Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

RESPONSABILITA’ MEDICA MALASANITA’ AVVOCATO A BOLOGNA CHIAMA SUBITO NON ASPETTARE IL TEMPO NON TI E’ AMICO

AFOTOGRAFICA1

 

RESPONSABILITA’ MEDICA MALASANITA’ AVVOCATO A BOLOGNA

RESPONSABILITA’ MEDICA MALASANITA’ AVVOCATO A BOLOGNA CHIAMA SUBITO NON ASPETTARE IL TEMPO NON TI E’ AMICO

questa Corte (Cass., 13 luglio 2011, n. 15386) ha affermato che ‘in tema di responsabilità medica, il sanitario che formuli una diagnosi di normalità morfologica del feto anche sulla base di esami strumentali che non ne hanno consentito, senza sua colpa, la visualizzazione nella sua interezza, ha l’obbligo d’informare la paziente della possibilità di ricorrere ad un centro di più elevato livello di specializzazione, in vista dell’esercizio del diritto della gestante di interrompere la gravidanza, ricorrendone i presupposti’ (precisandosi, poi, che ‘al riguardo la prova, pur se incombente sulla parte attrice, lamentandosi la mancata informazione da parte del medico, non può che essere di natura presuntiva quanto al grave pericolo per la salute psichica della donna che costituisce la condizione richiesta dalla legge per l’interruzione di gravidanza’).

Paziente danno malasanita’ Bologna consenso informato Errore medico. Cassazione 10055/2011: il medico risponde per errata diagnosi e ha l'obbligo di informare il paziente. Consenso informato del medico

Paziente danno malasanita’ Bologna consenso informato Errore medico. Cassazione 10055/2011: il medico risponde per errata diagnosi e ha l’obbligo di informare il paziente. Consenso informato del medico

Occorre ribadire la validità di tale principio di diritto che, contrariamente a quanto (solo in parte) assunto dalla Corte territoriale, non impone ‘tout court’ un ‘obbligo per ciascun ecografista… di rinviare sempre ad un centro maggiormente specializzato’.

In tema di controlli ecografici sul feto, ai fini della relativa diagnosi morfologica, l’obbligo gravante sulla struttura sanitaria e sullo stesso medico strutturato, che abbia concretamente operato la diagnosi, di informare la paziente, che ad essa si sia rivolta (ed abbia, quindi, concluso con la struttura il c.d. contratto di spedalità), di poter ricorrere a centri di più elevata specializzazione sorge, anzitutto, in ragione dell’esistenza di un presupposto inadempimento, addebitabile unicamente alla struttura sanitaria, di aver assunto la prestazione diagnostica pur non disponendo di attrezzature all’uopo adeguate, così da ingenerare nella paziente l’affidamento che il risultato diagnostico ottenuto (di normalità fetale) sia quello ragionevolmente conseguibile in modo definitivo.

ADANNOBIOLOGICO INFOSi tratta di inadempimento legato a deficit organizzativi della struttura sanitaria, la quale, infatti, è obbligata, proprio in base al citato contratto di spedalità, a mettere a disposizione non solo il personale sanitario, ma anche le necessarie attrezzature idonee ed efficienti, della cui inadeguatezza essa struttura, inadempiente ex art. 1218 cod. civ., risponde in modo esclusivo (cfr., tra le tante, Cass., sez. un., 1 luglio 2002, n. 9556; Cass., 26 gennaio 2006, n. 1698), essendo, dunque, esonerato da siffatta specifica responsabilità il medico che, diligentemente e in modo perito secondo le leges artis, sia intervenuto sul paziente (Cass., 11 maggio 2009, n. 10743).

L’inadempimento (da parte della struttura sanitaria) dell’obbligazione da ultimo indicata genera l’ulteriore obbligo informativo anzidetto, che si pone a protezione del paziente e che grava non solo sulla struttura sanitaria, ma, questa volta, anche sul medico operante, il quale, pure se esente da colpa professionale nella fase esecutiva del suo intervento, è comunque tenuto ad avvisare il paziente della inadeguatezza degli strumenti diagnostici, così da non determinare in esso l’insorgere di un incolpevole affidamento sulla sicura bontà dell’esame strumentale.

Ed è proprio in tale prospettiva che questa Corte ha affermato doversi ravvisare la colpa del medico che ometta di attivarsi per il trasferimento di un paziente in una struttura ospedaliera più idonea ove in quella di ricovero non possa essere adeguatamente curato (Cass., 22 ottobre 2014, n. 22338).

Dunque, l’obbligo protettivo di informazione nasce in uno con l’inadempimento, da parte della struttura sanitaria, dell’obbligo di adeguatezza organizzativa in rapporto all’assunzione della prestazione di spedalità in favore del paziente nonostante il deficit organizzativo. Sicché, il principio enunciato dalla decisione del 2011 non impone sempre e comunque alla struttura sanitaria ed al medico strutturato (che abbia correttamente operato in base agli strumenti diagnostici a sua disposizione) di indirizzare la paziente ad un centro ecografico di più elevata specializzazione, ma soltanto ove le apparecchiature tecniche non siano adeguate allo scopo; ossia – nella specie – non fossero tali da fornire una risposta corretta e completa in ordine alla diagnosi morfologica del feto diversamente da altri strumenti ecografici presenti in strutture sanitarie diverse.

Sicché è corretta la decisione del giudice di appello che – al di là dell’erroneo convincimento sulla portata dell’evocato precedente di questa Corte – ha escluso, in linea con i principi sopra enunciati, l’assenza dell’inadempimento (a carico di struttura sanitaria e medici) dell’obbligo di informare la M. sulla presenza di altri centri specializzati e più idonei a rendere una diagnosi di morfologia fetale corretta e completa, giacché era ‘del tutto arbitrario affermare che la difficoltà nella diagnosi dipendesse, quantomeno all’epoca, dalla mancata visione degli arti nella loro interezza e non dalla rudimentale tecnica dei macchinari in quel periodo utilizzabili’ (anno 1986), che, come accertato in base alla espletata c.t.u. collegiale, ‘non consentivano che una scarsa sensibilità (inferiore al 20% in età gestazionale utile all’interruzione della gravidanza’ (p. 13 della sentenza).

Si tratta di motivazione non solo priva di errori giuridici, ma anche sufficiente ed adeguata, che dà contezza di come non potesse addebitarsi al Policlinico Sassarese l’inadempimento all’obbligazione di assunzione della prestazione nei confronti della M. , giacché non si verteva in ipotesi di inadeguatezza organizzativa della struttura sanitaria, bensì intrinseca limitatezza tecnica degli strumenti diagnostici dell’epoca, che, in Italia nell’anno 1986 (e fino al 1990), assicuravano una percentuale di successo assai contenuta a pari al 18% (e in generale, comunque, in un range oscillante tra il 12-21%).

Motivazione, questa, che non è scalfita dalle critiche di parte ricorrente, le quali non aggrediscono intrinsecamente la portata di un tale accertamento, che la Corte di appello ha fatto proprio in base alle risultanze della c.t.u. medico-legale, neppure evidenziando di aver criticato, nel corso del giudizio di merito, detti esiti o di aver allegato e dimostrato che la struttura alla quale si era all’epoca rivolta non possedeva apparecchiature ecografiche con potenzialità diagnostiche ancora inferiori a quelle anzidette e, dunque, inadeguate.

  1. – Con il terzo mezzo è prospettata violazione e falsa applicazione dell’art. 1218 cod. civ..

La Corte di merito, nel far leva sulle percentuali limitate di successo radiografico, avrebbe violato la norma suindicata per aver escluso un danno imputabile ai medici ed alla struttura sanitaria in riferimento alla mancata informazione sul presupposto che le percentuali (dal 12% al 21%) ‘sarebbero rimaste le medesime anche rivolgendosi ad una struttura più avanzata’. Ciò in quanto la ‘possibilità di conoscere la deformità del feto solo nella proporzione del 21% non esclude certo la rilevanza eziologica della condotta omissiva del personale medico’ e, ‘anche se così fosse’, alla paziente sarebbe stata ‘impedita la fruizione di quel risultato possibile (asseritamente al 21%), concretandosi il tutto almeno in una perdita di chances con commisurazione del danno alla stessa percentuale di chances perdute’.

Invero, il giudice di secondo grado avrebbe confuso ‘la percentuale del successo diagnostico, che attiene alla perdita delle occasioni concrete di procedere all’interruzione di gravidanza, con la probabilità causale di verificazione del danno a seguito della condotta dei medici e della struttura sanitaria’ (ritenuta inferiore al 50% e, quindi, escludente la responsabilità in base al principio della preponderanza causale).

AFOTOGRAFICA1

danno responsabilità medica danno responsabilità medica prescrizione danno da responsabilità medica risarcimento danno responsabilità medica danno biologico responsabilità medica danno differenziale responsabilità medica calcolo danno responsabilità medica danno da responsabilità medica prescrizione danno patrimoniale responsabilità medica danno esistenziale responsabilità medica danno biologico responsabilità medica tabelle responsabilità medica calcolo danno biologico danno biologico da responsabilità medica responsabilità medica e danno biologico danno biologico per responsabilità medica responsabilità medica contrattuale e danno biologico atto di citazione risarcimento danno biologico responsabilità medica quantificazione danno biologico responsabilità medica liquidazione danno biologico responsabilità medica danno da responsabilità medica calcolo risarcimento danni responsabilità medica competenza territoriale criteri liquidazione danno responsabilità medica calcolo danno differenziale responsabilità medica calcolo danno morale responsabilità medica danno da responsabilità medica mediazione danno da morte responsabilità medica responsabilità medica e danno differenziale voci di danno responsabilità medica danno esistenziale da responsabilità medica responsabilità medica danno estetico responsabilità medica e danno risarcibile responsabilità medica e danno morale responsabilità medica e danno non patrimoniale danno emergente responsabilità medica danno erariale responsabilità medica responsabilità medica e danno responsabilità medica danno iatrogeno la responsabilità medica il danno risarcibile responsabilità medica liquidazione danno richiesta danni responsabilità medica modulo risarcimento danni responsabilità medica mediazione responsabilità medica danno morale maggior danno responsabilità medica responsabilità medica risarcimento danno morale danno morale nella responsabilità medica responsabilità medica danno non patrimoniale danno non patrimoniale da responsabilità medica danno non patrimoniale nella responsabilità medica responsabilità medica danno patrimoniale responsabilità medica danno parentale danno per responsabilità medica responsabilità medica prova del danno danno patrimoniale e responsabilità medica risarcimento del danno da responsabilità medica prescrizione risarcimento danni responsabilità medica quantificazione responsabilità medica quantificazione del danno risarcimento danno responsabilità medica prescrizione responsabilità medica danno riflesso risarcimento del danno responsabilità medica danno tanatologico responsabilità medica responsabilità medica voci di danno -4

danno responsabilità medica danno responsabilità medica prescrizione danno da responsabilità medica risarcimento danno responsabilità medica danno biologico responsabilità medica danno differenziale responsabilità medica calcolo danno responsabilità medica danno da responsabilità medica prescrizione danno patrimoniale responsabilità medica danno esistenziale responsabilità medica danno biologico responsabilità medica tabelle responsabilità medica calcolo danno biologico danno biologico da responsabilità medica responsabilità medica e danno biologico danno biologico per responsabilità medica responsabilità medica contrattuale e danno biologico atto di citazione risarcimento danno biologico responsabilità medica quantificazione danno biologico responsabilità medica liquidazione danno biologico responsabilità medica danno da responsabilità medica calcolo risarcimento danni responsabilità medica competenza territoriale criteri liquidazione danno responsabilità medica calcolo danno differenziale responsabilità medica calcolo danno morale responsabilità medica danno da responsabilità medica mediazione danno da morte responsabilità medica responsabilità medica e danno differenziale voci di danno responsabilità medica danno esistenziale da responsabilità medica responsabilità medica danno estetico responsabilità medica e danno risarcibile responsabilità medica e danno morale responsabilità medica e danno non patrimoniale danno emergente responsabilità medica danno erariale responsabilità medica responsabilità medica e danno responsabilità medica danno iatrogeno la responsabilità medica il danno risarcibile responsabilità medica liquidazione danno richiesta danni responsabilità medica modulo risarcimento danni responsabilità medica mediazione responsabilità medica danno morale maggior danno responsabilità medica responsabilità medica risarcimento danno morale danno morale nella responsabilità medica responsabilità medica danno non patrimoniale danno non patrimoniale da responsabilità medica danno non patrimoniale nella responsabilità medica responsabilità medica danno patrimoniale responsabilità medica danno parentale danno per responsabilità medica responsabilità medica prova del danno danno patrimoniale e responsabilità medica risarcimento del danno da responsabilità medica prescrizione risarcimento danni responsabilità medica quantificazione responsabilità medica quantificazione del danno risarcimento danno responsabilità medica prescrizione responsabilità medica danno riflesso risarcimento del danno responsabilità medica danno tanatologico responsabilità medica responsabilità medica voci di danno

 

 

riconoscimento ai genitori della minore di un danno non patrimoniale troppo esiguo in relazione alle conseguenze dannose che la medesima aveva sofferto a causa di una mancata diagnosi di una meningite batterica, dalla quale era conseguita come esito finale una cofosi;

al mancato riconoscimento alla minore di un danno patrimoniale futuro da diminuzione della capacità lavorativa.

 

avvocato Sergio Armaroli Bologna

avvocato Sergio Armaroli Bologna

Con l’unico motivo di ricorso si deduce “erronea e contraddittoria motivazione circa punto decisivo, rilevato dalla parte” (art. 360 c.p.c., n. 5).

Il motivo si duole della motivazione con cui la Corte territoriale ha rigettato l’appello incidentale dei ricorrenti con riferimento ad entrambi i motivi sui quali si fondava.

La motivazione, che viene riprodotta nel ricorso, ha avuto il seguente tenore: “l’appello incidentale va parimenti respinto esso è integralmente formulato sulla premessa, in fatto, e delle V. sia affetta da sordomutismo, come comprovato da certificazione della commissione invalidi civili del 13 dicembre 2007. Ma tale premessa non tiene in nessun conto un elemento essenziale, d’altronde già risultante dalla sentenza impugnata, ossia che delle V. ha potuto rimediare agli effetti funzionali della lesione biologica riportata attraverso l’applicazione di un impianto cocleare: impianto attraverso il quale – come ha osservato il tribunale senza che sul punto sia stata spiegata alcuna contestazione – la patologia è stata compensata mediante un intervento terapeutico in grado di ripristinare un livello uditivo sostanzialmente normale. Va da sè che la varianza spiegata, tutto motivata sulla considerazione del grave danno morale esistenziale patito per la “consapevolezza che tale invalidità si riverberano negativamente sulla realizzazione futuro della loro figlia” nonchè “per lo svolgimento delle loro abitudini di vita”, stante l’assillo di dover girare gli ospedali in ospedale per seguire la figlia, non coglie nel segno, una volta accertato che il sordomutismo è stato corretto, sia pure a mezzo di un ausilio meccanico. Le quali considerazioni vanno svolte con riguardo al danno da perdita della capacità lavorativa specifica di B.V.. Anche in questo caso, per lo sfondo sul richiamo di un principio giuridico corre, quale quello che vuole la risarcibilità del danno della capacità lavorativa specifica anche in favore del danneggiato non percettori di reddito, sulla base di una valutazione prognostica e probabilistica delle ricadute della lesione biologica sulla capacità lavorativa, ovvero, in mancanza di ogni altro elemento, sulla base del triplo della pensione sociale (di recente p.e. Cass. 30 settembre 2008, n. 24331). Ma, in fatto, appare evidente come, corretto sul piano penale il deficit mediante l’applicazione di un impianto cocleare, non è neppur pronosticabile della danneggiata avrà lavorativa nel terreno favorevole di quello che potrà raggiungere nelle condizioni in cui si trova”.

p.1.1

 

L’accertamento in un minore in età infantile che lo stato di invalidità permanente alla persona (nella specie sordità causata da non tempestiva diagnosi di meningite, stimata come determinativa di invalidità nella misura del 30% derivante da cofosi bilaterale), cagionato da responsabilità medica, sia rimediabile e sia stato in concreto rimediato tramite l’applicazione di una protesi (nella specie un impianto cocleare), non è ragione sufficiente – per vizio di violazione dell’art. 1223 c.c. sotto il profilo della mancata sussunzione dello stato invalidante come evidenziatore di un danno conseguenza patrimoniale futuro da c.d. perdita – a giustificare l’esclusione dell’esistenza, in ragione della invalidità, e sulla base di una valutazione prognostica, di un danno patrimoniale da lesione della capacità lavorativa del minore, atteso che il dover svolgersi la vita del minore con la percezione della costante applicazione della protesi necessaria per sopperire al deficit derivante dalla invalidità è circostanza che di per sè – ed a maggior ragione quando come nella specie si accompagni ad elementi desunti come sintomatici nello stesso senso dalle modalità di vita del minore nel momento in cui si compie l’accertamento – contraddice e si oppone a quella esclusione.”.

La Corte di rinvio procederà alla decisione dell’appello incidentale applicando tale principio di diritto e considerando che la correzione del deficit uditivo della minore tramite l’impianto cocleare non è in alcun modo di per sè idonea ad escludere il riverberarsi dello stato invalidante permanente sulla capacità lavorativa della stessa.

Terrà conto degli elementi sopra indicati sub a), b) e c) nel paragrafo precedente e dei principi in precedenza enunciati da questa Corte.

Ciò, sia ai fini della individuazione della perdita della capacità lavorativa della minore, siccome accertata quale danno futuro, come danno patrimoniale futuro subendo dalla stessa, sia ai fini della valutazione di detta perdita come elemento idoneo ad incidere ai fini della quantificazione del danno non patrimoniale dei genitori

 

 

p.1. Con sentenza del 28 settembre 2011 la Corte d’Appello di Roma, provvedendo, per quanto in questa sede interessa, sull’appello incidentale, proposto da B.M. e G.B. in proprio e quali esercenti la potestà genitoriale sulla figlia minore B.V., ha rigettato entrambi i motivi sui quali esso si fondava e che afferivano rispettivamente:

 

  1. a) al riconoscimento ai genitori della minore di un danno non patrimoniale troppo esiguo in relazione alle conseguenze dannose che la medesima aveva sofferto a causa di una mancata diagnosi di una meningite batterica, dalla quale era conseguita come esito finale una cofosi;

 

  1. b) al mancato riconoscimento alla minore di un danno patrimoniale futuro da diminuzione della capacità lavorativa.

 

p.2. Contro tale sentenza, che ha invece accolto l’appello principale dell’Azienda de qua contro l’INA-Assitalia s.p.a., che era stata convenuta dall’azienda stessa in garanzia, il B. e la G., nella loro duplice qualità, hanno proposto ricorso per cassazione affidato ad un unico motivo.

 

la responsabilità medica il danno risarcibile responsabilità medica liquidazione danno richiesta danni responsabilità medica modulo risarcimento danni responsabilità medica mediazione responsabilità medica danno morale maggior danno responsabilità medica responsabilità medica risarcimento danno morale danno morale nella responsabilità medica responsabilità medica danno non patrimoniale danno non patrimoniale da responsabilità medica danno non patrimoniale nella responsabilità medica responsabilità medica danno patrimoniale responsabilità medica danno parentale danno per responsabilità medica responsabilità medica prova del danno danno patrimoniale e responsabilità medica risarcimento del danno da responsabilità medica prescrizione risarcimento danni responsabilità medica quantificazione responsabilità medica quantificazione del danno risarcimento danno responsabilità medica prescrizione responsabilità medica danno riflesso risarcimento del danno responsabilità medica danno tanatologico responsabilità medica responsabilità medica voci di danno malasanità Bologna, studio legale avvocato Sergio Armaroli

la responsabilità medica il danno risarcibile
responsabilità medica liquidazione danno
richiesta danni responsabilità medica modulo
risarcimento danni responsabilità medica mediazione
responsabilità medica danno morale
maggior danno responsabilità medica
responsabilità medica risarcimento danno morale
danno morale nella responsabilità medica
responsabilità medica danno non patrimoniale
danno non patrimoniale da responsabilità medica
danno non patrimoniale nella responsabilità medica
responsabilità medica danno patrimoniale
responsabilità medica danno parentale
danno per responsabilità medica
responsabilità medica prova del danno
danno patrimoniale e responsabilità medica
risarcimento del danno da responsabilità medica prescrizione
risarcimento danni responsabilità medica quantificazione
responsabilità medica quantificazione del danno
risarcimento danno responsabilità medica prescrizione
responsabilità medica danno riflesso
risarcimento del danno responsabilità medica
danno tanatologico responsabilità medica
responsabilità medica voci di danno
malasanità Bologna, studio legale avvocato Sergio Armaroli

 

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE III CIVILE

Sentenza 18 marzo – 18 settembre 2015, n. 18305

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETTI Giovanni B. – Presidente -

Dott. FRASCA Raffaele – rel. Consigliere -

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere -

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere -

Dott. BARRECA Giuseppina Luciana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

 

sentenza

 

sul ricorso 9829-2012 proposto da:

 

B.M., G.B., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA FABIO MASSIMO 60, presso lo studio dell’avvocato CAROLI ENRICO, che li rappresenta e difende giusta procura in calce al ricorso;

 

– ricorrenti –

 

contro

 

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI, in persona del legale rappresentante pro tempore – Direttore Generale – Prof: M. A., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA C. FORLANINI, 1, presso lo studio dell’avvocato GAMBARDELLA VINCENZO, che la rappresenta e difende unitamente agli avvocati FRATTO GIUSEPPE, MAMMONE EGIDIO giusta procura in calce al controricorso;

 

INA ASSITALIA SPA, in persona del procuratore Avv. M.M., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA CRISTOFORO COLOMBO 440, presso lo studio dell’avvocato TASSONI FRANCESCO, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato TASSONI FRANCO giusta procura a margine del controricorso;

 

– controricorrenti –

 

avverso la sentenza n. 3990/2011 della CORTE D’APPELLO di ROMA, depositata il 28/09/2011 R.G.N. 2492/2011;

 

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 18/03/2015 dal Consigliere Dott. RAFFAELE FRASCA;

 

udito l’Avvocato ENRICO CAROLI;

 

udito l’Avvocato VINCENZO GAMBARDELLA;

 

udito l’Avvocato FRANCO TASSONI;

 

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. SERVELLO Gianfranco che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

 

Svolgimento del processo

 

GINECOLOGO NON INFORMA DELLA GRAVIDANZA UNA DONNA CHE AVEVA RELAZIONE CON UOMO SPOSATO Suprema Corte di Cassazione Sezione III Civile Sentenza 14 marzo – 17 luglio 2014, n. 16401 Presidente Amatucci – Relatore Rossetti Svolgimento del processo

GINECOLOGO NON INFORMA DELLA GRAVIDANZA UNA DONNA
CHE AVEVA RELAZIONE CON UOMO SPOSATO
Suprema Corte di Cassazione Sezione III Civile
Sentenza 14 marzo – 17 luglio 2014, n. 16401
Presidente Amatucci – Relatore Rossetti
Svolgimento del processo

p.1. Con sentenza del 28 settembre 2011 la Corte d’Appello di Roma, provvedendo, per quanto in questa sede interessa, sull’appello incidentale, proposto da B.M. e G.B. in proprio e quali esercenti la potestà genitoriale sulla figlia minore B.V., ha rigettato entrambi i motivi sui quali esso si fondava e che afferivano rispettivamente:

 

  1. a) al riconoscimento ai genitori della minore di un danno non patrimoniale troppo esiguo in relazione alle conseguenze dannose che la medesima aveva sofferto a causa di una mancata diagnosi di una meningite batterica, dalla quale era conseguita come esito finale una cofosi;

 

  1. b) al mancato riconoscimento alla minore di un danno patrimoniale futuro da diminuzione della capacità lavorativa.

 

p.2. Contro tale sentenza, che ha invece accolto l’appello principale dell’Azienda de qua contro l’INA-Assitalia s.p.a., che era stata convenuta dall’azienda stessa in garanzia, il B. e la G., nella loro duplice qualità, hanno proposto ricorso per cassazione affidato ad un unico motivo.

 

Al ricorso hanno resistito, con separati controricorsi, l’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini e l’INA-Assialia s.p.a.

 

p.3. I ricorrenti e l’INA-Assitalia hanno depositato memoria.

 

Motivi della decisione

p.1. Con l’unico motivo di ricorso si deduce “erronea e contraddittoria motivazione circa punto decisivo, rilevato dalla parte” (art. 360 c.p.c., n. 5).

Il motivo si duole della motivazione con cui la Corte territoriale ha rigettato l’appello incidentale dei ricorrenti con riferimento ad entrambi i motivi sui quali si fondava.

La motivazione, che viene riprodotta nel ricorso, ha avuto il seguente tenore: “l’appello incidentale va parimenti respinto esso è integralmente formulato sulla premessa, in fatto, e delle V. sia affetta da sordomutismo, come comprovato da certificazione della commissione invalidi civili del 13 dicembre 2007. Ma tale premessa non tiene in nessun conto un elemento essenziale, d’altronde già risultante dalla sentenza impugnata, ossia che delle V. ha potuto rimediare agli effetti funzionali della lesione biologica riportata attraverso l’applicazione di un impianto cocleare: impianto attraverso il quale – come ha osservato il tribunale senza che sul punto sia stata spiegata alcuna contestazione – la patologia è stata compensata mediante un intervento terapeutico in grado di ripristinare un livello uditivo sostanzialmente normale. Va da sè che la varianza spiegata, tutto motivata sulla considerazione del grave danno morale esistenziale patito per la “consapevolezza che tale invalidità si riverberano negativamente sulla realizzazione futuro della loro figlia” nonchè “per lo svolgimento delle loro abitudini di vita”, stante l’assillo di dover girare gli ospedali in ospedale per seguire la figlia, non coglie nel segno, una volta accertato che il sordomutismo è stato corretto, sia pure a mezzo di un ausilio meccanico. Le quali considerazioni vanno svolte con riguardo al danno da perdita della capacità lavorativa specifica di B.V.. Anche in questo caso, per lo sfondo sul richiamo di un principio giuridico corre, quale quello che vuole la risarcibilità del danno della capacità lavorativa specifica anche in favore del danneggiato non percettori di reddito, sulla base di una valutazione prognostica e probabilistica delle ricadute della lesione biologica sulla capacità lavorativa, ovvero, in mancanza di ogni altro elemento, sulla base del triplo della pensione sociale (di recente p.e. Cass. 30 settembre 2008, n. 24331). Ma, in fatto, appare evidente come, corretto sul piano penale il deficit mediante l’applicazione di un impianto cocleare, non è neppur pronosticabile della danneggiata avrà lavorativa nel terreno favorevole di quello che potrà raggiungere nelle condizioni in cui si trova”.

p.1.1. La critica alla riportata motivazione è finalizzata sia a dolersi che troppo esigua sarebbe stata la valutazione del danno non patrimoniale riconosciuto iure proprio ai coniugi B., sia a prospettare che erroneamente sarebbe stato negato il riconoscimento del danno patrimoniale alla capacità lavorativa della minore.

La critica viene svolta osservando che non sarebbe esatto l’asserto che dalla sentenza di primo grado impugnata “risulti, quale “elemento essenziale” “che B.V. ha potuto rimediare agli effetti funzionali della lesione biologica riportata attraverso l’applicazione di un impianto cocleare”.

Il Tribunale, invece, avrebbe ritenuto “che la “compensazione” operata sia “simile ma non sovrapponibile al livello uditivo del normoudente alla quale esita, in ogni caso, una percezione della rumorosità complessiva dell’ambiente diversa rispetto a quella di soggetto non portatore di apparecchio acustico””. Ne conseguirebbe che secondo il Tribunale l’impianto protesico non avrebbe affatto ripristinato la normalità della funzione uditiva ed anzi tanto rappresenterebbe un decisum sul quale non vi era stata affatto alcuna contestazione. Allo stesso modo, si sostiene, punto che sarebbe stato accertato dal Tribunale e non sarebbe stato rimesso in discussione con l’appello era che il danno alla salute fosse stato del trenta per cento.

Si deduce, quindi, che con l’appello incidentale si era invocato il principio di diritto di cui a Cass. n. 20943 del 2009, secondo il quale, con riferimento a persona minore si deve in primo luogo considerare, ai fini dello stabilire l’effettiva sussistenza di un danno patrimoniale, la percentuale di invalidità permanente medicalmente accertata e si assume che l’accertamento nella specie di una invalidità rilevante (del trenta per cento) non poteva giustificare l’esclusione della sua incidenza sulla capacità lavorativa, tenuto conto che il c.t.u. in primo grado aveva rilevato che “gli esiti invalidanti si ripercuoteranno sulle comuni attività esistenziali”.

Negando che un’invalidità del trenta per cento potesse avere ripercussioni sulla capacità lavorativa la Corte territoriale avrebbe finito per negare la stessa esistenza dell’invalidità.

D’altro canto, rilevano i ricorrenti, il c.t.u. aveva riconosciuto l’esistenza dell’invalidità del trenta per cento quando l’impianto cocleare era stato già impiantato alla minore. Aveva, inoltre, rilevato che la minore frequentava la quinta classe della scuola primaria con sostegno didattico e con rendimento appena sufficiente, nonchè che presentava difficoltà logico-matematiche e difficoltà narrative, diagnosticando “esiti di meningite con residua sordità”, soggiungendo che “quest’ultima è stata corretta con impianto cocleare ma è comunque esitata cofosi bilaterale”.

p.2. Il motivo è fondato sia riguardo alla situazione soggettiva fatta valere in proprio dai genitori, sia riguardo alla posizione fatta valere in proprio dalla minore.

p.2.1. L’accoglimento si giustifica previa qualificazione del vizio effettivamente denunciato come vizio di sussunzione, ancorchè fatto valere ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5 nel testo applicabile ratione temporis al ricorso.

Invero, con le deduzioni illustrative del motivo, in realtà, si espone non già un vizio della sentenza impugnata relativamente alla ricostruzione della quaestio facti esaminata, sebbene in funzione del giudizio reso dalla Corte territoriale tanto riguardo all’una che all’altra posizione, bensì che la Corte territoriale non abbia fatto corretta applicazione dei principi di diritto in ordine al riconoscimento nell’an debeatur (e salva la successiva operazione di liquidazione) in capo alla minore di un danno da perdita della capacità lavorativa alla stregua della proiezione futura dell’incidenza che su di essa potrà avere la patologia che pacificamente le è stata cagionata con riconosciuta responsabilità della struttura sanitaria.

Il mancato riconoscimento di tale incidenza non viene, cioè, addebitato ad errori commessi dalla Corte territoriale nella ricostruzione della quaestio facti rilevante in funzione dell’espressione del giudizio su detta incidenza, bensì ad errori di apprezzamento delle risultanze fattuali acquisite nel giudizio di merito come idonee a determinare in iure un’incidenza sulla futura capacità lavorativa della minore quando essa raggiungerà l’età lavorativa.

Nella illustrazione del motivo è dunque lamentato un vizio di cd.

sussunzione della fattispecie fattuale, sebbene correttamente ricostruita nei suoi dati identificatori rilevanti, sotto la fattispecie astratta della individuazione di uno dei potenziali danni- conseguenza, che, in ragione della naturale proiezione della vita umana di un soggetto minore danneggiato, possono conseguire dalla verificazione di una perdita (danno evento) rappresentata dalla diminuzione della piena idoneità psico-fisica (invalidità permanente) a causa della condotta dannosa di un terzo. Tale potenziale danno-conseguenza si ricollega all’incidenza della diminuzione così sofferta nella idoneità psico-fisica su quella che naturaliter rappresenta una delle attività umane rispetto a cui essa è servente, per ogni uomo e per ogni donna, sebbene a partire da quella che si chiama età lavorativa e si determina come tale secondo l’atteggiarsi del vivere sociale in un determinato momento storico, cioè la cd. capacità lavorativa.

La possibile incidenza della diminuzione della integrità psico- fisica di una persona su tale capacità si configura anche rispetto al minore, cioè alla persona che ancora non è in età lavorativa, e si deve apprezzare come danno futuro, siccome ammette pacificamente la giurisprudenza di questa Corte, che poi si preoccupa di dettare i possibili criteri di liquidazione del danno conseguenza una volta accertato.

p.2.2. Quello che, dunque, l’illustrazione del motivo denuncia è l’essersi la Corte territoriale rifiutata di sussumere la situazione accertata riguardo alla minore quanto alla condizione derivata dall’illecito sulla sua capacità psico fisica sotto la specie normativa dell’art. 1223 c.c. e particolarmente sotto la figura del danno da perdita subita nella sua futura proiezione sulla capacità lavorativa della minore.

La Corte capitolina si è rifiutata di sussumere la condizione della minore, pacificamente accertata quanto al danno evento rappresentato dalla diminuzione della sua integrità psico-fisica e siccome risultante da essa nella misura del 30%, come fonte di una futura perdita della sua capacità lavorativa.

La Corte capitolina ha valutato che il rimedio alla diminuzione di detta integrità costituito dall’applicazione di una protesi artificiale, cioè dell’impianto cocleare, in quanto tale impianto sarebbe idoneo a compensare la funzione cui assolveva quella parte della sua integrità psico-fisica compromessa dall’illecito, escluderebbe una ricaduta dello stato invalidante permanente così corretto sulla capacità lavorativa futura della minore.

Tale valutazione si è risolta in una falsa applicazione del criterio che, nel quadro dell’applicazione dell’art. 1223 c.c., deve presiedere alla individuazione dell’esistenza o meno di un danno conseguenza da diminuzione della futura capacità lavorativa per effetto della diminuzione (danno evento) della integrità psico- fisica, in ragione della applicazione della protesi.

E’ vero che il motivo è stato formalmente dedotto ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5 (nel testo introdotto dal D.Lgs. n. 40 del 2006), ma nella sua illustrazione si coglie quanto si è detto e, dunque, un vizio riconoscibile all’art. 360 c.p.c., n. 3.

Ora Cass. sez. un. n. 17931 del 2013 ha osservato che “il ricorso per cassazione, avendo ad oggetto censure espressamente e tassativamente previste dall’art. 360 c.p.c., comma 1, deve essere articolato in specifici motivi riconducibili in maniera immediata ed inequivocabile ad una delle cinque ragioni di impugnazione stabilite dalla citata disposizione, pur senza la necessaria adozione di formule sacramentali o l’esatta indicazione numerica di una delle predette ipotesi”.

Ne segue che la pur formale deduzione del vizio ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5, stante l’evidenza della riconducibilità dell’esposizione del motivo al paradigma dell’art. 360 c.p.c., n. 3 nel senso del c.d. vizio di sussunzione, non osta a che lo scrutinio del motivo debba farsi secondo quella che è la sua effettiva consistenza, dovendosi osservare che essa, ancorchè non vi si evochi formalmente l’art. 1223 c.c., nella sostanza sulla sua violazione si incentra.

p.2.3. Le svolte considerazioni assorbono per palese infondatezza anche la deduzione da parte delle resistenti che nella specie la Corte sarebbe sollecitata ad una rivalutazione della vicenda in fatto secondo i poteri e le possibilità di cognizione del giudice di merito.

p.2.4. Tanto premesso, l’errore derivante dalla mancata sussunzione della fattispecie fattuale sotto la norma dell’art. 1223 c.c., cioè ai fini del riconoscimento dell’esistenza nell’an di un danno conseguenza futuro della minore alla propria capacità lavorativa si coglie là dove la sentenza impugnata ha reputato che la correzione del deficit uditivo con l’impianto cocleare avesse eliso l’incidenza della invalidità sul possibile dispiegarsi sulla futura capacità lavorativa della minore.

Invero, in disparte il dato del residuo del 30% riconosciuto dal c.t.u. e sottolineato dai ricorrenti come escludente l’assorbimento del deficit (dato che non risulta apprezzabile in modo chiaro da questa Corte), in ogni caso si deve rilevare in modo decisivo che i ricorrenti bene hanno evidenziato che lo stesso Tribunale non aveva considerato idoneo l’impianto cocleare a determinare l’effetto che la situazione della minore fosse, per effetto del suo apporto ed impiego, identica a quella di un normoudente.

p.2.5. D’altro canto, è nozione che può dirsi di comune esperienza che dispiegare una capacità lavorativa sebbene generica, cioè qualsiasi capacità lavorativa, con un apparecchio impiantato come protesi artificiale e, dunque, invasivo riguardo alla persona, quale che esso sia potrebbe dirsi (e tanto più per un impianto cocleare, una cui parte è inserita, a quel che sembra desumibile da semplici notizie di comune acquisibilità, nel corpo della persona), si connota come situazione che non può giustificare che la persona cui la protesi sia stata applicata si trovi nella stessa condizione di una persona sana e, dunque, nella specie di un normoudente ai fini dell’esplicazione della capacità lavorativa.

E’ sufficiente riflettere innanzitutto sulla consistenza propria dell’impianto cocleare, che la Corte rileva via internet da una fonte ufficiale, quella del Dipartimento della qualità – Direzione generale della programmazione sanitaria, dei livelli di assistenza e dei principi etici di sistema Commissione nazionale per la definizione e l’aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza, che nella seduta del 9 febbraio 2005, ai fini dell’inserimento nei “Livelli essenziali di assistenza” delle procedure di manutenzione, riparazione e/o sostituzione delle componenti delle parti esterne degli impianti cocleari, con riferimento alle problematiche che riguardano i soggetti per i quali, diagnosticata una sordità profonda o completa bilaterale (detta “cofosi”), si è proceduto all’intervento chirurgico di impianto cocleare (I.C.), ha rilevato quanto segue: “L’I.C. si compone di due componenti: una interna, o endoprotesi, ed una esterna, o esoprotesi, entrambe fornite al soggetto colpito da sordità profonda in occasione dell’intervento chirurgico previsto per l’impianto. Tale intervento consiste nella inserzione nella coclea della componente interna (endoprotesi), – costituita da un ricevitore ed un numero variabile di elettrodi (dispositivo impiantabile attivo ai sensi del D.Lgs. n. 46 del 1997) – e nella successiva attivazione della componente esterna (esoprotesi) – costituita da Rotes Stethoskop auf schwarzer Tastaturun microfono, un elaboratore di suoni (speech processor) e un trasmettitore collegato all’elaboratore tramite un sottile cavo – posto in un piccolo dispositivo dietro l’orecchio, oppure, nel caso dei bambini molto piccoli, all’interno di una scatola fissata tramite bretelline al corpo del soggetto impiantato.”.

Ora, è sufficiente riflettere sul dato che una persona, della quale debba apprezzarsi la capacità lavorativa, dovendo operare con l’apporto di detto impianto e, dunque, di un’entità esterna alla propria persona, anche se in parte inserita nella sua fisicità, certamente è nella condizione di dover costantemente percepire tale incidenza sulla propria persona di detta entità, per comprendere che l’impiego delle sue facoltà nell’esplicazione di una qualsiasi attività lavorativa, a prescindere dall’utilitas specifica che per essa possa avere in concreto, in misura minore o maggiore, la capacità uditiva, non può non risentire negativamente della percezione costante di tale incidenza a differenza di come si porrebbe una persona normoudente che non sia costretta ad usare l’impianto.

La condizione di chi deve lavorare senza un impianto di tal genere è diversa da quella di chi debba lavorare con un impianto se non altro perchè il secondo lavorerà con la consapevolezza del proprio handicap, della propria minorata condizione, che è percezione che la presenza dell’impianto non potrà certo eliminare con l’effetto compensativo.

Tale costante consapevolezza, nonchè quella delle attività complementari alla manutenzione e gestione dell’impianto, implicando una percezione di una condizione pur sempre minorata, si presta necessariamente ad essere valutata come un modo di porsi della persona che l’avverte, di fronte alla propria proiezione lavorativa, in una condizione diversa e peggiore di una persona “normale”, cioè normoudente. Tanto nello scegliere la direzione della propria capacità lavorativa generica, quanto nell’esplicare la capacità corrispondente alla scelta una volta realizzata nelle future potenzialità, l’incidenza del dover far conto costante sull’impianto, sulla protesi, rappresenta una percezione di sè stesso che, secondo una nozione di esperienza comune, sarà idonea ad influenzare tanto la scelta quanto le possibilità di progressione futura della capacità lavorativa in atto.

In altri termini, chi sopporta l’applicazione di un impianto cocleare, sebbene da esso riceva la correzione del deficit uditivo, è costretto (come chi sopporta qualsiasi protesi diretta a rimediare ad uno stato invalidante) a convivere con la sua invasiva presenza ed a costantemente percepirla e tanto si presta ad essere apprezzato come condizione che sarà rilevante negativamente quando egli dovrà cercare lavoro e quanto, una volta trovatolo, dovrà competere per progredire in carriera.

Si vuoi dire che la percezione e sopportazione di una protesi correttiva di un deficit psico-fisico, sebbene essa lo corregga pienamente, costituisce elemento che, quando si deve apprezzare la capacità lavorativa della persona non può essere ignorata a questo scopo semplicemente perchè la protesi è idonea a correggere il deficit. E ciò tanto più quando, come nella specie si debba stimare la capacità lavorativa futura di una minore, la quale sarà costretta a vivere con l’impianto, con la protesi, fin dall’età infantile e, quindi, per un lungo periodo prima di mettersi in giuoco sul mercato del lavoro, subendo l’incidenza negativa della percezione di sè come soggetto che ha una protesi durante l’infanzia, durante adolescenza e durante l’età giovanile. La percezione della condizione di soggetto che è costretto a ricorrere ad una protesi e che, quindi, è in una condizione diversa dalle persone “normali” è, già durante tali fasi della vita circostanza idonea ad esser apprezzata secondo l’id quod plerumque accidit come determinativa di una condizione della persona che certamente influenzerà la sua futura capacità lavorativa.

Per intendersi: una minore che dovrà convivere e, quindi, sentirsi diversa dai coetanei durante l’infanzia, dovrà fare la stessa cosa quando sarà adolescente, e la medesima quando sarà in età giovanile, per il fatto stesso di sentirsi “diversa” per tutte queste tre fasi della sua vita, è più che ragionevole reputare che da tale percezione risentirà durante la sua evoluzione attraverso di essa conseguenze che si riveleranno incidenti quando dovrà entrare nel mercato del lavoro. Durante l’età scolare sarà soggetto che avrà difficoltà di apprendimento dell’istruzione maggiori di uno normale e ciò proprio per la sua condizione costantemente accompagnata dalla percezione della presenza dell’impianto e, dunque, dalla sua condizione di anormalità. Sarà soggetto che non potrà giuocare allo stesso modo dei suoi coetanei. Durante l’adolescenza e l’età giovanile, nel relazionarsi agli altri, non potrà non risentire della sua particolare condizione.

p.2.6. Tutte tali ovvie considerazioni rendono palese già esse stesse l’erroneità del modo in cui la Corte capitolina ha esplicato il giudizio di sussunzione della situazione della minore ai fini dell’apprezzamento in iure dell’esistenza di un suo danno futuro alla capacità lavorativa.

p.2.7. Ma esse sono rafforzate in concreto, sebbene si potrebbe dire anche superfluamente ai fini di giustificare la cassazione della sentenza:

a) da quanto evocato dal ricorso con riguardo a quanto aveva affermato il Tribunale sulla natura del tutto relativa della “compensazione” della perdita della capacità uditiva da parte dell’impianto in ragione dalla percezione della rumorosità complessiva dell’ambiente diversa da quella di un soggetto normoudente (che nient’altro rappresenta se non un particolare aspetto di quella che sopra si è discussa come incidenza negativa sulla persona della “percezione” della presenza dell’impianto e, quindi del doversene avvalere);

b) dal rilievo del c.t.u. (pag. 7-8 della relazione) di avere riscontato nella minore, visitata quando frequentava la V primaria “con sostegno didattico e con rendimento appena sufficiente”, la presenza di “difficoltà logico-matematiche e difficoltà narrativa”, nonchè di “difficoltà ad accettare le regole soprattutto in ambito intrafamiliare: tutti indici evidenti, sebbene collocati in quel momento della vita della bambina, proprio del fatto che l’impianto protesico non valeva a rendere la piccola soggetto uguale ad un soggetto normale e, del resto, in quanto accertati con riferimento alla capacità scolare esplicantesi sempre in quel momento, pienamente idonei a dover essere considerati dalla Corte romana come sintomi di futura incidenza del deficit pur corretto dall’impianto cocleare sulla successiva manifestazione da parte della piccola della sua capacità lavorativa;

c) dalla conclusione del c.t.u. (p. 11 della relazione) nel senso che “gli esiti invalidanti si ripercuoteranno sulle comuni attività esistenziali”.

p.3. Il motivo di ricorso, nei sensi in cui è stato qualificato, è dunque accolto e la sentenza è cassata con rinvio ad altra sezione della Corte d’Appello di Roma, comunque in diversa composizione, anche per le spese del giudizio di cassazione.

La Corte capitolina si conformerà al seguente principio di diritto:

”L’accertamento in un minore in età infantile che lo stato di invalidità permanente alla persona (nella specie sordità causata da non tempestiva diagnosi di meningite, stimata come determinativa di invalidità nella misura del 30% derivante da cofosi bilaterale), cagionato da responsabilità medica, sia rimediabile e sia stato in concreto rimediato tramite l’applicazione di una protesi (nella specie un impianto cocleare), non è ragione sufficiente – per vizio di violazione dell’art. 1223 c.c. sotto il profilo della mancata sussunzione dello stato invalidante come evidenziatore di un danno conseguenza patrimoniale futuro da c.d. perdita – a giustificare l’esclusione dell’esistenza, in ragione della invalidità, e sulla base di una valutazione prognostica, di un danno patrimoniale da lesione della capacità lavorativa del minore, atteso che il dover svolgersi la vita del minore con la percezione della costante applicazione della protesi necessaria per sopperire al deficit derivante dalla invalidità è circostanza che di per sè – ed a maggior ragione quando come nella specie si accompagni ad elementi desunti come sintomatici nello stesso senso dalle modalità di vita del minore nel momento in cui si compie l’accertamento – contraddice e si oppone a quella esclusione.”.

La Corte di rinvio procederà alla decisione dell’appello incidentale applicando tale principio di diritto e considerando che la correzione del deficit uditivo della minore tramite l’impianto cocleare non è in alcun modo di per sè idonea ad escludere il riverberarsi dello stato invalidante permanente sulla capacità lavorativa della stessa.

Terrà conto degli elementi sopra indicati sub a), b) e c) nel paragrafo precedente e dei principi in precedenza enunciati da questa Corte.

Ciò, sia ai fini della individuazione della perdita della capacità lavorativa della minore, siccome accertata quale danno futuro, come danno patrimoniale futuro subendo dalla stessa, sia ai fini della valutazione di detta perdita come elemento idoneo ad incidere ai fini della quantificazione del danno non patrimoniale dei genitori.

P.Q.M.

 

La Corte accoglie il ricorso e cassa la sentenza impugnata, con rinvio ad altra Sezione della Corte d’Appello di Roma,

 

MALASANITA' SOS 

riconoscimento ai genitori della minore di un danno non patrimoniale troppo esiguo in relazione alle conseguenze dannose che la medesima aveva sofferto a causa di una mancata diagnosi di una meningite batterica, dalla quale era conseguita come esito finale una cofosi;

 

al mancato riconoscimento alla minore di un danno patrimoniale futuro da diminuzione della capacità lavorativa.

 

Con l’unico motivo di ricorso si deduce “erronea e contraddittoria motivazione circa punto decisivo, rilevato dalla parte” (art. 360 c.p.c., n. 5).

Il motivo si duole della motivazione con cui la Corte territoriale ha rigettato l’appello incidentale dei ricorrenti con riferimento ad entrambi i motivi sui quali si fondava.

La motivazione, che viene riprodotta nel ricorso, ha avuto il seguente tenore: “l’appello incidentale va parimenti respinto esso è integralmente formulato sulla premessa, in fatto, e delle V. sia affetta da sordomutismo, come comprovato da certificazione della commissione invalidi civili del 13 dicembre 2007. Ma tale premessa non tiene in nessun conto un elemento essenziale, d’altronde già risultante dalla sentenza impugnata, ossia che delle V. ha potuto rimediare agli effetti funzionali della lesione biologica riportata attraverso l’applicazione di un impianto cocleare: impianto attraverso il quale – come ha osservato il tribunale senza che sul punto sia stata spiegata alcuna contestazione – la patologia è stata compensata mediante un intervento terapeutico in grado di ripristinare un livello uditivo sostanzialmente normale. Va da sè che la varianza spiegata, tutto motivata sulla considerazione del grave danno morale esistenziale patito per la “consapevolezza che tale invalidità si riverberano negativamente sulla realizzazione futuro della loro figlia” nonchè “per lo svolgimento delle loro abitudini di vita”, stante l’assillo di dover girare gli ospedali in ospedale per seguire la figlia, non coglie nel segno, una volta accertato che il sordomutismo è stato corretto, sia pure a mezzo di un ausilio meccanico. Le quali considerazioni vanno svolte con riguardo al danno da perdita della capacità lavorativa specifica di B.V.. Anche in questo caso, per lo sfondo sul richiamo di un principio giuridico corre, quale quello che vuole la risarcibilità del danno della capacità lavorativa specifica anche in favore del danneggiato non percettori di reddito, sulla base di una valutazione prognostica e probabilistica delle ricadute della lesione biologica sulla capacità lavorativa, ovvero, in mancanza di ogni altro elemento, sulla base del triplo della pensione sociale (di recente p.e. Cass. 30 settembre 2008, n. 24331). Ma, in fatto, appare evidente come, corretto sul piano penale il deficit mediante l’applicazione di un impianto cocleare, non è neppur pronosticabile della danneggiata avrà lavorativa nel terreno favorevole di quello che potrà raggiungere nelle condizioni in cui si trova”.

p.1.1

 avvocato a Bologna

L’accertamento in un minore in età infantile che lo stato di invalidità permanente alla persona (nella specie sordità causata da non tempestiva diagnosi di meningite, stimata come determinativa di invalidità nella misura del 30% derivante da cofosi bilaterale), cagionato da responsabilità medica, sia rimediabile e sia stato in concreto rimediato tramite l’applicazione di una protesi (nella specie un impianto cocleare), non è ragione sufficiente – per vizio di violazione dell’art. 1223 c.c. sotto il profilo della mancata sussunzione dello stato invalidante come evidenziatore di un danno conseguenza patrimoniale futuro da c.d. perdita – a giustificare l’esclusione dell’esistenza, in ragione della invalidità, e sulla base di una valutazione prognostica, di un danno patrimoniale da lesione della capacità lavorativa del minore, atteso che il dover svolgersi la vita del minore con la percezione della costante applicazione della protesi necessaria per sopperire al deficit derivante dalla invalidità è circostanza che di per sè – ed a maggior ragione quando come nella specie si accompagni ad elementi desunti come sintomatici nello stesso senso dalle modalità di vita del minore nel momento in cui si compie l’accertamento – contraddice e si oppone a quella esclusione.”.

La Corte di rinvio procederà alla decisione dell’appello incidentale applicando tale principio di diritto e considerando che la correzione del deficit uditivo della minore tramite l’impianto cocleare non è in alcun modo di per sè idonea ad escludere il riverberarsi dello stato invalidante permanente sulla capacità lavorativa della stessa.

Terrà conto degli elementi sopra indicati sub a), b) e c) nel paragrafo precedente e dei principi in precedenza enunciati da questa Corte.

Ciò, sia ai fini della individuazione della perdita della capacità lavorativa della minore, siccome accertata quale danno futuro, come danno patrimoniale futuro subendo dalla stessa, sia ai fini della valutazione di detta perdita come elemento idoneo ad incidere ai fini della quantificazione del danno non patrimoniale dei genitori

 

 

p.1. Con sentenza del 28 settembre 2011 la Corte d’Appello di Roma, provvedendo, per quanto in questa sede interessa, sull’appello incidentale, proposto da B.M. e G.B. in proprio e quali esercenti la potestà genitoriale sulla figlia minore B.V., ha rigettato entrambi i motivi sui quali esso si fondava e che afferivano rispettivamente:

 

  1. a) al riconoscimento ai genitori della minore di un danno non patrimoniale troppo esiguo in relazione alle conseguenze dannose che la medesima aveva sofferto a causa di una mancata diagnosi di una meningite batterica, dalla quale era conseguita come esito finale una cofosi;

 

  1. b) al mancato riconoscimento alla minore di un danno patrimoniale futuro da diminuzione della capacità lavorativa.

 

p.2. Contro tale sentenza, che ha invece accolto l’appello principale dell’Azienda de qua contro l’INA-Assitalia s.p.a., che era stata convenuta dall’azienda stessa in garanzia, il B. e la G., nella loro duplice qualità, hanno proposto ricorso per cassazione affidato ad un unico motivo.

 

 

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE III CIVILE

Sentenza 18 marzo – 18 settembre 2015, n. 18305

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETTI Giovanni B. – Presidente -

Dott. FRASCA Raffaele – rel. Consigliere -

Dott. DE STEFANO Franco – Consigliere -

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – Consigliere -

Dott. BARRECA Giuseppina Luciana – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 9829-2012 proposto da:

B.M., G.B., elettivamente domiciliati in ROMA, VIA FABIO MASSIMO 60, presso lo studio dell’avvocato CAROLI ENRICO, che li rappresenta e difende giusta procura in calce al ricorso;

 

– ricorrenti –

 

contro

 

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO FORLANINI, in persona del legale rappresentante pro tempore – Direttore Generale – Prof: M. A., elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA C. FORLANINI, 1, presso lo studio dell’avvocato GAMBARDELLA VINCENZO, che la rappresenta e difende unitamente agli avvocati FRATTO GIUSEPPE, MAMMONE EGIDIO giusta procura in calce al controricorso;

 

INA ASSITALIA SPA, in persona del procuratore Avv. M.M., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA CRISTOFORO COLOMBO 440, presso lo studio dell’avvocato TASSONI FRANCESCO, che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato TASSONI FRANCO giusta procura a margine del controricorso;

Medical supplies

Medical supplies

– controricorrenti –

 

avverso la sentenza n. 3990/2011 della CORTE D’APPELLO di ROMA, depositata il 28/09/2011 R.G.N. 2492/2011;

 

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 18/03/2015 dal Consigliere Dott. RAFFAELE FRASCA;

 

udito l’Avvocato ENRICO CAROLI;

 

udito l’Avvocato VINCENZO GAMBARDELLA;

 

udito l’Avvocato FRANCO TASSONI;

 

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. SERVELLO Gianfranco che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

 

Svolgimento del processo

 

p.1. Con sentenza del 28 settembre 2011 la Corte d’Appello di Roma, provvedendo, per quanto in questa sede interessa, sull’appello incidentale, proposto da B.M. e G.B. in proprio e quali esercenti la potestà genitoriale sulla figlia minore B.V., ha rigettato entrambi i motivi sui quali esso si fondava e che afferivano rispettivamente:

 

  1. a) al riconoscimento ai genitori della minore di un danno non patrimoniale troppo esiguo in relazione alle conseguenze dannose che la medesima aveva sofferto a causa di una mancata diagnosi di una meningite batterica, dalla quale era conseguita come esito finale una cofosi;

 

  1. b) al mancato riconoscimento alla minore di un danno patrimoniale futuro da diminuzione della capacità lavorativa.

 

p.2. Contro tale sentenza, che ha invece accolto l’appello principale dell’Azienda de qua contro l’INA-Assitalia s.p.a., che era stata convenuta dall’azienda stessa in garanzia, il B. e la G., nella loro duplice qualità, hanno proposto ricorso per cassazione affidato ad un unico motivo.

 

Al ricorso hanno resistito, con separati controricorsi, l’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini e l’INA-Assialia s.p.a.

 

p.3. I ricorrenti e l’INA-Assitalia hanno depositato memoria.

 

Motivi della decisione

p.1. Con l’unico motivo di ricorso si deduce “erronea e contraddittoria motivazione circa punto decisivo, rilevato dalla parte” (art. 360 c.p.c., n. 5).

Il motivo si duole della motivazione con cui la Corte territoriale ha rigettato l’appello incidentale dei ricorrenti con riferimento ad entrambi i motivi sui quali si fondava.

La motivazione, che viene riprodotta nel ricorso, ha avuto il seguente tenore: “l’appello incidentale va parimenti respinto esso è integralmente formulato sulla premessa, in fatto, e delle V. sia affetta da sordomutismo, come comprovato da certificazione della commissione invalidi civili del 13 dicembre 2007. Ma tale premessa non tiene in nessun conto un elemento essenziale, d’altronde già risultante dalla sentenza impugnata, ossia che delle V. ha potuto rimediare agli effetti funzionali della lesione biologica riportata attraverso l’applicazione di un impianto cocleare: impianto attraverso il quale – come ha osservato il tribunale senza che sul punto sia stata spiegata alcuna contestazione – la patologia è stata compensata mediante un intervento terapeutico in grado di ripristinare un livello uditivo sostanzialmente normale. Va da sè che la varianza spiegata, tutto motivata sulla considerazione del grave danno morale esistenziale patito per la “consapevolezza che tale invalidità si riverberano negativamente sulla realizzazione futuro della loro figlia” nonchè “per lo svolgimento delle loro abitudini di vita”, stante l’assillo di dover girare gli ospedali in ospedale per seguire la figlia, non coglie nel segno, una volta accertato che il sordomutismo è stato corretto, sia pure a mezzo di un ausilio meccanico. Le quali considerazioni vanno svolte con riguardo al danno da perdita della capacità lavorativa specifica di B.V.. Anche in questo caso, per lo sfondo sul richiamo di un principio giuridico corre, quale quello che vuole la risarcibilità del danno della capacità lavorativa specifica anche in favore del danneggiato non percettori di reddito, sulla base di una valutazione prognostica e probabilistica delle ricadute della lesione biologica sulla capacità lavorativa, ovvero, in mancanza di ogni altro elemento, sulla base del triplo della pensione sociale (di recente p.e. Cass. 30 settembre 2008, n. 24331). Ma, in fatto, appare evidente come, corretto sul piano penale il deficit mediante l’applicazione di un impianto cocleare, non è neppur pronosticabile della danneggiata avrà lavorativa nel terreno favorevole di quello che potrà raggiungere nelle condizioni in cui si trova”.

p.1.1. La critica alla riportata motivazione è finalizzata sia a dolersi che troppo esigua sarebbe stata la valutazione del danno non patrimoniale riconosciuto iure proprio ai coniugi B., sia a prospettare che erroneamente sarebbe stato negato il riconoscimento del danno patrimoniale alla capacità lavorativa della minore.

La critica viene svolta osservando che non sarebbe esatto l’asserto che dalla sentenza di primo grado impugnata “risulti, quale “elemento essenziale” “che B.V. ha potuto rimediare agli effetti funzionali della lesione biologica riportata attraverso l’applicazione di un impianto cocleare”.

Il Tribunale, invece, avrebbe ritenuto “che la “compensazione” operata sia “simile ma non sovrapponibile al livello uditivo del normoudente alla quale esita, in ogni caso, una percezione della rumorosità complessiva dell’ambiente diversa rispetto a quella di soggetto non portatore di apparecchio acustico””. Ne conseguirebbe che secondo il Tribunale l’impianto protesico non avrebbe affatto ripristinato la normalità della funzione uditiva ed anzi tanto rappresenterebbe un decisum sul quale non vi era stata affatto alcuna contestazione. Allo stesso modo, si sostiene, punto che sarebbe stato accertato dal Tribunale e non sarebbe stato rimesso in discussione con l’appello era che il danno alla salute fosse stato del trenta per cento.

Si deduce, quindi, che con l’appello incidentale si era invocato il principio di diritto di cui a Cass. n. 20943 del 2009, secondo il quale, con riferimento a persona minore si deve in primo luogo considerare, ai fini dello stabilire l’effettiva sussistenza di un danno patrimoniale, la percentuale di invalidità permanente medicalmente accertata e si assume che l’accertamento nella specie di una invalidità rilevante (del trenta per cento) non poteva giustificare l’esclusione della sua incidenza sulla capacità lavorativa, tenuto conto che il c.t.u. in primo grado aveva rilevato che “gli esiti invalidanti si ripercuoteranno sulle comuni attività esistenziali”.

Negando che un’invalidità del trenta per cento potesse avere ripercussioni sulla capacità lavorativa la Corte territoriale avrebbe finito per negare la stessa esistenza dell’invalidità.

D’altro canto, rilevano i ricorrenti, il c.t.u. aveva riconosciuto l’esistenza dell’invalidità del trenta per cento quando l’impianto cocleare era stato già impiantato alla minore. Aveva, inoltre, rilevato che la minore frequentava la quinta classe della scuola primaria con sostegno didattico e con rendimento appena sufficiente, nonchè che presentava difficoltà logico-matematiche e difficoltà narrative, diagnosticando “esiti di meningite con residua sordità”, soggiungendo che “quest’ultima è stata corretta con impianto cocleare ma è comunque esitata cofosi bilaterale”.

p.2. Il motivo è fondato sia riguardo alla situazione soggettiva fatta valere in proprio dai genitori, sia riguardo alla posizione fatta valere in proprio dalla minore.

p.2.1. L’accoglimento si giustifica previa qualificazione del vizio effettivamente denunciato come vizio di sussunzione, ancorchè fatto valere ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5 nel testo applicabile ratione temporis al ricorso.

Invero, con le deduzioni illustrative del motivo, in realtà, si espone non già un vizio della sentenza impugnata relativamente alla ricostruzione della quaestio facti esaminata, sebbene in funzione del giudizio reso dalla Corte territoriale tanto riguardo all’una che all’altra posizione, bensì che la Corte territoriale non abbia fatto corretta applicazione dei principi di diritto in ordine al riconoscimento nell’an debeatur (e salva la successiva operazione di liquidazione) in capo alla minore di un danno da perdita della capacità lavorativa alla stregua della proiezione futura dell’incidenza che su di essa potrà avere la patologia che pacificamente le è stata cagionata con riconosciuta responsabilità della struttura sanitaria.

Il mancato riconoscimento di tale incidenza non viene, cioè, addebitato ad errori commessi dalla Corte territoriale nella ricostruzione della quaestio facti rilevante in funzione dell’espressione del giudizio su detta incidenza, bensì ad errori di apprezzamento delle risultanze fattuali acquisite nel giudizio di merito come idonee a determinare in iure un’incidenza sulla futura capacità lavorativa della minore quando essa raggiungerà l’età lavorativa.

Nella illustrazione del motivo è dunque lamentato un vizio di cd.

sussunzione della fattispecie fattuale, sebbene correttamente ricostruita nei suoi dati identificatori rilevanti, sotto la fattispecie astratta della individuazione di uno dei potenziali danni- conseguenza, che, in ragione della naturale proiezione della vita umana di un soggetto minore danneggiato, possono conseguire dalla verificazione di una perdita (danno evento) rappresentata dalla diminuzione della piena idoneità psico-fisica (invalidità permanente) a causa della condotta dannosa di un terzo. Tale potenziale danno-conseguenza si ricollega all’incidenza della diminuzione così sofferta nella idoneità psico-fisica su quella che naturaliter rappresenta una delle attività umane rispetto a cui essa è servente, per ogni uomo e per ogni donna, sebbene a partire da quella che si chiama età lavorativa e si determina come tale secondo l’atteggiarsi del vivere sociale in un determinato momento storico, cioè la cd. capacità lavorativa.

La possibile incidenza della diminuzione della integrità psico- fisica di una persona su tale capacità si configura anche rispetto al minore, cioè alla persona che ancora non è in età lavorativa, e si deve apprezzare come danno futuro, siccome ammette pacificamente la giurisprudenza di questa Corte, che poi si preoccupa di dettare i possibili criteri di liquidazione del danno conseguenza una volta accertato.

p.2.2. Quello che, dunque, l’illustrazione del motivo denuncia è l’essersi la Corte territoriale rifiutata di sussumere la situazione accertata riguardo alla minore quanto alla condizione derivata dall’illecito sulla sua capacità psico fisica sotto la specie normativa dell’art. 1223 c.c. e particolarmente sotto la figura del danno da perdita subita nella sua futura proiezione sulla capacità lavorativa della minore.

La Corte capitolina si è rifiutata di sussumere la condizione della minore, pacificamente accertata quanto al danno evento rappresentato dalla diminuzione della sua integrità psico-fisica e siccome risultante da essa nella misura del 30%, come fonte di una futura perdita della sua capacità lavorativa.

La Corte capitolina ha valutato che il rimedio alla diminuzione di detta integrità costituito dall’applicazione di una protesi artificiale, cioè dell’impianto cocleare, in quanto tale impianto sarebbe idoneo a compensare la funzione cui assolveva quella parte della sua integrità psico-fisica compromessa dall’illecito, escluderebbe una ricaduta dello stato invalidante permanente così corretto sulla capacità lavorativa futura della minore.

Tale valutazione si è risolta in una falsa applicazione del criterio che, nel quadro dell’applicazione dell’art. 1223 c.c., deve presiedere alla individuazione dell’esistenza o meno di un danno conseguenza da diminuzione della futura capacità lavorativa per effetto della diminuzione (danno evento) della integrità psico- fisica, in ragione della applicazione della protesi.

E’ vero che il motivo è stato formalmente dedotto ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5 (nel testo introdotto dal D.Lgs. n. 40 del 2006), ma nella sua illustrazione si coglie quanto si è detto e, dunque, un vizio riconoscibile all’art. 360 c.p.c., n. 3.

Ora Cass. sez. un. n. 17931 del 2013 ha osservato che “il ricorso per cassazione, avendo ad oggetto censure espressamente e tassativamente previste dall’art. 360 c.p.c., comma 1, deve essere articolato in specifici motivi riconducibili in maniera immediata ed inequivocabile ad una delle cinque ragioni di impugnazione stabilite dalla citata disposizione, pur senza la necessaria adozione di formule sacramentali o l’esatta indicazione numerica di una delle predette ipotesi”.

Ne segue che la pur formale deduzione del vizio ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5, stante l’evidenza della riconducibilità dell’esposizione del motivo al paradigma dell’art. 360 c.p.c., n. 3 nel senso del c.d. vizio di sussunzione, non osta a che lo scrutinio del motivo debba farsi secondo quella che è la sua effettiva consistenza, dovendosi osservare che essa, ancorchè non vi si evochi formalmente l’art. 1223 c.c., nella sostanza sulla sua violazione si incentra.

p.2.3. Le svolte considerazioni assorbono per palese infondatezza anche la deduzione da parte delle resistenti che nella specie la Corte sarebbe sollecitata ad una rivalutazione della vicenda in fatto secondo i poteri e le possibilità di cognizione del giudice di merito.

p.2.4. Tanto premesso, l’errore derivante dalla mancata sussunzione della fattispecie fattuale sotto la norma dell’art. 1223 c.c., cioè ai fini del riconoscimento dell’esistenza nell’an di un danno conseguenza futuro della minore alla propria capacità lavorativa si coglie là dove la sentenza impugnata ha reputato che la correzione del deficit uditivo con l’impianto cocleare avesse eliso l’incidenza della invalidità sul possibile dispiegarsi sulla futura capacità lavorativa della minore.

Invero, in disparte il dato del residuo del 30% riconosciuto dal c.t.u. e sottolineato dai ricorrenti come escludente l’assorbimento del deficit (dato che non risulta apprezzabile in modo chiaro da questa Corte), in ogni caso si deve rilevare in modo decisivo che i ricorrenti bene hanno evidenziato che lo stesso Tribunale non aveva considerato idoneo l’impianto cocleare a determinare l’effetto che la situazione della minore fosse, per effetto del suo apporto ed impiego, identica a quella di un normoudente.

p.2.5. D’altro canto, è nozione che può dirsi di comune esperienza che dispiegare una capacità lavorativa sebbene generica, cioè qualsiasi capacità lavorativa, con un apparecchio impiantato come protesi artificiale e, dunque, invasivo riguardo alla persona, quale che esso sia potrebbe dirsi (e tanto più per un impianto cocleare, una cui parte è inserita, a quel che sembra desumibile da semplici notizie di comune acquisibilità, nel corpo della persona), si connota come situazione che non può giustificare che la persona cui la protesi sia stata applicata si trovi nella stessa condizione di una persona sana e, dunque, nella specie di un normoudente ai fini dell’esplicazione della capacità lavorativa.

E’ sufficiente riflettere innanzitutto sulla consistenza propria dell’impianto cocleare, che la Corte rileva via internet da una fonte ufficiale, quella del Dipartimento della qualità – Direzione generale della programmazione sanitaria, dei livelli di assistenza e dei principi etici di sistema Commissione nazionale per la definizione e l’aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza, che nella seduta del 9 febbraio 2005, ai fini dell’inserimento nei “Livelli essenziali di assistenza” delle procedure di manutenzione, riparazione e/o sostituzione delle componenti delle parti esterne degli impianti cocleari, con riferimento alle problematiche che riguardano i soggetti per i quali, diagnosticata una sordità profonda o completa bilaterale (detta “cofosi”), si è proceduto all’intervento chirurgico di impianto cocleare (I.C.), ha rilevato quanto segue: “L’I.C. si compone di due componenti: una interna, o endoprotesi, ed una esterna, o esoprotesi, entrambe fornite al soggetto colpito da sordità profonda in occasione dell’intervento chirurgico previsto per l’impianto. Tale intervento consiste nella inserzione nella coclea della componente interna (endoprotesi), – costituita da un ricevitore ed un numero variabile di elettrodi (dispositivo impiantabile attivo ai sensi del D.Lgs. n. 46 del 1997) – e nella successiva attivazione della componente esterna (esoprotesi) – costituita da un microfono, un elaboratore di suoni (speech processor) e un trasmettitore collegato all’elaboratore tramite un sottile cavo – posto in un piccolo dispositivo dietro l’orecchio, oppure, nel caso dei bambini molto piccoli, all’interno di una scatola fissata tramite bretelline al corpo del soggetto impiantato.”.

Ora, è sufficiente riflettere sul dato che una persona, della quale debba apprezzarsi la capacità lavorativa, dovendo operare con l’apporto di detto impianto e, dunque, di un’entità esterna alla propria persona, anche se in parte inserita nella sua fisicità, certamente è nella condizione di dover costantemente percepire tale incidenza sulla propria persona di detta entità, per comprendere che l’impiego delle sue facoltà nell’esplicazione di una qualsiasi attività lavorativa, a prescindere dall’utilitas specifica che per essa possa avere in concreto, in misura minore o maggiore, la capacità uditiva, non può non risentire negativamente della percezione costante di tale incidenza a differenza di come si porrebbe una persona normoudente che non sia costretta ad usare l’impianto.

La condizione di chi deve lavorare senza un impianto di tal genere è diversa da quella di chi debba lavorare con un impianto se non altro perchè il secondo lavorerà con la consapevolezza del proprio handicap, della propria minorata condizione, che è percezione che la presenza dell’impianto non potrà certo eliminare con l’effetto compensativo.

Tale costante consapevolezza, nonchè quella delle attività complementari alla manutenzione e gestione dell’impianto, implicando una percezione di una condizione pur sempre minorata, si presta necessariamente ad essere valutata come un modo di porsi della persona che l’avverte, di fronte alla propria proiezione lavorativa, in una condizione diversa e peggiore di una persona “normale”, cioè normoudente. Tanto nello scegliere la direzione della propria capacità lavorativa generica, quanto nell’esplicare la capacità corrispondente alla scelta una volta realizzata nelle future potenzialità, l’incidenza del dover far conto costante sull’impianto, sulla protesi, rappresenta una percezione di sè stesso che, secondo una nozione di esperienza comune, sarà idonea ad influenzare tanto la scelta quanto le possibilità di progressione futura della capacità lavorativa in atto.

In altri termini, chi sopporta l’applicazione di un impianto cocleare, sebbene da esso riceva la correzione del deficit uditivo, è costretto (come chi sopporta qualsiasi protesi diretta a rimediare ad uno stato invalidante) a convivere con la sua invasiva presenza ed a costantemente percepirla e tanto si presta ad essere apprezzato come condizione che sarà rilevante negativamente quando egli dovrà cercare lavoro e quanto, una volta trovatolo, dovrà competere per progredire in carriera.

Si vuoi dire che la percezione e sopportazione di una protesi correttiva di un deficit psico-fisico, sebbene essa lo corregga pienamente, costituisce elemento che, quando si deve apprezzare la capacità lavorativa della persona non può essere ignorata a questo scopo semplicemente perchè la protesi è idonea a correggere il deficit. E ciò tanto più quando, come nella specie si debba stimare la capacità lavorativa futura di una minore, la quale sarà costretta a vivere con l’impianto, con la protesi, fin dall’età infantile e, quindi, per un lungo periodo prima di mettersi in giuoco sul mercato del lavoro, subendo l’incidenza negativa della percezione di sè come soggetto che ha una protesi durante l’infanzia, durante adolescenza e durante l’età giovanile. La percezione della condizione di soggetto che è costretto a ricorrere ad una protesi e che, quindi, è in una condizione diversa dalle persone “normali” è, già durante tali fasi della vita circostanza idonea ad esser apprezzata secondo l’id quod plerumque accidit come determinativa di una condizione della persona che certamente influenzerà la sua futura capacità lavorativa.

Per intendersi: una minore che dovrà convivere e, quindi, sentirsi diversa dai coetanei durante l’infanzia, dovrà fare la stessa cosa quando sarà adolescente, e la medesima quando sarà in età giovanile, per il fatto stesso di sentirsi “diversa” per tutte queste tre fasi della sua vita, è più che ragionevole reputare che da tale percezione risentirà durante la sua evoluzione attraverso di essa conseguenze che si riveleranno incidenti quando dovrà entrare nel mercato del lavoro. Durante l’età scolare sarà soggetto che avrà difficoltà di apprendimento dell’istruzione maggiori di uno normale e ciò proprio per la sua condizione costantemente accompagnata dalla percezione della presenza dell’impianto e, dunque, dalla sua condizione di anormalità. Sarà soggetto che non potrà giuocare allo stesso modo dei suoi coetanei. Durante l’adolescenza e l’età giovanile, nel relazionarsi agli altri, non potrà non risentire della sua particolare condizione.

p.2.6. Tutte tali ovvie considerazioni rendono palese già esse stesse l’erroneità del modo in cui la Corte capitolina ha esplicato il giudizio di sussunzione della situazione della minore ai fini dell’apprezzamento in iure dell’esistenza di un suo danno futuro alla capacità lavorativa.

p.2.7. Ma esse sono rafforzate in concreto, sebbene si potrebbe dire anche superfluamente ai fini di giustificare la cassazione della sentenza:

a) da quanto evocato dal ricorso con riguardo a quanto aveva affermato il Tribunale sulla natura del tutto relativa della “compensazione” della perdita della capacità uditiva da parte dell’impianto in ragione dalla percezione della rumorosità complessiva dell’ambiente diversa da quella di un soggetto normoudente (che nient’altro rappresenta se non un particolare aspetto di quella che sopra si è discussa come incidenza negativa sulla persona della “percezione” della presenza dell’impianto e, quindi del doversene avvalere);

b) dal rilievo del c.t.u. (pag. 7-8 della relazione) di avere riscontato nella minore, visitata quando frequentava la V primaria “con sostegno didattico e con rendimento appena sufficiente”, la presenza di “difficoltà logico-matematiche e difficoltà narrativa”, nonchè di “difficoltà ad accettare le regole soprattutto in ambito intrafamiliare: tutti indici evidenti, sebbene collocati in quel momento della vita della bambina, proprio del fatto che l’impianto protesico non valeva a rendere la piccola soggetto uguale ad un soggetto normale e, del resto, in quanto accertati con riferimento alla capacità scolare esplicantesi sempre in quel momento, pienamente idonei a dover essere considerati dalla Corte romana come sintomi di futura incidenza del deficit pur corretto dall’impianto cocleare sulla successiva manifestazione da parte della piccola della sua capacità lavorativa;

c) dalla conclusione del c.t.u. (p. 11 della relazione) nel senso che “gli esiti invalidanti si ripercuoteranno sulle comuni attività esistenziali”.

p.3. Il motivo di ricorso, nei sensi in cui è stato qualificato, è dunque accolto e la sentenza è cassata con rinvio ad altra sezione della Corte d’Appello di Roma, comunque in diversa composizione, anche per le spese del giudizio di cassazione.

La Corte capitolina si conformerà al seguente principio di diritto:

”L’accertamento in un minore in età infantile che lo stato di invalidità permanente alla persona (nella specie sordità causata da non tempestiva diagnosi di meningite, stimata come determinativa di invalidità nella misura del 30% derivante da cofosi bilaterale), cagionato da responsabilità medica, sia rimediabile e sia stato in concreto rimediato tramite l’applicazione di una protesi (nella specie un impianto cocleare), non è ragione sufficiente – per vizio di violazione dell’art. 1223 c.c. sotto il profilo della mancata sussunzione dello stato invalidante come evidenziatore di un danno conseguenza patrimoniale futuro da c.d. perdita – a giustificare l’esclusione dell’esistenza, in ragione della invalidità, e sulla base di una valutazione prognostica, di un danno patrimoniale da lesione della capacità lavorativa del minore, atteso che il dover svolgersi la vita del minore con la percezione della costante applicazione della protesi necessaria per sopperire al deficit derivante dalla invalidità è circostanza che di per sè – ed a maggior ragione quando come nella specie si accompagni ad elementi desunti come sintomatici nello stesso senso dalle modalità di vita del minore nel momento in cui si compie l’accertamento – contraddice e si oppone a quella esclusione.”.

La Corte di rinvio procederà alla decisione dell’appello incidentale applicando tale principio di diritto e considerando che la correzione del deficit uditivo della minore tramite l’impianto cocleare non è in alcun modo di per sè idonea ad escludere il riverberarsi dello stato invalidante permanente sulla capacità lavorativa della stessa.

Terrà conto degli elementi sopra indicati sub a), b) e c) nel paragrafo precedente e dei principi in precedenza enunciati da questa Corte.

Ciò, sia ai fini della individuazione della perdita della capacità lavorativa della minore, siccome accertata quale danno futuro, come danno patrimoniale futuro subendo dalla stessa, sia ai fini della valutazione di detta perdita come elemento idoneo ad incidere ai fini della quantificazione del danno non patrimoniale dei genitori.

P.Q.M.

 

La Corte accoglie il ricorso e cassa la sentenza impugnata, con rinvio ad altra Sezione della Corte d’Appello di Roma,

Avvocato malasanità Milano
Avvocato malasanità Roma
Avvocato malasanità Napoli
Avvocato malasanità Torino
Avvocato malasanità Avellino
Avvocato malasanità Benevento
Avvocato malasanità Caserta
Avvocato malasanità Frosinone
Avvocato malasanità Latina
Avvocato malasanità Salerno
Avvocato malasanità Varese
Avvocato malasanità Pavia
Avvocato malasanità Monza Brianza
Avvocato malasanità Lecco
Avvocato malasanità Como
Avvocato malasanità Bergamo
Avvocato malasanità Gorizia
Avvocato malasanità Trieste
Avvocato malasanità Udine
Avvocato malasanità Vicenza
Avvocato malasanità Verona
Avvocato malasanità Belluno
Avvocato malasanità Pordenone
Avvocato malasanità Treviso
Avvocato malasanità Vercelli
Avvocato malasanità Verbania
Avvocato malasanità Novara
Avvocato malasanità Cuneo
Avvocato malasanità Biella
Avvocato malasanità Aosta
Avvocato malasanità Asti
Avvocato malasanità Alessandria
Avvocato malasanità Terni
Avvocato malasanità Viterbo
Avvocato malasanità Rovigo
Avvocato malasanità Padova
Avvocato malasanità Messina
Avvocato malasanità Siena
Avvocato malasanità Prato
Avvocato malasanità Firenze
CONSULENZA LEGALE:

Malasanità – Errori medici
Perizie Medico Legali
Casi mortali
Incidenti stradali

___________________________________

Risarcimento malasanità Milano
Risarcimento malasanità Roma
Risarcimento malasanità Napoli
Risarcimento malasanità Torino
Risarcimento malasanità Avellino
Risarcimento malasanità Benevento
Risarcimento malasanità Caserta
Risarcimento malasanità Frosinone
Risarcimento malasanità Latina
Risarcimento malasanità Salerno
Risarcimento malasanità Varese
Risarcimento malasanità Pavia
Risarcimento malasanità Monza Brianza
Risarcimento malasanità Lecco
Risarcimento malasanità Como
Risarcimento malasanità Bergamo
Risarcimento malasanità Gorizia
Risarcimento malasanità Trieste
Risarcimento malasanità Udine
Risarcimento malasanità Vicenza
Risarcimento malasanità Verona
Risarcimento malasanità Belluno
Risarcimento malasanità Pordenone
Risarcimento malasanità Treviso
Risarcimento malasanità Vercelli
Risarcimento malasanità Verbania
Risarcimento malasanità Novara
Risarcimento malasanità Cuneo
Risarcimento malasanità Biella
Risarcimento malasanità Aosta
Risarcimento malasanità Asti
Risarcimento malasanità Alessandria
Risarcimento malasanità Terni
Risarcimento malasanità Viterbo
Risarcimento malasanità Rovigo
Risarcimento malasanità Padova
Risarcimento malasanità Messina
Risarcimento malasanità Siena
Risarcimento malasanità Prato
Risarcimento malasanità Firenze
RISARCIMENTO DANNI

.

.

.

.

___________________________________

Denuncia malasanità Milano
Denuncia malasanità Roma
Denuncia malasanità Napoli
Denuncia malasanità Torino
Denuncia malasanità Avellino
Denuncia malasanità Benevento
Denuncia malasanità Caserta
Denuncia malasanità Frosinone
Denuncia malasanità Latina
Denuncia malasanità Salerno
Denuncia malasanità Varese
Denuncia malasanità Pavia
Denuncia malasanità Monza Brianza
Denuncia malasanità Lecco
Denuncia malasanità Como
Denuncia malasanità Bergamo
Denuncia malasanità Gorizia
Denuncia malasanità Trieste
Denuncia malasanità Udine
Denuncia malasanità Vicenza
Denuncia malasanità Verona
Denuncia malasanità Belluno
Denuncia malasanità Pordenone
Denuncia malasanità Treviso
Denuncia malasanità Vercelli
Denuncia malasanità Verbania
Denuncia malasanità Novara
Denuncia malasanità Cuneo
Denuncia malasanità Biella
Denuncia malasanità Aosta
Denuncia malasanità Asti
Denuncia malasanità Alessandria
Denuncia malasanità Terni
Denuncia malasanità Viterbo
Denuncia malasanità Rovigo
Denuncia malasanità Padova
Denuncia malasanità Messina
Denuncia malasanità Siena
Denuncia malasanità Prato
Denuncia malasanità Firenze
CONSULENZA LEGALE:

Malasanità – Errori medici
Perizie Medico Legali
Casi mortali
Incidenti stradali
Infortuni sul lavoro
__

Assistenza malasanità Milano
Assistenza malasanità Roma
Assistenza malasanità Napoli
Assistenza malasanità Torino
Assistenza malasanità Avellino
Assistenza malasanità Benevento
Assistenza malasanità Caserta
Assistenza malasanità Frosinone
Assistenza malasanità Latina
Assistenza malasanità Salerno
Assistenza malasanità Varese
Assistenza malasanità Pavia
Assistenza malasanità Monza Brianza
Assistenza malasanità Lecco
Assistenza malasanità Como
Assistenza malasanità Bergamo
Assistenza malasanità Gorizia
Assistenza malasanità Trieste
Assistenza malasanità Udine
Assistenza malasanità Vicenza
Assistenza malasanità Verona
Assistenza malasanità Belluno
Assistenza malasanità Pordenone
Assistenza malasanità Treviso
Assistenza malasanità Vercelli
Assistenza malasanità Verbania
Assistenza malasanità Novara
Assistenza malasanità Cuneo
Assistenza malasanità Biella
Assistenza malasanità Aosta
Assistenza malasanità Asti
Assistenza malasanità Alessandria
Assistenza malasanità Terni
Assistenza malasanità Viterbo
Assistenza malasanità Rovigo
Assistenza malasanità Padova
Assistenza malasanità Messina
Assistenza malasanità Siena
Assistenza malasanità Prato
Assistenza malasanità Firenze

colpa medica prescrizione

 

colpa medica 2014

 

colpa medica lieve

 

colpa medica penale

 

colpa medica balduzzi

 

colpa medica civile

 

colpa medica tribunale milano

 

colpa medica sentenze

 

colpa medica mediazione obbligatoria

 

colpa medica d’equipe

 

colpa medica anestesista

 

colpa medica accertamento tecnico preventivo

 

colpa medica altalex

 

colpa medica riforma balduzzi

 

colpa medica lieve balduzzi

 

colpa medica dopo legge balduzzi

 

blaiotta colpa medica

 

colpa medica cassazione penale

 

colpa medica competenza territoriale

 

colpa medica consenso informato

 

colpa medica cassazione civile

 

colpa medica errore di diagnosi

 

colpa medica e nascita indesiderata

 

colpa medica foro del consumatore

 

colpa medica foro competente

 

colpa medica franzese

 

colpa medica sentenza franzese

 

formulario colpa medica

 

atto di citazione colpa medica formulario

 

colpa medica grave

 

colpa medica giurisprudenza

 

colpa medica giurisprudenza penale

 

colpa medica garza

 

colpa medica ginecologo

 

colpa medica giudizio controfattuale

 

colpa medica giudice di pace

 

colpa grave medico rivalsa

 

colpa grave medico assicurazione

 

colpa grave medico corte dei conti

 

colpa medica imperizia

 

colpa medica imprudenza

 

colpa medica in penale

 

colpa medica legge balduzzi

 

colpa medica legittimazione passiva

 

colpa medica linee guida

 

colpa medica lieve e grave

 

colpa medica lesioni colpose

 

colpa medica legge

 

colpa medica leges artis

 

colpa medica la cassazione riconosce

 

colpa medica libri

 

colpa medica morte paziente

 

colpa medica messa in mora

 

colpa medica nesso causale

 

colpa medica nesso di causalità penale

 

colpa medica nesso di causalità

 

colpa medica negligenza

 

colpa medica novità

 

colpa medica nel diritto

 

colpa medica onere della prova

 

colpa medica omicidio colposo

 

colpa medica omessa diagnosi

 

colpa medica omissiva

 

colpa medica omissione

 

colpa medica ortopedia

 

colpa medica odontoiatra

 

colpa medica professionale

 

colpa medica prescrizione penale

 

colpa medica per omissione

 

colpa medica procedibilità

 

colpa medica perdita di chances

 

colpa medica parere

 

colpa medica parere penale

 

colpa medica parto

 

colpa medica querela

 

colpa medica quantificazione danno

 

colpa medica quesiti ctu

 

colpa medica termini querela

 

colpa medica responsabile civile

 

colpa medica risarcimento danni

 

colpa medica risarcimento prescrizione

 

colpa medica riforma

 

colpa medica reato

 

colpa medica risarcimento

 

colpa medica radiologo

 

colpa medica san severo

 

colpa medica sentenza tribunale milano

 

colpa medica specializzando

 

colpa medica struttura sanitaria

 

colpa medica sentenza cantore

 

colpa medica sentenze 2012

 

colpa medica specifica

 

colpa medica senza danno

 

colpa medica tesi

 

colpa medica tabelle

 

colpa medica termine di prescrizione

 

colpa medica tumore

 

responsabilita’ medica trasfusione incompatibile sbagliata

 

colpa medica ultime sentenze

 

colpa medica sezioni unite

 

colpa medica veterinaria

 

colpa medica per imperizia

 

colpa medica per errata diagnosi

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» MORTE DEL FIGLIO INCIDENTE DANNO QUANTIFICAZIONE AVVOCATO ESPERTO

» MALASANITA’ BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA RISARCIMENTO AVVOCATO ESPERTO INDENIZZO RISARCIMENTO DA MALASANITA’

» LUGO FAENZA RAVENNA AVVOCATO PER MALASANITA’

» Sei stato vittima di un errore medico? AVVOCATO MALASANITA’ FORLI CESENA errore medico risarcimento danni risarcimento danni malasanità prescrizione risarcimento malasanità tempi risarcimento malasanità morte risarcimento danni per malasanità tabelle risarcimento danni malasanità

» Vittima di errori di malasanità? Art. 2059 Il danno non patrimoniale

» colpa medica cassazione penale colpa professionale del medico

» MALASANITA’ RESPONSABILITA’ MEDICA DANNO PATRIMONIALE E NON errore medico risarcimento danni Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA risarcimento malasanità tempi Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA tabelle risarcimento danni malasanità Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA risarcimento danni malasanità prescrizione Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA risarcimento malasanità morte Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA scadenza domanda risarcimento malasanità Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA

» Malasanita’ danno la responsabilità medica: cosa è e come funziona Il medico, è responsabile di eventuali danni cagionati con la conseguenza che il danneggiato ha diritto a un risarcimento.

» CONSENSO INFORMATO INTERVENTO CHIRURGICO laparatomia, una isterectomia totale, una anessectomia bilaterale, una appendicectomia ed omentectomia. p.1. D.S.S. ha proposto ricorso per cassazione contro l’Azienda A.U.S.L. di Chieti, B.U., R. G. e C.F., nonchè contro la Unipol Assicurazioni s.p.a. (incorporante per fusione l’Aurora Assicurazioni s.p.a., già Siad Ass.ni. s.p.a.) e la Sara Assicurazioni s.p.a., l’Assitalia – Le Assicurazioni d’Italia s.p.a., la Milano Assicurazioni s.p.a., la s.p.a. Reale Mutua Assicurazioni, la Zurigo Assicurazioni s.p.a., la Assicurazioni Generali s.p.a. e la Lloyd Adriatico s.p.a., avverso la sentenza del 13 settembre 2011, con la quale la Corte d’Appello di L’Aquila ha rigettato il suo appello contro la sentenza resa in primo grado inter partes dal Tribunale di Chieti il 3 marzo 2004 sulla controversia introdotta da essa ricorrente nel dicembre del 1997 per ottenere il risarcimento dei danni a suo dire sofferti in occasione di un intervento chirurgico cui si era sottoposta il 24 novembre 1995 presso l’Ospedale di Chieti.

» BLEFAROPLASTICA DANNO RISARCIMENTO 4) I motivi precedenti danno modo di provare che anche ove si volesse ritenere applicabile al caso di specie l’articolo 1176 anziché l’articolo 2236 Cc., si dovrebbe comunque escludere qualunque responsabilità in capo al dott. S.. Non è stata dimostrata alcun tipo di negligenza, lieve o grave e, nel contempo, difetta totalmente la prova del nesso di causalità. Il motivo non può essere accolto in quanto la decisione impugnata è fondata su una motivazione sufficiente,logica, non contraddittoria e rispettosa della normativa in questione.

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

» CASS SEZ UNITE RISARCIMENTI PUNITIVI la sentenza del 23 settembre 2008, esecutiva, della Circuit Court of the 17th Judicial Circuit for Broward Count (Florida), confermata in appello dal District Court of Appeal of the State of Florida, dell’U agosto 2010, che aveva concannato la società italiana AXO Sport spa a pagare la complessiva somma di dollari USA 1.436.136,87, oltre interessi al tasso annuo dell’11% , a seguito di procedimento giudiziario svoltosi davanti a quell’autorità;

» AVVOCATO DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA CONTRATTO PRELIMINARE SU IMMOBILE ABUSIVO In forza, allora, dell’interpretazione di questa Corte, cui il Collegio intende dare continuità, la sanzione della nullità prevista dalla L. 28 febbraio 1985, n. 47, art. 40, con riferimento a vicende negoziali relative ad immobili privi della necessaria concessione edificatoria, trova applicazione nei soli contratti con effetti traslativi e non anche con riguardo ai contratti con efficacia obbligatoria, quale il preliminare di vendita, come si desume dal tenore letterale della norma, nonchè dalla circostanza che, successivamente al contratto preliminare, può intervenire la concessione in sanatoria degli abusi edilizi commessi o essere prodotta la dichiarazione prevista dalla stessa norma, ove si tratti di immobili costruiti anteriormente al 1 settembre 1967. Ne consegue che, anche nel caso in cui il preliminare abbia ad oggetto un immobile privo della concessione edificatoria, si ritiene costituito tra le parti un valido vincolo giuridico (Cass. 19 dicembre 2013, n. 28456; Cass. 18 luglio 2011, n. 15734; Cass. 11 luglio 2005, n. 14489).

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna