Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

EREDITA’ AZIONE DI RIDUZIONE, QUOTA LEGITTIMA- LEGGI CON ATTENZIONE E CHIAMA

EREDITA’ AZIONE DI RIDUZIONE

SE NON TI VIENE RICONOSCIUTO QUELO CHE TI SPETTA :CHIAMA

foto toga1

Lesione di legittima Lesione della qualità di erede Azione di collazione Azione di petizione ereditaria Domanda giudiziale di commutazione Azione di riduzione Assistenza alla redazione del testamento Nullità ed annullamento del testamento Nullità di legato di cose altrui Divisione Assistenza alla redazione di scrittura privata di divisioni Istanza di divisione giudiziale Assistenza alla redazione di divisione amichevole con collazione Nullità della divisione fatta nel testamento Annullamento della divisione per violenza e dolo Azione di recissione di divisione ereditaria Donazione Nullità ed annullamento di donazione Ricorso per autorizzazione ad accettare donazione in favore di un minore o di un nascituro Azione per l’inadempimento della donazione Risoluzione di donazione modale Revocazione della donazione per ingratitudine e sopravvenienza di figli A BOLOGNA SERGIO ARMAROLI Lesione di legittima Lesione della qualità di erede Azione di collazione Azione di petizione ereditaria Domanda giudiziale di commutazione Azione di riduzione Assistenza alla redazione del testamento Nullità ed annullamento del testamento Nullità di legato di cose altrui Divisione Assistenza alla redazione di scrittura privata di divisioni Istanza di divisione giudiziale Assistenza alla redazione di divisione amichevole con collazione Nullità della divisione fatta nel testamento Annullamento della divisione per violenza e dolo Azione di recissione di divisione ereditaria Donazione Nullità ed annullamento di donazione Ricorso per autorizzazione ad accettare donazione in favore di un minore o di un nascituro Azione per l’inadempimento della donazione Risoluzione di donazione modale Revocazione della donazione per ingratitudine e sopravvenienza di figli

Intanto, secondo la ricorrente, la Corte romana avrebbe errato nel ritenere che l’azione di riduzione fosse condizionata all’accettazione con beneficio di inventano dell’eredità, in quanto avrebbe disatteso il principio di diritto enunciato da questa Corte Suprema con la sentenza n. 19527 del 2005 secondo cui “Qualora il de cuius abbia integralmente esaurito in vita il suo patrimonio mediante atti di donazione, sacrificando totalmente un erede necessario, il legittimario che intenda conseguire la quota di eredità a lui riservata dalla legge non ha altra via che quella di agire per la riduzione delle donazioni lesive dei suoi diritti, giacchè, non sorgendo alcuna comunione ereditaria se non vi sia nulla da dividere, solo dopo l’esperimento vittorioso di tale azione egli è legittimato a promuovere od a partecipare alle azioni nei confronti degli altri eredi per ottenere la porzione in natura a lui spettante dell’asse ereditario”. Pertanto, sostengono le ricorrenti essendo in concreto accaduto che il de cuius si era effettivamente spogliato in vita dell’intero suo patrimonio attraverso l’atto di

 

toga

Lesione di legittima Lesione della qualità di erede Azione di collazione Azione di petizione ereditaria Domanda giudiziale di commutazione Azione di riduzione Assistenza alla redazione del testamento Nullità ed annullamento del testamento Nullità di legato di cose altrui Divisione Assistenza alla redazione di scrittura privata di divisioni Istanza di divisione giudiziale Assistenza alla redazione di divisione amichevole con collazione Nullità della divisione fatta nel testamento Annullamento della divisione per violenza e dolo Azione di recissione di divisione ereditaria Donazione Nullità ed annullamento di donazione Ricorso per autorizzazione ad accettare donazione in favore di un minore o di un nascituro Azione per l’inadempimento della donazione Risoluzione di donazione modale Revocazione della donazione per ingratitudine e sopravvenienza di figli SUCCESSIONI BOLOGNA

Lesione di legittima Lesione della qualità di erede Azione di collazione Azione di petizione ereditaria Domanda giudiziale di commutazione Azione di riduzione Assistenza alla redazione del testamento Nullità ed annullamento del testamento Nullità di legato di cose altrui Divisione Assistenza alla redazione di scrittura privata di divisioni Istanza di divisione giudiziale Assistenza alla redazione di divisione amichevole con collazione Nullità della divisione fatta nel testamento Annullamento della divisione per violenza e dolo Azione di recissione di divisione ereditaria Donazione Nullità ed annullamento di donazione Ricorso per autorizzazione ad accettare donazione in favore di un minore o di un nascituro Azione per l’inadempimento della donazione Risoluzione di donazione modale Revocazione della donazione per ingratitudine e sopravvenienza di figli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE SECONDA CIVILE
Sentenza 3 luglio 2013, n. 16635
Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. FELICETTI Francesco – Presidente –
Dott. PICCIALLI Luigi – Consigliere –
Dott. MIGLIUCCI Emilio – Consigliere –
Dott. MATERA Lina – Consigliere –
Dott. SCALISI Antonino – rel. Consigliere –
ha pronunciato la seguente:
sentenza
sul ricorso 18044/2007 proposto da:
F.L. (OMISSIS), O.A. (OMISSIS), elettivamente domiciliate in ROMA, VIA BUCCARI 3, presso lo studio dell’avvocato FORTI BRUNO, rappresentate e difese dall’avvocato CAROTTI GIULIANO;
– ricorrenti –
contro
C.G. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in ROMA, VIA MOZART 7/B, presso lo studio dell’avvocato VIVIO GIULIANO, rappresentata e difesa dall’avvocato ROMANI GUIDO;
– controricorrente –
e contro
O.E.;
– intimata –
avverso la sentenza n. 3853/2006 della CORTE D’APPELLO di ROMA, depositata il 12/09/2006;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 24/04/2013 dal Consigliere Dott. ANTONINO SCALISI;
udito l’Avvocato ROMANI Guido, difensore della resistente che ha chiesto il rigetto del ricorso;
udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. RUSSO Rosario Giovanni, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso (da sentenza 12632/95 fino a sent. n 28632/11) cassazione con rinvio.
Svolgimento del processo
O.A., F.L. e F.G., con atto di citazione del 30 giugno 1997 convenivano in giudizio davanti al Tribunale di Rieti, C.G. ed O.E. (madre di C.G.) per ivi sentire: 1) dichiarare la simulazione del contratto di compravenduta del 18 gennaio 1997 con il quale il de cuius Or.Ab. aveva venduto alla nipote C.G. tutti i propri beni, 2) accertare la lesione della legittima, 3) condannare la convenuta C.G. alla rifusione in favore degli attori dei frutti percepiti dal rogito fino all’assegnazione delle quote, 4) dichiarare sciolta la comunione ereditaria mediante la formazione delle relative quote. A sostegno di questa domanda, gli attori premettevano che in data (OMISSIS) era deceduto Or.Ab. senza lasciare testamento e, pertanto, le sue eredi legittime erano le figlie A.E. e G.; che G. era premorta, lasciando eredi legittimi la figlia F.L. e il marito Gi.; che il de cuius si era spogliato dei suoi beni alienandoli tutti alla nipote C.G. figlia di E. con atto pubblico di compravendita, che detto contratto di compravendita era apparente e dissimulante una donazione, attesa la irrisorietà del prezzo di acquisto rispetto al valore reale, lo stretto legame di parentela che legava nonno (donante) e nipote (donataria); che il de cuius al momento della stipula del contratto di cui si dice conviveva con la nipote, il de cuius al momento della stipula del contratto di compravendita già indicato aveva l’età di novantadue anni e non aveva alcun interesse ad alienare l’immobile considerato che non avrebbe avuto la possibilità di godersi il denaro ricavato, invalido e impossibilitato ad uscire di casa; che dal contratto emergeva che i tre assegni di pagamento del corrispettivo, solo apparentemente, erano stati percepiti dal vegliardo, ma, in realtà, la somma non fosse uscita dalla sfera di disponibilità dell’acquirente.
Si costituivano C.G. e O.E. eccependo, preliminarmente, il difetto di legittimazione attiva di F. G. e nel merito, contestando la fondatezza della domanda attrice. Dopo ampia istruttoria, assunto interrogatorio formale delle parti, il Tribunale di Rieti con sentenza n. 386 del 2002 dichiarava il difetto di legittimazione attiva di F.G. e respingeva la domanda degli attori. Osservava il Tribunale che le attrici chiamate all’eredità ex lege avrebbero dovuto preventivamente accettare l’eredità con beneficio di inventario, prima di esperire l’azione di riduzione di cui all’art. 564 c.c.;
chiariva che l’accettazione non era necessaria solo quando l’erede fosse pretermesso totalmente, ipotesi non configurabile nel caso concreto poichè le attrici erano eredi legittime.
Avverso tale sentenza proponevano appello O.A. e F.L. lamentando che il Tribunale non avesse tenuto conto dell’orientamento del Supremo Collegio espresso con sent. 6 agosto 1990 n. 7899 secondo cui il legittimario pretermesso dell’eredità non è tenuto alla previa accettazione con beneficio di inventario per esperire l’azione di riduzione delle donazioni e legati, derivando l’acquisto della qualità di erede soltanto dal positivo esercizio di detta azione.
Si costituivano: a) C.G. che chiedeva di respingere il gravame ed, in subordine, nel caso di accoglimento del primo motivo di appello di respingere tutte le domande proposte dalle appellanti e, in via ulteriormente subordinata, nell’ipotesi di accoglimento della domanda di simulazione e di quella conseguente di riduzione di rimettere la causa sul ruolo per determinare al porzione di disponibile, b) O.E. si rimetteva alla giustizia relativamente al motivo di appello e in merito alle domande formulate in primo grado dalle appellanti si riportava alle conclusioni rassegnate in quella sede.
La Corte di Appello di Roma con sentenza n. 3853 del 2006 respingeva l’appello. Secondo la Corte romana, richiamando l’orientamento della Corte Suprema di Cassazione di cui alla sentenza n. 10262 del 2003 nel caso in esame mancava la condizione prevista dall’art. 564 cc per l’esercizio dell’azione di simulazione di cui si dice, atteso che gli appellanti non avevano accettato l’eredità con beneficio di inventario. Per altro, non potevano ritenersi fondate le questioni riproposte con l’atto di gravame da parte degli appellanti in ordine alla loro totale pretermissione.
La cassazione di questa sentenza è stata chiesta da O. A. e F.L. per due motivi, illustrati con memoria. C.G. ha resistito con controricorso, illustrato con memoria. O.E. in questa fase non ha svolto alcuna attività giudiziale.
Motivi della decisione
1.- Con il primo motivo O.A. e F.L. lamentano la violazione ed errata applicazione dell’art. 360 c.p.c., n. 3, in relazione all’art. 564 c.c.. Il motivo è articolato su due profili che si concludono con la proposizione di due quesiti di diritto:
a) Intanto, secondo la ricorrente, la Corte romana avrebbe errato nel ritenere che l’azione di riduzione fosse condizionata all’accettazione con beneficio di inventano dell’eredità, in quanto avrebbe disatteso il principio di diritto enunciato da questa Corte Suprema con la sentenza n. 19527 del 2005 secondo cui “Qualora il de cuius abbia integralmente esaurito in vita il suo patrimonio mediante atti di donazione, sacrificando totalmente un erede necessario, il legittimario che intenda conseguire la quota di eredità a lui riservata dalla legge non ha altra via che quella di agire per la riduzione delle donazioni lesive dei suoi diritti, giacchè, non sorgendo alcuna comunione ereditaria se non vi sia nulla da dividere, solo dopo l’esperimento vittorioso di tale azione egli è legittimato a promuovere od a partecipare alle azioni nei confronti degli altri eredi per ottenere la porzione in natura a lui spettante dell’asse ereditario”. Pertanto, sostengono le ricorrenti essendo in concreto accaduto che il de cuius si era effettivamente spogliato in vita dell’intero suo patrimonio attraverso l’atto di donazione oggetto della controversia, andava conseguentemente escluso l’onere dell’accettazione con beneficio d’inventario. Concludono le ricorrenti: Dica codesta Corte Suprema tenuto conto che O. A. si è completamente spogliato in vita del suo patrimonio con il rogito del notaio Roberto Ceccarelli del 18 gennaio 1997, se le ricorrenti avessero l’onere dell’accettazione beneficiata di cu all’art. 564 cc. per incardinare l’azione di simulazione del rogito e di riduzione delle disposizioni testamentarie lesive delle loro quote legittime.
b) Assumono, ancora, le ricorrenti che la Corte di merito avrebbe errato nel ritenere che l’azione di riduzione fosse condizionata all’accettazione con beneficio di inventario dell’eredità perchè non avrebbe dato rilievo alla domanda proposta con l’atto introduttivo di simulazione dell’atto di fa compravendita dissimulante un atto mulo in quanto posto in essere in frode alle ragioni delle stesse attrici. Nel caso in esame, specificano le ricorrenti, la sentenza impugnata non avrebbe tenuto conto neppure del principio di diritto espresso da questa Suprema Corte con la sentenza n. 10262 del 2003 secondo cui non necessita l’accettazione beneficiata, allorchè venga dedotta la simulazione relativa ed il negozio dissimulato sia nullo per vizio di forma, per incapacità di uno dei soggetti o per altra causa, considerato che nel caso in esame, sempre secondo le ricorrenti, l'”raltra causa” era oggettivamente costituita dal fraudolento intento dei contraenti de cuius e nipote di frodare le ragioni delle due appellanti. Pertanto, le ricorrenti concludono formulando l’ulteriore quesito di diritto:
Dica codesta Suprema Corte se, l’aver posto in essere il negozio di compravendita tra il de cuius e la nipote C.G. al fine di frodare le ragioni delle eredi, costituisca causa idonea ad escludere l’accettazione beneficiata.
1.1.- Il motivo è fondato sotto il primo profilo, nel quale rimane assorbito il secondo.
Come questa Corte ha già avuto occasione di precisare, condizione fondamentale per chiedere la riduzione delle donazioni o delle disposizioni lesive della porzione di legittima, è soltanto quella di essere tra le persone indicate nell’art. 557 c.c., e, cioè, di rivestire la qualità di legittimario, mentre la condizione stabilita dall’art. 564, comma 1, della preventiva accettazione dell’eredità con beneficio d’inventario, vale soltanto per il legittimario che rivesta in pari tempo la qualità di erede (v. sent. 5 ottobre 1974 n. 2621). Ora, il legittimario totalmente pretermesso, proprio perchè pretermesso dalla successione, non acquista per il solo fatto dell’apertura della successione, ovvero per il solo fatto della morte del de cuius, nè la qualità di erede, nè la titolarità dei beni ad altri attribuiti: potendo acquistare i suoi diritti solo dopo l’esperimento delle azioni di riduzione o di annullamento del testamento, ovvero dopo il riconoscimento dei suoi diritti di legittimario. Come opportunamente ha evidenziato la dottrina e la giurisprudenza anche di questa Corte, una totale pretermissione del legittimario può aversi sia nella successione testamentaria, che nella successione ab intestato, il legittimario sarà pretermesso: a) nella successione testamentaria se il testatore ha disposto a titolo universale dell’intero asse a favore di altri, in base alla considerazione che, a norma dell’art. 457 c.c., comma 2, questi non è chiamato all’eredità fino a quando l’istituzione testamentaria di erede non venga ridotta nei suoi confronti, e b) nella successione ab intestato, qualora il de cuius si sia spogliato in vita dell’intero suo patrimonio con atti di donazione, considerato che per l’assenza di beni relitti, il legittimario viene a trovarsi nella necessità di esperire l’azione di riduzione a tutela della situazione di diritto sostanziale che la legge gli riconosce (in tal senso da ultimo Cass. n. 19527 del 2005). Di qui, l’ulteriore conseguenza che il legittimario pretermesso, sia nella successione testamentaria, che in quella ab intestato, che impugna per simulazione un atto compiuto dal “de cuius” a tutela del proprio diritto alla reintegrazione della quota di legittima, agisce in qualità di terzo e non in veste di erede, condizione che acquista, solo in conseguenza del positivo esercizio dell’azione di riduzione, e come tale non è tenuto alla preventiva accettazione dell’eredità con beneficio di inventario.
1.1.a).- Pertanto, posto che nel caso in esame non vi era dubbio – per essere la circostanza emersa già in primo grado e non contestata dai convenuti,- che il de cuius, Or.Ab., avesse disposto in vita del suo intero patrimonio con atto di compravendita asseritamente simulato per notaio Roberto Ceccarelli del 18 gennaio 1997, la Corte di merito avrebbe dovuto – e non lo ha fatto – considerare che O.A., quale figlia del de cuius, e F.L., in rappresentazione della madre G. figlia del de cuius, risultavano essere legittimari pretermessi dalla successione ab intestato di Or.Ab. e avrebbe dovuto, pertanto, escludere che per l’esperimento dell’azione di simulazione relativamente al contratto di compravendita del 18 gennaio 1987 preordinato al successivo eventuale esercizio dell’azione di riduzione, la necessità dell’accettazione dell’eredità di che trattasi, con

Lesione di legittima Lesione della qualità di erede Azione di collazione Azione di petizione ereditaria Domanda giudiziale di commutazione Azione di riduzione Assistenza alla redazione del testamento Nullità ed annullamento del testamento Nullità di legato di cose altrui Divisione Assistenza alla redazione di scrittura privata di divisioni Istanza di divisione giudiziale Assistenza alla redazione di divisione amichevole con collazione Nullità della divisione fatta nel testamento Annullamento della divisione per violenza e dolo Azione di recissione di divisione ereditaria Donazione Nullità ed annullamento di donazione Ricorso per autorizzazione ad accettare donazione in favore di un minore o di un nascituro Azione per l’inadempimento della donazione Risoluzione di donazione modale Revocazione della donazione per ingratitudine e sopravvenienza di figli SUCCESSIONI BOLOGNA

Lesione di legittima Lesione della qualità di erede Azione di collazione Azione di petizione ereditaria Domanda giudiziale di commutazione Azione di riduzione Assistenza alla redazione del testamento Nullità ed annullamento del testamento Nullità di legato di cose altrui Divisione Assistenza alla redazione di scrittura privata di divisioni Istanza di divisione giudiziale Assistenza alla redazione di divisione amichevole con collazione Nullità della divisione fatta nel testamento Annullamento della divisione per violenza e dolo Azione di recissione di divisione ereditaria Donazione Nullità ed annullamento di donazione Ricorso per autorizzazione ad accettare donazione in favore di un minore o di un nascituro Azione per l’inadempimento della donazione Risoluzione di donazione modale Revocazione della donazione per ingratitudine e sopravvenienza di figli

beneficio di inventario.
1.1.a).- Sotto altro profilo è contraria a diritto, per le ragioni di cui si è appena detto, l’affermazione della sentenza secondo la quale gli eredi necessari non possono essere pretermessi in mancanza di una volontà espressa da parte del de cuius, nè possono ritenersi pretermessi per la conseguenza di atti di disposizioni posti in vita dal de cuius considerato, come già si è detto, che la qualità di erede legittimo non si acquista per il solo fatto dell’apertura della successione, ovvero, per il solo fatto della morte del de cuius, almeno nelle ipotesi in cui possa identificarsi una volontà del de cuius a pretermettere i legittimari dalla successione sia essa espressa con il testamento o con atto di disposizione inter vivos con il quale, il de cuius, abbia disposto dell’intero patrimonio a favore di altri soggetti diversi dai legittimari.
2 – La fondatezza del primo motivo e la conseguente cassazione in relazione ad esso della decisione di secondo grado comporta l’assorbimento dell’esame del secondo motivo, con il quale le ricorrenti, denunciando la violazione e falsa applicazione dell’art. 360 c.p.c., n. 3, in relazione all’art. 564 c.c., censurano la sentenza impugnata nella parte in cui ha escluso che le appellanti (odierne ricorrenti) non fossero state totalmente pretermesse da Or.Ab. in quanto: a) come eredi legittimali la legge riservava loro una quota del patrimonio del defunto; b) e quali eredi necessarie perchè mancava una disposizione testamentaria che le escludeva essendo il de cuius deceduto senza testamento.
In definitiva, va accolto il primo motivo del ricorso e dichiarato assorbito il secondo, la sentenza impugnata va cassata in relazione al motivo accolto e la causa rinviata ad altra sezione della Corte di Appello di Roma la quale provvederà anche per il regolamento delle spese del presente giudizio di cassazione.
P.Q.M.
La Corte accoglie il primo motivo del ricorso nei sensi di cui in motivazione, dichiara assorbito il secondo motivo. Cassa la sentenza impugnata e rinvia la causa ad altra sezione della Corte di Appello di Roma, anche per il regolamento delle spese del presente giudizio di cassazione.
Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio della Sezione Seconda Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 24 aprile 2013.
Depositato in Cancelleria il 3 luglio 2013

– decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugaleassegno di mantenimentoassegno divorzileavvocato avvocato a bologna avvocato bologna avvocato Bologna – adozione avvocato civilista avvocato penalista Avvocato Sergio Armaroli bologna CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI casa coniugale cassazione penale colpa medica danno danno biologicodebiti diritto di famiglia diritto penaledivorzio erede eredità incidente stradale INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO incidenti INCIDENTI STRADALI INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’ INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO processo penaleresponsabilità medicarisarcimentorisarcimento danniRISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALERISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALE separazioneseparazione consensuale separazionisinistri stradali SINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI Studio Legale Studio Legale Bolognatestamento

azione di riduzione testamentaria azione di riduzione e restituzione azione di riduzione del prezzo azione di riduzione in pristino azione di riduzione e collazione azione di riduzione testamento azione di riduzione presupposti azione di riduzione prescrizione azione di riduzione donazione indiretta azione di riduzione termini azione di riduzione atto di citazione azione di riduzione azione di restituzione azione di riduzione art 553 azione di riduzione accettazione eredità azione di riduzione aventi causa azione di riduzione art azione di riduzione atto azione di riduzione altalex azione di riduzione accettazione tacita azione di riduzione asse ereditario azione di riduzione beneficio d’inventario azione di riduzione beneficio inventario azione di riduzione beni mobili azione di riduzione brocardi azione di riduzione bene immobile azione di riduzione bibliografia azione di riduzione bozza azione di riduzione beneficio azione di riduzione e beneficio d’inventario azione di riduzione stima dei beni azione di riduzione competenza territoriale azione di riduzione codice civile azione di riduzione condizioni azione di riduzione collazione azione di riduzione competenza azione di riduzione cassazione azione di riduzione citazione azione di riduzione contributo unificato azione di riduzione creditore erede azione di riduzione contro terzi azione di riduzione donazione azione di riduzione disposizioni testamentarie azione di riduzione del pignoramento azione di riduzione dell’eredità azione di riduzione del prezzo prescrizione azione di riduzione della donazione azione di riduzione della legittima azione di riduzione donazione usufrutto azione di riduzione eredità azione di riduzione e divisione ereditaria azione di riduzione e mediazione obbligatoria azione di riduzione esempio azione di riduzione e simulazione azione di riduzione e donazione indiretta azione di riduzione e accettazione con beneficio di inventario azione di riduzione e collazione differenza azione di riduzione fac simile azione di riduzione formulario azione di riduzione frutti azione di riduzione forma azione di riduzione foro competente azione di riduzione fratelli azione di riduzione fondo patrimoniale rinuncia azione di riduzione formula azione di riduzione donazione formulario azione di riduzione testamentaria formulario azione di riduzione giurisprudenza azione di riduzione giudice competente azione di riduzione giudizio azione di riduzione ipoteca giudiziale azione di riduzione natura giuridica azione di riduzione e sequestro giudiziario giurisprudenza sull’azione di riduzione fideiussione a garanzia azione di riduzione natura giuridica dell’azione di riduzione azione di riduzione ereditaria petitio hereditatis e azione di riduzione azione di riduzione ipoteca azione di riduzione interruzione della prescrizione azione di riduzione in senso stretto azione di riduzione in pristino formulario azione di riduzione in pristino competenza azione di riduzione in via surrogatoria azione di riduzione irrinunciabile azione di riduzione in surrogatoria azione di riduzione legittima azione di riduzione legittimazione attiva azione di riduzione legato azione di riduzione lesione legittima azione di riduzione legittimario pretermesso azione di riduzione litisconsorzio necessario azione di riduzione lesione legittima prescrizione azione di riduzione latino azione di riduzione legatari azione di riduzione locazione azione di riduzione modello azione di riduzione mediazione obbligatoria azione di riduzione messa in mora azione di riduzione migliorie azione di riduzione donazione modale azione di riduzione e mediazione azione di riduzione ereditaria mediazione rinuncia azione di riduzione modello azione di riduzione testamentaria modello azione di riduzione nella successione legittima azione di riduzione nelle successioni azione di riduzione natura azione di riduzione nella donazione azione di riduzione nel testamento azione di riduzione nipote azione di riduzione nei confronti del legatario azione di riduzione nelle donazioni indirette azione di riduzione nel diritto civile azione di riduzione onere della prova azione di riduzione o collazione

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» ERRORE DEL MEDICO OSPEDALE MALASANITA’ BOLOGNA CESENA LUGO RAVENNA FORLI

» separazione mantenimento separazione costi separazione tempi separazione

» ASSEGNO DI DIVORZIO BOLOGNA DIVORZIO ANCORA DIVORZIO CHIAMA SUBITO NON ASPETTARE Presupposto per il riconoscimento dell’assegno di divorzio è che il richiedente non abbia redditi adeguati e non sia in grado di procurarseli per ragioni oggettive. Non vi è dubbio che il criterio relativo alla durata del matrimonio attenga al momento successivo della quantificazione. E ciò, sia che l’inadeguatezza dei redditi venga correlata al tenore di vita goduto durante la convivenza o più in generale in costanza di matrimonio (criterio considerato, da larga parte della dottrina e da una parte della giurisprudenza, inadeguato e astratto – in quanto, in genere, la separazione e il successivo divorzio incidono negativamente sul tenore di vita di entrambi i coniugi – ed eccessivamente sanzionatorio per l’obbligato) sia che vengano in considerazioni altri criteri (ad es. un assegno che permetta una autosufficienza economica all’avente diritto, magari con alcune variabili collegate alla sua posizione economico-sociale, oltre che alle possibilità dell’obbligato): com’è noto, la L. Divorzio, art. 5 non fornisce definizione alcuna dell’inadeguatezza- dei redditi, attribuendone il contenuto all’opera della giurisprudenza.

» convivenza more uxorio con figli La convivenza “more uxorio”, quale formazione sociale che da vita ad un autentico consorzio familiare, determina, sulla casa di abitazione ove si svolge e si attua il programma di vita in comune, un potere di fatto basato su di un interesse proprio del convivente ben diverso da quello derivante da ragioni di mera ospitalità, tale da assumere i connotati tipici di una detenzione qualificata, che ha titolo in un negozio giuridico di tipo familiare. Ne consegue che l’estromissione violenta o clandestina dall’unità abitativa, compiuta dal convivente proprietario in danno del convivente non proprietario, legittima quest’ultimo alla tutela possessoria, consentendogli di esperire l’azione di spoglio”. (Cass. 7214 del 2013; conf. Cass. 7 del 2014).

» ASSEGNO DIVORZILE AVVOCATO DIVORZIO BOLOGNA AVVOCATO MATRIMONIALISTA PROVINCIA BOLOGNA assegno divorzio chi assegno divorzile a chi spetta cosa assegno divorzile cosa comprende cos’è l’assegno divorzile cosa comporta l’assegno divorzile cosa e assegno divorzile cosa significa assegno divorzile

» Δικηγόρος Sergio Armaroli – Δικηγορική Εταιρεία Μπολόνια σπίτι Άρθρα και ποινές σχετικά με μένα Πες μου blog Επαφές Ο στόχος μου; Η ικανοποίηση σας! ΠΡΟΣΚΛΗΣΗ ΤΩΡΑ !!! 051.6447838 Διαζύγιο και χωρισμός με αμοιβαία συναίνεση: το κόστος του χρόνου, καλύτερα να επιλέξετε ένα συναινετικό χωρισμό: δικηγόρος στο διαζύγιο διάρκεια συμφωνία χωρισμού Μπολόνια δικηγόρος κόστος πληρεξούσιος επιστολή συναινετικό χωρισμό διαχωρισμό δικηγόρος διαχωρισμός διαχωρισμός δικηγόρος του συναινετικού χωρισμού

» EREDE BOLOGNA AVVOCATO SUCCESSIONI TESTAMENTO AVVOCATO BOLOGNA PIEVE DI CENTO,CASTELLO D’ARGILE

» Ti spiego il Licenziamento per Giustificato Motivo Soggettivo Il giustificato motivo soggettivo si ha in presenza di “un notevole inadempimento degli obblighi contrattuali”.

» LA RIDUZIONE DELLA DONAZIONE – TRIBUNALE ALESSANDRIA –CASSAZIONE –AVVOCATO SUCCESSIONI

» Il Codice Civile Italiano LIBRO QUARTO DELLE OBBLIGAZIONI TITOLO I DELLE OBBLIGAZIONI IN GENERALE

avvocato a bologna

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna