Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

BANCHE RESPONSABILITA’ PER VENDITA PRODOTTI A RISCHIO

BANCHE RESPONSABILITA’ PER VENDITA PRODOTTI A RISCHIO

 

ì

ì

 

Questa corte, anche a sezioni unite, ha avuto modo di sottolineare che la responsabilità dell’intermediario che ometta di informarsi sulla propensione al rischio del cliente o di rappresentare a quest’ultimo i rischi dell’investimento, ovvero che compia operazioni inadeguate quando dovrebbe astenersene, ha natura contrattuale, investendo il non corretto adempimento di obblighi legali facenti parte integrante del contratto-quadro (o contratto d’investimento) intercorrente tra le parti (v. Sez. un. n. 26724-07 cui adde, di recente, Sez. 1^ n. 12262-15).

L’onere della prova va quindi ripartito secondo il disposto ex art. 1218 cod. civ., sicché spetta all’investitore allegare l’inadempimento delle obbligazioni poste a carico dell’intermediario e provare il pregiudizio conseguente, mentre incombe sull’intermediario provare d’aver rispettato i dettami di legge e di avere agito con la specifica diligenza richiesta (v. per tutte Sez. 1^ n. 22147-10, n. 2640-15).

III. – Nel caso di specie la corte d’appello ha ritenuto non assolto l’onere della prova posto a carico della banca giacché i capi di prova testimoniale al riguardo dedotti erano, nel nucleo essenziale e rilevante, ‘del tutto generici e valutativi’.

In particolare i capitoli, tesi a ‘indicare che sarebbero stati illustrati al M. la natura, le caratteristiche e i rischi del titolo’, nonché ‘il rischio tipico dell’obbligazione emessa da un Paese in via di sviluppo’, erano stati caratterizzati da ‘indicazioni pianamente superficiali e generiche, tali da non porre il cliente in condizioni di valutare a pieno la natura, i rischi e le implicazioni dell’investimento’.

Invero la banca era risultata di contro edotta ‘delle concrete e specifiche informazioni sugli investimenti, come risultanti dalla circular offer in suo possesso, che conteneva informazioni di carattere primario tali da non poter essere assorbite dalle mere generiche indicazioni che sarebbero state fornite dal funzionario’; e dunque in definitiva si era rivelata in possesso di informazioni di grado superiore, prescindenti dalla conoscenza generalizzata del rating dell’emittente; informazioni che al cliente non erano state fornite.

La valutazione si sottrae a censura, giacché per consolidata giurisprudenza il giudizio sulla superfluità e sulla genericità di una prova per testimoni è insindacabile in cassazione, involgendo una valutazione di fatto che può essere censurata solo se basata su erronei principi giuridici, ovvero su incongruenze di carattere logico (v. Sez. 2^ n. 18222-04, fino a risalire a Sez. 1^ n. 2555-62 e a Sez. 3^ n. 2450-63). Il che non si è verificato nella fattispecie, essendo congruente la dianzi riportata motivazione della corte di merito.

Può osservarsi che la riscontrata carenza degli elementi di specificità, richiesti dall’art. 244 cod. proc. civ. non può essere superata – diversamente da quanto sostenuto dalla ricorrente – con la sottolineatura della necessità di intendere in modo non formalistico la previsione normativa.

Va certo condiviso l’indirizzo che in linea di principio intende salvaguardare una simile necessità, ove la prova riguardi un comportamento o un’attività che si frazioni in circostanze molteplici (v. Sez. 1^ n. 11844-06, Sez. lav. n. 5842-02).

 

 

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE – SENTENZA 25 maggio 2016, n.10640 – Pres. Forte – est. Terrusi

Motivi della decisione

 

I – Possono essere unitariamente esaminati, perché connessi, il primo e il secondo motivo di ricorso.

Col primo motivo la ricorrente deduce la violazione e/o falsa applicazione degli artt. 21 del T.u.f. e 28, 1 e 2 comma, della delibera Consob recante il cd. regolamento intermediari, in combinato con gli artt. 244 e 253 cod. proc. civ., nonché la contraddittorietà della motivazione della sentenza sul fatto controverso, decisivo, circa il tipo di informazioni rese dalla banca al cliente.

La ricorrente muove dal rilievo che l’investitore non aveva ritenuto di fornire informazioni sulla sua situazione finanziaria, sugli obiettivi dell’investimento e sulla propensione al rischio. Con riguardo alla statuizione di inammissibilità della prova testimoniale, sostiene che l’esigenza di specificazione dei fatti può, in tale tipo di prova, essere soddisfatta se i fatti stessi, ancorché non precisati in tutti i loro minuti dettagli, siano stati comunque esposti nei loro elementi essenziali, così da consentire al giudice di controllarne l’influenza e la pertinenza e mettere la controparte in grado di formulare un’adeguata prova contraria.

Secondo l’assunto della ricorrente, la corte territoriale sarebbe dunque caduta in una contraddizione rilevante ai sensi dell’art. 360, n. 5, cod. proc. civ., da un lato avendo censurato per genericità e superficialità i capi di prova dedotti (e in ricorso riportati); dall’altro avendo ritenuto non provata l’informativa specifica del cliente senza dare ingresso alle prove ritualmente dedotte a questo fine.

Col secondo motivo di ricorso la banca deduce la violazione e/o falsa applicazione dell’art. 29 della delibera Consob n. 11522-98 recante il cd. regolamento intermediari, nonché l’omessa o contraddittoria motivazione della sentenza sul fatto controverso, decisivo, circa la presunta non adeguatezza dell’operazione.

Si ascrive in questo caso alla sentenza d’appello di non aver considerato che i parametri imposti dalla suddetta norma per la valutazione dell’adeguatezza attengono alla tipologia, all’oggetto, alla frequenza e alla dimensione delle operazioni, per cui non sarebbe stato possibile definire inadeguata l’operazione essendo emerso dalla documentazione che l’attore operava con certa assiduità in campo finanziario, con consolidata esperienza in investimenti con grado di rischio superiore a quello dei titoli di debito pubblico emessi da stati sovrani, e con percentuali di investimento in titoli o fondi azionari superiori al 66 %.

In ogni caso si lamenta che su tale decisivo punto della controversia, in ordine cioè alla presunta non adeguatezza dell’operazione, la corte d’appello non abbia fornito una idonea motivazione.

– Osserva la corte che il primo motivo di ricorso è da disattendere perché in parte inammissibile e in parte infondato.

L’art. 21 del T.u.f. (d. lgs. 58 del 1998), nella vigenza del quale risulta eseguito l’ordine di negoziazione, stabilisce che nella prestazione dei servizi e delle attività di investimento i soggetti abilitati devono, tra l’altro, comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza, per servire al meglio l’interesse dei clienti e per l’integrità dei mercati; devono inoltre acquisire le informazioni necessarie dai clienti e operare in modo che essi siano sempre adeguatamente informati.

A sua volta l’art. 29 del regolamento intermediari, sempre vigente pro tempore, stabilisce che gli intermediari autorizzati debbono astenersi dall’effettuare con o per conto degli investitori operazioni non adeguate per tipologia, oggetto, frequenza o dimensione; che ai detti fini essi tengono conto delle informazioni chieste prima della stipulazione del contratto di gestione e/o di consulenza e di ogni altra informazione disponibile in relazione ai servizi prestati; che infine, quando ricevono da un investitore disposizioni relative a una operazione non adeguata, gli intermediari lo informano (id est, lo debbono informare) di tale circostanza e delle ragioni per cui non è opportuno procedere alla sua esecuzione e, qualora l’investitore intenda comunque dare corso all’operazione, possono eseguire l’operazione stessa solo sulla base di un ordine impartito per iscritto ovvero, nel caso di ordini telefonici, registrato su nastro magnetico o su altro supporto equivalente, in cui sia fatto esplicito riferimento alle avvertenze ricevute.

Questa corte, anche a sezioni unite, ha avuto modo di sottolineare che la responsabilità dell’intermediario che ometta di informarsi sulla propensione al rischio del cliente o di rappresentare a quest’ultimo i rischi dell’investimento, ovvero che compia operazioni inadeguate quando dovrebbe astenersene, ha natura contrattuale, investendo il non corretto adempimento di obblighi legali facenti parte integrante del contratto-quadro (o contratto d’investimento) intercorrente tra le parti (v. Sez. un. n. 26724-07 cui adde, di recente, Sez. 1^ n. 12262-15).

L’onere della prova va quindi ripartito secondo il disposto ex art. 1218 cod. civ., sicché spetta all’investitore allegare l’inadempimento delle obbligazioni poste a carico dell’intermediario e provare il pregiudizio conseguente, mentre incombe sull’intermediario provare d’aver rispettato i dettami di legge e di avere agito con la specifica diligenza richiesta (v. per tutte Sez. 1^ n. 22147-10, n. 2640-15).

III. – Nel caso di specie la corte d’appello ha ritenuto non assolto l’onere della prova posto a carico della banca giacché i capi di prova testimoniale al riguardo dedotti erano, nel nucleo essenziale e rilevante, ‘del tutto generici e valutativi’.

In particolare i capitoli, tesi a ‘indicare che sarebbero stati illustrati al M. la natura, le caratteristiche e i rischi del titolo’, nonché ‘il rischio tipico dell’obbligazione emessa da un Paese in via di sviluppo’, erano stati caratterizzati da ‘indicazioni pianamente superficiali e generiche, tali da non porre il cliente in condizioni di valutare a pieno la natura, i rischi e le implicazioni dell’investimento’.

Invero la banca era risultata di contro edotta ‘delle concrete e specifiche informazioni sugli investimenti, come risultanti dalla circular offer in suo possesso, che conteneva informazioni di carattere primario tali da non poter essere assorbite dalle mere generiche indicazioni che sarebbero state fornite dal funzionario’; e dunque in definitiva si era rivelata in possesso di informazioni di grado superiore, prescindenti dalla conoscenza generalizzata del rating dell’emittente; informazioni che al cliente non erano state fornite.

La valutazione si sottrae a censura, giacché per consolidata giurisprudenza il giudizio sulla superfluità e sulla genericità di una prova per testimoni è insindacabile in cassazione, involgendo una valutazione di fatto che può essere censurata solo se basata su erronei principi giuridici, ovvero su incongruenze di carattere logico (v. Sez. 2^ n. 18222-04, fino a risalire a Sez. 1^ n. 2555-62 e a Sez. 3^ n. 2450-63). Il che non si è verificato nella fattispecie, essendo congruente la dianzi riportata motivazione della corte di merito.

Può osservarsi che la riscontrata carenza degli elementi di specificità, richiesti dall’art. 244 cod. proc. civ. non può essere superata – diversamente da quanto sostenuto dalla ricorrente – con la sottolineatura della necessità di intendere in modo non formalistico la previsione normativa.

Va certo condiviso l’indirizzo che in linea di principio intende salvaguardare una simile necessità, ove la prova riguardi un comportamento o un’attività che si frazioni in circostanze molteplici (v. Sez. 1^ n. 11844-06, Sez. lav. n. 5842-02).

Ma deve essere evidenziato che la ratio del principio riposa sull’essere il difensore e il giudice legittimati a individuare, in questi casi, durante l’espletamento della prova, i semplici dettagli del mezzo istruttorio, utili alla migliore comprensione dei fatti. Il che nulla toglie al dovere essere il mezzo comunque dedotto in modo puntuale, vale a dire con quel livello di compiutezza che la legge richiede per poter definire la deduzione caratterizzata dalla ‘indicazione specifica’ dei fatti rilevanti in rapporto all’oggetto della prova, formulati in articoli separati, sui quali ciascuna persona deve essere interrogata.

È dunque infondato discorrere, quanto all’impugnata sentenza, di contraddizione motivazionale, posto che non è dato constatare alcuna frattura argomentativa tra la valutazione preliminare di inammissibilità della prova dedotta dalla parte onerata e la conclusione circa l’inadempimento dell’onere della prova su di essa (parte) gravante.

  1. – Il rigetto del primo motivo di ricorso assorbe l’esame del secondo, al quale la ricorrente non ha interesse. La statuizione circa la responsabilità della banca rimane difatti salda in base alla ratio appena sopra esaminata e rivelatasi esatta, secondo cui la banca aveva omesso di adempiere agli obblighi informativi discendenti dall’art. 21 del T.u.f., a tutela dell’investitore e dell’integrità del mercato. Ed è principio affatto consolidato (v. Sez. un. n. 36-07 e n. 7931-13) che, ove una sentenza si fondi su più ragioni, tutte autonomamente idonee a sorreggerla, è necessario – per giungere alla cassazione della pronunzia – non solo che ciascuna di esse abbia formato oggetto di specifica censura, ma anche che il ricorso abbia esito positivo nella sua interezza con l’accoglimento di tutte le censure, in modo da potersi realizzare lo scopo dell’impugnazione altrimenti sterilizzato.
  2. – Possono a questo punto essere esaminati il terzo e il quarto motivo di ricorso.

Col terzo motivo la ricorrente denunzia la violazione e falsa applicazione dell’art. 1453 cod. civ. per avere la sentenza erroneamente dichiarato la risoluzione per inadempimento del contratto di acquisto dei titoli obbligazionari, laddove la fattispecie poteva al massimo attenere alla diversa ipotesi di responsabilità precontrattuale.

Col quarto motivo la ricorrente denunzia invece la violazione e falsa applicazione dell’art. 1225 cod. civ., nonché l’omessa o insufficiente motivazione sul fatto controverso relativo al nesso di causalità tra il dedotto inadempimento e il danno lamentato dall’investitore.

  1. – Appare prioritario l’esame del quarto motivo.

Il nucleo della censura è dato dall’affermazione che sarebbe stato violato il precetto normativo che limita il risarcimento al danno prevedibile al tempo in cui l’obbligazione è sorta, considerato che non era stata fornita prova del nesso causale tra inadempimento e danno e che alla data dell’investimento (maggio 1999) le obbligazioni della Repubblica argentina ancora godevano di un certo grado di affidabilità. Inoltre, a dire della ricorrente, la motivazione dell’impugnata sentenza sarebbe manchevole per non aver tenuto conto delle risultanze dell’estratto del dossier titoli intestato all’attore, prodotto in appello, evidenzianti gli anteriori investimenti in azioni e fondi azionari, caratterizzati da rischio superiore, con conseguente mancanza di prova del fatto che, ove anche distintamente informato, lo stesso non avrebbe effettuato l’investimento de quo.

La censura complessivamente svolta nel quarto motivo è infondata in iure, dal momento che ai fini dell’imprevedibilità di cui all’art. 1225 cod. civ. non rileva di per sé lo stato soggettivo specifico del debitore.

L’imprevedibilità alla quale fa riferimento l’art. 1225 cod. civ. determina la limitazione del danno risarcibile avendo riguardo alla prevedibilità astratta, inerente a una determinata categoria di rapporti; e ciò sulla scorta delle regole ordinarie di comportamento dei soggetti economici, vale a dire secondo un criterio di normalità in presenza delle circostanze di fatto conosciute (v. Sez. 2^ n. 16763-11; Sez. lav. n. 17460-14).

La negoziazione avventata (o comunque non ponderata) di titoli obbligazionari, per difetto di adeguata previa informazione da parte della banca, rende prevedibile il danno correlato alla susseguente perdita di valore dei titoli stessi.

Da questo punto di vista il quarto motivo di ricorso si rivela dunque infondato quanto al ragionamento giuridico sotteso, non avendo la questione degli investimenti anteriormente effettuati dal medesimo soggetto alcuna pertinenza col mentovato profilo della prevedibilità del danno.

Tanto conchiude anche la ragione di inammissibilità del motivo nella parte involgente il supposto difetto motivazionale, non essendo stato specificato il fatto controverso decisivo – id est, il fatto storico decisivo – in rapporto al quale la sentenza avrebbe dovuto più compiutamente motivare.

Il dato essenziale della causa rimane difatti confinato dall’affermazione della corte d’appello, integrante un accertamento di fatto avverso il quale non risulta prospettata censura, per cui i titoli compravenduti erano divenuti non più negoziabili sul mercato; e, come tali, non erano (più) suscettibili di rimborso. Sicché la misura concreta del danno risarcibile era da fissare in termini pari all’importo investito.

VII. – Il rigetto del quarto motivo determina l’inammissibilità, per difetto di interesse, della censura prospettata nel terzo.

Con essa la ricorrente pone una questione assai dibattuta in dottrina e nella giurisprudenza di merito.

La questione è se, in presenza di violazioni dell’obbligo dell’intermediario di fornire all’investitore informazioni adeguate e complete in relazione all’acquisito di titoli mobiliari, sia possibile una pronuncia di risoluzione dei singoli negozi esecutivi di investimento anziché del contratto di intermediazione.

Pur tenendosi conto dei principi posti dalle sezioni unite con la citata sentenza n. 26724 del 2007, va osservato che su tale specifica questione la giurisprudenza di questa corte non ha offerto spunti per una soluzione univoca (e v. infatti in termini motivazionali in apparenza contrastanti, Sez. 3^ n. 26159-14 e Sez. 1^ n. 11412-12).

Nel caso di specie una tale questione non richiede però di essere affrontata, giacché – nelle condizioni date – la sua rilevanza è solo teorica.

L’impugnata sentenza ha dichiarato risolto il contratto di acquisto dei titoli obbligazionari nella prospettiva del risarcimento del danno arrecato all’investitore. E il capo di condanna al risarcimento del danno resta infine intangibile alla luce del rigetto dei sopra esaminati motivi primo, secondo e quarto.

Consegue che finanche l’eventuale condivisione della tesi sostenuta nel terzo motivo non porterebbe alla banca alcuna utilità concreta, come può evincersi dalla considerazione che, se anche fosse accolto il suddetto terzo motivo, ciò non darebbe al danneggiato una tutela minore di quella derivata dalla sentenza; e specularmente la banca di nulla si gioverebbe, fatto salvo – appunto – il profilo teorico della questione prospettata.

Poiché il processo – compreso quello di cassazione – rifugge a tentativi di asservimento a interessi solo teorici (o di mera sistematica concettuale), la conclusione è che il terzo motivo va ritenuto inammissibile e il ricorso per cassazione rigettato.

 

P.Q.M.

 

La Corte rigetta il ricorso.

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA ESTORSIONE Marito verso la sussistenza dell’elemento materiale del reato, cosi’ come le finalita’ della condotta contestata, proprio dall’analisi puntuale dei fatti, correttamente inquadrandoli, pero’, nell’abituale condotta di vita del (OMISSIS) e nel contesto abituale dei rapporti familiari dello stesso. Si tratta di una valutazione degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione, che e’ riservata in via esclusiva al giudice di merito, senza che, nel difetto di illogicita’ evidenti, possa integrare il vizio di legittimita’ la mera prospettazione di una diversa, e per il ricorrente piu’ adeguata, valutazione delle risultanze processuali (Sez. U., n. 6402 del 30/4/1997, rv. 207944; Sez. 4, n. 4842 del 02/12/2003, Rv. 229369).

» FAMIGLIA DI FATTO CONVIVENZE BOLOGNA SOMME VERSATE AL COMPAGNO VANNO RESTITUITE? AVVOCATO FAMIGLIARISTA BOLOGNA ad essere esenti dall’obbligo di restituzione sono, secondo la giurisprudenza, solo i versamenti effettuati per far fronte alle esigenze di vita quotidiana, indipendentemente dalle modalità di versamento (una tantum, mensili, ecc.) (Cass. n. 1277/2014).

» MALASANITA’ Sei stato vittima di un errore medico? AVVOCATO MALASANITA’ FORLI CESENA BOLOGNA Sei stato vittima di un errore medico? La legge Italiana tutela il diritto alla salute. La pratica e la realtà non sempre ci riescono. Se vuoi ottenere un equo risarcimento danni perché vittima di un errore medico, l’· interventi chirurgici dannosi malattie insorte durante la degenza e a causa di essa terapie mediche sbagliate consenso informato senza una vera informazione omessa informazione al paziente

» BOLOGNA DIVORZIO CON MOGLIE STRANIERA ALL’ESTERO COME DIVORZIARE DALLA MOGLIE STRANIERA CHE RiSIEDE ALL’ESTERO?

» E’ stata effettuata una diagnosi errata BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO C’è stato un errato o eccessivo dosaggio di farmaci BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO L’intervento chirurgico è stato eseguito in maniera errata BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Infezioni contratte in strutture ospedaliere BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Errata diagnosi prenatale e nascita indesiderata BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Errore in sala parto e gravi danni neurologici al neonato BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Ritardata diagnosi di tumore alla mammella BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Colpa dell’anestesista BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Carenza di consenso informato BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO

» DANNO ALL’IMMAGINE AVVOCATO RISARCIMENTO BOLOGNA Il danno alla reputazione e all’immagine, per pacifica giurisprudenza di questa Corte, è un danno-conseguenza che richiede, pertanto, specifica prova da parte di chi ne chiede il risarcimento (v., tra le altre, le sentenze 13 maggio 2011, n. 10527, 21 giugno 2011, n. 13614, e 14 maggio 2012, n. 7471); prova che il giudice di merito, con accertamento non sindacabile in questa sede, ha ritenuto non essere stata fornita dall’avv. C.. E, d’altra parte, mancando il carattere dell’antigiuridicità del comportamento della dott.ssa C., non vi sarebbe comunque spazio per un danno risarcibile.

» Successione ereditaria Bologna erede pretermesso Bologna , testamento, azione di riduzione Con la sentenza n. 24755 del 4 dicembre 2015, la Corte di Cassazione adita con ricorso dalle figlie, ha affermato che “il principio di intangibilità della legittima comporta che i diritti del legittimario debbano essere soddisfatti con beni o denaro provenienti dall’asse ereditario, con la conseguenza che l’eventuale divisione operata dal testatore contenente la disposizione per la quale le ragioni ereditarie di un riservatario debbano essere soddisfatte dagli eredi tra cui è divisa l’eredità’ mediante corresponsione di somma di denaro non compresa nel relictum è’ affetta da nullità ex art. 735, primo comma, cod. civ.”

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA FAENZA LUGO IMOLA Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti)

» EREDE QUOTA PRELAZIONE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA PADOVA, RAVENNA RIMINI CESENA FORLI QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TRIB ROVIGO CONCORDATO PREVENTIVO COLLABORAZIONE TRA IMPRENDITORE E COMMISSARI –AVVOCATO PER CONCORDATO PREVENTIVO osservato come l’orientamento espresso dalla Suprema Corte in altra sede conforti il principio espresso di necessaria collaborazione tra l’imprenditore e i commissari (“il termine fissato dal tribunale, ai sensi dell’art. 163 l.fall., per il deposito della somma che si presume necessaria per l’intera procedura ha carattere perentorio, atteso che la prosecuzione di quest’ultima richiede la piena disponibilità, da parte del commissario, dell’importo a tal fine destinato e questa esigenza può essere soddisfatta soltanto con la preventiva costituzione del fondo nel rispetto del predetto termine, da considerarsi quindi improrogabile, con conseguente inefficacia del deposito tardivamente effettuato” Cass. 21 aprile 2016, n. 8100; conf. Cass., 23 settembre 2016, n. 18704, Cass., 22 novembre 2012, n. 20667)

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» L’accertamento del diritto all’assegno divorzile si articola in due fasi, nella prima delle quali il giudice verifica l’esistenza del diritto in astratto, in relazione all’inadeguatezza dei mezzi del coniuge richiedente, raffrontati ad un tenore di vita analogo a quello avuto in costanza di matrimonio e che sarebbe presumibilmente proseguito in caso di continuazione dello stesso o quale poteva legittimamente e ragionevolmente configurarsi sulla base di aspettative maturate nel corso del rapporto, mentre nella seconda procede alla determinazione in concreto dell’ammontare dell’assegno, che va compiuta tenendo conto delle condizioni dei coniugi, delle ragioni della decisione e del contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare e alla formazione del patrimonio di ognuno e di quello comune, nonché del reddito di entrambi, valutandosi tali elementi anche in rapporto alla durata del matrimonio. Nell’ambito di questo duplice accertamento assumono rilievo, sotto il profilo dell’onere probatorio, le risorse reddituali e patrimoniali di ciascuno dei coniugi, quelle effettivamente destinate al soddisfacimento dei bisogni personali e familiari, nonché le rispettive potenzialità economiche

» AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA ESTORSIONE Marito verso la sussistenza dell’elemento materiale del reato, cosi’ come le finalita’ della condotta contestata, proprio dall’analisi puntuale dei fatti, correttamente inquadrandoli, pero’, nell’abituale condotta di vita del (OMISSIS) e nel contesto abituale dei rapporti familiari dello stesso. Si tratta di una valutazione degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione, che e’ riservata in via esclusiva al giudice di merito, senza che, nel difetto di illogicita’ evidenti, possa integrare il vizio di legittimita’ la mera prospettazione di una diversa, e per il ricorrente piu’ adeguata, valutazione delle risultanze processuali (Sez. U., n. 6402 del 30/4/1997, rv. 207944; Sez. 4, n. 4842 del 02/12/2003, Rv. 229369).

» ASSEGNO DIVORZIO BOLOGNA FORLI CESENA RAVENNA AVVOCATO ESPERTO Questa Corte ha già avuto modo di chiarire che in tema di diritto alla corresponsione dell’assegno di divorzio in caso di cessazione degli effetti civili del matrimonio, il parametro dell’adeguatezza dei mezzi rispetto al tenore di vita goduto durante la convivenza matrimoniale da uno dei coniugi viene meno di fronte alla instaurazione, da parte di questi, di una famiglia, ancorché di fatto, costituita da uno stabile modello di vita in comune, con la nascita di figli ed il trasferimento del nuovo nucleo in una abitazione messa a disposizione dal convivente. Da ciò consegue la cessazione del diritto all’assegno divorzile, a carico dell’altro coniuge, (Cass. 17195/11; 3923/12; 25845/13;Cass 6855/15).

» PEDONE INVESTIMENTO RESPONSABILITA’ AVVOCATO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA LUGO

» CURATORE FALLIMENTO POTERI AVVOCATO CIVILISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA RIMINI

» AVVOCATO PER EREDITA’ BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA IMOLA Il testamento – olografo o pubblico che sia – non deve necessariamente contenere, a pena di nullita’, le indicazioni catastali e di configurazione degli immobili cui si riferisce, essendo invece sufficiente, per la validita’ dell’atto, che questi siano comunque identificabili senza possibilita’ di confusioni, salva la necessita, la quale peraltro non attiene ad un requisito di regolarita’ e validita’ del testamento, che gli eredi, in sede di denuncia di successione e di trascrizione del testamento medesimo, provvedano essi ad indicare specificamente gli immobili predetti, menzionandone dati catastali, confinazioni ecc..

» AVVOCATO ESPERTO DIVISIONE EREDITARIA BOLOGNA FORLI CESENA RAVENNA Nell’ipotesi di divisione ereditaria, va escluso che l’assegnazione dei beni oggetto della divisione sia subordinata al previo pagamento del conguaglio in denaro

» LUGO FAENZA RAVENNA MALASANITA’,AVVOCATO PER MALASANITA’ E DANNO DA COLPA MEDICA danno responsabilità medica danno responsabilità medica prescrizione danno da responsabilità medica risarcimento danno responsabilità medica danno biologico responsabilità medica danno differenziale responsabilità medica calcolo danno responsabilità medica danno da responsabilità medica prescrizione danno patrimoniale responsabilità medica danno esistenziale responsabilità medica danno biologico responsabilità medica tabelle responsabilità medica calcolo danno biologico danno biologico da responsabilità medica responsabilità medica e danno biologico danno biologico per responsabilità medica responsabilità medica contrattuale e danno biologico atto di citazione risarcimento danno biologico responsabilità medica quantificazione danno biologico responsabilità medica liquidazione danno biologico responsabilità RISARCIMENTO MALASANITA’

» FAMIGLIA DI FATTO CONVIVENZE BOLOGNA SOMME VERSATE AL COMPAGNO VANNO RESTITUITE? AVVOCATO FAMIGLIARISTA BOLOGNA ad essere esenti dall’obbligo di restituzione sono, secondo la giurisprudenza, solo i versamenti effettuati per far fronte alle esigenze di vita quotidiana, indipendentemente dalle modalità di versamento (una tantum, mensili, ecc.) (Cass. n. 1277/2014).

» BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA IMOLA successionedei legittimari e successione legittima successione necessariaquote successionetestamentaria quote eredità fratello deceduto senza figli chi sono gli ascendenti eredità legittima in presenza di testamento successionelegittima nipoti figli di fratelli successione obbligatoria

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna