Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA , MOGLIE RICCA OCCORRE VERSARE ALIMENTI AL MARITO ?Consulenza Legale per Separazione e Divorzio a Bologna Avvocato separazione Bologna Avvocato separazione Consigli utili per superare la separazione senza drammi. avvocato matrimonialista bologna – Studio Legale Bologna studiolegale-bologna.it/…/avvocato-matrimonialista-per-separazioni-a-bologna-e-prov… avvocato per divorzio bologna separazione consensuale bologna costo avvocato separazione consensuale lettera avvocato separazione miglior avvocato divorzista bologna   Ti serve un avvocato matrimonialista divorzista per una separazione o divorzio? SEPARAZIONI BOLOGNA – Avvocato a Bologna www.avvocatoabologna.it/separazione…/divorzio-e-separazione- Avvocato divorzista a Bologna – Separazione … Avvocati che si occupano di Separazione a Bologna (Città … STUDIO LEGALE a Bologna avvocato matrimonialista separazione bologna 

AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA ,MOGLIE RICCA OCCORRE VERSARE ALIMENTI AL MARITO ?
AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA , MOGLIE RICCA OCCORRE VERSARE ALIMENTI AL MARITO ? Il Tribunale di Teramo, pronunciata con sentenza non definitiva la separazione fra i coniugi D.G.P. e B.P., con la sentenza definitiva pose a carico di quest'ultima l'obbligo di corrispondere al marito un assegno di mantenimento di Euro 500 mensili, annualmente rivalutabili. L'appello proposto dal D. G. contro la decisione definitiva è stato parzialmente accolto dalla Corte d'Appello di L'Aquila. separazioni Bologna
AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA , MOGLIE RICCA OCCORRE VERSARE ALIMENTI AL MARITO ? Il Tribunale di Teramo, pronunciata con sentenza non definitiva la separazione fra i coniugi D.G.P. e B.P., con la sentenza definitiva pose a carico di quest’ultima l’obbligo di corrispondere al marito un assegno di mantenimento di Euro 500 mensili, annualmente rivalutabili. L’appello proposto dal D. G. contro la decisione definitiva è stato parzialmente accolto dalla Corte d’Appello di L’Aquila.
 
Il Tribunale di Teramo, pronunciata con sentenza non definitiva la separazione fra i coniugi D.G.P. e B.P., con la sentenza definitiva pose a carico di quest'ultima l'obbligo di corrispondere al marito un assegno di mantenimento di Euro 500 mensili, annualmente rivalutabili. L'appello proposto dal D. G. contro la decisione definitiva è stato parzialmente accolto dalla Corte d'Appello di L'Aquila.
AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA , MOGLIE RICCA OCCORRE VERSARE ALIMENTI AL MARITO ? Il Tribunale di Teramo, pronunciata con sentenza non definitiva la separazione fra i coniugi D.G.P. e B.P., con la sentenza definitiva pose a carico di quest'ultima l'obbligo di corrispondere al marito un assegno di mantenimento di Euro 500 mensili, annualmente rivalutabili. L'appello proposto dal D. G. contro la decisione definitiva è stato parzialmente accolto dalla Corte d'Appello di L'Aquila.-4
AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA , MOGLIE RICCA OCCORRE VERSARE ALIMENTI AL MARITO ? Il Tribunale di Teramo, pronunciata con sentenza non definitiva la separazione fra i coniugi D.G.P. e B.P., con la sentenza definitiva pose a carico di quest’ultima l’obbligo di corrispondere al marito un assegno di mantenimento di Euro 500 mensili, annualmente rivalutabili. L’appello proposto dal D. G. contro la decisione definitiva è stato parzialmente accolto dalla Corte d’Appello di L’Aquila.
La corte territoriale ha ritenuto inadeguata la misura dell'assegno, tenuto conto da un lato dell'elevato tenore di vita che la coppia conduceva prima della separazione, assicurato principalmente dai cospicui redditi di cui godeva la moglie, coniuge economicamente più forte, e dall'altro del fatto che il D.G., a decorrere dal 10.2.07, era stato licenziato dall'azienda della quale era dipendente ed era stato posto in mobilità; ha pertanto disposto un aumento dell'assegno di mantenimento dovuto dalla B. al marito, determinandolo in Euro 800 mensili dalla data della domanda al febbraio del 2007, ed in Euro 2000 mensili dal marzo successivo al 4.11.09, data in cui, a seguito dell'introduzione del giudizio di divorzio, i rapporti patrimoniali fra i coniugi risultavano regolati dall'ordinanza presidenziale di fissazione provvisoria dell'assegno divorzile.

La sentenza, pubblicata il 15 marzo 2013, è stata impugnata da B.P. con ricorso per cassazione affidato a cinque motivi e illustrato da memoria, cui D.G.P. ha resistito con controricorso.

1) Con il primo motivo la B. denuncia violazione dell'art. 156 c.c. Assume, in particolare, che la corte del merito non avrebbe tenuto conto: che, ancorchè titolare presso Credit Suisse di un deposito bancario di oltre tre milioni di Euro (derivanti dalla liquidazione della quota da lei posseduta nella società di famiglia), ella è una casalinga, priva di reddito da lavoro e deve farsi interamente carico del mantenimento dei due figli, l'una studentessa universitaria fuori sede e l'altro afflitto da gravi problemi di tossicodipendenza; che la somma depositata è frutto di una liberalità del padre ed è quindi priva di incidenza ai fini della determinazione del suo reddito; che, comunque, tale somma è l'unica disponibilità liquida sulla quale può contare per far fronte a tutti gli impegni, ed è destinata a diminuire, dovendo necessariamente servirle per il resto della vita; che, inoltre, si tratta di disponibilità limitata, perchè sul conto può operare anche suo padre, in forza di procura irrevocabile; che D.G. è, per contro, comproprietario di un ampio e lussuoso complesso immobiliare, idoneo a procurargli reddito, e non è disoccupato, in quanto esercita l'attività di disk jockey e lavora anche presso il Comune di Atri.


Consulenza Legale per Separazione e Divorzio a Bologna
Avvocato separazione Bologna Avvocato separazione
Consigli utili per superare la separazione senza drammi. avvocato matrimonialista bologna - Studio Legale Bologna
studiolegale-bologna.it/.../avvocato-matrimonialista-per-separazioni-a-bologna-e-prov...

avvocato per divorzio bologna
separazione consensuale bologna
costo avvocato separazione consensuale
lettera avvocato separazione
miglior avvocato divorzista bologna
 
Ti serve un avvocato matrimonialista divorzista per una separazione o divorzio?
SEPARAZIONI BOLOGNA - Avvocato a Bologna
www.avvocatoabologna.it/separazione.../divorzio-e-separazione-
Avvocato divorzista a Bologna – Separazione ...
Avvocati che si occupano di Separazione a Bologna (Città ...
STUDIO LEGALE a Bologna
avvocato matrimonialista separazione bologna 

 
 
SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE
SEZIONE I CIVILE
Sentenza 5 febbraio - 29 aprile 2015, n. 8716
REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI AMATO Sergio - Presidente -

Dott. DI VIRGILIO Maria Rosa - Consigliere -

Dott. CRISTIANO Magda - Consigliere -

Dott. BISOGNI Giacinto - Consigliere -

Dott. ACIERNO Maria - rel. Consigliere -

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 15857-2013 proposto da:

B.P. (C.F. (OMISSIS)), elettivamente domiciliata in ROMA, VIA G. CERBARA 64, presso l'avvocato CASTIELLO FRANCESCO, che la rappresenta e difende, giusta procura a margine del ricorso;

- ricorrente -
DIVORZIO BOLOGNA, AVVOCATO DIVORZIO BOLOGNA, ASSEGNO DIVORZILE BOLOGNA Bologna, avvocato a Bologna assistenza legale per chi compera o vende casa
DIVORZIO BOLOGNA, AVVOCATO DIVORZIO BOLOGNA, ASSEGNO DIVORZILE BOLOGNA
Bologna, avvocato a Bologna assistenza legale per chi compera o vende casa
DIVORZIO BOLOGNA, AVVOCATO DIVORZIO BOLOGNA, ASSEGNO DIVORZILE BOLOGNA Bologna, avvocato a Bologna assistenza legale per chi compera o vende casa
DIVORZIO BOLOGNA, AVVOCATO DIVORZIO BOLOGNA, ASSEGNO DIVORZILE BOLOGNA
Bologna, avvocato a Bologna assistenza legale per chi compera o vende casa
contro

D.G.P. (c.f. (OMISSIS)), elettivamente domiciliato in ROMA, VIA DELLA GIULIANA 44, presso l'avvocato DI LUZIO MARIO, rappresentato e difeso dall'avvocato DEL PRINCIPE MARIO, giusta procura speciale per Notaio dott.ssa GIUSI MARINO di ATRI -

Rep. n. 68 del 9.10.2014;

- controricorrente -

avverso la sentenza n. 231/2013 della CORTE D'APPELLO di L'AQUILA, depositata il 15/03/2013;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 05/02/2015 dal Consigliere Dott. MAGDA CRISTIANO;

udito, per la ricorrente, l'Avvocato BALDARI FILIPPO, con delega, che si riporta;

udito, per il controricorrente, l'Avvocato DEL PRINCIPE che si riporta;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. CERONI Francesca che ha concluso per l'inammissibilità, in subordine rigetto del ricorso.

Svolgimento del processo

Il Tribunale di Teramo, pronunciata con sentenza non definitiva la separazione fra i coniugi D.G.P. e B.P., con la sentenza definitiva pose a carico di quest'ultima l'obbligo di corrispondere al marito un assegno di mantenimento di Euro 500 mensili, annualmente rivalutabili. L'appello proposto dal D. G. contro la decisione definitiva è stato parzialmente accolto dalla Corte d'Appello di L'Aquila.

La corte territoriale ha ritenuto inadeguata la misura dell'assegno, tenuto conto da un lato dell'elevato tenore di vita che la coppia conduceva prima della separazione, assicurato principalmente dai cospicui redditi di cui godeva la moglie, coniuge economicamente più forte, e dall'altro del fatto che il D.G., a decorrere dal 10.2.07, era stato licenziato dall'azienda della quale era dipendente ed era stato posto in mobilità; ha pertanto disposto un aumento dell'assegno di mantenimento dovuto dalla B. al marito, determinandolo in Euro 800 mensili dalla data della domanda al febbraio del 2007, ed in Euro 2000 mensili dal marzo successivo al 4.11.09, data in cui, a seguito dell'introduzione del giudizio di divorzio, i rapporti patrimoniali fra i coniugi risultavano regolati dall'ordinanza presidenziale di fissazione provvisoria dell'assegno divorzile.

La sentenza, pubblicata il 15 marzo 2013, è stata impugnata da B.P. con ricorso per cassazione affidato a cinque motivi e illustrato da memoria, cui D.G.P. ha resistit
assegno mantenimento
assegno mantenimento
o con controricorso.
 
Motivi della decisione
afd4
1) Con il primo motivo la B. denuncia violazione dell'art. 156 c.c. Assume, in particolare, che la corte del merito non avrebbe tenuto conto: che, ancorchè titolare presso Credit Suisse di un deposito bancario di oltre tre milioni di Euro (derivanti dalla liquidazione della quota da lei posseduta nella società di famiglia), ella è una casalinga, priva di reddito da lavoro e deve farsi interamente carico del mantenimento dei due figli, l'una studentessa universitaria fuori sede e l'altro afflitto da gravi problemi di tossicodipendenza; che la somma depositata è frutto di una liberalità del padre ed è quindi priva di incidenza ai fini della determinazione del suo reddito; che, comunque, tale somma è l'unica disponibilità liquida sulla quale può contare per far fronte a tutti gli impegni, ed è destinata a diminuire, dovendo necessariamente servirle per il resto della vita; che, inoltre, si tratta di disponibilità limitata, perchè sul conto può operare anche suo padre, in forza di procura irrevocabile; che D.G. è, per contro, comproprietario di un ampio e lussuoso complesso immobiliare, idoneo a procurargli reddito, e non è disoccupato, in quanto esercita l'attività di disk jockey e lavora anche presso il Comune di Atri.

2) Col secondo motivo, nel quale si denuncia vizio di motivazione della sentenza impugnata, la ricorrente sostiene che la corte territoriale avrebbe omesso di considerare che il D.G. aveva scelto volontariamente di essere messo in mobilità ed era passato immediatamente alle dipendenze del Comune di Atri, percependo una retribuzione di Euro 800 mensili dal marzo 2007 al novembre 2011. Nel prosieguo del motivo viene, inoltre, contestata la congruità delle motivazioni che sorreggono gli accertamenti dell'elevato tenore di vita goduto dalla famiglia prima della separazione e della natura saltuaria dell'attività di disk jockey del coniuge.

3) Con il terzo ed il quarto motivo, che denunciano l'uno violazione dell'art. 112 c.p.c. e l'altro dell'art. 2697 c.c., la B. lamenta, rispettivamente, che il giudice d'appello non abbia dato risposta alle numerose sue contestazioni, volte a evidenziare l'insussistenza delle circostanze di fatto allegate dal D.G. a fondamento della domanda avanzata, ed abbia, per contro, riformato la sentenza di primo grado nonostante l'inadempimento del coniuge all'onere probatorio del quale era gravato.

5) Con il quinto motivo la ricorrente si duole, infine, che non sia stato tenuto conto, ai sensi e per gli effetti dell'art. 116 c.p.c., del comportamento processuale del marito, che avrebbe "negato l'innegabile" ed avrebbe taciuto circostanze rilevanti ai fini della determinazione dell'assegno.

I motivi sono inammissibili.

6) Va innanzitutto rilevato che il primo, il terzo, il quarto ed il quinto motivo, anzichè prospettare l'erronea ricognizione da parte del giudice del merito delle astratte fattispecie normative di cui è denunciata la violazione - od a sollevare problemi di interpretazione delle indicate disposizioni - si limitano a contestare la decisione sul rilievo dell'omessa, od errata, valutazione delle risultanze di causa.

Tuttavia, ad un esame condotto sotto il diverso, e corretto, profilo del vizio di motivazione, tutte le illustrate ragioni di censura si manifestano come volte esclusivamente alla richiesta, cui non può essere dato ingresso nella presente sede di legittimità, di una completa rivisitazione del materiale istruttorie, al fine di sollecitare una decisione di merito diversa da quella cui è pervenuto il giudice d'appello.

6.1) Nel primo motivo, peraltro, si danno per accertate talune circostanze (l'esistenza di una procura irrevocabile e illimitata ad operare sul conto conferita al padre della B.; l'assunzione del D.G. da parte del Comune di Atri) delle quali la sentenza non fa neppure menzione, ma non si precisa, secondo quanto richiesto dall'art. 366 c.p.c., comma 1, n. 6, quali siano, ed in quale esatta sede processuale siano stati prodotti, i documenti che varrebbero a provarle.

6.2) Nel terzo motivo, in cui il vizio di omessa pronuncia è erroneamente riferito all'omesso esame di allegazioni ed eccezioni difensive, la ricorrente tralascia di considerare che, secondo la costante e consolidata giurisprudenza di questa Corte, il giudice del merito può fondare il proprio convincimento sui soli elementi probatori che ritiene rilevanti per la decisione e non è obbligato a prendere in esame e a disattendere tutte le contrarie argomentazioni e contestazioni, a condizione che risulti logicamente giustificato il valore preminente accordato agli elementi da lui utilizzati (cfr., da ultimo e fra moltissime, Cass. nn. 13485/014, 8129/014, 25608/013).

6.3) Il quarto motivo contiene una generica elencazione degli elementi di prova che il D.G. avrebbe dovuto fornire, e non avrebbe fornito, per ottenere l'accoglimento della propria domanda, senza che sia chiarito se, e da dove possa ricavarsi, che le risultanze istruttorie sulle quali la corte territoriale ha fondato il proprio contrario convincimento fossero, in tutto o in parte, indimostrate o comunque inidonee a sorreggere la decisione.
assegno mantenimento figli Bologna assegno mantenimento moglie Bologna assegno mantenimento coniuge Bologna rivalutazione istat assegno mantenimento Bologna assegno mantenimento figlio maggiorenne Bologna detrazione assegno mantenimento figli Bologna assegno mantenimento separazione Bologna
assegno mantenimento figli Bologna
assegno mantenimento moglie Bologna
assegno mantenimento coniuge Bologna
rivalutazione istat assegno mantenimento Bologna
assegno mantenimento figlio maggiorenne Bologna
detrazione assegno mantenimento figli Bologna
assegno mantenimento separazione Bologna
assegno mantenimento
assegno mantenimento
assegno mantenimento figli Bologna assegno mantenimento moglie Bologna assegno mantenimento coniuge Bologna rivalutazione istat assegno mantenimento Bologna assegno mantenimento figlio maggiorenne Bologna detrazione assegno mantenimento figli Bologna assegno mantenimento separazione Bologna
assegno mantenimento figli Bologna
assegno mantenimento moglie Bologna
assegno mantenimento coniuge Bologna
rivalutazione istat assegno mantenimento Bologna
assegno mantenimento figlio maggiorenne Bologna
detrazione assegno mantenimento figli Bologna
assegno mantenimento separazione Bologna
6.4) Analoghe considerazioni vanno svolte con riguardo al quinto motivo, che muove, ancora una volta, dall'assiomatico presupposto che il D.G. abbia negato o taciuto circostanze rilevanti ai fini della decisione e che, comunque, non specifica da quali fatti processuali il giudice del merito avrebbe dovuto trarre argomenti di prova in ordine alla ricorrenza di quelle circostanze, ai sensi dell'art. 116 c.p.c., comma 2.

6.5) Va infine evidenziato, per completezza, che nessuno dei motivi in esame prospetta ragioni di doglianza riconducibili al vizio di legittimità delineato dal nuovo testo dell'art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, così come riformulato dal D.L. 22 giugno 2012, n. 83, art. 54, comma 1, lett. b) convertito, con modificazioni, dalla L. n. 134 del 2012 (cui il ricorso, proposto contro una sentenza pubblicata il 15.3.013, è soggetto ratione temporis), il quale esige che il ricorrente indichi il "fatto storico" il cui esame sia stato omesso, il "dato", testuale o extratestuale, da cui esso risulti esistente, il "come" e il "quando" lo stesso sia stato oggetto di discussione processuale tra le parti e la sua "decisività" (Cass. SS.UU, n. 8053/2014).

7) Il rilievo appena svolto sub. 6.5) è di per sè sufficiente a fondare la declaratoria di inammissibilità del secondo motivo, atteso che la B.: non ha specificato se, ed in quale esatta fase del giudizio di merito, sia stata prodotta la lettera della Teleco Cavi, già datrice di lavoro del D.G., che varrebbe, da sola, a smentire l'accertamento della corte territoriale secondo cui questi era stato licenziato dalla società (all'epoca in concordato preventivo) che, di concerto con le organizzazioni sindacali, aveva attivato la procedura di mobilità a causa di una grave ed irreversibile crisi aziendale, che da lì a poco l'avrebbe condotta al fallimento; non ha chiarito se la questione concernente gli emolumenti asseritamente corrisposti al coniuge dal Comune di Atri sia stata devoluta all'esame della corte d'appello; non ha indicato quali precise risultanze documentali si porrebbero in contrasto con gli ulteriori accertamenti del giudice del merito genericamente contestati. Le spese del giudizio seguono la soccombenza e si liquidano come da dispositivo.

P.Q.M.
 
La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali, che liquida in Euro 5.200, di cui Euro 200 per esborsi, oltre rimborso forfetario e accessori di legge.
 
Dispone che in caso di diffusione della presente sentenza siano omesse le generalità delle parti e dei soggetti in essa menzionati.
 
Ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17 si dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per la stessa impugnazione.

Così deciso in Roma, il 5 febbraio 2015.

Depositato in Cancelleria il 29 aprile 2015.


						
Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» ATTENZIONE SEPARAZIONE BOLOGNA GIURISDIZIONE LEGGI SUBITO MI RACCOMANDO Conclusivamente in parziale accoglimento del ricorso del G., la giurisdizione del giudice ordinario italiano va negata rispetto alle domande inerenti all’affidamento ed al mantenimento del figlio delle parti, in quanto devolute in via esclusiva alla competenza del giudice del Regno Unito, e deve invece essere affermata relativamente al giudizio di separazione personale, per il cui ulteriore corso le parti vanno rimesse dinanzi al Tribunale di Torre Annunziata.

» MANCATO PAGAMENTO ALIMENTI NELLA SEPARAZIONE E DIVORZIO QUANDO SCATTA IL REATO DI CUI ALL’ART 570 CP

» ATTENZIONE:DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA RIDURRE MANTENIMENTO SE MARITO HA FIGLIO IN SECONDO LETTO

» #separazioni#bologna#avvocato#studio#separazioni #Bologna #mobbing #famigliare

» AVVOCATO ESPERTO DIVORZIO BOLOGNA: poneva a carico di quest’ultimo un assegno pari a 200 euro mensili in favore della moglie in virtù dell’Inadeguatezza dei mezzi della C., comparati con quelli dell’ex coniuge e della breve durata (due anni) del vincolo coniugale

» BOLOGNA spese straordinarie separazione 2015 spese straordinarie separazione quali sono spese straordinarie separazione precetto spese straordinarie separazione coniugi spese straordinarie separazione titolo esecutivo spese straordinarie separazione cassazione spese straordinarie separazione competenza giudice di pace spese straordinarie separazione baby sitter

» SEPARAZIONI BOLOGNA, ASCOLTO DEL MINORE, AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA

» UNIONI CIVILI – IL Matrimonio del transessuale RIMANE valido in attesa di legge che tuteli unioni di fatto Cassazione Civile, sez. I, sentenza 21/04/2015 n° 8097

» 3 ABBANDONO TETTO CONIUGALE – NESSUN ADDEBITO SE CONVIVENZA INTOLLERABILE –AVVOCATO BOLOGNA

» AVOCAT EXPERT EREDITAR Cauze, diviziuni ereditare, AVOCAT EXPERT WILLS CAUZE 27 martie 2015 – Postat de: Sergio Armaroli – In categoria: testament , TESTAMENT moștenire “A BOLOGNA – Un comentariu AVOCAT EXPERT EREDITAR cauze, DIVIZIUNI ereditare, AVOCAT EXPERT WILLS CAUZE 1) Luca: a avut o dispută cu frații pentru o divizie ereditare. După mai multe negocieri am ajuns la un acord care satisface toata lumea !! 2) Caterina este o doamnă care se căsătorise rus nr a doua soție italian.

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» Successione ereditaria Bologna erede pretermesso Bologna , testamento, azione di riduzione Con la sentenza n. 24755 del 4 dicembre 2015, la Corte di Cassazione adita con ricorso dalle figlie, ha affermato che “il principio di intangibilità della legittima comporta che i diritti del legittimario debbano essere soddisfatti con beni o denaro provenienti dall’asse ereditario, con la conseguenza che l’eventuale divisione operata dal testatore contenente la disposizione per la quale le ragioni ereditarie di un riservatario debbano essere soddisfatte dagli eredi tra cui è divisa l’eredità’ mediante corresponsione di somma di denaro non compresa nel relictum è’ affetta da nullità ex art. 735, primo comma, cod. civ.”

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA FAENZ ALUGO IMOLA Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti)

» AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI RIMINI CESENA RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI I conviventi di fatto possono disciplinare i rapporti patrimoniali relativi alla loro vita in comune con la sottoscrizione di un contratto di convivenza. 51. Il contratto di cui al comma 50, le sue modifiche e la sua risoluzione sono redatti in forma scritta, a pena di nullita’, con atto pubblico o scrittura privata con sottoscrizione autenticata da un notaio o da un avvocato che ne attestano la conformita’ alle norme imperative e all’ordine pubblico.

» DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA FAENZA RIMINI AVVOCATO DIVORZIO CHIAMA SUBITO COSA ASPETTI? Corte Costituzionale Sentenza 9 – 11 febbraio 2015, n. 11 Presidente Criscuolo – Redattore Morelli Sentenza

» EREDE QUOTA PRELAZIONE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA PADOVA, RAVENNA RIMINI CESENA FORLI QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TRIB ROVIGO CONCORDATO PREVENTIVO COLLABORAZIONE TRA IMPRENDITORE E COMMISSARI –AVVOCATO PER CONCORDATO PREVENTIVO osservato come l’orientamento espresso dalla Suprema Corte in altra sede conforti il principio espresso di necessaria collaborazione tra l’imprenditore e i commissari (“il termine fissato dal tribunale, ai sensi dell’art. 163 l.fall., per il deposito della somma che si presume necessaria per l’intera procedura ha carattere perentorio, atteso che la prosecuzione di quest’ultima richiede la piena disponibilità, da parte del commissario, dell’importo a tal fine destinato e questa esigenza può essere soddisfatta soltanto con la preventiva costituzione del fondo nel rispetto del predetto termine, da considerarsi quindi improrogabile, con conseguente inefficacia del deposito tardivamente effettuato” Cass. 21 aprile 2016, n. 8100; conf. Cass., 23 settembre 2016, n. 18704, Cass., 22 novembre 2012, n. 20667)

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TESTAMENTO EREDE ESTROMESSO ,COME RISOLVERE, AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA RAVENNA MODENA ROVIGO RIMINI CESENA FORLI il principio di intangibilità della legittima comporta che i diritti del legittimario debbano essere soddisfatti con beni o denaro provenienti dall’asse ereditario, con la conseguenza che l’eventuale divisione operata dal testatore contenente la disposizione per la quale le ragioni ereditarie di un riservatario debbano essere soddisfatte dagli eredi tra cui è divisa l’eredità’ mediante corresponsione di somma di denaro non compresa nel relictum è’ affetta da nullità ex art. 735, primo comma, cod. civ.”

» SPOSARSI E’ FACILE E’ SEPARARSI E DIVORZIARE CHE E’ DIFFICILE AVVOCATO MATRIMONIALISTA DIVORZISTA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI

» CONCORDATO PREVENTIVO AVVOCATO PER RICHIESTA CONCORDATO DELLE SPA ex art. 161, comma 6, la domanda di concordato deve essere dichiarata inammissibile dal tribunale, ai sensi della L. Fall., art. 162, comma 2 Va tuttavia considerato, sotto un primo profilo, che, poiché rispetto al medesimo imprenditore ed alla medesima insolvenza il concordato non può che essere unico, qualora la procedura di concordato sia pendente non è configurabile un’ulteriore domanda di ammissione avente carattere di autonomia (cfr. Cass. n. 495/015), a meno che da quest’ultima non si desuma l’inequivoca volontà del proponente (pur se non espressa con formule sacramentali) di rinunciare a quella in precedenza depositata.

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna