Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

IMPOSSESSARSI DEL TELEFONO DELLA COMPAGNA PER LEGGERE SMS E’ REATO

IMPOSSESSARSI DEL TELEFONO DELLA COMPAGNA PER LEGGERE SMS E’ REATO

Codice Civile, trova avvocato Bologna,avvocato penalista Bologna

Codice Civile, trova avvocato Bologna,avvocato penalista Bologna

 BASTA VOLER LEGGERE CON LA FORZA IL CELLULARE DELLA PROPRIA COMPAGNA !!

NELLA COPPIA CI VUOLE FIDUCIA

Diritto Impresa

 

  1. Con sentenza in data 20/11/2012, la Corte di appello di Bari confermava la sentenza del Gup presso il
Tribunale di Barletta, in data 16/10/2006, che aveva condannato C.P. alla pena di anni due, mesi due di
reclusione ed Euro.600,00 di multa per il reati di tentata violenza privata (capo A), violazione di domicilio e
lesioni personali (capo B) e rapina (capo C).
  2. La Corte territoriale respingeva le censure mosse con l’atto d’appello, e confermava le statuizioni del
primo giudice, ritenendo accertata la penale responsabilità dell’imputato in ordine ai reati a lui ascritti ed
equa la pena inflitta.
  3. Avverso tale sentenza propone ricorso l’imputato per mezzo del suo difensore di fiducia, sollevando
quattro motivi di gravame con i quali deduce:

3.1 con riferimento al delitto di rapina, violazione di legge, contestando la sussistenza del dolo specifico non
potendosi considerare “ingiusto” il profitto morale a cui mirava l’agente che si impossessò del telefonino
della sua ex fidanzata al solo fine di far conoscere al padre di costei i messaggi che la stessa riceveva da un
altro uomo. Eccepisce, inoltre, che in sede cautelare il Tribunale del riesame aveva escluso il reato di rapina
reputando insussistente il requisito dell’ingiustizia del profitto.

3.2 con riferimento al capo B), violazione di norme processuali, avendo la persona offesa dichiarato di voler
rimettere la querela, determinando così l’estinzione del reato di lesioni personali.

avvocato penalista Bologna fotofrase nicolson

 

Suprema Corte di Cassazione

Sezione II Penale

Sentenza 10-19 marzo 2015, n. 11467

(Presidente Fiandanese – Relatore Gallo)

Ritenuto in fatto

  1. Con sentenza in data 20/11/2012, la Corte di appello di Bari confermava la sentenza del Gup presso il
Tribunale di Barletta, in data 16/10/2006, che aveva condannato C.P. alla pena di anni due, mesi due di
reclusione ed Euro.600,00 di multa per il reati di tentata violenza privata (capo A), violazione di domicilio e
lesioni personali (capo B) e rapina (capo C).
  2. La Corte territoriale respingeva le censure mosse con l’atto d’appello, e confermava le statuizioni del
primo giudice, ritenendo accertata la penale responsabilità dell’imputato in ordine ai reati a lui ascritti ed
equa la pena inflitta.
  3. Avverso tale sentenza propone ricorso l’imputato per mezzo del suo difensore di fiducia, sollevando
quattro motivi di gravame con i quali deduce:

3.1 con riferimento al delitto di rapina, violazione di legge, contestando la sussistenza del dolo specifico non
potendosi considerare “ingiusto” il profitto morale a cui mirava l’agente che si impossessò del telefonino
della sua ex fidanzata al solo fine di far conoscere al padre di costei i messaggi che la stessa riceveva da un
altro uomo. Eccepisce, inoltre, che in sede cautelare il Tribunale del riesame aveva escluso il reato di rapina
reputando insussistente il requisito dell’ingiustizia del profitto.

http://www.avvocatoabologna.it/successioni-eredita

http://www.avvocatoabologna.it/successioni-eredita

Codice Civile, trova avvocato Bologna,avvocato penalista Bologna

Difesa nel processo penale
difesa in ogni grado del processo penale , riti alternativi, patteggiamenti
Difesa nel processo penale-minorile
▼Arresto-processo per direttissima
Misure cautelari
Misure alternative alla detenzione
riti alternativi opposizione decreto penale condanna
Indagini difensive
Difesa nel processo penale
difesa in ogni grado del processo penale , riti alternativi, patteggiamenti
Difesa nel processo penale-minorile
▼Arresto-processo per direttissima
Misure cautelari
Misure alternative alla detenzione
riti alternativi opposizione decreto penale condanna
Indagini difensive
Civile, trova avvocato Bologna,avvocato penalista Bologna

3.2 con riferimento al capo B), violazione di norme processuali, avendo la persona offesa dichiarato di voler
rimettere la querela, determinando così l’estinzione del reato di lesioni personali.

3.3 sempre con riferimento al capo B), manifesta illogicità della motivazione in relazione alla ritenuta
sussistenza del reato di cui all’art. 614 cod. pen..

3.4 con riferimento al capo A), mancanza e manifesta illogicità della motivazione in quanto l’affermazione
di responsabilità per il reato di tentata violenza privata sarebbe del tutto apodittica.
Considerato in diritto

  1. Il ricorso è inammissibile in quanto basato su motivi non consentiti nel giudizio di legittimità.
  2. È manifestamente infondato il primo motivo di ricorso in punto di insussistenza del dolo specifico per il
delitto di rapina, sotto il profilo dell’assenza del requisito dell’ingiustizia del profitto. Secondo un indirizzo
consolidato e risalente di questa Corte, nel delitto di rapina il profitto può concretarsi in qualsiasi utilità,
anche solo morale, in qualsiasi soddisfazione o godimento che l’agente si riprometta di ritrarre, anche non
immediatamente, dalla propria azione, purché questa sia attuata impossessandosi con violenza o minaccia
della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene (Cass. Sez. 2, Sentenza n. 7778 del 14/02/1990 Ud.
(dep. 31/05/1990) Rv. 184507; Sez. 2, Sentenza n. 12800 del 06/03/2009 Ud. (dep. 23/03/2009) Rv.
243953). Pertanto la Corte ha ritenuto che anche il fine di ottenere “un bacio” dalla parte offesa, in cambio
della restituzione del monile sottratto, integra quell’utilità, anche solo morale, che qualifica il dolo specifico
del reato di rapina, distinguendolo dalla violenza privata (Cass. Sez. 2, Sentenza n. 49265 del 07/12/2012
Ud. (dep. 19/12/2012 ) Rv. 253848). Nel caso di specie il ricorrente riconosce di aver agito per perseguire
un’utilità di carattere morale (non patrimoniale), sottraendo il telefono cellulare alla ex fidanzata, ma
contesta il carattere “ingiusto” di tale utilità, osservando che l’azione dell’imputato è stata finalizzata
esclusivamente a dimostrare al padre della sua (ex) fidanzata, attraverso i messaggini telefonici, i
tradimenti perpetrati dalla figlia, e, dunque, l’esistenza di una relazione con un altro uomo “sicché l’intento
del prevenuto è stato quello non già di conseguire un profitto ingiusto, bensì di dimostrare al genitore della
sua ragazza l’ingiustizia e la scorrettezza del comportamento tenuto dalla figlia”.
  3. Orbene, a parere del Collegio, proprio tale riconosciuta finalità integra pienamente il requisito
dell’ingiustizia del profitto morale che l’agente voleva ricavare dall’impossessamento del telefono cellulare
della sua ex fidanzata. L’instaurazione di una relazione sentimentale fra due persone appartiene alla sfera
della libertà e rientra nel diritto inviolabile all’autodeterminazione fondato sull’art. 2 della Costituzione, dal
momento che non può darsi una piena ed effettiva garanzia dei diritti inviolabili dell’uomo (e della donna)
senza che sia rispettata la sua libertà di autodeterminazione. La libertà di autodeterminazione nella sfera
sessuale comporta la libertà di intraprendere relazioni sentimentali e di porvi termine. Nel caso di specie la
pretesa dell’agente di “perquisire” il telefono della ex fidanzata alla ricerca di messaggi ‐ dal suo punto di
vista ‐ compromettenti, assume i caratteri dell’ingiustizia manifesta proprio perché, violando il diritto alla
riservatezza, tende a comprimere la libertà di autodeterminazione della donna e si pone in prosecuzione
ideale con il reato di tentata violenza privata, di cui al capo A), avente ad oggetto il tentativo del C. di
costringere la sua ex fidanzata a riallacciare il rapporto di fidanzamento dalla stessa troncato. Non può
dubitarsi, pertanto, del requisito dell’ingiustizia del profitto (solo morale) perseguito dall’agente mediante
l’impossessamento del telefono della sua ex fidanzata.
  4. Di conseguenza può essere formulato il seguente principio di diritto: “nel delitto di rapina sussiste
l’ingiustizia del profitto quando l’agente, impossessandosi della cosa altrui (nella specie un telefono
cellulare), persegua esclusivamente un’utilità morale, consistente nel prendere cognizione dei messaggi che
la persona offesa abbia ricevuto da altro soggetto, trattandosi di finalità antigiuridica in quanto, violando il
diritto alla riservatezza, incide sul bene primario dell’autodeterminazione della persona nella sfera delle
relazioni umane”.
  5. È manifestamente infondata l’eccezione di estinzione del reato di lesioni personali per remissione di
querela, sollevata con il secondo motivo di ricorso, essendo il reato perseguibile d’ufficio in quanto
aggravato ex art. 61, n.2 cod. pen..
  6. Ugualmente inammissibili sono le censure sollevate con il terzo e quarto motivo, poiché si risolvono in
censure generiche, al limite dell’aspecificità e non scalfiscono la solidità della motivazione che ha
giustificato le conclusioni assunte dalla Corte territoriale in punto di sussistenza del reato di violazione di
domicilio e del tentativo di violenza privata.
  7. Ai sensi dell’articolo 616 cod. proc. pen., con il provvedimento che dichiara inammissibile il ricorso,
l’imputato che lo ha proposto deve essere condannato al pagamento delle spese del procedimento, nonché
‐ ravvisandosi profili di colpa nella determinazione della causa di inammissibilità ‐ al pagamento a favore
della Cassa delle ammende di una somma che, alla luce del dictum della Corte costituzionale nella sentenza
n. 186 del 2000, si stima equo determinare in Euro 1.000,00 (mille/00).

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della
somma di Euro mille alla Cassa delle ammende.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE STUDIO LEGALE BOLOGNA Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» CASS TRIBUNALE DI RIMINI RISARCIMENTO AI GENITORI MORTE FIGLIO INCIDENTE

» MOGLIE VIOLENZA SESSUALE DEL MARITO L’imputato è stato accusato di maltrattamenti e violenza sessuale in danno della propria moglie e, per tale motivo, è stato condannato in primo grado alla pena di quattro anni ed otto mesi di reclusione che la Corte d’Appello, con la sentenza impugnata, ha ridotto a quattro anni di reclusione, pur riaffermando la responsabilità dei D.F. per entrambi i reati.

» Bancarotta fraudolenta documentale – Omesso aggiornamento delle scritture contabili – Dolo generico -CORTE DI CASSAZIONE – Sentenza 16 marzo 2015, n. 11115Sussiste Ritenuto in fatto

» «ogni atto distrattivo assume rilievo ai sensi dell’art. 216 legge fall, in caso di fallimento, indipendentemente dalla rappresentazione di quest’ultimo, il quale non costituisce l’evento del reato che, invece, coincide con la lesione dell’interesse patrimoniale della massa, posto che se la conoscenza dello stato di decozione costituisce dato significativo della consapevolezza del terzo di arrecare danno ai creditori ciò non significa che essa non possa ricavarsi da diversi fattori, quali la natura fittizia o l’entità dell’operazione che incide negativamente sul patrimonio della società» (Cass., Sez. V, n. 16579 del 24/03/2010, Fiume, Rv 246879).

» BOLOGNA TRASPORTATO INCIDENTE AVVOCATO risarcimento assicurazione per incidente mortale-risarcimento danni incidente stradale passeggero-risarcimento danni gravi sinistri della strada

» BOLOGNA GUIDA STATO EBREZZA determinazione della pena e della mancata sostituzione della stessa con il lavoro di pubblica utilità.

» ART 415 BIS NESSUNA INTERRUZIONE DELLA PRESCRIZIONE CASSAZIONE SEZIONI UNITE

» 3 Chiunque, abbandonando il domicilio domestico [452, 1432, 146 c.c.], o comunque serbando una condotta contraria all’ordine o alla morale delle famiglie, si sottrae agli obblighi di assistenza inerenti alla potestà dei genitori (1) [147, 316 c.c.]o alla qualità di coniuge [143, 146 c.c.], è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa da 103 euro a 1.032 euro.

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

» CASS SEZ UNITE RISARCIMENTI PUNITIVI la sentenza del 23 settembre 2008, esecutiva, della Circuit Court of the 17th Judicial Circuit for Broward Count (Florida), confermata in appello dal District Court of Appeal of the State of Florida, dell’U agosto 2010, che aveva concannato la società italiana AXO Sport spa a pagare la complessiva somma di dollari USA 1.436.136,87, oltre interessi al tasso annuo dell’11% , a seguito di procedimento giudiziario svoltosi davanti a quell’autorità;

» AVVOCATO DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA CONTRATTO PRELIMINARE SU IMMOBILE ABUSIVO In forza, allora, dell’interpretazione di questa Corte, cui il Collegio intende dare continuità, la sanzione della nullità prevista dalla L. 28 febbraio 1985, n. 47, art. 40, con riferimento a vicende negoziali relative ad immobili privi della necessaria concessione edificatoria, trova applicazione nei soli contratti con effetti traslativi e non anche con riguardo ai contratti con efficacia obbligatoria, quale il preliminare di vendita, come si desume dal tenore letterale della norma, nonchè dalla circostanza che, successivamente al contratto preliminare, può intervenire la concessione in sanatoria degli abusi edilizi commessi o essere prodotta la dichiarazione prevista dalla stessa norma, ove si tratti di immobili costruiti anteriormente al 1 settembre 1967. Ne consegue che, anche nel caso in cui il preliminare abbia ad oggetto un immobile privo della concessione edificatoria, si ritiene costituito tra le parti un valido vincolo giuridico (Cass. 19 dicembre 2013, n. 28456; Cass. 18 luglio 2011, n. 15734; Cass. 11 luglio 2005, n. 14489).

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna