Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

AZIONE POSSESSORIA AVVOCATO CIVILISTA BOLOGNA AVVOCATO BOLOGNA SERGIO ARMAROLI L’azione di reintegrazione Ai sensi dell’art. 1168, c. 1°, c.c., “chi è stato violentemente od occultamente spogliato del possesso, può, entro l’anno dal sofferto spoglio, chiedere contro l’autore di esso la reintegrazione del possesso medesimo”.

AZIONE POSSESSORIA AVVOCATO CIVILISTA BOLOGNA AVVOCATO BOLOGNA SERGIO ARMAROLI

 

 

L’azione di reintegrazione

Ai sensi dell’art. 1168, c. 1°, c.c., “chi è stato violentemente od occultamente spogliato del possesso, può, entro l’anno dal sofferto spoglio, chiedere contro l’autore di esso la reintegrazione del possesso medesimo”.

 

 FOTOERNESTO 6

 

L’azione di reintegrazione o di spoglio è pertanto esperibile soltanto nel caso in cui si sia stati privati del possesso. L’azione ha infatti “funzione recuperatoria” essendo diretta al ripristino della preesistente situazione di fatto, con la conseguenza che non può essere proposta e dà luogo a risarcimento del danno nell’ipotesi di distruzione totale della cosa (Cass. n. 3731/1985).

Ai fini della configurabilità dell’azione, lo spoglio deve essere attuato con violenza o clandestinità.

 

AFOTOGRAFICA1

 

 

Con citazione del 22 settembre 1999, M.A.G. ed O.E. , usufruttuaria e nuda proprietaria di una casa sita in (omissis) , premettevano: che dal relativo portone di ingresso di via Morelli, n. 34, avevano accesso ai rispettivi immobili anche A.X.F. ed Ma. An. ; che per raggiungere il primo piano dell’edificio vi erano due rampe di scale ed un pianerottolo, al di sotto del quale era posto un corridoio, nel quale si entrava da una porta sita accanto alla scala di fronte al portone: che tale porta era stata sempre aperta, fin quando le signorine S. , conduttrici dell’appartamento di proprietà A.X. , vi avevano apposto un lucchetto, in un primo momento consegnandone le chiavi alle attrici, ed in un secondo momento negandone, invece, la consegna, e ciò sulla base di esplicite direttive impresse dal proprietario A.X. , il quale aveva preso a contestare il diritto di M.A.G. ed O.E. di entrare nel corridoio di disimpegno attraverso la porta indicata; che le medesime M.A.G. ed O.E. avevano proposto un’azione possessoria per la tutela dell’uso di quella porta, sul presupposto della natura condominiale del corridoio, vedendosi, però, rigettare la domanda; che la famiglia O. , sin dal 1969, era regolarmente transitata attraverso la porta in contestazione e che Ma. An. aveva riconosciuto il diritto di accedervi vantato dalle istanti, a differenza dell’A.X. . Alla luce di tali elementi di fatto, M.A.G. ed O.E. convenivano davanti al Tribunale di Bari, sezione distaccata di Putignano, A.X.F. ed Ma. An. , al fine di prendere atto della mancata opposizione di quest’ultimo e di accertare la natura condominiale del corridoio di disimpegno e della relativa porta di accesso oggetto di causa, con conseguente diritto su di essi delle attrici in quanto parti comuni; ovvero, in subordine, per sentir dichiarare acquisito per usucapione ventennale il corrispondente diritto di passaggio, con ordine di rimessione in pristino. Si costituiva il solo convenuto A.X. , il quale eccepiva la proprietà esclusiva del corridoio e dei vani annessi, rilevava che l’uso di detto corridoio da parte delle attrici fosse stato sporadico e sempre meramente tollerato, e chiedeva il rigetto delle domande attoree.

Il Tribunale di Bari, sezione distaccata di Putignano, con sentenza numero 85/2005 del 16 maggio 2005, dichiarava che il corridoio di disimpegno e la porta attraverso la quale vi si accede, ubicate all’interno dell’edificio sito in (omissis) , alla via Morelli numero 34, fossero di natura condominiale.

A.X.F. proponeva appello e la Corte d’Appello di Bari, con sentenza n. 316/2011 dell’11 aprile 2011, rigettava il gravame. La Corte di merito respingeva il motivo d’appello relativo all’eccezione di improponibilità della domanda petitoria e di giudicato esterno, sia condividendo la tardività della stessa affermata dal Tribunale in relazione al termine ex art. 183 c.p.c., sia evidenziando come la sentenza n. 86/1996 concernesse un’azione possessoria, fondata perciò di diversi presupposti. Parimenti disattese erano le doglianze sulle valutazioni probatorie del primo giudice, aderendo la Corte di Bari alla ricostruzione del CTU che, alla stregua dell’elencazione non tassativa di cui all’art. 1117 c.c., aveva tenuto conto di come il corridoio in contestazione avesse destinazione funzionale all’accesso da via Morelli verso l’immobile oggetto dei diritti di M.A.G. ed O.E. . A.X.F. ha proposto ricorso avverso la sentenza della Corte d’Appello di Bari, articolandolo in tre motivi. Resistono con controricorso M.A.G. ed O.E. . Rimane intimato, senza svolgere attività difensiva, Ma.An. . Il ricorrente A.X. ha presentato altresì memoria ex art. 378 c.p.c. in data 21 aprile 2016.

 

avvocato Sergio Armaroli Bologna

avvocato Sergio Armaroli Bologna

 

È noto, allora, come la sentenza resa sulla domanda possessoria non possa avere autorità di cosa giudicata nel giudizio petitorio: le due azioni sono caratterizzate da diversità di “petitum” e “causa petendi”, giacché il giudizio petitorio è volto alla tutela della proprietà o di altro diritto reale, mentre il giudizio possessorio tende soltanto al ripristino dello stato di fatto mediante un’azione che culmina in un provvedimento suscettibile di giudicato sostanziale, indipendentemente dall’esistenza o meno del diritto al quale il possesso corrisponda e il cui eventuale contrasto col giudicato petitorio va risolto attraverso le opportune “restitutiones in integrum” (Cass. Sez. 2, Sentenza n. 2300 del 05/02/2016; Cass. Sez. 6 – 2, Ordinanza n. 14979 del 16/07/2015).

Per la loro connessione logica, devono trattarsi congiuntamente il secondo ed il terzo motivo, che del pari si rivelano infondati. Si ha riguardo, nella specie, e per quanto evincibile dall’impugnata sentenza e dallo stesso ricorso, ad un corridoio posto a piano terra di un edificio condominiale, corridoio al quale si accede tramite una porta sita accanto alla scala e dal quale è possibile fare ingresso in unità immobiliari di proprietà esclusiva.

 aafoto caricare2

 

Corte di Cassazione II Sezione Civile

Sentenza 13 maggio – 30 giugno 2016, n. 13450

Presidente Bianchini – Relatore Scarpa

Svolgimento del processo

Con citazione del 22 settembre 1999, M.A.G. ed O.E. , usufruttuaria e nuda proprietaria di una casa sita in (omissis) , premettevano: che dal relativo portone di ingresso di via Morelli, n. 34, avevano accesso ai rispettivi immobili anche A.X.F. ed Ma. An. ; che per raggiungere il primo piano dell’edificio vi erano due rampe di scale ed un pianerottolo, al di sotto del quale era posto un corridoio, nel quale si entrava da una porta sita accanto alla scala di fronte al portone: che tale porta era stata sempre aperta, fin quando le signorine S. , conduttrici dell’appartamento di proprietà A.X. , vi avevano apposto un lucchetto, in un primo momento consegnandone le chiavi alle attrici, ed in un secondo momento negandone, invece, la consegna, e ciò sulla base di esplicite direttive impresse dal proprietario A.X. , il quale aveva preso a contestare il diritto di M.A.G. ed O.E. di entrare nel corridoio di disimpegno attraverso la porta indicata; che le medesime M.A.G. ed O.E. avevano proposto un’azione possessoria per la tutela dell’uso di quella porta, sul presupposto della natura condominiale del corridoio, vedendosi, però, rigettare la domanda; che la famiglia O. , sin dal 1969, era regolarmente transitata attraverso la porta in contestazione e che Ma. An. aveva riconosciuto il diritto di accedervi vantato dalle istanti, a differenza dell’A.X. . Alla luce di tali elementi di fatto, M.A.G. ed O.E. convenivano davanti al Tribunale di Bari, sezione distaccata di Putignano, A.X.F. ed Ma. An. , al fine di prendere atto della mancata opposizione di quest’ultimo e di accertare la natura condominiale del corridoio di disimpegno e della relativa porta di accesso oggetto di causa, con conseguente diritto su di essi delle attrici in quanto parti comuni; ovvero, in subordine, per sentir dichiarare acquisito per usucapione ventennale il corrispondente diritto di passaggio, con ordine di rimessione in pristino. Si costituiva il solo convenuto A.X. , il quale eccepiva la proprietà esclusiva del corridoio e dei vani annessi, rilevava che l’uso di detto corridoio da parte delle attrici fosse stato sporadico e sempre meramente tollerato, e chiedeva il rigetto delle domande attoree.

Il Tribunale di Bari, sezione distaccata di Putignano, con sentenza numero 85/2005 del 16 maggio 2005, dichiarava che il corridoio di disimpegno e la porta attraverso la quale vi si accede, ubicate all’interno dell’edificio sito in (omissis) , alla via Morelli numero 34, fossero di natura condominiale.

A.X.F. proponeva appello e la Corte d’Appello di Bari, con sentenza n. 316/2011 dell’11 aprile 2011, rigettava il gravame. La Corte di merito respingeva il motivo d’appello relativo all’eccezione di improponibilità della domanda petitoria e di giudicato esterno, sia condividendo la tardività della stessa affermata dal Tribunale in relazione al termine ex art. 183 c.p.c., sia evidenziando come la sentenza n. 86/1996 concernesse un’azione possessoria, fondata perciò di diversi presupposti. Parimenti disattese erano le doglianze sulle valutazioni probatorie del primo giudice, aderendo la Corte di Bari alla ricostruzione del CTU che, alla stregua dell’elencazione non tassativa di cui all’art. 1117 c.c., aveva tenuto conto di come il corridoio in contestazione avesse destinazione funzionale all’accesso da via Morelli verso l’immobile oggetto dei diritti di M.A.G. ed O.E. . A.X.F. ha proposto ricorso avverso la sentenza della Corte d’Appello di Bari, articolandolo in tre motivi. Resistono con controricorso M.A.G. ed O.E. . Rimane intimato, senza svolgere attività difensiva, Ma.An. . Il ricorrente A.X. ha presentato altresì memoria ex art. 378 c.p.c. in data 21 aprile 2016.

Motivi della decisione

Con il primo motivo di ricorso A.X.F. deduce violazione e falsa applicazione degli artt. 180 e 183 c.p.c. e dell’ari 2909 c.c.: si allega che la sentenza civile n. 81/1996 emessa dal Pretore di Bari, sezione distaccata di Noci, in data 19 luglio 1996, la quale escludeva espressamente “il vantato compossesso… sul corridoio aggetto di causa”, costituisse giudicato esterno in relazione alla questione proposta da M.A.G. ed O.E. con l’atto di citazione introduttivo del presente giudizio, nel quale chiedevano preliminarmente dichiararsi la comproprietà del corridoio de quo, in quanto condominiale, e subordinatamente la costituzione per usucapione di una servitù di passaggio. Tale giudicato esterno sarebbe stato evincibile sin dal momento della costituzione del convenuto in primo grado, avendo egli prodotto copia della sentenza pretorile: sicché errata sarebbe stata l’ordinanza del giudice istruttore del 27 febbraio 2001, che rilevava la mancata proposizione dell’eccezione entro il termine di cui all’art. 183 c.p.c..

Il secondo motivo di ricorso denuncia violazione e falsa applicazione degli artt. 922 e 1117 c.c., nonché insufficiente e contraddittoria motivazione, non avendo la Corte di Bari considerato i titoli di provenienza delle proprietà delle parti in lite (atto di donazione del 10 aprile 1975 e atto di compravendita del 28 novembre 1975 concernenti la proprietà A.X. ; atto di compravendita del 30 luglio 1969 e atto di donazione e divisione del 31 luglio 1986, relativi alla proprietà O. ), dai quali si evincerebbe che il vano corridoio è di proprietà esclusiva del ricorrente, non costituendo esso, del resto, l’unica via di accesso all’unità oggetto dei diritti di M.A. ed O.E. . In tal senso si richiamano pure le risultanze della prova testimoniale.

Il terzo motivo di ricorso critica per omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione la CTU espletata in primo grado, avendo essa riconosciuto la proprietà esclusiva del corridoio in capo al ricorrente A.X. , salvo poi affermarne, per la natura e la collocazione, la “natura condominiale”. Si ribadiscono qui le critiche sull’omesso esame dei titoli di proprietà già formulati nel secondo motivo.

ANZOLA DELL’EMILIA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 2. ARGELATO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 3. BARICELLA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 4. BENTIVOGLIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 5. BOLOGNA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 6. BORGO TOSSIGNANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 7. BUDRIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 8. CALDERARA DI RENO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 9. CAMUGNANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO10. CASALECCHIO DI RENO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO11. CASALFIUMANESE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO12. CASTEL D’AIANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO13. CASTEL DEL RIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO14. CASTEL DI CASIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO15. CASTEL GUELFO DI B. SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO16. CASTEL MAGGIORE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO17. CASTEL SAN PIETRO TERME SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO18. CASTELLO D’ARGILE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO19. CASTENASO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO20. CASTIGLIONE DEI PEPOLI SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO21. CREVALCORE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO22. DOZZA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO23. FONTANELICE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO24. GAGGIO MONTANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO25. GALLIERA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO26. GRANAGLIONE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO27. GRANAROLO DELL’EMILIA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO28. GRIZZANA MORANDI SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO29. IMOLA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO30. LIZZANO IN BELVEDERE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO31. LOIANO32. MALALBERGO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO33. MARZABOTTO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO34. MEDICINA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO35. MINERBIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO36. MOLINELLA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO37. MONGHIDORO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO38. MONTE SAN PIETRO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO39. MONTERENZIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO40. MONZUNO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO41. MORDANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO42. OZZANO DELL’EMILIA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO43. PIANORO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO44. PIEVE DI CENTO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO45. PORRETTA TERME SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO46. SALA BOLOGNESE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO47. SAN BENEDETTO VAL DI S. SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO48. SAN GIORGIO DI PIANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO49. SAN GIOVANNI IN P. SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO50. SAN LAZZARO DI SAVENA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO51. SAN PIETRO IN CASALE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO52. SANT’AGATA BOLOGNESE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO53. SASSO MARCONI SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO54. VALSAMOGGIA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO Lo studio dell’avvocato Sergio Armaroli tratta diritto di famiglia, come: Divorzi (Divorzio Giudiziale E Divorzio Congiunto), Riconoscimento Del Matrimonio O Divorzio Realizzato All'estero, Riconoscimento Della Separazione E Del Divorzio Estero In Italia, Affidamento Condiviso E Congiunto, Scioglimento Del Matrimonio E Cessazione Degli Effetti Civili, Convenzioni Matrimoniali, Disconoscimento Di Paternità, Filiazione, Mantenimento Del Coniuge, Mantenimento Dei Minori, Assegno Divorzile, Addebito Della Separazione, Risarcimento Dei Danni, separazione coniugi competenza territoriale separazione coniugi mutuo Adozioni, Tutela Dei Minori, Matrimonio Misto, Accordi Di Convivenza, Diritto Penale Della Famiglia, Impresa Familiare, Violenze Intrafamiliari, Interdizione, Inabilitazione, Decadenza Potestà Genitori, Sospensione Potestà Genitori, Diritti Degli Ascendenti, Dichiarazione Giudiziale Di Paternità, Strumenti A Tutela Del Corretto Adempimento Delle Obbligazioni Alimentari, Consulenza Legale Relativa A Separazioni, Divorzi, Mediazione Familiare, Affidamento Dei Figli, Accordi Di Convivenza, Adozioni, Variazioni Alle Condizioni Di Separazione E Mediazione Familiare, Assistenza Legale - Assegno Di Mantenimento - Assegno Divorzile - Diritto Di Famiglia - Affidamento Condiviso - Separazione Giudiziale separazione coniugi mutuo cointestato separazione coniugi competenza territoriale separazione coniugi mutuo assegni familiari separazione coniugi separazione coniugi divisione beni mobili fondo patrimoniale separazione coniugi separazione coniugi trasferimento immobiliare separazione coniugi riconciliazione mobiliare e immobiliare; Appalti e mandati; Forniture di servizi, somministrazione; Cessione del credito pro soluto e pro solvendo; Condizioni generali di vendita e di acquisto; Locazione anche ad uso commerciale, affitto, comodato; Noleggio di autoveicoli e natanti; Lavoro subordinato, para-subordinato, mediazione, agenzia; Leasing, factoring, handling, engineering; Polizze assicurative; Recupero dei crediti (procedure esecutive mobiliari, immobiliari, presso terzi, opposizioni all’esecuzione e agli atti esecutivi, sequestri, iscrizioni ipotecarie, partecipazione ad incanti per persona da nominare); Azioni per varie tipologie di risarcimento dei danni. Diritto Societario e delle imprese di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità ► Marzabotto‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità ► Medicina (Italia)‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità ► Minerbio‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità ► Molinella‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità ► Monghidoro‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità ► Monte San Pietro‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità . ► Monterenzio‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità ► Monzuno‎ 
-separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità ► Mordano‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità ► Ozzano dell'Emilia‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità ► Pianoro‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità ► Pieve di Cento‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità ► Porretta Terme‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità Sala Bolognese‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità San Benedetto Val di Sambro‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità San Giorgio di Piano‎ 
-separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità San Giovanni in Persiceto‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità San Lazzaro di Savena‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità San Pietro in Casale‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) - alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna - assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna - adozione, - decadenza della potestà dei genitori - accertamento giudiziale della paternità - casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione - affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio - adozione - disconoscimento della paternità Sant'Agata Bolognese‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordat

Assistenza legale, ANZOLA DELL’EMILIA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 2. ARGELATO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 3. BARICELLA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 4. BENTIVOGLIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 5. BOLOGNA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 6. BORGO TOSSIGNANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 7. BUDRIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 8. CALDERARA DI RENO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO 9. CAMUGNANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO10. CASALECCHIO DI RENO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO11. CASALFIUMANESE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO12. CASTEL D’AIANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO13. CASTEL DEL RIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO14. CASTEL DI CASIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO15. CASTEL GUELFO DI B. SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO16. CASTEL MAGGIORE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO17. CASTEL SAN PIETRO TERME SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO18. CASTELLO D’ARGILE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO19. CASTENASO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO20. CASTIGLIONE DEI PEPOLI SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO21. CREVALCORE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO22. DOZZA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO23. FONTANELICE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO24. GAGGIO MONTANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO25. GALLIERA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO26. GRANAGLIONE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO27. GRANAROLO DELL’EMILIA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO28. GRIZZANA MORANDI SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO29. IMOLA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO30. LIZZANO IN BELVEDERE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO31. LOIANO32. MALALBERGO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO33. MARZABOTTO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO34. MEDICINA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO35. MINERBIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO36. MOLINELLA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO37. MONGHIDORO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO38. MONTE SAN PIETRO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO39. MONTERENZIO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO40. MONZUNO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO41. MORDANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO42. OZZANO DELL’EMILIA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO43. PIANORO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO44. PIEVE DI CENTO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO45. PORRETTA TERME SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO46. SALA BOLOGNESE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO47. SAN BENEDETTO VAL DI S. SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO48. SAN GIORGIO DI PIANO SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO49. SAN GIOVANNI IN P. SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO50. SAN LAZZARO DI SAVENA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO51. SAN PIETRO IN CASALE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO52. SANT’AGATA BOLOGNESE SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO53. SASSO MARCONI SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO54. VALSAMOGGIA SEPARAZIONI E DIVORZI AVVOCATO
Lo studio dell’avvocato Sergio Armaroli tratta diritto di famiglia, come: Divorzi (Divorzio Giudiziale E Divorzio Congiunto), Riconoscimento Del Matrimonio O Divorzio Realizzato All’estero, Riconoscimento Della Separazione E Del Divorzio Estero In Italia, Affidamento Condiviso E Congiunto, Scioglimento Del Matrimonio E Cessazione Degli Effetti Civili, Convenzioni Matrimoniali, Disconoscimento Di Paternità, Filiazione, Mantenimento Del Coniuge, Mantenimento Dei Minori, Assegno Divorzile, Addebito Della Separazione, Risarcimento Dei Danni, separazione coniugi competenza territoriale
separazione coniugi mutuo
Adozioni, Tutela Dei Minori, Matrimonio Misto, Accordi Di Convivenza, Diritto Penale Della Famiglia, Impresa Familiare, Violenze Intrafamiliari, Interdizione, Inabilitazione, Decadenza Potestà Genitori, Sospensione Potestà Genitori, Diritti Degli Ascendenti, Dichiarazione Giudiziale Di Paternità, Strumenti A Tutela Del Corretto Adempimento Delle Obbligazioni Alimentari, Consulenza Legale Relativa A Separazioni, Divorzi, Mediazione Familiare, Affidamento Dei Figli, Accordi Di Convivenza, Adozioni, Variazioni Alle Condizioni Di Separazione E Mediazione Familiare, Assistenza Legale – Assegno Di Mantenimento – Assegno Divorzile – Diritto Di Famiglia – Affidamento Condiviso – Separazione Giudiziale separazione coniugi mutuo cointestato
separazione coniugi competenza territoriale
separazione coniugi mutuo
assegni familiari separazione coniugi
separazione coniugi divisione beni mobili
fondo patrimoniale separazione coniugi
separazione coniugi trasferimento immobiliare
separazione coniugi riconciliazione legali per compravendite immobiliariAppalti e mandati;
Forniture di servizi, somministrazione;
Cessione del credito pro soluto e pro solvendo;
Condizioni generali di vendita e di acquisto;
Locazione anche ad uso commerciale, affitto, comodato;
Noleggio di autoveicoli e natanti;
Lavoro subordinato, para-subordinato, mediazione, agenzia;
Leasing, factoring, handling, engineering;
Polizze assicurative;
Recupero dei crediti (procedure esecutive mobiliari, immobiliari, presso terzi, opposizioni all’esecuzione e agli atti esecutivi, sequestri, iscrizioni ipotecarie, partecipazione ad incanti per persona da nominare);
Azioni per varie tipologie di risarcimento dei danni.
Diritto Societario e delle imprese
assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità ► Marzabotto‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità ► Medicina (Italia)‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità ► Minerbio‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità ► Molinella‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità ► Monghidoro‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità ► Monte San Pietro‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità . ► Monterenzio‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità ► Monzuno‎ 
-separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità ► Mordano‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità ► Ozzano dell’Emilia‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità ► Pianoro‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità ► Pieve di Cento‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità ► Porretta Terme‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità Sala Bolognese‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità San Benedetto Val di Sambro‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità San Giorgio di Piano‎ 
-separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità San Giovanni in Persiceto‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità San Lazzaro di Savena‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità San Pietro in Casale‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordatario) – alimenti,diritto di alimenti,Avvocato Bologna – assegno di mantenimento ,assegno divorzile,avvocato Bologna – adozione, – decadenza della potestà dei genitori – accertamento giudiziale della paternità – casa coniugale,assegnazione casa coniugale -affidamento dei figli nella separazione – affidamento dei figli minorenni di persone conviventi more uxorio – adozione – disconoscimento della paternità Sant’Agata Bolognese‎ -separazione dei coniugi:separazione consensuale e separazione giudiziale (scioglimento matrimonio/cessazione effetti civili matrimonio concordat

Il primo motivo di ricorso è infondato. Erra, in realtà, la Corte di Bari nel seguire il Tribunale circa l’intempestività dell’eccezione di giudicato esterno, atteso che, com’è pacifico, ormai da tempo, nella giurisprudenza di questa Corte, l’esistenza di un giudicato esterno, al pari di quella del giudicato interno, è rilevabile d’ufficio, ed il giudice è tenuto a pronunciare sulla stessa qualora essa emerga da atti comunque prodotti nel corso del giudizio di merito, senza, pertanto, rimanere subordinata ad una tempestiva allegazione dei fatti costitutivi dello stesso, i quali non subiscono i limiti di utilizzabilità rappresentati dalle eventualmente intervenute preclusioni (Cass. Sez. U, Sentenza n. 226 del 25/05/2001). Tuttavia, pur avendo il giudice di merito malamente affermato la tardività dell’allegazione, va negata la portata preclusiva del giudicato invocato dal ricorrente. In questo giudizio, M.A.G. ed O.E. hanno agito in petitorio, per sentir accertare la comproprietà ex art. 1117 c.c. del corridoio di disimpegno, in quanto bene funzionalmente destinato all’utilità ed al godimento comuni, mentre la sentenza n. 81/1996 del Pretore di Bari, sezione distaccata di Noci, aveva pronunciato in sede possessoria, escludendone “il vantato compossesso”. Solo via subordinata, invero, era stata formulata in primo grado la domanda di acquisto per usucapione del diritto di passaggio, non oggetto di riproposizione in appello.

È noto, allora, come la sentenza resa sulla domanda possessoria non possa avere autorità di cosa giudicata nel giudizio petitorio: le due azioni sono caratterizzate da diversità di “petitum” e “causa petendi”, giacché il giudizio petitorio è volto alla tutela della proprietà o di altro diritto reale, mentre il giudizio possessorio tende soltanto al ripristino dello stato di fatto mediante un’azione che culmina in un provvedimento suscettibile di giudicato sostanziale, indipendentemente dall’esistenza o meno del diritto al quale il possesso corrisponda e il cui eventuale contrasto col giudicato petitorio va risolto attraverso le opportune “restitutiones in integrum” (Cass. Sez. 2, Sentenza n. 2300 del 05/02/2016; Cass. Sez. 6 – 2, Ordinanza n. 14979 del 16/07/2015).

Per la loro connessione logica, devono trattarsi congiuntamente il secondo ed il terzo motivo, che del pari si rivelano infondati. Si ha riguardo, nella specie, e per quanto evincibile dall’impugnata sentenza e dallo stesso ricorso, ad un corridoio posto a piano terra di un edificio condominiale, corridoio al quale si accede tramite una porta sita accanto alla scala e dal quale è possibile fare ingresso in unità immobiliari di proprietà esclusiva.

Ora, ai sensi dell’art. 1117, n. 1, c.c., rientrano tra le parti comuni spettanti ai proprietari delle singole unità site nell’edificio condominiale, tra l’altro, le scale, i vestiboli, gli anditi, ovvero comunque tutte le parti necessarie all’uso comune ed essenziali alla funzionalità del fabbricato, e quindi anche gli annessi pianerottoli, passetti, corridoi, pur se posti in concreto al servizio di singole proprietà. Per sottrarre tali beni alla comproprietà dei condomini e dimostrarne l’appartenenza esclusiva al titolare di una porzione esclusiva, è necessario un titolo contrario, contenuto non già nella compravendita o nella donazione delle singole unità immobiliari (come suppone il ricorrente, menzionando gli atti di cui alle pagine 16 e seguenti di ricorso), bensì nell’atto costitutivo del condominio. Titolo idoneo a vincere la presunzione di condominialità ex art. 1117 c.c., infatti, è non l’atto di acquisto del singolo appartamento condominiale, quanto il negozio posto in essere da colui o da coloro che hanno costituito il condominio dell’edificio, in quanto tale negozio, rappresentando la fonte comune dei diritti dei condomini, ne determina l’estensione e le limitazioni reciproche. Pertanto, per accertare se il corridoio di accesso ai singoli appartamenti delle parti in lite fosse escluso dalla comunione e riservato in proprietà esclusiva di alcuno o altro dei condomini titolari di essi, il ricorrente avrebbe dovuto decisivamente indicare, piuttosto, quale fosse stato l’atto costitutivo del condominio di via (omissis) , spettando certamente al proprietario, che rivendichi la proprietà esclusiva di un bene presuntivamente attribuito al condominio, l’onere di dare la prova del proprio diritto individuale sulla res. Costituisce, peraltro, apprezzamento di fatto dei giudici di merito incensurabile in sede di legittimità – ove, come nel caso in esame, risulti pure compiutamente motivato – l’accertamento, in base ad elementi obiettivamente rilevati, che il corridoio serva, per sue caratteristiche strutturali e funzionali, all’uso comune di più appartamenti, e non sia, piuttosto, destinato, al godimento di una parte soltanto dell’edificio avente accesso da esso (Cass. Sez. 2, Sentenza n. 3159 del 14/02/2006; Cass. Sez. 2, Sentenza n. 1498 del 12/02/1998; Cass. Sez. 2, Sentenza n. 1776 del 23/02/1994; Cass. Sez. 2, Sentenza n. 2070 del 22/03/1985; Cass. Sez. 2, Sentenza n. 673 del 09/03/1972).

Non ha rilievo la considerazione del ricorrente in forza della quale il controverso vano corridoio non costituisse l’unica via di accesso al locale di proprietà O. , esistendo l’ingresso alternativo da Via Cesare Battisti: la presunzione di comunione, tra i condomini di un edificio condominiale, di un bene rientrante tra quelli indicati dall’art. 1117 c.c., può, invero, esser superata se il contrario risulta dal titolo, e non già se la situazione di fatto deponga per la possibilità di ottenere le medesime utilità fornite da quel bene attraverso il godimento di altre parti comuni, comunque strumentali alla medesima porzione esclusiva (Cass. Sez. 2, Sentenza n. 3409 del 22/03/2000). Né parimenti rivelano significato i richiami operati in ricorso all’espletata prova testimoniale sul transito operato in passato dalla famiglia O. attraverso la porta dell’androne, in quanto l’esclusione, quale titolo contrario ex art. 1117 c.c., dal novero delle parti in condominio di alcune che, per presunzione di legge, sono di proprietà comune, incidendo sulla costituzione o modificazione di un diritto reale immobiliare, deve risultare necessariamente da atto scritto.

Il terzo motivo di ricorso si risolve, infine, in denunce portate dal ricorrente più verso la consulenza tecnica espletata in primo grado che contro la sentenza d’appello qui impugnata, senza comunque introdurre circostanze ed elementi connotati da effettiva decisività, in quanto la natura condominiale del corridoio, affermata dalla Corte di Bari, non discende essenzialmente dall’adesione alle contestate conclusioni peritali, quanto dalla regola di diritto ricavabile dall’art. 1117 c.c..

Consegue il rigetto del ricorso.

Le spese del giudizio di cassazione rimangono regolate secondo soccombenza e liquidate in dispositivo in favore delle sole controricorrenti M.A.G. ed O.E. , giacche Ma.An. non ha svolto attività difensiva.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente a rimborsare alle controricorrenti M.A.G. ed O.E. le spese del giudizio di legittimità, che liquida in complessivi Euro 2.200,00, di cui Euro 200,00 per esborsi, oltre a spese generali e ad accessori di legge.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

» CASS SEZ UNITE RISARCIMENTI PUNITIVI la sentenza del 23 settembre 2008, esecutiva, della Circuit Court of the 17th Judicial Circuit for Broward Count (Florida), confermata in appello dal District Court of Appeal of the State of Florida, dell’U agosto 2010, che aveva concannato la società italiana AXO Sport spa a pagare la complessiva somma di dollari USA 1.436.136,87, oltre interessi al tasso annuo dell’11% , a seguito di procedimento giudiziario svoltosi davanti a quell’autorità;

» AVVOCATO DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA CONTRATTO PRELIMINARE SU IMMOBILE ABUSIVO In forza, allora, dell’interpretazione di questa Corte, cui il Collegio intende dare continuità, la sanzione della nullità prevista dalla L. 28 febbraio 1985, n. 47, art. 40, con riferimento a vicende negoziali relative ad immobili privi della necessaria concessione edificatoria, trova applicazione nei soli contratti con effetti traslativi e non anche con riguardo ai contratti con efficacia obbligatoria, quale il preliminare di vendita, come si desume dal tenore letterale della norma, nonchè dalla circostanza che, successivamente al contratto preliminare, può intervenire la concessione in sanatoria degli abusi edilizi commessi o essere prodotta la dichiarazione prevista dalla stessa norma, ove si tratti di immobili costruiti anteriormente al 1 settembre 1967. Ne consegue che, anche nel caso in cui il preliminare abbia ad oggetto un immobile privo della concessione edificatoria, si ritiene costituito tra le parti un valido vincolo giuridico (Cass. 19 dicembre 2013, n. 28456; Cass. 18 luglio 2011, n. 15734; Cass. 11 luglio 2005, n. 14489).

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

» CASS SEZ UNITE RISARCIMENTI PUNITIVI la sentenza del 23 settembre 2008, esecutiva, della Circuit Court of the 17th Judicial Circuit for Broward Count (Florida), confermata in appello dal District Court of Appeal of the State of Florida, dell’U agosto 2010, che aveva concannato la società italiana AXO Sport spa a pagare la complessiva somma di dollari USA 1.436.136,87, oltre interessi al tasso annuo dell’11% , a seguito di procedimento giudiziario svoltosi davanti a quell’autorità;

» AVVOCATO DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA CONTRATTO PRELIMINARE SU IMMOBILE ABUSIVO In forza, allora, dell’interpretazione di questa Corte, cui il Collegio intende dare continuità, la sanzione della nullità prevista dalla L. 28 febbraio 1985, n. 47, art. 40, con riferimento a vicende negoziali relative ad immobili privi della necessaria concessione edificatoria, trova applicazione nei soli contratti con effetti traslativi e non anche con riguardo ai contratti con efficacia obbligatoria, quale il preliminare di vendita, come si desume dal tenore letterale della norma, nonchè dalla circostanza che, successivamente al contratto preliminare, può intervenire la concessione in sanatoria degli abusi edilizi commessi o essere prodotta la dichiarazione prevista dalla stessa norma, ove si tratti di immobili costruiti anteriormente al 1 settembre 1967. Ne consegue che, anche nel caso in cui il preliminare abbia ad oggetto un immobile privo della concessione edificatoria, si ritiene costituito tra le parti un valido vincolo giuridico (Cass. 19 dicembre 2013, n. 28456; Cass. 18 luglio 2011, n. 15734; Cass. 11 luglio 2005, n. 14489).

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna