Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

NOTIFICAZIONE AVVISO 415 BIS C.P.P.- AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA

NOTIFICAZIONE AVVISO 415 BIS C.P.P.- AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA

DIRITTO PENALECon decreto di citazione diretta emesso dal procedente pubblico ministero (OMISSIS) e’ stato chiamato a rispondere, dinanzi al Tribunale di Marsala in composizione monocratica, del reato di omessa somministrazione dei mezzi di sussistenza alla moglie separata e ai figli minorenni affidati alla donna.

Nell’udienza di comparizione delle parti del 22.4.2014 il Tribunale ha accolto l’eccezione preliminare del difensore dell’imputato, che ha addotto la nullita’ della notificazione dell’avviso di conclusione delle indagini a lui diretto, la notificazione dell’atto essendo avvenuta mediante posta elettronica certificata (all’indirizzo del professionista risultante dall’elenco p.e.c. dell’Ordine degli avvocati di Marsala), cioe’ con modalita’ non consentite dalla legge all’epoca della comunicazione dell’avviso e destinate a divenire obbligatorie, in materia penale, soltanto dal 15.12.2014 (giusta quanto stabilito dal Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179, articolo 16, convertito dalla Legge 17 dicembre 2012, n. 221).

Per tanto il Tribunale con ordinanza in pari data ha dichiarato la nullita’ della notificazione dell’avviso di conclusione delle indagini ex articolo 415-bis c.p.p. indirizzato al difensore dell’imputato, disponendo la restituzione degli atti all’ufficio del pubblico ministero

avvocato a Bologna 

Suprema Corte di Cassazione

sezione VI

sentenza 31 luglio 2015, n. 33882

 

REPUBBLICA ITALIANA

 

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MILO Nicola – Presidente

Dott. ROTUNDO Vincenzo – Consigliere

Dott. PAOLONI Giacomo – rel. Consigliere

Dott. CAPOZZI Angelo – Consigliere

Dott. BASSI Alessandra – Consigliere

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

  1. Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Marsala;

avverso l’ordinanza del 22/04/2014 del Tribunale di Marsala emessa nel procedimento penale nei confronti di:

  1. (OMISSIS), nato a (OMISSIS);

esaminati gli atti, il ricorso e l’ordinanza impugnata;

udita in camera di consiglio la relazione del Consigliere Dott. Giacomo Paoloni;

lette le richieste del pubblico ministero in persona del sostituto Procuratore generale Dott. BALDI Fulvio, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

FOTO STUDIO NUMERO 10FATTO E DIRITTO

  1. Con decreto di citazione diretta emesso dal procedente pubblico ministero (OMISSIS) e’ stato chiamato a rispondere, dinanzi al Tribunale di Marsala in composizione monocratica, del reato di omessa somministrazione dei mezzi di sussistenza alla moglie separata e ai figli minorenni affidati alla donna.

Nell’udienza di comparizione delle parti del 22.4.2014 il Tribunale ha accolto l’eccezione preliminare del difensore dell’imputato, che ha addotto la nullita’ della notificazione dell’avviso di conclusione delle indagini a lui diretto, la notificazione dell’atto essendo avvenuta mediante posta elettronica certificata (all’indirizzo del professionista risultante dall’elenco p.e.c. dell’Ordine degli avvocati di Marsala), cioe’ con modalita’ non consentite dalla legge all’epoca della comunicazione dell’avviso e destinate a divenire obbligatorie, in materia penale, soltanto dal 15.12.2014 (giusta quanto stabilito dal Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179, articolo 16, convertito dalla Legge 17 dicembre 2012, n. 221).

Per tanto il Tribunale con ordinanza in pari data ha dichiarato la nullita’ della notificazione dell’avviso di conclusione delle indagini ex articolo 415-bis c.p.p. indirizzato al difensore dell’imputato, disponendo la restituzione degli atti all’ufficio del pubblico ministero.

  1. Avverso l’ordinanza ha proposto ricorso per cassazione il Procuratore della Repubblica di Marsala, denunciando l’abnormita’ del provvedimento determinante una indebita regressione del procedimento penale.

Ad avviso del ricorrente p.m. il Tribunale ha omesso di valutare la regolarita’ dell’eseguita notifica dell’avviso di conclusione delle indagini inviato al difensore del giudicabile. In vero, al di la’ delle stesse previsioni normative in tema di notificazione degli atti a persone diverse dall’indagato o imputato con lo strumento della posta elettronica certificata, il mezzo di notifica impiegato per l’avviso ex articolo 415-bis c.p.p. al difensore deve reputarsi perfettamente legittimo alla luce del disposto dell’articolo 148 c.p.p., comma 2-bis, che consente la notificazione degli avvisi destinati ai difensori “con mezzi tecnici idonei”, tra i quali non puo’ non includersi anche l’uso della posta elettronica certificata. Sistema di comunicazione che assicura la conoscenza dell’atto con garanzie pari, se non maggiori, rispetto a quelle offerte dalla trasmissione mediante telefax (modalita’ di notificazione considerata pacificamente esperibile dalla giurisprudenza di legittimita’ proprio alla luce del menzionato articolo 148 c.p.p., comma 2-bis).

  1. Il ricorso non ha pregio e va dichiarato inammissibile, perche’ l’impugnata ordinanza del Tribunale di Marsala in tutta evidenza non riveste i connotati di abnormita’, che soli ne legittimerebbero l’annullamento, non vulnerando il principio di irretrattabilita’ dell’azione penale e delineandosi come espressione di un legittimo potere funzionale riconosciuto al giudice del dibattimento.

Nel caso in esame non viene in discussione l’eventuale invalidita’ delle comunicazioni (avvisi) inerenti alla efficacia della vocatio in iudicium ed alla ritualita’ dell’esercizio dell’azione penale. Viene in gioco, invece, la legittimita’ di un atto anteriore e propedeutico alla regolare emissione del decreto di citazione, quale quello integrato dall’avviso della conclusione delle indagini preliminari. Sicche’ la ritenuta irregolarita’/nullita’ (per quanto opinabile o, perfino, erronea) dell’avviso al difensore dell’imputato previsto dall’articolo 415-bis c.p.p. e’ pregiudiziale al corretto ingresso alla fase del giudizio, la nullita’ dell’avviso incidendo proprio sul passaggio dalla fase delle indagini preliminari a quella del giudizio. E, poiche’ l’avviso in esame e’ atto proprio del pubblico ministero, non vi e’ spazio per una sua rinnovazione in sede dibattimentale, essendo la stessa preclusa dall’articolo 552 c.p.p., comma 2, nella parte in cui sanziona di nullita’ il decreto di citazione diretta non preceduto da valido avviso ex articolo 415-bis c.p.p.. Coerentemente, dunque, il Tribunale di Marsala ha dichiarato la nullita’ degli atti susseguenti e in particolare del decreto di citazione a giudizio.

Quand’anche si ritenga incongruo o erroneo il richiamo contenuto nell’ordinanza impugnata ad una decisione di legittimita’ (Sez. 3, n. 7058 del 11.2.2014, Vacante, Rv. 258443), che ritiene non consentito per le comunicazioni effettuate dalle parti private l’uso della posta elettronica certificata (laddove nel caso di specie tale strumento di comunicazione e’ stato attivato dall’ufficio giudiziario inquirente), non puo’ non riconoscersi l’esistenza, al momento dell’adozione del provvedimento del Tribunale, di margini di incertezza interpretativa sulla legittimita’ delle notificazioni effettuate dagli uffici giudiziari mediante p.e.c. alle parti processuali diverse da indagati o imputati, come deve evincersi – sia pure a posteriori – dell’intervento di altra pronuncia di legittimita’ che ha avvalorato la tesi enunciata dal Tribunale di Marsala, solo in seguito superata da questa S.C. (Sez. 2, n. 32430 del 9.7.2014, Nedzvetskyi, Rv. 260243).

Ne discende che l’ordinanza impugnata non puo’ ritenersi affetta da abnormita’, costituendo manifestazione dell’esercizio di un potere riconosciuto al giudice dalla legge e non ponendosi, quindi, al di fuori del sistema ordinamentale processuale. Di tal che l’eventuale – in ipotesi – illegittimita’ dell’ordinanza non puo’ sancirne l’impugnabilita’, non altrimenti consentita dalla legge (in ossequio al principio di tassativita’ delle impugnazioni), sotto un generico profilo di abnormita’ (v., in termini, ex plurimis: Sez. U, n. 25957 del 26/03/2009, Toni, Rv. 243590; Sez. 6, n. 5159 del 14/01/2014, Morra’, Rv. 258569; Sez. 6, n. 25810 del 08/05/2014, Decreto Ministeriale, Rv. 260069).

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso.

Studio Legale Studio Legale Bologna testamento

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE STUDIO LEGALE BOLOGNA Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» CASS TRIBUNALE DI RIMINI RISARCIMENTO AI GENITORI MORTE FIGLIO INCIDENTE

» MOGLIE VIOLENZA SESSUALE DEL MARITO L’imputato è stato accusato di maltrattamenti e violenza sessuale in danno della propria moglie e, per tale motivo, è stato condannato in primo grado alla pena di quattro anni ed otto mesi di reclusione che la Corte d’Appello, con la sentenza impugnata, ha ridotto a quattro anni di reclusione, pur riaffermando la responsabilità dei D.F. per entrambi i reati.

» Bancarotta fraudolenta documentale – Omesso aggiornamento delle scritture contabili – Dolo generico -CORTE DI CASSAZIONE – Sentenza 16 marzo 2015, n. 11115Sussiste Ritenuto in fatto

» «ogni atto distrattivo assume rilievo ai sensi dell’art. 216 legge fall, in caso di fallimento, indipendentemente dalla rappresentazione di quest’ultimo, il quale non costituisce l’evento del reato che, invece, coincide con la lesione dell’interesse patrimoniale della massa, posto che se la conoscenza dello stato di decozione costituisce dato significativo della consapevolezza del terzo di arrecare danno ai creditori ciò non significa che essa non possa ricavarsi da diversi fattori, quali la natura fittizia o l’entità dell’operazione che incide negativamente sul patrimonio della società» (Cass., Sez. V, n. 16579 del 24/03/2010, Fiume, Rv 246879).

» BOLOGNA TRASPORTATO INCIDENTE AVVOCATO risarcimento assicurazione per incidente mortale-risarcimento danni incidente stradale passeggero-risarcimento danni gravi sinistri della strada

» BOLOGNA GUIDA STATO EBREZZA determinazione della pena e della mancata sostituzione della stessa con il lavoro di pubblica utilità.

» ART 415 BIS NESSUNA INTERRUZIONE DELLA PRESCRIZIONE CASSAZIONE SEZIONI UNITE

» 3 Chiunque, abbandonando il domicilio domestico [452, 1432, 146 c.c.], o comunque serbando una condotta contraria all’ordine o alla morale delle famiglie, si sottrae agli obblighi di assistenza inerenti alla potestà dei genitori (1) [147, 316 c.c.]o alla qualità di coniuge [143, 146 c.c.], è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa da 103 euro a 1.032 euro.

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» CORTE APPELLO BOLOGNA TRIBUNALE DI BOLOGNA DANNO JURE PROPRIO IN INCIDENTE MORTALE La Corte si e’ soffermata sulla natura delle tabelle milanesi e sul come la loro inosservanza si ponga rispetto ai paradigmi dell’articolo 360 c.p.c., nella sentenza n. 4447 del 2014. In detta decisione la Corte si e’ soffermata su quello che ha individuato come il problema della “ritualita’ della deduzione come violazione di norma di diritto delle c.d. tabelle milanesi” ed ha svolto le seguenti considerazioni.

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI CESENA FORLI VEDOVO VEDOVA ESTROMESSI DA EREDITA’ DIRITTI DEI VEDOVI

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna