Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

CIRCONVENZIONE DI INCAPACE Affinché possa configurarsi il reato di circonvenzione di persone incapaci, non è necessario che la vittima sia dichiarata interdetta o inabilitata ma è sufficiente che la stessa si trovi “in una minorata situazione” e sia quindi incapace in ragione dell’età avanzata o di altri fattori non patologici di “opporre alcuna resistenza a causa della mancanza o diminuita capacità critica”, oggettiva e riconoscibile da parte di tutti “in modo che chiunque possa abusarne per raggiungere i suoi fini illeciti”.

CIRCONVENZIONE DI INCAPACE Affinché possa configurarsi il reato di circonvenzione di persone incapaci, non è necessario che la vittima sia dichiarata interdetta o inabilitata ma è sufficiente che la stessa si trovi “in una minorata situazione” e sia quindi incapace in ragione dell’età avanzata o di altri fattori non patologici di “opporre alcuna resistenza a causa della mancanza o diminuita capacità critica”, oggettiva e riconoscibile da parte di tutti “in modo che chiunque possa abusarne per raggiungere i suoi fini illeciti”.CIRCONVENZIONE DI INCAPACE

Affinché possa configurarsi il reato di circonvenzione di persone incapaci, non è necessario che la vittima sia dichiarata interdetta o inabilitata ma è sufficiente che la stessa si trovi “in una minorata situazione” e sia quindi incapace in ragione dell’età avanzata o di altri fattori non patologici di “opporre alcuna resistenza a causa della mancanza o diminuita capacità critica”, oggettiva e riconoscibile da parte di tutti “in modo che chiunque possa abusarne per raggiungere i suoi fini illeciti”.

 

 

AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA AVVOCATO TESTAMENTO BOLOGNA

AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA AVVOCATO TESTAMENTO BOLOGNA

  • circonvenzione incapace moglie
  • circonvenzione incapace induzione
  • n tema di nozione di deficienza psichica si deve intendere qualsiasi minorazione della sfera voltavi ed intellettiva che renda facile la suggestionabilità della vittima [Cass. sez. II 23.1.2009 n. 17415 in Ced Cass. Rv 244343].
  • Dalla sentenza della Corte d’Appello e di quella di primo grado (che possono essere lette congiuntamente), contrariamente a quanto sostenuto dalla difesa risultano sussistenti tutti gli elementi costitutivi del delitto contestato, essendone state indicati i caratteri e le fonti di prova. Con riferimento alle condizioni psichiche la Corte d’Appello, confermando quando già indicato dal Tribunale, ha posto in evidenza come la C. fosse affetta dal morbo di Alzheimer con insorgenza dal 2003 e conclamata manifestazione nel 2005. La fonte probatoria è stata individuata nella consulenza del dr. BI. che ha condotto le proprie indagini sulla base di documentazione medica che è stata puntualmente indicata nella sentenza, trovando altresì riscontro nelle dichiarazioni testimoniali della Dott.ssa BO. che ha riferito come la persona offesa presentasse sintomi di demenza senile già nel 2004. La valutazione della Corte d’Appello sulle condizioni di salute mentale della persona offesa e sulla riconoscibilità da parte delle imputate, che vivevano a contatto quotidiano con la C. appare congruamente motivata, adeguata nella valutazione, non manifestamente illogica, e il giudizio ritratto appare consequenziale al materiale probatorio acquisito. L’elemento della consapevolezza delle imputate dello stato di debolezza psichica della C. è stato inoltre desunto dalle acclarate manifestazioni di timori e ansietà di quest’ultima, puntualmente riportate in sentenza

 

  • circonvenzione incapace soggetto passivo
  • circonvenzione incapace giurisprudenza
  • circonvenzione incapace parenti
  • Parimenti non possono essere prese in considerazione le argomentazioni difensive in ordine all’insussistenza del ‘danno’ derivante al patrimonio della persona offesa. Sotto questo punto di vista va rammentato che la ‘circonvenzione di incapace’ è reato di pericolo che si consuma nel momento in cui viene compiuto l’atto capace di procurare un qualsiasi effetto giuridico dannoso per la persona offesa o per altri [Cass. Sez. IV 23.4.2008 n. 27412 in Ced Cass. Rv 240733 e Cass. sez. II 13.4.2000 n. 2063 in Ced Cass. Rv 215913]; la decisione della Corte d’Appello è corretta e non manifestamente illogica: Il giudice di merito ha ravvisato la lesione dell’interesse giuridicamente protetto nel compimento dell’atto di alienazione della nuda proprietà dell’immobile della persona offesa per una cifra inferiore a quella corrente di mercato, nonché nella contestazione dei conti tra la imputata e la persona offesa e nel loro successivo svuotamento con assegni e operazioni di giroconto prive di causa o giustificazione. Il quadro delineato dalla Corte d’Appello è aderente alle risultanze istruttorie che non sono state neppure messe in discussione dalla difesa, e si accompagnano con le ulteriori circostanze pure emergenti dalle decisioni impugnate che possono essere così sintetizzate: la C. successivamente alla vendita della nuda proprietà del proprio immobile, pur potendolo ancora abitare, è stata allontanata dalla sua abitazione per essere ricoverata presso una casa di cura alla quale il fratello della persona offesa ha avuto difficoltà ad accedere; solo una minima parte delle somme prelevate dai conti della C. sono state spese nel suo interesse. La motivazione deve ritenersi pertanto corretta e l’applicazione dell’art. 643 cp, conforme alla costante giurisprudenza di legittimità.

 

  • circonvenzione incapace nullità
  • circonvenzione incapace persona offesa
  • circonvenzione incapace codice penale
  • circonvenzione incapace sequestro preventivo
  • Autorevole dottrina, riporta il reato in commento nella sottocategoria dei “delitti con la cooperazione artificiosa della vittima” intendendo per tale categoria quella comprensiva dei reati in cui la vittima contribuisce a produrre il risultato patrimoniale pregiudizievole, non limitandosi a subire l’offesa, ma essendone in un certo senso anche protagonista. E l’atto di disposizione patrimoniale costituisce implicito requisito positivo, concretizzandosi in esso la cooperazione artificiosa della vittima – carpita con l’inganno – la violenza e la minaccia e costituendo esso il fattore decisivo del risultato patrimoniale pregiudizievole. Osserva l’autore che le aggressioni con la cooperazione artificiosa della vittima – le quali si insinuano nella fase dinamica del rapporto patrimoniale imprimendo alle sue vicende un indirizzo svantaggioso per il titolare – operano nella fase di formazione o di esecuzione del rapporto patrimoniale o provocano l’estinzione o modificazione del rapporto patrimoniale già esistente senza aggredirlo apertamente; ruotano attorno al concetto di danno in cui trovano la misura della loro illiceità; e offendono indifferentemente ogni tipo di rapporto patrimoniale2.

ADANNOBIOLOGICO INFO

  • circonvenzione incapace notaio
  • circonvenzione incapace coniuge
  • circonvenzione incapace cassazione
  • circonvenzione incapace nullità contratto
  • Parimenti non possono essere prese in considerazione le argomentazioni difensive in ordine all’insussistenza del ‘danno’ derivante al patrimonio della persona offesa. Sotto questo punto di vista va rammentato che la ‘circonvenzione di incapace’ è reato di pericolo che si consuma nel momento in cui viene compiuto l’atto capace di procurare un qualsiasi effetto giuridico dannoso per la persona offesa o per altri [Cass. Sez. IV 23.4.2008 n. 27412 in Ced Cass. Rv 240733 e Cass. sez. II 13.4.2000 n. 2063 in Ced Cass. Rv 215913]; la decisione della Corte d’Appello è corretta e non manifestamente illogica: Il giudice di merito ha ravvisato la lesione dell’interesse giuridicamente protetto nel compimento dell’atto di alienazione della nuda proprietà dell’immobile della persona offesa per una cifra inferiore a quella corrente di mercato, nonché nella contestazione dei conti tra la imputata e la persona offesa e nel loro successivo svuotamento con assegni e operazioni di giroconto prive di causa o giustificazione. Il quadro delineato dalla Corte d’Appello è aderente alle risultanze istruttorie che non sono state neppure messe in discussione dalla difesa, e si accompagnano con le ulteriori circostanze pure emergenti dalle decisioni impugnate che possono essere così sintetizzate: la C. successivamente alla vendita della nuda proprietà del proprio immobile, pur potendolo ancora abitare, è stata allontanata dalla sua abitazione per essere ricoverata presso una casa di cura alla quale il fratello della persona offesa ha avuto difficoltà ad accedere; solo una minima parte delle somme prelevate dai conti della C. sono state spese nel suo interesse. La motivazione deve ritenersi pertanto corretta e l’applicazione dell’art. 643 cp, conforme alla costante giurisprudenza di legittimità.

 

  • circonvenzione incapace prova
  • circonvenzione incapace procedibilità
  • circonvenzione incapace anziano
  • circonvenzione incapace testamento
  • circonvenzione incapace querela
  • circonvenzione incapace matrimonio

circonvenzione incapace prescrizione

 

 

  • circonvenzione di incapace e appropriazione indebita
  • circonvenzione di incapace persona anziana
  • circonvenzione di incapace notaio
  • circonvenzione di incapace prescrizione termine
  • circonvenzione di incapace persona offesa
  • circonvenzione di incapace codice penale
  • circonvenzione di incapace e testamento
  • Ciò che caratterizza la fattispecie delittuosa in esame è che il reato può essere configurato in quanto si dimostri l’instaurazione di un rapporto squilibrato tra carnefice e vittima, nel senso che deve trattarsi di un rapporto in cui l’agente abbia la possibilità di manipolare la volontà della vittima a causa del fatto che quest’ultima si trova, per determinate situazioni, in una minorata situazione e, quindi, incapace di opporre alcuna resistenza a causa della minorata capacità critica. Deve trattarsi di una minorazione oggettiva e riconoscibile da parte di tutti in modo che, chiunque possa abusarne per raggiungere i suoi fini illeciti.
  • – In tema di circonvenzione di incapaci, lo stato di infermità o deficienza psichica della vittima, pur non dovendo necessariamente consistere in una vera e propria malattia mentale, deve pur sempre provocare una incisiva menomazione delle facoltà di discernimento o di determinazione volitiva tale da escludere la capacità del soggetto passivo di avere cura dei propri interessi.

 

  • circonvenzione di incapace anziano
  • circonvenzione di incapace sentenze
  • circonvenzione di incapace querela
  • circonvenzione di incapace presupposti
  • circonvenzione di incapace prescrizione
  • circonvenzione di incapace testamento
  • circonvenzione di incapace ed effetti sul contratto
  • circonvenzione d’incapace codice penale

circonvenzione d’incapace

 

 

 

  • circonvenzione di incapace e appropriazione indebita
  • circonvenzione di incapace persona anziana
  • circonvenzione di incapace notaio
  • circonvenzione di incapace prescrizione termine
  • circonvenzione di incapace persona offesa
  • circonvenzione di incapace codice penale
  • circonvenzione di incapace e testamento
  • circonvenzione di incapace anziano
  • Il delitto di circonvenzione d’incapace previsto dall’art. 643 c.p. mostra dunque “una maggiore ampiezza dell’offensività, in quanto lesivo, non in forma statica ma dinamica, dellibero esercizio dell’autodeterminazione nella cura dei propri interessi e nella conseguente corretta ed affidabile circolazione dei beni” e tende, pertanto, a reprimere una condotta illecita ad alta potenzialità offensiva. Al contrario, nella fattispecie civilistica della causa di annullamento del contratto per incapacità naturale, la finalità della norma è la salvaguardia del processo di autodeterminazione rispetto a un solo atto: ne consegue un accertamento “rigidamente determinato nel tempo e nell’oggetto che deve coincidere con l’incapacità di intendere e volere“.
  • Scopri di più:http://giuricivile.it/nullita-del-contratto-stipulato-incapace-rapporto-art-428-c-c-643-c-p/

 

  • circonvenzione di incapace sentenze

 

  • Si è già accennato al fatto che soggetti passivi del delitto di circonvenzione possono essere i minori, gli interdetti e gli inabilitati e tutti coloro che si trovano in una situazione di fatto qualificabile come “stato di infermità o di deficienza psichica”. A ciò segue come inevitabile corollario l’accertamento specifico delle condizioni psichiche del soggetto al momento del compimento dell’atto. Deve trattarsi, conformemente ai principi che presiedono l’ordinamento penale, di un accertamento di fatto. È corretto pertanto sostenere che detto stato di fatto va provato anche in relazione ai minori e agli altri incapaci per dichiarazione giudiziale. Il dato storico della minore età così come la dichiarazione giudiziale di interdizione o inabilitazione, dunque, non esonerano, quando si versi in tema di circonvenzione, dall’accertamento del concreto rapporto tra la incapacità del soggetto e l’atto fattogli compiere. Si esprime il medesimo concetto, adottando una terminologia civilistica, quando esattamente si afferma che i predetti elementi storici costituiscono presunzioni semplici, come tali suscettibili di prova contraria. In sostanza si può affermare che viene in rilevo a causa di aspetti di personalità, condizioni personali, sociali o culturali il concetto di succubanza di una persona rispetto a un’altra. Succubanza insufficiente comunque ai fini dell’integrazione del delitto che ci occupa se non accompagnata dalla consapevolezza di essa in capo al soggetto attivo e all’abuso che questi ne fa.
  • circonvenzione di incapace querela
  • circonvenzione di incapace presupposti
  • circonvenzione di incapace prescrizione
  • circonvenzione di incapace testamento
  • Le persone legalmente capaci, cioè i maggiorenni e i non interdetti sono  normalmente in grado di provvedere a se stesse, tuttavia può accadere, talvolta che il soggetto, non sia in grado di valutare adeguatamente le conseguenze degli atti che compie; in questi casi si sostiene che il soggetto è affetto da incapacità naturale o di fatto, infatti è tale ai sensi dell’art. 428, la persona che sebbene legalmente capace, sia tuttavia incapace di intendere o di volere[2]. In questa  situazione rientrano, non solo quindi, l’infermo di mente, l’anziano, il malato grave, il drogato, l’ubriaco, l’ipnotizzato, ecc., ma anche tutte quelle ipotesi che progressivamente emergono dai mutamenti della società e delle conoscenze mediche. Si pensi alla casistica che si riconnette alla fase di reinserimento dei soggetti che hanno attraversato un prolungato periodo di coma, alla maggiore frequenza e gravità dei traumatismi cranici non mortali, alla diffusione di psicofarmaci. L’incapacità naturale può, inoltre, consistere in una condizione permanente d’incapacità, ovvero in una situazione transitoria: ciò che conta, affinché l’incapacità assuma rilevanza, è il momento in cui un atto giuridico sia stato posto in essere.

 

  • circonvenzione di incapace ed effetti sul contratto
  • circonvenzione d’incapace codice penale

circonvenzione d’incapace

 

Avvocati Bolognaavvocato avvocato a bolognaavvocato bolognaavvocato civilista BolognaAVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNAAvvocato per divorzi BolognaAvvocato per separazioni Bolognaavvocato separazioni Bologna bolognadiritto di famiglia avvocatoincidente mortale risarcimentoincidente stradale mortale risarcimento danni incidente stradale risarcimentoIncidenti stradali risarcimentoindennizzo incidente stradaleindennizzo morte incidente stradalemalasanità.risarcimentomorte incidente stradale risarcimentomorte per incidente stradale risarcimentorisarcimenti danni incidenti stradalirisarcimenti incidenti stradalirisarcimentorisarcimento assicurazione incidente stradale mortalerisarcimento dannirisarcimento danni fisici incidenterisarcimento danni incidenterisarcimento danni incidente mortalerisarcimento danni incidente stradale mortalerisarcimento danni per incidente stradale mortalerisarcimento danni sinistrorisarcimento danni sinistro mortaleRISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALErisarcimento incidente mortalerisarcimento incidente mortale tabellerisarcimento incidente stradalerisarcimento incidente stradale mortalerisarcimento morte incidente stradalerisarcimento per incidente stradalerisarcimento sinistri stradalirisarcimento sinistro stradalesinistri stradali risarcimentosinistro stradale risarcimentotabella risarcimento morte incidente stradaletestamento olografo

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» ASSEGNO DI DIVORZIO BOLOGNA DIVORZIO ANCORA DIVORZIO CHIAMA SUBITO NON ASPETTARE Presupposto per il riconoscimento dell’assegno di divorzio è che il richiedente non abbia redditi adeguati e non sia in grado di procurarseli per ragioni oggettive. Non vi è dubbio che il criterio relativo alla durata del matrimonio attenga al momento successivo della quantificazione. E ciò, sia che l’inadeguatezza dei redditi venga correlata al tenore di vita goduto durante la convivenza o più in generale in costanza di matrimonio (criterio considerato, da larga parte della dottrina e da una parte della giurisprudenza, inadeguato e astratto – in quanto, in genere, la separazione e il successivo divorzio incidono negativamente sul tenore di vita di entrambi i coniugi – ed eccessivamente sanzionatorio per l’obbligato) sia che vengano in considerazioni altri criteri (ad es. un assegno che permetta una autosufficienza economica all’avente diritto, magari con alcune variabili collegate alla sua posizione economico-sociale, oltre che alle possibilità dell’obbligato): com’è noto, la L. Divorzio, art. 5 non fornisce definizione alcuna dell’inadeguatezza- dei redditi, attribuendone il contenuto all’opera della giurisprudenza.

» convivenza more uxorio con figli La convivenza “more uxorio”, quale formazione sociale che da vita ad un autentico consorzio familiare, determina, sulla casa di abitazione ove si svolge e si attua il programma di vita in comune, un potere di fatto basato su di un interesse proprio del convivente ben diverso da quello derivante da ragioni di mera ospitalità, tale da assumere i connotati tipici di una detenzione qualificata, che ha titolo in un negozio giuridico di tipo familiare. Ne consegue che l’estromissione violenta o clandestina dall’unità abitativa, compiuta dal convivente proprietario in danno del convivente non proprietario, legittima quest’ultimo alla tutela possessoria, consentendogli di esperire l’azione di spoglio”. (Cass. 7214 del 2013; conf. Cass. 7 del 2014).

» ASSEGNO DIVORZILE AVVOCATO DIVORZIO BOLOGNA AVVOCATO MATRIMONIALISTA PROVINCIA BOLOGNA assegno divorzio chi assegno divorzile a chi spetta cosa assegno divorzile cosa comprende cos’è l’assegno divorzile cosa comporta l’assegno divorzile cosa e assegno divorzile cosa significa assegno divorzile

» CIRCONVENZIONE DI INCAPACE Affinché possa configurarsi il reato di circonvenzione di persone incapaci, non è necessario che la vittima sia dichiarata interdetta o inabilitata ma è sufficiente che la stessa si trovi “in una minorata situazione” e sia quindi incapace in ragione dell’età avanzata o di altri fattori non patologici di “opporre alcuna resistenza a causa della mancanza o diminuita capacità critica”, oggettiva e riconoscibile da parte di tutti “in modo che chiunque possa abusarne per raggiungere i suoi fini illeciti”.

» Δικηγόρος Sergio Armaroli – Δικηγορική Εταιρεία Μπολόνια σπίτι Άρθρα και ποινές σχετικά με μένα Πες μου blog Επαφές Ο στόχος μου; Η ικανοποίηση σας! ΠΡΟΣΚΛΗΣΗ ΤΩΡΑ !!! 051.6447838 Διαζύγιο και χωρισμός με αμοιβαία συναίνεση: το κόστος του χρόνου, καλύτερα να επιλέξετε ένα συναινετικό χωρισμό: δικηγόρος στο διαζύγιο διάρκεια συμφωνία χωρισμού Μπολόνια δικηγόρος κόστος πληρεξούσιος επιστολή συναινετικό χωρισμό διαχωρισμό δικηγόρος διαχωρισμός διαχωρισμός δικηγόρος του συναινετικού χωρισμού

» EREDE BOLOGNA AVVOCATO SUCCESSIONI TESTAMENTO AVVOCATO BOLOGNA PIEVE DI CENTO,CASTELLO D’ARGILE

» Ti spiego il Licenziamento per Giustificato Motivo Soggettivo Il giustificato motivo soggettivo si ha in presenza di “un notevole inadempimento degli obblighi contrattuali”.

» LA RIDUZIONE DELLA DONAZIONE – TRIBUNALE ALESSANDRIA –CASSAZIONE –AVVOCATO SUCCESSIONI

» Il Codice Civile Italiano LIBRO QUARTO DELLE OBBLIGAZIONI TITOLO I DELLE OBBLIGAZIONI IN GENERALE

» COEREDI, EREDITA’ PRELAZIONE, AVVOCATO TESTAMENTO BOLOGNA

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» LUGO FAENZA RAVENNA MALASANITA’,AVVOCATO PER MALASANITA’ E DANNO DA COLPA MEDICA danno responsabilità medica danno responsabilità medica prescrizione danno da responsabilità medica risarcimento danno responsabilità medica danno biologico responsabilità medica danno differenziale responsabilità medica calcolo danno responsabilità medica danno da responsabilità medica prescrizione danno patrimoniale responsabilità medica danno esistenziale responsabilità medica danno biologico responsabilità medica tabelle responsabilità medica calcolo danno biologico danno biologico da responsabilità medica responsabilità medica e danno biologico danno biologico per responsabilità medica responsabilità medica contrattuale e danno biologico atto di citazione risarcimento danno biologico responsabilità medica quantificazione danno biologico responsabilità medica liquidazione danno biologico responsabilità RISARCIMENTO MALASANITA’

» FAMIGLIA DI FATTO CONVIVENZE BOLOGNA SOMME VERSATE AL COMPAGNO VANNO RESTITUITE? AVVOCATO FAMIGLIARISTA BOLOGNA ad essere esenti dall’obbligo di restituzione sono, secondo la giurisprudenza, solo i versamenti effettuati per far fronte alle esigenze di vita quotidiana, indipendentemente dalle modalità di versamento (una tantum, mensili, ecc.) (Cass. n. 1277/2014).

» BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA IMOLA successionedei legittimari e successione legittima successione necessariaquote successionetestamentaria quote eredità fratello deceduto senza figli chi sono gli ascendenti eredità legittima in presenza di testamento successionelegittima nipoti figli di fratelli successione obbligatoria

» RISOLVI MALASANITA’ Sei stato vittima di un errore medico? AVVOCATO MALASANITA’ FORLI CESENA BOLOGNA Sei stato vittima di un errore medico? La legge Italiana tutela il diritto alla salute. La pratica e la realtà non sempre ci riescono. Se vuoi ottenere un equo risarcimento danni perché vittima di un errore medico, l’· interventi chirurgici dannosi malattie insorte durante la degenza e a causa di essa terapie mediche sbagliate consenso informato senza una vera informazione omessa informazione al paziente avvocato ti segue ovunque errori medici durante il parto diagnosi sbagliata o ritardata trasfusioni di sangue sbagliate rifiuto delle cure palliative (terapie del dolore) malformazione del feto danni da interventi estetici errore medico risarcimento danni risarcimento danni malasanità prescrizione risarcimento malasanità tempi risarcimento malasanità morte risarcimento danni per malasanità tabelle risarcimento danni malasanità

» MALASANITA’ Sei stato vittima di un errore medico? AVVOCATO MALASANITA’ FORLI CESENA BOLOGNA Sei stato vittima di un errore medico? La legge Italiana tutela il diritto alla salute. La pratica e la realtà non sempre ci riescono. Se vuoi ottenere un equo risarcimento danni perché vittima di un errore medico, l’· interventi chirurgici dannosi malattie insorte durante la degenza e a causa di essa terapie mediche sbagliate consenso informato senza una vera informazione omessa informazione al paziente

» Separazione marito moglie Bologna ,casa coniugale?assegno mantenimento entrambi? Vediamo

» BOLOGNA DIVORZIO CON MOGLIE STRANIERA ALL’ESTERO COME DIVORZIARE DALLA MOGLIE STRANIERA CHE RiSIEDE ALL’ESTERO?

» GLI EREDI LEGITTIMARI : LA LESIONE DELLA LEGITTIMA E L’AZIONE DI RIDUZIONE – IL LEGATO IN SOSTITUZIONE DELLA LEGITTIMA BOLOGNA L’IMPUGNAZIONE DELLE DONAZIONI Art. 588. Disposizioni a titolo universale e a titolo particolare.

» OME OTTENERE L’EREDITA’ CHE TI SPETTA AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA RAVENNA FAENZA CESENA FORLI Il testamento – olografo o pubblico che sia – non deve necessariamente contenere, a pena di nullita’, le indicazioni catastali e di configurazione degli immobili cui si riferisce, essendo invece sufficiente, per la validita’ dell’atto, che questi siano comunque identificabili senza possibilita’ di confusioni, salva la necessita, la quale peraltro non attiene ad un requisito di regolarita’ e validita’ del testamento, che gli eredi, in sede di denuncia di successione e di trascrizione del testamento medesimo, provvedano essi ad indicare specificamente gli immobili predetti, menzionandone dati catastali, confinazioni ecc..

» AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA APPELLO PENALE RICORSI PER CASSAZIONE PENALE Lo Studio Legale dell’avvocato Sergio Armaroli di Bologna forte dell’esperienza maturata sul campo, offre dal 1991 consulenza ed assistenza legale, giudiziale nei diversi ambiti del diritto penale, svolgendo attività di consulenza ed assistenza legale nei confronti di persone giuridiche e di persone fisiche, avanti a tutti gli organi giurisdizionali italiani, ivi compresa la Suprema Corte di Cassazione.

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna