Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

IMPRESA AGRICOLA PUO ‘ FALLIRE principio di diritto applicabile nella fattispecie di causa, e in forza del quale la sentenza impugnata deve essere cassata, è che la sottrazione dell’impresa agricola alle norme sul fallimento non è di ostacolo all’applicabilità del R.D. n. 267 del 1942, art. 1, che dichiara soggetta alle norme in materia di fallimento l’impresa commerciale, nonostante che l’impresa medesima svolga contemporaneamente anche un’attività di natura agricola.

principio di diritto applicabile nella fattispecie di causa, e in forza del quale la sentenza impugnata deve essere cassata, è che la sottrazione dell’impresa agricola alle norme sul fallimento non è di ostacolo all’applicabilità del R.D. n. 267 del 1942, art. 1, che dichiara soggetta alle norme in materia di fallimento l’impresa commerciale, nonostante che l’impresa medesima svolga contemporaneamente anche un’attività di natura agricola.

 

ainfobellissima nuova persone

 

IMPRESA AGRICOLA PUO ‘ FALLIRE ?

 

Il motivo è fondato. Il principio enunciato dalla corte del merito, secondo il quale l’attività agricola svolta dall’impresa sottrarrebbe questa al fallimento anche laddove l’attività commerciale fosse svolta in misura prevalente rispetto alle attività agricole tipizzate dall’art. 2135 c.c., comma 1, si pone in manifesto contrasto con il R.D. 16 marzo 1942, n. 267, art. 1, che vuole soggetti alle disposizioni sul fallimento gli imprenditori che esercitano un’attività commerciale. La sottrazione dell’impresa agricola, nella definizione che ne da l’art. 2135 c.c., al fallimento, dunque, non può essere intesa nel senso che lo svolgimento di un’attività agricola porrebbe al riparo dal fallimento l’impresa che svolgesse, parallelamente, un’attività di carattere commerciale.

Vero è, poi, che molto s’è discusso delle ragioni della scelta legislativa di sottrarre al fallimento le imprese agricole, e della compatibilità di tale scelta con il crescente ricorso al credito che si registra nello sviluppo dell’agricoltura e delle attività connesse. A questo diverso problema è riferibile la giurisprudenza di legittimità della quale è stata fatta dalla corte territoriale un’utilizzazione non pertinente. Secondo questa giurisprudenza, la nozione d’imprenditore agricolo, contenuta nell’art. 2135 cod. civ., nel testo conseguente la modifica introdotta con il D.Lgs. n. 228 del 2001, ha determinato un notevole ampliamento delle ipotesi rientranti nello statuto agrario, avendo introdotto mediante il richiamo alle attività dirette alla cura e allo sviluppo di un ciclo biologico, anche attività che non richiedono una connessione necessaria tra produzione e utilizzazione del fondo, essendo sufficiente a tale scopo il semplice collegamento potenziale o strumentale con il terreno invece che reale come richiesto nella nozione giuridica ante vigente; con la conseguenza che ai fini dell’assoggettamento a procedura concorsuale l’accertamento della qualità d’impresa commerciale non può essere tratto esclusivamente da parametri di natura quantitativa, non più compatibili con la nuova formulazione della norma (Cass. 10 dicembre 2010 n. 24995).

Non occorre, in questa sede, affrontare i complessi problemi posti dalla disposizione del D.L. 6 luglio 2011, n. 98, art. 23, comma 43, che ammette l’imprenditore agricolo alle procedure concorsuali di cui alla L. Fall., art. 182 bis e ter, e dalle ripercussioni che essa può avere sulla fallibilità dell’imprenditore agricolo. Ai fini della decisione del ricorso è sufficiente osservare che il principio di diritto al quale s’è uniformata la corte d’appello di Brescia, che ha confuso i parametri quantitativi degli investimenti e del ricorso al credito nell’esercizio dell’attività propriamente agricola, secondo la definizione dell’art. 2135 c.c., con l’eterogeneità qualitativa delle attività svolte dall’impresa che affianchi attività commerciali ad attività agricole, viola la norma richiamata.

 

 

principio di diritto applicabile nella fattispecie di causa, e in forza del quale la sentenza impugnata deve essere cassata, è che la sottrazione dell’impresa agricola alle norme sul fallimento non è di ostacolo all’applicabilità del R.D. n. 267 del 1942, art. 1, che dichiara soggetta alle norme in materia di fallimento l’impresa commerciale, nonostante che l’impresa medesima svolga contemporaneamente anche un’attività di natura agricola.

 

testamento eredi universali Bologna testamento olografo Bologna erede universale testamento olografo erede universale coniuge testamento con erede universale testamento olografo erede universale esempio testamento nomina erede universale

testamento eredi universali Bologna testamento olografo Bologna erede universale testamento olografo erede universale coniuge testamento con erede universale testamento olografo erede universale esempio testamento nomina erede universale

Cass. Civ. 12215/2012 17 luglio 2012

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CARNEVALE Corrado – Presidente –

Dott. CECCHERINI Aldo – rel. Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. CULTRERA Maria Rosaria – Consigliere –

Dott. CRISTIANO Magda – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 23571/2011 proposto da:

FALLIMENTO DELLA AZIENDA AGRICOLA (omissis) SOCIETA’ SEMPLICE (C.F. (OMISSIS)), in persona del Curatore Dott.

S.P., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA FLAMINIA

318, presso l’avvocato CAPPUCCILLI VITTORIO, che lo rappresenta e

difende unitamente all’avvocato GOFFI Daniele, giusta procura a

margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

(omissis)

– intimati –

avverso la sentenza n. 931/2011 della CORTE D’APPELLO di BRESCIA,

depositata il 08/08/2011;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

04/07/2012 dal Consigliere Dott. ALDO CECCHERINI;

udito, per il ricorrente, l’Avvocato CAPPUCCILLI che ha chiesto

l’accoglimento del ricorso;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CARESTIA Antonietta, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

  1. Con sentenza in data 8 marzo 2011 n. 61 il Tribunale di Brescia dichiarò il fallimento dell’Azienda Agricola (omissis) (nel seguito: società). Il tribunale osservò che la società svolgeva attività (coltivazioni foraggere-allevamento di bovini e latte crudo – allevamento di suini) alle quali, in ragione del crescente rilievo dell’attività puramente commerciale, è inapplicabile la nozione d’imprenditore agricolo ex art. 2135 c.c., dovendosi ritenere operativa la fallibilità in relazione a tale ramo d’impresa.

Contro questa sentenza propose reclamo alla Corte d’appello di Brescia la società Agricola (omissis). Si costituirono, per resistere al reclamo, il Fallimento M., e le società AEB s.p.a. e (omissis). Distinti reclami furono proposti dalla socia B.D., e dalle società (omissis) s.n.c..

  1. La Corte d’appello di Brescia, con sentenza 8 agosto 2011 n. 931, revocò il fallimento della società. La corte territoriale rilevò che era documentato che la società svolge attività agricola, così dovendo qualificarsi, a norma dell’art. 2135 c.c., l’attività indicata nella stessa sentenza di primo grado. A diversa conclusione non potrebbe pervenirsi neppure qualora fosse dimostrato che l’attività commerciale è svolta in misura prevalente rispetto alle attività agricole tipizzate dall’art. 2135 c.c., comma 1. Vero è che i massicci investimenti e l’ampiezza del ricorso al credito, riscontrabili anche nella fattispecie in esame, non giustificherebbero più la limitazione del fallimento ai soli imprenditori commerciali, ma la novella dell’art. 2135 c.c., disposta con il D.Lgs. 18 maggio 2001, n. 228, ha fatto venir meno lo stretto collegamento con lo sfruttamento del fondo e la riconducibilità delle attività all’esercizio normale dell’agricoltura, superando il criterio della limitazione delle attività connesse a quella di alienazione e trasformazione dei prodotti del fondo, e comprendendo anche le attività dirette alla fornitura di beni o servizi correlati. Ciò nonostante, la riforma fallimentare del 2006-2007 ha confermato l’esclusione dell’imprenditore agricolo dal novero dei soggetti fallibili.
  2. Per la cassazione di questa sentenza, notificata il 14 settembre 2011, ricorre il Fallimento, con atto notificato il 7 ottobre 2011, per due motivi, illustrati anche con memoria.

Il fallimento di B.D., dichiarato in estensione a quello della società, della quale la signora B. è socia illimitatamente responsabile, ricorrente per cassazione (n. 27192- 2011) avverso la sentenza della Corte d’appello di Brescia 5 ottobre 2011 n. 1065, che ha revocato il fallimento di B.D., ha chiesto la riunione dei ricorsi.

Gli intimati non hanno svolto difese.

RAGIONI DELLA DECISIONE

  1. I due ricorsi, della società e della socia illimitatamente responsabile B., pur trattati alla stessa udienza odierna, sono proposti contro sentenze diverse, e non ricorrono i presupposti per la loro riunione.
  2. Con il primo motivo di ricorso si denuncia la violazione o falsa applicazione della L. Fall., art. 1 e dell’art. 2135 c.c.. Si deduce che l’imprenditore – individuale o collettivo – è qualificabile come imprenditore commerciale qualora svolga in concreto e di fatto un’attività economica di tipo commerciale, non essendo determinanti a tal fine altri elementi, e in particolare il fatto che il soggetto affianchi l’esercizio di un’attività commerciale ad un’attività di altra natura. Si deduce che la novella dell’art. 2135 c.c., non consente di qualificare come agricole le attività commerciali e finanziarie, quali il reperimento di finanziamenti per l’erogazione di mezzi finanziari a imprese facenti capo alla medesima compagine sociale. Il ricorrente sostiene il principio che a norma della L. Fall., art. 1, qualora una determinata attività commerciale svolta da un’impresa agricola non sia compresa tra quelle elencate dall’art. 2135 c.c., ma risponda invece ad altri scopi commerciali o industriali, e realizzi utilità indipendenti dall’impresa agricola, resta un’attività commerciale autonoma e a sè stante, che comporta il fallimento dell’impresa cui fa capo, restando privo di rilevanza il fatto che tale impresa eserciti anche un’attività agricola in senso proprio.
  3. Il motivo è fondato. Il principio enunciato dalla corte del merito, secondo il quale l’attività agricola svolta dall’impresa sottrarrebbe questa al fallimento anche laddove l’attività commerciale fosse svolta in misura prevalente rispetto alle attività agricole tipizzate dall’art. 2135 c.c., comma 1, si pone in manifesto contrasto con il R.D. 16 marzo 1942, n. 267, art. 1, che vuole soggetti alle disposizioni sul fallimento gli imprenditori che esercitano un’attività commerciale. La sottrazione dell’impresa agricola, nella definizione che ne da l’art. 2135 c.c., al fallimento, dunque, non può essere intesa nel senso che lo svolgimento di un’attività agricola porrebbe al riparo dal fallimento l’impresa che svolgesse, parallelamente, un’attività di carattere commerciale.

Vero è, poi, che molto s’è discusso delle ragioni della scelta legislativa di sottrarre al fallimento le imprese agricole, e della compatibilità di tale scelta con il crescente ricorso al credito che si registra nello sviluppo dell’agricoltura e delle attività connesse. A questo diverso problema è riferibile la giurisprudenza di legittimità della quale è stata fatta dalla corte territoriale un’utilizzazione non pertinente. Secondo questa giurisprudenza, la nozione d’imprenditore agricolo, contenuta nell’art. 2135 cod. civ., nel testo conseguente la modifica introdotta con il D.Lgs. n. 228 del 2001, ha determinato un notevole ampliamento delle ipotesi rientranti nello statuto agrario, avendo introdotto mediante il richiamo alle attività dirette alla cura e allo sviluppo di un ciclo biologico, anche attività che non richiedono una connessione necessaria tra produzione e utilizzazione del fondo, essendo sufficiente a tale scopo il semplice collegamento potenziale o strumentale con il terreno invece che reale come richiesto nella nozione giuridica ante vigente; con la conseguenza che ai fini dell’assoggettamento a procedura concorsuale l’accertamento della qualità d’impresa commerciale non può essere tratto esclusivamente da parametri di natura quantitativa, non più compatibili con la nuova formulazione della norma (Cass. 10 dicembre 2010 n. 24995).

Non occorre, in questa sede, affrontare i complessi problemi posti dalla disposizione del D.L. 6 luglio 2011, n. 98, art. 23, comma 43, che ammette l’imprenditore agricolo alle procedure concorsuali di cui alla L. Fall., art. 182 bis e ter, e dalle ripercussioni che essa può avere sulla fallibilità dell’imprenditore agricolo. Ai fini della decisione del ricorso è sufficiente osservare che il principio di diritto al quale s’è uniformata la corte d’appello di Brescia, che ha confuso i parametri quantitativi degli investimenti e del ricorso al credito nell’esercizio dell’attività propriamente agricola, secondo la definizione dell’art. 2135 c.c., con l’eterogeneità qualitativa delle attività svolte dall’impresa che affianchi attività commerciali ad attività agricole, viola la norma richiamata.

  1. Il principio di diritto applicabile nella fattispecie di causa, e in forza del quale la sentenza impugnata deve essere cassata, è che la sottrazione dell’impresa agricola alle norme sul fallimento non è di ostacolo all’applicabilità del R.D. n. 267 del 1942, art. 1, che dichiara soggetta alle norme in materia di fallimento l’impresa commerciale, nonostante che l’impresa medesima svolga contemporaneamente anche un’attività di natura agricola.
  2. Con il secondo motivo di ricorso si denuncia il vizio di motivazione sulla qualificazione agricola, a norma dell’art. 2135 c.c., dell’attività svolta dalla società, non avendo la corte d’appello considerato la copiosa documentazione prodotta a dimostrazione della cospicua attività finanzia svolta dalla società, nè offerto sul punto alcuna motivazione, ignorando che dallo stato passivo erano emersi debiti della società derivanti da attività di natura non agricola pari a Euro 14.860.402,43, oltre a Euro 397.974,00 di cui alla domanda d’insinuazione tardiva della Banca Popolare dell’Emilia Romagna, a fronte di debiti derivanti da attività agricole di cui all’art. 2135 c.c. per Euro 4.092.580,69.
  3. Anche questo motivo è fondato. L’errore di diritto, in cui la corte territoriale è incorsa nell’identificazione dei presupposti di fallibilità di un’impresa commerciale che svolga anche attività agricola, ha fatto sì che essa si ritenesse dispensata dall’accertare in concreto se l’attività di carattere finanziario svolta dalla società, anche e soprattutto a favore di altre società commerciali collegate, dettagliatamente descritta dal curatore, potesse ancora qualificarsi come attività agricola, e ha completamente ignorato il tema posto da tali accertamenti di fatto, che nel procedimento in questione avevano valore decisivo, se valutati alla luce delle corrette premesse di diritto richiamate al punto 7.
  4. La sentenza impugnata deve essere pertanto cassata, e la causa deve essere rimessa alla medesima corte territoriale la quale, decidendo in altra composizione, anche ai fini del regolamento delle spese del presente giudizio di legittimità, si atterrà al principio di diritto enunciato al punto 7, e accerterà se nella attività svolte dalla società debitrice, e analiticamente descritte nelle difese svolte nel giudizio dal curatore del fallimento siano rinvenibili i caratteri propri dell’attività agricola.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia la causa, anche per le spese del presente giudizio di legittimità, alla Corte d’appello di Brescia in altra composizione.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio delle Sezione Prima Civile della Corte Suprema di Cassazione, il 4 luglio 2012.

Depositato in Cancelleria il 17 luglio 2012

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI RIMINI CESENA RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI I conviventi di fatto possono disciplinare i rapporti patrimoniali relativi alla loro vita in comune con la sottoscrizione di un contratto di convivenza. 51. Il contratto di cui al comma 50, le sue modifiche e la sua risoluzione sono redatti in forma scritta, a pena di nullita’, con atto pubblico o scrittura privata con sottoscrizione autenticata da un notaio o da un avvocato che ne attestano la conformita’ alle norme imperative e all’ordine pubblico.

» TRIB ROVIGO CONCORDATO PREVENTIVO COLLABORAZIONE TRA IMPRENDITORE E COMMISSARI –AVVOCATO PER CONCORDATO PREVENTIVO osservato come l’orientamento espresso dalla Suprema Corte in altra sede conforti il principio espresso di necessaria collaborazione tra l’imprenditore e i commissari (“il termine fissato dal tribunale, ai sensi dell’art. 163 l.fall., per il deposito della somma che si presume necessaria per l’intera procedura ha carattere perentorio, atteso che la prosecuzione di quest’ultima richiede la piena disponibilità, da parte del commissario, dell’importo a tal fine destinato e questa esigenza può essere soddisfatta soltanto con la preventiva costituzione del fondo nel rispetto del predetto termine, da considerarsi quindi improrogabile, con conseguente inefficacia del deposito tardivamente effettuato” Cass. 21 aprile 2016, n. 8100; conf. Cass., 23 settembre 2016, n. 18704, Cass., 22 novembre 2012, n. 20667)

» CONCORDATO PREVENTIVO AVVOCATO PER RICHIESTA CONCORDATO DELLE SPA ex art. 161, comma 6, la domanda di concordato deve essere dichiarata inammissibile dal tribunale, ai sensi della L. Fall., art. 162, comma 2 Va tuttavia considerato, sotto un primo profilo, che, poiché rispetto al medesimo imprenditore ed alla medesima insolvenza il concordato non può che essere unico, qualora la procedura di concordato sia pendente non è configurabile un’ulteriore domanda di ammissione avente carattere di autonomia (cfr. Cass. n. 495/015), a meno che da quest’ultima non si desuma l’inequivoca volontà del proponente (pur se non espressa con formule sacramentali) di rinunciare a quella in precedenza depositata.

» AVVOCATO PER CONCORDATO PREVENTIVO BOLOGNA ROVIGO PADOVA VICENZA SENTENZA TRIB ROVIGO considerato che, previa autorizzazione del Tribunale ai sensi dell’art. 161, VII comma l.f., la ricorrente ha risolto il contratto preliminare di vendita – con ciò escludendo i rilievi del Tribunale di inammissibilità – previsto che la aggiudicazione della azienda a soggetto terzo determini ipso iure la risoluzione del contratto di affitto e l’obbligo di immediata restituzione (con pagamento di una penale per ogni giorno di ritardo) e depositato una proposta irrevocabile di acquisto da parte della “M. s.r.l.” – subordinatamente alla avvenuta omologazione – di acquisto del ramo di azienda alla somma complessiva di € 601.000,00, attraverso un pagamento rateale ed un riscatto finale al 30 settembre 2019 per euro 506.500,00, mantenendosi la proprietà in capo alla ricorrente sino all’integrale pagamento del prezzo (attraverso il c.d. patto di riservato dominio) così da garantire nella misura massima i creditori concordatari;

» AVVOCATO DIVORZISTA BOLOGNA E PROVINCIA AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA La prova per l’accertamento della violazione dei doveri matrimoniali, ai fini della dichiarazione di addebito, risulta spesso assai ardua e si deve necessariamente ricorrere ad elementi indiretti ed indiziari.

» MEDICINA BUDRIO BOLOGNA QUANTO RISARCIRE AI PARENTI FAMIGLIARI INCIDENTE MORTALE MASSIMALE ASSICURAZIONE risarcimento morte incidente stradale tabelle risarcimento incidente stradale mortale tempi sinistro mortale risarcimento nipoti risarcimento morte fratello indennizzo incidente stradale tabelle risarcimento danni incidente stradale mortale prescrizione calcolo danno morte sinistro stradale atto di citazione sinistro stradale mortale

» Malasanita’ danno la responsabilità medica: cosa è e come funziona Il medico, è responsabile di eventuali danni cagionati con la conseguenza che il danneggiato ha diritto a un risarcimento.

» AMMINISTRATORI RESPONSABILITA’ EX ART 2392 CC ,AVVOCATO PER AZIONE RESPONSABILITA’ AMMINISTRATORI Mentre l’azione sociale è volta ad ottenere il risarcimento del danno conseguente alla violazione dei doveri dell’amministratore, ed ha quindi natura contrattuale, quella dei creditori è azione extracontrattuale, in quanto diretta ad ottenere dagli amministratori, a titolo di risarcimento, l’equivalente della prestazione che per loro colpa la società non è in grado di adempiere. Tale diversità di natura si riflette sull’onere della prova in ordine alla colpa degli amministratori, che in caso di responsabilità aquilana è a carico del curatore secondo il modello dell’art. 2043 c.c., mentre nell’azione contrattuale si presume a norma dell’art. 1218 c.c.

» AVVOCATO PER AZIONE DI RESPONSABILITÀ EX ART. 2476 C.C. ED AZIONE SOCIALE DI RESPONSABILITÀ EX ART. 2394 C.C L’amministratore che deduca di non avere partecipato agli atti di gestione comunque risponde dell’amministrazione societaria, avendo egli, quale amministratore ed indipendentemente dal suo compimento di atti di amministrazione, l’onere di verificare, anche di sua iniziativa, la regolarità degli atti compiuti dal coamministratore. Gli amministratori sono solidalmente responsabili verso la società dei danni derivanti dall’inosservanza dei doveri ad essi imposti dalla legge e dall’atto costitutivo per l’amministrazione della società. Tuttavia la responsabilità non si estende a quelli che dimostrino di essere esenti da colpa e, essendo a cognizione che l’atto si stava per compiere, abbiano fatto constare del proprio dissenso.

» Fallimento – Azione di responsabilità contro amministratori e sindaci esercitata dal curatore – Caratteristiche – Esercizio di entrambe le azioni di cui agli articoli 2393 e 2394 c.c. – Prescrizione – Decorrenza – Insufficienza del patrimonio sociale al soddisfacimento dei creditori – Manifestazione del decremento patrimoniale

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA FAENZ ALUGO IMOLA Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti)

» AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI RIMINI CESENA RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI I conviventi di fatto possono disciplinare i rapporti patrimoniali relativi alla loro vita in comune con la sottoscrizione di un contratto di convivenza. 51. Il contratto di cui al comma 50, le sue modifiche e la sua risoluzione sono redatti in forma scritta, a pena di nullita’, con atto pubblico o scrittura privata con sottoscrizione autenticata da un notaio o da un avvocato che ne attestano la conformita’ alle norme imperative e all’ordine pubblico.

» DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA FAENZA RIMINI AVVOCATO DIVORZIO CHIAMA SUBITO COSA ASPETTI? Corte Costituzionale Sentenza 9 – 11 febbraio 2015, n. 11 Presidente Criscuolo – Redattore Morelli Sentenza

» EREDE QUOTA PRELAZIONE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA PADOVA, RAVENNA RIMINI CESENA FORLI QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TRIB ROVIGO CONCORDATO PREVENTIVO COLLABORAZIONE TRA IMPRENDITORE E COMMISSARI –AVVOCATO PER CONCORDATO PREVENTIVO osservato come l’orientamento espresso dalla Suprema Corte in altra sede conforti il principio espresso di necessaria collaborazione tra l’imprenditore e i commissari (“il termine fissato dal tribunale, ai sensi dell’art. 163 l.fall., per il deposito della somma che si presume necessaria per l’intera procedura ha carattere perentorio, atteso che la prosecuzione di quest’ultima richiede la piena disponibilità, da parte del commissario, dell’importo a tal fine destinato e questa esigenza può essere soddisfatta soltanto con la preventiva costituzione del fondo nel rispetto del predetto termine, da considerarsi quindi improrogabile, con conseguente inefficacia del deposito tardivamente effettuato” Cass. 21 aprile 2016, n. 8100; conf. Cass., 23 settembre 2016, n. 18704, Cass., 22 novembre 2012, n. 20667)

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TESTAMENTO EREDE ESTROMESSO ,COME RISOLVERE, AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA RAVENNA MODENA ROVIGO RIMINI CESENA FORLI il principio di intangibilità della legittima comporta che i diritti del legittimario debbano essere soddisfatti con beni o denaro provenienti dall’asse ereditario, con la conseguenza che l’eventuale divisione operata dal testatore contenente la disposizione per la quale le ragioni ereditarie di un riservatario debbano essere soddisfatte dagli eredi tra cui è divisa l’eredità’ mediante corresponsione di somma di denaro non compresa nel relictum è’ affetta da nullità ex art. 735, primo comma, cod. civ.”

» SPOSARSI E’ FACILE E’ SEPARARSI E DIVORZIARE CHE E’ DIFFICILE AVVOCATO MATRIMONIALISTA DIVORZISTA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI

» CONCORDATO PREVENTIVO AVVOCATO PER RICHIESTA CONCORDATO DELLE SPA ex art. 161, comma 6, la domanda di concordato deve essere dichiarata inammissibile dal tribunale, ai sensi della L. Fall., art. 162, comma 2 Va tuttavia considerato, sotto un primo profilo, che, poiché rispetto al medesimo imprenditore ed alla medesima insolvenza il concordato non può che essere unico, qualora la procedura di concordato sia pendente non è configurabile un’ulteriore domanda di ammissione avente carattere di autonomia (cfr. Cass. n. 495/015), a meno che da quest’ultima non si desuma l’inequivoca volontà del proponente (pur se non espressa con formule sacramentali) di rinunciare a quella in precedenza depositata.

» MOTOCICLISTA CADUTA LESIONI CANE RANDAGIO COMUNE RESPONSABILITA’ Risponde altresì a massima consolidata nella giurisprudenza di legittimità che i motivi posti a fondamento dell’invocata cassazione della decisione impugnata debbono avere i caratteri della specificità, della completezza, e della riferibilità alla decisione stessa, con -fra l’altro­l’esposizione di argomentazioni intelligibili ed esaurienti ad illustrazione delle dedotte violazioni di norme o principi di diritto, essendo inammissibile il motivo nel quale non venga precisato in qual modo e sotto quale profilo (se per contrasto con la norma indicata, o con l’interpretazione della stessa fornita dalla giurisprudenza di legittimità o dalla prevalente dottrina) abbia avuto luogo la violazione nella quale si assume essere incorsa la pronuncia di merito (cfr., da ultimo, Cass., 2/4/2014, n. 7692).

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna