Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

avvocato successioni Bologna, L’eredità: un passaggio delicato

slide-3

L’eredità: un passaggio delicato

La chiarezza in un momento difficile

Collazione ,azione di riduzione valore del bene 

«In tema di esercizio dell’azione di riduzione di cui all’art. 546 c.c., il legittimario pretermesso è chiamato alla successione per la morte del “de cuius”, potendo acquistare i suoi diritti solo dopo l’esperimento delle azioni di riduzione. Pertanto, la condizione della preventiva accettazione dell’eredità con beneficio d’inventario stabilita dall’art. 564, comma 1, c.c. per l’esercizio dell’azione di riduzione, vale soltanto per il legittimario che abbia in pari tempo la qualità di erede (per disposizione testamentaria o per delazione ab intestato) e non anche per il legittimario totalmente pretermesso dal testatore. Condizione fondamentale per chiedere la riduzione delle donazioni o delle disposizioni lesive della porzione di legittima è soltanto quella di essere tra le persone indicate dall’art. 557 c.c., e cioè di rivestire la qualità di legittimario, mentre la condizione stabilita dall’art. 564, comma 1, c.c. della preventiva accettazione dell’eredità con beneficio d’inventario, vale soltanto per il legittimario che abbia in pari tempo la qualità di erede. Infatti, il legittimario totalmente pretermesso dall’eredità, che impugna per simulazione un atto compiuto dal “de cuius” a tutela del proprio diritto alla reintegrazione della quota di legittima, agisce in qualità di terzo e non in veste di erede, condizione che acquista solo in conseguenza del positivo esercizio dell’azione di riduzione» (Cassazione civile, sez. II, 11 gennaio 2010 n. 240).

A tutela dei creditori del defunto, il legislatore ha previsto che gli stessi, entro 3 mesi dall’apertura della successione (art. 516 c.c.), possano proporre azione di separazione del patrimonio del defunto e dell’erede, al fine di assicurarsi il soddisfacimento dei crediti a preferenza dei creditori dell’erede e degli altri creditori del defunto che non l’abbiano proposta.

Il valore dei beni viene determinato con riferimento al momento dell’apertura della successione in base alle regole dettate per la collazione, l’art. 556 cod.civ., infatti, rinvia agli artt. 747-750 cod. civ. Tuttavia, a differenza di quanto accade per la collazione per la quale è consentita la dispensa, il donante non può dispensare il donatario dalla riunione fittizia. La dispensa dalla collazione ha come scopo quello di consentire al donatario di conseguire la donazione dispensata oltre alla legittima, ma non è certo possibile modificare la base di calcolo per la determinazione della quota riservata8. Per la determinazione del valore dell’asse ereditario bisogna tener conto anche dei beni oggetto di negozi fiduciari, nonché dei beni oggetto di negozi nulli o annullabili. Un’ipotesi particolare è quella della donazione nulla, ad esempio per vizio di forma, che ai sensi dell’art. 799 cod. civ. può essere confermata dagli eredi o aventi causa del donante. Nel caso in cui il legittimario, dopo la morte del donante, esegue la donazione nulla, non potrà più agire in giudizio per far valere la nullità dell’atto di diposizione in quanto la consapevole esecuzione dell’atto di liberalità determina la conferma dello stesso. Tuttavia, ciò

non preclude al legittimario leso dalla donazione confermata di agire in giudizio per chiedere la reintegrazione della propria quota di riserva9.

Devono essere riunite anche le donazioni con riserva di usufrutto a favore del donante per le quali, ai fini della riunione fittizia, si deve considerare il valore della piena proprietà dato che con la morte del donante il diritto di usufrutto si estingue e quindi il donatario diventa pieno proprietario del bene donato10. Si può verificare che il donante riservatario del diritto di usufrutto decide di rinunciare, animus donandi, ad esso consentendo al donatario nudo proprietario di acquisire il pieno godimento del bene donato. Tale atto di rinuncia configura una liberalità indiretta da considerare ai fini della riunione fittizia e suscettibile di riduzione nel caso in cui sia lesiva della quota di riserva11.

Non sono escluse dalla riunione fittizia le donazioni modali per le quali la determinazione del valore da considerare per il calcolo del relictum deve essere effettuata tenendo conto del valore dell’onere12. Ed invero, per tale fattispecie l’arricchimento del donatario è dato dal valore del bene oggetto della liberalità detratto il valore dell’onere qualora quest’ultimo sia suscettibile di valutazione economica13 indipendentemente dal soggetto in favore del quale l’onere è stato apposto14. Nel caso in cui il legittimario ha ricevuto dal de cuius in vita una donazione alla quale è stato apposto un onere e al momento dell’apertura della successione si accerta che il valore della donazione al netto dell’onere è inferiore alla quota di riserva, il legittimario per ottenere l’integrazione della quota di legittima a lui spettante, dovrà agire in riduzione15 non essendo possibile applicare alla donazione in oggetto l’art. 549 cod. civ. che sancisce l’inefficacia dei pesi gravanti la quota di riserva16. Legittimato passivo dell’azione di riduzione è il solo donatario non essendo possibile agire nei confronti del terzo beneficiario del modus17.

Corte di Cassazione, sezioni unite, sentenza 15 giugno 2015, n. 12307

Pare risolto  l’annoso problema in merito appunto alla problematica se all’erede legittimo deve ritenersi consentita la facoltà di disconoscere, ai sensi e per gli effetti degli arti. 214 e seguenti c.p.c., il testamento olografo fatto valere contro di lui, e se tale disconoscimento può essere esercitato anche in sede di azione di petitio heraeditatis, nel corso della quale l’erede legittimo esplicitamente contesti l’autenticità del predetto testamento o deve essere proposta la querela di falso con le forme di cui all’art. 221 e ss. cod. proc. civ., con il conseguente onere probatorio a carico della parte che contesti la genuinità della scheda testamentaria.

PRINCIPIO AFFERMATO:

La parte che contesti l’autenticità del testamento olografo deve proporre domanda di accertamento negativo della provenienza della scrittura, e l’onere della relativa prova, secondo i principi generali dettati in tema di accertamento negativo, grava sulla parte stessa.

  1. Cos’è la successione e a chi va?

  2. Cosa si intende per successione legittima?

  3. E se il testamento esiste?

  4. Che accade se le quote non sono rispettate?

  5. Si può essere esclusi dall’eredità?

  6. Che fare se i propri diritti non vengono rispettati?

La chiarezza in un momento difficile

Quando in famiglia arriva un lutto, non ci sono solo gli aspetti affettivi, già fin troppo impegnativi di per sé, da affrontare. In aggiunta al dolore della scomparsa, nel momento in cui una persona muore si apre la fase della successione, un momento delicato che richiede attenzione e chiarezza per gli eredi, termine nel quale vanno compresi tutti coloro che hanno diritto alla propria quota di eredità. E la chiarezza passa innanzitutto dal significato delle parole.

Cos’è la successione e a chi va?

La successione è infatti il trasferimento dei beni mobili e immobili agli aventi diritto. E tra questi ultimi rientrano due categorie. Nella prima sono compresi i parenti (eredi universali): a loro va la totalità dei beni, debiti compresi che, solo nel caso di accettazione con beneficio di inventario, intaccano la quota dei beni ricevuta (l’eredità può essere comunque rifiutata entro 3 mesi dalla morte del congiunto). Nella seconda, invece, sono compresi coloro che vantano comunque un diritto (eredi legati o legatari) senza obblighi sui beni trasferiti. Infine si può lasciare parte del proprio patrimonio a un ente o un’associazione, ma solo la cosiddetta quota disponibile, che va da un quarto a due terzi del patrimonio stesso. Se tuttavia non ci sono eredi, il lascito può coincidere con l’intero ammontare dei propri beni.

 

Cosa si intende per successione legittima?

Esistono tre tipi di successione. La prima è la legittima, quando manca un testamento e riguarda il coniuge superstite, i discendenti (i figli), gli ascendenti (i genitori), i collaterali (i fratelli, le sorelle e i loro discendenti) e altri parenti (ascendenti fino al quinto grado e discendenti entro il sesto grado). Per loro sono definite quote riportate nella tabella 1. Infine c’è lo Stato a cui va l’eredità “vagante”, quando non esistono eredi.

Tabella 1 – Quote in caso di successione legittima

E se il testamento esiste?

La seconda, se invece il testamento esiste, si chiama testamentaria: in questo caso il testamento deve essere olografo (scritto e firmato a mano da chi lascia i suoi beni con tanto di data e luogo in cui viene redatto) oppure redatto sotto dettatura di un notaio con due testimoni presenti (testamento pubblico). Si chiama testamento segreto quello olografo ricevuto in busta chiusa dal notaio. Le quote in questo caso sono riportate nella tabella 2.

 

Tabella 2 – Quote in caso di successione testamentaria

 

Che accade se le quote non sono rispettate?

La terza invece prende il nome di successione necessaria e si profila quando le quote di riserva destinate agli eredi (legittime) non sono rispettate.

Si può essere esclusi dall’eredità?

La risposta è sì e accade in casi particolari: succede infatti a chi ha subito una condanna per omicidio o tentato omicidio ai danni del defunto o dei suoi eredi. Il concetto si estende a chi ha falsificato (o provato a falsificare) il testamento, a chi ha calunniato un erede e ha provato a far revocare o modificare il testamento. Non è escluso invece il coniuge separato a cui non è stata addebitata la separazione mentre il coniuge divorziato perde i propri diritti sull’eredità.

Lesione di legittima Lesione della qualità di erede Azione di collazione Azione di petizione ereditaria Domanda giudiziale di commutazione Azione di riduzione Assistenza alla redazione del testamento Nullità ed annullamento del testamento Nullità di legato di cose altrui Divisione Assistenza alla redazione di scrittura privata di divisioni Istanza di divisione giudiziale Assistenza alla redazione di divisione amichevole con collazione Nullità della divisione fatta nel testamento Annullamento della divisione per violenza e dolo Azione di recissione di divisione ereditaria Donazione Nullità ed annullamento di donazione Ricorso per autorizzazione ad accettare donazione in favore di un minore o di un nascituro Azione per l’inadempimento della donazione Risoluzione di donazione modale Revocazione della donazione per ingratitudine e sopravvenienza di figli
Lesione di legittima Lesione della qualità di erede Azione di collazione Azione di petizione ereditaria Domanda giudiziale di commutazione Azione di riduzione Assistenza alla redazione del testamento Nullità ed annullamento del testamento Nullità di legato di cose altrui Divisione Assistenza alla redazione di scrittura privata di divisioni Istanza di divisione giudiziale Assistenza alla redazione di divisione amichevole con collazione Nullità della divisione fatta nel testamento Annullamento della divisione per violenza e dolo Azione di recissione di divisione ereditaria Donazione Nullità ed annullamento di donazione Ricorso per autorizzazione ad accettare donazione in favore di un minore o di un nascituro Azione per l’inadempimento della donazione Risoluzione di donazione modale Revocazione della donazione per ingratitudine e sopravvenienza di figli

Che fare se i propri diritti non vengono rispettati?

In questo caso si può ricorrere in giudizio. Chi non ha ancora accettato l’eredità, può agire affinché la durata dell’azione giudiziaria non intacchi il patrimonio in modo grave o irreparabile. Può inoltre chiedere l’autorità giudiziaria l’autorizzazione a vendere beni deperibili o che sarebbe troppo oneroso conservare. L’erede in quanto tale, invece, può agire nei confronti di chi usufruisce un bene ereditato con la cosiddetta petizione di eredità. In questi casi si apre un capitolo complesso, un capitolo che richiede un’assistenza specializzata che tuteli gli aventi diritto e che possa seguire tutta la questione con le competenze necessarie.

eredità testamento olografo, testamento erede universale moglie,eredità testamento legittima,testamento erede morto

erede con testamento, testamento erede condizione eredità con testamento senza figli, eredità con testamento olografo,eredità con testamento e legittima,

eredità con testamento senza figli e coniuge, eredita’ con testamento legittima,eredità con testamento successione

cause ereditarie mediazione

cause ereditarie competenza

cause ereditarie durata

spese per divisione giudiziale

determinazione valore causa divisione ereditaria contributo unificato

divisione giudiziale immobile in comproprietà

successione ereditaria

successione legittima

atto di citazione divisione ereditaria fac simile

divisione ereditaria mediazione obbligatoria

divisione ereditaria giudiziale

scioglimento comunione ereditaria

scioglimento comunione ereditaria mediazione obbligatoria

divisione ereditaria quote

divisione ereditaria imposte

impugnazione divisione ereditaria

accettazione eredità impugnazione testamento

impugnazione testamento dopo accettazione eredità

impugnazione testamento pubblico

impugnazione testamento lesione legittima

impugnazione testamento prescrizione

impugnazione testamento olografo

atto di citazione impugnazione testamento

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE STUDIO LEGALE BOLOGNA Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» CASS TRIBUNALE DI RIMINI RISARCIMENTO AI GENITORI MORTE FIGLIO INCIDENTE

» MOGLIE VIOLENZA SESSUALE DEL MARITO L’imputato è stato accusato di maltrattamenti e violenza sessuale in danno della propria moglie e, per tale motivo, è stato condannato in primo grado alla pena di quattro anni ed otto mesi di reclusione che la Corte d’Appello, con la sentenza impugnata, ha ridotto a quattro anni di reclusione, pur riaffermando la responsabilità dei D.F. per entrambi i reati.

» Bancarotta fraudolenta documentale – Omesso aggiornamento delle scritture contabili – Dolo generico -CORTE DI CASSAZIONE – Sentenza 16 marzo 2015, n. 11115Sussiste Ritenuto in fatto

» «ogni atto distrattivo assume rilievo ai sensi dell’art. 216 legge fall, in caso di fallimento, indipendentemente dalla rappresentazione di quest’ultimo, il quale non costituisce l’evento del reato che, invece, coincide con la lesione dell’interesse patrimoniale della massa, posto che se la conoscenza dello stato di decozione costituisce dato significativo della consapevolezza del terzo di arrecare danno ai creditori ciò non significa che essa non possa ricavarsi da diversi fattori, quali la natura fittizia o l’entità dell’operazione che incide negativamente sul patrimonio della società» (Cass., Sez. V, n. 16579 del 24/03/2010, Fiume, Rv 246879).

» BOLOGNA TRASPORTATO INCIDENTE AVVOCATO risarcimento assicurazione per incidente mortale-risarcimento danni incidente stradale passeggero-risarcimento danni gravi sinistri della strada

» BOLOGNA GUIDA STATO EBREZZA determinazione della pena e della mancata sostituzione della stessa con il lavoro di pubblica utilità.

» ART 415 BIS NESSUNA INTERRUZIONE DELLA PRESCRIZIONE CASSAZIONE SEZIONI UNITE

» 3 Chiunque, abbandonando il domicilio domestico [452, 1432, 146 c.c.], o comunque serbando una condotta contraria all’ordine o alla morale delle famiglie, si sottrae agli obblighi di assistenza inerenti alla potestà dei genitori (1) [147, 316 c.c.]o alla qualità di coniuge [143, 146 c.c.], è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa da 103 euro a 1.032 euro.

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» CORTE APPELLO BOLOGNA TRIBUNALE DI BOLOGNA DANNO JURE PROPRIO IN INCIDENTE MORTALE La Corte si e’ soffermata sulla natura delle tabelle milanesi e sul come la loro inosservanza si ponga rispetto ai paradigmi dell’articolo 360 c.p.c., nella sentenza n. 4447 del 2014. In detta decisione la Corte si e’ soffermata su quello che ha individuato come il problema della “ritualita’ della deduzione come violazione di norma di diritto delle c.d. tabelle milanesi” ed ha svolto le seguenti considerazioni.

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI CESENA FORLI VEDOVO VEDOVA ESTROMESSI DA EREDITA’ DIRITTI DEI VEDOVI

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna