Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

BOLOGNA RAVENNA RIMINI LESIONI GRAVI, PUGNI ,DANNO, AVVOCATO PENALISTA LESIONI GRAVI, PUGNI ,DANNO, AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA

LESIONI GRAVI, PUGNI , DANNO, AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA

AFOTOGRAFICA1

 

A.M. era chiamato a rispondere, innanzi al Tribunale di Torino, del reato di cui all’art. 582 c.p., art. 583 c.p., comma 1, n. 2 e comma 2, n. 3, perchè, colpendo B.A. con più pugni al volto, spintonandolo violentemente, facendogli uno sgambetto in modo da farlo cadere all’indietro e cosi facendogli battere violentemente il collo sullo spigolo del tavolo dell’accettazione, cagionava al predetto lesioni personali, consistite in grave trauma contusivo cervicale con frattura-lussazione vertebrale e sezione completa del midollo spinale, dalle quali derivava una malattia nel corpo di durata ancora da determinare (essendo la p.o. ancora ricoverata in ospedale) e comunque superiore ai 40 giorni; con l’aggravante di aver provocato lesioni gravi e gravissime, consistite nella perdita dell’organo della deambulazione, nell’indebolimento dell’organo della prensione e nella perdita della capacità di procreare.

 

LESIONI GRAVI, PUGNI ,DANNO, AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA

LESIONI GRAVI, PUGNI ,DANNO, AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA

 

Cass. pen. Sez. V, Sent., (ud. 18-03-2011) 21-06-2011, n. 24892

 

Svolgimento del processo

Consulenze legali Bologna su contratti compravendita avvocato Bologna :studio legale a Bologna avvocato Sergio Armaroli,consulenza legale Bologna, contratti .immobiliari Bologna, contratti Bologna

Consulenze legali Bologna su contratti compravendita avvocato Bologna :studio legale a Bologna avvocato Sergio Armaroli,consulenza legale Bologna, contratti .immobiliari Bologna, contratti Bologna

A.M. era chiamato a rispondere, innanzi al Tribunale di Torino, del reato di cui all’art. 582 c.p., art. 583 c.p., comma 1, n. 2 e comma 2, n. 3, perchè, colpendo B.A. con più pugni al volto, spintonandolo violentemente, facendogli uno sgambetto in modo da farlo cadere all’indietro e cosi facendogli battere violentemente il collo sullo spigolo del tavolo dell’accettazione, cagionava al predetto lesioni personali, consistite in grave trauma contusivo cervicale con frattura-lussazione vertebrale e sezione completa del midollo spinale, dalle quali derivava una malattia nel corpo di durata ancora da determinare (essendo la p.o. ancora ricoverata in ospedale) e comunque superiore ai 40 giorni; con l’aggravante di aver provocato lesioni gravi e gravissime, consistite nella perdita dell’organo della deambulazione, nell’indebolimento dell’organo della prensione e nella perdita della capacità di procreare.

 

Con sentenza del 28 febbraio 2008, il Tribunale dichiarava l’ A. colpevole del reato ascrittogli e lo condannava alla pena di anni sei di reclusione, nonchè al risarcimento dei danni da liquidarsi in separata sede in favore della persona offesa costituitasi parte civile, con la concessione di provvisionale provvisoriamente esecutiva di Euro 400.000 ed all’altra pare civile B.N. una provvisionale di Euro 50.000, oltre consequenziali statuizioni.

 

Pronunciando sul gravame proposto in favore dell’imputato, la Corte di Appello di Torino, con la sentenza indicata in epigrafe, in parziale riforma della sentenza impugnata, concedeva all’imputato le attenuanti generiche equivalenti alle contestate aggravanti e, per l’effetto, rideterminava la pena nella misura di anni 1 e mesi sei di reclusione, con ulteriori statuizioni di legge.

dall’art. 73 dpr n. 390/1990

dall’art. 73 dpr n. 390/1990

Avverso la sentenza anzidetta i difensori dell’imputato hanno proposto ricorso per cassazione, affidato alle ragioni di censura indicate in parte motivo.

 

Motivi della decisione

 

  1. – Con il primo motivo d’impugnazione, parte ricorrente eccepisce la nullità della sentenza impugnata, ai sensi dell’art. 606 c.p.p., lett. c), per carenza di motivazione, contraddittorietà e manifesta illogicità della stessa, anche con parziale travisamento del dato processuale, nella parte relativa al giudizio di attendibilità della persona offesa, nonostante le incertezze e le contraddittorietà che caratterizzavano le relative dichiarazioni.

 

Il secondo motivo eccepisce la nullità della sentenza impugnata ai sensi dell’art. 606 c.p.p., per mancanza di motivazione e manifesta illogicità della stessa nella parte relativa al ritenuto riscontro fornito delle dichiarazioni della teste I.. Il terzo motivo eccepisce nullità della sentenza, ai sensi dell’art. 606, lett. c) per carenza di motivazione e manifesta illogicità della stessa nella parte in cui nega la buona fede di A. circa le condizioni fisiche del B. nell’immediatezza dei fatti. Il quarto motivo eccepisce nullità della sentenza ai sensi dell’art. 606, lett. c) per carenza di motivazione o illogicità manifesta o contraddittorietà della stessa nella parte relativa alla prevedibilità delle aggravanti contestate. Osserva in proposito che l’affezione di cui era portatore il B., ossia la spondilite anchilosante, non era assolutamente conosciuta dall’imputato e si era posta come fattore determinante nel rapporto azione-causa/effetti circostanziali. Solo ove fosse stata conosciuta avrebbe potuto rendere prevedibile l’esito della frattura completa della colonna vertebrale, diversamente fatto non solo raro, ma eccezionale.

Assistenza legale, consulenze legali per compravendite immobiliari ASSISTENZA LEGALE IMPRESE, AVVOCATO ASSISTENZA LEGALE CONCORDATO PREVENTIVO addebito relazione extraconiugale separazione addebito tradimento prove separazione addebito conseguenze separazione addebito mantenimento separazione addebito eredità separazione addebito risarcimento danno separazione addebito per tradimento separazione addebito di colpa

Assistenza legale, consulenze legali per compravendite immobiliari ASSISTENZA LEGALE IMPRESE, AVVOCATO ASSISTENZA LEGALE CONCORDATO PREVENTIVO addebito relazione extraconiugale
separazione addebito tradimento prove
separazione addebito conseguenze
separazione addebito mantenimento
separazione addebito eredità
separazione addebito risarcimento danno
separazione addebito per tradimento
separazione addebito di colpa

2 – La prima ragione di censura si colloca in area assai prossima all’inammissibilità, involgendo questioni prettamente di merito, quali quelli inerenti alla valutazione del compendio probatorio e, segnatamente, delle dichiarazioni della persona offesa. E’ vero, infatti, che la ricostruzione della drammatica vicenda che ha determinato le gravissime lesioni personali subite dal B. non merita le censure di parte ricorrente, presentando una coerenza intrinseca ed una solida logicità di tenuta, sulla base di ragionata e motivata rivisitazione del compendio probatorio in atti. In particolare, il ricorrente non ha ragione di dolersi della riconosciuta attendibilità delle dichiarazioni della persona offesa, che in tre distinte occasioni – al momento del soccorso, del successivo trasporto in ospedale nonchè delle prime informazioni sull’accaduto rese al personale ospedaliero – non aveva fatto specifico riferimento all’aggressione subita dall’ A.. Di tali iniziali reticenze il giudice di merito ha dato, infatti, plausibile spiegazione, sulla base di un apporto giustificativo che non presenta sbavature od incongruenze di sorta. Le spiegazioni delle iniziali remore od esitazioni trovano, del resto, ulteriore supporto giustificativo sullo sfondo del rapporto di lavoro esistente con l’ A. e del connesso stato di soggezione, che in uno a verosimili condizionamenti legati al suo stato di extracomunitario (anche se da tempo integrato nel nostro Paese), dovette, verosimilmente, consigliargli prudenza, venuta poi, via via, meno una volta che egli si rese conto della gravità del postumi invalidanti residuati e dell’irreversibile pregiudizio alla sua capacità lavorativa.

 

Anche la seconda censura si pone al limite dell’inammissibilità, contestando la motivazione nella parte in cui individua un valido riscontro del dictum della persona offesa nella testimonianza della (OMISSIS) I., che, dalla strada, aveva avuto modo di vedere, sia pure attraverso un agitarsi di ombre, al di là delle tapparelle abbassate dei locali dell’Associazione, le sequenze inequivocabili di un animato scontro fisico tra due persone.

700_7770

Si tratta, infatti, di questione di merito che non offre il destro a censure di sorta, in quanto risponde ai fondamentali canoni della logica e della coerenza. Ed infatti, l’individuazione di un momento di conferma si innesta in un’inappuntabile metodologia di approccio all’apprezzamento delle dichiarazioni della persona offesa. A fronte di talune, pur marginali, imprecisioni nel racconto del B., i giudici di merito hanno avvertito la giustificata esigenza di trovare in atti un elemento di riscontro sul punto focale della vicenda, relativo al contatto fisico tra l’ A. ed il (OMISSIS), sotto forma di spinta che aveva determinato la rovinosa caduta di quest’ultimo, con esiti drammatici per la sua integrità fisica.

 

La causa determinante, nel conseguente determinismo causale, ha trovato piena conferma nel racconto della teste, la cui attendibilità è stata doverosamente scandagliata dal giudice a quo, ritenendola, giustamente, esaltata dalla mera casualità del suo contributo dichiarativo, acquisito, occasionalmente, nel corso di un’intercettazione telefonica cui era sottoposta una collega della stessa teste, pur essa infermiera, presente nella sede dell’Associazione al momento del drammatico evento.

 

Il terzo motivo – relativo all’eccepita carenza od incongruità della motivazione, nella parte in cui non avrebbe riconosciuto la mancata consapevolezza dell’imputato in ordine alle condizioni fisiche del B. (affetto da spondilite anchilosante) – è del tutto infondato. Dallo sviluppo argomentativo della sentenza impugnata balza evidente, infatti, che i giudici di appello hanno dato per certo che l’ A. ignorasse la grave infermità di cui era affetto il suo antagonista, ammettendo espressamente che non fosse apparente ossia immediatamente percepibile anche agli occhi di chi, per esperienza professionale, avrebbe ben potuto accorgersi delle pur lievi particolarità di postura o di movimento di chi è portatore della tipica rigidità caratterizzante gli esiti di quella grave patologia. Ma pur ammettendo una assoluta buona fede dell’imputato, i giudici di appello hanno, motivatamente, escluso l’autonoma riferibilità delle gravissime conseguenze al precario stato di salute della persona offesa, sul rilievo, suggerito da buon senso e da collaudata massima di esperienza, secondo cui anche in persona pienamente abile una caduta all’indietro, determinata da spinta da parte del suo antagonista, può avere identici esiti invalidanti, per via di prevedibile violento impatto del capo o del collo contro un corpo fisso (spigolo di mobile o anche pavimento) con altrettanto prevedibili esiti invalidanti, in misura più o meno grave.

 

La quarta censura, che ripropone sotto specifica angolazione, in rapporto all’imputazione delle circostanze aggravanti, gli stessi dubbi in ordine alla plausibilità del meccanismo causale indicato dai giudici di merito, si candida ad identico esito di infondatezza.

 

La quaestio iuris è stata affrontata e risolta dalla Corte di merito, facendo corretta applicazione di principi di diritto affermati da questo Giudice di legittimità, con particolare richiamo alla sentenza di questa stessa Sezione, 18.2.1992, n. 3952, rv.

 

189817, che – dopo aver precisato che il meccanismo di imputazione delle circostanze aggravanti nel testo dell’art. 59 c.p., comma 2 (valutabilità a carico dell’imputato solo se conosciute od ignorate per colpa ovvero ritenute inesistenti per errore determinato da colpa) riguarda anche le circostanze successive, rispetto alle quali il coefficiente di conoscenza va ovviamente inteso e riproposto in termini di prevedibilità (proprio in quanto si tratta di situazioni successive e non preesistenti o coeve alla condotta) – ha statuito che tale ineludibile condizione prospettica o prognostica deve ritenersi sussistente quando la condotta, per oggettive peculiarità, riveli, di per sè, l’intenzione di arrecare notevole danno. Ove invece la condotta non riveli siffatti caratteri (come nel caso di specie, trattandosi solo di spinta, sia pure violenta), la valutazione della prevedibilità deve essere fatta da caso a caso, e, quando all’esito grave o gravissimo concorrano particolari condizioni fisiche o di salute della persona offesa, occorre tener conto, oltre che della situazione “apparente” che riveli le particolari condizioni di cui sopra, di quella prevedibile in relazione all’età, al sesso e a quant’altro nel caso specifico possa ragionevolmente essere preso in considerazione ai fini di cui sopra.

 

D’altronde, alla stregua di quanto sopra si è detto, i giudici di merito hanno ragionevolmente escluso che l’affezione della persona offesa possa aver inciso, come fattore determinante, nel rapporto azione-causa/effetti circostanziali, posto che l’esito della caduta, con gravi danni alla colonna vertebrale, è accadimento raro, ma non eccezionale, nella gamma delle conseguenze possibili e, dunque, prevedibili, di una caduta all’indietro, con modalità come quelle caratterizzanti la fattispecie in questione. Di guisa che la particolare patologia non può avere avuto, secondo la plausibile ricostruzione della Corte di merito, un’autonoma incidenza, donde la ritenuta irrilevanza dell’incolpevole ignoranza dell’agente, correttamente – e giustamente – recuperata, poi, sul diverso versante del trattamento sanzionatorio.

 

  1. – Per quanto precede, il ricorso deve essere rigettato, con le consequenziali statuizioni espresse in dispositivo.

 

P.Q.M.

 

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» BANCHE RESPONSABILITA’ PER VENDITA PRODOTTI A RISCHIO

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI LESIONI GRAVI, PUGNI ,DANNO, AVVOCATO PENALISTA LESIONI GRAVI, PUGNI ,DANNO, AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA

» LESIONI VOLONTARIE – AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA -DANNO PROCESSO -RISARCIMENTO

» SORPRENDENTE , LESIONI NELL’ATTIVITA’ SPORTIVA , REATO? L’imputato era condannato per lesioni personali, per aver colpito l’avversario con un pugno, durante una partita di calcio, al di fuori di una comune azione di gioco, che si stava, invece, sviluppando in altra zona del campo.

» INCIDENTE MORTALE STATO EBREZZA CUSTODIA CAUTELARE CARCERE Nella colpa cosciente la verificabilità dell’evento rimane un’ipotesi astratta, che nella coscienza dell’autore non viene concepita come concretamente realizzabile e, pertanto, non è in alcun modo voluta” (Cass., Sez. 1^, 8.11.1995, n. 832; id., Sez. 1^, 24.2.1994, n. 4583; id., Sez. 1^, 3.6.1993, n. 7382; id., Sez. 1^, 28.1.1991, n. 5527; id., Sez. 1^, 12.1.1989, n. 4912). E s’è anche al riguardo pertinentemente chiarito che, “al fine di accertare la ricorrenza del dolo eventuale o della colpa con previsione dell’evento, non è sufficiente il rilievo che l’evento stesso si presenti come obiettivamente prevedibile, dovendosi avere riguardo alla reale previsione e volizione di esso, ovvero all’imprudente o negligente valutazione delle circostanze di fatto” (Cass., Sez. 1^, 15.7.1988, n. 6581).

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA FAENZ ALUGO IMOLA Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti)

» AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI RIMINI CESENA RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI I conviventi di fatto possono disciplinare i rapporti patrimoniali relativi alla loro vita in comune con la sottoscrizione di un contratto di convivenza. 51. Il contratto di cui al comma 50, le sue modifiche e la sua risoluzione sono redatti in forma scritta, a pena di nullita’, con atto pubblico o scrittura privata con sottoscrizione autenticata da un notaio o da un avvocato che ne attestano la conformita’ alle norme imperative e all’ordine pubblico.

» DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA FAENZA RIMINI AVVOCATO DIVORZIO CHIAMA SUBITO COSA ASPETTI? Corte Costituzionale Sentenza 9 – 11 febbraio 2015, n. 11 Presidente Criscuolo – Redattore Morelli Sentenza

» EREDE QUOTA PRELAZIONE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA PADOVA, RAVENNA RIMINI CESENA FORLI QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TRIB ROVIGO CONCORDATO PREVENTIVO COLLABORAZIONE TRA IMPRENDITORE E COMMISSARI –AVVOCATO PER CONCORDATO PREVENTIVO osservato come l’orientamento espresso dalla Suprema Corte in altra sede conforti il principio espresso di necessaria collaborazione tra l’imprenditore e i commissari (“il termine fissato dal tribunale, ai sensi dell’art. 163 l.fall., per il deposito della somma che si presume necessaria per l’intera procedura ha carattere perentorio, atteso che la prosecuzione di quest’ultima richiede la piena disponibilità, da parte del commissario, dell’importo a tal fine destinato e questa esigenza può essere soddisfatta soltanto con la preventiva costituzione del fondo nel rispetto del predetto termine, da considerarsi quindi improrogabile, con conseguente inefficacia del deposito tardivamente effettuato” Cass. 21 aprile 2016, n. 8100; conf. Cass., 23 settembre 2016, n. 18704, Cass., 22 novembre 2012, n. 20667)

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TESTAMENTO EREDE ESTROMESSO ,COME RISOLVERE, AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA RAVENNA MODENA ROVIGO RIMINI CESENA FORLI il principio di intangibilità della legittima comporta che i diritti del legittimario debbano essere soddisfatti con beni o denaro provenienti dall’asse ereditario, con la conseguenza che l’eventuale divisione operata dal testatore contenente la disposizione per la quale le ragioni ereditarie di un riservatario debbano essere soddisfatte dagli eredi tra cui è divisa l’eredità’ mediante corresponsione di somma di denaro non compresa nel relictum è’ affetta da nullità ex art. 735, primo comma, cod. civ.”

» SPOSARSI E’ FACILE E’ SEPARARSI E DIVORZIARE CHE E’ DIFFICILE AVVOCATO MATRIMONIALISTA DIVORZISTA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI

» CONCORDATO PREVENTIVO AVVOCATO PER RICHIESTA CONCORDATO DELLE SPA ex art. 161, comma 6, la domanda di concordato deve essere dichiarata inammissibile dal tribunale, ai sensi della L. Fall., art. 162, comma 2 Va tuttavia considerato, sotto un primo profilo, che, poiché rispetto al medesimo imprenditore ed alla medesima insolvenza il concordato non può che essere unico, qualora la procedura di concordato sia pendente non è configurabile un’ulteriore domanda di ammissione avente carattere di autonomia (cfr. Cass. n. 495/015), a meno che da quest’ultima non si desuma l’inequivoca volontà del proponente (pur se non espressa con formule sacramentali) di rinunciare a quella in precedenza depositata.

» MOTOCICLISTA CADUTA LESIONI CANE RANDAGIO COMUNE RESPONSABILITA’ Risponde altresì a massima consolidata nella giurisprudenza di legittimità che i motivi posti a fondamento dell’invocata cassazione della decisione impugnata debbono avere i caratteri della specificità, della completezza, e della riferibilità alla decisione stessa, con -fra l’altro­l’esposizione di argomentazioni intelligibili ed esaurienti ad illustrazione delle dedotte violazioni di norme o principi di diritto, essendo inammissibile il motivo nel quale non venga precisato in qual modo e sotto quale profilo (se per contrasto con la norma indicata, o con l’interpretazione della stessa fornita dalla giurisprudenza di legittimità o dalla prevalente dottrina) abbia avuto luogo la violazione nella quale si assume essere incorsa la pronuncia di merito (cfr., da ultimo, Cass., 2/4/2014, n. 7692).

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna