Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

MALA GESTIO ASSICURAZIONE : che in tema di assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, va distinta l’obbligazione diretta dell’assicuratore nei confronti del danneggiato, da quella dell’assicuratore stesso nei confronti del danneggiante-assicurato e va, conseguentemente, distinta l’eventuale ipotesi di responsabilità relativa al primo rapporto (mala gestio c.d. impropria), da quella riconducibile ai rapporti assicuratore-assicurato (mala gestio c.d. propria).

MALA GESTIO ASSICURAZIONE : che in tema di assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, va distinta l’obbligazione diretta dell’assicuratore nei confronti del danneggiato, da quella dell’assicuratore stesso nei confronti del danneggiante-assicurato e va, conseguentemente, distinta l’eventuale ipotesi di responsabilità relativa al primo rapporto (mala gestio c.d. impropria), da quella riconducibile ai rapporti assicuratore-assicurato (mala gestio c.d. propria).

 AS13

 

l’efficacia di piena prova fino a querela di falso che, ex art. 2700 cod. civ., deve riconoscersi agli atti degli organi di polizia, quanto alla loro provenienza e quanto alle dichiarazioni rese dalle parti nonché agli altri fatti che il pubblico ufficiale che lo redige attesta essere avvenuti in sua presenza o da lui compiuti, non sussiste né con riguardo ai giudizi valutativi che esprima il pubblico ufficiale, né con riguardo alla menzione di quelle circostanze che, in ragione delle modalità affatto repentine del loro accadimento, non siano suscettibili di verifica e controllo secondo un metro sufficientemente obbiettivo, di talché le stesse possano dar luogo a percezioni sensoriali implicanti margini di apprezzamento (cfr. Cass. civ. 15 febbraio 2006, n. 3282).

 

 

Occorre muovere dalla considerazione che esistono due forme di mala gestio: quella cosiddetta impropria, e quella cosiddetta propria, i cui tratti distintivi rimandano ai due distinti profili di responsabilità del garante, configurabili in materia di assicurazione obbligatoria per la R.C.A.. Invero, a partire dal noto arresto delle Sezioni Unite (8 luglio 2003 n. 10725) che ha riconsiderato ex novo la problematica, questa Corte ha costantemente ribadito (cfr. Cass. civ. 28 giugno 2010, n. 15397; Cass. civ. 5 agosto 2005, n. 16598; Cass. civ. 4 febbraio 2005, n. 2276; Cass. civ. 22 dicembre 2004, n. 23819) che in tema di assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, va distinta l’obbligazione diretta dell’assicuratore nei confronti del danneggiato, da quella dell’assicuratore stesso nei confronti del danneggiante-assicurato e va, conseguentemente, distinta l’eventuale ipotesi di responsabilità relativa al primo rapporto (mala gestio c.d. impropria), da quella riconducibile ai rapporti assicuratore-assicurato (mala gestio c.d. propria).

 

 

AFOTOGRAFICA1 

 

 

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. III CIVILE – SENTENZA 17 febbraio 2016, n.3014 – Pres. Petti – est. Amendola

Motivi della decisione

 

1 I ricorsi hinc et inde proposti avverso la stessa sentenza sono stati riuniti ex art. 335 cod. proc. civ..

Con il primo motivo M.M. denuncia violazione degli artt. 115 e 116 cod. proc. civ., nonché mancanza, insufficienza e contraddittorietà della motivazione, ex art. 360, nn. 3 e 5, cod. proc. civ., in relazione alla ritenuta, pari responsabilità di entrambi i conducenti nella causazione del sinistro.

Sostiene che, contrariamente a quanto affermato dalla Corte d’appello, il giudice di prime cure aveva chiaramente riconosciuto l’esclusiva responsabilità della C. nella eziologia della collisione, adeguatamente esplicitando altresì le ragioni del suo convincimento. La Corte territoriale, invece, era partita dall’assunto, assolutamente arbitrario, della commissione, da parte del M. , della violazione dell’art. 104, primo comma, del Codice della Strada, nel testo vigente ratione temporis, infrazione mai neppure contestata.

Aggiunge che la ricostruzione dell’incidente posta a base della scelta decisoria adottata contrastava altresì con gli accertamenti contenuti nel verbale redatto dalla Polizia Municipale, che, in quanto atto pubblico, faceva fede fino a querela di falso.

2.1 Le critiche sono, per certi aspetti inammissibili, per altri infondate.

Esse appaiono anzitutto gravemente carenti sotto il profilo dell’autosufficienza, posto che evocano allegazioni probatorie – come il verbale redatto dalla Polizia Municipale – senza tuttavia riportarne in alcun modo il contenuto e senza indicarne l’esatta allocazione nel fascicolo processuale, in spregio agli oneri imposti dall’art. 366, n. 6, cod. proc. civ., nella lettura ormai assurta a diritto vivente (cfr. Cass. civ. 19 agosto 2015; Cass. civ. sez. un. 3 novembre 2011, n. 22726).

2.2 Sotto altro, concorrente profilo, va poi rilevato che all’affermazione della pari responsabilità dei due guidatori nella causazione del sinistro il giudice di merito è pervenuto all’esito di un accurato esame di tutte le emergenze istruttorie, a partire proprio dal verbale dei Vigili Urbani di Palermo del quale, secondo la linea difensiva dell’impugnante, avrebbe invece fatto malgoverno.

Ne deriva che le critiche hanno ad oggetto una valutazione di stretto merito, adeguatamente motivata.

3 Per puro scrupolo di completezza è in ogni caso opportuno precisare che, secondo la consolidata giurisprudenza di questa Corte, alla quale si intende dare continuità, l’efficacia di piena prova fino a querela di falso che, ex art. 2700 cod. civ., deve riconoscersi agli atti degli organi di polizia, quanto alla loro provenienza e quanto alle dichiarazioni rese dalle parti nonché agli altri fatti che il pubblico ufficiale che lo redige attesta essere avvenuti in sua presenza o da lui compiuti, non sussiste né con riguardo ai giudizi valutativi che esprima il pubblico ufficiale, né con riguardo alla menzione di quelle circostanze che, in ragione delle modalità affatto repentine del loro accadimento, non siano suscettibili di verifica e controllo secondo un metro sufficientemente obbiettivo, di talché le stesse possano dar luogo a percezioni sensoriali implicanti margini di apprezzamento (cfr. Cass. civ. 15 febbraio 2006, n. 3282).

avvocato Sergio Armaroli Bologna

avvocato Sergio Armaroli Bologna

In tale contesto nessuna seria valenza probatoria può attribuirsi alla circostanza che al M. non sia stata contestata alcuna violazione del Codice della Strada, considerato, da un lato, che la contestazione (come la mancata contestazione), di tali violazioni non vincola il giudice del merito che, all’esito del contraddittorio processuale, ben può pervenire ad una differente attribuzione della responsabilità per il sinistro a carico dei due conducenti antagonisti, in base a prudente apprezzamento delle prove, sottratto al sindacato di legittimità in presenza di congrua e adeguata motivazione (cfr. Cass. civ. 23 maggio 2011, n. 11309; Cass. civ. 16 novembre 2005, n. 23219); e, dall’altro, che il giudice di merito ha motivato il suo convincimento con il richiamo a dati assolutamente obbiettivi, come l’entità e l’allocazione dei danni riportati dai veicoli coinvolti nell’incidente.

Il motivo va pertanto respinto.

4.1 Con il secondo mezzo l’esponente lamenta, ex art. 360, n. 3, cod. proc. civ., violazione degli artt. 18, 22 e 24 legge n. 990 del 1969. Oggetto delle critiche è la negativa valutazione della mala gestio di Ambra Assicurazioni s.p.a. e di Fondiaria SAI s.p.a., quale impresa designata dal FGVS, nella liquidazione dei pregiudizi da lui subiti a seguito del sinistro.

Ricorda l’esponente che, a fronte delle gravi lesioni da lui riportate, delle quali ingiustamente egli era stato ritenuto responsabile nella misura del 50%, Ambra Assicurazioni aveva corrisposto, il giorno 26 settembre 1989, la somma di lire 100.000.000, accettata a titolo di acconto,

Sostiene quindi che detto importo, rivalutato a Euro 146.777,31, alla data della pronuncia della sentenza impugnata, era stato erroneamente ritenuto dalla Corte d’appello congruo e tempestivamente versato, benché il pagamento dello stesso fosse in realtà intervenuto a distanza di ben tre anni a quattro mesi dal sinistro, assolutamente oltre, dunque, il termine di sessanta giorni previsto dalla legge n. 990 del 1969, e quando la società era già in possesso della documentazione dimostrativa della esclusiva responsabilità della C. nella causazione del sinistro nonché della gravità delle lesioni da lui riportate.

Evidenzia infine che l’inosservanza del predetto termine rilevava anche nei rapporti tra assicuratore e assicurato, considerato che il primo deve tenere indenne l’altro ove il massimale, capiente all’epoca del sinistro, sia divenuto incapiente a causa del ritardo nel pagamento. In tale contesto Fondiaria SAI s.p.a., nella qualità, avrebbe dovuto essere condannata in solido con la C. al risarcimento, oltre i limiti del massimale, della parte di danno non ristorata da Ambra Assicurazioni, nonché al pagamento degli interessi e del maggior danno, ex art. 1224 cod. civ.. E invero la responsabilità per mala gestio di Fondiaria si radicava sia sul ritardato adempimento della prestazione da parte di Ambra, sia sulla mancata offerta di una somma integrativa dopo che, in data 10 ottobre 2000, essa era stata notiziata, a mezzo della notifica di un atto extragiudiziario, del sinistro dedotto in giudizio.

4.2 Con il terzo mezzo, deducendo vizi motivazionali, ex art. 360, n. 5, cod. proc. civ., l’impugnante contesta l’entità della liquidazione del danno morale, sostenendone l’esiguità.

Con il quarto e con il quinto denuncia vizi motivazionali in relazione al mancato riconoscimento del danno esistenziale nonché dei danni subiti dalla motocicletta sulla quale egli viaggiava.

5 Ragioni di chiarezza espositiva consigliano di partire dall’esame degli ultimi tre motivi di ricorso che, per la loro evidente connessione, si prestano a essere esaminati congiuntamente.

Le critiche in essi svolte non hanno pregio per le ragioni che seguono.

La Corte d’appello ha liquidato per il danno non patrimoniale sofferto dal M. la complessiva somma di Euro 150.000,00, all’attualità della sentenza di primo grado, espressamente precisando: a) di aver determinato tale importo tenendo conto sia del danno biologico, quantificato in Euro 128.925,00, sia delle pene sofferte dall’attore per effetto dell’infortunio, sia delle negative incidenze che i postumi riportati avrebbero prevedibilmente avuto sulla sua futura vita di relazione; b) che null’altro poteva essere riconosciuto a titolo di danno esistenziale.

6 Tale motivazione, a giudizio del collegio, applica correttamente’ i principi giuridici che governano la materia. È sufficiente al riguardo ricordare che la liquidazione equitativa del danno non patrimoniale è affidata ad apprezzamenti discrezionali del giudice di merito, insindacabili in sede di legittimità ove, come nella fattispecie, la motivazione della decisione dia adeguatamente conto del processo logico attraverso il quale si è pervenuti alla liquidazione, indicando i criteri assunti a base del procedimento valutativo (cfr., da ultimo, Cass. civ. 31 luglio 2015, n. 16222; Cass. civ. 16 febbraio 2012, n. 2228).

Va poi aggiunto, con specifico riferimento all’evocato danno esistenziale, che la sentenza impugnata ha fatto buon governo dei principi enunciati dalle sezioni unite di questa Corte le quali hanno ritenuto inammissibile nel nostro ordinamento l’autonoma categoria di danno esistenziale, argomentando al riguardo che, ove in essa si volessero ricomprendere i pregiudizi scaturenti dalla lesione di interessi della persona di rango costituzionale, ovvero derivanti da fatti-reato, questi sono già risarcibili ai sensi dell’art. 2059 cod. civ., interpretato in modo conforme a Costituzione, con la conseguenza che la liquidazione di una ulteriore posta di danno comporterebbe una duplicazione risarcitoria; mentre, laddove si intendesse includere nel ‘danno esistenziale’ pregiudizi non lesivi di diritti inviolabili della persona, tale categoria sarebbe del tutto illegittima, posto che simili pregiudizi sono irrisarcibili, in virtù del divieto di cui all’art. 2059 cod. civ. (Cass. civ. sez. un. 11 novembre 2008, n. 26972).

7 Infine, quanto al mancato ristoro dei pretesi danni subiti, a causa del sinistro, dal veicolo di proprietà del M. , le critiche formulate nel mezzo, oltre ad essere gravemente carenti sotto il profilo dell’autosufficienza, nei sensi esplicitati innanzi al punto 2.2, sono aspecifiche, considerato che nulla argomenta l’esponente per confutare l’affermazione del giudice di merito in ordine all’assoluta mancanza di prova dell’ammontare dei danni subiti dal motociclo. Ne deriva che le proposte censure sono, in parte qua, inammissibili.

8.1 Il collegio ritiene invece fondate, nei termini che qui di seguito si vanno a precisare, le doglianze esposte nel secondo motivo.

Occorre muovere dalla considerazione che esistono due forme di mala gestio: quella cosiddetta impropria, e quella cosiddetta propria, i cui tratti distintivi rimandano ai due distinti profili di responsabilità del garante, configurabili in materia di assicurazione obbligatoria per la R.C.A.. Invero, a partire dal noto arresto delle Sezioni Unite (8 luglio 2003 n. 10725) che ha riconsiderato ex novo la problematica, questa Corte ha costantemente ribadito (cfr. Cass. civ. 28 giugno 2010, n. 15397; Cass. civ. 5 agosto 2005, n. 16598; Cass. civ. 4 febbraio 2005, n. 2276; Cass. civ. 22 dicembre 2004, n. 23819) che in tema di assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, va distinta l’obbligazione diretta dell’assicuratore nei confronti del danneggiato, da quella dell’assicuratore stesso nei confronti del danneggiante-assicurato e va, conseguentemente, distinta l’eventuale ipotesi di responsabilità relativa al primo rapporto (mala gestio c.d. impropria), da quella riconducibile ai rapporti assicuratore-assicurato (mala gestio c.d. propria).

8.2 Segnatamente la responsabilità ultramassimale dell’assicuratore nei confronti della parte danneggiata (che solo con formula tralaticia si continua a definire mala gestio, trattandosi in realtà di responsabilità da colpevole ritardo) trova titolo in un comportamento dell’obbligato ingiustificatamente dilatorio, a fronte della richiesta di liquidazione avanzata dal danneggiato, trascorso il termine di cui all’art. 22 della legge n. 990 del 1969, (e, attualmente, i termini di cui all’art. 145 del d.lgs. n. 209 del 2005), alla cui scadenza l’assicuratore è da considerare in mora, sempreché sia stato posto in grado con la detta richiesta di determinarsi in ordine all’an e al quantum della somma dovuta a titolo di risarcimento.

Ciò significa che l’assicuratore il quale, in linea di principio, è obbligato verso il danneggiato non oltre il limite del massimale e il cui debito è chiaramente di valuta e non di valore, a differenza di quello che il danneggiante ha verso l’assicurato, si può trovare obbligato oltre il limite del massimale, ex art. 1224 c.c., senza necessità di altra prova del danno, quanto agli interessi legali maturati sul massimale per il tempo della mora, e anche oltre il limite del saggio legale, in presenza di allegazione e prova (se del caso, mediante ricorso a presunzioni) del ‘maggior danno’ di cui al cit. art. 1224, comma 2.

Peraltro, proprio perché la responsabilità da colpevole ritardo, nell’ambito del rapporto tra assicuratore e danneggiato, è fondata sulla costituzione in mora del primo ex art. 22 della legge n. 990 del 1969, non è necessario che il danneggiato, per ottenere la corresponsione degli interessi, e della rivalutazione oltre il limite del massimale, formuli una specifica domanda, essendo sufficiente che abbia chiesto l’integrale risarcimento del danno (cfr. cfr. Cass. civ. 30 ottobre 2007, n. 22883; Cass. civ. 24 gennaio 2006, n. 1315) ovvero, anche, che abbia richiesto il pagamento degli interessi (cfr. Cass. civ. 28 giugno 2010, n. 15397).

8.3 La seconda fattispecie di responsabilità da mala gestio (c.d. propria), afferente ai rapporti assicuratore-assicurato/danneggiante, trova fondamento nella violazione dell’obbligo dell’assicuratore di comportarsi secondo buona fede e correttezza nell’esecuzione del contratto ai sensi degli artt. 1175 e 1375 cod. civ. Ed essa è configurabile non solo nel caso in cui l’assicuratore, senza un apprezzabile motivo, rifiuti di gestire la lite o se ne disinteressi in modo da recare pregiudizio all’assicurato o ancora la gestisca in maniera impropria, ma altresì in tutti i casi in cui sia comunque ravvisabile un colpevole ritardo dell’assicuratore nella corresponsione dell’indennizzo al danneggiato, ritardo dal quale sia derivato all’assicurato un danno. Ne deriva che in siffatte ipotesi all’obbligazione dell’assicuratore nei confronti del danneggiato può aggiungersi, sempre a carico dello stesso, un’ulteriore e diversa obbligazione nei confronti del danneggiante-assicurato, sul quale sia, in definitiva, venuto a gravare l’onere economico dei pregiudizi derivanti da tali condotte del garante. Il danneggiante invero ben può pretenderne il ristoro dall’assicuratore, facendo valere nei suoi confronti quella forma di responsabilità contrattuale, comunemente definita ‘da inala gestio propria’.

Non è poi superfluo precisare che – proprio perché trattasi di inadempimento contrattuale – l’affermazione della responsabilità dell’assicuratore verso il danneggiante (a differenza di quanto si è detto per l’affermazione di responsabilità verso il danneggiato), postula la proposizione, da parte dell’assicurato, di una specifica domanda, con allegazione dei comportamenti che sostanziano la mala gestio, incombendo poi alla controparte dimostrare di avere correttamente adempiuto la propria obbligazione (cfr. Cass. civ. sez. un. 30 ottobre 2001, n. 13533; Cass. sez. un. 11 gennaio 2008, n. 577). Il che implica altresì che il danneggiato non può far valere contro l’assicuratore, come proprio, il diritto del danneggiante-assicurato a essere dallo stesso risarcito, se non esercitando l’azione surrogatoria, e cioè sostituendosi al proprio debitore ex art. 2900 cod. civ..

9 Tanto premesso, va anzitutto dato atto che, per quanto risulta dalla sentenza impugnata, non è mai stata evocata dal M. , in via surrogatoria, la responsabilità dell’assicuratore per mala gestio propria. Ciò comporta che le doglianze, laddove attaccano la mancata condanna in solido dell’assicurata e dell’assicuratore al pagamento delle somme eccedenti il massimale di polizza, potranno ricevere una indiretta soddisfazione solo se e nella misura in cui gli importi liquidati al danneggiato andranno rivisti all’esito dei ricalcoli necessitati dalla ritenuta fondatezza, per quanto di qui a poco si dirà, delle critiche al rigetto della domanda volta a ottenere interessi e rivalutazione monetaria sul massimale di polizza, e cioè di quelle richieste qualificabili in termini di responsabilità da mala gestio c.d. impropria.

10 Mette conto sul punto evidenziare che la Corte d’appello, determinata in Euro 230.961,11 la somma che, all’attualità, andava liquidata al M. (somma pari al 50% di quella che doveva, in tesi, essergli riconosciuta per danno biologico, invalidità temporanea assoluta e parziale, danno morale, spese mediche, riduzione della capacità di guadagno), ha ritenuto che Fondiaria SAI, tenuta a versare il solo massimale vigente all’epoca del sinistro, ammontante a lire 200.000.000 (e cioè a Euro 103.291,31), nulla dovesse più corrispondere all’infortunato, posto che Ambra gli aveva pagato, nel corso del giudizio, lire 100.000.000 che, rapportati al momento della pronuncia, risultavano pari a Euro 146.777,31.

Segnatamente il giudice d’appello ha motivato l’esito negativo dello scrutinio in ordine alla debenza di interessi e svalutazione sul massimale di polizza, in base al rilievo che, durante il termine di sessanta giorni dal ricevimento della lettera di messa in mora, la società assicuratrice non aveva avuto la disponibilità di tutti gli elementi necessari alla valutazione della dinamica del sinistro e della incidenza della condotta dei vari guidatori in esso coinvolti.

11 A fronte di tale percorso motivazionale, ritiene il collegio che le critiche dell’impugnante colgano nel segno laddove attaccano l’esclusione della mala gestio della società assicuratrice nei confronti del danneggiato. È sufficiente al riguardo evidenziare l’assoluta apoditticità dell’assunto secondo cui la corresponsione della somma di lire 100.000.000 a distanza di ben tre anni e due mesi dall’incidente, in luogo dei sessanta giorni all’epoca previsti dalla legge, era giustificata dalle modalità del sinistro, laddove, a ben vedere, l’eziologia dello stesso, non meno che l’entità dei pregiudizi che ne sono derivati, sono stati ricostruiti dalla Corte d’appello sulla base di emergenze istruttorie sicuramente disponibili a distanza di pochissimo tempo dall’incidente, di talché non si vedono le ragioni degli indugi frapposti dalla compagnia assicuratrice. L’insufficiente approccio della Corte d’appello con i principi che governano la materia della mala gestio c.d. impropria si è tradotto in un vero e proprio error iuris che andrà emendato in sede di rinvio, posto che il massimale andrà maggiorato di interessi e svalutazione monetaria nei sensi innanzi precisati, con conseguente ricalcolo delle somme dovute al M. , tenendo conto di quanto dallo stesso già ricevuto.

12 Passando quindi all’esame del ricorso incidentale, nell’unico motivo Ambra Assicurazioni s.p.a. denuncia omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione in ordine al riconoscimento, in favore del M. , dell’importo di Euro 230.198,28, a titolo di danno patrimoniale da ridotta capacità lavorativa specifica, in mancanza di qualsivoglia accertamento, in concreto, che il soggetto leso svolgesse – o presumibilmente in futuro avrebbe svolto – un’attività produttiva di reddito.

13 Anche tali critiche sono destituite di ogni fondamento. Il giudice di merito, considerata l’elevata percentuale di invalidità permanente riportata dal M. , ha ritenuto sostanzialmente pacifico che la capacità lavorativa specifica dello stesso avesse subito una notevole riduzione. Tenuto quindi conto dello stato di disoccupazione dell’infortunato al momento del sinistro, ha fatto ricorso al criterio del triplo dell’ammontare annuo dell’assegno sociale, con applicazione, per il periodo successivo, del coefficiente di capitalizzazione di cui alle tabelle allegate al R.D. n. 1043 del 1922, corrispondente all’età dell’attore alla data della sentenza di primo grado. Ora, la scelta decisoria operata è conforme alla consolidata giurisprudenza di questa Corte la quale, pur ribadendo che, benché il grado di invalidità di una persona determinato dai postumi permanenti di una lesione all’integrità psico-fisica dalla medesima subita non si riflette automaticamente né tanto meno nella stessa misura sulla riduzione percentuale della capacità lavorativa specifica e quindi di guadagno dell’infortunato, costantemente afferma che, nei casi in cui l’elevata percentuale di invalidità permanente rende altamente probabile, se non addirittura certa, la menomazione della capacità lavorativa specifica e il danno che necessariamente da essa consegue, il giudice può procedere all’accertamento presuntivo della predetta perdita patrimoniale, liquidando questa specifica voce di danno con criteri equitativi (cfr. Cass. civ. 25 gennaio 2008, n. 1690; Cass. civ. 11 maggio 2007, n. 10831; Cass. civ. 7 novembre 2005, n. 21497).

Ne deriva che il ricorso incidentale deve essere integralmente rigettato.

 

P.Q.M.

 

La Corte, pronunciando sui ricorsi riuniti, accoglie il secondo motivo di ricorso, nei sensi di cui in motivazione; rigetta gli altri motivi e il ricorso incidentale; cassa la sentenza impugnata in relazione al motivo accolto e rinvia anche per le spese del giudizio di legittimità alla Corte d’appello di Roma in diversa composizione.

  1. Avvocato testamento Bologna RAVENNA MODENA RIMINI ROVIGO PADOVA Studio Legale eredità avvocato Sergio Armaroli esperto

 

 

  1. Avvocato testamento Bologna – avvocato Sergio Armaroli opera in DA CHI MI DEVO RECARE PER IMPUGNARE UN TESTAMENTO?

 

 

  1. INVALIDITA’ DEL TESTAMENTO E CASI D’ IMPUGNAZIONE

 

  1. Eredità: cos’è la legittima e la disponibile. I termini per impugnare il …
  2. Eredità e Donazioni: Domande Frequenti –

 

 

  1. Avvocato a Bologna – Avvocato Sergio Armaroli Studio Legale Bologna

 

  1. Chiedi consulenza ad un avvocato divorzista per porre fine al matrimonio o per … legittima erede, divisione ereditaria, Impugnazione testamento

 

 

  1. come impugnare testamento olografo come impugnare testamento …

 

  1. Testamento olografo – Diritti e Risposte

 

  1. Il testamento è un atto con il quale ciascuno può disporre, per il tempo in cui avrà … terzo (per esempio un notaio o un avvocato a cui il testatore si sia rivolto per una … L’azione di impugnazione di un testamento nullo può essere promossa da  …

 

 

  1. impugnazione testamento avvocati Bologna-impugnazione
  2. Sergio Armaroli
  3. impugnazione testamento avvocati Bologna-impugnazione testamento avvocati ravenna-impugnazione testamento avvocati Rovigo

 

  1. Impugnazione del testamento e della donazione
  2. Impugnazione testamento, divisione, successione, donazione. … Tali norme prevedono l’impugnazione del testamento per vizi che ne determinano la nullità

 

 

 

  1. Impugnare il testamento della madre con ricorso al tribunale civile

 

  1. Impugnare il testamento della madre con ricorso al tribunale civile. … Consulenti – Avvocati

 

  1. Azioni a tutela dell’eredità: azione di riduzione e petizione ereditaria

 

 

  1. Nell’ipotesi di lesione della quota di legittima ad essi spettante, il legislatore … di donazioni, oppure in caso di testamento, si ha una lesione della legittima. In tal caso, per reintegrare la quota di legge occorre esercitare l’azione di riduzione, prevista dagli artt. …. L’impugnazione della rinuncia all’eredità da parte dei creditori.

 

 

 

  1. Eredità: cos’è la legittima e la disponibile. I termini per impugnare il Testamento

 

 

 

  1. Il testamento non può disporre di tutti i beni del soggetto deceduto: una … in caso di esclusione o di lesione della propria quota di legittima, …
  2. Impugnare il testamento della madre con ricorso al tribunale civile

 

  1. Lesione diritto alla quota di legittima. … Mia madre morta nel 2010 lascio per testamento pubblico tutta la sua proprietà a mia figlia, con la …

 

 

 

  1. Le domande più frequenti in materia di testamento e successione ereditaria … essendo redatto dal privato è più facile che sia impugnato per lesione delle … (o danneggiati dalla stessa) di incassare la propria quota così detta di legittima.

 

 

  1. LE AZIONI DI TUTELA NEI CASI DI LESIONE DELLA QUOTA LEGITTIMAdi disposizione, o donazioni, ovvero in caso di testamento, si ha una lesione della legittima. … Pertanto, la legge consente al legittimario di impugnare non solamente le …. Il legittimario pretermesso può agire per la divisione di eredità solo dopo, …

 

  1. INVALIDITA’ DEL TESTAMENTO E CASI D’ IMPUGNAZIONE

 

 

  • La capacità di disporre e di ricevere per testamento: limiti e criticità. La successione ereditaria può essere legittima o testamentaria, a seconda che sia regolata … è leso in virtù del perfezionamento dell’atto (come accade ordinariamente per
  1. Quota di legittima – TestamentoeSuccessione

 

  1. … Donazione · Impugnazione del testamento Leggi, norme e regolamenti … La quota di legittima è quella porzione di eredità di cui il testatore non può disporre … né mortis causa (cd. quota indisponibile o riserva) in quanto spettante per legge … o di donazioni, oppure in caso di testamento, si ha una lesione della legittima.
  2. Prescrizione dell’azione di riduzione
  3. Prescrizione dell’azione di riduzione: Non esistono norme specificamente … Queste notazioni costituiscono la base per intendere l’opposto orientamento, … della pubblicazione del testamento lesivo della porzione legittima (Cass. … volontà testamentarie e di decidere se promuovere o meno l’impugnativa.
  4. Per quanto riguarda la successione del coniuge a lui spetta: …. di terzi o di alcuni soltanto dei legittimari oppure con lo stesso testamento abbia leso i diritti … Per stabilire si vi sia stata lesione di legittima, occorre tener conto anche dei legati

 

  1. Eredità: cos’è la legittima e la disponibile. I termini per impugnare il …
  2. Il testamentonon può disporre di tutti i beni del soggetto deceduto: una … in caso di esclusione o di lesione della propria quota di legittima, …
  3. Quota di legittima – TestamentoeSuccessione
  4. La quota di legittimaè quella porzione di eredità di cui il testatore non può … né mortis causa (cd. quota indisponibile o riserva) in quanto spettante per legge a … o di donazioni, oppure in caso di testamento, si ha una lesione della legittima.
  5. Azioni a tutela dell’eredità: azione di riduzione e petizione ereditaria
  6. Quando la quota di legittimaviene violata dal de cuius, per effetto di atti di disposizione, o didonazioni, oppure in caso di testamento, si ha una lesione della …
  7. CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. II CIVILE – SENTENZA 15 maggio …
  8. Lesionedella quota di legittima … nel testamento malgrado la formale dichiarazione del testatore di avere già … che il curatore fallimentare era legittimato all’azione di riduzione per lesione della legittima per i poteri che la …
  9. Il testamentopuò essere olografo o per atto di … essendo redatto dal privato è più facile che sia impugnato per lesione delle quote riservate … e nel caso in cui ciò accada potranno impugnare iltestamento (o le donazioni fatte in vita). … (o danneggiati dalla stessa) di incassare la propria quota così detta di legittima.
  10. Posso impugnare un testamento se la legittima non è stata rispettata …
  11. Peresperire l’ azione di riduzione e impugnare il testamento per lesione della quota di legittima bisogna essere eredi legittimari e non …
  12. Successione dei figli, estromissione di un figlio, violazione quota …
  13. Successione dei figli, estromissione diun figlio, violazione quota … esclusa puòimpugnare il testamento per violazione di legittima ex art.
  14. Testamento olografo e lesione legittima
  15. lesionelegittima
  16. C?e? stata una violazione della parte dieredita? legittima? … Ci sono dei termini per poter chiedere lannullamento dal momento della pubblicazione del … Nel caso si potesse impugnare il testamento chi tra genitore e sorella deve farlo?
  17. Si tratta diquesto: vorrei sapere se è possibile impugnare un … adesso puoi fare per recuperare la quota di legittima lesa dal testamento pubblico di tuo nonno. Intanto occorre ben valutare di quant’è la lesione di legittima .
Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» GRAVE INCIDENTE INCIDENTE MORTALE FONDO VITTIME STRADA DANNEGGIATI RISARCIMENTO BOLOGNA VICENZA ROVIGO RAVENNA CESENA RIMINI Va ribadito, al contrario, che “la vittima di un sinistro stradale causato da un veicolo non identificato non ha alcun obbligo, per ottenere il risarcimento da parte dell’impresa designata per conto del Fondo di garanzia vittime della strada, di presentare una denuncia od una querela contro ignoti,

» MEDICINA ESTETICA Responsabilità civile – Responsabilità medica – Prestazione d’opera professionale – Attività medico-chirurgica – Dovere di informazione – Omissione – Diritto alla salute – Consenso informato – Fattispecie (Cost. 13, 32; C.c. 1175, 1337, 1338, 1375, 2043, 2236)

» ART 2054 CODICE CIVILE Il conducente di un veicolo senza guida di rotaie è obbligato a risarcire il danno prodotto a persone o a cose dalla circolazione del veicolo, se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno Nel caso di scontro tra veicoli si presume, fino a prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia concorso ugualmente a produrre il danno subito dai singoli veicoli.

» PEDONE INVESTITO RISARCIMENTO ,INFORTUNISTICA STRADALE

» MALA GESTIO ASSICURAZIONE : che in tema di assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore, va distinta l’obbligazione diretta dell’assicuratore nei confronti del danneggiato, da quella dell’assicuratore stesso nei confronti del danneggiante-assicurato e va, conseguentemente, distinta l’eventuale ipotesi di responsabilità relativa al primo rapporto (mala gestio c.d. impropria), da quella riconducibile ai rapporti assicuratore-assicurato (mala gestio c.d. propria).

» DANNO ESISTENZIALE AI GENITORI PER DANNO DA PARTO-Il danno da perdita del rapporto parentale, o danno dei famigliari per morte del congiunto Art. 2059. Danni non patrimoniali. Il danno non patrimoniale deve essere risarcito solo nei casi determinati dalla legge.

» risarcimento assicurazione per incidente mortale-risarcimento danni incidente stradale passeggero-risarcimento danni gravi sinistri della strada

» 3 Chiunque, abbandonando il domicilio domestico [452, 1432, 146 c.c.], o comunque serbando una condotta contraria all’ordine o alla morale delle famiglie, si sottrae agli obblighi di assistenza inerenti alla potestà dei genitori (1) [147, 316 c.c.]o alla qualità di coniuge [143, 146 c.c.], è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa da 103 euro a 1.032 euro.

» INCIDENTI, INCIDENTI MORTALI, Infortunistica stradale a Asti,Bologna.Vercelli :chiama lo studio Avv Sergio Armaroli

» PEDONE MORTE, IL PEDONE HA SEMPRE RAGIONE ?AVVOCATO RISARCIMENTO PEDONE!!!

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» Successione ereditaria Bologna erede pretermesso Bologna , testamento, azione di riduzione Con la sentenza n. 24755 del 4 dicembre 2015, la Corte di Cassazione adita con ricorso dalle figlie, ha affermato che “il principio di intangibilità della legittima comporta che i diritti del legittimario debbano essere soddisfatti con beni o denaro provenienti dall’asse ereditario, con la conseguenza che l’eventuale divisione operata dal testatore contenente la disposizione per la quale le ragioni ereditarie di un riservatario debbano essere soddisfatte dagli eredi tra cui è divisa l’eredità’ mediante corresponsione di somma di denaro non compresa nel relictum è’ affetta da nullità ex art. 735, primo comma, cod. civ.”

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA FAENZ ALUGO IMOLA Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti)

» AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI RIMINI CESENA RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI I conviventi di fatto possono disciplinare i rapporti patrimoniali relativi alla loro vita in comune con la sottoscrizione di un contratto di convivenza. 51. Il contratto di cui al comma 50, le sue modifiche e la sua risoluzione sono redatti in forma scritta, a pena di nullita’, con atto pubblico o scrittura privata con sottoscrizione autenticata da un notaio o da un avvocato che ne attestano la conformita’ alle norme imperative e all’ordine pubblico.

» DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA FAENZA RIMINI AVVOCATO DIVORZIO CHIAMA SUBITO COSA ASPETTI? Corte Costituzionale Sentenza 9 – 11 febbraio 2015, n. 11 Presidente Criscuolo – Redattore Morelli Sentenza

» EREDE QUOTA PRELAZIONE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA PADOVA, RAVENNA RIMINI CESENA FORLI QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TRIB ROVIGO CONCORDATO PREVENTIVO COLLABORAZIONE TRA IMPRENDITORE E COMMISSARI –AVVOCATO PER CONCORDATO PREVENTIVO osservato come l’orientamento espresso dalla Suprema Corte in altra sede conforti il principio espresso di necessaria collaborazione tra l’imprenditore e i commissari (“il termine fissato dal tribunale, ai sensi dell’art. 163 l.fall., per il deposito della somma che si presume necessaria per l’intera procedura ha carattere perentorio, atteso che la prosecuzione di quest’ultima richiede la piena disponibilità, da parte del commissario, dell’importo a tal fine destinato e questa esigenza può essere soddisfatta soltanto con la preventiva costituzione del fondo nel rispetto del predetto termine, da considerarsi quindi improrogabile, con conseguente inefficacia del deposito tardivamente effettuato” Cass. 21 aprile 2016, n. 8100; conf. Cass., 23 settembre 2016, n. 18704, Cass., 22 novembre 2012, n. 20667)

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TESTAMENTO EREDE ESTROMESSO ,COME RISOLVERE, AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA RAVENNA MODENA ROVIGO RIMINI CESENA FORLI il principio di intangibilità della legittima comporta che i diritti del legittimario debbano essere soddisfatti con beni o denaro provenienti dall’asse ereditario, con la conseguenza che l’eventuale divisione operata dal testatore contenente la disposizione per la quale le ragioni ereditarie di un riservatario debbano essere soddisfatte dagli eredi tra cui è divisa l’eredità’ mediante corresponsione di somma di denaro non compresa nel relictum è’ affetta da nullità ex art. 735, primo comma, cod. civ.”

» SPOSARSI E’ FACILE E’ SEPARARSI E DIVORZIARE CHE E’ DIFFICILE AVVOCATO MATRIMONIALISTA DIVORZISTA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI

» CONCORDATO PREVENTIVO AVVOCATO PER RICHIESTA CONCORDATO DELLE SPA ex art. 161, comma 6, la domanda di concordato deve essere dichiarata inammissibile dal tribunale, ai sensi della L. Fall., art. 162, comma 2 Va tuttavia considerato, sotto un primo profilo, che, poiché rispetto al medesimo imprenditore ed alla medesima insolvenza il concordato non può che essere unico, qualora la procedura di concordato sia pendente non è configurabile un’ulteriore domanda di ammissione avente carattere di autonomia (cfr. Cass. n. 495/015), a meno che da quest’ultima non si desuma l’inequivoca volontà del proponente (pur se non espressa con formule sacramentali) di rinunciare a quella in precedenza depositata.

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna