Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

LESIONI VOLONTARIE – AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA -DANNO PROCESSO -RISARCIMENTO

LESIONI VOLONTARIE –AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA

LESIONI VOLONTARIE – AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA -DANNO PROCESSO -RISARCIMENTO

LESIONI VOLONTARIE – AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA -DANNO PROCESSO -RISARCIMENTO

E senza considerare che la tesi del ricorrente s’infrange in un consolidato orientamento giurisprudenziale, secondo cui “anche una spinta, idonea per la sua violenza, a far cadere una persona (sia pure, eventualmente, con il concorso di particolari condizioni ambientali, come la scarsa vigoria fisica della persona offesa, il terreno bagnato) costituisce una violenza fisica che aggredisce la incolumità personale e, pertanto, una volta provata la consapevolezza e la volontà dell’agente di dare tale spinta, si rende configurabile il dolo del delitto di lesioni personali volontarie, avente quale evento le conseguenze lesive in concreto causate dalla condotta costitutiva di violenza fisica esercitata sulla persona offesa” (così, sez. 1, n. 7739 del 27/3/1973; Rv 125395; Sez. 5, n. 104 del 4/11/1982; Rv 156810; Sez. 5, n. 12867 del 24/9/1986, Rv 174302).

avvocato Sergio Armaroli Bologna

avvocato Sergio Armaroli Bologna

Suprema Corte di Cassazione

sezione V

sentenza 22 ottobre 2014, n. 44026

Consulenze legali Bologna su contratti compravendita avvocato Bologna :studio legale a Bologna avvocato Sergio Armaroli,consulenza legale Bologna, contratti .immobiliari Bologna, contratti Bologna

Consulenze legali Bologna su contratti compravendita avvocato Bologna :studio legale a Bologna avvocato Sergio Armaroli,consulenza legale Bologna, contratti .immobiliari Bologna, contratti Bologna

Ritenuto in fatto

  1. La Corte d’appello di Milano, con sentenza del 18/12/2012, a conferma di quella emessa dal Tribunale di Como, ha condannato G.A. a pena di giustizia per lesioni volontarie in danno di F.A. (capo a), per minaccia continuata in danno di F.A. e L.R.M. (capo b), per ingiuria e lesioni in danno di L.R.M. e ingiuria in danno di F.A. (capo c), oltre al risarcimento dei danni in favore delle persone suddette, costituitesi parti civili.

La ricostruzione dell’episodio è stata effettuata sulla base delle dichiarazioni delle persone offese e di altri testi.

  1. Contro la sentenza suddetta ha proposto ricorso per Cassazione, nell’interesse dell’imputato, l’avv. A.S., con due motivi.

2.1. Col primo lamenta la errata interpretazione degli artt. 582 e 581 cod. pen. Deduce che la “malattia”, rilevante per la configurabilità delle lesioni, non è costituita da una “mera alterazione” anatomica, ma da una alterazione suscettibile di essere fonte e causa di limitazioni funzionali. Su tale presupposto contesta che la “contusione escoriata del gluteo destro e la contusione del braccio destro”, denunciate dalla F., costituiscano malattia rilevante ai sensi dell’art. 582 cod. pen.

Lamenta in ogni caso, in relazione al reato di lesioni contestato al capo a), l’assenza della prova del nesso causale e dell’elemento soggettivo. Deduce che l’assenza di animus nocendi avrebbe dovuto portare a qualificare come colpose le lesioni procurate alla F. e che “tanto è da dire anche per ciò che riguarda la pseudo aggressione nei confronti del sig. L.R., che non è stato più che spintonato”.

2.2. Col secondo si duole della illogicità della motivazione resa in punto di responsabilità, in relazione a tutti i reati a lui contestati. Quanto al reato di minaccia, di cui al capo b), lamenta che i giudici abbiano dato credito a M. L.R. (la sola che ha parlato di minaccia rivolta ai propri genitori) sebbene nessuna delle persone offese abbia udito espressioni minatorie che le riguardassero e sebbene di minacce non abbia parlato nemmeno il teste S.

Lamenta che i giudici di primo e secondo grado abbiano attribuito credibilità alle persone offese senza un’attenta verifica della loro credibilità e in assenza di riscontri; anzi in presenza di smentita proveniente dal teste S. su un dato fondamentale (il luogo dello scontro, che per le parti offese è il cortile dell’abitazione, mentre il teste suddetto ha parlato di lite avvenuta nell’appartamento sottostante al suo).

Considerato in diritto

Il ricorso è manifestamente infondato.

  1. La nozione di “malattia”, giuridicamente rilevante, comprende qualsiasi alterazione anatomica o funzionale che innesti un significativo processo patologico, anche non definitivo; vale a dire, qualsiasi alterazione anatomica che importi un processo di reintegrazione, pur se di breve durata. Pertanto, la contusione costituisce malattia ai sensi dell’art. 582 cod. pen. (Cass., n. 22781 del 26/4/2010. Conformi: N. 7254 del 1977 Rv. 136118, N. 7422 del 2010 Rv. 246097). Nella specie, alla F. è stata procurata una contusione escoriata al gluteo e al braccio che ha richiesto un notevole lasso di tempo per assorbirsi, mentre a L.R. è stata provocata addirittura, con un pugno, la perdita di coscienza: la malattia giuridicamente rilevante sussiste, all’evidenza, in entrambi i casi.

  2. La responsabilità del G. per tutti i reati a lui contestati è stata desunta dalle inequivocabili dichiarazioni delle persone offese, della figlia delle stesse (che è – o è stata – anche compagna dell’imputato) e del teste S., i quali hanno concordemente riferito della lite intercorsa tra i coniugi F.-L.R. e l’odierno imputato, determinata dallo scioglimento del rapporto sentimentale tra quest’ultimo e L.R.M.. Tutti hanno confermato l’atteggiamento aggressivo tenuto, nell’occasione, dall’imputato, che colpì variamente i genitori della ragazza, li ingiuriò e minacciò pesantemente. Circostanze nemmeno negate dall’imputato, salvo ridimensionarle (ha parlato di “spinta” data alla F., di “caduta occasionale” della stessa, di “imprudenza” e dei fatto che “non avrebbe potuto pensare nemmeno che la stessa a seguito della spinta potesse cadere”; mentre, per quanto riguarda L., “che non è stato più che spintonato, e anche qui non v’è mai stata alcuna volontà di provocare lesioni personali, ma l’atteggiamento aggressivo del G. fu provocato da provocazioni del sig. L….da qui l’alterco senza alcuna volontà di provocare lesioni”). Affermazioni che sottintendono, chiaramente, l’esistenza di un conflitto tra le parti e di un “atteggiamento aggressivo” del G. nei confronti delle controparti, poi incoerentemente e maldestramente negato. E senza considerare che la tesi del ricorrente s’infrange in un consolidato orientamento giurisprudenziale, secondo cui “anche una spinta, idonea per la sua violenza, a far cadere una persona (sia pure, eventualmente, con il concorso di particolari condizioni ambientali, come la scarsa vigoria fisica della persona offesa, il terreno bagnato) costituisce una violenza fisica che aggredisce la incolumità personale e, pertanto, una volta provata la consapevolezza e la volontà dell’agente di dare tale spinta, si rende configurabile il dolo del delitto di lesioni personali volontarie, avente quale evento le conseguenze lesive in concreto causate dalla condotta costitutiva di violenza fisica esercitata sulla persona offesa” (così, sez. 1, n. 7739 del 27/3/1973; Rv 125395; Sez. 5, n. 104 del 4/11/1982; Rv 156810; Sez. 5, n. 12867 del 24/9/1986, Rv 174302).

Non hanno alcuna base fattuale, quindi, le critiche rivolte ai testimoni, i quali hanno descritto uno scenario nemmeno troppo diverso rispetto a quello immaginato dall’imputato, mentre l’esistenza delle lesioni è confermata dalla ricca documentazione medica prodotta, che il ricorrente non contesta nemmeno (salvo fornire una personale interpretazione del concetto di “malattia”, costantemente e unanimamente rifiutato da questa Corte di legittimità). Né vale, per lo stesso motivo, appellarsi ad una diversa collocazione del locus commissi delicti da parte del teste S., posto che anche quest’ultimo ha parlato di un diverbio tra imputato e persone offese e di un L. disteso per terra: prova ulteriore che la ricostruzione operata dai giudici di merito è ancorata ai risultati dell’istruttoria dibattimentale, compiutamente e rettamente interpretati.

  1. Conseguono la declaratoria della inammissibilità del ricorso e la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali nonché – valutato il contenuto dei motivi e in difetto della ipotesi di esclusione di colpa nella proposizione della impugnazione – al pagamento in favore della Cassa delle ammende di una somma che la Corte determina, nella misura congrua ed equa, di euro 1.000

P.Q.M.

Dichiara inammissibile il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali e della somma di € 1.000 a favore della Cassa delle ammende.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» BANCHE RESPONSABILITA’ PER VENDITA PRODOTTI A RISCHIO

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI LESIONI GRAVI, PUGNI ,DANNO, AVVOCATO PENALISTA LESIONI GRAVI, PUGNI ,DANNO, AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA

» LESIONI VOLONTARIE – AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA -DANNO PROCESSO -RISARCIMENTO

» SORPRENDENTE , LESIONI NELL’ATTIVITA’ SPORTIVA , REATO? L’imputato era condannato per lesioni personali, per aver colpito l’avversario con un pugno, durante una partita di calcio, al di fuori di una comune azione di gioco, che si stava, invece, sviluppando in altra zona del campo.

» INCIDENTE MORTALE STATO EBREZZA CUSTODIA CAUTELARE CARCERE Nella colpa cosciente la verificabilità dell’evento rimane un’ipotesi astratta, che nella coscienza dell’autore non viene concepita come concretamente realizzabile e, pertanto, non è in alcun modo voluta” (Cass., Sez. 1^, 8.11.1995, n. 832; id., Sez. 1^, 24.2.1994, n. 4583; id., Sez. 1^, 3.6.1993, n. 7382; id., Sez. 1^, 28.1.1991, n. 5527; id., Sez. 1^, 12.1.1989, n. 4912). E s’è anche al riguardo pertinentemente chiarito che, “al fine di accertare la ricorrenza del dolo eventuale o della colpa con previsione dell’evento, non è sufficiente il rilievo che l’evento stesso si presenti come obiettivamente prevedibile, dovendosi avere riguardo alla reale previsione e volizione di esso, ovvero all’imprudente o negligente valutazione delle circostanze di fatto” (Cass., Sez. 1^, 15.7.1988, n. 6581).

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA FAENZ ALUGO IMOLA Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti)

» AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI RIMINI CESENA RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI I conviventi di fatto possono disciplinare i rapporti patrimoniali relativi alla loro vita in comune con la sottoscrizione di un contratto di convivenza. 51. Il contratto di cui al comma 50, le sue modifiche e la sua risoluzione sono redatti in forma scritta, a pena di nullita’, con atto pubblico o scrittura privata con sottoscrizione autenticata da un notaio o da un avvocato che ne attestano la conformita’ alle norme imperative e all’ordine pubblico.

» DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA FAENZA RIMINI AVVOCATO DIVORZIO CHIAMA SUBITO COSA ASPETTI? Corte Costituzionale Sentenza 9 – 11 febbraio 2015, n. 11 Presidente Criscuolo – Redattore Morelli Sentenza

» EREDE QUOTA PRELAZIONE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA PADOVA, RAVENNA RIMINI CESENA FORLI QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TRIB ROVIGO CONCORDATO PREVENTIVO COLLABORAZIONE TRA IMPRENDITORE E COMMISSARI –AVVOCATO PER CONCORDATO PREVENTIVO osservato come l’orientamento espresso dalla Suprema Corte in altra sede conforti il principio espresso di necessaria collaborazione tra l’imprenditore e i commissari (“il termine fissato dal tribunale, ai sensi dell’art. 163 l.fall., per il deposito della somma che si presume necessaria per l’intera procedura ha carattere perentorio, atteso che la prosecuzione di quest’ultima richiede la piena disponibilità, da parte del commissario, dell’importo a tal fine destinato e questa esigenza può essere soddisfatta soltanto con la preventiva costituzione del fondo nel rispetto del predetto termine, da considerarsi quindi improrogabile, con conseguente inefficacia del deposito tardivamente effettuato” Cass. 21 aprile 2016, n. 8100; conf. Cass., 23 settembre 2016, n. 18704, Cass., 22 novembre 2012, n. 20667)

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TESTAMENTO EREDE ESTROMESSO ,COME RISOLVERE, AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA RAVENNA MODENA ROVIGO RIMINI CESENA FORLI il principio di intangibilità della legittima comporta che i diritti del legittimario debbano essere soddisfatti con beni o denaro provenienti dall’asse ereditario, con la conseguenza che l’eventuale divisione operata dal testatore contenente la disposizione per la quale le ragioni ereditarie di un riservatario debbano essere soddisfatte dagli eredi tra cui è divisa l’eredità’ mediante corresponsione di somma di denaro non compresa nel relictum è’ affetta da nullità ex art. 735, primo comma, cod. civ.”

» SPOSARSI E’ FACILE E’ SEPARARSI E DIVORZIARE CHE E’ DIFFICILE AVVOCATO MATRIMONIALISTA DIVORZISTA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI

» CONCORDATO PREVENTIVO AVVOCATO PER RICHIESTA CONCORDATO DELLE SPA ex art. 161, comma 6, la domanda di concordato deve essere dichiarata inammissibile dal tribunale, ai sensi della L. Fall., art. 162, comma 2 Va tuttavia considerato, sotto un primo profilo, che, poiché rispetto al medesimo imprenditore ed alla medesima insolvenza il concordato non può che essere unico, qualora la procedura di concordato sia pendente non è configurabile un’ulteriore domanda di ammissione avente carattere di autonomia (cfr. Cass. n. 495/015), a meno che da quest’ultima non si desuma l’inequivoca volontà del proponente (pur se non espressa con formule sacramentali) di rinunciare a quella in precedenza depositata.

» MOTOCICLISTA CADUTA LESIONI CANE RANDAGIO COMUNE RESPONSABILITA’ Risponde altresì a massima consolidata nella giurisprudenza di legittimità che i motivi posti a fondamento dell’invocata cassazione della decisione impugnata debbono avere i caratteri della specificità, della completezza, e della riferibilità alla decisione stessa, con -fra l’altro­l’esposizione di argomentazioni intelligibili ed esaurienti ad illustrazione delle dedotte violazioni di norme o principi di diritto, essendo inammissibile il motivo nel quale non venga precisato in qual modo e sotto quale profilo (se per contrasto con la norma indicata, o con l’interpretazione della stessa fornita dalla giurisprudenza di legittimità o dalla prevalente dottrina) abbia avuto luogo la violazione nella quale si assume essere incorsa la pronuncia di merito (cfr., da ultimo, Cass., 2/4/2014, n. 7692).

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna