Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

rifiuti legge 116 rifiuti legge 152 legge rifiuti 2010 legge rifiuti 152 06 normativa rifiuti legge rifiuti speciali legge rifiuti 2015 legge rifiuti pericolosi

avvocato penalista Bologna

avvocato penalista Bologna

 

 

CASSAZIONE RIFIUTI agli artt.260 e 256 comma 3 D.L.vo 152/2006, ma che non sussistesse ulteriormente l’esigenza preventiva di cui all’art.321

Avvocato penalista e ricorsi per Cassazione : difesa penale nel processo penale. Non garantisco mai il risultato perché' non sarebbe corretto, garantisco il mio impegno professionale. Avvocato penalista a Bologna, avvocato penale a Bologna PENALISTA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI

AVVOCATO PENALISTA Avvocato penalista e ricorsi per Cassazione : difesa penale nel processo penale.
Non garantisco mai il risultato perché’ non sarebbe corretto, garantisco il mio impegno professionale.
Avvocato penalista a Bologna, avvocato penale a Bologna
SERGIO ARMAROLI

 

AVVOCATO IMPRESA

Il Tribunale di L’Aquila, con ordinanza in data 13/11/2014, in parziale accoglimento della richiesta di riesame proposta dal difensore di xxxxxe Xpress s.r.l. avverso il decreto del G.i.p. del Tribunale di L’Aquila, emesso in data 14/10/2014, con cui era stato disposto il sequestro preventivo di terreni appartenenti al Comune di L’Aquila e nella disponibilità di Xpress s.r.I., nonché il sequestro per equivalente della somma di euro 36.000,00, annullava il decreto impugnato limitatamente ai terreni. Riteneva il Tribunale che sussistesse il fumus dei reati di cui agli artt.260 e 256 comma 3 D.L.vo 152/2006, ma che non sussistesse ulteriormente l’esigenza preventiva di cui all’art.321 cod.proc.pen, essendo stata completata la sistemazione dell’area e non essendo ipotizzabili ulteriori operazioni di scarico. Pronunciando anche in ordine alla richiesta di riesame proposta dai medesimi soggetti avverso il decreto di sequestro probatorio emesso dal P.M. in data 16/10/2014, riteneva il Tribunale che il vincolo andasse mantenuto per esigenze probatorie, per accertare il volume di materiale scaricato sui terreni. 

 

  1. Ricorre per cassazione il difensore di Xpress s.r.l. e di Giovanni Domizio Musarella, rappresentante legale della società, indagati nel procedimento n.42/14 R.G.N.R. Dopo una premessa in fatto denuncia la violazione degli artt.325 comma 1 e 606 comma 1 lett.b) cod.proc.pen., nonché la mancanza di motivazione. La motivazione del provvedimento impugnato è assolutamente non congrua rispetto ai motivi di impugnazione, con i quali si deduceva non l’inesistenza degli indizi posti a fondamento dell’imputazione, ma la determinazione dell’ammontare del profitto del reato. 

 

 

rifiuti legge 116

rifiuti legge 152

legge rifiuti 2010

legge rifiuti 152 06

normativa rifiuti

legge rifiuti speciali

legge rifiuti 2015

legge rifiuti pericolosi

 

foto toga1 

REPUBBLICA ITALIANA    

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

TERZA SEZIONE PENALE

Composta dagli ill.mi Sigg.ri Magistrati:

 

Omissis

 

ha pronunciato la seguente

 

SENTENZA

 

– sul ricorso proposto da:xxxxx, nato a Reggio Calabria il 05/07/1965 avverso la ordinanza del 13/11/2014 del Tribunale di L’Aquila visti gli atti, il provvedimento impugnato ed il ricorso;

– udita la relazione svolta dal Consigliere Silvio Amoresano; udito il P. M., in persona del Sost. Proc.Gen. Giulio Romano, che ha concluso chiedendo il rigetto del ricorso;

– udito il difensore, avv.Roberto Madama, che ha concluso per l’accoglimento del ricorso.

rifiuti legge 116 rifiuti legge 152 legge rifiuti 2010 legge rifiuti 152 06 normativa rifiuti legge rifiuti speciali legge rifiuti 2015 legge rifiuti pericolosi a Bologna

rifiuti legge 116 rifiuti legge 152 legge rifiuti 2010 legge rifiuti 152 06 normativa rifiuti legge rifiuti speciali legge rifiuti 2015 legge rifiuti pericolosi

RITENUTO IN FATTO

 

  1. Il Tribunale di L’Aquila, con ordinanza in data 13/11/2014, in parziale accoglimento della richiesta di riesame proposta dal difensore di xxxxxe Xpress s.r.l. avverso il decreto del G.i.p. del Tribunale di L’Aquila, emesso in data 14/10/2014, con cui era stato disposto il sequestro preventivo di terreni appartenenti al Comune di L’Aquila e nella disponibilità di Xpress s.r.I., nonché il sequestro per equivalente della somma di euro 36.000,00, annullava il decreto impugnato limitatamente ai terreni. Riteneva il Tribunale che sussistesse il fumus dei reati di cui agli artt.260 e 256 comma 3 D.L.vo 152/2006, ma che non sussistesse ulteriormente l’esigenza preventiva di cui all’art.321 cod.proc.pen, essendo stata completata la sistemazione dell’area e non essendo ipotizzabili ulteriori operazioni di scarico. Pronunciando anche in ordine alla richiesta di riesame proposta dai medesimi soggetti avverso il decreto di sequestro probatorio emesso dal P.M. in data 16/10/2014, riteneva il Tribunale che il vincolo andasse mantenuto per esigenze probatorie, per accertare il volume di materiale scaricato sui terreni.

aafotocaricare4

  1. Ricorre per cassazione il difensore di Xpress s.r.l. e di Giovanni Domizio Musarella, rappresentante legale della società, indagati nel procedimento n.42/14 R.G.N.R. Dopo una premessa in fatto denuncia la violazione degli artt.325 comma 1 e 606 comma 1 lett.b) cod.proc.pen., nonché la mancanza di motivazione. La motivazione del provvedimento impugnato è assolutamente non congrua rispetto ai motivi di impugnazione, con i quali si deduceva non l’inesistenza degli indizi posti a fondamento dell’imputazione, ma la determinazione dell’ammontare del profitto del reato. 

 

Il Tribunale ha completamente omesso di argomentare in ordine al valore di quanto in sequestro e quindi non ha verificato il rispetto del principio di proporzionalità tra profitto e valore dei beni sequestrati. Con il secondo motivo denuncia la mancanza assoluta di motivazione e l’erronea applicazione della nozione di profitto del reato di cui agli artt.19 e 53 D.L.vo 231/2001, non avendo il Tribunale accertato il rapporto di congruità tra la somma di euro 36.000,00 sequestrata e l’effettivo profitto conseguito dagli indagati. 

AFOTOGRAFICA1 

CONSIDERATO IN DIRITTO

 

  1. Il ricorso è fondato nei limiti di seguito indicati.

 

  1. Va premesso che, a norma dell’art.325 c.p.p., il ricorso per cassazione può essere proposto soltanto per violazione di legge. Secondo le Sezioni unite di questa Corte (sentenza n.5876 del 28/1/2004, P.C. Ferazzi in proc. Bevilacqua, Rv.226710), nella nozione di “violazione di legge” rientrano la mancanza assoluta di motivazione o la presenza di motivazione meramente apparente, in quanto correlate all’inosservanza di precise norme processuali, quali ad esempio l’art.125 c.p.p., che impone la motivazione anche per le ordinanze, ma non la manifesta illogicità della motivazione, la quale può denunciarsi nel giudizio di legittimità soltanto tramite lo specifico ed autonomo motivo di ricorso dall’art.606 lett.e) cod.proc.pen. Tali principi sono stati ulteriormente ribaditi dalle stesse Sezioni Unite con la sentenza n.25932 del 29/5/2008-Ivanov,Rv. 25932, secondo cui nella violazione di legge debbono intendersi compresi sia gli “errores in iudicando” o “in procedendo“, sia quei vizi della motivazione così radicali da rendere l’apparato argomentativo posto a sostegno del provvedimento o del tutto mancante o privo dei requisiti minimi di coerenza, completezza e ragionevolezza e quindi inidonee a rendere comprensibile l’itinerario logico seguito dal giudice.

 

  1. Con i motivi di riesame ed in particolare con i motivi nuovi si contestava che la somma di euro 36.000,00 sequestrata costituisse il profitto del reato e, comunque, si deduceva che essa fosse stata quantifica in modo approssimativo ed inesatto, con conseguente sproporzione con quanto sequestrato. Il Tribunale, prescindendo completamente dai rilievi difensivi, con motivazione apparente ed apodittica, si è limitato a rilevare che la somma sequestrata costituisse il “risparmio del costo di realizzazione della runway end safety area dell’aeroporto”. Né ha effettuato alcuna valutazione in ordine alla lamentata sproporzione tra quanto sequestrato e l’ammontare del profitto. Pur in assenza di poteri di accertamento, il Tribunale del riesame, secondo la giurisprudenza più recente di questa Corte, non può esimersi, nel confermare il sequestro preventivo funzionale alla confisca di valore del profitto del reato, di valutare, sulla base delle prospettazioni delle parti, la corretta determinazione del profitto medesimo (Cass.sez. 6 n.24277 del 8/4/2013; sez. 6 n.18767 del 18/2/2014). Compete, inoltre, al Tribunale la valutazione dell’effettiva equivalenza tra il valore dei beni sottoposti a vincolo e l’entità del profitto (Cass. sez. 6 n.19051 del 10/1/2013). Sia pure con specifico riferimento ai reati tributari, è stato ribadito che il Tribunale del riesame debba adeguatamente apprezzare il valore dei beni sequestrati in rapporto all’importo del credito che giustifica l’adozione del sequestro finalizzato alla confisca per equivalente (art.322 ter cod.pen.) al fine di evitare che la misura cautelare si riveli eccessiva nei confronti del destinatario (Cass.pen. sez.3 n.17465 del 22/3/2012). Sicchè va annullato con rinvio il provvedimento del Tribunale del riesame che non contenga alcuna valutazione sul valore dei beni sequestrati, necessaria al fine di verificare il rispetto del principio di proporzionalità tra il credito garantito ed il patrimonio assoggettato a vincolo cautelare, non essendo consentito differire l’adempimento estimatorio alla fase esecutiva della confisca” (Cas.pen.sez. 3 n.41731 del 7/10/2010). 

 

  1. L’ordinanza impugnata va, pertanto, annullata, con rinvio per nuovo esame al Tribunale di L’Aquila. 

 

  1. Q. M. 

 

Annulla l’ordinanza impugnata e rinvia al Tribunale di L’Aquila.

 

Così deciso in Roma il 02/07/2015

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento
avvocato a bologna

Articoli Recenti

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

» CASS SEZ UNITE RISARCIMENTI PUNITIVI la sentenza del 23 settembre 2008, esecutiva, della Circuit Court of the 17th Judicial Circuit for Broward Count (Florida), confermata in appello dal District Court of Appeal of the State of Florida, dell’U agosto 2010, che aveva concannato la società italiana AXO Sport spa a pagare la complessiva somma di dollari USA 1.436.136,87, oltre interessi al tasso annuo dell’11% , a seguito di procedimento giudiziario svoltosi davanti a quell’autorità;

» AVVOCATO DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA CONTRATTO PRELIMINARE SU IMMOBILE ABUSIVO In forza, allora, dell’interpretazione di questa Corte, cui il Collegio intende dare continuità, la sanzione della nullità prevista dalla L. 28 febbraio 1985, n. 47, art. 40, con riferimento a vicende negoziali relative ad immobili privi della necessaria concessione edificatoria, trova applicazione nei soli contratti con effetti traslativi e non anche con riguardo ai contratti con efficacia obbligatoria, quale il preliminare di vendita, come si desume dal tenore letterale della norma, nonchè dalla circostanza che, successivamente al contratto preliminare, può intervenire la concessione in sanatoria degli abusi edilizi commessi o essere prodotta la dichiarazione prevista dalla stessa norma, ove si tratti di immobili costruiti anteriormente al 1 settembre 1967. Ne consegue che, anche nel caso in cui il preliminare abbia ad oggetto un immobile privo della concessione edificatoria, si ritiene costituito tra le parti un valido vincolo giuridico (Cass. 19 dicembre 2013, n. 28456; Cass. 18 luglio 2011, n. 15734; Cass. 11 luglio 2005, n. 14489).

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna