era sottoposta il 24 novembre 1995 presso l’Ospedale di Chieti.

» BLEFAROPLASTICA DANNO RISARCIMENTO 4) I motivi precedenti danno modo di provare che anche ove si volesse ritenere applicabile al caso di specie l’articolo 1176 anziché l’articolo 2236 Cc., si dovrebbe comunque escludere qualunque responsabilità in capo al dott. S.. Non è stata dimostrata alcun tipo di negligenza, lieve o grave e, nel contempo, difetta totalmente la prova del nesso di causalità. Il motivo non può essere accolto in quanto la decisione impugnata è fondata su una motivazione sufficiente,logica, non contraddittoria e rispettosa della normativa in questione.

» mastoplastica additiva chirurgico di mastoplastica additiva bilaterale RISARCIMENTO DANNI AVVOCATO RICHIESTA Blefaroplastica Lifting Mastoplastica Additiva Liposuzione è una tecnica chirurgica che consiste nell’asportazione di parte del tessuto adiposo sottocutaneo attraverso una cannula aspiratrice Acido Ialuronico e BotulinoLo scopo del trattamento con i filler all’acido ialuronico è correggere le rughe attraverso il riempimento del derma con acido ialuronico. Questo acido che nel nostro corpo idrata e dà volume alla pelle, invecchiando, si riduce, creando rughe e segni sul viso.

» DANNO MASTOPLASTICA ADDITTIVA RISARCIMENTO CHIRURGIA ESTETICA AVVOCATO esPERTOrisarcimento danni chirurgia estetica danni estetici risarcimento risarcimento danni mastoplastica additiva chirurgia estetica obbligazione di risultato risarcimento danni intervento estetico danni da chirurgia estetica risarcimento mastoplastica additiva mastoplastica additiva errataQuante donne con la speranza di migliorare il loro aspetto e di sentirsi meglio con loro stesse fanno operazioni estetiche di mastoplastica addittive o riduttive?

» DANNO DA INFEZIONE OSPEDALIERA BOLOGNA PROVA RISARCIMENTO DANNI MALASANITA’ DA INFEZIONI OSPEDALE

» BOLOGNA TRASPORTATO INCIDENTE AVVOCATO risarcimento assicurazione per incidente mortale-risarcimento danni incidente stradale passeggero-risarcimento danni gravi sinistri della strada

» 3 Chiunque, abbandonando il domicilio domestico [452, 1432, 146 c.c.], o comunque serbando una condotta contraria all’ordine o alla morale delle famiglie, si sottrae agli obblighi di assistenza inerenti alla potestà dei genitori (1) [147, 316 c.c.]o alla qualità di coniuge [143, 146 c.c.], è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa da 103 euro a 1.032 euro.

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA FAENZ ALUGO IMOLA Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti)

» AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI RIMINI CESENA RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI I conviventi di fatto possono disciplinare i rapporti patrimoniali relativi alla loro vita in comune con la sottoscrizione di un contratto di convivenza. 51. Il contratto di cui al comma 50, le sue modifiche e la sua risoluzione sono redatti in forma scritta, a pena di nullita’, con atto pubblico o scrittura privata con sottoscrizione autenticata da un notaio o da un avvocato che ne attestano la conformita’ alle norme imperative e all’ordine pubblico.

» DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA FAENZA RIMINI AVVOCATO DIVORZIO CHIAMA SUBITO COSA ASPETTI? Corte Costituzionale Sentenza 9 – 11 febbraio 2015, n. 11 Presidente Criscuolo – Redattore Morelli Sentenza

» EREDE QUOTA PRELAZIONE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA PADOVA, RAVENNA RIMINI CESENA FORLI QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TRIB ROVIGO CONCORDATO PREVENTIVO COLLABORAZIONE TRA IMPRENDITORE E COMMISSARI –AVVOCATO PER CONCORDATO PREVENTIVO osservato come l’orientamento espresso dalla Suprema Corte in altra sede conforti il principio espresso di necessaria collaborazione tra l’imprenditore e i commissari (“il termine fissato dal tribunale, ai sensi dell’art. 163 l.fall., per il deposito della somma che si presume necessaria per l’intera procedura ha carattere perentorio, atteso che la prosecuzione di quest’ultima richiede la piena disponibilità, da parte del commissario, dell’importo a tal fine destinato e questa esigenza può essere soddisfatta soltanto con la preventiva costituzione del fondo nel rispetto del predetto termine, da considerarsi quindi improrogabile, con conseguente inefficacia del deposito tardivamente effettuato” Cass. 21 aprile 2016, n. 8100; conf. Cass., 23 settembre 2016, n. 18704, Cass., 22 novembre 2012, n. 20667)

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TESTAMENTO EREDE ESTROMESSO ,COME RISOLVERE, AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA RAVENNA MODENA ROVIGO RIMINI CESENA FORLI il principio di intangibilità della legittima comporta che i diritti del legittimario debbano essere soddisfatti con beni o denaro provenienti dall’asse ereditario, con la conseguenza che l’eventuale divisione operata dal testatore contenente la disposizione per la quale le ragioni ereditarie di un riservatario debbano essere soddisfatte dagli eredi tra cui è divisa l’eredità’ mediante corresponsione di somma di denaro non compresa nel relictum è’ affetta da nullità ex art. 735, primo comma, cod. civ.”

» SPOSARSI E’ FACILE E’ SEPARARSI E DIVORZIARE CHE E’ DIFFICILE AVVOCATO MATRIMONIALISTA DIVORZISTA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI

» CONCORDATO PREVENTIVO AVVOCATO PER RICHIESTA CONCORDATO DELLE SPA ex art. 161, comma 6, la domanda di concordato deve essere dichiarata inammissibile dal tribunale, ai sensi della L. Fall., art. 162, comma 2 Va tuttavia considerato, sotto un primo profilo, che, poiché rispetto al medesimo imprenditore ed alla medesima insolvenza il concordato non può che essere unico, qualora la procedura di concordato sia pendente non è configurabile un’ulteriore domanda di ammissione avente carattere di autonomia (cfr. Cass. n. 495/015), a meno che da quest’ultima non si desuma l’inequivoca volontà del proponente (pur se non espressa con formule sacramentali) di rinunciare a quella in precedenza depositata.

» MOTOCICLISTA CADUTA LESIONI CANE RANDAGIO COMUNE RESPONSABILITA’ Risponde altresì a massima consolidata nella giurisprudenza di legittimità che i motivi posti a fondamento dell’invocata cassazione della decisione impugnata debbono avere i caratteri della specificità, della completezza, e della riferibilità alla decisione stessa, con -fra l’altro­l’esposizione di argomentazioni intelligibili ed esaurienti ad illustrazione delle dedotte violazioni di norme o principi di diritto, essendo inammissibile il motivo nel quale non venga precisato in qual modo e sotto quale profilo (se per contrasto con la norma indicata, o con l’interpretazione della stessa fornita dalla giurisprudenza di legittimità o dalla prevalente dottrina) abbia avuto luogo la violazione nella quale si assume essere incorsa la pronuncia di merito (cfr., da ultimo, Cass., 2/4/2014, n. 7692).

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna