Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

AVVOCATO CONCORDATO PREVENTIVO BOLOGNA RAVENNA IMOLA FAENZA LUGO La Corte di merito ha rilevato che requisito di ammissibilità della domanda di concordato preventivo è la presenza della relazione formata da professionista attestatore (L. Fall., art. 161, comma 3), il quale deve essere in possesso dei requisiti di cui alla L. Fall., art. 67, comma 3, lett. d).

 chi non vota concordato preventivo chi paga i dipendenti concordato preventivo chi viene pagato prima concordato preventivo chi firma concordato preventivo chi paga il tfr concordato preventivo chi è legale rappresentante concordato preventivo chi sono i creditori privilegiati chi decide il concordato preventivo chi fa il concordato preventivo chi approva il concordato preventivo chi delibera il concordato preventivo chi può chiedere concordato preventivo chi richiede il concordato preventivo chi gestisce il concordato preventivo chi vota nel concordato preventivo chi è assuntore concordato preventivo cosa concordato preventivo cosa deve fare il dipendente concordato preventivo cosa deve fare il creditore cosa vuol dire concordato preventivo in bianco cos’è il concordato preventivo in bianco cosa prevede il concordato preventivo cosa comporta il concordato preventivo cosa vuol dire concordato preventivo cosa significa concordato preventivo con assegnazione di termine cosa significa concordato preventivo omologato cosa significa concordato preventivo con riserva cosa significa concordato preventivo in bianco cosa significa concordato preventivo quando quando si apre il concordato preventivo quando si conclude il concordato preventivo concordato preventivo quando vengono pagati i dipendenti quando si chiude un concordato preventivo quando si fa il concordato preventivo quando si richiede il concordato preventivo quando si chiude il concordato preventivo quando termina il concordato preventivo quando fare un concordato preventivo quando chiedere il concordato preventivo quando conviene il concordato preventivo quando concordato preventivo perché perchè scegliere il concordato preventivo perchè il concordato preventivo come concordato preventivo come vengono pagati i dipendenti come si traduce concordato preventivo come termina il concordato preventivo come aderire al concordato preventivo come entrare nel concordato preventivo come funziona il concordato preventivo in bianco come accedere al concordato preventivo come uscire dal concordato preventivo come opporsi al concordato preventivo come difendersi dal concordato preventivo come intervenire nel concordato preventivo come inserirsi nel concordato preventivo come si traduce concordato preventivo in inglese come insinuarsi nel concordato preventivo come chiedere concordato preventivo come fare concordato preventivo come funziona concordato preventivo

 ADSVETEMPODENATOSCRITTA ADENAROOROLOGIO ADENAROSVEGLIAOROLOGIOBELLA

 

 

IL DENARO NON DORME MAI!!! 

 

AVVOCATO CONCORDATO PREVENTIVO BOLOGNA RAVENNA IMOLA FAENZA LUGO

La Corte di merito ha rilevato che requisito di ammissibilità della domanda di concordato preventivo è la presenza della relazione formata da professionista attestatore (L. Fall., art. 161, comma 3), il quale deve essere in possesso dei requisiti di cui alla L. Fall., art. 67, comma 3, lett. d).

 

 

 ADENAROOROLOGIO

 

 

 

Può quindi osservarsi che devono condividersi le considerazioni proposte dalla Corte di merito circa la valutazione quale attività libero professionale della lettera di contestazione delle fatture indirizzata dal rag. D.M., poi nominato professionista attestatore, al creditore reclamante. Corretta è pure la interpretazione della norma di cui all’art. 67, comma 3, lett. d), operata dal giudice impugnato. Lo svolgimento nei termini di legge di qualsiasi attività libero professionale in favore della società proponente il concordato, da parte di chi sia poi nominato professionista attestatore, lo rende incompatibile con l’incarico. La formula legislativa, laddove prevede che “in ogni caso” il professionista attestatore non deve aver svolto attività professionale in favore del proponente il concordato, esclude ogni eccezione e non consente margine di valutazione.

Anche in relazione al secondo elemento esaminato dalla Corte d’Appello per negare il possesso del requisito dell’indipendenza da parte del professionista attestatore, le valutazioni della Corte territoriale possono condividersi. Che il rag. D.M. ed il dott. B.A. abbiano i loro studi professionali individuali in Comuni diversi, è un dato di fatto conosciuto ed analizzato dal giudice impugnato. Tale dato, tuttavia, non è idoneo a smentire l’inequivocabile valore sintomatico della collaborazione, non occasionale e legata proprio al concordato preventivo in esame, bensì sistematica, che intercorre tra i due professionisti, ed è riscontrata dal fatto che persino l’indirizzo mail ufficiale di B.A., quale professionista. ne indica l’appartenenza allo studio D.. Altro dato che non lascia spazio all’interpretazione è quello che dipende dall’indicazione, proprio sulla raccomandata di contestazione delle fatture di cui innanzi, del B. e del D. quali componenti del medesimo studio professionale.

Indiscutibile, del resto, che B.A., pur legato da rapporti professionali con D.M., incaricato di svolgere la funzione di professionista attestatore, è un creditore della società proponente il concordato.

 

 chi non vota concordato preventivo chi paga i dipendenti concordato preventivo chi viene pagato prima concordato preventivo chi firma concordato preventivo chi paga il tfr concordato preventivo chi è legale rappresentante concordato preventivo chi sono i creditori privilegiati chi decide il concordato preventivo chi fa il concordato preventivo chi approva il concordato preventivo chi delibera il concordato preventivo chi può chiedere concordato preventivo chi richiede il concordato preventivo chi gestisce il concordato preventivo chi vota nel concordato preventivo chi è assuntore concordato preventivo cosa concordato preventivo cosa deve fare il dipendente concordato preventivo cosa deve fare il creditore cosa vuol dire concordato preventivo in bianco cos’è il concordato preventivo in bianco cosa prevede il concordato preventivo cosa comporta il concordato preventivo cosa vuol dire concordato preventivo cosa significa concordato preventivo con assegnazione di termine cosa significa concordato preventivo omologato cosa significa concordato preventivo con riserva cosa significa concordato preventivo in bianco cosa significa concordato preventivo quando quando si apre il concordato preventivo quando si conclude il concordato preventivo concordato preventivo quando vengono pagati i dipendenti quando si chiude un concordato preventivo quando si fa il concordato preventivo quando si richiede il concordato preventivo quando si chiude il concordato preventivo quando termina il concordato preventivo quando fare un concordato preventivo quando chiedere il concordato preventivo quando conviene il concordato preventivo quando concordato preventivo perché perchè scegliere il concordato preventivo perchè il concordato preventivo come concordato preventivo come vengono pagati i dipendenti come si traduce concordato preventivo come termina il concordato preventivo come aderire al concordato preventivo come entrare nel concordato preventivo come funziona il concordato preventivo in bianco come accedere al concordato preventivo come uscire dal concordato preventivo come opporsi al concordato preventivo come difendersi dal concordato preventivo come intervenire nel concordato preventivo come inserirsi nel concordato preventivo come si traduce concordato preventivo in inglese come insinuarsi nel concordato preventivo come chiedere concordato preventivo come fare concordato preventivo come funziona concordato preventivo

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE 

SOTTOSEZIONE 1

Ordinanza 9 dicembre 2016 – 19 aprile 2017, n. 9927

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAGONESI Vittorio – Presidente –
Dott. GENOVESE Francesco Antonio – Consigliere –
Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –
Dott. BISOGNI Giacinto – Consigliere –
Dott. ACIERNO Maria – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA 

sul ricorso 13298-2015 proposto da:
MT & S SRL, (per esteso MARMI, TECTIONOLOGY AND SERVICES SRL IN LIQUIDAZIONE), in persona del suo legale rappresentante il liquidatore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA ATTILUIO REGOLO 19, presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPE LIPERA, rappresentata e difesa dall’avvocato NICOLETTA CERVIA giusta procura in calce al ricorso; – ricorrente –

contro

UP GROUP SRL; – intimata –

avverso il decreto n. R.G. 614/2014 della CORTE D’APPELLO di GENOVA, depositato il 12/02/2015;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 09/12/2016 dal Consigliere Relatore Dott. MARIA ACIERNO.

FATTO E DIRITTO

rilevato che è stata depositata la seguente relazione: – La Corte d’Appello di Genova, con decreto del 12.2.2015 ha revocato il decreto di omologazione, pronunciato dal Tribunale di Massa, del concordato preventivo proposto dalla ricorrente.

La Corte di merito ha rilevato che requisito di ammissibilità della domanda di concordato preventivo è la presenza della relazione formata da professionista attestatore (L. Fall., art. 161, comma 3), il quale deve essere in possesso dei requisiti di cui alla L. Fall., art. 67, comma 3, lett. d). Uno di tali requisiti è che il professionista attestatore sia “indipendente”, ed il requisito è soddisfatto quando egli “non è legato all’impresa e a coloro che hanno interesse all’operazione… da rapporti di natura personale o professionale tali da comprometterne l’indipendenza di giudizio; in ogni caso il professionista… non deve, neanche per il tramite di soggetti con i quali è unito in associazione professionale, avere prestato negli ultimi cinque anni attività di lavoro subordinato o autonomo in favore del debitore”. La Corte di merito ha quindi rilevato che il professionista attestatore scelto dalla odierna ricorrente, D.M., aveva inviato il 22.1.2013 proprio al difensore del creditore reclamante in appello, la Up Group Srl, una raccomandata A/R con la quale contestava le fatture emesse a carico della Marble Srl.

Inoltre, la Corte territoriale ha anche rilevato che dalla intestazione della medesima raccomandata emerge che il professionista attestatore collabora professionalmente con il dott. B.A., con il quale condivide uno studio professionale, come attestato anche dal suo indirizzo mail: agostino.bertini-studiodreucci.it, riportato nell’albo professionale. Occorre allora aggiungere che B.A. risulta essere creditore della Marble Srl, proponente il concordato preventivo, avendo svolto a favore della stessa attività afferente la presentazione della domanda di concordato preventivo (consulenza contabile). La Corte ha perciò ritenuto anche in questo caso violata la normativa prevista dalla legge fallimentare in tema di indipendenza del professionista accertatore.

Ritenuto che l’indipendenza del professionista accertatore sia un requisito imprescindibile che. se non posseduto dal nominato, rende inammissibile la domanda di concordato preventivo redatta con la sua collaborazione, la Corte d’Appello ha disposto la revoca dell’omologa del concordato.

Nel ricorso per cassazione la Marble Srl contesta innanzitutto che il requisito dell’indipendenza nei limiti voluti dal legislatore, non fosse posseduto dal D.. Una interpretazione non solo letterale delle norme ma anche logico-sistematica, in una ottica evolutiva, indurrebbe a ritenere che la finalità della disciplina legale dettata in materia di titoli che il professionista attestatore deve possedere privilegi la competenza di cui egli deve essere dotato, e che appare idonea ad assicurare tutela (anche) ai creditori. L’eventuale limite di indipendenza dell’attestatore dovrebbe qualificarsi come una mera irregolarità, specie ove si consideri che egli è un professionista scelto dal proponente il concordato, evidentemente in considerazione dell’intuitu personae.

Nel merito, poi, contestava anche i rilievi proposti dalla Corte d’Appello circa i rapporti di collaborazione che si pretendevano intercorrenti tra il D. ed il B., perchè gli stessi hanno studi professionali in Comuni diversi, ed il fatto che la collaborazione professionale tra i due sia intervenuta proprio per l’elaborazione della proposta di concordato preventivo non poteva che essere valutato positivamente.

In ogni caso non vi è previsione espressa della sanzione di inammissibilità quale conseguenza del difetto di indipendenza del professionista attestare e, qualora il vizio dovesse essere comunque ritenuto accertato potrebbe discenderne solo una mera irregolarità, sanabile e comunque inidonea a comportare quale conseguenza la revoca dell’ammissione al concordato preventivo.

Occorre allora innanzitutto evidenziare che, per quanto indubbiamente la legge fallimentare prevede che la nomina del professionista accertatore sia effettuata dal proponente il concordato preventivo, il quale certamente lo sceglierà in considerazione dell’intuitu personae, non vi è dubbio che il professionista nominato, nel quadro normativo, non è un consulente e tanto meno un collaboratore del (solo) proponente, come è dimostrato senza margini di dubbio dal fatto che la legge ha previsto che egli debba possedere specifici e stringenti requisiti di indipendenza.

Può quindi osservarsi che devono condividersi le considerazioni proposte dalla Corte di merito circa la valutazione quale attività libero professionale della lettera di contestazione delle fatture indirizzata dal rag. D.M., poi nominato professionista attestatore, al creditore reclamante. Corretta è pure la interpretazione della norma di cui all’art. 67, comma 3, lett. d), operata dal giudice impugnato. Lo svolgimento nei termini di legge di qualsiasi attività libero professionale in favore della società proponente il concordato, da parte di chi sia poi nominato professionista attestatore, lo rende incompatibile con l’incarico. La formula legislativa, laddove prevede che “in ogni caso” il professionista attestatore non deve aver svolto attività professionale in favore del proponente il concordato, esclude ogni eccezione e non consente margine di valutazione.

Anche in relazione al secondo elemento esaminato dalla Corte d’Appello per negare il possesso del requisito dell’indipendenza da parte del professionista attestatore, le valutazioni della Corte territoriale possono condividersi. Che il rag. D.M. ed il dott. B.A. abbiano i loro studi professionali individuali in Comuni diversi, è un dato di fatto conosciuto ed analizzato dal giudice impugnato. Tale dato, tuttavia, non è idoneo a smentire l’inequivocabile valore sintomatico della collaborazione, non occasionale e legata proprio al concordato preventivo in esame, bensì sistematica, che intercorre tra i due professionisti, ed è riscontrata dal fatto che persino l’indirizzo mail ufficiale di B.A., quale professionista. ne indica l’appartenenza allo studio D.. Altro dato che non lascia spazio all’interpretazione è quello che dipende dall’indicazione, proprio sulla raccomandata di contestazione delle fatture di cui innanzi, del B. e del D. quali componenti del medesimo studio professionale.

Indiscutibile, del resto, che B.A., pur legato da rapporti professionali con D.M., incaricato di svolgere la funzione di professionista attestatore, è un creditore della società proponente il concordato.

La violazione dell’indipendenza del professionista attestatore. ampiamente accertata nella vicenda in esame, è un vizio radicale, che impedisce al professionista di svolgere in maniera adeguata la propria funzione, di essere ed apparire una figura di garanzia nell’interesse, oltre che del proponente il concordato, di ogni singolo creditore e dell’intera procedura. La sanzione, anche a tutela degli interessi pubblicistici sottesi alla procedura, non può allora essere diversa dall’inammissibilità della proposta di concordato preventivo. Deve infatti trovare applicazione la L. Fall., art. 162, comma 2, il quale prevede che quando il giudice nel corso del procedimento per l’ammissione al concordato preventivo accerti il difetto dei presupposti (tra l’altro) di cui alla L. Fall., art. 161 “dichiara inammissibile la proposta di concordato”.

Deve pertanto concludersi per la correttezza della decisione assunta dalla Corte d’appello di Genova.

Sussistono quindi i presupposti per la trattazione della controversia in camera di consiglio e, se l’impostazione della presente relazione sarà condivisa dal Collegio, per il rigetto del ricorso”.

Il Collegio condivide senza rilievi la relazione proposta e rigetta il ricorso. Stante la soccombenza della ricorrente, e la mancata costituzione della resistente, nulla occorre disporre in materia di spese di lite.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso. Nulla per le spese.

Ricorrono le condizioni per l’applicazione del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater.

Così deciso in Roma, il 9 dicembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 19 aprile 2017.

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» TRIB ROVIGO CONCORDATO PREVENTIVO-AVVOCATO FALLIMENTI

» AVVOCATO CONCORDATO PREVENTIVO BOLOGNA RAVENNA IMOLA FAENZA LUGO La Corte di merito ha rilevato che requisito di ammissibilità della domanda di concordato preventivo è la presenza della relazione formata da professionista attestatore (L. Fall., art. 161, comma 3), il quale deve essere in possesso dei requisiti di cui alla L. Fall., art. 67, comma 3, lett. d).

» ARABIA SAUDITA AVVOCATO PER ARABIA SAUDITA IMPRESE CHE VOGLIONO LAVORARE IN ARABIA-SAUDI ARABIA layer EXPERT SAUDI ARABIA TRADE

» IMPRESA AGRICOLA PUO ‘ FALLIRE principio di diritto applicabile nella fattispecie di causa, e in forza del quale la sentenza impugnata deve essere cassata, è che la sottrazione dell’impresa agricola alle norme sul fallimento non è di ostacolo all’applicabilità del R.D. n. 267 del 1942, art. 1, che dichiara soggetta alle norme in materia di fallimento l’impresa commerciale, nonostante che l’impresa medesima svolga contemporaneamente anche un’attività di natura agricola.

» LIBRO QUINTO DEL LAVORO TITOLO I DELLA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA’ PROFESSIONALI

» DELLA PROPRIETA’ Dei beni in generale

» CASSAZIONE PENALE,IMPRESA,FATTURE PER OPERAZIONI INESISTENTI reato ,AVVOCATO PENALE TRIBUTARIO BOLOGNA diritto penale tributario penale tributario confisca penale tributario dichiarazione infedele penale e tributario diritto penale tributario diritto penale tributario penale tributario iva penale tributario limiti penale tributario milano penale tributario nuovi limiti penale tributario omesso versamento iva penale tributario prescrizione penale tributario raddoppio termini DISTRETTO DELLE CONCERIE TOSCANE AVVOCATO PER CAUSE CONCERIE IN MATERIA PENALE E DI RIFIUTI

» TRUFFA MILLANTATO CREDITO ,ELEMENTI DEI REATI Articolo 61 Codice Penale Circostanze aggravanti comuni

» LA RESPONSABILITA’ DEL COMMERCIALISTA PER INADEMPIMENTO

» INTERPORTO BOLOGNA AVVOCATO PER AZIENDE INTERPORTO AVVOCATO PER IMPRESE E PRIVATI INTERPORTO DI BOLOGNA L’interporto di Bologna è la realtà economica e produttiva piu’ importante di Bologna

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI CESENA FORLI VEDOVO VEDOVA ESTROMESSI DA EREDITA’ DIRITTI DEI VEDOVI

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

» CASS SEZ UNITE RISARCIMENTI PUNITIVI la sentenza del 23 settembre 2008, esecutiva, della Circuit Court of the 17th Judicial Circuit for Broward Count (Florida), confermata in appello dal District Court of Appeal of the State of Florida, dell’U agosto 2010, che aveva concannato la società italiana AXO Sport spa a pagare la complessiva somma di dollari USA 1.436.136,87, oltre interessi al tasso annuo dell’11% , a seguito di procedimento giudiziario svoltosi davanti a quell’autorità;

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna