Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

PRESTO !! SEI VITTIMA DI UN ERRORE MEDICO? LO E’ UN TUO FAMIGLIARE? AVVOCATO SERGIO ARMAROLI

SEI VITTIMA DI UN ERRORE MEDICO? LO E’ UN TUO FAMIGLIARE? AVVOCATO SERGIO ARMAROLI

PRESTO !! SEI VITTIMA DI UN ERRORE MEDICO? LO E’ UN TUO FAMIGLIARE? AVVOCATO SERGIO ARMAROLI bellissima Bologna

PRESTO !! SEI VITTIMA DI UN ERRORE MEDICO? LO E’ UN TUO FAMIGLIARE? AVVOCATO SERGIO ARMAROLI

In altri termini, atteso che la diligenza esigibile nell’adempimento della prestazione professionale ex articolo 1176 c.c., comma 2, varia col variare del grado di specializzazione di cui sia in possesso il medico, oltre che del grado di efficienza della struttura in cui si trova ad operare (sicche’ dal medico di alta specializzazione ed inserito in una struttura di eccellenza e’ esigibile una diligenza piu’ elevata di quella esigibile, dinanzi al medesimo caso clinico, da parte del medico con minore specializzazione od inserito in una struttura meno avanzata: v. Cass., 9/10/2012, n. 17143; Cass., Sez. Un., 11/1/2008, n. 577; Cass., 13/4/2007, n. 8826), la corte di merito non ha valutato, la condotta mantenuta dall’ (OMISSIS) nell’effettuazione dell’intervento di tiroidectomia in argomento secondo il criterio di normalita’ ex articolo 1176 c.c., comma 2, correlativo alla condotta cui e’ tenuto il medico specialista (a fortiori se tra i migliori del settore), (v. Cass., 13/4/2007, n. 8826; Cass., 20/7/2005, n. 15255; Cass., 8/2/2005, n. 2538; Cass., 22/10/2003, n. 15789; Cass., 28/11/2001, n. 15124; Cass., 21/6/1983, n. 4245).

 

PRESTO !! SEI VITTIMA DI UN ERRORE MEDICO? LO E’ UN TUO FAMIGLIARE? AVVOCATO SERGIO ARMAROLI malasanità Bologna, studio legale avvocato Sergio Armaroli

PRESTO !! SEI VITTIMA DI UN ERRORE MEDICO? LO E’ UN TUO FAMIGLIARE? AVVOCATO SERGIO ARMAROLI malasanità Bologna, studio legale avvocato Sergio Armaroli

 

Corte di Cassazione, Sezione 3 civile, Sentenza 20 ottobre 2014, n. 22222

PRESTO !! SEI VITTIMA DI UN ERRORE MEDICO? LO E’ UN TUO FAMIGLIARE? AVVOCATO SERGIO ARMAROLI risarcimento

PRESTO !! SEI VITTIMA DI UN ERRORE MEDICO? LO E’ UN TUO FAMIGLIARE? AVVOCATO SERGIO ARMAROLI

avvocato a Bolognaavvocato a Bologna

 

REPUBBLICA ITALIANA

 

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

 

SEZIONE TERZA CIVILE

 

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

 

Dott. RUSSO Libertino Alberto – Presidente

 

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – rel. Consigliere

 

Dott. CARLUCCIO Giuseppa – Consigliere

 

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere

 

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere

 

ha pronunciato la seguente:

 

SENTENZA

 

sul ricorso 9857/2011 proposto da:

 

(OMISSIS) (OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS) giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

AZIENDA UNITA’ SANITARIA LOCALE PARMA (OMISSIS), in persona del Direttore Generale pro tempore Dr. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende giusta procura a margine del controricorso;

– controricorrente –

e contro

(OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 955/2010 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA, depositata il 09/09/2010, R.G.N. 499/2006;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 17/06/2014 dal Consigliere Dott. LUIGI ALESSANDRO SCARANO;

udito l’Avvocato (OMISSIS) per delega;

udito l’Avvocato (OMISSIS);

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. RUSSO Rosario Giovanni, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza del 9/9/2010 la Corte d’Appello di Bologna respingeva il gravame interposto dalla sig. (OMISSIS) in relazione alla pronunzia Trib. Parma 4/3/2005 di rigetto della domanda proposta nei confronti del sig. (OMISSIS) e dell’Azienda Unita’ Sanitaria Locale di Parma di risarcimento dei danni subiti in conseguenza di intervento chirurgico di tiroidectomia, all’esito del quale aveva subito la lesione del nervo ricorrente destro.

Avverso la suindicata pronunzia della corte di merito la (OMISSIS) propone ora ricorso per cassazione affidato ad unico complesso motivo, illustrato da memoria.

Resiste con controricorso l’Azienda Unita’ Sanitaria Locale di Parma.

L’altro intimato non ha svolto attivita’ difensiva.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con unico motivo la ricorrente denunzia violazione e falsa applicazione degli articoli 1176, 1218, 2236 e 2697 c.c., articoli 115, 116 c.p.c., in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 3; nonche’ omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione su punto decisivo della controversia, in relazione all’articolo 360 c.p.c., comma 1, n. 5.

Si duole che, totalmente disattendendo le conclusioni del CTU e, quindi, le risultanze probatorie acquisite agli atti , la corte di merito non abbia minimamente valutato le risultanze probatorie in ordine alla prova, incombente sul medico, di avere, nella fattispecie, adottato la necessaria diligenza e rispettato tutte le regole e gli accorgimenti che nel loro insieme costituiscono la conoscenza della professione medica, nella effettuazione della prestazione resa .

Lamenta non essersi considerato che a comprovare la colpa professionale deponevano anche la specializzazione del Dott. (OMISSIS), medico chirurgo, primario del reparto di Chirurgia dell’ente ospedaliero de quo, la routinarieta’ dell’intervento, affermata dal CTU, e la conseguenza dell’atto operatorio (lesione del nervo laringeo), che poteva essere stata cagionata soltanto da errate manovre eseguite dal chirurgo .

Si duole che la corte di merito abbia escluso la semplicita’ dell’intervento de quo, in ragione del marcato aumento di volume della massa cistica e per la estrema ristrettezza del campo operatorio senza invero precisare se alla luce dell’istruttoria svolta e del parere tecnico acquisito la conseguenza e’ stata cagionata dalla tecnica chirurgica adoperata ovvero da imperizia o inabilita’ del chirurgo, stante le condizioni di buona salute della paziente, ovvero da causa inevitabile con la diligenza professionale del caso .

Lamenta che mentre la signora (OMISSIS) ha correttamente adempiuto a tale suo onere , il sanitario non ha fornito la prova liberatoria a suo carico ex articolo 1218 c.c., posto che – comunque – e’ emerso dalla CTU che l’intervento operatorio ha determinato una evoluzione peggiorativa dello stato patologico preesistente. Di tale evoluzione peggiorativa, dunque, devono rispondere i medici e la struttura sanitaria .

Si duole che, trattandosi di atto operatorio ampiamente studiato e ben codificato, e che il margine di rischio e’ dell’1%, spettava dunque al medico la prova di aver effettuato nel suo intervento le specifiche, corrette manovre necessarie alla rimozione della massa cistica .

Lamenta non essersi considerato che il nesso causale sussiste anche quando, attraverso un criterio necessariamente probabilistico, si possa ritenere che l’opera del medico, se correttamente e prontamente prestata, avrebbe potuto avere serie ed apprezzabili possibilita’ di evitare il danno .

Si duole che l’incompletezza nella specie della cartella clinica non vale ad escludere la sussistenza del nesso di causalita’, e che l’onere della prova liberatoria incombente sull’ (OMISSIS) non e’ stato dal medesimo assolto.

Il motivo e’ fondato e va accolto nei termini di seguito indicati.

E’ rimasto nel caso accertato che il (OMISSIS) la sig. (OMISSIS) fu sottoposta presso l’Ospedale (OMISSIS) ad un intervento chirurgico di tiroidectomia sub-totale eseguito dal Primario Dr. (OMISSIS), all’esito del quale la paziente riportava la paralisi della corda vocale destra.

Pur essendo stato l’intervento de quo indicato nella CTU disposta nel corso del giudizio di primo grado come di particolare semplicita’ esecutiva , i giudici di entrambi i gradi di merito hanno escluso che nella specie l’intervento si sia in realta’ rivelato tale.

La corte di merito ha in particolare affermato di condividere l’avviso del giudice di prime cure, qualificando il disatteso responso medico legale come apoditticamente articolato, mediante sillogismo meramente eretto sulla normale semplicita’ dell’intervento di tiroidectomia e sulla speciale competenza dell’esecutore in quanto primario , altresi’ ravvisando come per converso eloquentemente rappresentativi della difficolta’ della rimozione de qua i dati clinici acquisiti , indicativi della sussistenza di un considerevole volume della massa cistica a contenuto emorragico deponente per la corretta esclusione in concreto della natura routinaria dell’esecuzione , e per il positivo riscontro della correttezza dell’operato del chirurgo .

Orbene, siffatto assunto si rivela in parte erroneo, nonche’ deponente per una incongrua motivazione.

Va anzitutto osservato che, giusta principio consolidato nella giurisprudenza di legittimita’, in base alla regola di cui all’articolo 1218 c.c., il paziente-creditore ha il mero onere di provare il contratto e allegare il relativo inadempimento o inesatto adempimento, e cioe’ la difformita’ della prestazione ricevuta rispetto al modello normalmente realizzato da una condotta improntata alla dovuta diligenza, non essendo invece tenuto a provare la colpa del medico e/o della struttura sanitaria, e la relativa gravita (v. Cass., Sez. Un., 11/1/2008, n. 577; Cass., 13/4/2007, n. 8826; Cass., 24/5/2006, n. 12362; Cass., 21/6/2004, n. 11488. Da ultimo v. Cass., 11/11/2011, n. 23564; Cass., 9/10/2012, n. 17143).

Si e’ al riguardo da questa Corte ulteriormente precisato che la distinzione tra prestazione di facile esecuzione e prestazione implicante la soluzione di problemi tecnici di speciale difficolta’ non puo’ valere come criterio di distribuzione dell’onere della prova, bensi’ solamente ai fini della valutazione del grado di diligenza e del corrispondente grado di colpa riferibile al sanitario.

All’articolo 2236 c.c., non va pertanto assegnata rilevanza alcuna ai fini della ripartizione dell’onere probatorio, incombendo in ogni caso al medico dare la prova della particolare difficolta’ della prestazione, giacche’ la norma in questione implica solamente una valutazione della colpa del professionista in relazione alle circostanze del caso concreto (v. Cass., 13/4/2007, n. 8826; Cass., 28/5/2004, n. 10297; Cass., 21/6/2004, n. 11488).

Appare in effetti incoerente ed incongruo richiedere al professionista la prova idonea a vincere la presunzione di colpa a suo carico quando trattasi di intervento di facile esecuzione o routinario, e addossare viceversa al paziente l’onere di provare l’inadempimento quando l’intervento e’ di particolare o speciale difficolta’ (in tal senso v. invece Cass., 4/2/1998, n. 1127; Cass., 11/4/1995, n. 4152), e cioe’ proprio nel caso in cui l’intervento implichi la soluzione di problemi tecnici di speciale difficolta’, richiedendo notevole abilita’ e implicando la soluzione di problemi tecnici nuovi o di speciale complessita’, con largo margine di rischio in presenza di ipotesi non ancora adeguatamente studiate o sperimentate, ovvero oggetto di sistemi diagnostici, terapeutici e di tecnica chirurgica diversi ed incompatibili tra loro (v. Cass., 28/5/2004, n. 10297; Cass., 10/5/2000, n. 5945; Cass., 19/5/1999, n. 4852; Cass., 16/11/1988, n. 6220; Cass., 18/6/1975, n. 2439). Cio’ in quanto verrebbe altrimenti ad ingiustificatamente gravarsi il paziente, in contrasto invero con il principio di generale favor per il creditore-danneggiato cui l’ordinamento e’ informato (cfr. Cass., 20/2/2006, n. 3651).

In tali circostanze, e’ infatti indubitabilmente il medico specialista a conoscere le regole dell’arte e la situazione specifica – anche in considerazione delle condizioni del paziente – del caso concreto, avendo pertanto la possibilita’ di assolvere all’onere di provare l’osservanza delle prime e di motivare in ordine alle scelte operate in ipotesi in cui maggiore e’ la discrezionalita’ rispetto a procedure standardizzate.

E’ allora da superarsi, sotto il profilo della ripartizione degli oneri probatori, ogni distinzione tra interventi facili e difficili , in quanto l’allocazione del rischio non puo’ essere rimessa alla maggiore o minore difficolta’ della prestazione, l’articolo 2236 c.c., dovendo essere inteso come contemplante una regola di mera valutazione della condotta diligente del debitore (v. Cass., 13/4/2007, n. 8826; Cass., 28/5/2004, n. 10297; Cass., 21/6/2004, n. 11488).

Va quindi conseguentemente affermato che in ogni caso di insuccesso incombe al medico dare la prova della particolare difficolta’ della prestazione (v. Cass., Sez. Un., 11/1/2008, n. 577; Cass., 13/4/2007, n. 8826; Cass., 28/5/2004, n. 10297; Cass., 21/6/2004, n. 11488).

Spetta dunque (a fortiori ove trattisi come nella specie di intervento semplice o routinario) al medico o alla struttura provare che il risultato anomalo o anormale rispetto al convenuto esito dell’intervento o della cura, e quindi dello scostamento da una legge di regolarita’ causale fondata sull’esperienza, dipende da fatto a se’ non imputabile, in quanto non ascrivibile alla condotta mantenuta in conformita’ alla diligenza dovuta, in relazione alle specifiche circostanze del caso concreto (v. Cass., 9/10/2012, n. 17143), bensi’ ad evento imprevedibile e non superabile con l’adeguata diligenza (cfr., Cass., 21/7/2011, n. 15993; Cass., 7/6/2011, n. 12274. E gia’ Cass., 24/5/2006, n. 12362; Cass., 11/11/2005, n. 22894).

In altri termini, dare la prova del fatto impeditivo (v. Cass., 28/5/2004, n. 10297; Cass., 21/6/2004, n. 11488), rimanendo in caso contrario soccombente, in applicazione della regola generale ex articoli 1218 e 2697 c.c., di ripartizione dell’onere probatorio fondata sul principio di c.d. vicinanza alla prova o di riferibilita’ (v. Cass., 9/11/2006, n. 23918; Cass., 21/6/2004, n. 11488; Cass., Sez. Un., 23/5/2001, n. 7027; Cass., Sez. Un., 30/10/2001, n. 13533; Cass., 13/9/2000, n. 12103), o ancor piu’ propriamente (come sottolineato anche in dottrina), sul criterio della maggiore possibilita’ per il debitore onerato di fornire la prova, in quanto rientrante nella sua sfera di dominio, in misura tanto piu’ marcata quanto piu’ l’esecuzione della prestazione consista nell’applicazione di regole tecniche sconosciute al creditore, essendo estranee alla comune esperienza, e viceversa proprie del bagaglio del debitore come nel caso specializzato nell’esecuzione di una professione protetta.

Orbene, diversamente da quanto prospettato dall’odierna ricorrente la corte di merito ha nell’impugnata sentenza posto siffatti principi a corretta premessa del proprio argomentare.

Peraltro, movendo dalla complessiva documentazione sanitaria segnalante il rapido progressivo accrescimento dell’adenoma, gia’ ravvisato in fase diagnostica strumentale ed ulteriormente riscontrato, rispetto alle indicazioni di pochi mesi prima , essa e’ poi pervenuta ad ascrivere la lesione nervosa de qua, pur in presenza di una ravvisata diligente esecuzione del trattamento chirurgico di specie , al verificarsi di una complicanza escludente la responsabilita’ del medico operante e conseguentemente della struttura, la quale risponde direttamente di tutte le ingerenze dannose che al dipendente o al terzo preposto, della cui opera comunque si e’ avvalso, sono state rese possibili dalla posizione conferitagli rispetto al creditore/danneggiato, e cioe’ dei danni che il medesimo ha potuto arrecare in ragione di quel particolare contatto cui e’ risultato esposto nei suoi confronti il creditore (la paziente (OMISSIS)), essendo direttamente responsabile allorquando l’evento dannoso risulti da ascriversi alla condotta colposa o dolosa posta in essere – quand’anche a sua insaputa (cfr. Cass., 17/5/2001, n. 6756) – dal medico (nel caso, l’ (OMISSIS)), della cui attivita’ essa si e’ comunque avvalsa per l’adempimento della propria obbligazione contrattuale.

Orbene, la corte di merito e’ giunta a tale conclusione violando non gia’, come pure adombrato dall’odierna ricorrente, la regola di ripartizione degli oneri probatori ex articolo 2697 c.c., in materia bensi’ i principi in tema di diligenza nell’esecuzione della prestazione professionale medica e di valutazione delle prove, a sostegno dell’emesso dictum altresi’ ponendo un’incongrua motivazione.

Deve al riguardo sottolinearsi che ai fini della configurabilita’ della responsabilita’ contrattuale (cosi’ come del resto in ambito extracontrattuale: cfr. Cass., 27/8/2014, n. 18304), la colpa in realta’ si sostanzia – oltre che nell’inosservanza di leggi, regolamenti, regole e discipline – nell’obiettiva violazione degli aspetti della diligenza, della prudenza e della perizia.

Ormai da tempo superata, se non addirittura tramontata, la concezione etica della responsabilita’ civile (informata sulla concezione psicologica della colpa, propria invero del diritto penale), nell’adempimento delle obbligazioni (oltre che nei comuni rapporti della vita di relazione) la diligenza assume in particolare imprescindibile e decisivo rilievo, quale criterio di determinazione del modello di condotta, designando la condotta obiettivamente dovuta per l’adempimento della prestazione e lo sforzo cui il soggetto e’ tenuto per la salvaguardia dell’interesse altrui, la cui violazione ridonda in termini di responsabilita’ civile e obbliga al risarcimento dei danni derivanti dall’evento causalmente ascrivibile alla condotta negligente, e pertanto illecita.

La diligenza va a tal fine peraltro correlata alla qualita’ del soggetto, e valutata secondo criteri di normalita’ da apprezzarsi in relazione alle condizioni del medesimo, avuto in particolare riguardo alla relativa qualificazione.

Lo specifico settore di competenza in cui rientra l’attivita’ esercitata richiede infatti la specifica conoscenza ed applicazione delle cognizioni tecniche che sono tipiche dell’attivita’ necessaria per l’esecuzione dell’attivita’ professionale espletata.

Questa Corte ha gia’ avuto piu’ volte modo di porre in rilievo, in accordo con quanto osservato anche in dottrina, che il debitore e’ di regola tenuto ad una normale perizia, commisurata al modello del buon professionista (secondo cioe’ una misura obiettiva che prescinde dalle concrete capacita’ del soggetto, sicche’ deve escludersi che ove privo delle necessarie cognizioni tecniche il debitore rimanga esentato dall’adempiere l’obbligazione con la perizia adeguata alla natura dell’attivita’ esercitata); mentre una diversa misura di perizia e’ dovuta in relazione alla qualifica professionale del debitore (per il riferimento alla necessita’ di adeguare la valutazione alla stregua del dovere di diligenza particolarmente qualificato, inerente lo svolgimento dell’attivita’ del professionista, v. Cass., 23/4/2004, n. 19133; Cass., 4/3/2004, n. 4400), in relazione ai diversi gradi di specializzazione propri dello specifico settore professionale.

Atteso che la diligenza deve valutarsi avuto riguardo alla natura dell’attivita’ esercitata (articolo 1176 c.c., comma 2), al professionista (e a fortiori allo specialista) e’ dunque richiesta una diligenza particolarmente qualificata dalla perizia e dall’impiego di strumenti tecnici adeguati al tipo di attivita’ da espletare (cfr. Cass., 31/5/2006, n. 12995) e allo standard professionale della sua categoria, tale standard valendo a determinare, in conformita’ alla regola generale, il contenuto della perizia dovuta e la corrispondente misura dello sforzo diligente adeguato per conseguirlo, nonche’ del relativo grado di responsabilita’, giacche’ chi assume un’obbligazione nella qualita’ di specialista, o una obbligazione che presuppone una tale qualita’, e’ tenuto alla perizia che e’ normale della categoria (v. Cass., 13/4/2007, n. 8826).

In altri termini, l’impegno dal professionista (e a fortiori dallo specialista) dovuto, se si profila superiore a quello del comune debitore, va considerato viceversa corrispondente alla diligenza normale in relazione alla specifica attivita’ professionale esercitata, giacche’ il medesimo deve impiegare la perizia ed i mezzi tecnici adeguati allo standard professionale della sua categoria, tale standard valendo a determinare, in conformita’ alla regola generale, il contenuto della perizia dovuta e la corrispondente misura dello sforzo diligente adeguato per conseguirlo, nonche’ del relativo grado di responsabilita’ (cfr. Cass., 9/10/2012, n. 17143).

Lo sforzo tecnico implica anche l’uso degli strumenti materiali normalmente adeguati, ossia degli strumenti comunemente impiegati nel tipo di attivita’ professionale in cui rientra la prestazione dovuta (v. Cass., 13/4/2007, n. 8826).

Il normale esito della prestazione dipende allora da una pluralita’ di fattori, quali il tipo di patologia, le condizioni generali del paziente, l’attuale stato della tecnica e delle conoscenze scientifiche (stato dell’arte), l’organizzazione dei mezzi adeguati per il raggiungimento degli obiettivi in condizioni di normalita’, ecc..

La normalita’ risponde quindi ad un giudizio relazionale di valore, in ragione delle circostanze del caso.

A tale stregua, il professionista deve, da un canto, valutare con prudenza e scrupolo i limiti della propria adeguatezza professionale, ricorrendo anche all’ausilio di un consulto (se la situazione non e’ cosi’ urgente da sconsigliarlo); e, da altro canto, adottare tutte le misure volte ad ovviare alle carenze strutturali ed organizzative incidenti sugli accertamenti diagnostici e sui risultati dell’intervento, e laddove cio’ non sia possibile, deve informare il paziente, financo consigliandogli, se manca l’urgenza di intervenire, il ricovero in altra idonea struttura (v. Cass., 13/4/2007, n. 8826; Cass., 5/7/2004, n. 12273. V. anche Cass., 21/7/2003, n. 11316; Cass., 16/5/2000, n. 6318).

Orbene, nel censurare la particolare semplicita’ esecutiva dell’intervento de quo dal giudice di prime cure ravvisata in base ad una valutazione della consulente ufficiale , la corte di merito e’ pervenuta ad escludere nella specie la responsabilita’ del medico operante Dr. (OMISSIS), formalmente (e del tutto inutilmente) argomentando dalla inconfigurabilita’ nella specie della relativa natura routinaria ma in realta’ sostanzialmente ritenendo (invero erroneamente ) dal medesimo fornita la prova liberatoria.

La corte di merito ha al riguardo considerato non corretta la valutazione operata dal C.T.U. della complessiva documentazione sanitaria segnalante il rapido progressivo accrescimento dell’adenoma, gia’ ravvisato in fase diagnostica strumentale ed ulteriormente riscontrato, rispetto alle indicazioni di pochi mesi prima, dal chirurgo in sede operatoria proprio nel citato diario clinico .

Ha per altro verso ritenuto la presenza del considerevole volume della massa cistica a contenuto emorragico come idonea ad escludere nel caso la natura routinaria dell’intervento de quo e deponente viceversa per l’insorgenza nel caso di una complicanza idonea ad escludere la possibilita’ di considerarsi come colposa la condotta dal medico specialista nella specie mantenuta, con conseguente esclusione della relativa responsabilita’ per la paralisi della corda vocale destra in conseguenza del medesimo sofferta dalla paziente odierna ricorrente.

A tale stregua, nell’omettere di considerare che trattandosi di consulenza percipiente la CTU esperita in 1 grado costituisce nel caso fonte oggettiva di prova (cfr., da ultimo, Cass., 26/2/2013, n. 4792), con motivazione altresi’ apodittica e meramente apparente e pertanto incongrua la corte di merito si e’ dalle risultanze della detta consulenza invero discostata limitandosi ad apoditticamente qualificare come corretto l’operato del chirurgo , trascurando di valutare (come lamentato dall’odierna ricorrente) la prestazione del medico in relazione, trattandosi di Primario ospedaliero, alla normale diligenza dovuta in ragione della qualita’ di specialista del medesimo.

In altri termini, atteso che la diligenza esigibile nell’adempimento della prestazione professionale ex articolo 1176 c.c., comma 2, varia col variare del grado di specializzazione di cui sia in possesso il medico, oltre che del grado di efficienza della struttura in cui si trova ad operare (sicche’ dal medico di alta specializzazione ed inserito in una struttura di eccellenza e’ esigibile una diligenza piu’ elevata di quella esigibile, dinanzi al medesimo caso clinico, da parte del medico con minore specializzazione od inserito in una struttura meno avanzata: v. Cass., 9/10/2012, n. 17143; Cass., Sez. Un., 11/1/2008, n. 577; Cass., 13/4/2007, n. 8826), la corte di merito non ha valutato, la condotta mantenuta dall’ (OMISSIS) nell’effettuazione dell’intervento di tiroidectomia in argomento secondo il criterio di normalita’ ex articolo 1176 c.c., comma 2, correlativo alla condotta cui e’ tenuto il medico specialista (a fortiori se tra i migliori del settore), (v. Cass., 13/4/2007, n. 8826; Cass., 20/7/2005, n. 15255; Cass., 8/2/2005, n. 2538; Cass., 22/10/2003, n. 15789; Cass., 28/11/2001, n. 15124; Cass., 21/6/1983, n. 4245).

Nel confondere – come detto – tra natura routinaria della prestazione e fatto impeditivo dell’adempimento, la prova di quest’ultimo non valendo invero a far mutare la natura della prestazione dovuta ma esclusivamente ad escludere nello specifico caso concreto la responsabilita’ del medico, la corte di merito non ha invero spiegato come mai l’adenoma che ha nella specie colpito la (OMISSIS) abbia potuto costituire, per un Primario operante presso adeguata struttura e in assenza di riscontrate deficienze organizzative o tecniche una complicanza non prevedibile e non prevenibile, a fortiori in considerazione della circostanza che tale adenoma era stato gia’ individuato in fase diagnostica strumentale ed ulteriormente riscontrato, rispetto alle indicazioni di pochi mesi prima .

Ne’ il giudice del gravame di merito ha dato congrua motivazione dell’iter logico-giuridico seguito per addivenire nel censurare il parere espresso dal C.T.U. (cfr. Cass., 3/1/2011, n. 72; Cass., 21/8/2003, n. 12304; Cass., 4/1/2002, n. 71) a considerare il rigonfiamento in argomento (di cui non risulta dato invero nemmeno adeguatamente atto nella cartella clinica) come idoneo ad escludere la responsabilita’ del medico operante, tanto piu’ che (come emergente nei passi della CTU riportati nel ricorso) il medesimo (alla stregua di quanto emergente dal diario clinico del giorno dell’intervento) aveva invero gia’ isolato entrambi i lobi , con riconoscimento dei nervi laringei e delle paratiroidi .

Dell’impugnata sentenza s’impone pertanto la cassazione, con rinvio alla Corte d’Appello di Bologna, che in diversa composizione procedera’ a nuovo esame, facendo dei disattesi principi applicazione.

Il giudice di rinvio provvedera’ anche in ordine alle spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso. Cassa l’impugnata sentenza e rinvia, anche per le spese del giudizio di cassazione, alla Corte d’Appello di Bologna, in diversa composizione.

Avvocato malasanità Milano
Avvocato malasanità Roma
Avvocato malasanità Napoli
Avvocato malasanità Torino
Avvocato malasanità Avellino
Avvocato malasanità Benevento
Avvocato malasanità Caserta
Avvocato malasanità Frosinone
Avvocato malasanità Latina
Avvocato malasanità Salerno
Avvocato malasanità Varese
Avvocato malasanità Pavia
Avvocato malasanità Monza Brianza
Avvocato malasanità Lecco
Avvocato malasanità Como
Avvocato malasanità Bergamo
Avvocato malasanità Gorizia
Avvocato malasanità Trieste
Avvocato malasanità Udine
Avvocato malasanità Vicenza
Avvocato malasanità Verona
Avvocato malasanità Belluno
Avvocato malasanità Pordenone
Avvocato malasanità Treviso
Avvocato malasanità Vercelli
Avvocato malasanità Verbania
Avvocato malasanità Novara
Avvocato malasanità Cuneo
Avvocato malasanità Biella
Avvocato malasanità Aosta
Avvocato malasanità Asti
Avvocato malasanità Alessandria
Avvocato malasanità Terni
Avvocato malasanità Viterbo
Avvocato malasanità Rovigo
Avvocato malasanità Padova
Avvocato malasanità Messina
Avvocato malasanità Siena
Avvocato malasanità Prato
Avvocato malasanità Firenze
CONSULENZA LEGALE:

Malasanità – Errori medici
Perizie Medico Legali
Casi mortali
Incidenti stradali

___________________________________

Risarcimento malasanità Milano
Risarcimento malasanità Roma
Risarcimento malasanità Napoli
Risarcimento malasanità Torino
Risarcimento malasanità Avellino
Risarcimento malasanità Benevento
Risarcimento malasanità Caserta
Risarcimento malasanità Frosinone
Risarcimento malasanità Latina
Risarcimento malasanità Salerno
Risarcimento malasanità Varese
Risarcimento malasanità Pavia
Risarcimento malasanità Monza Brianza
Risarcimento malasanità Lecco
Risarcimento malasanità Como
Risarcimento malasanità Bergamo
Risarcimento malasanità Gorizia
Risarcimento malasanità Trieste
Risarcimento malasanità Udine
Risarcimento malasanità Vicenza
Risarcimento malasanità Verona
Risarcimento malasanità Belluno
Risarcimento malasanità Pordenone
Risarcimento malasanità Treviso
Risarcimento malasanità Vercelli
Risarcimento malasanità Verbania
Risarcimento malasanità Novara
Risarcimento malasanità Cuneo
Risarcimento malasanità Biella
Risarcimento malasanità Aosta
Risarcimento malasanità Asti
Risarcimento malasanità Alessandria
Risarcimento malasanità Terni
Risarcimento malasanità Viterbo
Risarcimento malasanità Rovigo
Risarcimento malasanità Padova
Risarcimento malasanità Messina
Risarcimento malasanità Siena
Risarcimento malasanità Prato
Risarcimento malasanità Firenze
RISARCIMENTO DANNI

.

.

.

.

___________________________________

Denuncia malasanità Milano
Denuncia malasanità Roma
Denuncia malasanità Napoli
Denuncia malasanità Torino
Denuncia malasanità Avellino
Denuncia malasanità Benevento
Denuncia malasanità Caserta
Denuncia malasanità Frosinone
Denuncia malasanità Latina
Denuncia malasanità Salerno
Denuncia malasanità Varese
Denuncia malasanità Pavia
Denuncia malasanità Monza Brianza
Denuncia malasanità Lecco
Denuncia malasanità Como
Denuncia malasanità Bergamo
Denuncia malasanità Gorizia
Denuncia malasanità Trieste
Denuncia malasanità Udine
Denuncia malasanità Vicenza
Denuncia malasanità Verona
Denuncia malasanità Belluno
Denuncia malasanità Pordenone
Denuncia malasanità Treviso
Denuncia malasanità Vercelli
Denuncia malasanità Verbania
Denuncia malasanità Novara
Denuncia malasanità Cuneo
Denuncia malasanità Biella
Denuncia malasanità Aosta
Denuncia malasanità Asti
Denuncia malasanità Alessandria
Denuncia malasanità Terni
Denuncia malasanità Viterbo
Denuncia malasanità Rovigo
Denuncia malasanità Padova
Denuncia malasanità Messina
Denuncia malasanità Siena
Denuncia malasanità Prato
Denuncia malasanità Firenze
CONSULENZA LEGALE:

Malasanità – Errori medici
Perizie Medico Legali
Casi mortali
Incidenti stradali
Infortuni sul lavoro
__

Assistenza malasanità Milano
Assistenza malasanità Roma
Assistenza malasanità Napoli
Assistenza malasanità Torino
Assistenza malasanità Avellino
Assistenza malasanità Benevento
Assistenza malasanità Caserta
Assistenza malasanità Frosinone
Assistenza malasanità Latina
Assistenza malasanità Salerno
Assistenza malasanità Varese
Assistenza malasanità Pavia
Assistenza malasanità Monza Brianza
Assistenza malasanità Lecco
Assistenza malasanità Como
Assistenza malasanità Bergamo
Assistenza malasanità Gorizia
Assistenza malasanità Trieste
Assistenza malasanità Udine
Assistenza malasanità Vicenza
Assistenza malasanità Verona
Assistenza malasanità Belluno
Assistenza malasanità Pordenone
Assistenza malasanità Treviso
Assistenza malasanità Vercelli
Assistenza malasanità Verbania
Assistenza malasanità Novara
Assistenza malasanità Cuneo
Assistenza malasanità Biella
Assistenza malasanità Aosta
Assistenza malasanità Asti
Assistenza malasanità Alessandria
Assistenza malasanità Terni
Assistenza malasanità Viterbo
Assistenza malasanità Rovigo
Assistenza malasanità Padova
Assistenza malasanità Messina
Assistenza malasanità Siena
Assistenza malasanità Prato
Assistenza malasanità Firenze

colpa medica prescrizione

colpa medica 2014

colpa medica lieve

colpa medica penale

colpa medica balduzzi

colpa medica civile

colpa medica tribunale milano

colpa medica sentenze

colpa medica mediazione obbligatoria

colpa medica d’equipe

colpa medica anestesista

colpa medica accertamento tecnico preventivo

colpa medica altalex

colpa medica riforma balduzzi

colpa medica lieve balduzzi

colpa medica dopo legge balduzzi

blaiotta colpa medica

colpa medica cassazione penale

colpa medica competenza territoriale

colpa medica consenso informato

colpa medica cassazione civile

colpa medica errore di diagnosi

colpa medica e nascita indesiderata

colpa medica foro del consumatore

colpa medica foro competente

colpa medica franzese

colpa medica sentenza franzese

formulario colpa medica

atto di citazione colpa medica formulario

colpa medica grave

colpa medica giurisprudenza

colpa medica giurisprudenza penale

colpa medica garza

colpa medica ginecologo

colpa medica giudizio controfattuale

colpa medica giudice di pace

colpa grave medico rivalsa

colpa grave medico assicurazione

colpa grave medico corte dei conti

colpa medica imperizia

colpa medica imprudenza

colpa medica in penale

colpa medica legge balduzzi

colpa medica legittimazione passiva

colpa medica linee guida

colpa medica lieve e grave

colpa medica lesioni colpose

colpa medica legge

colpa medica leges artis

colpa medica la cassazione riconosce

colpa medica libri

colpa medica morte paziente

colpa medica messa in mora

colpa medica nesso causale

colpa medica nesso di causalità penale

colpa medica nesso di causalità

colpa medica negligenza

colpa medica novità

colpa medica nel diritto

colpa medica onere della prova

colpa medica omicidio colposo

colpa medica omessa diagnosi

colpa medica omissiva

colpa medica omissione

colpa medica ortopedia

colpa medica odontoiatra

colpa medica professionale

colpa medica prescrizione penale

colpa medica per omissione

colpa medica procedibilità

colpa medica perdita di chances

colpa medica parere

colpa medica parere penale

colpa medica parto

colpa medica querela

colpa medica quantificazione danno

colpa medica quesiti ctu

colpa medica termini querela

colpa medica responsabile civile

colpa medica risarcimento danni

colpa medica risarcimento prescrizione

colpa medica riforma

colpa medica reato

colpa medica risarcimento

colpa medica radiologo

colpa medica san severo

colpa medica sentenza tribunale milano

colpa medica specializzando

colpa medica struttura sanitaria

colpa medica sentenza cantore

colpa medica sentenze 2012

colpa medica specifica

colpa medica senza danno

colpa medica tesi

colpa medica tabelle

colpa medica termine di prescrizione

colpa medica tumore

responsabilita’ medica trasfusione incompatibile sbagliata

colpa medica ultime sentenze

colpa medica sezioni unite

colpa medica veterinaria

colpa medica per imperizia

colpa medica per errata diagnosi

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» CASS TRIBUNALE DI RIMINI RISARCIMENTO AI GENITORI MORTE FIGLIO INCIDENTE

» MOGLIE VIOLENZA SESSUALE DEL MARITO L’imputato è stato accusato di maltrattamenti e violenza sessuale in danno della propria moglie e, per tale motivo, è stato condannato in primo grado alla pena di quattro anni ed otto mesi di reclusione che la Corte d’Appello, con la sentenza impugnata, ha ridotto a quattro anni di reclusione, pur riaffermando la responsabilità dei D.F. per entrambi i reati.

» Bancarotta fraudolenta documentale – Omesso aggiornamento delle scritture contabili – Dolo generico -CORTE DI CASSAZIONE – Sentenza 16 marzo 2015, n. 11115Sussiste Ritenuto in fatto

» «ogni atto distrattivo assume rilievo ai sensi dell’art. 216 legge fall, in caso di fallimento, indipendentemente dalla rappresentazione di quest’ultimo, il quale non costituisce l’evento del reato che, invece, coincide con la lesione dell’interesse patrimoniale della massa, posto che se la conoscenza dello stato di decozione costituisce dato significativo della consapevolezza del terzo di arrecare danno ai creditori ciò non significa che essa non possa ricavarsi da diversi fattori, quali la natura fittizia o l’entità dell’operazione che incide negativamente sul patrimonio della società» (Cass., Sez. V, n. 16579 del 24/03/2010, Fiume, Rv 246879).

» BOLOGNA TRASPORTATO INCIDENTE AVVOCATO risarcimento assicurazione per incidente mortale-risarcimento danni incidente stradale passeggero-risarcimento danni gravi sinistri della strada

» BOLOGNA GUIDA STATO EBREZZA determinazione della pena e della mancata sostituzione della stessa con il lavoro di pubblica utilità.

» ART 415 BIS NESSUNA INTERRUZIONE DELLA PRESCRIZIONE CASSAZIONE SEZIONI UNITE

» 3 Chiunque, abbandonando il domicilio domestico [452, 1432, 146 c.c.], o comunque serbando una condotta contraria all’ordine o alla morale delle famiglie, si sottrae agli obblighi di assistenza inerenti alla potestà dei genitori (1) [147, 316 c.c.]o alla qualità di coniuge [143, 146 c.c.], è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa da 103 euro a 1.032 euro.

» AVOCAT EXPERT EREDITAR Cauze, diviziuni ereditare, AVOCAT EXPERT WILLS CAUZE 27 martie 2015 – Postat de: Sergio Armaroli – In categoria: testament , TESTAMENT moștenire “A BOLOGNA – Un comentariu AVOCAT EXPERT EREDITAR cauze, DIVIZIUNI ereditare, AVOCAT EXPERT WILLS CAUZE 1) Luca: a avut o dispută cu frații pentru o divizie ereditare. După mai multe negocieri am ajuns la un acord care satisface toata lumea !! 2) Caterina este o doamnă care se căsătorise rus nr a doua soție italian.

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» L’accertamento del diritto all’assegno divorzile si articola in due fasi, nella prima delle quali il giudice verifica l’esistenza del diritto in astratto, in relazione all’inadeguatezza dei mezzi del coniuge richiedente, raffrontati ad un tenore di vita analogo a quello avuto in costanza di matrimonio e che sarebbe presumibilmente proseguito in caso di continuazione dello stesso o quale poteva legittimamente e ragionevolmente configurarsi sulla base di aspettative maturate nel corso del rapporto, mentre nella seconda procede alla determinazione in concreto dell’ammontare dell’assegno, che va compiuta tenendo conto delle condizioni dei coniugi, delle ragioni della decisione e del contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare e alla formazione del patrimonio di ognuno e di quello comune, nonché del reddito di entrambi, valutandosi tali elementi anche in rapporto alla durata del matrimonio. Nell’ambito di questo duplice accertamento assumono rilievo, sotto il profilo dell’onere probatorio, le risorse reddituali e patrimoniali di ciascuno dei coniugi, quelle effettivamente destinate al soddisfacimento dei bisogni personali e familiari, nonché le rispettive potenzialità economiche

» AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA ESTORSIONE Marito verso la sussistenza dell’elemento materiale del reato, cosi’ come le finalita’ della condotta contestata, proprio dall’analisi puntuale dei fatti, correttamente inquadrandoli, pero’, nell’abituale condotta di vita del (OMISSIS) e nel contesto abituale dei rapporti familiari dello stesso. Si tratta di una valutazione degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione, che e’ riservata in via esclusiva al giudice di merito, senza che, nel difetto di illogicita’ evidenti, possa integrare il vizio di legittimita’ la mera prospettazione di una diversa, e per il ricorrente piu’ adeguata, valutazione delle risultanze processuali (Sez. U., n. 6402 del 30/4/1997, rv. 207944; Sez. 4, n. 4842 del 02/12/2003, Rv. 229369).

» ASSEGNO DIVORZIO BOLOGNA FORLI CESENA RAVENNA AVVOCATO ESPERTO Questa Corte ha già avuto modo di chiarire che in tema di diritto alla corresponsione dell’assegno di divorzio in caso di cessazione degli effetti civili del matrimonio, il parametro dell’adeguatezza dei mezzi rispetto al tenore di vita goduto durante la convivenza matrimoniale da uno dei coniugi viene meno di fronte alla instaurazione, da parte di questi, di una famiglia, ancorché di fatto, costituita da uno stabile modello di vita in comune, con la nascita di figli ed il trasferimento del nuovo nucleo in una abitazione messa a disposizione dal convivente. Da ciò consegue la cessazione del diritto all’assegno divorzile, a carico dell’altro coniuge, (Cass. 17195/11; 3923/12; 25845/13;Cass 6855/15).

» PEDONE INVESTIMENTO RESPONSABILITA’ AVVOCATO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA LUGO

» CURATORE FALLIMENTO POTERI AVVOCATO CIVILISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA RIMINI

» AVVOCATO PER EREDITA’ BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA IMOLA Il testamento – olografo o pubblico che sia – non deve necessariamente contenere, a pena di nullita’, le indicazioni catastali e di configurazione degli immobili cui si riferisce, essendo invece sufficiente, per la validita’ dell’atto, che questi siano comunque identificabili senza possibilita’ di confusioni, salva la necessita, la quale peraltro non attiene ad un requisito di regolarita’ e validita’ del testamento, che gli eredi, in sede di denuncia di successione e di trascrizione del testamento medesimo, provvedano essi ad indicare specificamente gli immobili predetti, menzionandone dati catastali, confinazioni ecc..

» AVVOCATO ESPERTO DIVISIONE EREDITARIA BOLOGNA FORLI CESENA RAVENNA Nell’ipotesi di divisione ereditaria, va escluso che l’assegnazione dei beni oggetto della divisione sia subordinata al previo pagamento del conguaglio in denaro

» LUGO FAENZA RAVENNA MALASANITA’,AVVOCATO PER MALASANITA’ E DANNO DA COLPA MEDICA danno responsabilità medica danno responsabilità medica prescrizione danno da responsabilità medica risarcimento danno responsabilità medica danno biologico responsabilità medica danno differenziale responsabilità medica calcolo danno responsabilità medica danno da responsabilità medica prescrizione danno patrimoniale responsabilità medica danno esistenziale responsabilità medica danno biologico responsabilità medica tabelle responsabilità medica calcolo danno biologico danno biologico da responsabilità medica responsabilità medica e danno biologico danno biologico per responsabilità medica responsabilità medica contrattuale e danno biologico atto di citazione risarcimento danno biologico responsabilità medica quantificazione danno biologico responsabilità medica liquidazione danno biologico responsabilità RISARCIMENTO MALASANITA’

» FAMIGLIA DI FATTO CONVIVENZE BOLOGNA SOMME VERSATE AL COMPAGNO VANNO RESTITUITE? AVVOCATO FAMIGLIARISTA BOLOGNA ad essere esenti dall’obbligo di restituzione sono, secondo la giurisprudenza, solo i versamenti effettuati per far fronte alle esigenze di vita quotidiana, indipendentemente dalle modalità di versamento (una tantum, mensili, ecc.) (Cass. n. 1277/2014).

» BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA IMOLA successionedei legittimari e successione legittima successione necessariaquote successionetestamentaria quote eredità fratello deceduto senza figli chi sono gli ascendenti eredità legittima in presenza di testamento successionelegittima nipoti figli di fratelli successione obbligatoria

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna