Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

 

FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO

aassegno mante

DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede?

No occorre anche l’accettazione

In tema di successione “mortis causa”, la delazione ereditaria ed il possesso dei beni ereditari da parte del chiamato, pur non risultando sufficienti ai fini dell’acquisto della qualità di erede, in quanto la prima ne costituisce soltanto il presupposto, mentre il secondo non presuppone di per sé la volontà di accettare l’eredità, rappresentano tuttavia circostanze valutabili, unitamente alla mancata redazione dell’inventario, ai fini dell’accertamento di un’eventuale accettazione “ex lege”, di cui sono elementi costitutivi, appunto, l’apertura della successione, la delazione ereditaria, il possesso dei beni ereditari e la mancata tempestiva redazione dell’inventario (cfr. in termini Cass. Sez. 5, Sentenza n. 16507 del 19/07/2006).

 ADENAROSVEGLIAOROLOGIOBELLA

 

 

La convenuta, si è costituita in giudizio, rilevando, in primis, l’inadeguatezza del mezzo processuale scelto dal creditore procedente e deducendo che sarebbe stato necessario che la Y srl, con istanza ex art. 749 cpc, facesse fissare dal Tribunale il termine entro il quale la Sig.ra Tizia avrebbe dovuto dichiarare di accettare, o meno, l’eredità del marito defunto.

Nel merito, ha richiamato le difese di cui al procedimento di esecuzione, evidenziando il diritto della signora Tizia di risiedere nell’immobile ai sensi dell’art. 540, 2° comma c.c., ossia in forza del diritto di abitazione spettante al coniuge superstite e costituente legato ex lege; l’assenza di atti dispositivi del compendio immobiliare tali da comportare accettazione tacita dell’eredità ai sensi dell’art. 476 c.c. e, comunque, l’avvenuta prescrizione del diritto di accettare l’eredità per decorso del termine previsto dall’art. 480 c.c.

Ritiene questo Giudice che la domanda avanzata dalla parte ricorrente sia fondata e meriti accoglimento.

Giova al riguardo premettere che in tema di successioni “mortis causa”, la delazione che segue l’apertura della successione, pur rappresentandone un presupposto, non è di per sé sola sufficiente all’acquisto della qualità di erede, essendo a tale effetto necessaria anche, da parte del chiamato, l’accettazione, mediante “aditio” oppure per effetto di “pro herede gestio”, oppure per la ricorrenza delle condizioni di cui all’art. 485 c.c.

L’art. 485 c.c. contempla un caso di accettazione dell’eredità ex lege presupponente una fattispecie complessa di cui sono elementi l’apertura della successione, la delazione ereditaria, il possesso di beni ereditari e la mancata tempestiva realizzazione dell’inventano. In applicazione di tali principi, il soggetto, il quale deduce detta accettazione tacita come fatto costitutivo della domanda diretta a fare valere un credito nei confronti del chiamato, in quanto erede del debitore defunto, ha l’onere di provare la sussistenza di tutti gli elementi della fattispecie, ivi compreso il possesso di beni ereditari.

In tema di successione “mortis causa”, la delazione ereditaria ed il possesso dei beni ereditari da parte del chiamato, pur non risultando sufficienti ai fini dell’acquisto della qualità di erede, in quanto la prima ne costituisce soltanto il presupposto, mentre il secondo non presuppone di per sé la volontà di accettare l’eredità, rappresentano tuttavia circostanze valutabili, unitamente alla mancata redazione dell’inventario, ai fini dell’accertamento di un’eventuale accettazione “ex lege”, di cui sono elementi costitutivi, appunto, l’apertura della successione, la delazione ereditaria, il possesso dei beni ereditari e la mancata tempestiva redazione dell’inventario (cfr. in termini Cass. Sez. 5, Sentenza n. 16507 del 19/07/2006).

Il possesso dei beni ereditari previsto dall’art. 485 c.c. per l’acquisto della qualità di erede puro e semplice nel caso di mancata redazione dell’inventano nei termini di legge non deve necessariamente manifestarsi in un’attività corrispondente all’esercizio della proprietà dei beni ereditari, ma si esaurisce in una mera relazione materiale tra i beni e il chiamato all’eredità, e cioè in una situazione di fatto che consenta l’esercizio di concreti poteri sui beni, sia pure per mezzo di terzi detentori, con la consapevolezza della loro appartenenza al compendio ereditario: ne consegue che la previsione legale si estende ad ogni specie di possesso, quale che ne sia il titolo giustificativo, e include anche la detenzione a titolo di custodia o di affidamento temporaneo (Cass., Sez. 2, sentenza n. 4835 del 25.7.1980, ivi, Rv. 408659; conf. Cass. sent. n. 4707 del 14.5.1994; n. 11018 del 5.5.2008; n. 2911 del 19.3.1998).

Nel caso che ci occupa, dagli atti di causa è emerso che il sig. Caio, nato a …(FC), il 23.02.1934, è deceduto il 26.06.2003, senza lasciare testamento e lasciando quali chiamati all’eredità i figli, i quali hanno rinunziato all’eredità e la moglie Tizia, la quale è rimasta nel possesso dei beni ereditari, senza che agli atti vi sia prova che la medesima abbia compilato l’inventario entro il termine di tre mesi dal giorno dell’apertura della successione (art. 485, comma 1, c.c.), né successivamente, di talché si è realizzata nei confronti della predetta la fattispecie prevista dall’art. 485, comma 3, c.c., a tenore del quale “trascorso tale termine senza che l’inventano sia stato compiuto, il chiamato all’eredità è considerato erede puro e semplice“.

 

 ADENAROOROLOGIO

 

Tribunale di Forlì 15.12.2015, est. E. Ramacciotti

Accettazione dell’eredità ex lege – Art. 185 c.c. – Accettazione tacita per mancata realizzazione dell’inventario – Possesso dei beni ereditari come relazione di mero fatto anche a mezzo terzi

 

Nell’ambito delle successioni ‘’mortis causa’’, il chiamato all’eredità acquista la qualità di erede a prescindere da un’esplicita accettazione della stessa. Oltre alla delazione ereditaria ed al possesso dei beni ereditari, presupposti necessari, ma non sufficienti ai fini di una accettazione implicita, devono ricorrere gli altri elementi della fattispecie prevista ex art. 485 c.c.: la mancata redazione dell’inventario dei beni ereditari entro tre mesi dal giorno dell’apertura della successione fa sì che il chiamato venga considerato quale erede puro e semplice. Il possesso non deve necessariamente manifestarsi in un’attività corrispondente all’esercizio della proprietà dei beni ereditari, ma si esaurisce in una situazione di fatto tra i beni e il chiamato all’eredità, con la consapevolezza della loro appartenenza al compendio ereditario: ne consegue che l’art. 485 c.c. include anche la detenzione a titolo di custodia o di affidamento temporaneo.

MOTIVAZIONE IN FATTO E IN DIRITTO

La X s.p.a., quale mandataria per procura speciale della Y s.r.l. ha convenuto in giudizio ex art.702 bis c.p.c. la signora Tizia onde ottenere una pronuncia giudiziale che accerti l’intervenuta accettazione tacita da parte della medesima dell’eredità del defunto marito Caio.

A sostegno dell’azione spiegata, la società ricorrente ha rappresentato di aver introdotto una procedura esecutiva immobiliare contro la signora Tizia pendente avanti l’intestato tribunale (R.G. 283/2011), nell’ambito della quale il Giudice dell’Esecuzione, non ritenendo sufficientemente provata la qualità di erede legittima del marito, con ordinanza in data 1.10.2014, ha invitato il creditore procedente ad instaurare giudizio per far accertare la qualità di erede della Tizia, onde poter dare ulteriore corso alla procedura esecutiva, avente quale oggetto l’immobile sito in Forlì, via ……, sul quale era stata costituita dal de cuius ipoteca a garanzia di un mutuo fondiario concessogli da Z.

La convenuta, si è costituita in giudizio, rilevando, in primis, l’inadeguatezza del mezzo processuale scelto dal creditore procedente e deducendo che sarebbe stato necessario che la Y srl, con istanza ex art. 749 cpc, facesse fissare dal Tribunale il termine entro il quale la Sig.ra Tizia avrebbe dovuto dichiarare di accettare, o meno, l’eredità del marito defunto.

Nel merito, ha richiamato le difese di cui al procedimento di esecuzione, evidenziando il diritto della signora Tizia di risiedere nell’immobile ai sensi dell’art. 540, 2° comma c.c., ossia in forza del diritto di abitazione spettante al coniuge superstite e costituente legato ex lege; l’assenza di atti dispositivi del compendio immobiliare tali da comportare accettazione tacita dell’eredità ai sensi dell’art. 476 c.c. e, comunque, l’avvenuta prescrizione del diritto di accettare l’eredità per decorso del termine previsto dall’art. 480 c.c.

Ritiene questo Giudice che la domanda avanzata dalla parte ricorrente sia fondata e meriti accoglimento.

Giova al riguardo premettere che in tema di successioni “mortis causa”, la delazione che segue l’apertura della successione, pur rappresentandone un presupposto, non è di per sé sola sufficiente all’acquisto della qualità di erede, essendo a tale effetto necessaria anche, da parte del chiamato, l’accettazione, mediante “aditio” oppure per effetto di “pro herede gestio”, oppure per la ricorrenza delle condizioni di cui all’art. 485 c.c.

L’art. 485 c.c. contempla un caso di accettazione dell’eredità ex lege presupponente una fattispecie complessa di cui sono elementi l’apertura della successione, la delazione ereditaria, il possesso di beni ereditari e la mancata tempestiva realizzazione dell’inventano. In applicazione di tali principi, il soggetto, il quale deduce detta accettazione tacita come fatto costitutivo della domanda diretta a fare valere un credito nei confronti del chiamato, in quanto erede del debitore defunto, ha l’onere di provare la sussistenza di tutti gli elementi della fattispecie, ivi compreso il possesso di beni ereditari.

In tema di successione “mortis causa”, la delazione ereditaria ed il possesso dei beni ereditari da parte del chiamato, pur non risultando sufficienti ai fini dell’acquisto della qualità di erede, in quanto la prima ne costituisce soltanto il presupposto, mentre il secondo non presuppone di per sé la volontà di accettare l’eredità, rappresentano tuttavia circostanze valutabili, unitamente alla mancata redazione dell’inventario, ai fini dell’accertamento di un’eventuale accettazione “ex lege”, di cui sono elementi costitutivi, appunto, l’apertura della successione, la delazione ereditaria, il possesso dei beni ereditari e la mancata tempestiva redazione dell’inventario (cfr. in termini Cass. Sez. 5, Sentenza n. 16507 del 19/07/2006).

Il possesso dei beni ereditari previsto dall’art. 485 c.c. per l’acquisto della qualità di erede puro e semplice nel caso di mancata redazione dell’inventano nei termini di legge non deve necessariamente manifestarsi in un’attività corrispondente all’esercizio della proprietà dei beni ereditari, ma si esaurisce in una mera relazione materiale tra i beni e il chiamato all’eredità, e cioè in una situazione di fatto che consenta l’esercizio di concreti poteri sui beni, sia pure per mezzo di terzi detentori, con la consapevolezza della loro appartenenza al compendio ereditario: ne consegue che la previsione legale si estende ad ogni specie di possesso, quale che ne sia il titolo giustificativo, e include anche la detenzione a titolo di custodia o di affidamento temporaneo (Cass., Sez. 2, sentenza n. 4835 del 25.7.1980, ivi, Rv. 408659; conf. Cass. sent. n. 4707 del 14.5.1994; n. 11018 del 5.5.2008; n. 2911 del 19.3.1998).

Nel caso che ci occupa, dagli atti di causa è emerso che il sig. Caio, nato a …(FC), il 23.02.1934, è deceduto il 26.06.2003, senza lasciare testamento e lasciando quali chiamati all’eredità i figli, i quali hanno rinunziato all’eredità e la moglie Tizia, la quale è rimasta nel possesso dei beni ereditari, senza che agli atti vi sia prova che la medesima abbia compilato l’inventario entro il termine di tre mesi dal giorno dell’apertura della successione (art. 485, comma 1, c.c.), né successivamente, di talché si è realizzata nei confronti della predetta la fattispecie prevista dall’art. 485, comma 3, c.c., a tenore del quale “trascorso tale termine senza che l’inventano sia stato compiuto, il chiamato all’eredità è considerato erede puro e semplice”.

La circostanza che la convenuta sia rimasta nel possesso dei beni caduti in successione, e nella specie dell’immobile sito in Forlì, via……, è chiaramente evincibile dalle notificazioni effettuate tanto nel corso del processo esecutivo quanto nel presente giudizio, atteso che l’incombente è stato curato per ben due volte presso il predetto luogo e l’atto è stato sempre ritualmente ritirato, rispettivamente in data 21.09.2011 presso le poste (atto di pignoramento) e in data 17.03.2015 (atto di citazione) dal figlio.

A ciò si aggiunga che parte ricorrente ha prodotto certificato di residenza da cui la circostanza risulta confermata (doc. 16 parte ricorrente).

Sempre dagli atti di causa, si evince che Tizia occupa effettivamente uno solo dei due appartamenti di cui al compendio immobiliare sito in via ……., compendio identificato al Nuovo Catasto Edilizio Urbano di Forlì, foglio 282 particelle n. 64, sub. 1 e n. 64, sub. 2.

Sebbene non chiaramente esplicitato in atti, dal contratto di mutuo ipotecario (doc. 1 parte ricorrente) e dalla visura relativa alla domanda giudiziale proposta dalla signora Cornelia (doc. 4, parte convenuta), si evince che quest’ultima, assieme al figlio della Tizia, occupa il subalterno 1, (piano terra), mentre la signora Tizia occupa la restante parte, identificata come subalterno 2.

E’ pacifico che Cornelia è mera detentrice dell’immobile in forza di contratto di locazione stipulato col defunto Caio con scrittura privata del 10.04.2003 (la relativa causa per il riconoscimento del diritto di occupare l’immobile è stata oggetto di transazione in data 27.10.2004).

Ne deriva che, in forza dell’orientamento sopra citato, il possesso da parte di Tizia dell’unità immobiliare diversa da quella adibita a casa familiare e detenuta da Cornelia (nonché dal figlio della signora Tizia, Mevio), sebbene non si concreti nell’esercizio di fatto di un diritto di proprietà del bene ereditario, appare idoneo ad integrare gli estremi di un’accettazione pura e semplice dell’eredità ai sensi dell’art. 485 c.c..

Ne deriva la qualità di erede pura e semplice della convenuta.

Esula, per contro, dall’oggetto della presente procedura l’accertamento del diritto di abitazione ex art. 540, 2° comma, c.c., in capo alla convenuta, sull’immobile costituente ex casa coniugale, essendosi la parte convenuta limitata a domandare il rigetto della domanda.

Le spese di lite del presente giudizio devono essere poste, in ragione del principio della soccombenza, a carico della convenuta.

P.Q.M.

(omissis)

Così deciso in Forlì, il 15.12.2015.

LIBRO II – Delle successioni
Titolo I – Disposizioni generali sulle successioni
Capo I – Dell’apertura della successione, della delazione e dell’acquisto dell’eredità ∙ 456 ∙ 457 ∙ 458 ∙ 459 ∙ 460 ∙ 461
Capo II – Della capacità di succedere ∙ 462
Capo III – Dell’indegnità  ∙ 463 ∙ 464 ∙ 465 ∙ 466
Capo IV – Della rappresentazione ∙ 467 ∙ 468 ∙ 469
Capo V – Dell’accettazione dell’ereditÃ
Sez. I – Disposizioni generali ∙ 470 ∙ 471 ∙ 472 ∙ 473 ∙ 474 ∙ 475 ∙ 476 ∙ 477 ∙ 478 ∙ 479 ∙ 480 ∙ 481 ∙ 482 ∙ 483
Sez. II – Del beneficio d’inventario ∙ 484 ∙ 485 ∙ 486 ∙ 487 ∙ 488 ∙ 489 ∙ 490 ∙ 491 ∙ 492 ∙ 493 ∙ 494 ∙ 495 ∙ 496 ∙ 497 ∙ 498 ∙ 499 ∙ 500 ∙ 501 ∙ 502 ∙ 503 ∙ 504 ∙ 505 ∙ 506 ∙ 507 ∙ 508 ∙ 509 ∙ 510 ∙ 511
Capo VI – Della separazione dei beni del defunto da quelli dell’erede ∙ 512 ∙ 513 ∙ 514 ∙ 515 ∙ 516 ∙ 517 ∙ 518
Capo VII – Della rinunzia all’eredità ∙ 519 ∙ 520 ∙ 521 ∙ 522 ∙ 523 ∙ 524 ∙ 525 ∙ 526 ∙ 527
Capo VIII – Dell’eredità giacente ∙ 528 ∙ 529 ∙ 530 ∙ 531 ∙ 532
Capo IX – Della petizione di eredità ∙ 533 ∙ 534 ∙ 535
Capo X – Dei legittimari
Sez. I – Dei diritti riservati ai legittimari ∙ 536 ∙ 537 ∙ 538 ∙ 539 ∙ 540 ∙ 541 ∙ 542 ∙ 543 ∙ 544 ∙ 545 ∙ 546 ∙ 547 ∙ 548 ∙ 549 ∙ 550 ∙ 551 ∙ 552
Sez. II – Della reintegrazione della quota riservata ai legittimari ∙ 553 ∙ 554 ∙ 555 ∙ 556 ∙ 557 ∙ 558 ∙ 559 ∙ 560 ∙ 561 ∙ 562 ∙ 563 ∙ 564
Titolo II – Delle successioni legittime ∙ 565
Capo I – Della successione dei parenti ∙ 566 ∙ 567 ∙ 568 ∙ 569 ∙ 570 ∙ 571 ∙ 572 ∙ 573 ∙ 574 ∙ 575 ∙ 576 ∙ 577 ∙ 578 ∙ 579 ∙ 580
Capo II – Della successione del coniuge ∙ 581 ∙ 582 ∙ 583 ∙ 584 ∙ 585
Capo III – Della successione dello Stato ∙ 586
Titolo III – Delle successioni testamentarie
Capo I – Disposizioni generali ∙ 587 ∙ 588 ∙ 589 ∙ 590
Capo II – Della capacità di disporre per testamento ∙ 591
Capo III – Della capacità di ricevere per testamento ∙ 592 ∙ 593 ∙ 594 ∙ 595 ∙ 596 ∙ 597 ∙ 598 ∙ 599 ∙ 600
Capo IV – Della forma dei testamenti
Sez. I – Dei testamenti ordinari ∙ 601 ∙ 602 ∙ 603 ∙ 604 ∙ 605 ∙ 606 ∙ 607 ∙ 608
Sez. II – Dei testamenti speciali ∙ 609 ∙ 610 ∙ 611 ∙ 612 ∙ 613 ∙ 614 ∙ 615 ∙ 616 ∙ 617 ∙ 618 ∙ 619
Sez. III – Della pubblicazione dei testamenti olografi e dei testamenti segreti ∙ 620 ∙ 621 ∙ 622 ∙ 623
Capo V – Dell’istituzione di erede e dei legati
Sez. I – Disposizioni generali ∙ 624 ∙ 625 ∙ 626 ∙ 627 ∙ 628 ∙ 629 ∙ 630 ∙ 631 ∙ 632
Sez. II – Delle disposizioni condizionali, a termine e modali ∙ 633 ∙ 634 ∙ 635 ∙ 636 ∙ 637 ∙ 638 ∙ 639 ∙ 640 ∙ 641 ∙ 642 ∙ 643 ∙ 644 ∙ 645 ∙ 646 ∙ 647 ∙ 648
Sez. III – Dei legati ∙ 649 ∙ 650 ∙ 651 ∙ 652 ∙ 653 ∙ 654 ∙ 655 ∙ 656 ∙ 657 ∙ 658 ∙ 659 ∙ 660 ∙ 661 ∙ 662 ∙ 663 ∙ 664 ∙ 665 ∙ 666 ∙ 667 ∙ 668 ∙ 669 ∙ 670 ∙ 671 ∙ 672 ∙ 673
Sez. IV – Del diritto di accrescimento ∙ 674 ∙ 675 ∙ 676 ∙ 677 ∙ 678
Sez. V – Della revocazione delle disposizioni testamentarie ∙ 679 ∙ 680 ∙ 681 ∙ 682 ∙ 683 ∙ 684 ∙ 685 ∙ 686 ∙ 687
Capo VI – Delle sostituzioni
Sez. I – Della sostituzione ordinaria ∙ 688 ∙ 689 ∙ 690 ∙ 691
Sez. II – Della sostituzione fedecommissaria ∙ 692 ∙ 693 ∙ 694 ∙ 695 ∙ 696 ∙ 697 ∙ 698 ∙ 699
Capo VII – Degli esecutori testamentari ∙ 700 ∙ 701 ∙ 702 ∙ 703 ∙ 704 ∙ 705 ∙ 706 ∙ 707 ∙ 708 ∙ 709 ∙ 710 ∙ 711 ∙ 712
Titolo IV – Della divisione
Capo I – Disposizioni generali ∙ 713 ∙ 714 ∙ 715 ∙ 716 ∙ 717 ∙ 718 ∙ 719 ∙ 720 ∙ 721 ∙ 722 ∙ 723 ∙ 724 ∙ 725 ∙ 726 ∙ 727 ∙ 728 ∙ 729 ∙ 730 ∙ 731 ∙ 732 ∙ 733 ∙ 734 ∙ 735 ∙ 736
Capo II – Della collazione ∙ 737 ∙ 738 ∙ 739 ∙ 740 ∙ 741 ∙ 742 ∙ 743 ∙ 744 ∙ 745 ∙ 746 ∙ 747 ∙ 748 ∙ 749 ∙ 750 ∙ 751
Capo III – Del pagamento dei debiti ∙ 752 ∙ 753 ∙ 754 ∙ 755 ∙ 756
Capo IV – Degli effetti della divisione e della garanzia delle quote ∙ 757 ∙ 758 ∙ 759 ∙ 760
Capo V – Dell’annullamento e della rescissione in materia di divisione ∙ 761 ∙ 762 ∙ 763 ∙ 764 ∙ 765 ∙ 766 ∙ 767 ∙ 768
Capo V Bis – Del patto di famiglia ∙ 768-bis ∙ 768-ter ∙ 768-quater ∙ 768-quinquies ∙ 768-sexies ∙ 768-septies ∙ 768-octies
Titolo V – Delle donazioni
Capo I – Disposizioni generali ∙ 769 ∙ 770 ∙ 771 ∙ 772 ∙ 773
Capo II – Della capacità di disporre e di ricevere per donazione ∙ 774 ∙ 775 ∙ 776 ∙ 777 ∙ 778 ∙ 779 ∙ 780 ∙ 781
Capo III – Della forma e degli effetti della donazione ∙ 782 ∙ 784 ∙ 785 ∙ 786 ∙ 787 ∙ 788 ∙ 789 ∙ 790 ∙ 791 ∙ 792 ∙ 793 ∙ 794 ∙ 795 ∙ 796 ∙ 797 ∙ 798 ∙ 799
Capo IV – Della revocazione delle donazioni ∙ 800 ∙ 801 ∙ 802 ∙ 803 ∙ 804 ∙ 805 ∙ 806 ∙ 807 ∙ 808 ∙ 809

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» CORTE APPELLO BOLOGNA TRIBUNALE DI BOLOGNA DANNO JURE PROPRIO IN INCIDENTE MORTALE La Corte si e’ soffermata sulla natura delle tabelle milanesi e sul come la loro inosservanza si ponga rispetto ai paradigmi dell’articolo 360 c.p.c., nella sentenza n. 4447 del 2014. In detta decisione la Corte si e’ soffermata su quello che ha individuato come il problema della “ritualita’ della deduzione come violazione di norma di diritto delle c.d. tabelle milanesi” ed ha svolto le seguenti considerazioni.

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI CESENA FORLI VEDOVO VEDOVA ESTROMESSI DA EREDITA’ DIRITTI DEI VEDOVI

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» CORTE APPELLO BOLOGNA TRIBUNALE DI BOLOGNA DANNO JURE PROPRIO IN INCIDENTE MORTALE La Corte si e’ soffermata sulla natura delle tabelle milanesi e sul come la loro inosservanza si ponga rispetto ai paradigmi dell’articolo 360 c.p.c., nella sentenza n. 4447 del 2014. In detta decisione la Corte si e’ soffermata su quello che ha individuato come il problema della “ritualita’ della deduzione come violazione di norma di diritto delle c.d. tabelle milanesi” ed ha svolto le seguenti considerazioni.

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI CESENA FORLI VEDOVO VEDOVA ESTROMESSI DA EREDITA’ DIRITTI DEI VEDOVI

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna