Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

MINORE INCIDENTE RISARCiMENTO PESARO ANCONA CORTE APPELLO Lesione agli arti inferiori Lesioni spinali da trauma Lesione traumatica cerebrale

 

 

MINORE INCIDENTE RISARCiMENTO PESARO ANCONA CORTE APPELLO ANCONA

 afd5

 

incidente-stradaleFATTO

 

Il Tribunale di Pesaro, con sentenza depositata il 16 ottobre 1998, condannava M.O., L.D., B.R. e la Spa Aurora Assicurazioni al pagamento della somma di £. 264.065.306, oltre interessi dalla data di pubblicazione della sentenza al saldo, in favore di T. M. (minore rappresentato dai genitori) a titolo di risarcimento dei danni da questi subiti a seguito di incidente stradale.

Avverso questa sentenza proponeva appello il T. M., assumendo che, avendo riportato un’invalidità permanente del 22% doveva essergli riconosciuto anche il risarcimento del danno patrimoniale.

I convenuti proponevano a loro volta appello incidentale.

La Corte di appello di Ancona, con sentenza del 4 dicembre 2001, condannava i convenuti al pagamento della somma di £. 172.149.125, oltre rivalutazione monetaria secondo gli indici Istat dall’evento al saldo per £. 132 milioni e dal 18° anno di età del T. al saldo per la restante somma, oltre agli interessi legali, calcolati annualmente, detratti gli acconti corrisposti.

Riteneva la Corte di merito che il fatto che il minore all’epoca dei fatti non prestasse ancora attività lavorativa non escludeva che lo stesso potesse subire un danno patrimoniale dall’invalidità permanente del 22% al momento del raggiungimento dell’età lavorativa; che, in presenza di tale rilevante lesione della salute, come accertato dal Ctu, si doveva presumere l’esistenza di una lesione alla futura capacità di guadagno del minore; che, in mancanza di altri elementi, detto danno andava calcolato sulla base dell’applicazione delle tabelle di cui al Rd 1403/22, e del triplo della pensione sociale, giungendosi alla somma di £. 40.149.125.

 

 

Consulenze legali Bologna su contratti compravendita avvocato Bologna :studio legale a Bologna avvocato Sergio Armaroli,consulenza legale Bologna, contratti .immobiliari Bologna, contratti Bologna

Consulenze legali Bologna su contratti compravendita avvocato Bologna :studio legale a Bologna avvocato Sergio Armaroli,consulenza legale Bologna, contratti .immobiliari Bologna, contratti Bologna

NOCCIOLO SENTENZA

la liquidazione del danno biologico può essere effettuata dal giudice con ricorso al metodo equitativo tenendo conto delle circostanze del caso concreto e specificamente, quali elementi di riferimento della gravità delle lesioni, degli eventuali postumi permanenti, dell’età, dell’attività espletata, delle condizioni sociali e familiari del danneggiato; nel procedere alla liquidazione il giudice può ricorrere anche a criteri predeterminati e standardizzati, come quello che assume a parametro il valore medio del punto di invalidità calcolato sulla media dei precedenti giudiziari (cosiddette “tabelle”), purché ciò, attui in modo flessibile, definendo una regola ponderale su misura per il caso specifico e motivando congruamente in ordine all’adeguamento del valore medio del punto alle peculiarità del caso anche quando adotti una “tabella” costruita con riferimento ai parametri dell’età e del grado di invalidità del soggetto leso. Poiché l’adozione delle cosiddette “tabelle” costituisce di per sé espressione del potere equitativo del giudice, questi non è vincolato all’adozione della tabella adottata presso il proprio ufficio giudiziario e ben può adottare “tabelle” in uso presso altri uffici. Peraltro, poiché il fondamento della “tabella” è la media dei precedenti giudiziari in un dato ambito territoriale e la finalità è quella di uniformare i criteri di liquidazione del danno, il giudice deve congruamente motivare le ragioni della sua scelta (Cassazione 4852/99).

 

 chiama-adessoBLU

 

 

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

SENTENZA 20 ottobre 2005, n. 20323

 

(Presidente Vittoria – Relatore Segreto)

 

Svolgimento del processo

Il Tribunale di Pesaro, con sentenza depositata il 16 ottobre 1998, condannava M.O., L.D., B.R. e la Spa Aurora Assicurazioni al pagamento della somma di £. 264.065.306, oltre interessi dalla data di pubblicazione della sentenza al saldo, in favore di T. M. (minore rappresentato dai genitori) a titolo di risarcimento dei danni da questi subiti a seguito di incidente stradale.

Avverso questa sentenza proponeva appello il T. M., assumendo che, avendo riportato un’invalidità permanente del 22% doveva essergli riconosciuto anche il risarcimento del danno patrimoniale.

I convenuti proponevano a loro volta appello incidentale.

La Corte di appello di Ancona, con sentenza del 4 dicembre 2001, condannava i convenuti al pagamento della somma di £. 172.149.125, oltre rivalutazione monetaria secondo gli indici Istat dall’evento al saldo per £. 132 milioni e dal 18° anno di età del T. al saldo per la restante somma, oltre agli interessi legali, calcolati annualmente, detratti gli acconti corrisposti.

Riteneva la Corte di merito che il fatto che il minore all’epoca dei fatti non prestasse ancora attività lavorativa non escludeva che lo stesso potesse subire un danno patrimoniale dall’invalidità permanente del 22% al momento del raggiungimento dell’età lavorativa; che, in presenza di tale rilevante lesione della salute, come accertato dal Ctu, si doveva presumere l’esistenza di una lesione alla futura capacità di guadagno del minore; che, in mancanza di altri elementi, detto danno andava calcolato sulla base dell’applicazione delle tabelle di cui al Rd 1403/22, e del triplo della pensione sociale, giungendosi alla somma di £. 40.149.125.

Quindi la Corte, applicando il valore del punto di invalidità di £. 4.500.000, di cui alle “tabelle del Tribunale di Milano” liquidava, per 22% punti di invalidità, la somma di £. 99 milioni e, tenuto conto dell’accertamento in concreto della colpa dei convenuti, liquidava il risarcimento per danno morale in £. 33 milioni.

Avverso questa sentenza ha proposto ricorso per cassazione la Spa Meie Aurora.

Non hanno svolto attività difensiva gli intimati.

 

AAFOTOSOLDI1

 

Motivi della decisione

 

 

 

  1. Con il primo motivo di ricorso la ricorrente lamenta la violazione degli articoli 1223, 1226, 2056 e 2043 Cc e dei criteri relativi al risarcimento del danno da colpa aquiliana, in relazione all’articolo 360 n. 3 Cpc.

Assume la ricorrente che avendo la Corte di merito applicato il valore del punto tabellare all’attualità, non poteva disporsi la rivalutazione della somma liquidata a titolo di danno biologico dalla data dell’evento; che eguale censura andava effettuata per la liquidazione del danno patrimoniale, avendo la Corte posto a base del calcolo la pensione sociale in vigore alla data della decisione.

  1. Ritiene questa Corte che il motivo è infondato e che lo stesso va rigettato.

Quanto alla censura, secondo cui la Corte di merito avrebbe valutato all’attualità il danno biologico, va osservato che tanto non risulta dall’impugnata sentenza, la quale si limita a far riferimento alle tabelle del Tribunale di Milano, senza specificazione dell’anno, né la ricorrente assume che risultasse agli atti che tali valori si riferissero alla data della decisione.

Quanto alla liquidazione del danno patrimoniale, va osservato che la sentenza impugnata ha disposto la rivalutazione di tale somma non dalla data dell’evento, ma da quella corrispondente al diciottesimo anno del danneggiato.

  1. Con il secondo motivo di ricorso la ricorrente lamenta la violazione dell’articolo 2059 Cc e dell’articolo 185 Cp, in relazione all’articolo 360 n. 3 Cpc.

Lamenta la ricorrente che la sentenza impugnata abbia riconosciuto un danno morale in favore dell’attore, pur non essendo stato accertata l’esistenza di un reato colposo, ma essendo stato ritenuto il pari concorso di colpa.

  1. Ritiene questa Corte che il motivo è infondato e che lo stesso va rigettato.

Infatti a parte la considerazione che il giudice ha accertato il concorso di colpa in concreto di entrambi i conducenti dei veicoli, va osservato che, a seguito delle sentenze di questa Corte 8827 e 8828/03, il risarcimento del danno morale, in favore del soggetto danneggiato per lesione di valore della persona umana costituzionalmente garantito, prescinde dall’accertamento di un reato in suo danno.

INCIDENTE STRADALE GRAVE LESIONE DANNO LUCRO CESSANTE

INCIDENTE STRADALE GRAVE LESIONE DANNO LUCRO CESSANTE

Ciò comporta che a seguito della suddetta lettura, costituzionalmente orientata, dell’articolo 2059 Cc, il risarcimento del danno morale subiettivo conseguente alla lesione del bene salute, tutelato dall’articolo 32 Costituzione,non è limitato ai soli casi in cui sussista un’ipotesi di reato.

  1. Con il terzo motivo di ricorso la ricorrente lamenta la violazione degli articoli 1223, 2043, 2056 Cc, in relazione all’articolo 360 n. 3 Cpc, nonché il difetto assoluto di motivazione.

Lamenta la ricorrente che sia stato riconosciuto un danno patrimoniale in favore del T., a partire dal 18° anno di età, nella misura di £. 40.129.125, sulla base di un’asserita invalidità specifica del 22%, mentre il Ctu aveva parlato solo di diminuzione “della capacità lavorativa”, che andava configurata come capacità lavorativa generica.

5.1. Ritiene questa Corte che il motivo è infondato e che lo stesso va rigettato.

Va, anzitutto, osservato che la Corte di merito ha ritenuto che dagli accertamenti del Ctu la riduzione della capacità lavorativa da questo individuata si riferisse alla capacità lavorativa specifica.

La diversa valutazione effettuata sul punto dalla ricorrente è inammissibile per difetto di specificità sotto il profilo dell’autosufficienza del ricorso.

Infatti, qualora, con il ricorso per Cassazione, venga dedotta l’omessa od insufficiente motivazione della sentenza impugnata per l’asserita mancata o errata valutazione di risultanze processuali (un documento, deposizioni testimoniali, dichiarazioni di parti, accertamenti del Ct, ecc.), è necessario, al fine di consentire al giudice di legittimità il controllo della decisività della risultanza non valutata (o insufficientemente valutata), che il ricorrente precisi ove occorra, mediante integrale trascrizione della medesima nel ricorso la risultanza che egli asserisce decisiva e non valutata o erratamente valutata, dato che, per il principio di autosufficienza del ricorso per Cassazione, il controllo deve essere consentito alla Corte di cassazione sulla base delle deduzioni contenute nell’atto, alle cui lacune non è possibile sopperire con indagini integrative (Cassazione 3158/03; 12444/03; 1161/95).

Nella fattispecie la ricorrente non riporta nella sentenza quelle parti della consulenza tecnica d’ufficio da cui emergerebbe che la riduzione accertata dal Ctu attenesse solo alla capacità generica lavorativa e non a quella specifica.

  1. Con il quarto motivo di ricorso la ricorrente lamenta la violazione delle norme disciplinanti il risarcimento dei danni extracontrattuali e la mancanza di motivazione in relazione all’articolo 360 n. 3 e 5 Cpc.

Assume la ricorrente che la sentenza impugnata, nel liquidare il risarcimento per il danno biologico, ha adottato le tabelle del Tribunale di Milano, senza alcuna motivazione in merito e che, inoltre, ha disposto la rivalutazione della somma, pur essendo state adottate all’attualità.

  1. Quanto alla seconda censura, essa è infondata per i motivi già detti per il rigetto del primo motivo di ricorso.

Quanto alla censura relativa all’adozione delle tabelle di liquidazione del danno biologico predisposte dal Tribunale di Milano, va osservato preliminarmente che la liquidazione del danno biologico può essere effettuata dal giudice con ricorso al metodo equitativo tenendo conto delle circostanze del caso concreto e specificamente, quali elementi di riferimento della gravità delle lesioni, degli eventuali postumi permanenti, dell’età, dell’attività espletata, delle condizioni sociali e familiari del danneggiato; nel procedere alla liquidazione il giudice può ricorrere anche a criteri predeterminati e standardizzati, come quello che assume a parametro il valore medio del punto di invalidità calcolato sulla media dei precedenti giudiziari (cosiddette “tabelle”), purché ciò, attui in modo flessibile, definendo una regola ponderale su misura per il caso specifico e motivando congruamente in ordine all’adeguamento del valore medio del punto alle peculiarità del caso anche quando adotti una “tabella” costruita con riferimento ai parametri dell’età e del grado di invalidità del soggetto leso. Poiché l’adozione delle cosiddette “tabelle” costituisce di per sé espressione del potere equitativo del giudice, questi non è vincolato all’adozione della tabella adottata presso il proprio ufficio giudiziario e ben può adottare “tabelle” in uso presso altri uffici. Peraltro, poiché il fondamento della “tabella” è la media dei precedenti giudiziari in un dato ambito territoriale e la finalità è quella di uniformare i criteri di liquidazione del danno, il giudice deve congruamente motivare le ragioni della sua scelta (Cassazione 4852/99).

  1. Sennonché nella fattispecie la ricorrente non assume che presso il Tribunale di Ancona esistessero e fossero adottate delle tabelle proprie di quel Tribunale, in luogo di quelle del Tribunale Milano.

Inoltre da una parte la sentenza impugnata fa riferimento genericamente, quanto agli importi monetari posti a base della liquidazione, a quelli adottati dai giudice di merito e dall’altra, in ogni caso, fa riferimento nella fattispecie ad una congruità della somma di £. 4.500.000 a punto, con chiara adozione del suo potere di liquidazione equitativa.

  1. Il ricorso va, pertanto, rigettato.

Nulla per le spese del giudizio di Cassazione, non avendo svolto attività difensiva gli intimati.

 

 

 

PQM

 

 

 

Rigetta il ricorso. Nulla per le spese del giudizio di Cassazione.

 

Così deciso in Roma il 27 settembre 2005.

 

DEPOSITATA IN CANCELLERIA IL 20 ottobre 2005.

Assistenza Legale Studio Legale Sergio Avv. Armaroli ; Avvocato Cassazionista Studio Legale Sergio Avv. Armaroli  ; Avvocato Civilista Sergio Armaroli  ; Colpa Professionale Consulenza Legale Studio Legale Sergio Avv. Armaroli ; Consulenza Legale Studio Legale Sergio avv. Armaroli ; Diritto Di Famiglia Studio Sergio Avv. Armaroli;; Patrocinante In Cassazione Studio Legale Sergio avv. Armaroli  ; Risarcimento Danni Consulenza Legale Studio Legale Sergio Avv. Armaroli ; Separazioni E Divorzi Consulenza Legale Studio LegaleSergio Avv. Armaroli  ;  Studio Legale Sergio avv. Armaroli

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

» CASS SEZ UNITE RISARCIMENTI PUNITIVI la sentenza del 23 settembre 2008, esecutiva, della Circuit Court of the 17th Judicial Circuit for Broward Count (Florida), confermata in appello dal District Court of Appeal of the State of Florida, dell’U agosto 2010, che aveva concannato la società italiana AXO Sport spa a pagare la complessiva somma di dollari USA 1.436.136,87, oltre interessi al tasso annuo dell’11% , a seguito di procedimento giudiziario svoltosi davanti a quell’autorità;

» AVVOCATO DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA CONTRATTO PRELIMINARE SU IMMOBILE ABUSIVO In forza, allora, dell’interpretazione di questa Corte, cui il Collegio intende dare continuità, la sanzione della nullità prevista dalla L. 28 febbraio 1985, n. 47, art. 40, con riferimento a vicende negoziali relative ad immobili privi della necessaria concessione edificatoria, trova applicazione nei soli contratti con effetti traslativi e non anche con riguardo ai contratti con efficacia obbligatoria, quale il preliminare di vendita, come si desume dal tenore letterale della norma, nonchè dalla circostanza che, successivamente al contratto preliminare, può intervenire la concessione in sanatoria degli abusi edilizi commessi o essere prodotta la dichiarazione prevista dalla stessa norma, ove si tratti di immobili costruiti anteriormente al 1 settembre 1967. Ne consegue che, anche nel caso in cui il preliminare abbia ad oggetto un immobile privo della concessione edificatoria, si ritiene costituito tra le parti un valido vincolo giuridico (Cass. 19 dicembre 2013, n. 28456; Cass. 18 luglio 2011, n. 15734; Cass. 11 luglio 2005, n. 14489).

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

» CASS SEZ UNITE RISARCIMENTI PUNITIVI la sentenza del 23 settembre 2008, esecutiva, della Circuit Court of the 17th Judicial Circuit for Broward Count (Florida), confermata in appello dal District Court of Appeal of the State of Florida, dell’U agosto 2010, che aveva concannato la società italiana AXO Sport spa a pagare la complessiva somma di dollari USA 1.436.136,87, oltre interessi al tasso annuo dell’11% , a seguito di procedimento giudiziario svoltosi davanti a quell’autorità;

» AVVOCATO DIRITTO IMMOBILIARE BOLOGNA CONTRATTO PRELIMINARE SU IMMOBILE ABUSIVO In forza, allora, dell’interpretazione di questa Corte, cui il Collegio intende dare continuità, la sanzione della nullità prevista dalla L. 28 febbraio 1985, n. 47, art. 40, con riferimento a vicende negoziali relative ad immobili privi della necessaria concessione edificatoria, trova applicazione nei soli contratti con effetti traslativi e non anche con riguardo ai contratti con efficacia obbligatoria, quale il preliminare di vendita, come si desume dal tenore letterale della norma, nonchè dalla circostanza che, successivamente al contratto preliminare, può intervenire la concessione in sanatoria degli abusi edilizi commessi o essere prodotta la dichiarazione prevista dalla stessa norma, ove si tratti di immobili costruiti anteriormente al 1 settembre 1967. Ne consegue che, anche nel caso in cui il preliminare abbia ad oggetto un immobile privo della concessione edificatoria, si ritiene costituito tra le parti un valido vincolo giuridico (Cass. 19 dicembre 2013, n. 28456; Cass. 18 luglio 2011, n. 15734; Cass. 11 luglio 2005, n. 14489).

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna