Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

CASSAZIONE PENALE,IMPRESA,FATTURE PER OPERAZIONI INESISTENTI reato ,AVVOCATO PENALE TRIBUTARIO BOLOGNA diritto penale tributario penale tributario confisca penale tributario dichiarazione infedele penale e tributario diritto penale tributario diritto penale tributario penale tributario iva penale tributario limiti penale tributario milano penale tributario nuovi limiti penale tributario omesso versamento iva penale tributario prescrizione penale tributario raddoppio termini DISTRETTO DELLE CONCERIE TOSCANE AVVOCATO PER CAUSE CONCERIE IN MATERIA PENALE E DI RIFIUTI

avvocato penalista Bologna , avvocato penale Bologna, studio avvocato penale Bologna

avvocato penalista Bologna , avvocato penale Bologna, studio avvocato penale Bologna

CASSAZIONE PENALE,IMPRESA,FATTURE PER OPERAZIONI INESISTENTI reato ,AVVOCATO PENALE TRIBUTARIO BOLOGNA diritto penale tributario penale tributario confisca penale tributario dichiarazione infedele penale e tributario diritto penale tributario diritto penale tributario penale tributario iva penale tributario limiti penale tributario milano penale tributario nuovi limiti penale tributario omesso versamento iva penale tributario prescrizione penale tributario raddoppio termini DISTRETTO DELLE CONCERIE TOSCANE AVVOCATO PER CAUSE CONCERIE IN MATERIA PENALE E DI RIFIUTI

 

Codice Civile, trova avvocato Bologna,avvocato penalista Bologna

Codice Civile, trova avvocato Bologna,avvocato penalista Bologna

Codice Civile, trova avvocato Bologna,avvocato penalista Bologna

Difesa nel processo penale
difesa in ogni grado del processo penale , riti alternativi, patteggiamenti
Difesa nel processo penale-minorile
▼Arresto-processo per direttissima
Misure cautelari
Misure alternative alla detenzione
riti alternativi opposizione decreto penale condanna
Indagini difensive
Difesa nel processo penale
difesa in ogni grado del processo penale , riti alternativi, patteggiamenti
Difesa nel processo penale-minorile
▼Arresto-processo per direttissima
Misure cautelari
Misure alternative alla detenzione
riti alternativi opposizione decreto penale condanna
Indagini difensive
Civile, trova avvocato Bologna,avvocato penalista Bologna

AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI

AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI

ANZOLA DELL’EMILIA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 2. ARGELATO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 3. BARICELLA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 4. BENTIVOGLIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 5. BOLOGNA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 6. BORGO TOSSIGNANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 7. BUDRIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 8. CALDERARA DI RENO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 9. CAMUGNANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO10. CASALECCHIO DI RENO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO11. CASALFIUMANESE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO12. CASTEL D’AIANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO13. CASTEL DEL RIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO14. CASTEL DI CASIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO15. CASTEL GUELFO DI B. SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO16. CASTEL MAGGIORE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO17. CASTEL SAN PIETRO TERME SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO18. CASTELLO D’ARGILE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO19. CASTENASO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO20. CASTIGLIONE DEI PEPOLI SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO2

ANZOLA DELL’EMILIA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 2. ARGELATO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 3. BARICELLA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 4. BENTIVOGLIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 5. BOLOGNA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 6. BORGO TOSSIGNANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 7. BUDRIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 8. CALDERARA DI RENO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 9. CAMUGNANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO10. CASALECCHIO DI RENO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO11. CASALFIUMANESE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO12. CASTEL D’AIANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO13. CASTEL DEL RIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO14. CASTEL DI CASIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO15. CASTEL GUELFO DI B. SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO16. CASTEL MAGGIORE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO17. CASTEL SAN PIETRO TERME SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO18. CASTELLO D’ARGILE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO19. CASTENASO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO20. CASTIGLIONE DEI PEPOLI SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO2

CASSAZIONE PENALE,IMPRESA,FATTURE PER OPERAZIONI INESISTENTI reato ,AVVOCATO PENALE TRIBUTARIO BOLOGNA diritto penale tributario penale tributario confisca penale tributario dichiarazione infedele penale e tributario diritto penale tributario diritto penale tributario penale tributario iva penale tributario limiti penale tributario milano penale tributario nuovi limiti penale tributario omesso versamento iva penale tributario prescrizione penale tributario raddoppio termini

 

DISTRETTO DELLE CONCERIE  TOSCANE AVVOCATO PER CAUSE CONCERIE IN MATERIA PENALE E DI RIFIUTI

 

Cassazione Penale, Sez. 3, 01 ottobre 2014, n. 40527 – Reati imputabili all’impresa: l’amministratore è sempre responsabile

FATTO

avvocato a Bologna

1. Omissis ha proposto ricorso, a mezzo del difensore fiduciario cassazionista, avverso la sentenza del tribunale di AVELLINO, emessa in data 18/12/2012, depositata in data 1/02/2013, con cui la stessa veniva dichiarata colpevole di una serie di violazioni alla normativa ambientale e prevenzionistica in materia di infortuni sul lavoro, in particolare: a) del reato di cui agli artt. 110 c.p., 279 d. lgs. n. 152/2006 (per aver sottoposto, quale legale rappresentante della … s.r.l., a modifica sostanziale l’impianto conciario in assenza dell’autorizzazione all’emissione in atmosfera ai sensi dell’art. 269, d. lgs. citato); b) del reato di cui agli artt. 110 c.p. e, 256, comma 1, lett. A), d. lgs. n. 152/2006 (per aver, nella medesima qualità, effettuato attività di smaltimento dei rifiuti, costituiti da acque di spruzzo, in assenza della prescritta autorizzazione); e) del reato di cui agli artt. 110 c.p. e 256, comma 2, d. lgs. n. 152/2006 (per aver, sempre nella predetta qualità, depositato in modo incontrollato rifiuti provenienti dall’attività, permettendo che il percolato venisse convogliato in acque superficiali); d) del reato di cui agli artt. 110 c.p. e 137, d.lgs. n. 152/2006 (per avere, nella qualità predetta, effettuato lo scarico di acque reflue industriali in acque superficiali in assenza di autorizzazione); e) del reato di cui agli artt. 110 c.p. e 63, d. lgs. n. 81/2008 (per avere, sempre nella detta qualità, omesso di effettuare lavori tali da rendere la pavimentazione del reparto bottali in grado di convogliare sostanze putrescibili e liquidi di risulta della lavorazione pelli nei punti di raccolta e di scarico); f) del reato di cui agli artt.110 c.p. e 63, comma 1, d. lgs. n. 81/2008 (per avere, nella qualità predetta, omesso di mantenere adeguatamente pulito l’impianto di spruzzo in guisa da evitare accumuli di sostanze secche e stratificate); g) del reato di cui agli artt. 110 c.p. e 71, comma 4, lett. A), d. lgs. n. 81/2008, in relazione all’art. 87, comma 2, lett. C) (per avere, nella qualità predetta, omesso adeguata manutenzione della quasi totalità delle apparecchiature utilizzate nel ciclo
produttivo); h) del reato di cui agli artt. 110 c.p. e 16, comma 2 e 20, d. lgs. n. 139/2006 (per avere, nella qualità predetta, omesso di richiedere il prescritto certificato di prevenzione incendi per il locale caldaia e montacarichi).

DECISIONE

 

4- Il ricorso dev’essere rigettato per le ragioni di cui si dirà oltre.
5- Preliminarmente, osserva il Collegio come il motivo nuovo non possa essere esaminato da questa Corte, nemmeno come memoria, in quanto pervenuto fuori del termine di gg. 15 previsto dall’art. 611 c.p.p.
Ed infatti, è pacifico nella giurisprudenza di questa Corte che non sono suscettibili di considerazione nel giudizio di legittimità, nella specie camerale, le memorie e le produzioni difensive intempestivamente presentate per inosservanza del termine dilatorio di cui all’art. 611 cod. proc. pen. (Sez. 1, n. 8960 del 07/02/2012 – dep. 07/03/2012, Mangione, Rv. 252215). Né, peraltro, può ritenersi sussistere un’ipotesi di caso fortuito o forza maggiore per l’arrivo tardivo del piego raccomandato in cancelleria, spedito peraltro mediante servizio di poste private; ed infatti, già in precedenza, questa Corte ha avuto modo di affermare che tale ritardo non possa comunque essere incluso nella nozione di caso fortuito o forza maggiore in relazione alla presentazione del motivi di gravame da parte dei difensore stesso (Sez. 2, n. 7298 dei 16/02/1982 – dep. 27/07/1982, Boccolari, Rv. 154723).
6. Tanto premesso, può quindi essere esaminato il primo motivo di ricorso, con cui viene dedotto un preteso vizio motivazionale dell’impugnata sentenza. Sul punto, le deduzioni difensive si risolvono in censure sui risultato della valutazione probatoria operata dal giudici di merito, operazione non consentita in questa sede; la sentenza ha, infatti, attribuito la responsabilità penale del fatto alla ricorrente, chiarendo che la stessa, benché non si interessasse direttamente alla gestione dell’azienda, omettendo i necessari controlli in ordine all’andamento della stessa, omettendo di richiedere le dovute autorizzazioni, di preservare l’igiene e la sicurezza dei luogo di lavoro, di vigilare adeguatamente i dipendenti nello svolgimento del proprio operato, certamente ha agevolato la commissione del reati contestati.
Detta motivazione, si noti, non può considerarsi affetta dai dedotto vizio motivazionale, laddove si consideri che il giudice di merito, così fornendo la giustificazione per l’attribuzione della responsabilità penale alla stessa ricorrente, mostra di fare corretta applicazione del principio secondo cui l’amministratore di una società, ancorché estraneo alla gestione dell’azienda – anche se esclusivamente riconducibile all’amministratore di fatto – risponde del reato omissivo contestatogli quale diretto destinatario degli obblighi di legge, dunque anche se questi fa mero prestanome di altri soggetti che abbiano agito quali amministratori di fatto, atteso che la semplice accettazione della carica attribuisce allo stesso doveri di vigilanza e controllo.
7. Quanto, poi, al secondo motivo di ricorso, con cui si censura la sentenza impugnata per aver il giudice concesso il beneficio della sospensione condizionale della pena nonostante abbia irrogato la sola pena dell’ammenda, io stesso si appalesa parimenti inammissibile.
Vero è che la richiesta difensiva, in sede di conclusioni, era stata quella di assoluzione per insussistenza dell’elemento psicologico e che il giudice non motiva circa la concessione, anche d’ufficio, del beneficio della sospensione condizionale della pena dell’ammenda, in ragione della prevalenza, di cui non fornisce giustificazione, sul contrario interesse dell’imputato, della funzione rieducativa insita nel beneficio (Sez. 3, n. 11091 del 27/01/2010 – dep. 23/03/2010, Di Rosa e altri, Rv. 246440), ma è altrettanto vero che il quadro normativo è mutato rispetto al passato.
Ed Invero, il Collegio condivide, pur consapevole dell’esistenza di decisioni difformi di questa Corte (v., ad es: Sez. 3, n. 47234 del 15/11/2012 – dep. 06/12/2012, Biagioni, Rv. 253994, che, tuttavia, sembrano non tenere adeguatamente conto dell’autorevole esegesi operata dalla Corte costituzionale con la sentenza 8 ottobre 2010, n. 287, che ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 5, comma 2, lett. d), dei d.P.R. n. 313/2002, limitatamente all’inciso «salvo che sia stato concesso alcuno dei benefici di cui agli articoli 163 e 175 del codice penale»), l’orientamento – che appare conforme ad una lettura costituzionalmente orientata dell’attuale disciplina, come evidenziato dalla sentenza n. 287/2010 della Corte Costituzionale – che ritiene Inammissibile per difetto dell’interesse ad impugnare il ricorso per cassazione avverso la sentenza di condanna a pena dell’ammenda condizionalmente sospesa e relativa a contravvenzione oblabile ex art. 162 bis cod. pen., in quanto l’art. 3 del d.P.R. 14 novembre 2002, n. 313, diversamente dall’abrogato art. 686 cod. proc. pen., prevede oggi l’iscrizione per estratto nel casellario giudiziale anche delle sentenze di condanna concernenti contravvenzioni oblabili (Sez. 3, n. 12914 dei 20/02/2008 – dep. 27/03/2008, Crucito, Rv. 239349). Ed infatti, poiché, per il principio generale, per proporre impugnazione occorre avervi interesse (art. 568, comma quarto, cod. proc. pen.), e rilevato che l’Interesse giuridico qualificato era ravvisato, dalla giurisprudenza difforme a quella seguita da questo Collegio, nella circostanza che dalla condanna “consegue l’iscrizione nel casellario giudiziale, che non può, in caso di sospensione, essere eliminata” (v. la già citata Sez. 3, n. 47234 del 15/11/2012 – dep. 06/12/2012, Biagioni, Rv. 253994), è dunque evidente che, l’intervenuta declaratoria di parziale incostituzionalità dell’art. 5 del citato d.P.R. n. 313/2002, fa venir meno l’interesse ad ottenere la revoca del beneficio concesso in relazione a contravvenzione oblabile ex art. 162-bis cod. pen., avendo infatti la Corte Costituzionale chiarito che «l’esclusione di coloro che abbiano fruito dei benefici di cui agli artt. 163 e 175 cod. pen. dalla possibilità di ottenere la cancellazione dal casellario giudiziale delle iscrizioni relative a condanne alla pena dell’ammenda, decorsi dieci anni dall’estinzione della pena medesima, nel corso dei quali il condannato non abbia compiuto altri reati, deve ritenersi costituzionalmente illegittima», producendo tale preclusione «un trattamento irragionevolmente differenziato fra condannati per i medesimi reati, sulla base di una cautela che, alla luce dell’evoluzione legislativa, è divenuta eccessiva e sproporzionata, non tale quindi da bilanciare lo svantaggio della perennità dell’iscrizione, non prevista invece per condannati in ipotesi giudicati in modo più severo dai giudice» (v., in senso conforme: Sez. 3, sentenza n. 21753 del 2014, ric. D’Amico, non massimata).
8. Quanto, infine, al terzo ed ultimo motivo di ricorso, con cui si censura la mancata specificazione dell’aumento disposto a titolo di continuazione per i reati satelliti, l’infondatezza del medesimo discende dal pacifico principio di diritto per il quale, in tema di determinazione della pena nel reato continuato, deve ritenersi congruamente motivata la sentenza che faccia riferimento alle modalità dei fatti ed ai precedenti penali specifici degli imputati; non sussiste, invece, l’obbligo di specifica motivazione per gli aumenti di pena a titolo di continuazione, valendo a questi fini le ragioni a sostegno della quantificazione della pena-base (Sez. 5, n. 27382 del 28/04/2011 – dep. 13/07/2011, Franceschi e altro, Rv. 250465).
9 Il ricorso dev’essere, dunque, complessivamente rigettato. Segue, a norma dell’articolo 616 c.p.p., la condanna della ricorrente al pagamento delle spese del procedimento.

 

REPUBBLICA ITALLANAIn nome dei Popolo ItallanoLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONETERZA SEZIONE PENALE
Composta dai Sigg.ri Magistrati
Dott. Aldo Fiale – Presidente
Dott. Amedeo Franco – Consigliere
Dott.ssa Mariapia Gaetana Savino – Consigliere
Dott. Andrea Gentili – Consigliere
Dott. Alessio Scancella – Consigliere Rel.
ha pronunciato la seguente
SENTENZA

sul ricorso proposto da:
Omissis avverso la sentenza del tribunale di AVELLINO in data 18/12/2012;
visti gii atti, il provvedimento denunziato e li ricorso;
udita la relazione svolta dal consigliere Alessio Scarcella;
udite le conclusioni del Pubblico Ministero, in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. E. Delehaye, che ha concluso per l’annullamento senza rinvio dell’impugnata sentenza per non aver commesso il fatto;
udite, per la ricorrente, le conclusioni dell’Avv. … che ha chiesto accogliersi il ricorso;

Fatto

1. Omissis ha proposto ricorso, a mezzo del difensore fiduciario cassazionista, avverso la sentenza del tribunale di AVELLINO, emessa in data 18/12/2012, depositata in data 1/02/2013, con cui la stessa veniva dichiarata colpevole di una serie di violazioni alla normativa ambientale e prevenzionistica in materia di infortuni sul lavoro, in particolare: a) del reato di cui agli artt. 110 c.p., 279 d. lgs. n. 152/2006 (per aver sottoposto, quale legale rappresentante della … s.r.l., a modifica sostanziale l’impianto conciario in assenza dell’autorizzazione all’emissione in atmosfera ai sensi dell’art. 269, d. lgs. citato); b) del reato di cui agli artt. 110 c.p. e, 256, comma 1, lett. A), d. lgs. n. 152/2006 (per aver, nella medesima qualità, effettuato attività di smaltimento dei rifiuti, costituiti da acque di spruzzo, in assenza della prescritta autorizzazione); e) del reato di cui agli artt. 110 c.p. e 256, comma 2, d. lgs. n. 152/2006 (per aver, sempre nella predetta qualità, depositato in modo incontrollato rifiuti provenienti dall’attività, permettendo che il percolato venisse convogliato in acque superficiali); d) del reato di cui agli artt. 110 c.p. e 137, d.lgs. n. 152/2006 (per avere, nella qualità predetta, effettuato lo scarico di acque reflue industriali in acque superficiali in assenza di autorizzazione); e) del reato di cui agli artt. 110 c.p. e 63, d. lgs. n. 81/2008 (per avere, sempre nella detta qualità, omesso di effettuare lavori tali da rendere la pavimentazione del reparto bottali in grado di convogliare sostanze putrescibili e liquidi di risulta della lavorazione pelli nei punti di raccolta e di scarico); f) del reato di cui agli artt.110 c.p. e 63, comma 1, d. lgs. n. 81/2008 (per avere, nella qualità predetta, omesso di mantenere adeguatamente pulito l’impianto di spruzzo in guisa da evitare accumuli di sostanze secche e stratificate); g) del reato di cui agli artt. 110 c.p. e 71, comma 4, lett. A), d. lgs. n. 81/2008, in relazione all’art. 87, comma 2, lett. C) (per avere, nella qualità predetta, omesso adeguata manutenzione della quasi totalità delle apparecchiature utilizzate nel ciclo
produttivo); h) del reato di cui agli artt. 110 c.p. e 16, comma 2 e 20, d. lgs. n. 139/2006 (per avere, nella qualità predetta, omesso di richiedere il prescritto certificato di prevenzione incendi per il locale caldaia e montacarichi).

Fatti tutti commessi in data 2 marzo 2010.

2. Con il ricorso, proposto dal difensore procuratore speciale della ricorrente, vengono dedotti tre motivi, di seguito enunciati nei limiti strettamente necessari per la motivazione ex art. 173 disp. att. cod. proc. pen.
2.1. Deduce, con il primo motivo, il vizio di cui all’art. 606, lett. e) c.p.p., per mancanza, contraddittorietà e manifesta illogicità della motivazione in relazione agli artt. 40, 42 comma 1 e 43, c.p.
La censura investe l’impugnata sentenza per aver il giudice ritenuto la ricorrente responsabile (in concorso con altro soggetto non impugnante), dei predetti reati per il solo titolo di legale rappresentante della s.r.l., pur ammettendo il giudice che la stessa non si interessasse direttamente della reale gestione dell’azienda;
dall’istruttoria, infatti, era emerso che la stessa rivestiva il ruolo di mero prestanome dell’amministratore di fatto, tale Omissis, che gestiva l’azienda in totale autonomia (si richiamano, a tal proposito, numerose deposizioni testimoniali rese dai test … e dallo stesso …; la stessa aveva un livello culturale basso, avendo frequentato sino alla 2^ media.
Il giudice, quindi, avrebbe omesso di svolgere qualsiasi accertamento sulla consapevolezza da parte della ricorrente della condotta negligente ad essa ascrivibile ad altri e della volontà di astenersi da qualsiasi controllo sull’altrui operato come, del resto, sulla incapacità della medesima di comprendere la normativa. Inoltre il giudice avrebbe omesso di motivare sulla generica cognizione da parte della ricorrente sul fatto che l’amministratore di fatto avesse posto in essere condotte integranti i reati contestati; il mero ruolo di amministratore di diritto della ricorrente, non sarebbe sufficiente per imputare alla stessa la responsabilità colposa delle violazioni accertate.
2.2. Deduce, con il secondo motivo, il vizio di cui all’art. 606, lett. e) c.p.p., in relazione all’art. 163 c.p.
La censura investe poi l’impugnata sentenza per aver il giudice concesso il beneficio della sospensione condizionale della pena, pur avendo irrogato la sola pena dell’ammenda, senza motivare sull’utilità della concessione dei beneficio rispetto ai contrario interesse dell’imputato a non giovarsene in relazione alla lievità della pena irrogata.
2.3. Deduce, con il terzo motivo, il vizio di cui all’art. 606, lett. e) c.p.p., in relazione all’art. 133 e 81 c.p.
La censura investe infine l’impugnata sentenza per aver il giudice irrogato l’aumento della pena a titolo di continuazione, dopo aver determinato la pena base, senza specificare quale fosse la frazione di pena attribuibile a ciascuna contravvenzione.
3. Con atto trasmesso a mezzo fax in data 9 giugno 2014, il difensore della ricorrente, in relazione al “motivo nuovo” pervenuto presso la cancelleria di questa Corte in data 6/06/2014 a mezzo piego raccomandato – con cui la ricorrente deduce ulteriormente il vizio di cui alla lett. e) dell’art. 606 c.p.p., per violazione degli artt. 40, 42, comma 1 e 43, comma 3, c.p., sub specie di mancanza, contraddittorietà e manifesta Illogicità della motivazione-, ha chiesto valutarsi detto motivo come “memoria” ai sensi dell’art. 121 c.p.p., eccependo, per quanto è possibile desumere, l’esistenza di una causa di forza maggiore o caso fortuito per l’arrivo tardivo del piego raccomandato.

Diritto

4- Il ricorso dev’essere rigettato per le ragioni di cui si dirà oltre.
5- Preliminarmente, osserva il Collegio come il motivo nuovo non possa essere esaminato da questa Corte, nemmeno come memoria, in quanto pervenuto fuori del termine di gg. 15 previsto dall’art. 611 c.p.p.
Ed infatti, è pacifico nella giurisprudenza di questa Corte che non sono suscettibili di considerazione nel giudizio di legittimità, nella specie camerale, le memorie e le produzioni difensive intempestivamente presentate per inosservanza del termine dilatorio di cui all’art. 611 cod. proc. pen. (Sez. 1, n. 8960 del 07/02/2012 – dep. 07/03/2012, Mangione, Rv. 252215). Né, peraltro, può ritenersi sussistere un’ipotesi di caso fortuito o forza maggiore per l’arrivo tardivo del piego raccomandato in cancelleria, spedito peraltro mediante servizio di poste private; ed infatti, già in precedenza, questa Corte ha avuto modo di affermare che tale ritardo non possa comunque essere incluso nella nozione di caso fortuito o forza maggiore in relazione alla presentazione del motivi di gravame da parte dei difensore stesso (Sez. 2, n. 7298 dei 16/02/1982 – dep. 27/07/1982, Boccolari, Rv. 154723).
6. Tanto premesso, può quindi essere esaminato il primo motivo di ricorso, con cui viene dedotto un preteso vizio motivazionale dell’impugnata sentenza. Sul punto, le deduzioni difensive si risolvono in censure sui risultato della valutazione probatoria operata dal giudici di merito, operazione non consentita in questa sede; la sentenza ha, infatti, attribuito la responsabilità penale del fatto alla ricorrente, chiarendo che la stessa, benché non si interessasse direttamente alla gestione dell’azienda, omettendo i necessari controlli in ordine all’andamento della stessa, omettendo di richiedere le dovute autorizzazioni, di preservare l’igiene e la sicurezza dei luogo di lavoro, di vigilare adeguatamente i dipendenti nello svolgimento del proprio operato, certamente ha agevolato la commissione del reati contestati.
Detta motivazione, si noti, non può considerarsi affetta dai dedotto vizio motivazionale, laddove si consideri che il giudice di merito, così fornendo la giustificazione per l’attribuzione della responsabilità penale alla stessa ricorrente, mostra di fare corretta applicazione del principio secondo cui l’amministratore di una società, ancorché estraneo alla gestione dell’azienda – anche se esclusivamente riconducibile all’amministratore di fatto – risponde del reato omissivo contestatogli quale diretto destinatario degli obblighi di legge, dunque anche se questi fa mero prestanome di altri soggetti che abbiano agito quali amministratori di fatto, atteso che la semplice accettazione della carica attribuisce allo stesso doveri di vigilanza e controllo.
7. Quanto, poi, al secondo motivo di ricorso, con cui si censura la sentenza impugnata per aver il giudice concesso il beneficio della sospensione condizionale della pena nonostante abbia irrogato la sola pena dell’ammenda, io stesso si appalesa parimenti inammissibile.
Vero è che la richiesta difensiva, in sede di conclusioni, era stata quella di assoluzione per insussistenza dell’elemento psicologico e che il giudice non motiva circa la concessione, anche d’ufficio, del beneficio della sospensione condizionale della pena dell’ammenda, in ragione della prevalenza, di cui non fornisce giustificazione, sul contrario interesse dell’imputato, della funzione rieducativa insita nel beneficio (Sez. 3, n. 11091 del 27/01/2010 – dep. 23/03/2010, Di Rosa e altri, Rv. 246440), ma è altrettanto vero che il quadro normativo è mutato rispetto al passato.
Ed Invero, il Collegio condivide, pur consapevole dell’esistenza di decisioni difformi di questa Corte (v., ad es: Sez. 3, n. 47234 del 15/11/2012 – dep. 06/12/2012, Biagioni, Rv. 253994, che, tuttavia, sembrano non tenere adeguatamente conto dell’autorevole esegesi operata dalla Corte costituzionale con la sentenza 8 ottobre 2010, n. 287, che ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 5, comma 2, lett. d), dei d.P.R. n. 313/2002, limitatamente all’inciso «salvo che sia stato concesso alcuno dei benefici di cui agli articoli 163 e 175 del codice penale»), l’orientamento – che appare conforme ad una lettura costituzionalmente orientata dell’attuale disciplina, come evidenziato dalla sentenza n. 287/2010 della Corte Costituzionale – che ritiene Inammissibile per difetto dell’interesse ad impugnare il ricorso per cassazione avverso la sentenza di condanna a pena dell’ammenda condizionalmente sospesa e relativa a contravvenzione oblabile ex art. 162 bis cod. pen., in quanto l’art. 3 del d.P.R. 14 novembre 2002, n. 313, diversamente dall’abrogato art. 686 cod. proc. pen., prevede oggi l’iscrizione per estratto nel casellario giudiziale anche delle sentenze di condanna concernenti contravvenzioni oblabili (Sez. 3, n. 12914 dei 20/02/2008 – dep. 27/03/2008, Crucito, Rv. 239349). Ed infatti, poiché, per il principio generale, per proporre impugnazione occorre avervi interesse (art. 568, comma quarto, cod. proc. pen.), e rilevato che l’Interesse giuridico qualificato era ravvisato, dalla giurisprudenza difforme a quella seguita da questo Collegio, nella circostanza che dalla condanna “consegue l’iscrizione nel casellario giudiziale, che non può, in caso di sospensione, essere eliminata” (v. la già citata Sez. 3, n. 47234 del 15/11/2012 – dep. 06/12/2012, Biagioni, Rv. 253994), è dunque evidente che, l’intervenuta declaratoria di parziale incostituzionalità dell’art. 5 del citato d.P.R. n. 313/2002, fa venir meno l’interesse ad ottenere la revoca del beneficio concesso in relazione a contravvenzione oblabile ex art. 162-bis cod. pen., avendo infatti la Corte Costituzionale chiarito che «l’esclusione di coloro che abbiano fruito dei benefici di cui agli artt. 163 e 175 cod. pen. dalla possibilità di ottenere la cancellazione dal casellario giudiziale delle iscrizioni relative a condanne alla pena dell’ammenda, decorsi dieci anni dall’estinzione della pena medesima, nel corso dei quali il condannato non abbia compiuto altri reati, deve ritenersi costituzionalmente illegittima», producendo tale preclusione «un trattamento irragionevolmente differenziato fra condannati per i medesimi reati, sulla base di una cautela che, alla luce dell’evoluzione legislativa, è divenuta eccessiva e sproporzionata, non tale quindi da bilanciare lo svantaggio della perennità dell’iscrizione, non prevista invece per condannati in ipotesi giudicati in modo più severo dai giudice» (v., in senso conforme: Sez. 3, sentenza n. 21753 del 2014, ric. D’Amico, non massimata).
8. Quanto, infine, al terzo ed ultimo motivo di ricorso, con cui si censura la mancata specificazione dell’aumento disposto a titolo di continuazione per i reati satelliti, l’infondatezza del medesimo discende dal pacifico principio di diritto per il quale, in tema di determinazione della pena nel reato continuato, deve ritenersi congruamente motivata la sentenza che faccia riferimento alle modalità dei fatti ed ai precedenti penali specifici degli imputati; non sussiste, invece, l’obbligo di specifica motivazione per gli aumenti di pena a titolo di continuazione, valendo a questi fini le ragioni a sostegno della quantificazione della pena-base (Sez. 5, n. 27382 del 28/04/2011 – dep. 13/07/2011, Franceschi e altro, Rv. 250465).
9 Il ricorso dev’essere, dunque, complessivamente rigettato. Segue, a norma dell’articolo 616 c.p.p., la condanna della ricorrente al pagamento delle spese del procedimento.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali cosi deciso in Roma, il 10 giugno 2014.

Depositato in Cancelleria il 01 ottobre 2014

 

L.L. veniva tratto a giudizio dinanzi al Tribunale di Vicenza per rispondere del reato di lesioni personali colpose per avere quale legale rappresentante della ditta L. F.lli (esercente attività di conceria) – cagionato alla dipendente O.I. lesioni personali gravi, per colpa consistita in imprudenza, negligenza, imperizia e violazione del D.P.R. n. 547 del 1955, art. 115, ed in particolare per aver omesso di munire la pressa a piani mobili LED 10 matricola (OMISSIS) di idonei ripari atti ad evitare che le mani o le altre parti del corpo dei lavoratori venissero offese dal piano inferiore in movimento contro quello fisso; di modo che la O., intenta ad utilizzare con una collega la pressa a piani mobili con movimento verticale, venuta a trovarsi con la mano sinistra in zona pericolosa, allorquando venivano chiusi i ripari ed avviato il ciclo di lavorazione, riportava lesioni personali gravi, quali lo schiacciamento e l’ustione della mano sinistra, comportanti una malattia guarita in oltre quaranta giorni con postumi permanenti (in Chiampo, 03/04/2002).

DECISIONE

 

Il reato di lesioni personali colpose lievi (malattia guarita entro 40 giorni), commesso con violazione delle norme sulla prevenzione degli infortuni sul lavoro, è, invero, così come sostenuto dal ricorrente, procedibile a querela di parte secondo la formulazione letterale dell’art. 590 c.p., u.c., laddove è precisato infatti che la deroga alla regola generale della procedibilità a querela con conseguente procedibilità di ufficio riguarda esclusivamente (vi è un espresso richiamo al primo e secondo capoverso) i fatti di lesioni colpose gravi (pericolo di vita per la persona offesa, o indebolimento permanente di un senso o di un organo, o malattia superiore a quaranta giorni) e gravissime, e solo se si tratta di fatti commessi (la norma recita testualmente “limitatamente ai fatti”) con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro o relative all’igiene del lavoro o che abbiano determinato una malattia professionale: ne deriva che solo per le lesioni cagionate con violazione delle norme sulla circolazione stradale è sempre richiesta ai fini della procedibilità, a prescindere dall’entità delle lesioni, la querela. L’impugnata sentenza deve essere quindi annullata, con rinvio, per nuovo esame, alla Corte d’Appello di Venezia, altra Sezione, che si atterrà al principio di diritto sopra enunciato, valutando se dagli atti possono trarsi validi ed utilizzabili elementi probatori ai fini della determinazione della durata della malattia derivata alla parte lesa dalle lesioni subite.

 

 

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE QUARTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MORGIGNI Antonio – Presidente –

Dott. LICARI Carlo – Consigliere –

Dott. NOVARESE Francesco – Consigliere –

Dott. CARLEO Giovanni – Consigliere –

Dott. ROMIS Vincenzo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

1) L.L., N. IL (OMISSIS);

avverso SENTENZA del 28/06/2006 CORTE APPELLO di VENEZIA;

visti gli atti, la sentenza ed il ricorso;

udita in PUBBLICA UDIENZA la relazione svolta dal Consigliere Dott. ROMIS VINCENZO;

Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. FEBBRARO Giuseppe, che ha concluso per l’annullamento senza rinvio per improcedibilità derivante dalla mancanza di querela.

 

Fatto

 

L.L. veniva tratto a giudizio dinanzi al Tribunale di Vicenza per rispondere del reato di lesioni personali colpose per avere quale legale rappresentante della ditta L. F.lli (esercente attività di conceria) – cagionato alla dipendente O.I. lesioni personali gravi, per colpa consistita in imprudenza, negligenza, imperizia e violazione del D.P.R. n. 547 del 1955, art. 115, ed in particolare per aver omesso di munire la pressa a piani mobili LED 10 matricola (OMISSIS) di idonei ripari atti ad evitare che le mani o le altre parti del corpo dei lavoratori venissero offese dal piano inferiore in movimento contro quello fisso; di modo che la O., intenta ad utilizzare con una collega la pressa a piani mobili con movimento verticale, venuta a trovarsi con la mano sinistra in zona pericolosa, allorquando venivano chiusi i ripari ed avviato il ciclo di lavorazione, riportava lesioni personali gravi, quali lo schiacciamento e l’ustione della mano sinistra, comportanti una malattia guarita in oltre quaranta giorni con postumi permanenti (in Chiampo, 03/04/2002).

All’esito del giudizio, il Tribunale condannava l’imputato alla pena di Euro 300,00, di multa con il beneficio della non menzione.

Proponeva gravame la difesa dell’imputato e la Corte d’Appello di Venezia confermava l’impugnata decisione.

La Corte distrettuale, in risposta alle deduzioni dell’appellante relative alla determinazione della durata della malattia derivata alla parte lesa dalle lesioni subite, ed alla asserita procedibilità del reato a querela, nella specie non presentata, motivava il proprio convincimento sottolineando in particolare che ben poteva prescindersi da qualsiasi valutazione circa la prova della durata della malattia per un periodo superiore ai quaranta giorni – in ordine alla quale appariva inutilizzabile una deposizione testimoniale dalla quale il primo giudice aveva ritenuto di poter trarre il dato probatorio attestante la gravità delle lesioni riportate dalla parte lesa posto che anche per le lesioni personali colpose lievi, purchè commesse, come nella concreta fattispecie, con violazione delle norme relative alla prevenzione degli infortuni, il reato sarebbe procedibile di ufficio a norma dell’art. 590 c.p., u.c., di tal che l’eccezione difensiva non poteva comunque trovare accoglimento.

Ha presentato ricorso per Cassazione l’imputato, deducendo violazione di legge sull’asserito rilievo che il reato “de quo” sarebbe perseguibile a querela, mancante in atti, anche sulla scorta della sentenza della Corte Costituzionale n. 178 del 2003 con la quale è stato sottolineato che la procedibilità a querela delle lesioni cagionate con violazione delle norme sulla circolazione stradale, rispetto a quelle derivate dalla violazione della normativa antinfortunistica, è riconducibile ad un’opzione di politica legislativa sottratta ad ogni contestazione di legittimità costituzionale: sostiene il ricorrente che nella citata sentenza del Giudice delle leggi è stato altresì precisato che la procedibilità di ufficio, per le lesioni derivate dalla violazione di norme antinfortunistiche, è limitata alle lesioni gravi e gravissime.

 

 

 

Diritto

 

Il ricorso è fondato nei termini di seguito precisati.

Il reato di lesioni personali colpose lievi (malattia guarita entro 40 giorni), commesso con violazione delle norme sulla prevenzione degli infortuni sul lavoro, è, invero, così come sostenuto dal ricorrente, procedibile a querela di parte secondo la formulazione letterale dell’art. 590 c.p., u.c., laddove è precisato infatti che la deroga alla regola generale della procedibilità a querela con conseguente procedibilità di ufficio riguarda esclusivamente (vi è un espresso richiamo al primo e secondo capoverso) i fatti di lesioni colpose gravi (pericolo di vita per la persona offesa, o indebolimento permanente di un senso o di un organo, o malattia superiore a quaranta giorni) e gravissime, e solo se si tratta di fatti commessi (la norma recita testualmente “limitatamente ai fatti”) con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro o relative all’igiene del lavoro o che abbiano determinato una malattia professionale: ne deriva che solo per le lesioni cagionate con violazione delle norme sulla circolazione stradale è sempre richiesta ai fini della procedibilità, a prescindere dall’entità delle lesioni, la querela. L’impugnata sentenza deve essere quindi annullata, con rinvio, per nuovo esame, alla Corte d’Appello di Venezia, altra Sezione, che si atterrà al principio di diritto sopra enunciato, valutando se dagli atti possono trarsi validi ed utilizzabili elementi probatori ai fini della determinazione della durata della malattia derivata alla parte lesa dalle lesioni subite.

 

 

 

P.Q.M.

 

Annulla la sentenza impugnata, con rinvio ad altra Sezione della Corte d’Appello di Venezia.

Così deciso in Roma, il 6 dicembre 2007.

Depositato in Cancelleria il 21 gennaio 2008

 

.entry-content

 

AddThis Button BEGIN

Like 0

 

 

Tweet

 

 

 

AddThis Button END .entry-meta

#post

Tutte le News

» FUSIONE SOCIETA’ MILANO ,TORINO, TREVISO ,VICENZA

» AVVOCATO IMPRESA: NORME PER LA TUTELA DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

» avvocato IMPRESA CONCORDATO PREVENTIVO NIENT EFALLIMENTO FINO ESAURIMENTO PROCEDURA CONCORDATO

» IMPRESA LAVORI PUBBLICI PAGAMENTO, AVVOCATO DEBITORI, SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONI UNITE CIVILI Sentenza 12 febbraio – 12 marzo 2013, n. 6070

(Presidente Preden – Relatore Rordorf)

» AVVOCATO PENALE TRIBUTARIO MILANO BOLOGNA VICENZA TREVISO NEINTE TENUITA’ DEL FATTO NEI REATI RIBUTARI

» sequestro preventivo di beni,confisca, avvocato penalista

» MARCHIO CONTRAFFATTO, AVVOCATO IMPRESA, DIRITTO PENALE INDUSTRIA

» IL GESTORE DI UN ESERCIZIO COMMERCIALE È RESPONSABILE DEL REATO DI CUI ALL’ART. 659 C.P., COMMA 1

» DIRITTO INDUSTRIALE AVVOCATO IMPRESA MARCHI BREVETTI

» AVVOCATO FALLIMENTARISTA ,AVVOCATO FALLIMENTI A BOLOGNA, RAVENNA, FERRARA, IMOLA

» TRASPORTO RIFIUTI PERICOLOSI SPECIALI, AVVOCATO PER DIRITTO AMBIENTALE

» AGENTE IMMOBILIARE CHE OCCULTA PRELIINARE DOPO IL ROGITO COMMETTE REATO

» AVVOCATO PER AGENTI DI COMMERCIO BOLOGNA INDENNITA’ l’identità dei presupposti tra l’indennità suppletiva di clientela, spettante all’agente ai sensi dell’art. 11 dell’A.E.C., e quella di mancato preavviso,

» AVVOCATO PER INFORMATORE FARMACEUTICO E’ DIPENDENTE E NON AGENTE DI COMMERCIO

» AVVOCATO DIRITTO AMBIENTALE RIFIUTI SPECIALI INDUSTRIA Rifiuti – abbandono – reato – condotta imputabile al responsabile di enti o imprese – responsabilità

» SEQUESTRO CONCERIA VICENZA PER AVER SUPERATO IL LIMITE SOLVENTE CONCESSO

» AVVOCATO PENALISTA DIFENDE AZIENDE PER PROCESSI REATI AMBIENTALI INQUINAMENTO SMALTIMENTO RIFIUTI

» DIRITTO FARMACEUTICO DIRITTO FALLIMENTARE, AVVOCATO IMPRESA FARMACEUTICA, BANCAROTTA REATO

» AVVOCATO PER CONCERIE ,DIRITTO PENALE PER CONCERIE LA VALLE DEL CHIAMPO ,LA VALLE D’ORO DELLE GRANDI CONCERIE ITALIANE!!

» La fotografia odierna

 

 

Chi Sono

Sono l’ Avvocato Sergio Armaroli e ti aiuterò come tuo Legale. Ti seguirò nel tuo caso affinchè non troverai il giusto risarcimento per danni ricevuti.

Indirizzo: Via Solferino, 30 – 40124 Bologna

 

Telefono: (+39) 051.6447838

 

Email: avvsergioarmaroli@gmail.com

Servizi

IL GESTORE DI UN ESERCIZIO COMMERCIALE È RESPONSABILE DEL REATO DI CUI ALL’ART. 659 C.P., COMMA 1

DIRITTO INDUSTRIALE AVVOCATO IMPRESA MARCHI BREVETTI

AVVOCATO FALLIMENTARISTA ,AVVOCATO FALLIMENTI A BOLOGNA, RAVENNA, FERRARA, IMOLA

TRASPORTO RIFIUTI PERICOLOSI SPECIALI, AVVOCATO PER DIRITTO AMBIENTALE

AGENTE IMMOBILIARE CHE OCCULTA PRELIINARE DOPO IL ROGITO COMMETTE REATO

AVVOCATO PER AGENTI DI COMMERCIO BOLOGNA INDENNITA’ l’identità dei presupposti tra l’indennità suppletiva di clientela, spettante all’agente ai sensi dell’art. 11 dell’A.E.C., e quella di mancato preavviso,

AVVOCATO PER INFORMATORE FARMACEUTICO E’ DIPENDENTE E NON AGENTE DI COMMERCIO

AVVOCATO DIRITTO AMBIENTALE RIFIUTI SPECIALI INDUSTRIA Rifiuti – abbandono – reato – condotta imputabile al responsabile di enti o imprese – responsabilità

SEQUESTRO CONCERIA VICENZA PER AVER SUPERATO IL LIMITE SOLVENTE CONCESSO

AVVOCATO PENALISTA DIFENDE AZIENDE PER PROCESSI REATI AMBIENTALI INQUINAMENTO SMALTIMENTO RIFIUTI

DIRITTO FARMACEUTICO DIRITTO FALLIMENTARE, AVVOCATO IMPRESA FARMACEUTICA, BANCAROTTA REATO

AVVOCATO PER CONCERIE ,DIRITTO PENALE PER CONCERIE LA VALLE DEL CHIAMPO ,LA VALLE D’ORO DELLE GRANDI CONCERIE ITALIANE!!

La fotografia odierna

FUSIONE SOCIETA’ MILANO ,TORINO, TREVISO ,VICENZA

AVVOCATO IMPRESA: NORME PER LA TUTELA DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

avvocato IMPRESA CONCORDATO PREVENTIVO NIENT EFALLIMENTO FINO ESAURIMENTO PROCEDURA CONCORDATO

IMPRESA LAVORI PUBBLICI PAGAMENTO, AVVOCATO DEBITORI, SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONI UNITE CIVILI Sentenza 12 febbraio – 12 marzo 2013, n. 6070

(Presidente Preden – Relatore Rordorf)

AVVOCATO PENALE TRIBUTARIO MILANO BOLOGNA VICENZA TREVISO NEINTE TENUITA’ DEL FATTO NEI REATI RIBUTARI

sequestro preventivo di beni,confisca, avvocato penalista

MARCHIO CONTRAFFATTO, AVVOCATO IMPRESA, DIRITTO PENALE INDUSTRIA

Parole Chiavi

Impresa in crisi

Impresa e crisi economica

Impresa edile crisi

Crisi finanziaria impresa

Avvocato per l’impresa

Impresa senza crisi

Convenzione avvocato impresa

Impresa spa crisi

Crisi impresa spa

Avvocato impresa individuale

Assistenza legale aziende

Foto Varie

 

 

 

 

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» AVVOOCATO DIRITTO FALLIMENTARE BOLOGNA CONCORDATO PREVENTIVO ì

» AVVOCATO PER CONCORDATO DIRITTO COMMERCIALE BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA RIMINI CONCORDATO PREVENTIVO ESPERTO

» CIRCONVENZIONE DI INCAPACE Affinché possa configurarsi il reato di circonvenzione di persone incapaci, non è necessario che la vittima sia dichiarata interdetta o inabilitata ma è sufficiente che la stessa si trovi “in una minorata situazione” e sia quindi incapace in ragione dell’età avanzata o di altri fattori non patologici di “opporre alcuna resistenza a causa della mancanza o diminuita capacità critica”, oggettiva e riconoscibile da parte di tutti “in modo che chiunque possa abusarne per raggiungere i suoi fini illeciti”.

» Paziente danno malasanita’ Bologna consenso informato Errore medico. Cassazione 10055/2011: il medico risponde per errata diagnosi e ha l’obbligo di informare il paziente. Consenso informato del medico

» BOLOGNA TRASPORTATO INCIDENTE AVVOCATO risarcimento assicurazione per incidente mortale-risarcimento danni incidente stradale passeggero-risarcimento danni gravi sinistri della strada

» legge 990 /69 :anche la sosta del veicolo è da ascriversi “al concetto di sinistro stradale”, ove il danno si verifichi “in conseguenza di attività prodromica al movimento della vettura

» LA RIDUZIONE DELLA DONAZIONE – TRIBUNALE ALESSANDRIA –CASSAZIONE –AVVOCATO SUCCESSIONI

» EREDE DISEREDATO, TESTAMENTO , STUDIO LEGALE AVVOCATO SERGIO ARMAROLI BOLOGNA

» 3 Chiunque, abbandonando il domicilio domestico [452, 1432, 146 c.c.], o comunque serbando una condotta contraria all’ordine o alla morale delle famiglie, si sottrae agli obblighi di assistenza inerenti alla potestà dei genitori (1) [147, 316 c.c.]o alla qualità di coniuge [143, 146 c.c.], è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa da 103 euro a 1.032 euro.

» UNIONI CIVILI – IL Matrimonio del transessuale RIMANE valido in attesa di legge che tuteli unioni di fatto Cassazione Civile, sez. I, sentenza 21/04/2015 n° 8097

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» CORTE APPELLO BOLOGNA TRIBUNALE DI BOLOGNA DANNO JURE PROPRIO IN INCIDENTE MORTALE La Corte si e’ soffermata sulla natura delle tabelle milanesi e sul come la loro inosservanza si ponga rispetto ai paradigmi dell’articolo 360 c.p.c., nella sentenza n. 4447 del 2014. In detta decisione la Corte si e’ soffermata su quello che ha individuato come il problema della “ritualita’ della deduzione come violazione di norma di diritto delle c.d. tabelle milanesi” ed ha svolto le seguenti considerazioni.

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI CESENA FORLI VEDOVO VEDOVA ESTROMESSI DA EREDITA’ DIRITTI DEI VEDOVI

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna