Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

MALASANITA’ RESPONSABILITA’ MEDICA DANNO PATRIMONIALE E NON errore medico risarcimento danni Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA risarcimento malasanità tempi Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA tabelle risarcimento danni malasanità Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA risarcimento danni malasanità prescrizione Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA risarcimento malasanità morte Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA scadenza domanda risarcimento malasanità Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA

amedicomanettescrittaDANNI PATRIMONIALI DA RESPONSABILITA’ MEDICA MALASANITA’

errore medico risarcimento danni Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA

risarcimento malasanità tempi Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA

tabelle risarcimento danni malasanità Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA

risarcimento danni malasanità prescrizione Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA

risarcimento malasanità morte Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA

scadenza domanda risarcimento malasanità Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA

MALASANITA’ BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA DOMANDE E RISPOSTE

1)domanda  come denunciare un caso di malasanità ?

 

RISPOSTA Facendo le richieste danno con raccomandata con ricevuta di ritorno al medico e struttura competente, o all’ausl competente 

 

2)domanda  Che cos’è la colpa medica?

 

ADENAROLENTERISPOSTA

trattazione dovrà quindi farsi riferimento a tre fondamentali tipi della problematica responsabilità medica:

  1. responsabilità contrattuale
  2. responsabilità extracontrattuale
  3. tertium genus: responsabilità da contatto sociale.

L’esercente la professione sanitaria che nello svolgimento della propria attività si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica non risponde penalmente per colpa lieve. In tali casi resta comunque fermo l’obbligo di cui all’articolo 2043 del codice civile. Il giudice, anche nella determinazione del risarcimento del danno, tiene debitamente conto della condotta di cui al primo periodo”.

L’adesione al modello di responsabilità ex articolo 2043 cod. civ. ha anche, come effetto, quello di ridurre i tempi di prescrizione: non più dieci anni ma cinque. Potendosi in astratto, ritenere dunque che l’articolo 3 in esame rappresenti la scelta verso un modello di responsabilità diverso da quello sposato dalla giurisprudenza prevalente, occorre allora interrogarsi circa la proponibilità di una scelta interpretativa del genere … così rintracciate le conseguenze che la legge 189/2012 ha sul sistema della responsabilità sanitaria … anche seguendo questo percorso di ragionamento, ovviamente la previsione di nuovo conio riguarda solo le ipotesi in cui manchi un rapporto contrattuale diretto tra paziente danneggiato e sanitario oppure un rapporto contrattuale atipico di spedalità

 

3)domanda  Errore medico: come tutelarti?

 

RISPOSTA Rivolgendosi a un avvocato esperto ,che ti inviera’ da valido medico legale 

4)domanda  Errore medico: il risarcimento per danno biologico cosa è?

 

RISPOSTA: Secondo l’art. 13, c. 1 del D.Lgs. n. 38/2000 il danno biologico è definito come la lesione all’integrità psicofisica, suscettibile di valutazione medico legale, della persona. Le prestazioni per il risarcimento sono determinate in misura indipendente dalla capacità di produzione del reddito del danneggiato.

5)domanda   quali tempi per denuncia malasanità?

 

RISPOSTA:  con la riforma Gelli, entrata in vigore dal 1 aprile 2017, si hanno 10 anni di tempo per la prescrizione di un danno  nei confronti della struttura ospedaliera e 5 anni per  il medico che opera all’interno della struttura sanitaria stessa

6)domanda  denuncia per malasanità prescrizione tempi?

                            

RISPOSTA con la riforma Gelli, entrata in vigore dal 1 aprile 2017, si hanno 10 anni di tempo per la prescrizione di un danno  nei confronti della struttura ospedaliera e 5 anni per  il medico che opera all’interno della struttura sanitaria stessa

Secondo l’art. 13, c. 1 del D.Lgs. n. 38/2000 il danno biologico è definito come la lesione all’integrità psicofisica, suscettibile di valutazione medico legale, della persona. Le prestazioni per il risarcimento sono determinate in misura indipendente dalla capacità di produzione del reddito del.

7) domanda  Come si calcola un danno da malasanita’ ?

risposta :Viene calcolato come danno biologico secondo le tabelle dei tribunali, quello invece che occorre aver ecome dato è una valutazione medico legale che oltre che individuare la responsabilità medica indichi la percentuale di danno biologico

  

Risposta : Il danno morale rientra nella categoria di danno non patrimoniale, è risarcibile a prescindere dalle ripercussioni sulla capacità di produrre reddito del danneggiato e non è necessario aver subito un reato penale per aver diritto al risarcimento.

8)domanda  da cosa puo’ derivare la responsabilità medica

  • risposta : da una diagnosi sbagliata;
  • da una diagnosi ritardata(se il ritardo complica o pregiudica le condizioni di salute del paziente);
  • da una omessa effettuazione di esamiche avrebbero potuto chiarire meglio le condizioni di salute del paziente;
  • da un intervento chirurgicoeseguito in modo errato;
  • da una cattiva gestione delle cure successive ad un intervento.

9) domanda   cosa occorre provare per responsabilità medica?

  1. RISPOSTA: a) per l’insuccesso di interventi e prestazioni routinari, il medico risponde anche se versa soltanto in colpa lieve;

  2. b) per l’insuccesso di interventi e prestazioni non routinari, il medico risponde solo se versa in colpa grave;
  3. c) per l’insuccesso di interventi e prestazioni non routinari, il medico risponde anche se versa soltanto in colpa lieve, qualora la colpa sia consistita in negligenza od imprudenza.
  • Negligenza(contrario della diligenza), sta ad indicare una condotta caratterizza­ta da trascuratezza ovvero superficialità od ancora disattenzione e distrazione.

Superficiale si rivelerà quel medico che incorrerà in errore per non aver approfondito un dato anamnestico;

  • Imprudenza(contrario della prudenza), si riferisce ad una condotta improntata ad avventatezza e si concretizza, in particolare, quando pur conoscendo i rischi che si corrono si decide comunque di procedere oltre i limiti del lecito
  • Imperizia(contrario della perizia), consiste nella scarsa preparazione professio­nale quale deriva da insufficienti conoscenze tecniche ovvero da un inadeguato baga­glio di esperienza specifica od ancora da un difetto di capacità.

10) domanda: quando il medico è responsabile?

RISPOSTA Nell’esercizio della sua professione il medico può incorrere in varie specie di responsabilità, penale, civile e disciplinare, che conseguono a:

1) inosservanza degli obblighi o violazione dei divieti imposti al medico dalle leggi e dai regolamenti che disciplinano l’esercizio della professione;

2) trasgressione dei doveri di ufficio o di servizio inerenti al rapporto di impiego subordinato da enti pubblici o privati;

3) inadempimento delle obbligazioni nascenti dal contratto di prestazione d’opera nei confronti del cliente privato;

4) errata applicazione delle regole diagnostico-terapeutiche da cui derivi un danno al paziente (lesione personale o morte).

11) domanda: sai che è fondamentale la perizia medica che stabilisca il nesso causale ?

Sei stato vittima di un errore medico?

La legge Italiana tutela il diritto alla salute.
La pratica e la realtà non sempre ci riescono.

 

Se vuoi ottenere un equo risarcimento danni
perché vittima di un errore medico,
l’·  interventi chirurgici dannosi

  • malattie insorte durante la degenza e a causa di essa
  • terapie mediche sbagliate
  • consenso informato senza una vera informazione
  • omessa informazione al paziente

avvocato ti segue ovunque

  • errori medici durante il parto
  • diagnosi sbagliata o ritardata

 

AFOTODANNOSCRITTOSOLDI

 

Il “danno patrimoniale”  fa riferimento a tutti quei danni idonei a comportare una perdita economica nella sfera patrimoniale del soggetto danneggiato a seguito di una responsabilità medica. Per poter valutare correttamente l’entità del danno patrimoniale si devono tenere in considerazione da un lato le perdite economiche subite direttamente dal soggetto danneggiato e dall’altro lato il mancato guadagno conseguente al fatto illecito. Ci si riferisce alla diminuzione del patrimonio conseguente all’illecito con l’espressione di “danno emergente” e al mancato guadagno con quella di “lucro cessante”.

  • la riduzione della capacità lavorativa generica, nel caso in cui il lavoratore infortunato continuasse a percepire il reddito;
  • il presumibile guadagno futuro, quando il danneggiato era un ragazzo o un bambino che non percepiva reddito;
  • il danno alla vita di relazione, categoria molto contestata in dottrina;
  • il danno estetico, considerato patrimoniale perché influiva negativamente sull’inserimento sociale (e quindi lavorativo) del soggetto (ora, dal momento che tale danno veniva risarcito anche quando dopo l’incidente il soggetto continuava a lavorare, si possono immaginare le contorsioni verbali cui si giungeva per poter configurare una perdita economica).

l nesso causale tra la lesione e la perdita di chance, ricalca i principi generali vigenti in tema di responsabilità – contrattuale ed extracontrattuale – quanto all’elemento soggettivo relativo all’imputazione del fatto al suo autore; richiedendo, tuttavia, quanto all’elemento oggettivo , la sussistenza di una elevata possibilità del mancato raggiungimento del risultato favorevole in luogo della certezza del danno.

ADENAROTEMPONella valutazione del nesso di causalità tra fatto illecito e danno da perdita di chance,in un primo tempo, la giurisprudenza si era uniformata al criterio della probabilità [14]degli effetti della condotta lesiva e della idoneità di quest’ultima a produrli; successivamente, si è sostituito al principio della probabilità quello della certezza [15]degli effetti della condotta, così da esigere una prova rigorosa del nesso di causalità.

Si tratta quindi di danni che attengono direttamente al patrimonio e non alla persona del soggetto danneggiato, e che possono essere quantificati e monetizzati.

All’interno del danno patrimoniale si possono distinguere le due diverse voci del danno emergente e del lucro cessante; che insieme formano e caratterizzano la nozione unitaria di danno patrimoniale. L La liquidazione del danno patrimoniale permanente futuro può avvenire, ai sensi dell’art. 2056 c.c., sulla base dell’id quod plerumque accidit, di fatti notori e di massime di esperienza: tra le quali, nel nostro caso, quella secondo cui chi non è in condizioni di provvedere alle proprie esigenze personali normalmente ricorre all’ausilio di un infermiere o di un assistente.

Pertanto, quando si tratti liquidare un danno passato permanente che si assuma essere consistito nella necessità di una spesa periodica per assistenza, delle due l’una: o il danneggiato dimostra di averla sostenuta (anche attraverso presunzioni semplici, ex art. 2727 c.c.), oppure nessuna liquidazione può essere consentita. Il danno per spese di assistenza, infatti, quando si assuma essere già maturato al momento della liquidazione, è rappresentato dalla spesa sostenuta, non dalla necessità di sostenerla. Va qui osservato che l’art. 1223 c.c. stabilisce che ‘il risarcimento del danno per l’inadempimento o per il ritardo deve comprendere, così la perdita: subita dal creditore come il mancato guadagno, in quanto ne siano conseguenza immediata e diretta’. La norma sintetizza in poche battute il contenuto minimo del risarcimento, introducendo un concetto di danno “integrale’,.comprensivo sia della diminuzione subita, e cioè il danno che il debitore adempiente avrebbe potuto evitare, sia del mancato incremento patrimoniale di cui il creditore avrebbe potuto godere se la prestazione fosse stata eseguita. Insomma, il risarcimento del danno è l’obbligazione diretta a reintegrare il patrimonio del danneggiato nella situazione in cui si sarebbe trovato se l’inadempimento non si fosse verificato. Semplice sarà per il creditore provare il danno emergente: essendo quest’ultimo una posta attiva del patrimonio del soggetto, basterà dimostrarne l’attualità e la sua conseguente lesione. Più difficoltosa sarà, invece, la prova del lucro cessante il creditore si vedrà costretto a provare il mancato guadagno che gli sarebbe potuto derivare da quella determinata operazione economica. Sarà tenuto, quindi, a dare la prova di un bene o un interesse che non sono mai venuti ad esistenza, ma che, se si fossero concretizzati (in mancanza dell’inadempimento), sarebbero stati sicuramente di sua spettanza. Tuttavia, quest’ultima voce di danno può essere dimostrata, anche in via presuntiva.

Dunque il danneggiato che, pur avendone bisogno, rinunci ad una assistenza domiciliare e non sostenga la relativa spesa, non può pretendere alcun risarcimento del danno patrimoniale emergente passato, per la semplice ragione che il suo patrimonio non si è ridotto (così già Sez. 3, Sentenza n. 5504 del 08/04/2003, Rv. 561970, ove si legge che “l’assistenza (domiciliare) è un rimedio per sopperire alle conseguenze del danno alla salute (…), e l’entità del danno è pari alla misura della spesa sostenuta per l’assistenza; ne consegue che se tale spesa non viene sostenuta la voce di danno non sussiste”).

ACMALMALAAVVOCATO MALASANITA' SCRITTA

Va da sé che la rinuncia ad una assistenza domiciliare, specie se forzosa perché – ad esempio – indotta dalle precarie condizioni economiche della vittima, può causare disagi, ma questi dovranno essere valutati sotto il profilo del danno non patrimoniale: profilo che nel presente giudizio non risulta essere mai stato prospettato.

’articolo di riferimento è l’art. 1223 del Codice Civile, rubricato appunto “Risarcimento del danno”:

aproblema soluzione ARISOLVO3

Art. 1223.
Risarcimento del danno.
Il risarcimento del danno per l’inadempimento o per il ritardo deve comprendere così la perdita subita dal creditore come il mancato guadagno, in quanto ne siano conseguenza immediata e diretta.

Il principale danno rientrante nella categoria di lucro cessante cui occorre fare riferimento in un caso di malasanità è la perdita di reddito derivante dall’attività lavorativa svolta dal soggetto danneggiato.

Una parte cospicua della giurisprudenza aderiva a tale impostazione e affermava che “l’affermazione della responsabilità professionale per condotta omissiva e la determinazione del danno in concreto subito dal cliente presuppongono l’accertamento del sicuro fondamento dell’attività che il professionista avrebbe dovuto compiere, e, dunque, la ragionevole certezza che gli effetti di quella sua diversa attività, ove svolta, avrebbe determinato l’esito vittorioso del processo

DANNI NON PATRIMONIALI

Chi è vittima di malasanita’ o responsabilita’ medica avrà diritto, oltre al risarcimento dei danni patrimoniali subiti, (l danno non patrimoniale riguarda esclusivamente le persone, in quanto i beni di proprietà ed il reddito prodotto hanno di per sè natura patrimoniale),avrà diritto anche al risaricmento dei danni non patrimoniali

Il danno non patrimoniale è quel danno che non è possibile quantificare direttamente, in quanto non corrisponde ad una perdita patrimoniale effettiva, ma agisce direttamente sulla sfera personale del soggetto leso dall’ attività colposa del medico.  Nella relazione introduttiva alle “nuove” tabelle milanesi per la liquidazione “del danno non patrimoniale derivante da lesione alla integrità psico-fisica e dalla perdita del rapporto parentale”, difatti, si legge che i criteri con esse applicati “prima delle sentenze delle sezioni unite della cassazione individuavano valori standard di liquidazione del danno biologico, prevedendo poi la liquidazione del danno morale in misura variabile da 1/4 a 1/2 dell’importo liquidato a titolo di danno biologico, con personalizzazione di queste sino all’aumento del 30% dei valori standard”. “A seguito del nuovo indirizzo giurisprudenziale” si prosegue in via ulteriormente esplicativa “rilevata l’esigenza di una liquidazione unitaria e constatato l’inadeguatezza dei valori monetari finora utilizzati, propone la liquidazione congiunta del danno non patrimoniale conseguente alla lesione permanente dell’integrità psicofisica suscettibile di accertamento medico legale” (id est, del danno biologico) “e del danno non patrimoniale conseguente alle medesime lesioni in termini di dolore, sofferenza soggettiva in via di presunzione in riferimento a un dato tipo di lesione, vale a dire la liquidazione congiunta dei pregiudizi in passato liquidati a titolo di danno biologico standard, personalizzazione del danno biologico, danno morale”.

3.7. Nessuna cancellazione del danno morale è stata, pertanto, operata, in guisa di pretesa duplicazione del risarcimento del danno biologico, dalle tabelle milanesi oggi applicabile, in guisa di uso normativo, alla stregua della citata sentenza 12408/2011, che ne ha consapevolmente e motivatamente espunto un criterio paralegislativo di valutazione cui il giudice di merito dovrà attenersi nella liquidazione del danno non patrimoniale alla persona.3.8. Nella stessa giurisprudenza di questa corte regolatrice, d’altronde, in ossequio ad una esigenza adeguatrice dell’interpretazione giurisprudenziale alla non equivoca voluntas legis espressa dagli organi deputati alla produzione normativa post 2008, numerose sono state le pronunce che hanno confermato sentenze di merito predicative del principio e del criterio della congiunta attribuzione del risarcimento da danno biologico e da danno morale liquidato, quest’ultimo in una percentualedel medesimo, salvo personalizzazione (ex permultis, Cass. 29191/08: nella quantificazione del danno morale contestuale alla lesione del diritto alla salute, la valutazione di tale voce di danno, dotata di logica autonomia in relazione alla diversità del bene protetto, che pure attiene ad un diritto inviolabile della persona ovvero all’integrità morale, quale massima espressione della dignità umana, desumibile dall’art. 2 della Costituzione in relazione all’art. 1 della Carta di Nizza, contenuta nel Trattato di Lisbona, ratificato dall’Italia con legge 2 agosto 2008 n. 190, deve tener conto delle condizioni soggettive della persona umana e della gravità del fatto, senza che possa quantificarsi il valore dell’integrità morale come una quota minore proporzionale al danno alla salute, sicché vanno esclusi meccanismi semplificativi di liquidazione di tipo automatico – nel caso di specie, la Corte, in una fattispecie di lesioni gravissime con esiti dolorosi anche dal punto di vista psichico, ha escluso che il danno morale potesse essere liquidato nel 30% del danno biologico-; Cass. 4053/09: il danno non patrimoniale di cui all’art. 2059 cod. civ. costituisce una categoria ampia, comprensiva non solo del cd. danno morale soggettivo (e cioè dalla sofferenza contingente e del turbamento d’animo transeunte, determinati da fatto illecito integrante reato), ma anche di ogni ipotesi in cui si verifiche un’ingiusta lesione di un valore inerente alla persona, costituzionalmentegarantito,- dalla quale consegua un pregiudizio non suscettibile di valutazione economica, senza soggezione al limite derivante dalla riserva di legge correlata all’art. 185 cod. pen.; Cass. 10364/09, caso in cui la S.C. ha confermato la decisione della corte territoriale che, in una controversia in tema di demansionamento, accertato il nesso causale tra la condotta illecita datoriale e lo state depressivo del lavoratore, aveva riconosciuto il danno biologico e il danno morale nell’ambito del danno non patrimoniale, applicando correttamente – ai di là delle singole espressioni utilizzate – il sistema bipolare introdotto nel sistema ordinamentale in materia risarcitoria e, quindi, fondando la liquidazione dei danni di cui erano risultati provati l’esistenza e il collegamento causale con l’illegittima condotta datoriale; Cass. 13530/09: in tema di risarcimento del danno da atti di libidine commessi nei confronti di una minore, il principio dell’unitarietà del danno non patrimoniale, quale categoria omnicomprensiva che include anche il danno biologico ed il danno da reato, impone al giudice di procedere ad una valutazione ponderale analitica che tenga conto del diverso peso dei beni della vita compromessi, e segnatamente della libertà e della dignità umana, pregiudicati da atti di corruzione posti in essere da un adulto con dolo ed in circostanze di minorata difesa, nonché della salute psichica, gravemente pregiudicata in una fase fondamentale della crescita umana e della formazione del carattere e della disponibilità a relazionarsi nella vita sociale, non potendo attribuirsi a priori un maggior rilievo al danno biologico rispetto al danno morale, il quale non si configura esclusivamente come pretium doloris, ma anche come risposta satisfattiva alla lesione della dignità umana; Cass. 14551/09: il danno non patrimoniale, alla stregua di un’interpretazione costituzionalmente orientata dell’art. 2059 cod. civ., costituisce una categoria ampia, comprensiva non solo del cosiddetto danno morale, ovverosia della sofferenzacontingente e del turbamento d’animo transeunte, determinati da un fatto illecito integrante un reato, ma anche di ogni ipotesi in cui si verifichi un’ingiusta lesione di un valore inerente alla persona, costituzionalmente garantito, alla quale consegua un pregiudizio non suscettibile di salutazione economica, senza soggezione al limite derivante dalla riserva di legge correlata all’art. 185 cod. pen. Pertanto, in caso di perdita di un familiare, la liquidazione del danno non patrimoniale subito da un congiunto affetto da sordomutismo non può non tener conto della particolare condizione del danneggiato, trattandosi di persona avente una ridotta capacità di comunicare e di relazionarsi con le altre persone, e rispetto alla quale la perdita di un familiare, soprattutto se convivente, se non comporta sofferenze morali maggiori, determina comunque un “vulnus” particolare ed ulteriore della concreta possibilità di comunicare e relazionarsi; Cass. 20949/09: in tema di danno non patrimoniale per la morte di un prossimo congiunto, la circostanza che il giudice di merito abbia liquidato agli aventi diritto una somma unitaria definita “danno morale” non può ritenersi decisione di per sé erronea, in tutti i casi in cui risulti dalla motivazione del provvedimento che il giudicante, nella stima del danno, abbia tenuto conto non solo della sofferenza transeunte, ma di tutte le conseguenze derivate dal fatto illecito; Cass. 702/2010: ai fini della liquidazione del danno morale, si deve tener conto dalle condizioni soggettive della persona danneggiata e della gravità del fatto, senza che possa escludersi l’ammissibilità della sua quantificazione in proporzione al danno biologicoriconosciuto).

Malasanita’ danno  la responsabilità medica: cosa è  e come funziona

Il medico, ovviamente, è responsabile di eventuali danni cagionati, e in virtù di questo il da Si considera errore medico una scelta terapeutica non adeguata che procura al paziente un peggioramento della sua situazione clinica, creando un danno.
Come specificato in Responsabilità contrattuale ed extracontrattuale, la responsabilità civile può assumere tradizionalmente due forme:

  1. contrattuale(derivante dall’inadempimento di un contratto);
  2. extracontrattuale(conseguente alla commissione di un fatto illecito).

 

 ARISOLVO3aproblema soluzioneSEMPRE E COMUNQUE 1SEMPRE E COMUNQUE

 

Questo principio generale, vale sia in caso di intervento chirurgico non eseguito in modo corretto, sia in caso di terapie e somministrazione di farmaci che hanno provocato un danno clinico del paziente, o ad esempio nei casi di assunzione di un determinato farmaco che associato ad altri farmaci ha causato delle complicazioni.

 

nneggiato ha diritto a un risarcimento.

 

Nella professione , il medico, pur rispettando l’autonomia riconosciutagli nelle scelte professionali, deve necessariamente considerare il diritto fondamentale dell’ammalato di essere curato.

 

Si parla di errore medico quando una scelta terapeutica del sanitario procura al paziente non un beneficio ma un danno, causando un peggioramento delle sue condizioni di salute che non dipende dal normale decorso della malattia ma dall’intervento eseguito.
Si tratta di un principio generale che vale sia quando ci si trova di fronte ad una operazione chirurgica eseguita in modo non corretto, sia quando si va ad esaminare la somministrazione di farmaci senza considerare, ad esempio, che l’assunzione di una determinata medicina associata ad altri farmaci può causare delle complicazioni.

PER GLI ERRORI DI MALASANITÀ E PER IL RISARCIMENTO DANNI DA ERRORE MEDICO DEVO RIVOLGERMI AD UN AVVOCATO?

Avvocato malasanità Milano
Avvocato malasanità Roma
Avvocato malasanità Napoli
Avvocato malasanità Torino
Avvocato malasanità Avellino
Avvocato malasanità Benevento
Avvocato malasanità Caserta
Avvocato malasanità Frosinone
Avvocato malasanità Latina
Avvocato malasanità Salerno
Avvocato malasanità Varese
Avvocato malasanità Pavia
Avvocato malasanità Monza Brianza
Avvocato malasanità Lecco
Avvocato malasanità Como
Avvocato malasanità Bergamo
Avvocato malasanità Gorizia
Avvocato malasanità Trieste
Avvocato malasanità Udine
Avvocato malasanità Vicenza
Avvocato malasanità Verona
Avvocato malasanità Belluno
Avvocato malasanità Pordenone
Avvocato malasanità Treviso
Avvocato malasanità Vercelli
Avvocato malasanità Verbania
Avvocato malasanità Novara
Avvocato malasanità Cuneo
Avvocato malasanità Biella
Avvocato malasanità Aosta
Avvocato malasanità Asti
Avvocato malasanità Alessandria
Avvocato malasanità Terni
Avvocato malasanità Viterbo
Avvocato malasanità Rovigo
Avvocato malasanità Padova
Avvocato malasanità Messina
Avvocato malasanità Siena
Avvocato malasanità Prato
Avvocato malasanità Firenze
CONSULENZA LEGALE:

Malasanità – Errori medici
Perizie Medico Legali
Casi mortali
Incidenti stradali
___________________________________
Risarcimento malasanità Milano
Risarcimento malasanità Roma
Risarcimento malasanità Napoli
Risarcimento malasanità Torino
Risarcimento malasanità Avellino
Risarcimento malasanità Benevento
Risarcimento malasanità Caserta
Risarcimento malasanità Frosinone
Risarcimento malasanità Latina
Risarcimento malasanità Salerno
Risarcimento malasanità Varese
Risarcimento malasanità Pavia
Risarcimento malasanità Monza Brianza
Risarcimento malasanità Lecco
Risarcimento malasanità Como
Risarcimento malasanità Bergamo
Risarcimento malasanità Gorizia
Risarcimento malasanità Trieste
Risarcimento malasanità Udine
Risarcimento malasanità Vicenza
Risarcimento malasanità Verona
Risarcimento malasanità Belluno
Risarcimento malasanità Pordenone
Risarcimento malasanità Treviso
Risarcimento malasanità Vercelli
Risarcimento malasanità Verbania
Risarcimento malasanità Novara
Risarcimento malasanità Cuneo
Risarcimento malasanità Biella
Risarcimento malasanità Aosta
Risarcimento malasanità Asti
Risarcimento malasanità Alessandria
Risarcimento malasanità Terni
Risarcimento malasanità Viterbo
Risarcimento malasanità Rovigo
Risarcimento malasanità Padova
Risarcimento malasanità Messina
Risarcimento malasanità Siena
Risarcimento malasanità Prato
Risarcimento malasanità Firenze
RISARCIMENTO DANNI
Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» MORTE DEL FIGLIO INCIDENTE DANNO QUANTIFICAZIONE AVVOCATO ESPERTO

» MALASANITA’ BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA RISARCIMENTO AVVOCATO ESPERTO INDENIZZO RISARCIMENTO DA MALASANITA’

» LUGO FAENZA RAVENNA AVVOCATO PER MALASANITA’

» Sei stato vittima di un errore medico? AVVOCATO MALASANITA’ FORLI CESENA errore medico risarcimento danni risarcimento danni malasanità prescrizione risarcimento malasanità tempi risarcimento malasanità morte risarcimento danni per malasanità tabelle risarcimento danni malasanità

» Vittima di errori di malasanità? Art. 2059 Il danno non patrimoniale

» colpa medica cassazione penale colpa professionale del medico

» MALASANITA’ RESPONSABILITA’ MEDICA DANNO PATRIMONIALE E NON errore medico risarcimento danni Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA risarcimento malasanità tempi Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA tabelle risarcimento danni malasanità Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA risarcimento danni malasanità prescrizione Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA risarcimento malasanità morte Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA scadenza domanda risarcimento malasanità Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA

» Malasanita’ danno la responsabilità medica: cosa è e come funziona Il medico, è responsabile di eventuali danni cagionati con la conseguenza che il danneggiato ha diritto a un risarcimento.

» CONSENSO INFORMATO INTERVENTO CHIRURGICO laparatomia, una isterectomia totale, una anessectomia bilaterale, una appendicectomia ed omentectomia. p.1. D.S.S. ha proposto ricorso per cassazione contro l’Azienda A.U.S.L. di Chieti, B.U., R. G. e C.F., nonchè contro la Unipol Assicurazioni s.p.a. (incorporante per fusione l’Aurora Assicurazioni s.p.a., già Siad Ass.ni. s.p.a.) e la Sara Assicurazioni s.p.a., l’Assitalia – Le Assicurazioni d’Italia s.p.a., la Milano Assicurazioni s.p.a., la s.p.a. Reale Mutua Assicurazioni, la Zurigo Assicurazioni s.p.a., la Assicurazioni Generali s.p.a. e la Lloyd Adriatico s.p.a., avverso la sentenza del 13 settembre 2011, con la quale la Corte d’Appello di L’Aquila ha rigettato il suo appello contro la sentenza resa in primo grado inter partes dal Tribunale di Chieti il 3 marzo 2004 sulla controversia introdotta da essa ricorrente nel dicembre del 1997 per ottenere il risarcimento dei danni a suo dire sofferti in occasione di un intervento chirurgico cui si era sottoposta il 24 novembre 1995 presso l’Ospedale di Chieti.

» BLEFAROPLASTICA DANNO RISARCIMENTO 4) I motivi precedenti danno modo di provare che anche ove si volesse ritenere applicabile al caso di specie l’articolo 1176 anziché l’articolo 2236 Cc., si dovrebbe comunque escludere qualunque responsabilità in capo al dott. S.. Non è stata dimostrata alcun tipo di negligenza, lieve o grave e, nel contempo, difetta totalmente la prova del nesso di causalità. Il motivo non può essere accolto in quanto la decisione impugnata è fondata su una motivazione sufficiente,logica, non contraddittoria e rispettosa della normativa in questione.

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

» CASS SEZ UNITE RISARCIMENTI PUNITIVI la sentenza del 23 settembre 2008, esecutiva, della Circuit Court of the 17th Judicial Circuit for Broward Count (Florida), confermata in appello dal District Court of Appeal of the State of Florida, dell’U agosto 2010, che aveva concannato la società italiana AXO Sport spa a pagare la complessiva somma di dollari USA 1.436.136,87, oltre interessi al tasso annuo dell’11% , a seguito di procedimento giudiziario svoltosi davanti a quell’autorità;

» AVVOCATO DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA CONTRATTO PRELIMINARE SU IMMOBILE ABUSIVO In forza, allora, dell’interpretazione di questa Corte, cui il Collegio intende dare continuità, la sanzione della nullità prevista dalla L. 28 febbraio 1985, n. 47, art. 40, con riferimento a vicende negoziali relative ad immobili privi della necessaria concessione edificatoria, trova applicazione nei soli contratti con effetti traslativi e non anche con riguardo ai contratti con efficacia obbligatoria, quale il preliminare di vendita, come si desume dal tenore letterale della norma, nonchè dalla circostanza che, successivamente al contratto preliminare, può intervenire la concessione in sanatoria degli abusi edilizi commessi o essere prodotta la dichiarazione prevista dalla stessa norma, ove si tratti di immobili costruiti anteriormente al 1 settembre 1967. Ne consegue che, anche nel caso in cui il preliminare abbia ad oggetto un immobile privo della concessione edificatoria, si ritiene costituito tra le parti un valido vincolo giuridico (Cass. 19 dicembre 2013, n. 28456; Cass. 18 luglio 2011, n. 15734; Cass. 11 luglio 2005, n. 14489).

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna