Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

GINECOLOGO NON INFORMA DELLA GRAVIDANZA UNA DONNA CHE AVEVA RELAZIONE CON UOMO SPOSATO Suprema Corte di Cassazione Sezione III Civile Sentenza 14 marzo – 17 luglio 2014, n. 16401 Presidente Amatucci – Relatore Rossetti Svolgimento del processo

GINECOLOGO NON INFORMA DELLA GRAVIDANZA UNA DONNA

CHE AVEVA RELAZIONE CON UOMO SPOSATO

avvocato penalista Bologna , avvocato penale Bologna, studio avvocato penale Bologna per testamento

avvocato penalista Bologna , avvocato penale Bologna, studio avvocato penale Bologna

GINECOLOGO NON INFORMA DELLA GRAVIDANZA UNA DONNA CHE AVEVA RELAZIONE CON UOMO SPOSATO Suprema Corte di Cassazione Sezione III Civile Sentenza 14 marzo – 17 luglio 2014, n. 16401 Presidente Amatucci – Relatore Rossetti Svolgimento del processo

GINECOLOGO NON INFORMA DELLA GRAVIDANZA UNA DONNA
CHE AVEVA RELAZIONE CON UOMO SPOSATO
Suprema Corte di Cassazione Sezione III Civile
Sentenza 14 marzo – 17 luglio 2014, n. 16401
Presidente Amatucci – Relatore Rossetti
Svolgimento del processo

Suprema Corte di Cassazione Sezione III Civile

Sentenza 14 marzo – 17 luglio 2014, n. 16401

Presidente Amatucci – Relatore Rossetti

Svolgimento del processo

 

  1. Nel nostro ordinamento non esistono danni in re ipsa, risarcibili sol perché si dimostri l’avvenuta lesione d’un diritto.

     

     

    La lesione dei diritto è il presupposto necessario, ma non sufficiente per pretendere il risarcimento del danno: ad esso dovrà necessariamente conseguire una perdita, patrimoniale o di altro tipo.

     

     

     

    L’eventuale lesione del diritto di interrompere la gravidanza è dunque giuridicamente irrilevante se la gestante, quand’anche informata, avrebbe comunque verosimilmente scelto di non abortire.

     

     

    E nel caso di specie, per quanto già detto, la Corte d’appello ha giustappunto escluso tale nesso di causa, con decisione non sindacabile in sede di legittimità.

     

    Nel 1999 la sig.a R.M. convenne dinanzi al Tribunale di Milano il proprio ginecologo, dott. A.E.M., esponendo che: – nel luglio del 1997, essendo aumentata di peso e ritardando il mestruo, si era rivolta al dott. A.E.M., per sapere se fosse in stato interessante;

– il medico escluse la sussistenza d’una gravidanza;

– tale diagnosi fu scorretta, come scoprì ad ottobre dello stesso anno;

– al momento dei fatti ella era nubile, mentre il padre del concepito era coniugato;

– quando seppe della gravidanza, era ormai spirato il termine entro il quale la legge consente l’aborto;

– l’errore del medico le aveva causato vari danni, tanto patrimoniali quanto non patrimoniali, consistiti principalmente nella forzosa rinuncia alle progettate attività lavorative e nel disagio morale. Concludeva pertanto chiedendo la condanna dei convenuto al risarcimento di tali pregiudizi.

Il convenuto si costituì e chiese il rigetto della domanda; nel procedimento intervenne volontariamente il sig. P.M., padre del concepito, chiedendo anch’esso la condanna del convenuto al risarcimento del danno.

  1. Con sentenza 8.11.2003 n. 15419 il Tribunale ritiene esistente la responsabilità del medico, e liquidò all’attrice il danno non patrimoniale rappresentato dalla “violazione del diritto della donna ad essere informata” (definito “esistenziale”); rigettò invece la domanda di risarcimento dei danno patrimoniale consistente negli oneri di mantenimento del figlio, ritenendo non provata l’esistenza di una volontà abortiva della donna, nell’ipotesi in cui fosse stata tempestivamente informata.

La sentenza, impugnata dalla sig.a R.M., venne confermata dalla Corte d’appello di Milano con sentenza 16.1.2008 n. 495.

  1. La sentenza d’appello è stata impugnata per cassazione dalla sig.a R.M., in base a 4 motivi; ha resistito il dott. A.E.M., mentre l’altro intimato sig. P.M. non si è difeso.

Motivi della decisione

risarcimento avvocato penalista Bologna, avvocato penale Bologna, studio penale Bologna avvocato Sergio Armaroli

avvocato penalista Bologna, avvocato penale Bologna, studio penale Bologna avvocato Sergio Armaroli

MORTE DEL PARENTE FAMIGLIARE IN OSPEDALE RISARCIMENTO

MORTE DEL PARENTE FAMIGLIARE IN OSPEDALE RISARCIMENTO

 

  1. Il primo motivo di ricorso.

1.1. Col primo motivo di ricorso la ricorrente sostiene che la sentenza impugnata sarebbe incorsa in un vizio di motivazione (ai sensi dell’art. 360, n. 5, c.p.c.), nella parte in cui ha ritenuto non provato che, se la gestante fosse stata tempestivamente informata della gravidanza, avrebbe verosimilmente abortito.

1.2. Il motivo è palesemente inammissibile.

La motivazione, sul punto, esiste ed è congrua e ragionevole (pp. 8-9 della sentenza impugnata).

Quel che la parte dunque in realtà invoca da questa Corte, sotto l’usbergo dei vizio di motivazione, è una diversa valutazione delle prove rispetto a quella compiuta dal giudice di merito: pretesa inammissibile in questa sede.

  1. Il secondo motivo di ricorso.

2.1. Col secondo motivo di ricorso la ricorrente torna a dolersi della sentenza impugnata nella parte in cui ha ritenuto non provato che la gestante avrebbe interrotto la gravidanza, se ne fosse stata informata: questa volta però lamentando il vizio di violazione di legge di cui all’art. 360, n. 3, c.p.c..

Sostiene la ricorrente che, avendo il giudice d’appello erroneamente escluso l’esistenza d’un valido nesso di causa tra l’errore del medico e la prosecuzione della gravidanza, sarebbe stato in tal modo violato l’art. 1223 c.c. e la disciplina del nesso causale ivi contenuta.

2.2. Il motivo è inammissibile per lo stesso motivo indicato al § 1.2: anch’esso, infatti, sotto le viste dei vizio di violazione di legge, chiede una diversa valutazione delle prove.

Il giudice d’appello, infatti, non ha affatto negato che siano risarcibili i danni derivanti da un fatto illecito (solo in questo caso si sarebbe potuto invocare una violazione dell’art. 1223 c.c.), ma ha statuito una cosa ben diversa: che dall’illecito non sono derivati danni (patrimoniali), ovvero che non ve ne era la sufficiente prova. Si tratta di una statuizione di merito, motivata e dunque insindacabile in questa sede di legittimità.

  1. Incidente risarcimento chiama subito l'avvocato per la tua tutela

    Incidente risarcimento chiama subito l’avvocato per la tua tutela

    Il terzo motivo di ricorso.

3.1. Col terzo motivo di ricorso la sig.a R.M. lamenta che la sentenza impugnata abbia violato la legge, ai sensi dell’art. 360, n. 3, c.p.c.. Questa la tesi della ricorrente: poiché il giudice d’appello ha ritenuto sussistente la condotta colposa del medico, e la lesione del diritto della donna ad essere informata sull’esistenza della gravidanza; e poiché in base a tale accertamento ha condannato il sanitario al risarcimento del danno non patrimoniale, la Corte d’appello avrebbe dovuto necessariamente condannare il convenuto anche al risarcimento dei danno patrimoniale rappresentato dagli oneri di mantenimento del figlio. Anche questi, infatti, erano una conseguenza della lesione del “diritto alla salute” della gestante.

3.2. Il motivo è manifestamente infondato.

Nel nostro ordinamento non esistono danni in re ipsa, risarcibili sol perché si dimostri l’avvenuta lesione d’un diritto. La lesione dei diritto è il presupposto necessario, ma non sufficiente per pretendere il risarcimento del danno: ad esso dovrà necessariamente conseguire una perdita, patrimoniale o di altro tipo. L’eventuale lesione del diritto di interrompere la gravidanza è dunque giuridicamente irrilevante se la gestante, quand’anche informata, avrebbe comunque verosimilmente scelto di non abortire. E nel caso di specie, per quanto già detto, la Corte d’appello ha giustappunto escluso tale nesso di causa, con decisione non sindacabile in sede di legittimità.

  1. Il quarto motivo di ricorso.

4.1. Col quarto motivo di ricorso la sig.a R.M., deducendo il vizio di violazione di legge, censura la sentenza della Corte d’appello nella parte in cui ha ritenuto transeunte, invece che permanente, il danno non patrimoniale patito da una donna costretta a portare a termine una gravidanza suo malgrado, ed avrebbe di conseguenza sottostimato il danno patito dalla ricorrente.

4.2. Il motivo è inammissibile: sia perché deduce nella sostanza non già un error in iudicando ma un vizio di motivazione, senza essere concluso dalla chiara indicazione del fatto controverso, prescritta dall’art. 366 bis c.p.c.; sia perché in ogni caso la Corte d’appello ha adeguatamente motivato la propria decisione (pp. 10-11 della sentenza impugnata); sia perché la stima del danno in via equitativa costituisce un accertamento di fatto riservato al giudice di merito ed insindacabile in sede di legittimità.

  1. Le spese.

Le spese del giudizio di legittimità vanno poste a carico della ricorrente, ai sensi dell’art. 385, comma 1, c.p.c..

P.Q.M.

la Corte di cassazione, visto l’art. 383, comma primo, c.p.c.:

-) rigetta il ricorso;

-) condanna R.M. alla rifusione in favore di A.E.M. delle spese del presente grado di giudizio, che si liquidano nella somma di euro 2.200, di cui 200 per spese vive, oltre IVA ed accessori.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Terza Sezione civile della Corte di cassazione.

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» MORTE DEL FIGLIO INCIDENTE DANNO QUANTIFICAZIONE AVVOCATO ESPERTO

» MALASANITA’ BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA RISARCIMENTO AVVOCATO ESPERTO INDENIZZO RISARCIMENTO DA MALASANITA’

» LUGO FAENZA RAVENNA AVVOCATO PER MALASANITA’

» Sei stato vittima di un errore medico? AVVOCATO MALASANITA’ FORLI CESENA errore medico risarcimento danni risarcimento danni malasanità prescrizione risarcimento malasanità tempi risarcimento malasanità morte risarcimento danni per malasanità tabelle risarcimento danni malasanità

» Vittima di errori di malasanità? Art. 2059 Il danno non patrimoniale

» colpa medica cassazione penale colpa professionale del medico

» MALASANITA’ RESPONSABILITA’ MEDICA DANNO PATRIMONIALE E NON errore medico risarcimento danni Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA risarcimento malasanità tempi Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA tabelle risarcimento danni malasanità Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA risarcimento danni malasanità prescrizione Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA risarcimento malasanità morte Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA scadenza domanda risarcimento malasanità Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA

» Malasanita’ danno la responsabilità medica: cosa è e come funziona Il medico, è responsabile di eventuali danni cagionati con la conseguenza che il danneggiato ha diritto a un risarcimento.

» CONSENSO INFORMATO INTERVENTO CHIRURGICO laparatomia, una isterectomia totale, una anessectomia bilaterale, una appendicectomia ed omentectomia. p.1. D.S.S. ha proposto ricorso per cassazione contro l’Azienda A.U.S.L. di Chieti, B.U., R. G. e C.F., nonchè contro la Unipol Assicurazioni s.p.a. (incorporante per fusione l’Aurora Assicurazioni s.p.a., già Siad Ass.ni. s.p.a.) e la Sara Assicurazioni s.p.a., l’Assitalia – Le Assicurazioni d’Italia s.p.a., la Milano Assicurazioni s.p.a., la s.p.a. Reale Mutua Assicurazioni, la Zurigo Assicurazioni s.p.a., la Assicurazioni Generali s.p.a. e la Lloyd Adriatico s.p.a., avverso la sentenza del 13 settembre 2011, con la quale la Corte d’Appello di L’Aquila ha rigettato il suo appello contro la sentenza resa in primo grado inter partes dal Tribunale di Chieti il 3 marzo 2004 sulla controversia introdotta da essa ricorrente nel dicembre del 1997 per ottenere il risarcimento dei danni a suo dire sofferti in occasione di un intervento chirurgico cui si era sottoposta il 24 novembre 1995 presso l’Ospedale di Chieti.

» BLEFAROPLASTICA DANNO RISARCIMENTO 4) I motivi precedenti danno modo di provare che anche ove si volesse ritenere applicabile al caso di specie l’articolo 1176 anziché l’articolo 2236 Cc., si dovrebbe comunque escludere qualunque responsabilità in capo al dott. S.. Non è stata dimostrata alcun tipo di negligenza, lieve o grave e, nel contempo, difetta totalmente la prova del nesso di causalità. Il motivo non può essere accolto in quanto la decisione impugnata è fondata su una motivazione sufficiente,logica, non contraddittoria e rispettosa della normativa in questione.

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» CORTE APPELLO BOLOGNA TRIBUNALE DI BOLOGNA DANNO JURE PROPRIO IN INCIDENTE MORTALE La Corte si e’ soffermata sulla natura delle tabelle milanesi e sul come la loro inosservanza si ponga rispetto ai paradigmi dell’articolo 360 c.p.c., nella sentenza n. 4447 del 2014. In detta decisione la Corte si e’ soffermata su quello che ha individuato come il problema della “ritualita’ della deduzione come violazione di norma di diritto delle c.d. tabelle milanesi” ed ha svolto le seguenti considerazioni.

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI CESENA FORLI VEDOVO VEDOVA ESTROMESSI DA EREDITA’ DIRITTI DEI VEDOVI

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna