Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

DANNO MASTOPLASTICA ADDITTIVA RISARCIMENTO CHIRURGIA ESTETICA AVVOCATO esPERTOrisarcimento danni chirurgia estetica danni estetici risarcimento risarcimento danni mastoplastica additiva chirurgia estetica obbligazione di risultato risarcimento danni intervento estetico danni da chirurgia estetica risarcimento mastoplastica additiva mastoplastica additiva errataQuante donne con la speranza di migliorare il loro aspetto e di sentirsi meglio con loro stesse fanno operazioni estetiche di mastoplastica addittive o riduttive?

DANNO MASTOPLASTICA ADDITTIVA RISARCIMENTO CHIRURGIA ESTETICA AVVOCATO ESPERTO

Quante donne con la speranza di migliorare il loro aspetto e di sentirsi meglio con loro stesse fanno operazioni estetiche di mastoplastica addittive o riduttive?

In via generale, è opportuno richiamare il consolidato orientamento della Corte di Cassazione secondo il quale “in tema di responsabilità civile nell’attività medico-chirurgica, ove sia dedotta una responsabilità contrattuale della struttura sanitaria e/o del medico per l’inesatto adempimento della prestazione sanitaria, il danneggiato deve fornire la prova del contratto (o del “contatto”) e dell’aggravamento della situazione patologica (o dell’insorgenza di nuove patologie per effetto dell’intervento) e del relativo nesso di causalità con l’azione o l’omissione dei sanitari, secondo il criterio, ispirato alla regola della normalità causale, del “più probabile che non”, restando a carico dell’obbligato – sia esso il sanitario o la struttura – la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente e che quegli esiti siano stati determinali da un evento imprevisto e imprevedibile” (Cass. Sez. 3, Sentenza n. 975 del 16/0 1/2009).

CTU nominato in corso di causa ha quindi rilevato dopo l’esame della documentazione medica in atti e l’esame clinico della paziente, che “la tecnica utilizzata dal dr. L.G. non ha consentito la totale eliminazione dei siliconomi e l’immissione delle protesi, non accompagnata alla resezione di una pari quantità di tessuto mammario, ha comportato l’ingrandimento (indesiderato dalla paziente) del seno” e che anche l’insuccesso relativo alla mancata escissione di tutti i siliconomi “è da ricondursi alla inadeguatezza della tecnica, che non consentiva un trattamento risolutivo” .
Quindi il convenuto, pur edotto delle specifiche richieste della attrice, ha ritenuto di attuare, a seguito del rifiuto della paziente di sottoporsi a mastectomia, una tecnica del tutto inadeguata a realizzare lo scopo, come infatti è risultato con un aumento di volume del seno (che la paziente aveva espressamente dichiarato indesiderato) e la mancata risoluzione della ptosi. Deve quindi essere ritenuta provata la responsabilità professionale del convenuto per i danni subiti dalla attrice a seguito della (inutile oltre che dannosa avendo aggravato l’aspetto estetico) terapia chirurgica attuata.
Deve quindi essere risarcito il danno conseguente alla violazione così attuata della integrità psicofisica della paziente, nella specie il danno estetico, non sussistendo conseguenze invalidanti. Ai fini della valutazione in via equitativa del citato danno, si reputa di valutare in primo luogo il costo degli interventi necessari per la eliminazione del danno estetico, che il CTU ha quantificato in Euro 20.000,00. Al fine della valutazione dei danni complessivamente subiti dalla attrice, e in particolare delle sofferenze morali e psichiche subite a causa di un (inutile) intervento chirurgico, si reputa di liquidare in via equitativa la somma complessiva di Euro ade3scritta50.000,00, tenuto già conto anche del danno da lucro cessante e della somma versata per l’intervento chirurgico subiti pari ad Euro 1052,58.
Deve essere accolta la domanda di garanzia proposta dal convenuto nei confronti della società assicuratrice Bernese Assicurazioni s.p.a., non essendo in contestazione la esistenza ed operatività della polizza. Né alcun rilievo assume in questa sede la eventuale corresponsabilità della casa di cura, stante il diritto della parte danneggiata ai sensi dell’art. 2055 c.c. di agire nei confronti di io degli eventuali coobbligati solidali, né essendo stata formalmente introdotta in causa con la chiamata della casa di cura la domanda per l’accertamento dell’eventuale corresponsabilità. Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo, tenuto conto del valore della causa in base alla somma liquidata. Sono compensate tra il convenuto e la società assicuratrice atteso che le difese del primo si sono svolte in sostanza sulla domanda della attrice.

 

adbscritta

Tribunale Roma, sez. XIII 04/09/2009 n. 18000

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
Con atto di citazione notificato il 23.11.2004, la sig.ra S.A. conveniva in giudizio il dr. prof. L.G.R. dinanzi al Tribunale di Roma per ivi sentir accertare la responsabilità professionale dello stesso per l’esito negativo dell’intervento chirurgico effettuato in data 7.10.2003, e quindi sentirlo condannare al risarcimento dei danni subiti.
A sostegno della domanda, la parte attrice esponeva di essersi rivolta al convenuto al fine di risolvere la ptosi mammaria bilaterale conseguente le gravidanze, e di rimuovere i silicosomi multipli formatisi per pregresse infiltrazioni di silicone liquido. Esponeva quindi che nell’autunno 2003 si era sottoposta a visita presso il convenuto sanitario, al fine di valutare la opportunità dell’intervento, richiedendo in particolare un intervento che evitasse la asportazione della ghiandola

DANNO MASTOPLASTICA ADDITTIVA RISARCIMENTO CHIRURGIA ESTETICA AVVOCATO esPERTO

DANNO MASTOPLASTICA ADDITTIVA RISARCIMENTO CHIRURGIA ESTETICA AVVOCATO esPERTO

mammaria e mantenesse lo stesso volume del seno. Il convenuto quindi la sottoponeva ad interventi chirurgico volto ad asportare le formazioni granulomatose multiple, provvedendo alla ricostruzione del volume asportato con l’inserimento di protesi mammarie; l’intervento però non sortiva l’effetto previsto, in quanto era stata eseguita in sostanza una mastoplastica additiva che aveva aumentato il volume del seno ed accentuato la ptosi. L’attrice chiedeva quindi il risarcimento dei danni biologico morale e patrimoniale subiti.
Il convenuto si costituiva deducendo la infondatezza della domanda e chiedendone il rigetto. In particolare, il convenuto eccepiva che la parte attrice aveva rifiutato di sottoporsi all’intervento di mastectomia suggerito da esso convenuto, come emergerebbe dal consenso informato, e che la tecnica alternativa utilizzata garantiva comunque il soddisfacimento delle esigenze della paziente.
Chiedeva inoltre di poter chiamare in causa la propria società assicuratrice al fine di essere manlevato in caso di accoglimento della domanda, in virtù della polizza stipulata.
A seguito della notificazione dell’atto di chiamata si costituiva Bernese Assicurazioni s.p.a., deducendo la infondatezza della domanda principale e chiedendone il rigetto unitamente quindi alla domanda di garanzia.
All’esito della attività istruttoria, la causa all’udienza del 31.3.2009 veniva assegnata a sentenza, con termini di legge per comparse conclusionali e repliche.

MOTIVI DELLA DECISIONE
La domanda è fondata e pertanto deve essere accolta.
All’esito della CTU espletata deve infatti ritenersi accertato che l’intervento praticato alla attrice dal convenuto fosse inadeguato a realizzare il risultato desiderato ed espressamente richiesto (e formalizzato nell’atto di consenso informato) dalla paziente.
Dalla cartella clinica e dal consenso informato sottoscritto dalla paziente risultano il desiderio della stessa di mantenere immodificate le dimensioni del seno ed il rifiuto di sottoporsi all’intervento di mastectomia bilaterale, e che il chirurgo operatore ha quindi effettuato un intervento di “ricostruzione su protesi mammella dx e sin dopo asportazione granulomi multipli” (in data 7.10.2003).
Successivamente in data 5.7.2004 la certificazione medica sottoscritta da altro sanitario (dr. Ad.) cui la attrice si era rivolta dopo l’esito infruttuoso dell’intervento, attestava la persistenza di alcuni siliconomi ad entrambe le mammelle che risultavano “molto voluminose, lievemente asimmetriche, con ptosi di grado severo”: tale diagnosi è stata anche confermata in sede di CTU.
Il CTU nominato in corso di causa ha quindi rilevato dopo l’esame della documentazione medica in atti e l’esame clinico della paziente, che “la tecnica utilizzata dal dr. L.G. non ha consentito la totale eliminazione dei siliconomi e l’immissione delle protesi, non accompagnata alla resezione di una pari quantità di tessuto mammario, ha comportato l’ingrandimento (indesiderato dalla paziente) del seno” e che anche l’insuccesso relativo alla mancata escissione di tutti i siliconomi “è da ricondursi alla inadeguatezza della tecnica, che non consentiva un trattamento risolutivo” .
Quindi il convenuto, pur edotto delle specifiche richieste della attrice, ha ritenuto di attuare, a seguito del rifiuto della paziente di sottoporsi a mastectomia, una tecnica del tutto inadeguata a realizzare lo scopo, come infatti è risultato con un aumento di volume del seno (che la paziente aveva espressamente dichiarato indesiderato) e la mancata risoluzione della ptosi. Deve quindi essere ritenuta provata la responsabilità professionale del convenuto per i danni subiti dalla attrice a seguito della (inutile oltre che dannosa avendo aggravato l’aspetto estetico) terapia chirurgica attuata.
Deve quindi essere risarcito il danno conseguente alla violazione così attuata della integrità psicofisica della paziente, nella specie il danno estetico, non sussistendo conseguenze invalidanti. Ai fini della valutazione in via equitativa del citato danno, si reputa di valutare in primo luogo il costo degli interventi necessari per la eliminazione del danno estetico, che il CTU ha quantificato in Euro 20.000,00. Al fine della valutazione dei danni complessivamente subiti dalla attrice, e in particolare delle sofferenze morali e psichiche subite a causa di un (inutile) intervento chirurgico, si reputa di liquidare in via equitativa la somma complessiva di Euro 50.000,00, tenuto già conto anche del danno da lucro cessante e della somma versata per l’intervento chirurgico subiti pari ad Euro 1052,58.
Deve essere accolta la domanda di garanzia proposta dal convenuto nei confronti della società assicuratrice Bernese Assicurazioni s.p.a., non essendo in contestazione la esistenza ed operatività della polizza. Né alcun rilievo assume in questa sede la eventuale corresponsabilità della casa di cura, stante il diritto della parte danneggiata ai sensi dell’art. 2055 c.c. di agire nei confronti di io degli eventuali coobbligati solidali, né essendo stata formalmente introdotta in causa con la chiamata della casa di cura la domanda per l’accertamento dell’eventuale corresponsabilità. Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo, tenuto conto del valore della causa in base alla somma liquidata. Sono compensate tra il convenuto e la società assicuratrice atteso che le difese del primo si sono svolte in sostanza sulla domanda della attrice.

P.Q.M.
Il Tribunale Civile di Roma, definitivamente pronunciando sulla domanda proposta da S.A. nei confronti di L.G. Renato, con la chiamata in causa di Berenese Assicurazioni s.p.a., così provvede:
accoglie la domanda e condanna il convenuto al risarcimento dei danni subiti dalla attrice a seguito dell’intervento chirurgico in data 7.10.2003, liquidati in Euro 50.000,00, oltre interessi legali dalla data della sentenza al soddisfo;
condanna il convenuto al pagamento delle spese del giudizio, che liquida in Euro 2100,00 per diritti, Euro 2800,00 per onorari, Euro 350,00 per spese, oltre rimborso spese generali IVA e CPA come per legge e rimborso spese di CTU;
condanna Bernese Assicurazioni s.p.a. a tenere indenne il convenuto di quanto condannato a versare in esecuzione dei capi che precedono, compensa le spese tra il convenuto e la chiamata in causa.
Roma, 27 luglio 2009

 

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» CURATORE FALLIMENTO POTERI AVVOCATO CIVILISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA RIMINI

» Successione, eredità, accettazione tacita, AVVOCATO PER SUCCESSIONI BOLOGNA

» AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA L’ INVALIDITA’ DEL TESTAMENTO PER VIZI DELLA VOLONTA’

» AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI RIMINI

» TRIB ROVIGO CONCORDATO PREVENTIVO-AVVOCATO FALLIMENTI

» CONCORDATO PREVENTIVO AVVOCATO PER RICHIESTA CONCORDATO DELLE SPA ex art. 161, comma 6, la domanda di concordato deve essere dichiarata inammissibile dal tribunale, ai sensi della L. Fall., art. 162, comma 2 Va tuttavia considerato, sotto un primo profilo, che, poiché rispetto al medesimo imprenditore ed alla medesima insolvenza il concordato non può che essere unico, qualora la procedura di concordato sia pendente non è configurabile un’ulteriore domanda di ammissione avente carattere di autonomia (cfr. Cass. n. 495/015), a meno che da quest’ultima non si desuma l’inequivoca volontà del proponente (pur se non espressa con formule sacramentali) di rinunciare a quella in precedenza depositata.

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

» CASS SEZ UNITE RISARCIMENTI PUNITIVI la sentenza del 23 settembre 2008, esecutiva, della Circuit Court of the 17th Judicial Circuit for Broward Count (Florida), confermata in appello dal District Court of Appeal of the State of Florida, dell’U agosto 2010, che aveva concannato la società italiana AXO Sport spa a pagare la complessiva somma di dollari USA 1.436.136,87, oltre interessi al tasso annuo dell’11% , a seguito di procedimento giudiziario svoltosi davanti a quell’autorità;

» AVVOCATO DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA CONTRATTO PRELIMINARE SU IMMOBILE ABUSIVO In forza, allora, dell’interpretazione di questa Corte, cui il Collegio intende dare continuità, la sanzione della nullità prevista dalla L. 28 febbraio 1985, n. 47, art. 40, con riferimento a vicende negoziali relative ad immobili privi della necessaria concessione edificatoria, trova applicazione nei soli contratti con effetti traslativi e non anche con riguardo ai contratti con efficacia obbligatoria, quale il preliminare di vendita, come si desume dal tenore letterale della norma, nonchè dalla circostanza che, successivamente al contratto preliminare, può intervenire la concessione in sanatoria degli abusi edilizi commessi o essere prodotta la dichiarazione prevista dalla stessa norma, ove si tratti di immobili costruiti anteriormente al 1 settembre 1967. Ne consegue che, anche nel caso in cui il preliminare abbia ad oggetto un immobile privo della concessione edificatoria, si ritiene costituito tra le parti un valido vincolo giuridico (Cass. 19 dicembre 2013, n. 28456; Cass. 18 luglio 2011, n. 15734; Cass. 11 luglio 2005, n. 14489).

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna