Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

AVVOCATO DIVORZISTA BOLOGNA AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA VIOLAZIONE OBBLIGHI ASSISTENZA FAMIGLIARE

AVVOCATO DIVORZISTA BOLOGNA AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA VIOLAZIONE OBBLIGHI ASSISTENZA FAMIGLIAREARISOLVO3

Il primo e il secondo motivo di ricorso sono palesemente infondati; va ricordato infatti che secondo la costante giurisprudenza della Corte di Cassazione, la prova decisiva la cui mancata assunzione legittima il ricorso ai sensi dell’art. 606 c.p.p., comma 1, lett. d) è solo quella che risulti determinante per un diverso esito del processo e che, valutata unitamente alle prove già assunte, si riveli tale da determinare sicuramente una pronuncia giurisdizionale di segno diverso o contrario rispetto a quella effettivamente adottata (in tal senso, tra le tante di analogo tenore e da ultimo, Cass. sez. 4 del 23/1/2014 n. 6783, Rv 250323).

AVVOCATI BOLOGNA@DIRITTO DI FAMIGLIA@SEPARAZIONE CONSENSUALE

 

La  separazione consensensuale è un punto di arrivo , si arriva alla consensuale dopo aver smussato diverse problematiche

ADENAROSVEGLIASCRITTA

  • adozioni
  • affidamento minori
  • interdizione e inabilitazione
  • nomina di amministratori di sostegno
  • redazione di testamenti
  • cause testamentarie

 

  • separazione giudiziale
  • separazione consensuale
  • divorzio
  • lo Stalking a danno dell’ex partner
  • mobbing familiare
  • regime legale patrimoniale della famiglia (comunione)

 FOTODONNA ARRABBIATA

verbale separazione consensuale tribunale bologna

separazione consensuale tribunale bologna 

·       Separazione Consensuale: accordo dei coniugi sugli aspetti personali e patrimoniali

·       Separazione Giudiziale: qualora non vi sia accordo tra i coniugi

·       Divorzio Congiunto: scioglimento del matrimonio con accordo tra i coniugi

·       Divorzio Giudiziale: scioglimento del matrimonio senza accordo tra i coniugi

·       Scioglimento della convivenza “more uxorio”

·       Affidamento dei minori o incapaci

·       Riconoscimento e Disconoscimento di Paternità

·       Provvedimenti d’urgenza contro abusi familiari

·       Assegnazione degli alimenti: per chi è in stato di bisogno e non riesci a provvedervi

·       Assegnazione della casa familiare: in caso di separazione o divorzio

·       Affidamento dei figli e Tutela dei diritti dei minori: per famiglie legittime o di fatto

·       Provvedimenti d’urgenza contro abusi familiari

modulo separazione consensuale bologna
verbale separazione consensuale bologna
costi separazione consensuale bologna
separazione consensuale tribunale di bologna 
separazione consensuale tribunale bologna  8.88
separazione consensuale bologna 8.88
modulo separazione consensuale tribunale di bologna  8.88
tribunale di bologna separazione consensuale  8.88
tribunale bologna separazione consensuale  8.88
verbale separazione consensuale tribunale bologna

STUDIO LEGALE DIRITTO DI FAMIGLIA –DIRITTO DI FAMIGLIA BOLOGNA-AVVOCATI BOLOGNA DIRITTO DI FAMIGLIA

 

AVVOCATI DIVORZISTI BOLOGNA,AVVOCATO SERGIO ARMAROLI

 

Separarsi o divorziare non è mai facile lascia un grande vuoto

 

L’avvocato Sergio Armaroli assiste quanti vogliono separarsi o divorziare  a Bologna

 

AVVOCATI DIVORZISTI BOLOGNA,AVVOCATO SERGIO ARMAROLI

 

Avvocati divorzisti Bologna separazione e divorzio
avvocati divorzisti studio legale avvocato
avvocati divorzisti milano separazione divorzio tempi
studio avvocati decorrenza termine per divorzio

 

LE GRANDI PROBLEMATICHE DI UNA SEPARAZIONE O DI UN DIVORZIO

 

  • AFFIDO FIGLI

Oggi vi è l’isitituto dell’affido condiviso

 

2)assegnazione casa coniugale

 

Molto importante poi con i tempi che corrono ancora di piu’

 

3)ASSEGNO MANTENIMENTO PER IL CONIUGE DEBOLE E PER I FIGLI

 ADENAROSVEGLIASCRITTA

 

Suprema Corte di Cassazione

Sezione VI Penale 

Sentenza 13-31 maggio 2016, n. 23010
REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CONTI Giovanni – Presidente –

Dott. GIANESINI Maurizio – rel. Consigliere –

Dott. CARCANO Domenico – Consigliere –

Dott. FIDELBO Giorgio – Consigliere –

Dott. CORBO Antonio – Consigliere –
ha pronunciato la seguente:

 

SENTENZA
sul ricorso proposto da:

F.M.C., nato il (OMISSIS) a (OMISSIS);

avverso la sentenza del 15/07/2014 della CORTE APPELLO di MILANO;

visti gli atti, il provvedimento impugnato e il ricorso;

udito in PUBBLICA UDIENZA del 13/05/2016, la relazione svolta dal Consigliere Dott. GIANESINI MAURIZIO;

Udito il Procuratore Generale in persona del Dott. MAZZOTTA GABRIELE, che ha concluso per la dichiarazione di inammissibilità del ricorso.

Udito il difensore Avv. ROSELLI R. per la Parte Civile che ha chiesto la inammissibilità del ricorso.
Svolgimento del processo

  1. Il difensore di F.M.C. ha proposto ricorso per Cassazione contro la sentenza della Corte di Appello di MILANO che ha confermato la sentenza di primo grado di condanna alla pena di due mesi di reclusione e 200,00 Euro di multa per il reato di cui all’art. 570 c.p., comma 2, n. 2 per essersi il F. sottratto ai doversi di coniuge separato e padre di due minori riducendo l’importo dell’assegno di mantenimento mensile dal 4.000,00 a 800,00 Euro, facendo quindi mancare i mezzi di sussistenza.2. Il difensore ha dedotto quattro motivi di ricorso.2.1 Con i primi due motivi, il ricorrente, come già aveva fatto con i motivi di appello, ha lamentato che il Tribunale di Milano avesse revocato l’ordinanza di ammissione di una teste già ammessa con la motivazione che, essendo la stessa in stato di gravidanza, non si sarebbe presentata alla successiva udienza già calendarizzata, che lo stesso Tribunale non avesse disposto l’audizione ex art. 507 c.p.p. e che la Corte di Appello avesse negato la richiesta di rinnovazione del dibattimento per l’audizione della stessa teste, da ritenersi decisiva per la dimostrazione della sostanziale impossidenza del F. dal gennaio al luglio 2009.2.2 Con il terzo motivo, il ricorrente ha svolto considerazioni critiche sulla motivazione della sentenza della Corte che aveva affermato sia lo stato di bisogno della moglie e dei figli, sia la concreta possibilità di adempimento da parte del F. dal momento che, per un verso, la riduzione dell’assegno di mantenimento a 800,00 Euro mensili era durata solo pochi mesi, da gennaio a luglio 2009, dall’altro la ex moglie aveva risparmiato, per sua stessa ammissione, la somma di 25.000,00 Euro, così che l’aiuto dei familiari era in realtà del tutto inutile, per l’altro ancora che l’imputato si era trovato effettivamente, nel periodo indicato, nella impossibilità di versare interamente quanto dovuto.2.3 Con il quarto motivo, infine, il ricorrente ha impugnato il punto relativo alla liquidazione delle spese di lite, quantificate in violazione di quanto previsto dal D.M. n. 127 del 2004 vigente all’epoca.

    3. La parte civile ha depositato una memoria con la quale ha ripercorso la vicenda processuale oggetto di ricorso e ha insistito per la dichiarazione di inammissibilità dello stesso.

Motivi della decisione

  1. La sentenza impugnata va annullata con rinvio per nuovo giudizio alla Corte di Appello di MILANO. 2. Il primo e il secondo motivo di ricorso sono palesemente infondati; va ricordato infatti che secondo la costante giurisprudenza della Corte di Cassazione, la prova decisiva la cui mancata assunzione legittima il ricorso ai sensi dell’art. 606 c.p.p., comma 1, lett. d) è solo quella che risulti determinante per un diverso esito del processo e che, valutata unitamente alle prove già assunte, si riveli tale da determinare sicuramente una pronuncia giurisdizionale di segno diverso o contrario rispetto a quella effettivamente adottata (in tal senso, tra le tante di analogo tenore e da ultimo, Cass. sez. 4 del 23/1/2014 n. 6783, Rv 250323).2.1 Nel caso in esame la testimonianza ammessa ma non assunta non avrebbe avuto quel valore determinante cui si è fatto cenno più sopra posto che la stessa, anche se effettivamente assunta secondo le indicazioni di fatto proposte dal difensore, non sarebbe stata in grado di apportare alcuna reale modifica al giudizio di concreta capacità dell’imputato di adempiere ai suoi obblighi di versamento enunciati nella motivazione della sentenza impugnata; in questa linea argomentativa, quindi, sono del tutto esenti da censure in termini di vizi motivazionali le decisioni del Tribunale in sede di negazione della ammissione ex art. 507 c.p.p. della testimonianza richiesta e della Corte di appello in sede di negazione della rinnovazione del dibattimento ex art. 603 c.p.p. per lo stesso adempimento istruttorio.3. Il terzo motivo di ricorso, nella parte relativa alla affermata, assoluta impossibilità da parte dell’imputato di corrispondere i mezzi di sussistenza, è infondato; sia la sentenza di primo grado che quella di appello, con un sostanziale rinvio alla prima, hanno posto in evidenza, con motivazione scevra da qualsiasi vizio di contraddittorietà e/o di illogicità, che il F. aveva goduto in passato di un reddito elevato pari a 180.000,00 Euro l’anno, aveva volontariamente scelto di non svincolare il t.f.r. maturato dal fondo pensioni, aveva costituito, dopo la cessazione del rapporto di lavoro con la Ferrari, nuove società di consulenza dalle quali aveva assai verosimilmente tratto fonti di reddito e aveva poi pagato, dopo la decisione del Tribunale, il debito pregresso nei confronti della moglie, così che del tutto legittimamente era stato dedotto che egli fosse nella concreta possibilità di adempiere ai suoi obblighi di corresponsione dei mezzi di sussistenza.3.1 Non pare invece adeguatamente motivata la circostanza della sussistenza dello stato di bisogno della moglie e dei figli minori;è stato infatti accertato in giudizio che la parziale riduzione della somma che l’imputato corrispondeva alla moglie (da 4.000,00 Euro mensili a 800,00 Euro mensili) ha avuto la durata di soli 7 mesi (da gennaio a luglio 2009) ed è stata successivamente poi sanata interamente e che la B. godeva di risparmi di un certo rilievo economico (circa 25.000,00 Euro).

    3.2 A fronte delle accertate circostanze di cui sopra, il Tribunale e poi la Corte hanno alluso ad un “grave disagio e effettivo stato di bisogno” di moglie e figli riportando alcune massime della Corte di Cassazione circa la nozione di stato di bisogno, circa la presunzione di esistenza di esso in casi di figli minori e circa l’ininfluenza di versamenti e corresponsioni di denaro da parte di familiari ed altre persone che non si confrontano però criticamente con i dati di fatto sopra accertati e richiamati, che lascerebbero invece trasparire, in ragione del fatto che la somma versata era comunque di un qualche rilievo economico e della circostanza che il ridotto adempimento era durato per pochi mesi, una sostanziale inesistenza di un effettivo stato di bisogno dei destinatari dei versamenti, tenuto esso distinto dall’obbligo di mantenimento ed individuato in quanto è necessario per la sopravvivenza, sia pure con la valutazione di altre complementari esigenze quali abbigliamento, istruzione, abitazione, mezzi di trasporto e simili (Cass. Sez. Unite 31/1/2013 n. 23866, Rv 255272 e Cass. Sez. 6, 21/11/2008, n. 2736, Rv 242855).

    La Corte di Appello di MILANO, in sede di rinvio, accerterà dunque, sulla base delle indicazioni sopra accennate, l’effettività dello stato di bisogno della moglie e dei figli minori dell’imputato durante il ristretto periodo temporale in cui il F. ha ridotto l’importo versato ad 800,00 Euro mensili.

     

P.Q.M.


Annulla la sentenza impugnata e rinvia per nuovo giudizio ad altra sezione della Corte di Appello di Milano.

Così deciso in Roma, il 13 maggio 2016.

Depositato in Cancelleria il 31 maggio 2016.

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA FAENZA RIMINI AVVOCATO DIVORZIO CHIAMA SUBITO COSA ASPETTI? Corte Costituzionale Sentenza 9 – 11 febbraio 2015, n. 11 Presidente Criscuolo – Redattore Morelli Sentenza

» SPOSARSI E’ FACILE E’ SEPARARSI E DIVORZIARE CHE E’ DIFFICILE AVVOCATO MATRIMONIALISTA DIVORZISTA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI

» AVVOCATO BOLOGNA CENTRO DIVORZISTA BOLOGNA CENTRO AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA VIOLAZIONE OBBLIGHI ASSISTENZA FAMIGLIARE Diritto di famiglia

» AVVOCATO DIVORZISTA BOLOGNA AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA VIOLAZIONE OBBLIGHI ASSISTENZA FAMIGLIARE

» AVVOCATI BOLOGNA@DIRITTO DI FAMIGLIA@SEPARAZIONE CONSENSUALE La separazione consensensuale è un punto di arrivo , si arriva alla consensuale dopo aver smussato diverse problematiche verbale separazione consensuale tribunale bologna

» AVVOCATO DIVORZISTA BOLOGNA DIVORZIO BREVE BOLOGNA Avvocato divorzista Bologna

» LEGGI SUBITO PRIMA CHE SIA TARDI BOLOGNA BIGENITORIALITA’ AVVOCATI BOLOGNA SEPARAZIONE SUBITO! COSA PER I FIGLI E LA CASA CONIUGALE

» TI SERVE A BOLOGNA URGENTE IMMEDIATA CONSULENZA LEGALE? PARERE DI UN AVVOCATO ESPERTO ? AVVOCATO SERGIO ARMAROLI PATROCINANTE IN CASSAZIONE La consulenza legale è un servizio non solo altamente richiesto, ma anche fondamentale per risolvere preventivamente ogni tipo di controversia ed ottenere in tempi brevi risultati concreti

» Consulenza Legale per Separazione e Divorzio a Bologna Avvocato separazione Bologna Avvocato separazione avvocato matrimonialista bologna – Studio Legale Bologna studiolegale-bologna.it/…/avvocato-matrimonialista-per-separazioni-a-bologna-e-prov… Consulenza Legale per Separazione e Divorzio a Bologna Avvocato matrimonialista divorzio bologna Avvocati che si occupano di Separazione a Bologna Avvocato matrimonialista divorzista Avvocato matrimonialista Bologna … Avvocato a Bologna – Avvocato Sergio Armaroli Studio Legale Bologna avvocatoabologna.it/ Separazione divorzio, avvocato matrimonialista Bologna e provincia, diritto dei … Chiedi consulenza ad un avvocato divorzista per porre fine al matrimonio o per.fare tua .. Studio Legale Bologna studiolegale-bologna.it/ separazione divorzio. Studio Legale Bologna … Avvocato divorzista a Bologna – Barbara D’Angelo | Separazione …

» MaRIto MoGliE DiVorZio SEpaRAzione BoLoGNA DiVORzio BoLoGna ?DivoRzIo BreVe BoLoGna ?ChiamA SubiTO Il ricorso è comunque infondato perchè la decisione della Corte di appello è motivata sul rilievo della circostanza per cui l’incremento delle spese derivanti dal trasferimento di entrambi i figli nella sede universitaria di Urbino è compensato dalla sia pur saltuaria capacità reddituale degli stessi figli, i quali hanno dimostrato di poter avere, percependo borse di studio universitarie, idonee ad abbattere i costi di permanenza nella sede universitaria, e svolgendo attività lavorative, estive e/o collaterali allo studio, tali da incrementare le loro disponibilità finanziarie, di non gravare stabilmente e esclusivamente sui contributi economici dei genitori. E’ anche estranea alla ratio decidendi e al contenuto della decisione impugnata l’affermazione della ricorrente per cui la Corte di appello non ha chiarito se abbia voluto revocare o ridurre il contributo dello Z. al mantenimento dei figli.

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA FAENZ ALUGO IMOLA Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti)

» AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI RIMINI CESENA RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI I conviventi di fatto possono disciplinare i rapporti patrimoniali relativi alla loro vita in comune con la sottoscrizione di un contratto di convivenza. 51. Il contratto di cui al comma 50, le sue modifiche e la sua risoluzione sono redatti in forma scritta, a pena di nullita’, con atto pubblico o scrittura privata con sottoscrizione autenticata da un notaio o da un avvocato che ne attestano la conformita’ alle norme imperative e all’ordine pubblico.

» DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA FAENZA RIMINI AVVOCATO DIVORZIO CHIAMA SUBITO COSA ASPETTI? Corte Costituzionale Sentenza 9 – 11 febbraio 2015, n. 11 Presidente Criscuolo – Redattore Morelli Sentenza

» EREDE QUOTA PRELAZIONE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA PADOVA, RAVENNA RIMINI CESENA FORLI QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TRIB ROVIGO CONCORDATO PREVENTIVO COLLABORAZIONE TRA IMPRENDITORE E COMMISSARI –AVVOCATO PER CONCORDATO PREVENTIVO osservato come l’orientamento espresso dalla Suprema Corte in altra sede conforti il principio espresso di necessaria collaborazione tra l’imprenditore e i commissari (“il termine fissato dal tribunale, ai sensi dell’art. 163 l.fall., per il deposito della somma che si presume necessaria per l’intera procedura ha carattere perentorio, atteso che la prosecuzione di quest’ultima richiede la piena disponibilità, da parte del commissario, dell’importo a tal fine destinato e questa esigenza può essere soddisfatta soltanto con la preventiva costituzione del fondo nel rispetto del predetto termine, da considerarsi quindi improrogabile, con conseguente inefficacia del deposito tardivamente effettuato” Cass. 21 aprile 2016, n. 8100; conf. Cass., 23 settembre 2016, n. 18704, Cass., 22 novembre 2012, n. 20667)

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TESTAMENTO EREDE ESTROMESSO ,COME RISOLVERE, AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA RAVENNA MODENA ROVIGO RIMINI CESENA FORLI il principio di intangibilità della legittima comporta che i diritti del legittimario debbano essere soddisfatti con beni o denaro provenienti dall’asse ereditario, con la conseguenza che l’eventuale divisione operata dal testatore contenente la disposizione per la quale le ragioni ereditarie di un riservatario debbano essere soddisfatte dagli eredi tra cui è divisa l’eredità’ mediante corresponsione di somma di denaro non compresa nel relictum è’ affetta da nullità ex art. 735, primo comma, cod. civ.”

» SPOSARSI E’ FACILE E’ SEPARARSI E DIVORZIARE CHE E’ DIFFICILE AVVOCATO MATRIMONIALISTA DIVORZISTA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI

» CONCORDATO PREVENTIVO AVVOCATO PER RICHIESTA CONCORDATO DELLE SPA ex art. 161, comma 6, la domanda di concordato deve essere dichiarata inammissibile dal tribunale, ai sensi della L. Fall., art. 162, comma 2 Va tuttavia considerato, sotto un primo profilo, che, poiché rispetto al medesimo imprenditore ed alla medesima insolvenza il concordato non può che essere unico, qualora la procedura di concordato sia pendente non è configurabile un’ulteriore domanda di ammissione avente carattere di autonomia (cfr. Cass. n. 495/015), a meno che da quest’ultima non si desuma l’inequivoca volontà del proponente (pur se non espressa con formule sacramentali) di rinunciare a quella in precedenza depositata.

» MOTOCICLISTA CADUTA LESIONI CANE RANDAGIO COMUNE RESPONSABILITA’ Risponde altresì a massima consolidata nella giurisprudenza di legittimità che i motivi posti a fondamento dell’invocata cassazione della decisione impugnata debbono avere i caratteri della specificità, della completezza, e della riferibilità alla decisione stessa, con -fra l’altro­l’esposizione di argomentazioni intelligibili ed esaurienti ad illustrazione delle dedotte violazioni di norme o principi di diritto, essendo inammissibile il motivo nel quale non venga precisato in qual modo e sotto quale profilo (se per contrasto con la norma indicata, o con l’interpretazione della stessa fornita dalla giurisprudenza di legittimità o dalla prevalente dottrina) abbia avuto luogo la violazione nella quale si assume essere incorsa la pronuncia di merito (cfr., da ultimo, Cass., 2/4/2014, n. 7692).

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna