Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

Paziente danno malasanita’ Bologna consenso informato Errore medico. Cassazione 10055/2011: il medico risponde per errata diagnosi e ha l’obbligo di informare il paziente. Consenso informato del medico

Paziente danno malasanita’ Bologna consenso informato

errore medico risarcimento danni Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA

risarcimento malasanità tempi Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA

tabelle risarcimento danni malasanità Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA

risarcimento danni malasanità prescrizione Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA

risarcimento malasanità morte Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA

scadenza domanda risarcimento malasanità Bologna ,RAVENNA IMOLA FAENZA FORLI CESENA

danno biologico  risarcimento danni  risarcimento danno biologico  risarcimento  risarcimento malasanità  tabelle danno biologico  risarcimento danni malasanità  risarcimento danni incidente stradale  danno biologico tabelle  danno biologico calcolo  risarcimento danni sinistro stradale  richiesta risarcimento danni  risarcimento incidente stradale  risarcimento danni morali  calcolo micropermanenti  calcolo risarcimento danni  malasanità e risarcimento  malasanità risarcimento  danno morale  risarcimento danni medici  valutazione danno biologico  infortunio sul lavoro risarcimento  malasanità risarcimento danni  calcolo danno morale  risarcimento danni fisici  tabella risarcimento danni  risarcimento del danno  quantificazione danno biologico  risarcimento colpo di frusta  c

danno biologico  risarcimento danni  risarcimento danno biologico  risarcimento  risarcimento malasanità  tabelle danno biologico  risarcimento danni malasanità  risarcimento danni incidente stradale  danno biologico tabelle  danno biologico calcolo  risarcimento danni sinistro stradale  richiesta risarcimento danni  risarcimento incidente stradale  risarcimento danni morali  calcolo micropermanenti  calcolo risarcimento danni  malasanità e risarcimento  malasanità risarcimento  danno morale  risarcimento danni medici  valutazione danno biologico  infortunio sul lavoro risarcimento  malasanità risarcimento danni  calcolo danno morale  risarcimento danni fisici  tabella risarcimento danni  risarcimento del danno  quantificazione danno biologico  risarcimento colpo di frusta  c

Il consenso informato non va inteso — come spesso accade — come un ulteriore adempimento burocratico o come un momento di conflitto nella relazione medico-paziente, e non si deve ridurre a una semplice e pura operazione di «stile» alla quale ricorrere per garantirsi da conseguenze giudiziarie, ma deve essere inteso come un momento di quella alleanza terapeutica fondamentale per affrontare in modo corretto la malattia. L’obbligo del consenso informato è sancito dalla Costituzione, da varie norme di legge, 

Orbene, applicando i principi di garanzia al caso concreto ed in tema di adempimento o esatto adempimento ad una completa ed adeguata informazione, la erronea applicazione della CORTE in tema di principi del consenso informato è duplice in quanto : da un lato presuppone che il consenso informato non debba investire anche i rischi dello intervento sanitario allorché essi non siano letali, pur avendo un alto livello di probabilità statistica (-tvp al 50 PER CENTO) e d’altro lato ritiene non dovuta la informazione in presenza di una percentuale statistica di mortalità dell’uno per cento, perché fenomeno prossimo al fortuito, mentre la valutazione del rischio appartiene al titolare del diritto esposto, e cioè al paziente e costituisce una operazione di bilanciamento che non può essere annullata in favore della parte che interviene sia pure con intenti salvifici.

SUSSISTE DUNQUE LA PROVA EVIDENTE DELL’INADEMPIMENTO IN RELAZIONE ALLA MANCATA E COMPLETA INFORMAZIONE SUL RISCHIO INERENTE AL PRIMO INTERVENTO, con l’effetto che su tale punto resta fermo l’an debeatur, mentre per il quantum dovranno essere riesaminate le pretese risarcitorie dell’erede che agisce in proprio o in tale veste, come si dovrà desumere dall’atto introduttivo.

danno biologico  risarcimento danni  risarcimento danno biologico  risarcimento  risarcimento malasanità  tabelle danno biologico  risarcimento danni malasanità  risarcimento danni incidente stradale  danno biologico tabelle  danno biologico calcolo  risarcimento danni sinistro stradale  richiesta risarcimento danni  risarcimento incidente stradale  risarcimento danni morali  calcolo micropermanenti  calcolo risarcimento danni  malasanità e risarcimento  malasanità risarcimento  danno morale  risarcimento danni medici  valutazione danno biologico  infortunio sul lavoro risarcimento  malasanità risarcimento danni  calcolo danno morale  risarcimento danni fisici  tabella risarcimento danni  risarcimento del danno  quantificazione danno biologico  risarcimento colpo di frusta  c

danno biologico  risarcimento danni  risarcimento danno biologico  risarcimento  risarcimento malasanità  tabelle danno biologico  risarcimento danni malasanità  risarcimento danni incidente stradale  danno biologico tabelle  danno biologico calcolo  risarcimento danni sinistro stradale  richiesta risarcimento danni  risarcimento incidente stradale  risarcimento danni morali  calcolo micropermanenti  calcolo risarcimento danni  malasanità e risarcimento  malasanità risarcimento  danno morale  risarcimento danni medici  valutazione danno biologico  infortunio sul lavoro risarcimento  malasanità risarcimento danni  calcolo danno morale  risarcimento danni fisici  tabella risarcimento danni  risarcimento del danno  quantificazione danno biologico  risarcimento colpo di frusta  c

 

AINFOMMMMMSUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE III CIVILE

Sentenza 22 maggio – 19 settembre 2014, n. 19731

(Presidente Segreto– Relatore Petti)

Svolgimento del processo

  1. Con citazione del 2 ottobre 1998 L.G., erede di C., deceduto il (omissis) a 62 anni sul letto operatorio, già anestetizzato e incubato, per improvvisa e mortale ipotensione, convenne dinanzi al tribunale di MILANO, il chirurgo dr S.H. e la casa di cura san CAMILLO e ne chiedeva la condanna in solido al risarcimento di tutti i danni patrimoniali e non patrimoniali derivati dal decesso dell’ingegner C., a sessantadue anni, sul rilievo della responsabilità del chirurgo e della struttura sia in relazione alla produzione del fatto dannoso determinante la morte sia in relazione alla responsabilità da inadempimento in relazione alla omessa o incompleta prestazione del consenso informato. Le convenute si costituivano contestando il fondamento delle domande ed il medico chiamava in garanzia la ALLIANZ che chiamava la coassicuratrice RAS. La causa era istruita con consulenza medico legale ed acquisizione di documenti medici e della cartella clinica.

  1. Il tribunale di Milano con sentenza del 10 dicembre 2003 rigettava le domande, compensando tra le parti le spese di lite.

  1. Contro la decisione proponeva appello L., chiedendone la riforma, resistevano il medico, la casa di cura e le assicurazioni terze chiamate. La corte disponeva nuova consulenza medico legale collegiale specialistica, la consulenza era successivamente integrata con dichiarazioni suppletive e di approfondimento.

  1. La CORTE DI APPELLO di Milano, con sentenza del 31 agosto 2007, in parziale accoglimento dello appello condannava il medico e la casa di cura al risarcimento del danno per la malattia chirurgica, nella misura di 5000 Euro, e compensava le spese tra il L., il medico e la casa di cura, condannando il medico a rifondere alle assicurazioni le spese del grado.

  1. Contro la decisione ricorre L. deducendo tre motivi, resistono con controricorso la CASA DI CURA E ALLIANZ, non resiste il medico pur ritualmente citato.

la estetica?e se l'intervento non riesce come vogliamo? / chirurgo / estetico / responsabile / danni morali / patrimoniali / responsabilità medica il danno risarcibile responsabilità medica liquidazione danno richiesta danni responsabilità medica modulo risarcimento danni responsabilità medica mediazione responsabilità medica danno morale maggior danno responsabilità medica responsabilità medica risarcimento danno morale danno morale nella responsabilità medica responsabilità medica danno non patrimoniale danno non patrimoniale da responsabilità medica danno non patrimoniale nella responsabilità medica responsabilità medica danno patrimoniale responsabilità medica danno parentale danno per responsabilità medica responsabilità medica prova del danno danno patrimoniale e responsabilità medica risarcimento del danno da responsabilità medica prescrizione risarcimento danni responsabilità medica quantificazione responsabilità medica quantificazione del danno risarcimento danno responsabilità medica prescrizione responsabilità medica danno riflesso risarcimento del danno responsabilità medica danno tanatologico responsabilità medica responsabilità medica voci di danno malasanità Bologna, studio legale avvocato Sergio Armaroli

danno responsabilità medica
danno responsabilità medica prescrizione
danno da responsabilità medica
risarcimento danno responsabilità medica
danno biologico responsabilità medica
danno differenziale responsabilità medica
calcolo danno responsabilità medica
danno da responsabilità medica prescrizione
danno patrimoniale responsabilità medica
danno esistenziale responsabilità medica
danno biologico responsabilità medica tabelle
responsabilità medica calcolo danno biologico
danno biologico da responsabilità medica
responsabilità medica e danno biologico
danno biologico per responsabilità medica
responsabilità medica contrattuale e danno biologico atto di citazione
risarcimento danno biologico responsabilità medica
quantificazione danno biologico responsabilità medica
liquidazione danno biologico responsabilità medica
danno da responsabilità medica calcolo
risarcimento danni responsabilità medica competenza territoriale
criteri liquidazione danno responsabilità medica
calcolo danno differenziale responsabilità medica
calcolo danno morale responsabilità medica
danno da responsabilità medica mediazione
danno da morte responsabilità medica
responsabilità medica e danno differenziale
voci di danno responsabilità medica
danno esistenziale da responsabilità medica
responsabilità medica danno estetico
responsabilità medica e danno risarcibile
responsabilità medica e danno morale
responsabilità medica e danno non patrimoniale
danno emergente responsabilità medica
danno erariale responsabilità medica
responsabilità medica e danno
responsabilità medica danno iatrogeno
la responsabilità medica il danno risarcibile
responsabilità medica liquidazione danno
richiesta danni responsabilità medica modulo
risarcimento danni responsabilità medica mediazione
responsabilità medica danno morale
maggior danno responsabilità medica
responsabilità medica risarcimento danno morale
danno morale nella responsabilità medica
responsabilità medica danno non patrimoniale
danno non patrimoniale da responsabilità medica
danno non patrimoniale nella responsabilità medica
responsabilità medica danno patrimoniale
responsabilità medica danno parentale
danno per responsabilità medica
responsabilità medica prova del danno
danno patrimoniale e responsabilità medica
risarcimento del danno da responsabilità medica prescrizione
risarcimento danni responsabilità medica quantificazione
responsabilità medica quantificazione del danno
risarcimento danno responsabilità medica prescrizione
responsabilità medica danno riflesso
risarcimento del danno responsabilità medica
danno tanatologico responsabilità medica
responsabilità medica voci di danno
estetica?e se l’intervento non riesce come vogliamo? / chirurgo / estetico / responsabile / danni morali / patrimoniali / responsabilità medica il danno risarcibile
responsabilità medica liquidazione danno
richiesta danni responsabilità medica modulo
risarcimento danni responsabilità medica mediazione
responsabilità medica danno morale
maggior danno responsabilità medica
responsabilità medica risarcimento danno morale
danno morale nella responsabilità medica
responsabilità medica danno non patrimoniale
danno non patrimoniale da responsabilità medica
danno non patrimoniale nella responsabilità medica
responsabilità medica danno patrimoniale
responsabilità medica danno parentale
danno per responsabilità medica
responsabilità medica prova del danno
danno patrimoniale e responsabilità medica
risarcimento del danno da responsabilità medica prescrizione
risarcimento danni responsabilità medica quantificazione
responsabilità medica quantificazione del danno
risarcimento danno responsabilità medica prescrizione
responsabilità medica danno riflesso
risarcimento del danno responsabilità medica
danno tanatologico responsabilità medica
responsabilità medica voci di danno
malasanità Bologna, studio legale avvocato Sergio Armaroli

Motivi della decisione

  1. Il ricorso, soggetto al regime dei quesiti,conformemente alle motivate richieste del procuratore generale, merita accoglimento per il terzo motivo, risultando infondati i restanti motivi e fondata la deduzione dell’assicuratore ALLIANZ in ordine alla intangibilità della statuizione della CORTE di appello che aveva rigettato la domanda proposta nei suoi confronti non essendo tale capo della sentenza coinvolto da alcuna censura da parte del L.

Per chiarezza espositiva si offre una sintesi dei motivi, ed a seguire le ragioni del rigetto e dello accoglimento del terzo motivo che concerne il consenso informato.

6.1. SINTESI DEI MOTIVI.

Nel PRIMO MOTIVO si deduce violazione e o falsa applicazione di norme di cui agli artt. 1175, 1176, 1218, 1375, 2230, 2236, 2727, 2729 primo comma, 2697 primo comma c.c. e artt. 115, 116 c.p.c. in relazione all’art. 360 n. 3 c.p.c. nel punto in cui la Corte ha ritenuto assolto l’onere della prova per adeguatezza della terapia preventiva antitrombotica anticoagulante, nonché illogica e contraddittoria motivazione sul punto ed omesso esame della cartella clinica, riguardante un punto decisivo della controversia in relazione allo art. 360 n. 5 c.p.c. I RELATIVI quesiti vengono articolati ai ff 20 e 21.

Nel SECONDO MOTIVO si deduce vizio della motivazione illogica, contraddittoria e insufficiente nel punto in cui la Corte ha ritenuto non doverosa da parte dei sanitari la esecuzione di accertamenti diagnostici per rilevare la presenza di una trombosi venosa profonda, che ha dato origine alla tromboembolia polmonare fatale.

Nel TERZO MOTIVO si deduce error in iudicando e vizio della motivazione in punto di consenso informato, con quesiti in termini a ff 40 e la riproduzione in esteso dell’unico consenso predisposto. MA VEDI INFRA sotto le ragioni di accoglimento.

Paziente danno malasanita’ Bologna consenso informato Errore medico. Cassazione 10055/2011: il medico risponde per errata diagnosi e ha l'obbligo di informare il paziente. Consenso informato del medico

Paziente danno malasanita’ Bologna consenso informato Errore medico. Cassazione 10055/2011: il medico risponde per errata diagnosi e ha l’obbligo di informare il paziente. Consenso informato del medico

6.3. RAGIONI IN CONFUTAZIONE DEI PRIMO DUE MOTIVI ED IN ACCOGLIMENTO DEL TERZO.

I primi due motivi vengono in esame congiunto in quanto investono il nesso causale tra la condotta del convenuto chirurgo ed il decesso. Le censure, per quanto articolate, non valgono a smontare le conclusioni raggiunte nelle due consulenze collegiali e nella consulenza penale e nel supplemento di consulenza, in ordine alla mancanza di un nesso causale tra l’errore nel primo intervento chirurgico ed il successivo decesso quando ancora il secondo intervento non era iniziato.

LE CENSURE, per quanto attiene al catalogo degli errores in iudicando, risultano dunque prive della necessaria autonomia e specificità, mentre come errores in iudicando risultano prive di un momento coerente di sintesi e della stessa indicazione del fatto controverso.

IN conclusione coesistono profili in inammissibilità oltre che di evidente infondatezza in relazione alla chiara ratio decidendi espressa dai giudici del riesame sul punto.

6.4. RAGIONI DI ACCOGLIMENTO DEL TERZO MOTIVO.

Il terzo motivo merita accoglimento in relazione al primo intervento ed alla mancanza al riguardo di idoneo consenso, mentre risulta infondato in relazione al c.d. secondo intervento riparatore, sul rilievo che nella fattispecie viene a mancare il c.d. danno consequenziale, secondo i principi di cui all’art. 1223 c.c. come si dirà in limine.

In relazione al primo intervento si osserva che il ed consenso informato è stato riprodotto in esteso, ed evidenzia di per sé la sua lacunosità, posto che risulta sintetico ma incompleto, lasciando la integrazione del suo contenuto ad un colloquio esaustivo tra paziente e medico, che non risulta neppure dalla cartella clinica.

Il fondamento del consenso informato,come richiamato nei punti 4.1, 4.2 e 4.3 delle sezioni unite civili 11 novembre 2008 n. 26973, viene ad essere configurato come elemento strutturale dei contratti di protezione, quali sono quelli che si concludono nel settore sanitario. In questi gli interessi da realizzare attengono alla sfera della salute in senso ampio, di guisa che l’inadempimento del debitore della prestazione di garanzia è idonea a ledere diritti inviolabili della persona cagionando anche pregiudizi non patrimoniali.

Pertanto la ed informazione esatta sulle condizioni e sui rischi prevedibili di un intervento chirurgico o su un trattamento sanitario per accertamenti in prevenzione o in preparazione, se costituisce di per sé un obbligo o dovere che attiene alla buona fede nella formazione del contratto ed è elemento indispensabile per la validità del consenso che deve essere consapevole, al trattamento terapeutico e chirurgico, è inoltre un elemento costitutivo della protezione del paziente con rilievo costituzionale, per gli artt. 2, 3, 13 e 32 della COST. assieme ad altre norme di diritto positivo, che nel corso del tempo abbiano da aumentare le garanzie a favore dei consumatori del bene della salute.

danno biologico  risarcimento danni  risarcimento danno biologico  risarcimento  risarcimento malasanità  tabelle danno biologico  risarcimento danni malasanità  risarcimento danni incidente stradale  danno biologico tabelle  danno biologico calcolo  risarcimento danni sinistro stradale  richiesta risarcimento danni  risarcimento incidente stradale  risarcimento danni morali  calcolo micropermanenti  calcolo risarcimento danni  malasanità e risarcimento  malasanità risarcimento  danno morale  risarcimento danni medici  valutazione danno biologico  infortunio sul lavoro risarcimento  malasanità risarcimento danni  calcolo danno morale  risarcimento danni fisici  tabella risarcimento danni  risarcimento del danno  quantificazione danno biologico  risarcimento colpo di frusta  c

danno biologico  risarcimento danni  risarcimento danno biologico  risarcimento  risarcimento malasanità  tabelle danno biologico  risarcimento danni malasanità  risarcimento danni incidente stradale  danno biologico tabelle  danno biologico calcolo  risarcimento danni sinistro stradale  richiesta risarcimento danni  risarcimento incidente stradale  risarcimento danni morali  calcolo micropermanenti  calcolo risarcimento danni  malasanità e risarcimento  malasanità risarcimento  danno morale  risarcimento danni medici  valutazione danno biologico  infortunio sul lavoro risarcimento  malasanità risarcimento danni  calcolo danno morale  risarcimento danni fisici  tabella risarcimento danni  risarcimento del danno  quantificazione danno biologico  risarcimento colpo di frusta  c

afa1

malasanità risarcimento danni malasanità e risarcimento scadenza domanda risarcimento malasanità malasanità errore medico risarcimento risarcimento danni fisici casi di malasanita malasanità avvocati per risarcimenti in sanita errori medici malasanità risarcimento danni malasanità e risarcimento scadenza domanda risarcimento malasanità malasanità errore medico risarcimento

malasanità risarcimento danni malasanità e risarcimento scadenza domanda risarcimento malasanità malasanità errore medico risarcimento risarcimento danni fisici casi di malasanita malasanità avvocati per risarcimenti in sanita errori medici malasanità risarcimento danni malasanità e risarcimento scadenza domanda risarcimento malasanità malasanità errore medico risarcimento

danno biologico  risarcimento danni  risarcimento danno biologico  risarcimento  risarcimento malasanità  tabelle danno biologico  risarcimento danni malasanità  risarcimento danni incidente stradale  danno biologico tabelle  danno biologico calcolo  risarcimento danni sinistro stradale  richiesta risarcimento danni  risarcimento incidente stradale  risarcimento danni morali  calcolo micropermanenti  calcolo risarcimento danni  malasanità e risarcimento  malasanità risarcimento  danno morale  risarcimento danni medici  valutazione danno biologico  infortunio sul lavoro risarcimento  malasanità risarcimento danni  calcolo danno morale  risarcimento danni fisici  tabella risarcimento danni  risarcimento del danno  quantificazione danno biologico  risarcimento colpo di frusta  c

danno biologico  risarcimento danni  risarcimento danno biologico  risarcimento  risarcimento malasanità  tabelle danno biologico  risarcimento danni malasanità  risarcimento danni incidente stradale  danno biologico tabelle  danno biologico calcolo  risarcimento danni sinistro stradale  richiesta risarcimento danni  risarcimento incidente stradale  risarcimento danni morali  calcolo micropermanenti  calcolo risarcimento danni  malasanità e risarcimento  malasanità risarcimento  danno morale  risarcimento danni medici  valutazione danno biologico  infortunio sul lavoro risarcimento  malasanità risarcimento danni  calcolo danno morale  risarcimento danni fisici  tabella risarcimento danni  risarcimento del danno  quantificazione danno biologico  risarcimento colpo di frusta  c

Orbene, applicando i principi di garanzia al caso concreto ed in tema di adempimento o esatto adempimento ad una completa ed adeguata informazione, la erronea applicazione della CORTE in tema di principi del consenso informato è duplice in quanto : da un lato presuppone che il consenso informato non debba investire anche i rischi dello intervento sanitario allorché essi non siano letali, pur avendo un alto livello di probabilità statistica (-tvp al 50 PER CENTO) e d’altro lato ritiene non dovuta la informazione in presenza di una percentuale statistica di mortalità dell’uno per cento, perché fenomeno prossimo al fortuito, mentre la valutazione del rischio appartiene al titolare del diritto esposto, e cioè al paziente e costituisce una operazione di bilanciamento che non può essere annullata in favore della parte che interviene sia pure con intenti salvifici.

danno biologico  risarcimento danni  risarcimento danno biologico  risarcimento  risarcimento malasanità  tabelle danno biologico  risarcimento danni malasanità  risarcimento danni incidente stradale  danno biologico tabelle  danno biologico calcolo  risarcimento danni sinistro stradale  richiesta risarcimento danni  risarcimento incidente stradale  risarcimento danni morali  calcolo micropermanenti  calcolo risarcimento danni  malasanità e risarcimento  malasanità risarcimento  danno morale  risarcimento danni medici  valutazione danno biologico  infortunio sul lavoro risarcimento  malasanità risarcimento danni  calcolo danno morale  risarcimento danni fisici  tabella risarcimento danni  risarcimento del danno  quantificazione danno biologico  risarcimento colpo di frusta  c

danno biologico 
risarcimento danni 
risarcimento danno biologico 
risarcimento 
risarcimento malasanità 
tabelle danno biologico 
risarcimento danni malasanità 
risarcimento danni incidente stradale 
danno biologico tabelle 
danno biologico calcolo 
risarcimento danni sinistro stradale 
richiesta risarcimento danni 
risarcimento incidente stradale 
risarcimento danni morali 
calcolo micropermanenti 
calcolo risarcimento danni 
malasanità e risarcimento 
malasanità risarcimento 
danno morale 
risarcimento danni medici 
valutazione danno biologico 
infortunio sul lavoro risarcimento 
malasanità risarcimento danni 
calcolo danno morale 
risarcimento danni fisici 
tabella risarcimento danni 
risarcimento del danno 
quantificazione danno biologico 
risarcimento colpo di frusta 
c

SUSSISTE DUNQUE LA PROVA EVIDENTE DELL’INADEMPIMENTO IN RELAZIONE ALLA MANCATA E COMPLETA INFORMAZIONE SUL RISCHIO INERENTE AL PRIMO INTERVENTO, con l’effetto che su tale punto resta fermo l’an debeatur, mentre per il quantum dovranno essere riesaminate le pretese risarcitorie dell’erede che agisce in proprio o in tale veste, come si dovrà desumere dall’atto introduttivo.

Deve essere invece rigettato il ricorso relativamente al secondo profilo del consenso informato per il secondo intervento riparatore. Infatti tale intervento, per il quale anche occorreva il consenso informato, non è derivato alcun danno consequenziale secondo i principi di cui all’art. 1223 c.c.. Ne consegue che se non esiste un rapporto causale tra lo aggravamento delle condizioni del paziente e la insorgenza di nuove patologie e l’intervento sanitario, non può darsi luogo ad alcun risarcimento del danno.

IL terzo motivo merita accoglimento nei termini in cui in motivazione.

La CASSAZIONE è con rinvio alla CORTE DI APPELLO DI MILANO, che si atterrà ai principi di diritto come sopra formulati nel riesaminare le domande risarcitorie del L. e provvederà anche in ordine al riparto delle spese di questo giudizio di cassazione.

AINFOPERSONE3P.Q.M.

Accoglie il terzo motivo di ricorso, rigetta i primi due, cassa in relazione e rinvia anche per le spese del giudizio di cassazione alla Corte di appello di MILANO in diversa composizione.

Corte di Cassazione, 23 maggio 2014 n. 11522, Responsabilità del medico per il  ritardo nella diagnosi di un tumore: i parenti del paziente deceduto, hanno diritto al risarcimento del danno biologico iure hereditatis.

Errore medico onere prova, cassazione n. 18341/13:

 «…con riferimento al primo ed al secondo motivo, la sentenza impugnata si rivela in armonia con il consolidato orientamento di questa S. C. secondo cui, nei giudizi di risarcimento del danno causato da attività medica, l’attore ha l’onere di allegare e di provare l’esistenza del rapporto di cura, il danno ed il nesso causale, mentre ha l’onere di allegare (ma non di provare) la colpa del medico; quest’ultimo, invece, ha l’onere di provare che l’eventuale insuccesso dell’intervento, rispetto a quantoconcordato o ragionevolmente attendibile, è dipeso da causa a sè non imputabile (Cass. n. 17143/2012). Pertanto, è il danneggiato che agisce per l’affermazione della responsabilità del medico, che ha l’onere di provare la sussistenza di un valido nesso causale tra fatto del sanitario e danno. Solo fornita tale prova in merito al nesso di causalità, è onere del medico, ai sensi dell’art. 1218 c.c., dimostrare  la scusabilità della propria condotta (Cass. n. 12686/2011)».

Corte di Cassazione, 23 maggio 2014 n. 11522, Responsabilità del medico per il  ritardo nella diagnosi di un tumore: i parenti del paziente deceduto, hanno diritto al risarcimento del danno biologico iure hereditatis.

avvocato malasanità Bologna, studio legale avvocato Sergio Armaroli

avvocato malasanità Bologna, studio legale avvocato Sergio Armaroli

La Corte di Cassazione, con la citata sentenza, ha ribaltato tale decisione affermando che “l’omissione della diagnosi di un processo morboso terminale, anche se si tratta di un male incurabile e sul quale sia possibile intervenire soltanto con un intervento palliativo, determinando un ritardo della possibilità di esecuzione di tale intervento, cagiona al paziente un danno alla persona per il fatto che nelle more egli non ha potuto fruire di tale intervento e, quindi, ha dovuto sopportare le conseguenze del processo morboso e particolarmente il dolore, posto che la tempestiva esecuzione dell’intervento palliativo avrebbe potuto, sia pure senza la risoluzione del processo morboso, alleviare le sue sofferenze“.

Dunque, anche a fronte di una malattia terminale ed inguaribile, l’omessa diagnosi oppure la diagnosi non tempestiva cagiona comunque al paziente un danno alla propria persona, per il semplice fatto che è stato costretto a dover sopportare per intero le gravissime conseguenze della malattia stessa, con le relative sofferenze, le quali avrebbero potuto essere quanto meno alleviate.

Nel caso trattato ciò ha comportato un“danno da perdita di chances”, ossia la mancata possibilità (la chance, appunto) di vivere meglio e più a lungo durante il decorso della malattia, grazie alle cure palliative.

Cass., 13 febbraio 2015, n. 2854

In tema di responsabilità medica, l’obbligo del consenso informato attiene all’informazione circa le prevedibili conseguenze del trattamento cui il paziente viene sottoposto, e in particolare al possibile verificarsi, in conseguenza dell’esecuzione del trattamento stesso, di un aggravamento delle condizioni di salute del paziente, al fine di porre quest’ultimo in condizione di consapevolmente consentire al trattamento sanitario prospettatogli. Ne deriva che l’acquisizione da parte del medico del consenso informato costituisce prestazione altra e diversa da quella dell’intervento medico richiestogli, assumendo autonoma rilevanza ai fini dell’eventuale responsabilità risarcitoria in caso di mancata prestazione da parte del paziente.

Cass., 13 maggio 2014, n. 10317

La Corte di Cassazione, confermando le decisioni di primo e secondo grado, ha rigettato il ricorso promosso contro una AUSL locale e teso al risarcimento del danno subíto da una paziente a séguito di un’interruzione volontaria di gravidanza (asseritamente) mal eseguita. In particolare la Corte conferma l’orientamento che fa rientrare la responsabilità medica nell’alveo della responsabilità contrattuale, con conseguente riparto dell’onere della prova tra la parti e, nella fattispecie in analisi, conferma la decisione di secondo grado che si era adeguata a tali princípi (non potendo valutare il merito della decisione ed i fatti del caso). La Corte, infine ribadisce che «l’inadempimento rilevante nell’àmbito dell’azione di responsabilità per risarcimento del danno, nelle obbligazioni dette “di comportamento”, come quelle che qui rilevano, non è qualunque inadempimento, ma solo quello che costituisce causa (o concausa) e efficiente del danno; il che comporta, in primis, la necessità della parte istante di allegare un inadempimento, per cosí dire, qualificato e cioè astrattamente efficiente alla produzione del danno».

Cass., 6 giugno 2014, n. 12830

La Corte di Cassazione sottolinea la necessità e la rilevanza di una corretta e puntuale informativa in favore del paziente che si sottopone ad interventi di chirurgia estetica non necessari, tesa a favorire la scelta del paziente in merito all’an dell’intervento (ossia la decisione sul sottoporsi o meno all’intervento). Diverso è, invece, il caso di interventi chirurgici resi necessari ai fini della tutela del diritto alla salute, costituzionalmente garantito.

Cass., 30 maggio 2014, n. 12264

La Corte di Cassazione sottolinea la rilevanza di un’adeguata informativa alla gestante in caso di malformazioni del feto. Infatti, secondo la Corte esiste un evidente nesso di causalità tra la decisione della donna di interrompere la gravidanza e la corretta informativa su eventuali malformazioni del feto tali da «incidere sulla estrinsecazione della personalità del nascituro».

danno biologico  risarcimento danni  risarcimento danno biologico  risarcimento  risarcimento malasanità  tabelle danno biologico  risarcimento danni malasanità  risarcimento danni incidente stradale  danno biologico tabelle  danno biologico calcolo  risarcimento danni sinistro stradale  richiesta risarcimento danni  risarcimento incidente stradale  risarcimento danni morali  calcolo micropermanenti  calcolo risarcimento danni  malasanità e risarcimento  malasanità risarcimento  danno morale  risarcimento danni medici  valutazione danno biologico  infortunio sul lavoro risarcimento  malasanità risarcimento danni  calcolo danno morale  risarcimento danni fisici  tabella risarcimento danni  risarcimento del danno  quantificazione danno biologico  risarcimento colpo di frusta  c

danno biologico 
risarcimento danni 
risarcimento danno biologico 
risarcimento 
risarcimento malasanità 
tabelle danno biologico 
risarcimento danni malasanità 
risarcimento danni incidente stradale 
danno biologico tabelle 
danno biologico calcolo 
risarcimento danni sinistro stradale 
richiesta risarcimento danni 
risarcimento incidente stradale 
risarcimento danni morali 
calcolo micropermanenti 
calcolo risarcimento danni 
malasanità e risarcimento 
malasanità risarcimento 
danno morale 
risarcimento danni medici 
valutazione danno biologico 
infortunio sul lavoro risarcimento 
malasanità risarcimento danni 
calcolo danno morale 
risarcimento danni fisici 
tabella risarcimento danni 
risarcimento del danno 
quantificazione danno biologico 
risarcimento colpo di frusta 
c

Informazione su malformazione, cassazione n. 7269/2013:

AFFERMA LA SUPREMA CORTE :

«Non v’ha dubbio che il primo bersaglio dell’inadempimento del medico è il diritto dei genitori di essere informati, al fine, indipendentemente dall’eventuale maturazione delle condizioni che abilitano la donna a chiedere l’interruzione della gravidanza, di prepararsi psicologicamente e, se del caso, anche materialmente, all’arrivo di un figlio menomato. E la richiesta dei corrispondenti pregiudizi deve ritenersi consustanzialmente insita nella domanda di risarcimento dei danni derivati dalla nascita, quali il danno biologico in tutte le sue forme e il danno economico, che di quell’inadempimento sia conseguenza immediata e diretta in termini di causalità adeguata (confr. Cass. civ. 1 dicembre 1998, n. 12195).17 Altrettanto non può dirsi, invece, in ordine ai pregiudizi asseritamente subiti dal figlio e dai suoi genitori, per non avere beneficiato di adeguati e tempestivi interventi atti a migliorare, o quanto meno a non aggravare il gravissimo handicap dal quale è risultato affetto il bambino.Trattasi invero di questione assolutamente nuova, in quanto completamente ignorata nella sentenza impugnata. Ne deriva che i ricorrenti avrebbero dovuto dedurre e dimostrare, con la precisione richiesta dall’osservanza del criterio dell’autosufficienza del ricorso per cassazione, che essa era già compresa nel thema decidendum del giudizio di appello. Nell’assenza di qualsivoglia allegazione al riguardo, ogni considerazione in ordine alla correttezza, in parte qua, della valutazione del giudice di merito è irrimediabilmente preclusa».

 

2)Secondo: un avvocato specializzato in malasanità opera una rigorosa disamina del caso, ricevendo in studio direttamente con il medico specialista nella materia d’interesse del cliente, oAnestesia

Chirurgia generale

Chirurgia estetica

Ginecologia e ostetricia

Oculistica

Odontoiatria

Oncologia

Ortopedia

  • Errata esecuzione di interventi chirurgici per la sintesi delle fratture.
  • Infezioni ed emorragie post-operatorie.
  • Inserimento di protesi di dimensioni errate.
  • Lesioni alle terminazioni nervose o al nervo motorio durante le operazioni all’ernia del disco.
  • Lesioni al midollo spinale dovute alla non immobilizzazione della colonna vertebrale dopo una caduta.
  • Mancata esecuzione di indagini o esami preliminari.
  • Mancato recupero della gamba per un intervento errato sui legamenti.
  • Mancato riconoscimento di fratture.
  • Presenza di infezioni nosocomiali dovute alla mancata sterilizzazione dei ferri di sala operatoria o scarsa igiene delle sale.
    • MALASANITA’ BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA DOMANDE E RISPOSTESono l’Avv. Sergio Armaroli di Bologna e posso aiutarti a risolvere il tuo caso di malasanità nel modo più efficace.

    • 1)DOMANDA il medico risponde per colpa lieve?

      L’esercente la professione sanitaria che nello svolgimento della propria attività si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica non risponde penalmente per colpa lieve’.

      Richiamando, in via di estrema sintesi, l’orientamento espresso dalla giurisprudenza di legittimità nel procedere alla ermeneusi della norma ora citata, si osserva che la Corte regolatrice ha chiarito che la novella esclude la rilevanza penale della colpa lieve, rispetto a quelle condotte lesive che abbiano osservato linee guida o pratiche terapeutiche mediche virtuose, purché esse siano accreditate dalla comunità scientifica. In particolare, si è evidenziato che la norma ha dato luogo ad una abolitiocriminis parziale degli artt. 589 e 590 cod. pen., avendo ristretto l’area penalmente rilevante individuata dalle predette norme incriminatrici, giacché oggi vengono in rilievo unicamente le condotte qualificate da colpa grave (Sez. 4, Sentenza n. 11493 del 24/01/2013, dep. 11/03/2013, Rv. 254756; Sez. 4, Sentenza n. 16237 del 29/01/2013, dep. 09/04/2013, Rv. 255105).

      Occorre in questa sede ribadire che la parziale abrogazione, determinata dall’art. 3 della legge 8 novembre 2012, n. 189, delle fattispecie di cui agli artt. 589 e 590, cod. pen., qualora il soggetto agente sia un esercente la professione sanitaria, determina un problema di diritto intertemporale, che trova regolamentazione alla luce della disciplina legale. Come meglio si vedrà nel prosieguo, la restrizione della portata dell’incriminazione ha avuto luogo attraverso due passaggi: l’individuazione di un’area fattuale costituita da condotte aderenti ad accreditate linee guida; e l’attribuzione di rilevanza penale, in tale ambito, alle sole condotte connotate da colpa grave, poste in essere nell’attuazione in concreto delle direttive scientifiche. Pertanto, nell’ambito delle richiamate fattispecie incriminatrici, la rilevanza penale è da ritenersi circoscritta alla sola colpa grave (Cass. Sez. 4, Sentenza n. 16237 del 29/01/2013, dep. 09/04/2013, cit.). E deve pure richiamarsi l’insegnamento espresso dalla giurisprudenza di legittimità con la sentenza da ultimo citata, ove si è evidenziato che tale struttura della riforma in tema di responsabilità sanitaria ha realizzato un caso di abolitiocriminis parziale; che si è in presenza di norma incriminatrice speciale, che sopravviene e che restringe l’area applicativa della norma anteriormente vigente; che si sono succedute nel tempo norme in rapporto di genere a specie: due incriminazioni di cui quella successiva restringe l’area del penalmente rilevante individuata da quella anteriore, ritagliando implicitamente due sottofattispecie, quella che conserva rilievo penale (in caso di colpa grave) e quella che, invece, diviene penalmente irrilevante (qualora sia accertata la colpa lieve), oggetto di abrogazione.

       

      2)DOMANDA : QUANDO ABBIAMO IL NESSO CAUSALE TRA COLPA MEDICA E DANNO?

      Ebbene con riferimento all’attività medico-chirurgica, sia la dottrina che la giurisprudenza si sono poste il problema di definire quando un determinato evento, quale le lesioni personali o il decesso di un paziente, sia ascrivibile alla responsabilità di un sanitario per non essersi que- st’ultimo attivato utilmente per evitare simili conseguenze. La dottrina maggioritaria ritiene che in tali ipotesi non si possa far riferimento alla teoria della condicio sine qua non, gene- ralmente ritenuta quale fondamento dell’art. 40 c.p. ed in base alla quale è considerata “cau- sa” ogni condizione, cioè qualsiasi antecedente in mancanza del quale l’evento non si sareb- be verificato, per cui vengono posti sullo stesso piano causale tutti gli antecedenti necessari all’evento. Ne deriva che la condotta dell’uomo diventa causa ogni qual volta rappresenta una delle condizioni, tra le tante, che concorrono a produrre l’evento. La dottrina citata, infatti, ritiene che la teoria della condicio sine qua non sia stata in effetti formulata e verificata es- senzialmente in rapporto a fattispecie di reati commissivi dolosi, ove più facile risulta ricono- scere – alle volte intuitivamente – l’efficacia causale del comportamento umano rispetto al- l’evento oggetto del reato. Al contrario, proprio in relazione alle fattispecie colpose, commis- sive ed omissive, si è assistito ad un fenomeno di progressiva sostituzione ed integrazione del- l’operazione logica nella quale si sostanzia la tesi della condicio sine qua non a favore della utilizzazione di principi generali, siano essi “leggi universali” (tali da determinare in termini di assoluta certezza che al verificarsi dell’evento X sia invariabilmente accompagnata la veri- ficazione dell’evento Y), siano al contrario semplici “leggi statistiche”, destinate esclusiva- mente ad affermare – in termini scientificamente verificabili – in quale misura percentuale ad un determinato evento ne consegua un altro.

      3)DOMANDA: COSA SI INTENDE PER MALASANITA’ ?

       l’insieme degli avvenimenti e delle situazioni che rendono evidenti le disfunzioni del sistema sanitario.

      4)DOMANDA PERCHE’ NELLA MALASANITA’ E NEL RISARCIMENTO DA MALASANITA’ E’ IMPORTANTE LA PERIZIA MEDICA  DI PARTE ?

       

      PERCHE’ DEVE ESSERE UN MEDICO A INDICARE OVE E COME UN ALTRO MEDICI HA SBAGLIATO,SOLO I MEDICI HANNO COMPETENZA IN AMBITO MEDICO E SOLO LORO SANNO STIMAR EUN DANNO E DARE UN PUNTEGGIO

      MALASANITA’ BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA DOMANDE E RISPOSTE

      5)domanda  come denunciare un caso di malasanità ?

       

      RISPOSTA Facendo le richieste danno con raccomandata con ricevuta di ritorno al medico e struttura competente, o all’ausl competente

       

      6)domanda  Che cos’è la colpa medica?

       

      RISPOSTA

      trattazione dovrà quindi farsi riferimento a tre fondamentali tipi della problematica responsabilità medica:

      • responsabilità contrattuale

      • responsabilità extracontrattuale

      • tertium genus: responsabilità da contatto sociale.

      L’esercente la professione sanitaria che nello svolgimento della propria attività si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica non risponde penalmente per colpa lieve. In tali casi resta comunque fermo l’obbligo di cui all’articolo 2043 del codice civile. Il giudice, anche nella determinazione del risarcimento del danno, tiene debitamente conto della condotta di cui al primo periodo”.

      L’adesione al modello di responsabilità ex articolo 2043 cod. civ. ha anche, come effetto, quello di ridurre i tempi di prescrizione: non più dieci anni ma cinque. Potendosi in astratto, ritenere dunque che l’articolo 3 in esame rappresenti la scelta verso un modello di responsabilità diverso da quello sposato dalla giurisprudenza prevalente, occorre allora interrogarsi circa la proponibilità di una scelta interpretativa del genere … così rintracciate le conseguenze che la legge 189/2012 ha sul sistema della responsabilità sanitaria … anche seguendo questo percorso di ragionamento, ovviamente la previsione di nuovo conio riguarda solo le ipotesi in cui manchi un rapporto contrattuale diretto tra paziente danneggiato e sanitario oppure un rapporto contrattuale atipico di spedalità

       

      7)domanda  Errore medico: come tutelarti?

       

      RISPOSTA Rivolgendosi a un avvocato esperto ,che ti inviera’ da valido medico legale

      4)domanda  Errore medico: il risarcimento per danno biologico cosa è?

       

      RISPOSTA: Secondo l’art. 13, c. 1 del D.Lgs. n. 38/2000 il danno biologico è definito come la lesione all’integrità psicofisica, suscettibile di valutazione medico legale, della persona. Le prestazioni per il risarcimento sono determinate in misura indipendente dalla capacità di produzione del reddito del danneggiato.

      8)domanda   quali tempi per denuncia malasanità?

       

      RISPOSTA:  con la riforma Gelli, entrata in vigore dal 1 aprile 2017, si hanno 10 anni di tempo per la prescrizione di un danno  nei confronti della struttura ospedaliera e 5 anni per  il medico che opera all’interno della struttura sanitaria stessa

      9)domanda  denuncia per malasanità prescrizione tempi?

                                 

      RISPOSTA con la riforma Gelli, entrata in vigore dal 1 aprile 2017, si hanno 10 anni di tempo per la prescrizione di un danno  nei confronti della struttura ospedaliera e 5 anni per  il medico che opera all’interno della struttura sanitaria stessa

      Secondo l’art. 13, c. 1 del D.Lgs. n. 38/2000 il danno biologico è definito come la lesione all’integrità psicofisica, suscettibile di valutazione medico legale, della persona. Le prestazioni per il risarcimento sono determinate in misura indipendente dalla capacità di produzione del reddito del.

      10) domanda  Come si calcola un danno da malasanita’ ?

       

      risposta :Viene calcolato come danno biologico secondo le tabelle dei tribunali, quello invece che occorre aver ecome dato è una valutazione medico legale che oltre che individuare la responsabilità medica indichi la percentuale di danno biologico

       

      Risposta : Il danno morale rientra nella categoria di danno non patrimoniale, è risarcibile a prescindere dalle ripercussioni sulla capacità di produrre reddito del danneggiato e non è necessario aver subito un reato penale per aver diritto al risarcimento.

      11)domanda  da cosa puo’ derivare la responsabilità medica

      • risposta : da una diagnosi sbagliata;

      • da una diagnosi ritardata(se il ritardo complica o pregiudica le condizioni di salute del paziente);

      • da una omessa effettuazione di esamiche avrebbero potuto chiarire meglio le condizioni di salute del paziente;

      • da un intervento chirurgicoeseguito in modo errato;

      • da una cattiva gestione delle cure successive ad un intervento.

      12) domanda   cosa occorre provare per responsabilità medica?

      • RISPOSTA: a) per l’insuccesso di interventi e prestazioni routinari, il medico risponde anche se versa soltanto in colpa lieve;

      • b) per l’insuccesso di interventi e prestazioni non routinari, il medico risponde solo se versa in colpa grave;

      • c) per l’insuccesso di interventi e prestazioni non routinari, il medico risponde anche se versa soltanto in colpa lieve, qualora la colpa sia consistita in negligenza od imprudenza.

      • Negligenza(contrario della diligenza), sta ad indicare una condotta caratterizza­ta da trascuratezza ovvero superficialità od ancora disattenzione e distrazione.

      Superficiale si rivelerà quel medico che incorrerà in errore per non aver approfondito un dato anamnestico;

      • Imprudenza(contrario della prudenza), si riferisce ad una condotta improntata ad avventatezza e si concretizza, in particolare, quando pur conoscendo i rischi che si corrono si decide comunque di procedere oltre i limiti del lecito

      • Imperizia(contrario della perizia), consiste nella scarsa preparazione professio­nale quale deriva da insufficienti conoscenze tecniche ovvero da un inadeguato baga­glio di esperienza specifica od ancora da un difetto di capacità.

      13) domanda: quando il medico è responsabile?

      RISPOSTA Nell’esercizio della sua professione il medico può incorrere in varie specie di responsabilità, penale, civile e disciplinare, che conseguono a:

      1) inosservanza degli obblighi o violazione dei divieti imposti al medico dalle leggi e dai regolamenti che disciplinano l’esercizio della professione;

      2) trasgressione dei doveri di ufficio o di servizio inerenti al rapporto di impiego subordinato da enti pubblici o privati;

      3) inadempimento delle obbligazioni nascenti dal contratto di prestazione d’opera nei confronti del cliente privato;

      4) errata applicazione delle regole diagnostico-terapeutiche da cui derivi un danno al paziente (lesione personale o morte).

      14) domanda: sai che è fondamentale la perizia medica che stabilisca il nesso causale ?

      Sei stato vittima di un errore medico?

      La legge Italiana tutela il diritto alla salute.La pratica e la realtà non sempre ci riescono.

       

      Se vuoi ottenere un equo risarcimento danniperché vittima di un errore medico,l’·  interventi chirurgici dannosi

      • malattie insorte durante la degenza e a causa di essa

      • terapie mediche sbagliate

      • consenso informato senza una vera informazione

      • omessa informazione al paziente

      avvocato ti segue ovunque

      • errori medici durante il parto

      • diagnosi sbagliata o ritardata

       

       

       

      LUGO FAENZA RAVENNA MALASANITA’,AVVOCATO PER MALASANITA’ E DANNO DA COLPA MEDICA danno responsabilità medica danno responsabilità medica prescrizione danno da responsabilità medica risarcimento danno responsabilità medica danno biologico responsabilità medica danno differenziale responsabilità medica calcolo danno responsabilità medica danno da responsabilità medica prescrizione danno patrimoniale responsabilità medica danno esistenziale responsabilità medica danno biologico responsabilità medica tabelle responsabilità medica calcolo danno biologico danno biologico da responsabilità medica responsabilità medica e danno biologico danno biologico per responsabilità medica responsabilità medica contrattuale e danno biologico atto di citazione risarcimento danno biologico responsabilità medica quantificazione danno biologico responsabilità medica liquidazione danno biologico responsabilità RISARCIMENTO MALASANITA’danno responsabilità medica

      danno responsabilità medica prescrizionedanno da responsabilità medicarisarcimento danno responsabilità medicadanno biologico responsabilità medicadanno differenziale responsabilità medicacalcolo danno responsabilità medicadanno da responsabilità medica prescrizionedanno patrimoniale responsabilità medicadanno esistenziale responsabilità medicadanno biologico responsabilità medica tabelleresponsabilità medica calcolo danno biologicodanno biologico da responsabilità medicaresponsabilità medica e danno biologicodanno biologico per responsabilità medicaresponsabilità medica contrattuale e danno biologico atto di citazionerisarcimento danno biologico responsabilità medicaquantificazione danno biologico responsabilità medicaliquidazione danno biologico responsabilità RISARCIMENTO MALASANITA’

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» AVVOOCATO DIRITTO FALLIMENTARE BOLOGNA CONCORDATO PREVENTIVO ì

» AVVOCATO PER CONCORDATO DIRITTO COMMERCIALE BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA RIMINI CONCORDATO PREVENTIVO ESPERTO

» CIRCONVENZIONE DI INCAPACE Affinché possa configurarsi il reato di circonvenzione di persone incapaci, non è necessario che la vittima sia dichiarata interdetta o inabilitata ma è sufficiente che la stessa si trovi “in una minorata situazione” e sia quindi incapace in ragione dell’età avanzata o di altri fattori non patologici di “opporre alcuna resistenza a causa della mancanza o diminuita capacità critica”, oggettiva e riconoscibile da parte di tutti “in modo che chiunque possa abusarne per raggiungere i suoi fini illeciti”.

» Paziente danno malasanita’ Bologna consenso informato Errore medico. Cassazione 10055/2011: il medico risponde per errata diagnosi e ha l’obbligo di informare il paziente. Consenso informato del medico

» BOLOGNA TRASPORTATO INCIDENTE AVVOCATO risarcimento assicurazione per incidente mortale-risarcimento danni incidente stradale passeggero-risarcimento danni gravi sinistri della strada

» legge 990 /69 :anche la sosta del veicolo è da ascriversi “al concetto di sinistro stradale”, ove il danno si verifichi “in conseguenza di attività prodromica al movimento della vettura

» LA RIDUZIONE DELLA DONAZIONE – TRIBUNALE ALESSANDRIA –CASSAZIONE –AVVOCATO SUCCESSIONI

» EREDE DISEREDATO, TESTAMENTO , STUDIO LEGALE AVVOCATO SERGIO ARMAROLI BOLOGNA

» 3 Chiunque, abbandonando il domicilio domestico [452, 1432, 146 c.c.], o comunque serbando una condotta contraria all’ordine o alla morale delle famiglie, si sottrae agli obblighi di assistenza inerenti alla potestà dei genitori (1) [147, 316 c.c.]o alla qualità di coniuge [143, 146 c.c.], è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa da 103 euro a 1.032 euro.

» UNIONI CIVILI – IL Matrimonio del transessuale RIMANE valido in attesa di legge che tuteli unioni di fatto Cassazione Civile, sez. I, sentenza 21/04/2015 n° 8097

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI CESENA FORLI VEDOVO VEDOVA ESTROMESSI DA EREDITA’ DIRITTI DEI VEDOVI

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

» CASS SEZ UNITE RISARCIMENTI PUNITIVI la sentenza del 23 settembre 2008, esecutiva, della Circuit Court of the 17th Judicial Circuit for Broward Count (Florida), confermata in appello dal District Court of Appeal of the State of Florida, dell’U agosto 2010, che aveva concannato la società italiana AXO Sport spa a pagare la complessiva somma di dollari USA 1.436.136,87, oltre interessi al tasso annuo dell’11% , a seguito di procedimento giudiziario svoltosi davanti a quell’autorità;

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna