Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

DIVISIONE EREDITA’ BOLOGNA invalidità del testamento 

chiama-adessoBLU

art. 1111 c.c. scioglimento della comunione: ciascuno dei partecipanti può sempre domandare lo scioglimento della comunione; l’autorità giudiziaria può stabilire una congrua dilazione, in ogni caso non superiore a cinque anni, se l’immediato scioglimento può pregiudicare gli interessi degli altri.

Il patto di rimanere in comunione per un tempo non maggiore di dieci anni è valido e ha effetto anche per gli aventi causa dai partecipanti. Se è stato stipulato per un termine maggiore, questo si riduce a dieci anni .

Se gravi circostanze lo richiedono, l’autorità giudiziaria può ordinare lo scioglimento della comunione prima del tempo convenuto .

Le quote previste dalla legge per gli eredi legittimi sono:

Eredita’ con  solo figli: hanno diritto a tutto il patrimonio ereditario da dividersi fra loro in parti uguali; la loro presenza esclude la successione degli altri parenti, ad eccezione del coniuge.

Se vi sono figli e coniuge: se il figlio è uno solo, metà della eredità spetta a lui e metà al coniuge; se sono più di uno, a loro vanno i due terzi da dividersi in parti uguali ed il residuo terzo va al coniuge.

Se vi sono solo coniuge e genitori e/o fratelli e sorelle : al coniuge spettano i due terzi della eredità e ai genitori e fratelli complessivamente un terzo.

Se vi è il solo coniuge : a lui spetta tutta l’eredità.

Se vi sono solo i genitori : spetta loro tutta l’eredità da dividersi in parti uguali.

Se vi sono solo fratelli e sorelle: l’eredità si divide fra loro in parti uguali.

DIVISIONE EREDITA’ BOLOGNA invalidità del testamento invalidità del testamento


Giova, al riguardo, citare l’emblematico dictum proprio di Cass. 25 ottobre 2006, n. 22906, secondo cui, ‘in caso di scioglimento della divisione ereditaria od ordinaria, fine primario della divisione è la conversione del diritto di ciascun condividente alla quota ideale in diritto di proprietà esclusiva di beni individuali, sicché quado in presenza di un immobile indivisibile o non comodamente divisibile vi è una pluralità di richieste di assegnazione benché è possibile l’assegnazione anche ai titolari di quota minore, laddove ciò corrisponda all’interesse comune delle parti’.

La citata pronuncia riprendeva, in sostanza, un datato orientamento già risalente a Cass. 13 luglio 1983, n. 4775 ed a Cass. 20 agosto 1991, n. 8922, secondo il quale il principio ispiratore della norma di cui all’art. 720 c.c. ovvero il ‘favor divisionis’ implicava preferenzialmente l’assegnazione de qua al maggior quotista salvo esclusivamente ‘ragioni di opportunità ravvisabili nell’interesse comune dei condividendi’.

Senonché un più recente orientamento di questa stessa Corte (e di questa stessa Sezione) ha affermato un ‘potere discrezionale di deroga al criterio della preferenziale assegnazione’ vincolato alla solo obbligo della ‘adeguata e logica motivazione’. Più specificamente è stato affermato, con la citata decisione, che ‘in tema di divisione ereditaria, nel casoin cui uno o più immobili non risultino comodamente divisibili, il giudice ha il potere discrezionale di derogare al criterio, indicato dall’art. 720 c.c., della preferenziale assegnazione al condividente titolare della quota maggiore, purché assolva all’obbligo di fornire adeguata e logica motivazione della diversa valutazione di opportunità adottata (nel caso di specie la Corte confermava la sentenza del Giudice di secondo grado con riguardo all’attribuzione dell’immobile non divisibile assumendo come criterio discriminante quello dell’interesse personale prevalente dell’assegnatario, privo di un’unità immobiliare da destinare a casa familiare, rispetto al titolare di quota maggiore che disponeva di altra abitazione)’.

Pur nella consapevolezza della possibilità di deroga al criterio preferenziale di assegnazione al maggio quotista (laddove si è riconosciuta la sussistenza di un potere discrezionale al riguardo, ancorché vincolato all’obbligo di motivazione ed a sostanziali e seri motivi), l’impugnata sentenza non ha, tuttavia, valutato e tenuto in adeguato conto – nell’ipotesi dedotta in giudizio – la sussistenza di motivi che potevano e possono giustificare una soluzione derogatoria differente rispetto a quella ordinaria.

E tanto in contraddizione rispetto non solo al su riportato e più recente orientamento di Cass. n. 24053/2008, ma anche rispetto ai pur considerati criteri delle precedenti citate pronunce (per tutte, Cass. n. 22906/2006).

danno biologico  risarcimento danni  risarcimento danno biologico  risarcimento  risarcimento malasanità  tabelle danno biologico  risarcimento danni malasanità  risarcimento danni incidente stradale  danno biologico tabelle  danno biologico calcolo  risarcimento danni sinistro stradale  richiesta risarcimento danni  risarcimento incidente stradale  risarcimento danni morali  calcolo micropermanenti  calcolo risarcimento danni  malasanità e risarcimento  malasanità risarcimento  danno morale  risarcimento danni medici  valutazione danno biologico  infortunio sul lavoro risarcimento  malasanità risarcimento danni  calcolo danno morale  risarcimento danni fisici  tabella risarcimento danni  risarcimento del danno  quantificazione danno biologico  risarcimento colpo di frusta  c

danno biologico 
risarcimento danni 
risarcimento danno biologico 
risarcimento 
risarcimento malasanità 
tabelle danno biologico 
risarcimento danni malasanità 
risarcimento danni incidente stradale 
danno biologico tabelle 
danno biologico calcolo 
risarcimento danni sinistro stradale 
richiesta risarcimento danni 
risarcimento incidente stradale 
risarcimento danni morali 
calcolo micropermanenti 
calcolo risarcimento danni 
malasanità e risarcimento 
malasanità risarcimento 
danno morale 
risarcimento danni medici 
valutazione danno biologico 
infortunio sul lavoro risarcimento 
malasanità risarcimento danni 
calcolo danno morale 
risarcimento danni fisici 
tabella risarcimento danni 
risarcimento del danno 
quantificazione danno biologico 
risarcimento colpo di frusta 
c

Nella “divisio inter liberos” è escluso che possa trovare applicazione l’istituto della collazione, considerato che lo stesso, essendo diretto ad accrescere la massa che deve effettivamente dividersi tra gli eredi, può operare soltanto nei rapporti in cui tra i coeredi si instauri una comunione; il che non si verifica nella divisione suddetta, con la quale il testatore abbia già provveduto, a propria discrezione, tenendo conto dei bisogni e delle attitudini di ciascun erede, a determinare le quote loro spettanti, che (fatto salvo il rispetto delle riserve in favore dei legittimari), possono essere anche disuguali.

 

 

Nella “divisio inter liberos” è escluso che possa trovare applicazione l’istituto della collazione, considerato che lo stesso, essendo diretto ad accrescere la massa che deve effettivamente dividersi tra gli eredi, può operare soltanto nei rapporti in cui tra i coeredi si instauri una comunione; il che non si verifica nella divisione suddetta, con la quale il testatore abbia già provveduto, a propria discrezione, tenendo conto dei bisogni e delle attitudini di ciascun erede, a determinare le quote loro spettanti, che (fatto salvo il rispetto delle riserve in favore dei legittimari), possono essere anche disuguali.

Nella “divisio inter liberos” è escluso che possa trovare applicazione l’istituto della collazione, considerato che lo stesso, essendo diretto ad accrescere la massa che deve effettivamente dividersi tra gli eredi, può operare soltanto nei rapporti in cui tra i coeredi si instauri una comunione; il che non si verifica nella divisione suddetta, con la quale il testatore abbia già provveduto, a propria discrezione, tenendo conto dei bisogni e delle attitudini di ciascun erede, a determinare le quote loro spettanti, che (fatto salvo il rispetto delle riserve in favore dei legittimari), possono essere anche disuguali.

Avvocato malasanità Milano Avvocato malasanità Roma Avvocato malasanità Napoli Avvocato malasanità Torino Avvocato malasanità Avellino Avvocato malasanità Benevento Avvocato malasanità Caserta Avvocato malasanità Frosinone Avvocato malasanità Latina Avvocato malasanità Salerno Avvocato malasanità Varese Avvocato malasanità Pavia Avvocato malasanità Monza Brianza Avvocato malasanità Lecco Avvocato malasanità Como Avvocato malasanità Bergamo Avvocato malasanità Gorizia Avvocato malasanità Trieste Avvocato malasanità Udine Avvocato malasanità Vicenza Avvocato malasanità Verona Avvocato malasanità Belluno Avvocato malasanità Pordenone Avvocato malasanità Treviso Avvocato malasanità Vercelli Avvocato malasanità Verbania Avvocato malasanità Novara Avvocato malasanità Cuneo Avvocato malasanità Biella Avvocato malasanità Aosta Avvocato malasanità Asti Avvocato malasanità Alessandria Avvocato malasanità Terni Avvocato malasanità Viterbo Avvocato malasanità Rovigo Avvocato malasanità Padova Avvocato malasanità Messina Avvocato malasanità Siena Avvocato malasanità Prato Avvocato malasanità Firen

Avvocato malasanità Milano
Avvocato malasanità Roma
Avvocato malasanità Napoli
Avvocato malasanità Torino
Avvocato malasanità Avellino
Avvocato malasanità Benevento
Avvocato malasanità Caserta
Avvocato malasanità Frosinone
Avvocato malasanità Latina
Avvocato malasanità Salerno
Avvocato malasanità Varese
Avvocato malasanità Pavia
Avvocato malasanità Monza Brianza
Avvocato malasanità Lecco
Avvocato malasanità Como
Avvocato malasanità Bergamo
Avvocato malasanità Gorizia
Avvocato malasanità Trieste
Avvocato malasanità Udine
Avvocato malasanità Vicenza
Avvocato malasanità Verona
Avvocato malasanità Belluno
Avvocato malasanità Pordenone
Avvocato malasanità Treviso
Avvocato malasanità Vercelli
Avvocato malasanità Verbania
Avvocato malasanità Novara
Avvocato malasanità Cuneo
Avvocato malasanità Biella
Avvocato malasanità Aosta
Avvocato malasanità Asti
Avvocato malasanità Alessandria
Avvocato malasanità Terni
Avvocato malasanità Viterbo
Avvocato malasanità Rovigo
Avvocato malasanità Padova
Avvocato malasanità Messina
Avvocato malasanità Siena
Avvocato malasanità Prato
Avvocato malasanità Firen

 

 

 

 

 

Nella “divisio inter liberos” è escluso che possa trovare applicazione l’istituto della collazione, considerato che lo stesso, essendo diretto ad accrescere la massa che deve effettivamente dividersi tra gli eredi, può operare soltanto nei rapporti in cui tra i coeredi si instauri una comunione; il che non si verifica nella divisione suddetta, con la quale il testatore abbia già provveduto, a propria discrezione, tenendo conto dei bisogni e delle attitudini di ciascun erede, a determinare le quote loro spettanti, che (fatto salvo il rispetto delle riserve in favore dei legittimari), possono essere anche disuguali.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

BOLOGNA VICENZA TREVISO ALESSANDRIA ASTI SUCCESSIONE EREDITA' BOLOGNA –AVVOCATO TESTAMENTO.IMPUGNAZIONE TESTAMENTO La questione dello strumento processuale utilizzabile per contestare l'autenticità del testamento olografo; che sul punto si confrontano, nella giurisprudenza di questa Corte, due orientamenti;

BOLOGNA VICENZA TREVISO ALESSANDRIA ASTI SUCCESSIONE EREDITA’ BOLOGNA –AVVOCATO TESTAMENTO.IMPUGNAZIONE TESTAMENTO La questione dello strumento processuale utilizzabile per contestare l’autenticità del testamento olografo; che sul punto si confrontano, nella giurisprudenza di questa Corte, due orientamenti;

Consulenze legali Bologna su contratti compravendita avvocato Bologna :studio legale a Bologna avvocato Sergio Armaroli,consulenza legale Bologna, contratti .immobiliari Bologna, contratti Bologna

Consulenze legali Bologna su contratti compravendita avvocato Bologna :studio legale a Bologna avvocato Sergio Armaroli,consulenza legale Bologna, contratti .immobiliari Bologna, contratti Bologna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

#IMPUGNAZIONE TESTAMENTO#IMPUGNAZIONE SUCCESSIONE#IMPUGNAZIONE EREDITA’ #PROCESSO TESTAMENTO Avvocato testamento Bologna –avvocato eredità Bologna

#IMPUGNAZIONE TESTAMENTO#IMPUGNAZIONE SUCCESSIONE#IMPUGNAZIONE EREDITA’ #PROCESSO TESTAMENTO Avvocato testamento Bologna –avvocato eredità Bologna
aperture di credito in conto corrente
anticipi, sconti commerciali e altri finanziamenti alle imprese effettuati dalle banche
factoring
crediti personali e altri finanziamenti alle famiglie effettuati dalle banche
anticipi, sconti commerciali, crediti personali e altri finanziamenti effettuati dagli intermediari non bancari
prestiti contro cessione del quinto dello stipendio
leasing
credito finalizzato all’acquisto rateale
mutui

 

 

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE II

SENTENZA 23 maggio 2013, n.12830

Ritenuto in fatto

Con atto notificato il 3.9.98 G..S. citò al giudizio del Tribunale di Grosseto i propri fratelli A. e C. , al fine di sentir definire i rapporti ereditari derivanti dalle successioni dei comuni genitori, S.M. e C.R. , rispettivamente deceduti in (omissis) ed il …, lasciando alcuni immobili e quote di comproprietà di altri, siti in … e nell’isola suddetta, oltre a depositi postali, ciascuno avendo redatto un testamento olografo.

Costituitisi separatamente i convenuti, non si opposero alla divisione, purché limitata ai beni lasciati in comunione ereditaria, diversi da quelli formanti oggetto di rispettive disposizioni a titolo particolare, contestarono entrambi l’ammontare del saldo del libretto postale, esistente alla data del decesso della madre, indicandolo in L. 10.000.000, anziché in quello di L. 50.000.000 esposto dall’attore; A. propose, poi, domanda riconvenzionale in relazione all’importo di L. 237.000.000 circa che assumeva aver dato in prestito ai genitori.

Il tribunale adito, sulla scorta delle risultanze documentali e dell’interrogatorio formale dei convenuti, con sentenza non definitiva del 21.2-29.4.02, dichiarava esclusi dalla comunione i beni immobili di cui i testatori avevano disposto con rispettivi “prelegati”, al riguardo desumendo la volontà dei predetti, di nominare eredi universali i tre figli, dall’aver disposto che i rimanenti beni venissero divisi in quote uguali, accertava in L. 10.000.000 l’importo della somma lasciata su un libretto al portatore e disponeva il prosieguo del giudizio per le operazioni di scioglimento della comunione e per la prestazione, da parte di A. , di giuramento suppletorio sulla circostanza che egli avesse mutuato la somma di L. 237.000.000 ai genitori.

Proposto appello da G..S. , resistito sia da S.A. da C. , la Corte di Firenze, con sentenza del 21.1-23.5.05 rigettava il gravame, con condanna dell’appellante alle spese, sulla base delle seguenti argomentazioni:

  1. a) non avendo la validità dei testamenti formato oggetto del giudizio di primo grado ed essendo pertanto inammissibile una domanda al riguardo in grado di appello, era da escludere che il primo giudice avesse affermato con efficacia di giudicato l’inesistenza di eventuali nullità di tali atti, dovendosi la relativa affermazione di validità considerare quale assenza di impedimenti alla divisione, sicché restava impregiudicata la facoltà di chiedere in altra sede “la verifica della autenticità della sottoscrizione della testatrice C. “;
  2. b) quanto all’importo dei titoli postali, in difetto di diversa prova incombente sull’appellante, tale non potendo ritenersi il mero elenco informale prodotto da parte di quest’ultimo, correttamente il primo giudice aveva accertato in L. 10.000.000 la relativa consistenza, nei limiti di quanto ammesso dai convenuti;
  3. c) avendo i testatori, come loro consentito dall’art. 734 c.c., voluto disporre una divisio inter liberos, anziché dare disposizioni per la futura divisione dell’asse ereditario, andava confermata pur con diversa motivazione, la decisione del primo giudice, che aveva escluso dalla comunione i beni oggetto di singole assegnazioni nelle due schede testamentarie, che non consentivano incertezze circa la volontà dei testatori di disporne “in favore non già dei chiamati, globalmente considerati, bensì di ciascuno degli stessi, mantenendo invece la comunione ereditaria per gli altri immobili…per i quali l’attribuzione è stata fatta in parti uguali”, divisione avente l’effetto di impedire la nascita della comunione ereditaria e quello ulteriore di rendere “neppure ipotizzabile l’applicazione dell’art. 733 c.c. giacché i testatori non hanno inteso affatto stabilire modalità di divisione tra gli eredi, al fine della formazione delle singole quote”;
  4. d) il motivo relativo all’ammissione del giuramento suppletorio era inammissibile, in quanto attinente ad un’ordinanza, che non avrebbe potuto pregiudicare l’esito della causa, restando al rimessa alla definitiva decisione del tribunale l’ammissibilità e rilevanza del mezzo istruttorio.
BOLOGNA VICENZA TREVISO ALESSANDRIA ASTI SUCCESSIONE EREDITA' BOLOGNA –AVVOCATO TESTAMENTO.IMPUGNAZIONE TESTAMENTO La questione dello strumento processuale utilizzabile per contestare l'autenticità del testamento olografo; che sul punto si confrontano, nella giurisprudenza di questa Corte, due orientamenti;

BOLOGNA VICENZA TREVISO ALESSANDRIA ASTI SUCCESSIONE EREDITA’ BOLOGNA –AVVOCATO TESTAMENTO.IMPUGNAZIONE TESTAMENTO La questione dello strumento processuale utilizzabile per contestare l’autenticità del testamento olografo; che sul punto si confrontano, nella giurisprudenza di questa Corte, due orientamenti;

Contro tale sentenza ha proposto G..S. ricorso per cassazione affidato a quattro motivi di censura.

Hanno resistito S.A. e C. con controricorso, contenente ricorso incidentale con unico motivo.

A seguito del decesso di entrambi i difensori del ricorrente, il medesimo, in esito all’invito disposto con ordinanza interlocutoria dell’8.6.2012, si è ritualmente costituito con nuovo difensore, il quale ha ribadito la proposta impugnazione.

È stata, infine, depositata una memoria da parte del difensore dei controricorrenti.

Motivi della decisione

Va preliminarmente disposta la riunione dei reciproci ricorsi ai sensi dell’art. 335 c.p.c..

Con il primo motivo di quello principale si deduce ‘omessa, insufficiente e quanto meno contraddittoria motivazione in ordine ad un punto decisivo della controversia’, con riferimento alla confermata limitazione in L. 10.000.000 dell’importo dei depositi postali, avendo la Corte d’Appello ‘scambiato e confuso il contante esistente nei libretti bancari dei de cuius con i buoni postali fruttiferi altrettanto esistenti nei patrimoni degli stessi’, senza tener conto delle ammissioni al riguardo delle controparti, che avrebbero riconosciuto l’esistenza sia di contanti, depositati in libretti bancari per circa L. 50.000.000, sia di buoni postali fruttiferi per circa Euro 104.938, 00.

Il motivo è infondato.

La Corte d’Appello ha confermato, senza incorrere in alcuna contraddizione o lacuna argomentativa/correttamente applicando i principi in tema di onere della prova, il capo della decisione del primo giudice relativo all’ammontare dei depositi postali, che aveva accertato in dieci milioni di lire, nei limiti delle ammissioni dei convenuti, l’importo della relativa giacenza, al riguardo osservando che nessuna prova di diverso ammontare poteva ritenersi fornita dall’attore, che si era limitato a produrre un mero elenco informale, privo di alcuna attestazione dell’ente postale e, pertanto, di valore probatorio.

AAFOTOSOLDI1L’esame della comparsa di costituzione e risposta dei convenuti (reso possibile, in questa sede, dal profilo di censura nel quale sostanzialmente si adombra la violazione del principio processuale di ‘non contestazione’, derivante dall’art. 167 c.p.c.) smentisce, del resto, l’assunto del ricorrente, secondo cui vi sarebbe stato ‘il riconoscimento del deposito di contanti in conti bancari’, rilevandosi dal contenuto di tale atto difensivo che i comparenti ammisero soltanto l’esistenza di un libretto postale, precisandone in L. 10.000.000 il relativo saldo, senza alcun accenno ad eventuali buoni postali fruttiferi, precisazione che chiaramente implicava la negazione di qualsiasi diversa giacenza; né un’ammissione in tal senso potrebbe inferirsi dalle richieste, che si assumono, nel mezzo d’impugnazione, concordemente formulate dalle parti nel verbale d’udienza del 28.1.2000 (peraltro non prodottole rinvenibile in atti), posto che, come pur si deduce nel motivo, tali richieste riguardavano soltanto lo svincolo della somma di L. 10.000.000, vale a dire di quella ammessa dai convenuti nella comparsa di risposta.

Con il secondo motivo il ricorrente principale deduce violazione e falsa applicazione degli artt. 661 e 734 c.c., nonché omessa, insufficiente e contraddittoria motivazione, censurando l’argomentazione di cui sub c) in narrativa, poiché la corte di merito, pur inquadrando le attribuzioni testamentarie di beni nella previsione di cui all’art. 734 c.c. e non confermandone la qualificazione di ‘prelegati’, avrebbe errato nell’affermare che il risultato pratico non sarebbe cambiato relativamente alla formazione delle quote, non tenendo conto delle sostanziali differenze tra i due istituti, con le relative conseguenze sull’ammontare dell’attivo e passivo ereditario, in tema di responsabilità del legatario e di ammissibilità e necessità della collazione.

Il motivo non merita accoglimento, non risultando sorretto da alcun interesse concretamente meritevole di tutela evidenziato dal ricorrente, il quale, a parte le teoriche affermazioni esposte, non ha lamentato alcuna lesione dei propri diritti di erede legittimario, tale da giustificare la riduzione delle attribuzioni dei beni fatte dal testatore con la divisio inter liberos, che non contesta essere stata nella specie operata, tuttavia infondatamente richiamando la necessità di collazione.

Tale istituto, limitato al conferimento nella massa ereditaria delle donazioni non contenenti l’espressa dispensa, viene nella specie impropriamente richiamato, essendo incompatibile con la divisione ex art. 734 c.c., con la quale il testatore abbia ritenuto di effettuare direttamente la spartizione dei suoi beni (o di parte degli stessi) distribuendoli mediante l’assegnazione in singole e concrete quote, evitando la formazione della comunione ereditaria e, pertanto, la necessità di dar luogo al relativo scioglimento, in funzione del quale soltanto si giustificherebbe il conferimento nella massa previsto dagli artt. 724 e 737 c.c. Sulla base di tali considerazioni la giurisprudenza di legittimità, risalente ma non superata da successive pronunzie di segno contrario, ha escluso che nella divisio inter liberos possa trovare applicazione l’istituto della collazione, considerato che lo stesso, essendo diretto ad accrescere la massa che deve effettivamente dividersi tra gli eredi, può operare soltanto nei rapporti in cui tra i coeredi si instauri una comunione; il che non si verifica nella divisione suddetta, con la quale il testatore abbia già provveduto, a propria discrezione, tenendo conto dei bisogni e delle attitudini di ciascun erede, a determinare le quote loro spettanti, che (fatto salvo il rispetto delle riserve in favore dei legittimari), possono essere anche disuguali (in tal senso v. Cass. n.n. 2989/1957 e 1988/1969).

Sulla base di tali principi, cui il collegio ritiene di dare continuità, anche in armonia con la successiva giurisprudenza di questa Corte escludente il carattere della generalità ed inderogabilità dell’istituto della collazione (v. n. 3013/2006), il motivo va respinto. Con il terzo motivo del ricorso principale si deduce violazione e falsa applicazione degli artt. 238, 240 e 242 c.p.c., nonché omessa, insufficiente e quanto meno contraddittoria motivazione, per avere la corte di merito del tutto omesso di giudicare sulla validità o nullità del giuramento suppletorio, questione sulla quale, e non sulla relativa ammissibilità, l’appellante l’aveva investita, evidenziando la carenza delle condizioni di semipiena probatio ravvisate dal primo giudice.

Anche tale motivo deve essere respinto, avendo la corte di merito correttamente ritenuto l’inammissibilità del corrispondente mezzo di gravame, in quanto diretto avverso una statuizione non decisoria, ma istruttoria, che, sebbene contenuta nel corpo della sentenza non definitiva del primo giudice, per la sua natura di sostanziale ordinanza ammissiva di un mezzo di prova, come tale revocabile ex art. 177 c.p.c. con la decisione finale, non aveva alcuna diretta ed immediata attitudine a decidere, sia pure in parte o su questioni preliminari, la controversia, ed a passare eventualmente in giudicato.

Pertanto soltanto con la pronunzia della successiva sentenza, che sulla base del prestato giuramento avesse deciso in senso a lui sfavorevole il relativo capo della controversia, sarebbe sorto l’interesse dell’odierno ricorrente a dedurre, in funzione dell’impugnazione avverso la statuizione decisoria, motivi di doglianza avverso l’ammissione del mezzo di prova in questione.

Con il quarto motivo, infine, il ricorrente principale si duole, per falsa applicazione dell’art. 91 c.p.c., della subita condanna alle spese del giudizio, per non essersi tenuto conto dell’accoglimento di uno dei motivi di gravame, quello relativo alla questione sub c).

Il motivo è manifestamente infondato, considerato che il giudice di appello si è correttamente ed incensurabilmente (non essendo sindacabile, in sede di legittimità, il mancato esercizio del potere di compensazione delle spese) attenuto al criterio della prevalente soccombenza.

Con l’unico motivo di ricorso incidentale si deduce ‘violazione ed errata applicazione degli artt.ll2, 324, 345 c.p.c.’, censurando la parte finale dell’argomentazione riportata sub a) in narrativa, per non aver tenuto conto che la validità delle schede testamentarie, non oggetto di alcuna contestazione da parte dell’attore e costituente un presupposto logico – giuridico della relativa domanda e della conseguente statuizione del Tribunale, avrebbe costituito un giudicato implicito; sicché la corte avrebbe dovuto limitarsi a dichiarare inammissibili i primi due motivi di appello sul tema, astenendosi da ogni altra valutazione circa la proponibilità, ammissibilità, tempestività e rilevanza della questione della validità o meno del testamento C. .

Il motivo, già originariamente inammissibile per difetto d’interesse, in quanto impugnante un’argomentazione palesemente ultronea (obiter dictum) della corte di merito, non funzionale alla dichiarata inammissibilità, per novità ex art. 345 c.p.c., della domanda di accertamento della falsità del testamento, lo è ancor più, a seguito della desistenza dal ricorso, manifestata con la memoria illustrativa in data 1303.2013 dai difensori dei controricorrenti (muniti di mandato con ampi poteri, anche abdicativi), a seguito del riferito esito della suddetta domanda, proposta in separato giudizio e respinta dal Tribunale di Grosseto, con sentenza del 24.1.2012.

Le spese del presente giudizio, infine, tenuto conto dell’esito dei reciproci ricorsi, vanno interamente compensate.

P.Q.M.

La Corte, riuniti i ricorsi, rigetta il principale, dichiara inammissibile l’incidentale e compensa interamente tra le parti le spese del giudizio.

 

legale bologna

studio legale internazionale

consulenza avvocato online

avvocato del lavoro

cerco avvocato penalista

consulenza legale online

assistenza legale online

legale online

studio avvocati

studio legale diritto del lavoro

avvocato diritto del lavoro

avvocato esperto in diritto del lavoro

studio legale diritto del lavoro bologna

avvocato civilista cosa fa

avvocati matrimonialisti

testamento avvocato bologna

impugnazione testamento 

impugnazione testamento pubblico 

impugnazione testamento lesione legittima 

impugnazione testamento prescrizione 

impugnare testamento olografo 

invalidità del testamento 

impugnazione testamento 

testamento falso 

causa eredità

come impugnare un testamento

avvocato bologna

avvocato a bologna

avvocati a bologna

studio legale bologna

avvocati di bologna

avvocato di bologna

consulenza legale Bologna

ordine avvocati bologna 

ordine avvocati di bologna 

avvocato penalista bologna

avvocati penalisti bologna 

avvocato divorzi bologna

avvocato divorzista bologna

avvocato separazioni bologna

avvocato matrimonialista bologna

avvocato  penale bologna

studi legali bologna 

consulenze legali bologna

avvocato del lavoro bologna 

consulenza legale online bologna

penalista bologna

risarcimento incidenti stradali 

risarcimento assicurazione 

risarcimento morte 

risarcimento incidente

assicurazione risarcimento 

assicurazione morte 

assicurazione incidenti 

incidenti stradali risarcimento

indennizzo incidente stradale

rimborso incidenti  

rimborso incidente 

indennizzo incidente 

danno morte 

danno mortale

impugnazione testamento

impugnazione successione 

impugnazione eredità 

processo testamento  

processo penale

processo civile

processo cassazione

avvocato penale

avvocato civile

avvocato cassazione

risarcimento danno biologico

studio legale penale

studio legale civile

difesa civile

difesa penale

risarcimento civile

risarcimento biologico 

 

 

 

testamento avvocato bologna

impugnazione testamento 

impugnazione testamento pubblico 

impugnazione testamento lesione legittima 

impugnazione testamento prescrizione 

impugnare testamento olografo 

invalidità del testamento 

impugnazione testamento 

testamento falso 

causa eredità

come impugnare un testamento

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» EREDE LESIONE DELLA QUOTA EREDE GUAI !! AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» BOLOGNA AVVOCATO SUCCESSIONI EREDITA’ IMPUGNAZIONE TESTAMENTO

» AVVOCATO PER EREDITA’ CONTTESTATE BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA IMOLA

» AVVOCATO ESPERTO DIVISIONE EREDITARIA BOLOGNA FORLI CESENA RAVENNA

» BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA IMOLA successione dei legittimari e successione legittima

» GLI EREDI LEGITTIMARI : LA LESIONE DELLA LEGITTIMA E L’AZIONE DI RIDUZIONE – IL LEGATO IN SOSTITUZIONE DELLA LEGITTIMA BOLOGNA L’IMPUGNAZIONE DELLE DONAZIONI Art. 588. Disposizioni a titolo universale e a titolo particolare.

» AVVOCATO PER CONCORDATO PREVENTIVO BOLOGNA ROVIGO PADOVA VICENZA SENTENZA TRIB ROVIGO considerato che, previa autorizzazione del Tribunale ai sensi dell’art. 161, VII comma l.f., la ricorrente ha risolto il contratto preliminare di vendita – con ciò escludendo i rilievi del Tribunale di inammissibilità – previsto che la aggiudicazione della azienda a soggetto terzo determini ipso iure la risoluzione del contratto di affitto e l’obbligo di immediata restituzione (con pagamento di una penale per ogni giorno di ritardo) e depositato una proposta irrevocabile di acquisto da parte della “M. s.r.l.” – subordinatamente alla avvenuta omologazione – di acquisto del ramo di azienda alla somma complessiva di € 601.000,00, attraverso un pagamento rateale ed un riscatto finale al 30 settembre 2019 per euro 506.500,00, mantenendosi la proprietà in capo alla ricorrente sino all’integrale pagamento del prezzo (attraverso il c.d. patto di riservato dominio) così da garantire nella misura massima i creditori concordatari;

» Diritto Ereditario BOLOGNA avvocato Sergio Armaroli : Testamenti: Validità – Invalidità, Lesione dei diritti dell’erede legittimo ,

» TI SERVE A BOLOGNA URGENTE IMMEDIATA CONSULENZA LEGALE? PARERE DI UN AVVOCATO ESPERTO ? AVVOCATO SERGIO ARMAROLI PATROCINANTE IN CASSAZIONE La consulenza legale è un servizio non solo altamente richiesto, ma anche fondamentale per risolvere preventivamente ogni tipo di controversia ed ottenere in tempi brevi risultati concreti

» IPOTECA GIUDIZIALE BOLOGNA RESPONSABILITA’ CREDITORE, DECRETO INGIUNTIVO CHIAMA SUBITO L’AVVOCATO

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI CESENA FORLI VEDOVO VEDOVA ESTROMESSI DA EREDITA’ DIRITTI DEI VEDOVI

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

» CASS SEZ UNITE RISARCIMENTI PUNITIVI la sentenza del 23 settembre 2008, esecutiva, della Circuit Court of the 17th Judicial Circuit for Broward Count (Florida), confermata in appello dal District Court of Appeal of the State of Florida, dell’U agosto 2010, che aveva concannato la società italiana AXO Sport spa a pagare la complessiva somma di dollari USA 1.436.136,87, oltre interessi al tasso annuo dell’11% , a seguito di procedimento giudiziario svoltosi davanti a quell’autorità;

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna