Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

assegno mantenimento figli Bologna assegno mantenimento moglie Bologna assegno mantenimento coniuge Bologna rivalutazione istat assegno mantenimento Bologna assegno mantenimento figlio maggiorenne Bologna detrazione assegno mantenimento figli Bologna assegno mantenimento separazione Bologna

assegno mantenimento figli Bologna assegno mantenimento moglie Bologna assegno mantenimento coniuge Bologna rivalutazione istat assegno mantenimento Bologna assegno mantenimento figlio maggiorenne Bologna detrazione assegno mantenimento figli Bologna assegno mantenimento separazione Bolognaassegno mantenimento figli Bologna

assegno mantenimento moglie Bologna

assegno mantenimento coniuge Bologna

rivalutazione istat assegno mantenimento Bologna

assegno mantenimento figlio maggiorenne Bologna

detrazione assegno mantenimento figli Bologna

assegno mantenimento separazione Bologna

 

assegno mantenimento figli Bologna assegno mantenimento moglie Bologna assegno mantenimento coniuge Bologna rivalutazione istat assegno mantenimento Bologna assegno mantenimento figlio maggiorenne Bologna detrazione assegno mantenimento figli Bologna assegno mantenimento separazione Bologna

assegno mantenimento figli Bologna
assegno mantenimento moglie Bologna
assegno mantenimento coniuge Bologna
rivalutazione istat assegno mantenimento Bologna
assegno mantenimento figlio maggiorenne Bologna
detrazione assegno mantenimento figli Bologna
assegno mantenimento separazione Bologna

L’assegno di mantenimento è una forma di contribuzione economica consistente, in caso di separazione tra coniugi e qualora ricorrano determinati presupposti, nel versamento periodico di una somma di denaro o di voci di spesa da parte di uno dei coniugi all’altro o ai figli (qualora vi siano), per adempiere all’obbligo di assistenza materiale.

Nella disciplina dettata dalla L. 1 dicembre 1970, n. 898, art. 5 come modificato dalla L. 6 marzo 1987, n. 74, art. 10 l’accertamento del diritto all’assegno di divorzio si articola in due fasi, nella prima delle quali il giudice è chiamato a verificare l’esistenza del diritto in astratto – in relazione all’inadeguatezza dei mezzi, raffrontati ad un tenore di vita analogo a quello goduto in costanza di matrimonio, e in relazione all’impossibilità di procurarsi mezzi adeguati per ragioni oggettive – e, quindi, a procedere ad una determinazione quantitativa delle somme sufficienti a superare l’inadeguatezza di detti mezzi, che costituiscono il tetto massimo della misura dell’assegno. Nella seconda fase, il giudice deve poi procedere alla determinazione in concreto dell’assegno in base alla valutazione ponderata e bilaterale dei criteri indicati nello stesso art. 5, che quindi agiscono come fattori di moderazione e diminuzione della somma considerata in astratto, e possono in ipotesi estreme valere anche ad azzerarla, quando la conservazione del tenore di vita assicurato dal matrimonio finisca per risultare incompatibile con detti elementi di quantificazione. (Cass. 19 marzo 2003, n. 4040).

assegno mantenimento figli Bologna assegno mantenimento moglie Bologna assegno mantenimento coniuge Bologna rivalutazione istat assegno mantenimento Bologna assegno mantenimento figlio maggiorenne Bologna detrazione assegno mantenimento figli Bologna assegno mantenimento separazione Bologna

assegno mantenimento figli Bologna
assegno mantenimento moglie Bologna
assegno mantenimento coniuge Bologna
rivalutazione istat assegno mantenimento Bologna
assegno mantenimento figlio maggiorenne Bologna
detrazione assegno mantenimento figli Bologna
assegno mantenimento separazione Bologna

assegno mantenimento figli Bologna

assegno mantenimento moglie Bologna

assegno mantenimento coniuge Bologna

rivalutazione istat assegno mantenimento Bologna

assegno mantenimento figlio maggiorenne Bologna

detrazione assegno mantenimento figli Bologna

assegno mantenimento separazione Bologna

Suprema Corte di Cassazione

Sezione VI Civile – 1

Ordinanza 19 novembre 2015 – 5 febbraio 2016, n. 2343

(Presidente Dogliotti – Relatore Bisogni)

ainfobellissima nuova persone

Fatto e diritto

 

Rilevato che:

 

  1. Il Tribunale di Modena, con sentenza definitiva n. 480/2013, emessa nel giudizio di divorzio fra E.G. e A.C., ha rigettato la richiesta di.

 

assegno divorzile della G. in relazione alla brevissima durata (tre mesi) del matrimonio.

 

  1. Ha proposto appello la G. rilevando che il matrimonio era durato 15 mesi ed era fallito a causa del comportamento del C., che si era legato

 

sentimentalmente con altra donna, dalla quale aveva avuto un figlio, nato nove mesi dopo la separazione, che era stata regolata consensualmente, con

 

l’attribuzione in suo favore di un assegno mensile indicizzato di mantenimento di 593 euro. Ha inoltre rilevato l’ appellante che il C. dispone di un

reddito elevatissimo (oltre 18.000 euro mensili) rispetto al suo (1.300 euro mensili) cosicché la separazione e il divorzio hanno inciso negativamente

 

sul proprio tenore di vita rispetto a quello fruito nel corso del sia pur breve matrimonio.

 

  1. La Corte di appello di Bologna con sentenza n. 159/14 ha confermato la decisione di primo grado rilevando che seppure non fulminea come erroneamente affermato dal Tribunale di Modena la convivenza fu comunque brevissima per effetto della immediata constatazione dell’impossibilità di una unione duratura tale da giustificare aspettative e affidamento del coniuge che ha subìto la separazione nelle sostanze dell’altro.

 

  1. Ricorre per cassazione E.G. deducendo violazione e/o falsa applicazione dell’art. 5 comma 6 della legge n. 898/1970 in relazione all’art. 360 n. 3 c.p.c. e insufficiente o contraddittoria motivazione circa un fatto controverso e decisivo per il giudizio.

 

Ritenuto che:

 

  1. Il primo motivo di ricorso è fondato in quanto la Corte di appello non ha reso una decisione conforme ai principi giurisprudenziali in materia di assegno divorzile. Questa Corte ha anche di recente (Cass. civ., sezione I, n. 11870 del 9 giugno 2015) ribadito che l’accertamento del diritto all’assegno divorzile si articola in due fasi, nella prima delle quali il giudice verifica l’esistenza del diritto in astratto, in relazione all’inadeguatezza dei mezzi del coniuge richiedente, raffrontati ad un tenore di vita analogo a quello avuto in costanza di matrimonio e che sarebbe presumibilmente proseguito in caso di continuazione dello stesso o quale poteva legittimamente e ragionevolmente configurarsi sulla base di aspettative maturate nel corso dei rapporto, mentre nella seconda procede alla determinazione in concreto deil’ammontare dell’assegno, che va compiuta tenendo conto delle condizioni dei coniugi, delle ragioni della decisione e dei contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare e alla formazione del patrimonio di ognuno e di quello comune, nonché deal reddito di entrambi, valutandosi tali elementi anche in rapporto alla durata del matrimonio. Così come può ritenersi costante l’affermazione nella giurisprudenza di legittimità per cui, in materia di divorzio, la durata del matrimonio influisce sulla determinazione della misura dell’assegno previsto dall’art. 5 della legge n. 898 del 1970, ma non anche – salvo casi eccezionali in cui non si sia verificata alcuna comunione materiale e spirituale tra i coniugi – sul riconoscimento del ‘assegno stesso, assolvendo quest’ultimo ad una finalità di tutela del coniuge economicamente più debole (Cass. civ. sezione 1 n. 7295 del 22 marzo 2013 e sezione VI-1 n. 6164 del 26 marzo 2015).

 

  1. Sussistono pertanto i presupposti per la trattazione della controversia in camera di consiglio e se l’impostazione della presente relazione verrà

afd4

condivisa dal Collegio per l’accoglimento del ricorso.

 

La Corte condivide tale relazione e pertanto ritiene che il ricorso debba essere accolto con cassazione della sentenza impugnata e rinvio alla Corte di appello di Bologna anche per le spese del giudizio di cassazione.

 

P.Q.M.

 

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese del giudizio di cassazione, alla Corte di appello di Bologna in diversa composizione. Dispone che in caso di diffusione del presente provvedimento siano omesse le generalità e gli altri dati identificativi a norma dell’art. 52 del decreto legislativo n. 196/2003.

 

 

assegno mantenimento

assegno mantenimento

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE VI – 1 CIVILE

Ordinanza 11 luglio – 4 settembre 2014, n. 18722

(Presidente Di Palma – Relatore Acierno)

“Rilevato che nella sentenza impugnata, la Corte d’Appello di Roma, in sede di rinvio dalla Corte di Cassazione, nel procedimento di divorzio relativo a R.C. e R.S. poneva a carico di quest’ultimo un assegno pari a 200 euro mensili in favore della moglie in virtù dell’inadeguatezza dei mezzi della C., comparati con quelli dell’ex coniuge e della breve durata (due anni) del vincolo coniugale.

 

Avverso questa sentenza ha proposto ricorso per cassazione R.C. e controricorso con ricorso incidentale lo S. Nel primo motivo viene dedotta la violazione e falsa applicazione dell’art. 5 della l. n. 898 del 1970 per l’erronea valutazione dei criteri indicati dal comma sesto della norma predetta con particolare riferimento all’errata considerazione dei redditi e delle consistenze patrimoniali della ricorrente in correlazione con l’assenza di valutazione comparativa dei medesimi elementi in capo all’ex marito. In particolare non era stato valutato che lo S. godeva di un reddito 16 volte superiore a quello della moglie e di un patrimonio ben più cospicuo a fronte della modestissima condizione reddituale della C. e della mancanza di qualsiasi redditualità presente e futura dagli immobili di sua proprietà. La dedotta esistenza di cespiti patrimoniali o reddituali occulti è stata, peraltro, meramente dedotta, tenuto conto dell’esito dell’attività imprenditoriale svolta dalla C. Infine dei tutto pretermesse sono state le ragioni della separazione da ascriversi esclusivamente alla responsabilità del marito. Il motivo è stato prospettato anche con riferimento al vizio di motivazione.

 

Nel medesimo motivo viene dedotta l’omessa pronuncia sulla richiesta di attribuzione di una quota del TFR ex art. 12 bis l. n. 898 del 1970, secondo la Corte d’Appello estranea all’oggetto della decisione in quanto limitata, secondo quanto disposto in sede di cassazione con rinvio, all’attribuzione dell’assegno di divorzio. Al riguardo afferma la ricorrente di aver formulato fin dal primo grado la domanda in questione, per tutte le fasi del giudizio, chiedendo anche la produzione della documentazione attestante l’ammontare del TFR.

 

Nel terzo motivo viene censurata la statuizione relativa alla compensazione delle spese di lite operata dalla Corte d’Appello sia per i gradi di merito che per il giudizio di legittimità, dal momento che al ricorrente è risultata totalmente vittoriosa e le è stato necessario percorrere tutte le fasi del giudizio.

 

Preliminarmente deve dichiararsi l’inammissibilità per tardività del controricorso. L’istanza di rimessione in termini non può essere accolta in quanto l’erronea identificazione dell’indirizzo del legale della parte ricorrente presso il domicilio eletto non può non essere ascritta alla carenza di diligenza della parte notificante che non ha verificato preliminarmente e tempestivamente la correttezza dell’indicazione contenuta nel ricorso, non essendo infrequente la duplicazione di nomi di strade per una città così grande come Roma.

 

Il primo motivo di ricorso deve ritenersi inammissibile sotto entrambi i profili prospettati mirando complessivamente ad una selezione e valutazione dei fatti rilevanti per la decisione alternativa a quella eseguita dalla Corte d’Appello. Deve osservarsi al riguardo che la Corte d’Appello sulla base del rinvio operato dalla Corte di Cassazione, ha verificato l’inadeguatezza dei mezzi della ricorrente rispetto al tenore di vita goduto durante il matrimonio ed ai fini della quantificazione ha tenuto conto degli indici reputati rilevanti tra quelli indicati nell’art. 5 comma sesto della l. n. 898 del 1970, non essendo tenuta a ripercorrerli analiticamente tutti. In particolare ha considerato prevalenti sugli altri il criterio della durata, molto breve, del matrimonio e sull’autonomo lungo percorso di vita vissuto da ciascuna delle parti prima del divorzio. Le dedotte ragioni del disfacimento della comunità familiare a fronte di una così lunga fase separativa sono state ritenute recessive ai fini della determinazione in concreto dell’assegno divorzile secondo una graduazione che, ove sostenuta da motivazione complessivamente esauriente ed adeguata (come nella specie) risulta incensurabile. Ancora più strettamente attinenti al merito e, conseguentemente inammissibili sono le censure relative alla comparazione tra i redditi, ampiamente ed esaurientemente affrontate nella sentenza impugnata.

 

Per quanto riguarda infine il dedotto mancato riconoscimento della quota del TFR deve osservarsi che la Corte d’Appello ha motivato il rigetto sulla base di due rationes decidendi, una delle quali, quella relativa al difetto di allegazione e prova del riconoscimento dei predetto TFR, idonea a sostenere il rigetto. Con motivazione molto sintetica ma adeguata è stato affermato che la ricorrente si è limitata a formulare la domanda in mancanza di alcuna allegazione circostanziata sull’esistenza e la liquidazione di un importo di tale natura. Né tale genericità viene specificamente contestata nel ricorso mediante la riproduzione o l’indicazione dei fatti in precedenza dedotti od allegati. Al riguardo non è sufficiente richiedere esplorativamente indagini patrimoniali, senza la specificazione dell’oggetto concreto delle ricerche che s’intendono eseguire.

Il secondo motivo di ricorso, infine, è manifestamente infondato dal momento che la compensazione nella specie è stata motivata sulla base del criterio della valutazione ponderale e comparativa, concretamente risultante dall’esito del giudizio, della posizione delle parti rispetto all’esito del giudizio, pervenendo alla conclusione dell’esistenza di una condizione di sostanziale parità che ha giustificato la statuizione assunta ed che ha adeguatamente integrato i “giusti motivi” indicati nell’art. 92 secondo comma, cod. proc. civ., ratione temporis applicabile.

 

In conclusione ove si condividano i predetti rilievi il ricorso deve essere respinto.”

 

Il Collegio aderisce alla relazione osservando in ordine alla memoria depositata che in ordine al primo motivo la comparazione risulta eseguita con valutazione incensurabile; in ordine al secondo non è stata mai dedotta l’indicazione specifica di istanze istruttorie diverse dall’indagine patrimoniale; in ordine al terzo la motivazione adeguata della sentenza impugnata ne esclude la censurabilità.

In conclusione deve dichiararsi l’inammissibilità del ricorso incidentale e il rigetto del principale. La reciproca soccombenza induce alla compensazione delle spese del presente procedimento. Ricorrono le condizioni per l’applicazione dell’art. 13, quater d.p.r. n. 115 del 2002 sia in ordine al ricorso principale che incidentale.

assegno mantenimento

assegno mantenimento

P.Q.M.

La Corte, dichiara inammissibile il ricorso incidentale.Rigetta il ricorso principale.Compensa le spese di lite del presente procedimento.Dà atto che ai sensi dell’art. 13 comma 1 quater d.p.r. 115 del 2002, sussistono i presupposti per il versamento da parte del ricorrente principale ed incidentale dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto rispettivamente per il ricorso principale ed incidentale.

 

assegno mantenimento figli Bologna 

assegno mantenimento moglie Bologna 

assegno mantenimento coniuge Bologna 

rivalutazione istat assegno mantenimento Bologna

assegno mantenimento figlio maggiorenne Bologna 

detrazione assegno mantenimento figli Bologna 

assegno mantenimento separazione Bologna 

Studio Legale Avvocati | Diritto di Famiglia Divorzio Separazione Avvocato Divorzio Infedeltà coniugale Tradimento Adulterio Separazione Consensuale | Divorzio: Avvocato Matrimonialista Divorzista Mantenimento Del Coniuge Mantenimento Dei Minori Assegno Divorzile Addebito Della Separazione Studio Legale Internazionale | Avvocato Diritto di Famiglia Affidamento dei Figli dopo il Divorzio Avvoco esperto Separazione Divorzio | Diritto di Famiglia Affido figli Minorenni dopo la Separazione Avvocato per Divorzio breve in Italia | Romania - Spagna Avvocato per Separazione | patrimonio coniugale impresa familiare Matrimonialista Assegno di mantenimento | Divorzio Separazione Avv Matrimonialista Diritto di Famiglia | Affidamento condiviso Separazione giudiziale Divorzio o Separazione Figli | Avvocato Diritto di Famiglia Avvocato Divorzio all' estero | Diritto Internazionale di Famiglia Avvocato Diritto di Famiglia | Affidamento Dei Figli Accordi Di Convivenza Riconoscimento della Separazione e del Divorzio Estero in Italia Divorzio Veloce All'Estero Affidamento o Affido dei Minori Nati da Genitori non Coniugati Annullamento del matrimonio | Civile Religioso | Avv Matrimonialista Scioglimento Del Matrimonio E Cessazione Degli Effetti Civili Divorzio breve | Studio Legale specializzato Separazioni Affidamento Dei Figli Accordi Di Convivenza Adozioni A chi affidare i figli durante la separazione o divorzio? Avvocato Diritto di Famiglia Assegnazione della Casa Coniugale Consulenza Assistenza Legale Divorzio Separazione Studio Legale Avvocati esperti in Diritto di Famiglia Studio Legale Avvocato specializzato Divorzi Seperazioni con Figli Diritto di Famiglia | Interdizione Inabilitazione Decadenza Sospensione Potestà Genitori Avvocati esperti Affidamento Esclusivo e Affidamento Condiviso

Studio Legale Avvocati | Diritto di Famiglia Divorzio Separazione Avvocato Divorzio Infedeltà coniugale Tradimento Adulterio Separazione Consensuale | Divorzio: Avvocato Matrimonialista Divorzista Mantenimento Del Coniuge Mantenimento Dei Minori Assegno Divorzile Addebito Della Separazione Studio Legale Internazionale | Avvocato Diritto di Famiglia Affidamento dei Figli dopo il Divorzio Avvoco esperto Separazione Divorzio | Diritto di Famiglia Affido figli Minorenni dopo la Separazione Avvocato per Divorzio breve in Italia | Romania – Spagna Avvocato per Separazione | patrimonio coniugale impresa familiare Matrimonialista Assegno di mantenimento | Divorzio Separazione Avv Matrimonialista Diritto di Famiglia | Affidamento condiviso Separazione giudiziale Divorzio o Separazione Figli | Avvocato Diritto di Famiglia Avvocato Divorzio all’ estero | Diritto Internazionale di Famiglia Avvocato Diritto di Famiglia | Affidamento Dei Figli Accordi Di Convivenza Riconoscimento della Separazione e del Divorzio Estero in Italia Divorzio Veloce All’Estero Affidamento o Affido dei Minori Nati da Genitori non Coniugati Annullamento del matrimonio | Civile Religioso | Avv Matrimonialista Scioglimento Del Matrimonio E Cessazione Degli Effetti Civili Divorzio breve | Studio Legale specializzato Separazioni Affidamento Dei Figli Accordi Di Convivenza Adozioni A chi affidare i figli durante la separazione o divorzio? Avvocato Diritto di Famiglia Assegnazione della Casa Coniugale Consulenza Assistenza Legale Divorzio Separazione Studio Legale Avvocati esperti in Diritto di Famiglia Studio Legale Avvocato specializzato Divorzi Seperazioni con Figli Diritto di Famiglia | Interdizione Inabilitazione Decadenza Sospensione Potestà Genitori Avvocati esperti Affidamento Esclusivo e Affidamento Condiviso

divorzio breve legge
divorzio breve con figli
divorzio breve termini
divorzio breve comune
divorzio breve tempi
divorzio breve gazzetta ufficiale
divorzio breve procedura
divorzio breve divorzio breve al comunedivorzio breve avvocatodivorzio breve applicazionedivorzio breve applicabilitàdivorzio breve a chi si applicadivorzio breve assehttp://www.studiolegale-bologna.it/divorzio breve in italia
divorzio breve
divorzio breve al comune
divorzio breve avvocato
divorzio breve applicazione
divorzio breve applicabilità
divorzio breve a chi si applica
divorzio breve assegno mantenimento
divorzio breve assegno divorzile
divorzio breve assistito
divorzio breve bologna Maggiore Mordano Riolo Terme Separazione consensuale, separazione giudiziale,separazione e assegno di mantenimento,affido condiviso, divorzio congiunto divorzio giudiziale,separazione matrimoniale, separazione coniugi, avvocato per separazioni
Castel San Pietro Terme (Bo) Ozzano Dell’Emilia Castelguelfo Di Bologna Pianoro
Castello D’Argile Pieve Di Cento Separazione consensuale, separazione giudiziale,separazione e assegno di mantenimento,affido condiviso, divorzio congiunto divorzio giudiziale,separazione matrimoniale, separazione coniugi, avvocato per separazioni
Castello Di Serravalle Porretta Terme Separazione consensuale, separazione giudiziale,separazione e assegno di mantenimento,affido condiviso, divorzio congiunto divorzio giudiziale,separazione matrimoniale, separazione coniugi, avvocato per separazioni
e alimenti per i figli
BUDRIOseparazione e alimenti al coniuge
BUDRIOseparazione mantenimento e alimenti
BUDRIOseparazione di alimenti
BUDRIOseparazione di convivenza
BUDRIOseparazione di divorzio
BUDRIOconsulenza legale separazione
BUDRIOseparazione consensuale e alimenti
BOLOGNAseparazione e alimenti per i figli
BOLOGNAseparazione e alimenti al coniuge
BOLOGNAseparazione mantenimento e alimenti
BOLOGNAseparazione di alimenti
BOLOGNAseparazione di convivenza
BOLOGNAseparazione di divorzio
BOLOGNAconsulenza legale separazione
BOLOGNAseparazione consensuale e alimenti
per separazioni Bologna, avvocato Matrimonialista Bologna, studio legale diritto di famiglia Bologna, avvocato separazioni Bologna, avvocato divorzi Bologna
Studio Legale Avvocati | Diritto di Famiglia Divorzio Separazione
Avvocato Divorzio Infedeltà coniugale Tradimento Adulterio
Separazione Consensuale | Divorzio: Avvocato Matrimonialista Divorzista
Mantenimento Del Coniuge Mantenimento Dei Minori Assegno Divorzile Addebito Della Separazione
Studio Legale Internazionale | Avvocato Diritto di Famiglia
Affidamento dei Figli dopo il Divorzio
Avvoco esperto Separazione Divorzio | Diritto di Famiglia
Affido figli Minorenni dopo la Separazione
Avvocato per Divorzio breve in Italia | Romania – Spagna
Avvocato per Separazione | patrimonio coniugale impresa familiare
Matrimonialista Assegno di mantenimento | Divorzio Separazione
Avv Matrimonialista Diritto di Famiglia | Affidamento condiviso Separazione giudiziale
Divorzio o Separazione Figli | Avvocato Diritto di Famiglia
Avvocato Divorzio all’ estero | Diritto Internazionale di Famiglia
Avvocato Diritto di Famiglia | Affidamento Dei Figli Accordi Di Convivenza
Riconoscimento della Separazione e del Divorzio Estero in Italia
Divorzio Veloce All’Estero
Affidamento o Affido dei Minori Nati da Genitori non Coniugati
Annullamento del matrimonio | Civile Religioso | Avv Matrimonialista
Scioglimento Del Matrimonio E Cessazione Degli Effetti Civili
Divorzio breve | Studio Legale specializzato Separazioni
Affidamento Dei Figli Accordi Di Convivenza Adozioni
A chi affidare i figli durante la separazione o divorzio?
Avvocato Diritto di Famiglia Assegnazione della Casa Coniugale
Consulenza Assistenza Legale Divorzio Separazione
Studio Legale Avvocati esperti in Diritto di Famiglia
Studio Legale Avvocato specializzato Divorzi Seperazioni con Figli
Diritto di Famiglia | Interdizione Inabilitazione Decadenza Sospensione Potestà Genitori
Avvocati esperti Affidamento Esclusivo e Affidamento Condiviso
separazione consensuale
divorzio
separazione coniugale colpa
separazione coniugale per colpa
separazione coniugale consensuale
separazione coniugale forum
separazione coniugale assegno di mantenimento
separazione coniugale casa

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» L’accertamento del diritto all’assegno divorzile si articola in due fasi, nella prima delle quali il giudice verifica l’esistenza del diritto in astratto, in relazione all’inadeguatezza dei mezzi del coniuge richiedente, raffrontati ad un tenore di vita analogo a quello avuto in costanza di matrimonio e che sarebbe presumibilmente proseguito in caso di continuazione dello stesso o quale poteva legittimamente e ragionevolmente configurarsi sulla base di aspettative maturate nel corso del rapporto, mentre nella seconda procede alla determinazione in concreto dell’ammontare dell’assegno, che va compiuta tenendo conto delle condizioni dei coniugi, delle ragioni della decisione e del contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare e alla formazione del patrimonio di ognuno e di quello comune, nonché del reddito di entrambi, valutandosi tali elementi anche in rapporto alla durata del matrimonio. Nell’ambito di questo duplice accertamento assumono rilievo, sotto il profilo dell’onere probatorio, le risorse reddituali e patrimoniali di ciascuno dei coniugi, quelle effettivamente destinate al soddisfacimento dei bisogni personali e familiari, nonché le rispettive potenzialità economiche

» AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA ESTORSIONE Marito verso la sussistenza dell’elemento materiale del reato, cosi’ come le finalita’ della condotta contestata, proprio dall’analisi puntuale dei fatti, correttamente inquadrandoli, pero’, nell’abituale condotta di vita del (OMISSIS) e nel contesto abituale dei rapporti familiari dello stesso. Si tratta di una valutazione degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione, che e’ riservata in via esclusiva al giudice di merito, senza che, nel difetto di illogicita’ evidenti, possa integrare il vizio di legittimita’ la mera prospettazione di una diversa, e per il ricorrente piu’ adeguata, valutazione delle risultanze processuali (Sez. U., n. 6402 del 30/4/1997, rv. 207944; Sez. 4, n. 4842 del 02/12/2003, Rv. 229369).

» ASSEGNO DIVORZIO BOLOGNA FORLI CESENA RAVENNA AVVOCATO ESPERTO Questa Corte ha già avuto modo di chiarire che in tema di diritto alla corresponsione dell’assegno di divorzio in caso di cessazione degli effetti civili del matrimonio, il parametro dell’adeguatezza dei mezzi rispetto al tenore di vita goduto durante la convivenza matrimoniale da uno dei coniugi viene meno di fronte alla instaurazione, da parte di questi, di una famiglia, ancorché di fatto, costituita da uno stabile modello di vita in comune, con la nascita di figli ed il trasferimento del nuovo nucleo in una abitazione messa a disposizione dal convivente. Da ciò consegue la cessazione del diritto all’assegno divorzile, a carico dell’altro coniuge, (Cass. 17195/11; 3923/12; 25845/13;Cass 6855/15).

» Separazione marito moglie Bologna ,casa coniugale?assegno mantenimento entrambi? Vediamo

» BOLOGNA DIVORZIO CON MOGLIE STRANIERA ALL’ESTERO COME DIVORZIARE DALLA MOGLIE STRANIERA CHE RiSIEDE ALL’ESTERO?

» CRISI DELLA FAMIGLIA BOLOGNA SEPARAZIONE BOLOGNA DIVORZIO BOLOGNA DIVORZIO BREVE BOLOGNA Art. 143. Diritti e doveri reciproci dei coniugi. Con il matrimonio il marito e la moglie acquistano gli stessi diritti e assumono i medesimi doveri. Dal matrimonio deriva l’obbligo reciproco alla fedeltà, all’assistenza morale e materiale, alla collaborazione nell’interesse della famiglia e alla coabitazione. Entrambi i coniugi sono tenuti, ciascuno in relazione alle proprie sostanze e alla propria capacità di lavoro professionale o casalingo, a contribuire ai bisogni della famiglia. La moglie aggiunge al proprio cognome quello del marito e lo conserva durante lo stato vedovile, fino a che passi a nuove nozze.

» separazione per tradimento chat Bologna Provincia separazione per tradimento moglie Bologna Provincia separazione per tradimento coniugale Bologna Provincia separazione per tradimento prove Bologna Provincia

» DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA FAENZA RIMINI AVVOCATO DIVORZIO CHIAMA SUBITO COSA ASPETTI? Corte Costituzionale Sentenza 9 – 11 febbraio 2015, n. 11 Presidente Criscuolo – Redattore Morelli Sentenza

» SPOSARSI E’ FACILE E’ SEPARARSI E DIVORZIARE CHE E’ DIFFICILE AVVOCATO MATRIMONIALISTA DIVORZISTA BOLOGNA SERGIO ARMAROLI

» AVVOCATO BOLOGNA CENTRO DIVORZISTA BOLOGNA CENTRO AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA VIOLAZIONE OBBLIGHI ASSISTENZA FAMIGLIARE Diritto di famiglia

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» L’accertamento del diritto all’assegno divorzile si articola in due fasi, nella prima delle quali il giudice verifica l’esistenza del diritto in astratto, in relazione all’inadeguatezza dei mezzi del coniuge richiedente, raffrontati ad un tenore di vita analogo a quello avuto in costanza di matrimonio e che sarebbe presumibilmente proseguito in caso di continuazione dello stesso o quale poteva legittimamente e ragionevolmente configurarsi sulla base di aspettative maturate nel corso del rapporto, mentre nella seconda procede alla determinazione in concreto dell’ammontare dell’assegno, che va compiuta tenendo conto delle condizioni dei coniugi, delle ragioni della decisione e del contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare e alla formazione del patrimonio di ognuno e di quello comune, nonché del reddito di entrambi, valutandosi tali elementi anche in rapporto alla durata del matrimonio. Nell’ambito di questo duplice accertamento assumono rilievo, sotto il profilo dell’onere probatorio, le risorse reddituali e patrimoniali di ciascuno dei coniugi, quelle effettivamente destinate al soddisfacimento dei bisogni personali e familiari, nonché le rispettive potenzialità economiche

» AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA ESTORSIONE Marito verso la sussistenza dell’elemento materiale del reato, cosi’ come le finalita’ della condotta contestata, proprio dall’analisi puntuale dei fatti, correttamente inquadrandoli, pero’, nell’abituale condotta di vita del (OMISSIS) e nel contesto abituale dei rapporti familiari dello stesso. Si tratta di una valutazione degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione, che e’ riservata in via esclusiva al giudice di merito, senza che, nel difetto di illogicita’ evidenti, possa integrare il vizio di legittimita’ la mera prospettazione di una diversa, e per il ricorrente piu’ adeguata, valutazione delle risultanze processuali (Sez. U., n. 6402 del 30/4/1997, rv. 207944; Sez. 4, n. 4842 del 02/12/2003, Rv. 229369).

» ASSEGNO DIVORZIO BOLOGNA FORLI CESENA RAVENNA AVVOCATO ESPERTO Questa Corte ha già avuto modo di chiarire che in tema di diritto alla corresponsione dell’assegno di divorzio in caso di cessazione degli effetti civili del matrimonio, il parametro dell’adeguatezza dei mezzi rispetto al tenore di vita goduto durante la convivenza matrimoniale da uno dei coniugi viene meno di fronte alla instaurazione, da parte di questi, di una famiglia, ancorché di fatto, costituita da uno stabile modello di vita in comune, con la nascita di figli ed il trasferimento del nuovo nucleo in una abitazione messa a disposizione dal convivente. Da ciò consegue la cessazione del diritto all’assegno divorzile, a carico dell’altro coniuge, (Cass. 17195/11; 3923/12; 25845/13;Cass 6855/15).

» PEDONE INVESTIMENTO RESPONSABILITA’ AVVOCATO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA LUGO

» CURATORE FALLIMENTO POTERI AVVOCATO CIVILISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA RIMINI

» AVVOCATO PER EREDITA’ BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA IMOLA Il testamento – olografo o pubblico che sia – non deve necessariamente contenere, a pena di nullita’, le indicazioni catastali e di configurazione degli immobili cui si riferisce, essendo invece sufficiente, per la validita’ dell’atto, che questi siano comunque identificabili senza possibilita’ di confusioni, salva la necessita, la quale peraltro non attiene ad un requisito di regolarita’ e validita’ del testamento, che gli eredi, in sede di denuncia di successione e di trascrizione del testamento medesimo, provvedano essi ad indicare specificamente gli immobili predetti, menzionandone dati catastali, confinazioni ecc..

» AVVOCATO ESPERTO DIVISIONE EREDITARIA BOLOGNA FORLI CESENA RAVENNA Nell’ipotesi di divisione ereditaria, va escluso che l’assegnazione dei beni oggetto della divisione sia subordinata al previo pagamento del conguaglio in denaro

» LUGO FAENZA RAVENNA MALASANITA’,AVVOCATO PER MALASANITA’ E DANNO DA COLPA MEDICA danno responsabilità medica danno responsabilità medica prescrizione danno da responsabilità medica risarcimento danno responsabilità medica danno biologico responsabilità medica danno differenziale responsabilità medica calcolo danno responsabilità medica danno da responsabilità medica prescrizione danno patrimoniale responsabilità medica danno esistenziale responsabilità medica danno biologico responsabilità medica tabelle responsabilità medica calcolo danno biologico danno biologico da responsabilità medica responsabilità medica e danno biologico danno biologico per responsabilità medica responsabilità medica contrattuale e danno biologico atto di citazione risarcimento danno biologico responsabilità medica quantificazione danno biologico responsabilità medica liquidazione danno biologico responsabilità RISARCIMENTO MALASANITA’

» FAMIGLIA DI FATTO CONVIVENZE BOLOGNA SOMME VERSATE AL COMPAGNO VANNO RESTITUITE? AVVOCATO FAMIGLIARISTA BOLOGNA ad essere esenti dall’obbligo di restituzione sono, secondo la giurisprudenza, solo i versamenti effettuati per far fronte alle esigenze di vita quotidiana, indipendentemente dalle modalità di versamento (una tantum, mensili, ecc.) (Cass. n. 1277/2014).

» BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA IMOLA successionedei legittimari e successione legittima successione necessariaquote successionetestamentaria quote eredità fratello deceduto senza figli chi sono gli ascendenti eredità legittima in presenza di testamento successionelegittima nipoti figli di fratelli successione obbligatoria

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna