Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.


MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.ACALCOLODANNOFOTO BELLA

MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO

 

Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente.

Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile.

Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

 

Trib. Forlì, Sentenza, 28/12/2015, est. Giraldi

Responsabilità medica regime probatorio risarcimento danni irretroattività l.189/2012

Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente.

Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile.

Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

Sentenza

amedicomanettescrittaCon atto di citazione regolarmente notificato B. ha convenuto in giudizio l’A. per ottenere il risarcimento dei danni conseguenti ad un intervento chirurgico effettuato presso l’Ospedale.

L’attore deduceva profili di colpa nell’esecuzione dell’intervento con conseguenti danni estetici e funzionali.

Si costituiva l’A. chiedendo il rigetto della domanda e l’autorizzazione a chiamare in causa la Casa di Cura in cui il paziente avrebbe contratto l’infezione ritenendone l’esclusiva responsabilità e in subordine avanzava domanda di manleva.

La Casa di Cura, costituendosi, chiedeva di essere autorizzata a chiamare in causa C.

Assicurazione e il dott. P. per essere manlevata in caso di condanna.

I terzi chiamati si costituivano in giudizio.

La compagnia assicurativa deduceva che la polizza assicurativa prevedeva all’art.11.2 la copertura a secondo rischio e rilevava di non poter essere chiamata a rispondere prima dell’esaurimento del massimale di polizza personale del dott. P. la cui stipula, ai sensi dell’art. 25, era comunque condizione essenziale per il riconoscimento di un diritto all’indennizzo dell’assicurato.

Evidenziava poi la franchigia di euro 10.000,00 per sinistro.

Il dott. P. chiedeva il rigetto della domanda deducendo, tra l’altro, la mancata prova del nesso causale tra il danno lamentato dall’attore e il proprio operato.

La causa veniva istruita tramite prove testimoniali e Ctu.

In punto di diritto si osserva che allorquando la responsabilità medica venga invocata a titolo contrattuale, cioè sul presupposto che fra il paziente ed il medico e/o la struttura sanitaria sia intercorso un rapporto contrattuale (o da “contatto”), la distribuzione, inter partes, dell’onere probatorio riguardo al nesso causale deve tenere conto della circostanza che essendo la responsabilità fondata su un rapporto obbligatorio corrente fra le parti, è finalizzata a far valere un inadempimento oggettivo.

Ne consegue che, per il paziente/danneggiato, l’onere probatorio in ordine alla ricorrenza del nesso di causalità materiale si sostanzia nella prova che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento di danno, rappresentato o dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione, o dal suo aggravamento, fino ad esiti finali costituiti dall’insorgenza di una nuova patologia o dal decesso del paziente (cosi Cass. Sez. III, 12/09/2013, n.20904; conf. Sez. III, 18/07/2013, n. 17573).

Resta, invece, a carico dell’ente ospedaliero la prova che la prestazione professionale è stata eseguita in modo diligente e che gli esiti peggiorativi sono stati determinati da un evento imprevisto e imprevedibile (così Cass. Ss. Uu. nn. 577 581/2008; conforme la successiva Cass. n. 10743/2009).

Nel caso oggetto di giudizio l’attore deduce di aver sviluppato un’infezione in seguito ad un intervento chirurgico di correzione degli esiti della frattura biossea della gamba destra.

Il concetto di infezione nosocomiale concerne le infezioni che si sviluppano nell’ambito delle cure prestate in ambito ospedaliero o di altra struttura assistenziale, non presenti o in incubazione al momento dell’ammissione nella struttura ospedaliera.

Nel caso di specie, il ctu, le cui conclusioni si condividono essendo scevre da vizi logici, nel ricostruire la vicenda clinica del B., ha evidenziato profili di negligenza esclusivamente nell’ambito della prestazione offerta dalla Casa di Cura essendosi sviluppata una tipica infezione ospedaliera verificatasi per mancata osservanza delle regole di igiene nell’ intervento.

In particolare, il giorno 4.6.2003 il B. fu ricoverato presso l’Ospedale a causa di una frattura scomposta della tibia e del perone della gamba destra.

Veniva operato il 10.6.2003 ma nel decorso post operatorio si evidenziava la necessità di ulteriori interventi chirurgici, prima presso l’ospedale e successivamente, il 21..4.2005, presso la casa di cura. In seguito sviluppava un processo infettivo che trovava soluzione solo il 24.1.2006 presso altro ospedale.

Il Ctu ha accertato che l’infezione si è sviluppata successivamente alla scintigrafia effettuata presso l’Ospedale il giorno 30.9.2004 e deve essere stata contratta nel corso del ricovero del 20.4.2005 presso il Reparto di Ortopedia della Casa di Cura.

Quest’ultima non ha provato, secondo il proprio preciso onere in tema di obbligazioni contrattuali, di aver osservato le regole di prevenzione e igiene e di aver adottato tutte le procedure, protocolli e linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per prevenire la diffusione di infezioni di origine ospedaliera.

E’ evidente che rispetto alla difesa dall’ infezione nosocomiale la profilassi è la più importante strategia e la Casa di cura non ha dimostrato un’adeguata messa a punto di ogni possibile strumento atto ad evitare l’insorgenza di infezioni.

Il tempo trascorso tra l’ultimo contatto del B. con l’Ospedale e l’insorgenza dell’infezione( sette mesi) costituisce ulteriore elemento atto a dimostrare l’estraneità dell’Ospedale rispetto a qualsiasi ipotesi di responsabilità.

Parimenti alcuna responsabilità può essere imputata al dott. P. non essendo stato dimostrato da parte del chiamante l’esatto momento in cui si è scatenata l’infezione e se questa derivi causalmente dall’operato del medico.

In assenza di indicazioni circa la dinamica dell’insorgenza dell’infezione e del contributo causale ( anche sotto forma di concorso) del sanitario allo sviluppo dell’infezione nosocomiale, deve rigettarsi la domanda di manleva formulata dal chiamante.

Il fondamentale elemento del nesso causale rende, infatti, possibile l’imputazione ai sanitari solo dei danni conseguenza riconducibili in via diretta ed immediata al loro eventuale inadempimento.

In difetto di evidenze contrarie deve, quindi, imputarsi solo alla Casa di Cura l’inadempimento colposo della propria obbligazione.

In relazione al quantum risarcitorio si premette che i fatti si sono verificati prima dell’entrata in vigore della legge n. 189/2012, per cui per la liquidazione del danno biologico non troverà applicazione la tabella delle micropermanenti previste dall’art. 139 c.d.a. (richiamata dalla legge Balduzzi), bensì quella in uso presso il Tribunale di Milano, assunte dalla Corte di Cassazione “a parametro in linea generale attestante la conformità della valutazione equitativa del danno in parola alle disposizioni di cui agli artt. 1226 e 2056 comma 1 c.c.”.

Al momento della Ctu è stato riscontrato un danno biologico dell’entità dell’8 % con quattro mesi di inabilità temporanea totale, ulteriori 4 mesi di inabilità parziale al 75%, 4 mesi di inabilità parziale al 50% ed ulteriori 4 mesi di inabilità parziale al 25%.

La peculiare menomazione consistente in un deficit di lunghezza dell’arto inferiore destro di circa 2,5,centimetri ha determinato anche un cambiamento nello stile di vita dell’attore, comportando un danno anche di natura estetica che si riverbera su un danno alle dinamiche relazionali ed esistenziali.

Facendo applicazione delle tabelle in uso presso il tribunale di Milano, tenendo in considerazione i 41 anni di età del danneggiato e utilizzando per il danno non patrimoniale come punto base l’importo di euro 2760,28 e per l’invalidità temporanea le frazioni del valore di euro 96,00 giornalieri e applicando, sotto il profilo del danno morale, una personalizzazione che tenga conto del danno che si riverbera anche sullo svolgimento delle attività quotidiane si liquida il danno da invalidità permanente in euro 22.000,00 e quello da invalidità temporanea in euro 28.800,00 di cui euro 11.520,00 per danno da ITT, euro 8.640,00 per il periodo di ITP al 75%, euro 5.760,00 per ITP al 50% ed euro 2.880,00 per ITP al 25%.

Con riguardo alla rivalutazione delle somme liquidate a titolo di risarcimento del danno si rileva che per l’ invalidità permanente parziale, quando questa sia successiva ad un periodo di invalidità temporanea liquidata separatamente, essa decorre dal momento della cessazione dell’invalidità temporanea e non dal giorno dell’evento dannoso. Di conseguenza la data di riferimento per tale calcolo va fatta non alla data del fatto lesivo, ma da quella in cui è terminata, l’ invalidità temporanea.

Il danno da invalidità temporanea va riportato in valori monetari alla data di verificazione del fatto dannoso e, conseguentemente, la liquidazione va determinata in base ai medesimi criteri di cui sopra, nella misura sopra indicata, tenendo in considerazione per il decorso della rivalutazione delle date di cessazione dei singoli periodi di invalidità temporanea.

Tutte le somme indicate ai punti precedenti devono essere riportate prima al valore della data del fatto, e poi con aggiunta della rivalutazione e degli interessi dovuti per il ritardo nella liquidazione, secondo i principi indicati da Corte di cassazione S.U. 17/2/95 n° 1712.

Deve in ogni caso, ai sensi dell’art. 10, comma 7, T.U. 1124/65, essere detratta dall’importo liquidato la somma di € 15.106.36 , corrispondente a quanto già indennizzato all’attore dall’ Inail .

Per quanto riguarda le deduzioni della compagnia assicurativa sulla inoperatività della polizza per essere operante la clausola “ a secondo rischio” si osserva che come tutte le assicurazioni contro i danni, anche l’assicurazione di responsabilità civile può essere stipulata per conto proprio o per conto altrui (art. 1891 c.c.).

Come osservato dalla Suprema Corte ( Cass 2015/ 4936 ) “L’assicurazione di responsabilità civile stipulata per conto proprio copre il rischio di impoverimento del contraente; quella per conto altrui copre il rischio di impoverimento di persone diverse dal contraente, a prescindere dal fatto che quest’ultimo debba rispondere del loro operato.

La distinzione tra assicurazione per conto proprio ed assicurazione per conto altrui non va confusa con quella tra assicurazione della responsabilità civile per fatto proprio e assicurazione della responsabilità civile per fatto altrui.

La distinzione tra assicurazione per conto proprio e per conto altrui si fonda sulla sussistenza o meno, in capo al medesimo soggetto, della qualità di contraente e di assicurato. Si ha assicurazione “per conto altrui” ex art. 1891 c.c. quando il contraente non è il titolare dell’interesse esposto al rischio, ai sensi dell’art. 1904 c.c., mentre si ha assicurazione per conto proprio quando il contraente della polizza è altresì titolare dell’interesse assicurato.

La distinzione tra assicurazione (della responsabilità civile) per fatto proprio e per fatto altrui si fonda sul titolo della responsabilità dedotta ad oggetto del contratto.

Nel primo caso (assicurazione della r.c. per fatto proprio) l’assicuratore copre il rischio di impoverimento derivante da una condotta tenuta personalmente dall’assicurato; nel secondo caso (assicurazione della r.c. per fatto altrui) l’assicuratore copre il rischio di impoverimento dell’assicurato derivante da fatti commessi da persone del cui operato quello debba rispondere.

amedicocuorescrittaL’assicurazione della responsabilità civile si dirà dunque per conto proprio od altrui a seconda di quale sia l’interesse assicurato; si dirà invece per fatto proprio o per fatto altrui a seconda di quale sia il rischio assicurato.

In virtù della distinzione strutturale tra i due tipi di assicurazione della responsabilità civile appena ricordati, essi possono tra loro cumularsi.

E’ dunque possibile stipulare:

(a) una assicurazione della responsabilità propria (sia per fatto proprio che per fatto altrui);

(b) una assicurazione della responsabilità altrui (sia per fatto dell’assicurato, che per fatto di persone del cui operato l’assicurato debba rispondere)”.

Nel caso di specie dalla lettura della polizza ( doc 1 assicurazione) si evince che la Casa di cura ha voluto innanzitutto coprire e proteggersi da un rischio proprio ovvero derivante da propria responsabilità.

Nella descrizione del rischio si fa riferimento allo svolgimento delle attività inerenti all’assolvimento dei compiti istituzionali della Casa di Cura che figura quale assicurato e contraente. Quale oggetto dell’assicurazione ( art. 5.1) è indicato l’ obbligo a tenere indenne l’Assicurato di quanto questi sia tenuto a pagare civilmente a titolo di risarcimento di danni volontariamente cagionati a terzi nella sua qualità esercente una Clinica Privata in relazione allo svolgimento di attività e di compiti ovunque svolti previsti dalle norme presenti e future della Pa.

Si tratta , dunque, di un’assicurazione per conto proprio estesa anche alla responsabilità civile derivante all’Assicurato quando il danno sia causato da azione colposa o dolosa dei collaboratori ( art. 4) e alla responsabilità civile professionale gravante su tutto il personale medico .

Attraverso la polizza multirischio erano coperte:

1) la responsabilità della clinica per fatto proprio, a primo rischio;

2) la responsabilità della clinica per fatto altrui, a primo rischio;

3) la responsabilità dei medici non dipendenti, a secondo rischio.

In presenza di rischi e di assicurati diversi a nulla rileva che tanto la responsabilità della clinica, quanto quella dei medico, possano sorgere dal medesimo fatto illecito, che abbia causato in capo al terzo il medesimo danno.

Ne consegue che il richiamo alla condizione di cui all’art 25 della polizza è da ritenersi improprio nel caso di specie, avendo la casa di Cura azionato la copertura assicurativa per responsabilità per fatto proprio e non quella attinente alla responsabilità personale dei medici.

Nel contratto di assicurazione della propria responsabilità civile stipulato da un ospedale (assicurazione per conto proprio), la clausola la quale preveda che la copertura assicurativa “operi in eccesso rispetto alle assicurazioni personali dei medici” ivi operanti va interpretata nel senso che, ferma restando la copertura a primo rischio della responsabilità dell’ospedale, la medesima polizza copra altresì a secondo rischio la responsabilità personale dei medici, secondo lo schema dell’assicurazione per conto altrui ( Cass 2015/4936)

L’assicurazione va pertanto condannata a tenere indenne la Casa di Cura di tutte le somme che quest’ultima dovrà pagare all’attore, in esecuzione della sentenza impugnata oltre che le spese legali.

L’obbligo indennitario dell’assicurazione dovrà essere calcolato al netto della franchigia contrattualmente prevista di Euro 10.000,00 .

Le spese legali seguono la soccombenza.

Essendo stata accertata la sussistenza della responsabilità in capo alla Casa di Cura chiamata fondatamente a garanzia dall’A., la stessa deve essere condannata alla rifusione delle spese di lite oltre che in favore dell’attore anche del convenuto e del chiamato dott. P. la rifusione delle spese di lite a favore del convenuto ( Cass. Civ. n. 21625/2009).

L’assicurazione Z. deve corrispondere alla Casa di cura le spese legali liquidate come in dispositivo.

Le spese di Ctu sono poste a carico di Casa di cura .

P.Q.M.

Il Tribunale, definitivamente pronunciando, nel giudizio in epigrafe ogni diversa domanda, eccezione, istanza, rigettata:

accoglie la domanda e per l’effetto condanna la Casa di Cura in persona del legale rappresentante pro tempore a corrispondere a B. la somma di euro 35.693,64 ( euro 50.800,00 meno € 15.106.36) , oltre rivalutazione ed interessi come in motivazioni ed interessi legali dal deposito della presente sentenza fino al saldo effettivo;

dichiara tenuta Z. a tenere indenne la casa di Cura, salva la franchigia prevista contrattualmente, della somma che sarà tenuta a versare a B.;

condanna la Casa di Cura a rifondere a B. le spese processuali, che liquida nella somma di complessivi euro 12.348,00 di cui euro 348,00 per spese, oltre rimborso forfettario ed ad accessori dovuti per legge;

condanna la Casa di Cura a rifondere all’ A. le spese processuali, che liquida nella somma di complessivi euro 12.000,00 oltre rimborso forfettario ed ad accessori dovuti per legge;

condanna la Casa di Cura a rifondere a P. le spese processuali, che liquida nella somma di complessivi euro 12.000,00 oltre rimborso forfettario ed ad accessori dovuti per legge; condanna la C. Assicurazioni a rifondere alla Casa di Cura le spese processuali, che liquida nella somma di complessivi euro 12000,00 per spese, oltre rimborso forfettario ed ad accessori dovuti per legge;

pone a carico di Casa di Cura le spese di CTU

funzioni del medico di pronto soccorso

compiti del medico di pronto soccorso

medico pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio

risarcimento danni per intervento chirurgico sbagliato

come diventare medico di pronto soccorso

risarcimento danni per negligenza medica

tabelle risarcimento danni malasanità

DOMANDA QUALE IL SAPERE DEL GIUDICE NELLA RESPONSABILITA’ MEDICA?

La Suprema Corte ha evidenziato, sul piano metodologico, che qualsiasi lettura della rilevanza dei saperi di scienze diverse da quella giuridica, utilizzabili nel processo penale, non può avere l’esito di accreditare l’esistenza, nella regolazione processuale vigente, di un sistema di prova legale, che limiti la libera formazione del convincimento del giudice; che il ricorso a competenze specialistiche con l’obiettivo di integrare i saperi del giudice, rispetto a fatti che impongono metodologie di individuazione, qualificazione e ricognizione eccedenti i saperi dell’uomo comune, si sviluppa mediante una procedimentalizzazione di atti (conferimento dell’incarico a periti e consulenti, formulazione dei relativi quesiti, escussione degli esperti in dibattimento) ad impulso del giudicante e a formazione progressiva; e che la valutazione di legittimità, sulla soluzione degli interrogativi causali imposti dalla concretezza del caso giudicato, riguarda la correttezza e conformità alle regole della logica dimostrativa dell’opinione espressa dal giudice di merito, quale approdo della sintesi critica del giudizio (Sez. 4, sentenza n. 80 del 17.01.2012, dep. 25.05.2012, n.m.).

DOMANDA : COSA E  IL SAPERE SCIENTIFICO?

Chiarito che il sapere scientifico costituisce un indispensabile strumento, posto al servizio del giudice di merito, deve rilevarsi che, non di rado, la soluzione del caso posto all’attenzione del giudicante, nei processi ove assume rilievo l’impiego della prova scientifica, viene a dipendere dall’affidabilità delle informazioni che, attraverso l’indagine di periti e consulenti, penetrano nel processo. Si tratta di questione di centrale rilevanza nell’indagine fattuale, giacché costituisce parte integrante del giudizio critico che il giudice di merito è chiamato ad esprimere sulle valutazioni di ordine extragiuridico emerse nel processo.

Il giudice deve, pertanto, dar conto del controllo esercitato sull’affidabilità delle basi scientifiche del proprio ragionamento, soppesando l’imparzialità e l’autorevolezza scientifica dell’esperto che trasferisce nel processo conoscenze tecniche e saperi esperienziali. E, come sopra chiarito, il controllo che la Corte Suprema è chiamata ad esercitare, attiene alla razionalità delle valutazioni che a tale riguardo il giudice di merito ha espresso nella sentenza impugnata. Del resto, la Corte regolatrice ha anche recentemente ribadito il principio in base al quale il giudice di legittimità non è giudice del sapere scientifico e non detiene proprie conoscenze privilegiate. La Suprema Corte è cioè chiamata a valutare la correttezza metodologica dell’approccio del giudice di merito al sapere tecnico-scientifico, che riguarda la preliminare, indispensabile verifica critica in ordine all’affidabilità delle informazioni che utilizza ai fini della spiegazione del fatto (cfr. Sez. 4, Sentenza n. 43786 del 17/09/2010, dep. 13/12/2010, Rv. 248944; Sez. 4, sentenza n. 42128 del 30.09.2008, dep. 12.11.2008, n.m.).

E si è pure chiarito che il giudice di merito può fare legittimamente propria, allorché gli sia richiesto dalla natura della questione, l’una piuttosto che l’altra tesi scientifica, purché dia congrua ragione della scelta e dimostri di essersi soffermato sulla tesi o sulle tesi che ha creduto di non dover seguire. Entro questi limiti, è del pari certo, in sintonia con il consolidato indirizzo interpretativo di questa Suprema Corte, che non rappresenta vizio della motivazione, di per sé, l’omesso esame critico di ogni più minuto passaggio della perizia (o della consulenza), poiché la valutazione delle emergenze processuali è affidata al potere discrezionale del giudice di merito, il quale, per adempiere compiutamente all’onere della motivazione, non deve prendere in esame espressamente tutte le argomentazioni critiche dedotte o deducibili, ma è sufficiente che enunci con adeguatezza e logicità gli argomenti che si sono resi determinanti per la formazione del suo convincimento (vedi Sez. 4, sentenza n. 492 del 14.11.2013, dep. 10.01.2014, n.m.).

Tanto chiarito, deve osservarsi che, con riguardo all’apprezzamento della prova scientifica, afferente specificamente all’accertamento del rapporto di causalità, la giurisprudenza di legittimità ha osservato che deve considerarsi utopistico un modello di indagine causale, fondato solo su strumenti di tipo deterministico e nomologico-deduttivo, affidato esclusivamente alla forza esplicativa di leggi universali. Ciò in quanto, nell’ambito dei ragionamenti esplicativi, si formulano giudizi sulla base di generalizzazioni causali, congiunte con l’analisi di contingenze fattuali.

DOMANDA COSA E IL COEFFICIENTE PROBABILISTICO NELLA RESPONSABILITA MEDICA ?

In tale prospettiva, si è chiarito che il coefficiente probabilistico della generalizzazione scientifica non è solitamente molto importante; e che è invece importante che la generalizzazione esprima effettivamente una dimostrata, certa relazione causale tra una categoria di condizioni ed una categoria di eventi (cfr. Sez. U, sentenza n. 30328, in data 11.9.2002, Rv. 222138). Nella verifica dell’imputazione causale dell’evento, cioè, occorre dare corso ad un giudizio predittivo, sia pure riferito al passato: il giudice si interroga su ciò che sarebbe accaduto se l’agente avesse posto in essere la condotta che gli veniva richiesta.

DOMANDA COME SI DETERMINA LA RESPONSABILITA OMISSIVA?

Con particolare riferimento alla casualità omissiva – che pure viene in rilievo nel caso di specie – si osserva poi che la giurisprudenza di legittimità ha enunciato il carattere condizionalistico della causalità omissiva, indicando il seguente itinerario probatorio: il giudizio di certezza del ruolo salvifico della condotta omessa presenta i connotati del paradigma indiziario e si fonda anche sull’analisi della caratterizzazione del fatto storico, da effettuarsi ex post sulla base di tutte le emergenze disponibili, e culmina nel giudizio di elevata “probabilità logica” (Sez. U, sentenza n. 30328, in data 11.9.2002, cit.); e che le incertezze alimentate dalle generalizzazioni probabilistiche possono essere in qualche caso superate nel crogiuolo del giudizio focalizzato sulle particolarità del caso concreto quando l’apprezzamento conclusivo può essere espresso in termini di elevata probabilità logica (Sez. 4, Sentenza n. 43786 del 17/09/2010, dep. 13/12/2010, Rv. 248943).

DOMANDA  E AI Ai fini dell’imputazione causale dell’evento?

Ai fini dell’imputazione causale dell’evento, pertanto, il giudice di merito deve sviluppare un ragionamento esplicativo che si confronti adeguatamente con le particolarità della fattispecie concreta, chiarendo che cosa sarebbe accaduto se fosse stato posto in essere il comportamento richiesto all’imputato dall’ordinamento. Si tratta di insegnamento da ultimo ribadito dalle Sezioni Unite che si sono soffermate sulle questioni riguardanti l’accertamento giudiziale della causalità omissiva ed i limiti che incontra il sindacato di legittimità, nel censire la valutazione argomentativa espressa in sede di merito (cfr. Sez. U, sentenza n. 38343 del 24.04.2014, dep. 18.09.2014, Rv. 261106).

DOMANDA : LA CONDOTTA COLPOSA DI UN SOGGETTO VIENE ANNULLATA DA SUCCESSIVA CONDOTTA COLPOSA?

“In tema di colpa medica, in presenza di una condotta colposa posta in essere da un determinato soggetto, non può ritenersi interattiva del nesso di causalità (art. 41, comma secondo, cod. pen.) una successiva condotta parimenti colposa posta in essere da altro soggetto, quando essa non abbia le caratteristiche dell’assoluta imprevedibilità e inopinabilità; condizione, questa, che non può, in particolare configurarsi quando, nel caso di colpa medica, tale condotta sia consistita nell’inosservanza, da parte di soggetto successivamente intervenuto, di regole dell’arte medica già disattese da quello che lo aveva preceduto (Cass. Sez. 4, Sentenza n. 6215 del 10/12/2009 Ud. (dep. 16/02/2010), Rv. 246421; Cass. Sez. 4, Sentenza n. 9967 del 18/01/2010 Ud. (dep. 11/03/2010), Rv. 246797; Cass. Sez. 47 Sentenza n. 13939 del 30/01/2008 Ud. (dep. 03/04/2008), Rv. 239593; Cass. Sez. 4, Sentenza n. 20272 del 16/05/2006 Ud. (dep. 14/06/2006), Rv. 234596). L’infondatezza del ricorso del P. impone, pertanto, il suo rigetto.

concreto.

DOMANDA RILEVANZA COLPA LIEVE AD ADDEBITI DIVERSI IMPERIZIA?

estende la rilevanza della colpa lieve anche ad addebiti diversi dall’imperizia. È stato, infatti, affermato che, premesso che in tema di responsabilità medica l’osservanza delle linee guida accreditate dalla comunità scientifica esclude la rilevanza della colpa lieve, la novella pur trovando terreno d’elezione nell’ambito dell’imperizia, può tuttavia venire in rilievo anche quando il parametro valutativo della condotta dell’agente sia quello della diligenza (cfr. sez. 4, n. 47289 del 09/10/2014 Ud. (dep. 17/11/2014), Rv. 260739; sez. 4, n. 16237 del 29/01/2013 Ud. (dep. 09/04/2013), Rv. 255105). Si è osservato in tali pronunce come, alla stregua della nuova legge, le linee guida accreditate operano come direttiva scientifica per l’esercente le professioni sanitarie; e la loro osservanza costituisce uno scudo protettivo contro istanze punitive che non trovino la loro giustificazione nella necessità di sanzionare penalmente errori gravi commessi nel processo di adeguamento del sapere codificato alle peculiarità contingenti. Inoltre, sebbene, come già detto, la nuova disciplina trovi il suo terreno d’elezione nell’ambito dell’imperizia, non può tuttavia escludersi che le linee guida pongano regole rispetto alle quali il parametro valutativo della condotta dell’agente sia quello della diligenza; come nel caso in cui siano richieste prestazioni che riguardino più la sfera della accuratezza di compiti magari particolarmente qualificanti, che quella della adeguatezza professionale (cfr. sez. 4, n. 45527 del 01/07/2015).

DOMANDA valutazione del danno, quando si versa in ipotesi di responsabilità extracontrattuale?

Riguardo la valutazione del danno, quando si versa in ipotesi di responsabilità extracontrattuale,                la norma da tenere in considerazione è l’art. 2056 c.c., che contiene un espresso rinvio all’art. 1223 c.c., secondo cui il risarcimento deve comprendere sia il danno emergente che il lucro cessante, ove siano conseguenza immediata e diretta dell’inadempimento, si rimanda all’art. 1226 c.c., secondo cui in caso di mancata esatta prova dell’ammontare del danno, sarà il giudice a stabilirlo in via equitativa, e all’art. 1227 c.c., per cui in caso di concorso colposo del danneggiato, si avrà una diminuzione dell’ammontare del risarcimento, ma non richiama l’art. 1225 c.c. che rispetto agli articoli precedentemente enunciati si applicherà sia in caso di responsabilità contrattuale che extracontrattuale, per cui il risarcimento è limitato al solo quantum prevedibile al tempo in cui era sorta l’obbligazione nel caso in cui nella condotta del debitore non vi sia ravvisabile né dolo né colpa.

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» CORTE APPELLO BOLOGNA TRIBUNALE DI BOLOGNA DANNO JURE PROPRIO IN INCIDENTE MORTALE La Corte si e’ soffermata sulla natura delle tabelle milanesi e sul come la loro inosservanza si ponga rispetto ai paradigmi dell’articolo 360 c.p.c., nella sentenza n. 4447 del 2014. In detta decisione la Corte si e’ soffermata su quello che ha individuato come il problema della “ritualita’ della deduzione come violazione di norma di diritto delle c.d. tabelle milanesi” ed ha svolto le seguenti considerazioni.

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI CESENA FORLI VEDOVO VEDOVA ESTROMESSI DA EREDITA’ DIRITTI DEI VEDOVI

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» CORTE APPELLO BOLOGNA TRIBUNALE DI BOLOGNA DANNO JURE PROPRIO IN INCIDENTE MORTALE La Corte si e’ soffermata sulla natura delle tabelle milanesi e sul come la loro inosservanza si ponga rispetto ai paradigmi dell’articolo 360 c.p.c., nella sentenza n. 4447 del 2014. In detta decisione la Corte si e’ soffermata su quello che ha individuato come il problema della “ritualita’ della deduzione come violazione di norma di diritto delle c.d. tabelle milanesi” ed ha svolto le seguenti considerazioni.

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI CESENA FORLI VEDOVO VEDOVA ESTROMESSI DA EREDITA’ DIRITTI DEI VEDOVI

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna