Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

affido condiviso figli naturali Bologna affido condiviso figli naturali genitori non conviventi Bologna affido condiviso figli naturali competenza Bologna affido condiviso figli maggiorenni Bologna affido condiviso affidamento dei figli Bologna affido condiviso di assegno Bologna affido condiviso genitori Bologna affido condiviso moglie Bologna

 RISOLVI AFFIDO FIGLI ADESSO !!

art 156AAFFIDOFIGLIachiama subitoAAFFIDOFIGLIASEPLIT

affido condiviso figli naturali Bologna 

affido condiviso figli naturali genitori non conviventi Bologna 

affido condiviso figli naturali competenza Bologna 

affido condiviso figli maggiorenni Bologna 

affido condiviso affidamento dei figli Bologna

affido condiviso di assegno Bologna 

affido condiviso genitori Bologna 

affido condiviso moglie Bologna

 

è stato affermato dalla giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione che “in tema di separazione personale dei coniugi, la pronuncia di addebito non può fondarsi sulla sola violazione dei doveri che l’art. 143 cc pone a carico dei coniugi, essendo, invece, necessario accertare se tale violazione abbia assunto efficacia causale nella determinazione della crisi coniugale, ovvero se essa sia intervenuta quando era già maturata una situazione di intollerabilità della convivenza; pertanto, in caso di mancato raggiungimento della prova che il comportamento contrario ai doveri nascenti dal matrimonio tenuto da uno dei coniugi, o da entrambi, sia stato la causa del fallimento della convivenza, deve essere pronunciata la separazione senza addebito” (cfr. Cass., 28 settembre 2001, n. 12130, Cass., sez. I civ., 11 giugno 2005 n. 12383 e Cass., sez. I. civ., 16 novembre 2005, n. 23071; in termini Cass. Sez. 1, sentenza n. 14840 del 27/06/2006 – Rv. 589896).

art 156AAFFIDOFIGLIachiama subitoAAFFIDOFIGLIASEPLIT

affido condiviso figli naturali

affido condiviso figli naturali genitori non conviventi

affido condiviso figli naturali competenza

affido condiviso figli maggiorenni

affido condiviso affidamento dei figli

affido condiviso di assegno

affido condiviso genitori

affido condiviso moglie

Tribunale di Novara

Sezione Civile

Sentenza 11 febbraio 2010, n. 131

(Presidente Quatraro – Relatore Felice)

Motivi della decisione

I signori G.G. e U.M. contraevano matrimonio con rito civile in **** in data ****.

Dal matrimonio è nata V. il ****.

Con ricorso depositato in data 7 giugno 2006 la parte ricorrente chiedeva a questo Tribunale di pronunciare: 1) separazione personale dei coniugi con addebito a carico del marito; 2) assegnazione della casa coniugale alla moglie; 3) affidamento della minore alla madre in via esclusiva e regolamentazione del diritto di visita del padre; 4) posizione a carico del padre dell’obbligo di versare un contributo al mantenimento, tanto per la figlia quanto per la moglie.

Avanti al Presidente del Tribunale la parte convenuta non compariva nonostante regolare notifica.

Il Presidente, con ordinanza in data 24 gennaio 2007: 1) affidava la figlia minore alla madre escludendo, allo stato, ogni facoltà per il padre di incontrarla, atteso il prolungato disinteresse da lui dimostrato; 2) poneva a carico del padre l’obbligo di corrispondere mensilmente, quale contributo per il mantenimento della figlia e della moglie, la somma di euro 1500,00; 3) disponeva il passaggio alla fase istruttoria.

Avanti al G.I. nominato, la parte attrice si costituiva e integrava le sue difese; la parte convenuta non si costituiva e veniva dichiarata contumace.

All’udienza dell’11 dicembre 2009, precisate le conclusioni come in epigrafe, la causa veniva rimessa al Collegio per la decisione.

La domanda di separazione appare accoglibile, poiché risulta configurata la fattispecie di cui all’art. 151 co. 1 cc.

È provato che si sono verificati fatti tali da rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza; i coniugi vivono separati ormai da tempo e dal comportamento tenuto nel corso degli anni, dalle difese e dalle domande formulate e dal disinteresse dimostrato dalla parte convenuta per la presente procedura si evince che la prosecuzione della convivenza non sarebbe tollerabile.

Non risulta, invece, accoglibile la domanda di addebito avanzata dall’attrice.

Va, infatti, puntualizzato che ai fini della pronunzia dell’addebito non può ritenersi di per sé sufficiente l’accertamento della sussistenza di condotte contrarie ai doveri nascenti dal matrimonio.

Per poter addebitare ad uno dei coniugi la responsabilità della separazione occorre, invece, accertare la sussistenza di un nesso di causalità tra i comportamenti costituenti violazione dei doveri coniugali accertati a carico di uno o entrambi i coniugi e l’intollerabilità della prosecuzione della convivenza.

Occorre, dunque, che il materiale probatorio acquisito consenta di verificare se la violazione accertata a carico di un coniuge sia stata la causa unica o prevalente della separazione, ovvero se preesistesse una diversa situazione di intollerabilità della convivenza.

In altre parole si rende necessaria una accurata valutazione del fatto se ed in quale misura la violazione di uno specifico dovere abbia inciso, con efficacia disgregante, sulla vita familiare, tenuto conto delle modalità e frequenza dei fatti, del tipo di ambiente in cui sono accaduti e della sensibilità morale dei soggetti interessati.

A tal proposito è stato affermato dalla giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione che “in tema di separazione personale dei coniugi, la pronuncia di addebito non può fondarsi sulla sola violazione dei doveri che l’art. 143 cc pone a carico dei coniugi, essendo, invece, necessario accertare se tale violazione abbia assunto efficacia causale nella determinazione della crisi coniugale, ovvero se essa sia intervenuta quando era già maturata una situazione di intollerabilità della convivenza; pertanto, in caso di mancato raggiungimento della prova che il comportamento contrario ai doveri nascenti dal matrimonio tenuto da uno dei coniugi, o da entrambi, sia stato la causa del fallimento della convivenza, deve essere pronunciata la separazione senza addebito” (cfr. Cass., 28 settembre 2001, n. 12130, Cass., sez. I civ., 11 giugno 2005 n. 12383 e Cass., sez. I. civ., 16 novembre 2005, n. 23071; in termini Cass. Sez. 1, sentenza n. 14840 del 27/06/2006 – Rv. 589896).

Nel caso di specie, pur risultando, dagli atti, il prolungato disinteresse del sig. U. nei confronti della propria famiglia e, in particolare, nei confronti della figlia minore, non sono stati offerti mezzi istruttori – e, a monte, concrete allegazioni – suscettivi di consentire a questo Tribunale di valutare se, e in quale misura, tale violazione sia effettivamente riferibile anche al periodo di pendenza del matrimonio, e abbia inciso, con efficacia disgregante, sulla vita familiare.

La domanda di addebito proposta da parte attrice va, pertanto, rigettata.

Per quanto attiene, poi, ai provvedimenti nell’interesse della prole, pur in considerazione dell’intervenuta entrata in vigore della riforma varata dal legislatore con la L. n. 54/2006, che, impone di valutare prioritariamente la possibilità che i figli minori restino affidati ad entrambi i genitori (art. 155 comma 2 cc) ed ha previsto l’affidamento condiviso come la regola, nel caso di specie, in considerazione della mancata manifestazione di alcun interesse all’affidamento della figlia da parte dell’odierno convenuto, devono ritenersi sussistere i presupposti per l’affidamento esclusivo della figlia della coppia, V., in favore della ricorrente.

Atteso, poi, il concreto disinteresse manifestato dal padre nei confronti della figlia, non sussistono, allo stato, i presupposti per procedere a una regolamentazione del diritto di visita paterno.

Qualora, dunque, il signor U.M. intenda riavvicinarsi alla figlia e iniziare un percorso di graduale recupero di un rapporto con la minore, potrà, allo stato, vederla e tenerla e con sé secondo disposizioni dettate, di volta in volta, dalla madre, sig. G.G., e sempre tenendo in prioritario conto le esigenze della minore e i suoi impegni scolastici e ricreativi.

Quanto al contributo al mantenimento della figlia e della moglie da parte del sig. U.M., valgono le seguenti considerazioni.

Va debitamente premesso che la parte ricorrente non ha formulato richieste istruttorie diverse dalle produzioni documentali – di cui subito appresso si dirà – e che il precedente G.I., dott. V., nel dettare i provvedimenti in materia istruttoria, aveva demandato alla Guardia di Finanza un’articolata indagine in merito alla situazione patrimoniale e reddituale del convenuto contumace: indagine che, però, non risulta essere mai stata espletata.

Va dunque confermato, anche per evidenti ragioni di economia processuale, e al fine di garantire una ragionevole durata al procedimento, il provvedimento del successivo G.I. con cui, in data 11.12.2009, in modifica delle precedenti ordinanze, si è ritenuta la causa matura per la decisione, rimettendola a questo Collegio.

Tanto premesso, mette anzi tutto conto osservare che la contumacia del resistente non può ritenersi condizione ostativa alla posizione, a carico del resistente medesimo, dell’obbligo di contribuzione al mantenimento della prole.

Se, infatti, è vero che la scelta di restare contumace implica, de facto, una maggiore difficoltà per il Tribunale di procedere alla ricognizione della situazione patrimoniale facente capo al resistente contumace, ciò nondimeno tale evenienza non potrebbe certo tradursi in una deflessione del primario interesse della prole a ricevere, comunque, i necessari mezzi di sussistenza.

In conseguenza ritiene il tribunale di uniformarsi ai seguenti corollari: qualora, a seguito della contumacia della parte obbligata alla contribuzione – nella specie il genitore nei confronti della prole -, il Tribunale si trovi nella necessità di determinare il quantum dell’obbligo contributivo in contumacia della parte obbligata, occorre riferirsi in primis alle informazioni, fornite dall’altra parte costituita, in merito alle condizioni patrimoniale del contumace, procedendo a un vaglio della loro attendibilità alla luce degli elementi istruttori disponibili – e compatibilmente, almeno nella fase presidenziale, con la necessaria urgenza dell’emanazione dei provvedimenti provvisori; qualora la parte costituita non sia in grado di fornire alcuna informazione, nemmeno sub specie di allegazione mera – e suscettiva di essere verificata dal Tribunale – l’obbligo contributivo dovrà comunque essere sancito e, nella specie, determinato sulla scorta della capacità lavorativa generica rinvenibile in capo al genitore contumace, e quale risultante dai dati anagrafici a disposizione nonché alla luce delle eventuali informazioni integrative rese dalla parte costituita, la cui attendibilità andrà vagliata dal Tribunale, sempre tenendo presente, almeno nella fase presidenziale, la necessaria urgenza dell’emanazione dei provvedimenti provvisori.

Del resto, tale conclusione appare vieppiù confermata dalla circostanza che ad analoghe conclusioni – id est in punto di mantenimento “minimo”, non derogabile e determinato alla stregua della generica capacità lavorativa del genitore – il costante insegnamento di legittimità è giunto in relazione alla problematica della determinazione dell’obbligo contributivo a carico del genitore disoccupato.

Nel solco di questa problematica, infatti, si è affermato che a seguito della separazione personale tra coniugi, la prole ha diritto ad un mantenimento tale da garantirle un tenore di vita corrispondente alle risorse economiche della famiglia ed analogo, per quanto possibile, a quello goduto in precedenza, continuando a trovare applicazione l’art. 147 cc che, imponendo il dovere di mantenere, istruire ed educare i figli, obbliga i genitori a far fronte ad una molteplicità di esigenze, non riconducibili al solo obbligo alimentare, ma estese all’aspetto abitativo, scolastico, sportivo, sanitario, sociale, all’assistenza morale e materiale, alla opportuna predisposizione – fin quando l’età dei figli lo richieda – di una stabile organizzazione domestica, idonea a rispondere a tutte le necessità di cura e di educazione, mentre il parametro di riferimento, ai fini della determinazione del concorso negli oneri finanziari, è costituito, secondo il disposto dell’art. 148 cc, non soltanto dalle sostanze, ma anche dalla capacità di lavoro , professionale o casalingo, di ciascun coniuge, ciò che implica una valorizzazione anche delle accertate potenzialità reddituali (cfr. Cassazione civile, sez. I, 19 marzo 2002, n. 3974); e che, pertanto, lo stato di disoccupazione del genitore non affidatario non può comunque giustificare il venir meno dell’obbligo di mantenimento, il quale, in assenza di altri parametri, va quantificato sulla scorta della capacità lavorativa generica.

Venendo al caso di specie, l’odierna ricorrente riferisce che il sig. U.M., durante il matrimonio, e in particolare sino alla prima metà del ****, ha provveduto in via esclusiva alle necessità economiche della famiglia con i proventi della sua attività di commercio di mobili e oggetti usati, antiquariato e oggetti d’arte e, per il periodo d’imposta ****, ha dichiarato un reddito di impresa pari a euro 62.165,00.

Circostanze, queste, che risultano dalla documentazione prodotta in causa e, in particolare, dalla visura ordinaria dell’impresa individuale **** aggiornata al ****, nonché dalla dichiarazione dei redditi per il periodo d’imposta **** da cui risulta un reddito di impresa pari a euro 62.165,00.

danno biologico  risarcimento danni  risarcimento danno biologico  risarcimento  risarcimento malasanità  tabelle danno biologico  risarcimento danni malasanità  risarcimento danni incidente stradale  danno biologico tabelle  danno biologico calcolo  risarcimento danni sinistro stradale  richiesta risarcimento danni  risarcimento incidente stradale  risarcimento danni morali  calcolo micropermanenti  calcolo risarcimento danni  malasanità e risarcimento  malasanità risarcimento  danno morale  risarcimento danni medici  valutazione danno biologico  infortunio sul lavoro risarcimento  malasanità risarcimento danni  calcolo danno morale  risarcimento danni fisici  tabella risarcimento danni  risarcimento del danno  quantificazione danno biologico  risarcimento colpo di frusta  c

danno biologico 
risarcimento danni 
risarcimento danno biologico 
risarcimento 
risarcimento malasanità 
tabelle danno biologico 
risarcimento danni malasanità 
risarcimento danni incidente stradale 
danno biologico tabelle 
danno biologico calcolo 
risarcimento danni sinistro stradale 
richiesta risarcimento danni 
risarcimento incidente stradale 
risarcimento danni morali 
calcolo micropermanenti 
calcolo risarcimento danni 
malasanità e risarcimento 
malasanità risarcimento 
danno morale 
risarcimento danni medici 
valutazione danno biologico 
infortunio sul lavoro risarcimento 
malasanità risarcimento danni 
calcolo danno morale 
risarcimento danni fisici 
tabella risarcimento danni 
risarcimento del danno 
quantificazione danno biologico 
risarcimento colpo di frusta 
c

afa1

Acquisendo, dunque, tale quadro situazionale come l’ultimo concretamente riferibile alla situazione economica del convenuto, e costituendo la documentazione un riscontro obiettivo e individualizzante rispetto alle allegazioni fornite da parte attrice, pare equo confermare il provvedimento presidenziale nella parte in cui ha posto a carico del convenuto l’obbligo di contribuire al mantenimento della moglie e della figlia mediante il versamento della somma complessiva di euro 1.500,00 al mese, con la precisazione che tale somma dev’essere imputata per euro 1.000,00 al mantenimento della minore e per euro 500,00 al mantenimento della moglie. Il signor U. dovrà pertanto contribuire al mantenimento della moglie e della figlia versando alla madre affidataria, entro il giorno 5 di ogni mese, assegno di euro 1.500,00 mensili (di cui euro 1000,00 quale contributo al mantenimento della figlia ed euro 500,00 quale contributo a mantenimento della moglie) somma, rivalutabile annualmente secondo gli indici ISTAT, oltre al 50% delle spese mediche non coperte dal S.S.N. e scolastiche, spese necessarie o concordate e successivamente documentate.

La casa coniugale deve essere assegnata alla signora G., in quanto affidataria della figlia minore.

Non si accollano le spese alla parte convenuta che non si è opposta alla domanda.

P.Q.M.

Il Tribunale di NOVARA, definitivamente pronunciando, respinta ogni diversa istanza, in contumacia della parte convenuta,

PRONUNCIA la separazione personale dei coniugi G.G. e U.M. ai sensi dell’art. 151 co. 1 cc.

AFFIDA la figlia minore alla madre.

DISPONE che il padre possa incontrare la figlia secondo disposizioni dettate, di volta in volta, dalla madre, sig. G.G., e sempre tenendo in prioritario conto le esigenze della minore e i suoi impegni scolastici ricreativi.

DISPONE che il signor U.M. contribuisca al mantenimento della figlia e della moglie versando alla madre affidataria, entro il giorno 5 di ogni mese, assegno di euro 1.500,00 mensili (di cui euro 1000,00 quale contributo al mantenimento della figlia ed euro 500,00 quale contributo a mantenimento della moglie), somma rivalutabile annualmente secondo gli indici ISTAT, oltre al 50% delle spese mediche non coperte dal S.S.N. e scolastiche, spese necessarie o concordate e successivamente documentate.

ASSEGNA l’abitazione della casa coniugale, con gli arredi che la compongono, alla signora G.G..

Non si accollano le spese alla parte convenuta.

                        Avvocati esperti Affidamento Esclusivo e Affidamento Condiviso

affido condiviso figli naturali Bologna 

affido condiviso figli naturali genitori non conviventi Bologna 

affido condiviso figli naturali competenza Bologna 

affido condiviso figli maggiorenni Bologna 

affido condiviso affidamento dei figli Bologna 

affido condiviso di assegno Bologna 

affido condiviso genitori Bologna 

affido condiviso moglie Bologna

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» VIOLAZIONE OBBLIGHI ASSISTENZA FAMIGLIARE PENALE BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» SEPARAZIONE MARITO MOGLIE BOLOGNA ASSEGNO FIGLI CASA assegno divorzile

» assegno divorzile AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA

» AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA ESTORSIONE Marito verso la sussistenza dell’elemento materiale del reato, cosi’ come le finalita’ della condotta contestata, proprio dall’analisi puntuale dei fatti, correttamente inquadrandoli, pero’, nell’abituale condotta di vita del (OMISSIS) e nel contesto abituale dei rapporti familiari dello stesso. Si tratta di una valutazione degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione, che e’ riservata in via esclusiva al giudice di merito, senza che, nel difetto di illogicita’ evidenti, possa integrare il vizio di legittimita’ la mera prospettazione di una diversa, e per il ricorrente piu’ adeguata, valutazione delle risultanze processuali (Sez. U., n. 6402 del 30/4/1997, rv. 207944; Sez. 4, n. 4842 del 02/12/2003, Rv. 229369).

» ASSEGNO DIVORZIO BOLOGNA FORLI CESENA RAVENNA AVVOCATO ESPERTO

» Separazione marito moglie Bologna ,casa coniugale?assegno mantenimento entrambi? Vediamo

» BOLOGNA DIVORZIO CON MOGLIE STRANIERA ALL’ESTERO COME DIVORZIARE DALLA MOGLIE STRANIERA CHE RiSIEDE ALL’ESTERO?

» CRISI DELLA FAMIGLIA BOLOGNA SEPARAZIONE BOLOGNA

» separazione per tradimento chat Bologna Provincia separazione per tradimento moglie Bologna Provincia separazione per tradimento coniugale Bologna Provincia separazione per tradimento prove Bologna Provincia

» DIVORZIO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA FAENZA RIMINI AVVOCATO DIVORZIO CHIAMA SUBITO COSA ASPETTI? Corte Costituzionale Sentenza 9 – 11 febbraio 2015, n. 11 Presidente Criscuolo – Redattore Morelli Sentenza

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

» CASS SEZ UNITE RISARCIMENTI PUNITIVI la sentenza del 23 settembre 2008, esecutiva, della Circuit Court of the 17th Judicial Circuit for Broward Count (Florida), confermata in appello dal District Court of Appeal of the State of Florida, dell’U agosto 2010, che aveva concannato la società italiana AXO Sport spa a pagare la complessiva somma di dollari USA 1.436.136,87, oltre interessi al tasso annuo dell’11% , a seguito di procedimento giudiziario svoltosi davanti a quell’autorità;

» AVVOCATO DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA CONTRATTO PRELIMINARE SU IMMOBILE ABUSIVO In forza, allora, dell’interpretazione di questa Corte, cui il Collegio intende dare continuità, la sanzione della nullità prevista dalla L. 28 febbraio 1985, n. 47, art. 40, con riferimento a vicende negoziali relative ad immobili privi della necessaria concessione edificatoria, trova applicazione nei soli contratti con effetti traslativi e non anche con riguardo ai contratti con efficacia obbligatoria, quale il preliminare di vendita, come si desume dal tenore letterale della norma, nonchè dalla circostanza che, successivamente al contratto preliminare, può intervenire la concessione in sanatoria degli abusi edilizi commessi o essere prodotta la dichiarazione prevista dalla stessa norma, ove si tratti di immobili costruiti anteriormente al 1 settembre 1967. Ne consegue che, anche nel caso in cui il preliminare abbia ad oggetto un immobile privo della concessione edificatoria, si ritiene costituito tra le parti un valido vincolo giuridico (Cass. 19 dicembre 2013, n. 28456; Cass. 18 luglio 2011, n. 15734; Cass. 11 luglio 2005, n. 14489).

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna