Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

LICENZIAMENTO DISCIPLINARE l. 20 maggio 1970 n. 300

LICENZIAMENTO DISCIPLINARE

avvocato matrimonialista

avvocato matrimonialista

Con sentenza del 1° aprile 2014 la Corte d’appello di Milano, in riforma della decisione del Tribunale, accoglieva la domanda proposta da OMISSIS contro la datrice di lavoro s.p.a. T.I. e così dichiarava l’illegittimità del licenziamento disciplinare intimato il 23 novembre 2012, ordinava la reintegrazione nel posto di lavoro e condannava la società a pagare l’indennità risarcitoria, di cui all’art. 18, quarto comma, l. 20 maggio 1970 n. 300, nella misura di dodici mensilità dell’ultima retribuzione.

 

Con unico motivo la ricorrente incidentale, invocando gli artt. 112 cod. proc. civ., 25, 26, 40 d. lgs. 11 aprile 2006 n. 198, 18 L n. 300 del 1970, 1324, 1344 cod. civ., lamenta che la corte d’appello non si sia pronunciata sulla domanda di accertamento della nullità del licenziamento perché discriminatorio e ritorsivo. L’accoglimento di questa domanda avrebbe comportato la più ampia tutela risarcitoria, prevista nel secondo comma dell’art. 18 cit. In particolare ella si duole che la Corte di merito abbia trascurato una procedura endoaziendale, da lei richiesta per violazione del codice interno di condotta e per demansionamento, che starebbe, di fatto se non formalmente, alla base del licenziamento. Il motivo non può essere accolto a causa dell’inosservanza dell’art. 366 n. 3 cod. proc. civ. Ossia perché la ricorrente non specifica il motivo d’appello relativo alle dette ragioni e circostanze né l’atto processuale da cui nel giudizio di merito sarebbe risultata la suddetta procedura endoaziendale né ancora gli specifici elementi rilevanti ai sensi del d. lgs, n. 198 del 2006 e asseritamente trascurati dalla Corte d’appello.

LICENZIAMENTO DISCIPLINAREl. 20 maggio 1970 n. 300

 

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

 

SEZIONE LAVORO

 

Sentenza 2 luglio – 13 ottobre 2015, n. 20540

 

OMISSIS

 

Svolgimento del processo

 

Con sentenza del 1° aprile 2014 la Corte d’appello di Milano, in riforma della decisione del Tribunale, accoglieva la domanda proposta da OMISSIS contro la datrice di lavoro s.p.a. T.I. e così dichiarava l’illegittimità del licenziamento disciplinare intimato il 23 novembre 2012, ordinava la reintegrazione nel posto di lavoro e condannava la società a pagare l’indennità risarcitoria, di cui all’art. 18, quarto comma, l. 20 maggio 1970 n. 300, nella misura di dodici mensilità dell’ultima retribuzione.

 

La Corte rilevava che la lettera di contestazione dell’illecito disciplinare, del 7 novembre 2011, era basata su quattro punti: 1) la doglianza, formulata dalla I. presso il superiore diretto dell’amministratore delegato della società, di generici comportamenti scorretti di quest’ultimo, definito come “paranoico” e privo di “legame con la realtà”, nonché l’imputazione allo stesso superiore di non correttezza e non rispetto dei valori aziendali e morali; 2) la mancata risposta al direttore finanziario, che la sollecitava ad esaminare la sua posizione, e la pretesa di discutere direttamente con l’amministratore delegato; 3) la segnalazione ad un dirigente della società dell’intenzione dell’amministratore delegato di passare alle dipendenze di altra società, fatto appreso mediante accesso diretto e non autorizzato alle informazioni personali del medesimo, 4) il rifiuto di restituzione del telefono portatile aziendale.

 

La Corte d’appello riteneva che l’addebito n.1, riferito ad un fatto avvenuto quasi cinque mesi prima, fosse invalido perché contrastante col principio d’immediatezza della contestazione disciplinare.

 

Il fatto sub 2 non costituiva comportamento indisciplinato poiché la pretesa di parlare, invece che col direttore finanziario, con l’amministratore delegato, di cui la I. era assistente e con cui aveva maggiore familiarità, non contrastava con la disciplina d’impresa.

 

L’informazione circa l’eventuale passaggio dell’amministratore delegato ad altra società era stata assunta dalla lavoratrice attraverso comunicazioni del medesimo a lei indirizzate, e non mediante un accesso non autorizzato; né quel passaggio sarebbe stato illecito, onde l’informazione non poteva avere alcun effetto pregiudizievole. Infine non vi era stato alcun rifiuto di riconsegnare l’apparecchio telefonico.

 

In definitiva non sussisteva, e non assumeva alcun rilievo disciplinare, un atteggiamento “persecutorio e vendicativo” della lavoratrice verso l’amministratore delegato, “dovuto a ragioni personali” (così la parte conclusiva della lettera di contestatone disciplinare) estranee alle ragioni aziendali.

 

Contro questa sentenza ricorrono in via principale la s.p.a. T.l. e in via incidentale la I. Memorie utrinque.

 

Motivi della decisione

I due ricorsi debbono essere riuniti ai sensi dell’art. 335 cod. proc. civ.

Col primo motivo la ricorrente principale lamenta la violazione degli artt. 7 l. 20 maggio 1970 n. 300 e 2119 cod. civ., per avere la Corte d’appello considerato in modo isolato e non complessivo i comportamenti indisciplinati addebitati alla lavoratrice, unificati dalla “qualificazione vendicativa e ritorsiva”, ossia da una “strategia tesa a delegittimare l’amministratore delegato per vendicarsi per ragioni personali della relazione sentimentale finita male”.

 

La ricorrente dice di non condividere “quanto sostenuto dalla Corte d’appello circa la mancanza di disvalore della condotta tenuta dalla signora I.”, la quale aveva interrotto il legame fiduciario necessario al rapporto di lavoro.

 

Sostanzialmente la stessa censura viene ripetuta nel secondo motivo del ricorso, con riferimento agli artt. 18 l. cit., 2104, 2105, 2016, 2119 cod. civ., 115 e 116 cod. proc. civ. ed alla “lealtà e fedeltà” della lavoratrice.

 

Col terzo motivo la ricorrente principale deduce la violazione degli artt. 18 cit e 2119 cit. sostenendo che solo la materiale insussistenza dei fatti addebitati, e non il difetto della giuridica rilevanza, avrebbe giustificato la tutela reintegratoria di cui al quarto comma dell’art. 18 cit.

 

I tre connessi motivi non sono fondati.

 

E’ anzitutto da osservare che la ricorrente non contesta l’affermazione – resa dalla Corte d’appello con riferimento al primo dei fatti addebitati, ossia alle risentite parole pronunciate dalla lavoratrice con riferimento al suo superiore – di illegittimità del licenziamento per contestazione tardiva dell’addebito, vale a dire per atipica perdita del potere di licenziare dovuta al trascorrere del tempo (nell’ordinamento tedesco di parlerebbe di V.). La Corte d’appello non si è perciò pronunciata se non in obiter dicto sulla rilevanza disciplinare dell’addebito, a causa dell’efficacia preclusiva della pronuncia di decadenza dell’imprenditore dal potere di licenziare.

 

Gli altri fatti di cui alla lettera d’incolpazione disciplinare sono stati considerati dalla Corte d’appello o insussistenti (come il rifiuto di restituire l’apparecchio telefonico) oppure privi di rilievo giuridico perché espressivi di atteggiamenti semmai contrari alle regole della compostezza e degli usi mondani, siccome dettati da acredine per l’interruzione non consensuale di una relazione personale, e comunque non di tale rilievo da incidere negativamente sullo svolgimento dell’attività aziendale. Data questa qualifica, che è condivisibile anche con riguardo alle espressioni verbali di cui al primo addebito, non può dirsi che i comportamenti siano stati considerati dal collegio di merito uno per uno e non complessivamente. L’assenza di giuridico rilievo dei singoli fatti può essere apprezzata solo nel contesto complessivo, anche di stato psicologico, in cui versò la lavoratrice.

 

Quanto alla tutela reintegratoria, non è plausibile che il Legislatore, parlando di “insussistenza del fatto contestato”, abbia voluto negarla nel caso di fatto sussistente ma privo del carattere di illiceità, ossia non suscettibile di alcuna sanzione, restando estranea al caso presente la diversa questione della proporzione tra fatto sussistente e di illiceità modesta, rispetto alla sanzione espulsiva (Cass. 6 novembre 2014 n. 23669, che si riferisce ad un caso di insussistenza materiale del fatto contestato). In altre parole la completa irrilevanza giuridica del fatto equivale alla sua insussistenza materiale e dà perciò luogo alla reintegrazione ai sensi dell’art. 18, quarto comma, cit.

 

Con ciò resta assorbita la questione se, nel caso di inflizione del licenziamento basata su più fatti, l’inesistenza o la giuridica irrilevanza di uno solo di essi basti alla tutela reale, ossia ripristinatoria; in altre parole, se questo necessario tipo di tutela renda inutile il rimedio soltanto risarcitorio.

 

Con unico motivo la ricorrente incidentale, invocando gli artt. 112 cod. proc. civ., 25, 26, 40 d. lgs. 11 aprile 2006 n. 198, 18 L n. 300 del 1970, 1324, 1344 cod. civ., lamenta che la corte d’appello non si sia pronunciata sulla domanda di accertamento della nullità del licenziamento perché discriminatorio e ritorsivo. L’accoglimento di questa domanda avrebbe comportato la più ampia tutela risarcitoria, prevista nel secondo comma dell’art. 18 cit. In particolare ella si duole che la Corte di merito abbia trascurato una procedura endoaziendale, da lei richiesta per violazione del codice interno di condotta e per demansionamento, che starebbe, di fatto se non formalmente, alla base del licenziamento. Il motivo non può essere accolto a causa dell’inosservanza dell’art. 366 n. 3 cod. proc. civ. Ossia perché la ricorrente non specifica il motivo d’appello relativo alle dette ragioni e circostanze né l’atto processuale da cui nel giudizio di merito sarebbe risultata la suddetta procedura endoaziendale né ancora gli specifici elementi rilevanti ai sensi del d. lgs, n. 198 del 2006 e asseritamente trascurati dalla Corte d’appello.

 

La reciproca soccombenza giustifica la compensazione delle spese processuali.

 

P.Q.M.

 

La Corte, riuniti i ricorsi, li rigetta e compensa le spese processuali.

 

Ai sensi dell’art. 13, comma 1 quater, d.P.R. n. 115 del 2002, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte dei ricorrenti principale e incidentale, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per i ricorsi principale e incidentale, a norma del comma 1 bis dello stesso art. 13.

 

Così deciso in Roma il 2 luglio 2015.

 

Il Presidente ed estensore

 

 decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale assegno di mantenimento assegno divorzileavvocato avvocato a bologna avvocato bologna avvocato Bologna – adozione avvocato civilista avvocato penalista Avvocato Sergio Armaroli bologna CALCOLO RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE INCIDENTE STRADALE MORTALE RISARCIMENTO DANNI casa coniugale cassazione penale colpa medica danno danno biologicodebiti diritto di famiglia diritto penaledivorzio erede eredità incidente stradale INCIDENTE STRADALE INDENNIZZO incidenti INCIDENTI STRADALI INCIDENTI STRADALI RISARCIMENTO IN CASO DI MORTALITA’ INFORTUNI STRADALI RISARCIMENTO processo penaleresponsabilità medicarisarcimentorisarcimento danniRISARCIMENTO DANNI DA MORTE INCIDENTE STRADALE RISARCIMENTO DANNI INCIDENTE STRADALE PEDONE RISARCIMENTO DANNI MORTE INCIDENTE STRADALERISARCIMENTO DANNI SINISTRO STRADALE MORTALEseparazione separazione consensualeseparazioni sinistri stradaliSINISTRO MORTALE RISARCIMENTO EREDI Studio Legale Studio Legale Bologna testamento

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» AVVOOCATO DIRITTO FALLIMENTARE BOLOGNA CONCORDATO PREVENTIVO ì

» AVVOCATO PER CONCORDATO DIRITTO COMMERCIALE BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA RIMINI CONCORDATO PREVENTIVO ESPERTO

» CIRCONVENZIONE DI INCAPACE Affinché possa configurarsi il reato di circonvenzione di persone incapaci, non è necessario che la vittima sia dichiarata interdetta o inabilitata ma è sufficiente che la stessa si trovi “in una minorata situazione” e sia quindi incapace in ragione dell’età avanzata o di altri fattori non patologici di “opporre alcuna resistenza a causa della mancanza o diminuita capacità critica”, oggettiva e riconoscibile da parte di tutti “in modo che chiunque possa abusarne per raggiungere i suoi fini illeciti”.

» Paziente danno malasanita’ Bologna consenso informato Errore medico. Cassazione 10055/2011: il medico risponde per errata diagnosi e ha l’obbligo di informare il paziente. Consenso informato del medico

» BOLOGNA TRASPORTATO INCIDENTE AVVOCATO risarcimento assicurazione per incidente mortale-risarcimento danni incidente stradale passeggero-risarcimento danni gravi sinistri della strada

» legge 990 /69 :anche la sosta del veicolo è da ascriversi “al concetto di sinistro stradale”, ove il danno si verifichi “in conseguenza di attività prodromica al movimento della vettura

» LA RIDUZIONE DELLA DONAZIONE – TRIBUNALE ALESSANDRIA –CASSAZIONE –AVVOCATO SUCCESSIONI

» EREDE DISEREDATO, TESTAMENTO , STUDIO LEGALE AVVOCATO SERGIO ARMAROLI BOLOGNA

» 3 Chiunque, abbandonando il domicilio domestico [452, 1432, 146 c.c.], o comunque serbando una condotta contraria all’ordine o alla morale delle famiglie, si sottrae agli obblighi di assistenza inerenti alla potestà dei genitori (1) [147, 316 c.c.]o alla qualità di coniuge [143, 146 c.c.], è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa da 103 euro a 1.032 euro.

» UNIONI CIVILI – IL Matrimonio del transessuale RIMANE valido in attesa di legge che tuteli unioni di fatto Cassazione Civile, sez. I, sentenza 21/04/2015 n° 8097

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» CORTE APPELLO BOLOGNA TRIBUNALE DI BOLOGNA DANNO JURE PROPRIO IN INCIDENTE MORTALE La Corte si e’ soffermata sulla natura delle tabelle milanesi e sul come la loro inosservanza si ponga rispetto ai paradigmi dell’articolo 360 c.p.c., nella sentenza n. 4447 del 2014. In detta decisione la Corte si e’ soffermata su quello che ha individuato come il problema della “ritualita’ della deduzione come violazione di norma di diritto delle c.d. tabelle milanesi” ed ha svolto le seguenti considerazioni.

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI CESENA FORLI VEDOVO VEDOVA ESTROMESSI DA EREDITA’ DIRITTI DEI VEDOVI

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna