Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

RESPONSABILITA’ AGENZIE IMMOBILIARI VERSO ACQUIRENTE, RISARCIMENTO DANNI

aafotocaricare4AGENZIA IMMOBILIARE, ACQUIRENTE IMMOBILE, RESPONSABILITA’ DOVERI AGENZIA

INFORMATI PRIMA DI FARE UNA PROPOSTA IN AGENZIA 

Agenzia immobiliare responsabile riconoscendola colpevole di aver violato l’obbligo imposto dalla legge al mediatore di verificare tutte le informazioni a lui note e comunque acquisibili con l’uso della diligenza professionale. Ha affermato anche il principio secondo cui il mediatore non puo’ limitarsi a trasmettere informazioni non verificate. Pertanto, condannava la (OMISSIS) al risarcimento dei danni oltre che alle spese.

Ti rivolgi a un’agenzia immobiliare?

Sai che la stessa deve tutelarti?

 

Questi i principi della sentenza della Suprema Corte

a) il mediatore professionale e’ tenuto all’obbligo di verificare tutte le informazioni a lui note e comunque acquisibili con l’uso della diligenza professionale del caso;

b) il mediatore professionale non puo’ limitarsi a trasmettere informazioni non verificate, o peggio che si e’ rifiutato di verificare;

c) in caso di inadempimento la colpa presunta e incombe sul mediatore l’onere di provare o l’inesistenza dell’inadempimento o l’inimputabilita’ a se del medesimo.

Oggi non basta piu’ che l’agenzia metta in contatto le parti ma deve verificare le informazioni a lui note e trasmetterle all’aquirente

 

AFOTOGRAFICA1Se non lo fa vi è una responsabilita’ dell’agenzia!!!

Poniamo il caso ricorrente che un acquirente inesperto si rivolga all’agenzia immobiliare e voglia comprare un immobile ,questo dovrà essere tutelato dall’Agenzia il cui ocmpito non è solo quello di vendergli l’immobile ma di dare all’acquirente tutte le informazioni in suo possesso ,come ad esempio che il venditore è un’impresa e che versa in cattive acque, o che sull’immobile vi è una causa con una citazione trascritta, o che il venditore ha pendenze con l’equitalia e la stessa ha iscritto ipoteche ecce ecc

Suprema Corte di Cassazione

sezione III

sentenza 10 aprile 2015, n. 7178

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SALME’ Giuseppe – Presidente

Dott. VIVALDI Roberta – Consigliere

Dott. AMBROSIO Annamaria – Consigliere

Dott. FRASCA Raffaele – Consigliere

Dott. PELLECCHIA Antonella – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 11113/2011 proposto da:

(OMISSIS) (OMISSIS), elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentata e difesa dall’avvocato (OMISSIS), giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

(OMISSIS) o (OMISSIS) (OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato (OMISSIS) giusta procura a margine del controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 338/2010 della CORTE D’APPELLO di TORINO, depositata il 10/03/2010 R.G.N. 503/2008;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 09/12/2014 dal Consigliere Dott. ANTONELLA PELLECCHIA;

udito l’Avvocato (OMISSIS) per delega;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. FINOCCHI GHERSI Renato, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1. Nel marzo 2006, (OMISSIS) convenne in giudizio (OMISSIS), titolare dell’agenzia (OMISSIS) di (OMISSIS), nella sua qualita’ di mediatore professionista, ritenendola responsabile dei danni subiti per aver omesso informazioni, o fornito informazioni incomplete o inveritiere, in merito alla sicurezza dell’affare, violando i doveri di cui all’articolo 1759 c.c.. Sostenne che nel (OMISSIS) sottoscrisse nei locali dell’agenzia, la promessa di acquisto di un immobile, sito in (OMISSIS). La promessa fu redatta di pugno dalla titolare dell’agenzia, riportava l’indicazione del conferimento di procura speciale generale da parte dei proprietari al sig. (OMISSIS), indicava il prezzo prevedendo come compenso a titolo di mediazione il 3% piu’ Iva. Nella proposta di acquisto, alla voce descrizione dell’immobile, c’era la dicitura libera da ipoteche per l’atto notarile. Alla sottoscrizione della promessa di acquisto, il (OMISSIS) verso’ un primo acconto di euro 10.000. Il (OMISSIS), sempre nei locali dell’agenzia e con atto redatto dalla titolare dell’agenzia il sig. (OMISSIS), nella sua qualita’ di procuratore speciale generale dei proprietari, e il signor (OMISSIS) sottoscrissero la promessa di vendita. Con l’occasione l’acquirente, provvide a saldare anche la provvigione del mediatore per euro 3000. Nella promessa di vendita si diede atto che il rogito notarile sarebbe stato effettuato entro il mese di (OMISSIS) e che la somma di euro 30.000 gia’ versata era da considerarsi caparra confirmatoria, e che l’immobile promesso in vendita sarebbe stato trasmesso libero da pesi e vincoli ipoteche trascrizioni pregiudizievoli e quant’altro.

Il rogito non e’ mai stato stipulato perche’ l’immobile il (OMISSIS) fu venduto all’asta a seguito di una procedura esecutiva promossa da (OMISSIS) SNC.

Il Tribunale di Torino con sentenza n. 172/2008 respinse la domanda attore sostenendo che fra gli obblighi del mediatore non rientrasse, in mancanza di specifico incarico, quello di svolgere indagini tecnico-giuridiche. Condanno’ parte attrice a rifondere le spese del giudizio.

2. La decisione e’ stata riformata, con sentenza n. 338, del 10 marzo 2010, della Corte d’Appello di Torino. La Corte ha ritenuto, a differenza del giudice di prime cure, la responsabilita’ dell’appellata riconoscendola colpevole di aver violato l’obbligo imposto dalla legge al mediatore di verificare tutte le informazioni a lui note e comunque acquisibili con l’uso della diligenza professionale. Ha affermato anche il principio secondo cui il mediatore non puo’ limitarsi a trasmettere informazioni non verificate. Pertanto, condannava la (OMISSIS) al risarcimento dei danni oltre che alle spese.

3. Avverso tale decisione, la signora (OMISSIS) propone ricorso in Cassazione sulla base di tre motivi.

3.1 Resiste con controricorso il (OMISSIS).

MOTIVI DELLA DECISIONE

4.1 Con il primo motivo, la ricorrente deduce “la violazione e falsa applicazione degli articoli 1759, 1175, 1176 e della disciplina dettata dalla Legge n. 39 del 1989, omessa insufficiente e o contraddittoria motivazione su punti decisivi della controversia in relazione all’articolo 360 c.p.c., nn. 3 e 5″.

Lamenta la (OMISSIS) che la corte d’appello di Torino ha errato perche’ dopo aver premesso che tra le parti del presente giudizio era stato concluso un vero proprio contratto di mediazione ha affermato la responsabilita’ dell’odierna ricorrente per aver quest’ultima violato gli obblighi stabiliti per il mediatore dall’articolo 1759 c.c.. Ha poi riportato una serie di principi giurisprudenziali conformi nell’affermare che nell’attuale sistema normativo il mediatore e’ un operatore specializzato e come tale e’ tenuto nello svolgimento della sua attivita’, ad osservare la diligenza qualificata richiesta all’operatore professionale. Ma, sostiene la ricorrente, la sentenza ha omesso nella motivazione di rapportare il comportamento concretamente tenuto dal mediatore alle regole in base alle quali ha dichiarato di voler decidere la controversia.

Il motivo e’ infondato.

La Corte d’Appello non e’ incorsa nel vizio lamentato dalla ricorrente. Nella sentenza impugnata sono elencati in modo dettagliato i principi ed il contenuto degli obblighi del mediatore che si desumono dagli articoli del codice civile e dalla giurisprudenza, che cosi’ sintetizza:

a) il mediatore professionale e’ tenuto all’obbligo di verificare tutte le informazioni a lui note e comunque acquisibili con l’uso della diligenza professionale del caso;

b) il mediatore professionale non puo’ limitarsi a trasmettere informazioni non verificate, o peggio che si e’ rifiutato di verificare;

c) in caso di inadempimento la colpa presunta e incombe sul mediatore l’onere di provare o l’inesistenza dell’inadempimento o l’inimputabilita’ a se del medesimo.

Dopodiche’ il giudice del merito, con motivazione congrua, ha applicato tali principi alla fattispecie concreta, e sulla base della valutazione delle prove emerse nel corso del giudizio ha verificato l’effettiva violazione di tali principi (v. pag. 23 e 24 della sentenza) da parte della ricorrente.

4.2. Con il secondo motivo, la ricorrente lamenta la “violazione e falsa applicazione degli articoli. 1218, 1176 e 2043 c.c.) articolo 1703 c.c., articolo 1362 c.c. e segg.; vizio di omessa e/o contraddittoria motivazione in relazione a un punto decisivo della controversia in relazione all’articolo 360 c.p.c., nn. 3 e 5″.

La Corte territoriale ha errato perche’ ha ritenuto che, avendo il (OMISSIS) agito per il risarcimento del danno da inadempimento contrattuale, doveva presumersi la colpa della signora (OMISSIS), sulla quale gravava l’onere della prova liberatoria. Quindi, la corte d’appello, prima di giungere a tale conclusione, avrebbe dovuto valutare se, nel caso di specie, esisteva un rapporto contrattuale tra il Sig. (OMISSIS) e la (OMISSIS). Solo, infatti, l’esistenza di tale rapporto contrattuale, e non la mera qualificazione della domanda da parte del Sig. (OMISSIS), avrebbe permesso l’applicazione delle regole probatorie di cui all’articolo 1218 c.c..

Anche tale motivo e’ infondato.

A parte il fatto che la natura contrattuale del rapporto non e’ mai stata contestata dalla ricorrente e che tale questione viene proposta per la prima volta in Cassazione e pertanto e’ inammissibile. Ma in ogni caso, come gia’ detto, il giudice dell’appello ha enunciato i principi rilevanti cui si deve attenere il mediatore. Nel caso di specie, ha poi ritenuto che la ricorrente sia incorsa nella violazione delle regole di condotta cui si sarebbe dovuta attenere non assolvendo, altresi’, l’onere della prova liberatoria che le spettava, ai sensi dell’articolo 1218 c.c.. Pertanto il giudice della Corte territoriale ha con motivazione congrua logica e conseguente, ritenuto sussistere l’inadempimento cui ha fatto seguito il risarcimento del danno.

4.3. Con il terzo motivo, la ricorrente deduce “illegittima valutazione dei mezzi di prova”.

Lamenta il ricorrente che ha errato il giudice di merito nel non ammettere le richieste istruttorie gia’ formulate nel primo grado di giudizio con la memoria depositata.

Il motivo e’ inammissibile laddove prospetta, in maniera generica ed attraverso una superficiale esposizione della vicenda, una serie di questioni di fatto tendenti ad ottenere dalla Corte di legittimita’ una nuova e diversa valutazione del merito della controversia.

Infatti e’ principio consolidato di questa Corte che con la proposizione del ricorso per Cassazione, il ricorrente non puo’ rimettere in discussione, contrapponendone uno difforme, l’apprezzamento in fatto dei giudici del merito, tratto dall’analisi degli elementi di valutazione disponibili ed in se’ coerente. L’apprezzamento dei fatti e delle prove, infatti, e’ sottratto al sindacato di legittimita’, dal momento che nell’ambito di detto sindacato, non e’ conferito il potere di riesaminare e valutare il merito della causa, ma solo quello di controllare, sotto il profilo logico formale e della correttezza giuridica, l’esame e la valutazione fatta dal giudice di merito, cui resta riservato di individuare le fonti del proprio convincimento e, all’uopo, di valutare le prove, controllarne attendibilita’ e concludenza e scegliere, tra le risultanze probatorie, quelle ritenute idonee a dimostrare i fatti in discussione (Cass. 7921/2011).

6. Le spese del giudizio di legittimita’ seguono la soccombenza.

P.Q.M.

la Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento del presente giudizio di legittimita’ in favore del controricorrente che liquida in complessivi euro 5.500, di cui euro 200 per esborsi, oltre accessori di legge e spese generali.

Avvocato per preliminare acquisto casa
Avvocato per preliminare acquisto casa tra privati
Avvocato per preliminare acquisto casa in costruzione
Avvocato per preliminare acquisto casa fac simile
Avvocato per preliminare acquisto casa da costruttore
Avvocato per preliminare acquisto casa notaio
Avvocato per preliminare acquisto casa registrazione
Avvocato per preliminare acquisto casa con mutuo
Avvocato per preliminare acquisto casa su carta
Avvocato per preliminare affitto casa
preliminare casa cosa sapere
Avvocato per preliminare casa consigli
preliminare casa caparra
Avvocato per preliminare compravendita casa
Avvocato per preliminare compravendita casa tra privati
Avvocato per preliminare compravendita casa costruzione
preliminari compravendita casa
preliminare casa in costruzione
preliminare acquisto casa con mutuo
Avvocato per preliminare acquisto casa caparra
Avvocato per casa preliminare di vendita
Avvocato per preliminare acquisto casa da costruttore
Avvocato per preliminare acquisto casa dal notaio
Avvocato per preliminare vendita casa da privato
Avvocato per acquisto casa preliminare di vendita
Avvocato per preliminare acquisto prima casa da costruttore
Avvocato per preliminare acquisto prima casa da privato
Avvocato per preliminare di vendita della casa

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» AZIONE POSSESSORIA AVVOCATO CIVILISTA BOLOGNA AVVOCATO BOLOGNA SERGIO ARMAROLI L’azione di reintegrazione Ai sensi dell’art. 1168, c. 1°, c.c., “chi è stato violentemente od occultamente spogliato del possesso, può, entro l’anno dal sofferto spoglio, chiedere contro l’autore di esso la reintegrazione del possesso medesimo”.

» CORTE DI CASSAZIONE, SEZIONI UNITE – SENTENZA 4 settembre 2012, n.14828 – Pres. Vittoria – est. D’Ascola il potere del giudice di dichiarare d’ufficio la nullità di un contratto ex art. 1421 c.c. va coordinato col principio della domanda fissato dagli art. 99 e 112 c.p.c.,

» MUTUO,CONTRATTO ABUSIVO, NO AL DECRETO INGIUNTIVO O PIGNORAMENTO LO DICE LA CORTE DI GIUSTIZIA : 5 L’articolo 7 della direttiva 93/13 così recita: «1. Gli Stati membri, nell’interesse dei consumatori e dei concorrenti professionali, provvedono a fornire mezzi adeguati ed efficaci per far cessare l’inserzione di clausole abusive nei contratti stipulati tra un professionista e dei consumatori.  

» LIBRO QUINTO DEL LAVORO TITOLO I DELLA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA’ PROFESSIONALI

» DELLA PROPRIETA’ Dei beni in generale

» LIBRO SECONDO DELLE SUCCESSIONI TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SULLE SUCCESSIONI CAPO I Dell’apertura della successione, della delazione e dell’acquisto dell’eredità Art. 456 Apertura della successione La successione si apre al momento della morte (Cod. Civ. 4, 58 e seguenti), nel luogo dell’ultimo domicilio del defunto (Cod. Civ. 43, 45). Art. 457 Delazione dell’eredità

» LIBRO PRIMO DELLE PERSONE E DELLA FAMIGLIA TITOLO I DELLE PERSONE FISICHE

» ATTENZIONE !! MOLTA ATTENZIONE:BOLOGNA proposta acquisto casa consigli

» PRELIMINARE APPARTAMENTO BOLOGNA , PROPOSTA APPARTAMENTO BOLOGNA , CAPARRA costi preliminare acquisto casa

» CAPARRA CONFIRMATORIA,BOLOGNA PRELIMINARE IMMOBILE, FALLIMENTO VENDITORE Corte di Cassazione, I Sezione civile, sentenza 18 maggio 2015, n. 10087 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Presidente Ceccherini

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

» CASS SEZ UNITE RISARCIMENTI PUNITIVI la sentenza del 23 settembre 2008, esecutiva, della Circuit Court of the 17th Judicial Circuit for Broward Count (Florida), confermata in appello dal District Court of Appeal of the State of Florida, dell’U agosto 2010, che aveva concannato la società italiana AXO Sport spa a pagare la complessiva somma di dollari USA 1.436.136,87, oltre interessi al tasso annuo dell’11% , a seguito di procedimento giudiziario svoltosi davanti a quell’autorità;

» AVVOCATO DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA CONTRATTO PRELIMINARE SU IMMOBILE ABUSIVO In forza, allora, dell’interpretazione di questa Corte, cui il Collegio intende dare continuità, la sanzione della nullità prevista dalla L. 28 febbraio 1985, n. 47, art. 40, con riferimento a vicende negoziali relative ad immobili privi della necessaria concessione edificatoria, trova applicazione nei soli contratti con effetti traslativi e non anche con riguardo ai contratti con efficacia obbligatoria, quale il preliminare di vendita, come si desume dal tenore letterale della norma, nonchè dalla circostanza che, successivamente al contratto preliminare, può intervenire la concessione in sanatoria degli abusi edilizi commessi o essere prodotta la dichiarazione prevista dalla stessa norma, ove si tratti di immobili costruiti anteriormente al 1 settembre 1967. Ne consegue che, anche nel caso in cui il preliminare abbia ad oggetto un immobile privo della concessione edificatoria, si ritiene costituito tra le parti un valido vincolo giuridico (Cass. 19 dicembre 2013, n. 28456; Cass. 18 luglio 2011, n. 15734; Cass. 11 luglio 2005, n. 14489).

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna