Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

CONCORDATO PREVENTIVO AVVOCATO PER RICHIESTA CONCORDATO DELLE SPA ex art. 161, comma 6, la domanda di concordato deve essere dichiarata inammissibile dal tribunale, ai sensi della L. Fall., art. 162, comma 2 Va tuttavia considerato, sotto un primo profilo, che, poiché rispetto al medesimo imprenditore ed alla medesima insolvenza il concordato non può che essere unico, qualora la procedura di concordato sia pendente non è configurabile un’ulteriore domanda di ammissione avente carattere di autonomia (cfr. Cass. n. 495/015), a meno che da quest’ultima non si desuma l’inequivoca volontà del proponente (pur se non espressa con formule sacramentali) di rinunciare a quella in precedenza depositata.

                   CONCORDATO PREVENTIVO AVVOCATO PER  RICHIESTA CONCORDATO DELLE SPA ex art. 161, comma 6, la domanda di concordato deve essere dichiarata inammissibile dal tribunale, ai sensi della L. Fall., art. 162, comma 2

ADSVETEMPODENATOSCRITTA

Va tuttavia considerato, sotto un primo profilo, che, poiché rispetto al medesimo imprenditore ed alla medesima insolvenza il concordato non può che essere unico, qualora la procedura di concordato sia pendente non è configurabile un’ulteriore domanda di ammissione avente carattere di autonomia (cfr. Cass. n. 495/015), a meno che da quest’ultima non si desuma l’inequivoca volontà del proponente (pur se non espressa con formule sacramentali) di rinunciare a quella in precedenza depositata.

Sotto altro profilo, va rilevato che le SS.UU., nelle sentenze sopra citate, hanno precisato che è inammissibile una domanda di concordato preventivo presentata dal debitore non per regolare la crisi dell’impresa, ma per procrastinare la dichiarazione di fallimento: in questo caso, infatti, la domanda integra gli estremi dell’abuso del processo, che ricorre quando, con violazione dei canoni generali di correttezza e buona fede e dei principi di lealtà processuale e del giusto processo, si utilizzano strumenti processuali per perseguire finalità deviate od eccedenti rispetto a quelle per le quali l’ordinamento le ha predisposte.

Sulla scorta delle considerazioni appena svolte, si può, in definitiva, affermare: che, In presenza di una domanda di concordato preventivo con riserva, il provvedimento del tribunale che abbia rigettato l’istanza di proroga del termine per il deposito della proposta, del piano e della documentazione di cui ai commi secondo e terzo della L. Fall., art. 161, resta insindacabile in sede di legittimità se congruamente motivato; che, respinta l’istanza di proroga e scaduto il termine concesso L. Fall., ex art. 161, comma 6, la domanda di concordato deve essere dichiarata inammissibile dal tribunale, ai sensi della L. Fall., art. 162, comma 2; che, tuttavia, va fatta salva la facoltà per il proponente, in pendenza dell’udienza fissata per la dichiarazione di inammissibilità, ovvero anche per l’esame di eventuali istanze di fallimento, di depositare una nuova domanda di concordato, ai sensi della L. Fall., art. 161, comma 1, (corredata della proposta, del piano e dei documenti), dalla quale si desuma la rinuncia a quella con riserva, sempre che la nuova domanda non si traduca in un abuso dello strumento concordatario

ADENAROTEMPO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CECCHERINI Aldo                             –  Presidente   –

Dott. NAPPI      Aniello                          –  Consigliere  –

Dott. DIDONE     Antonio                          –  Consigliere  –

Dott. CRISTIANO  Magda                       –  rel. Consigliere  –

Dott. FERRO      Massimo                          –  Consigliere  –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 19048/2013 proposto da:

_________________________ S.P.A. IN LIQUIDAZIONE, (c.f.  (OMISSIS),

in  persona dei Liquidatori pro tempore, elettivamente domiciliata in

ROMA,  VIA  _________________________,  presso  l’avvocato  ________

__________,  rappresentata e difesa dall’avvocato __________________,

giusta procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

FALLIMENTO  DELLA  ____________________S.P.A. IN  LIQUIDAZIONE,  in

persona  del Curatore dott.         S.E., elettivamente domiciliato

in  ROMA,  VIA  _____________, presso l’avvocato  ________________,

rappresentato  e  difeso dall’avvocato ___________________,  giusta

procura a margine del controricorso;

– controricorrente –

contro

____________________. IN LIQUIDAZIONE;

– intimata –

avverso  la  sentenza  n. 84/2013 della CORTE  D’APPELLO  di  NAPOLI,

depositata il 27/06/2013;

udita  la  relazione  della causa svolta nella pubblica  udienza  del

10/11/2015 dal Consigliere Dott. MAGDA CRISTIANO;

udito,  per la ricorrente, l’Avvocato ______________ che ha chiesto

l’accoglimento del ricorso;

udito,  per il controricorrente, l’Avvocato __________________,  con

delega, che ha chiesto il rigetto del ricorso;

udito  il  P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale  Dott.

SOLDI Anna Maria, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il Tribunale di Napoli, con sentenza del 6.3.2013, dichiarò il fallimento di _________________________s.p.a. in liquidazione e, con coevo decreto, l’inammissibilità della domanda di concordato preventivo presentata dalla società il 28.9.012, ai sensi del 6 comma dell’art. 161 l. fall., a seguito della mancata approvazione da parte dei creditori di una prima domanda depositata nel gennaio del 2011.

Con successivo decreto, del 25.3.013, dichiarò improcedibile –

attesa l’intervenuta dichiarazione di fallimento – una seconda domanda di concordato, depositata dalla _________________________ il 19 febbraio 2013.

Il reclamo proposto da _________________________contro la sentenza e contro i due decreti è stato respinto dalla Corte d’Appello di Napoli, che, per ciò che nella presente sede ancora interessa: ha ritenuto sussistenti i requisiti dimensionali di fallibilità della società; ha confermato la dichiarazione di inammissibilità della domanda di concordato preventivo depositata ai sensi della L. Fall., art. 161, comma 6, rilevando che la _________________________ non aveva presentato la proposta, il piano e la documentazione entro il termine assegnatole e che andava condiviso il giudizio del tribunale in ordine all’assenza di giustificati motivi per prorogare detto termine, atteso che la reclamante – che era in liquidazione, non svolgeva più alcuna attività ed era priva di beni – solo pochi mesi prima aveva presentato una domanda di concordato ai sensi della L. Fall., art. 161, comma 1, corredata di analitica proposta; ha infine escluso che il fallimento non potesse essere dichiarato a seguito dell’avvenuto deposito, in data anteriore alla sentenza dichiarativa, di un’ulteriore domanda di concordato preventivo, che appariva strumentalmente preordinata ad evitare l’esame del ricorso per l’accertamento dello stato di insolvenza presentato dalla creditrice _________________________s.a.s.. La sentenza è stata impugnata da _________________________s.p.a. in liquidazione con ricorso per cassazione affidato a tre motivi e illustrato da memoria, cui il Fallimento ha resistito con controricorso.

La creditrice istante non ha svolto attività difensiva.

ADENAROSVEGLIASCRITTAMOTIVI DELLA DECISIONE

1) Con il primo motivo la ricorrente, lamentando violazione della L. Fall., art. 18, nonché vizio di omessa pronuncia e/o di omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio, sostiene che la corte del merito non solo sarebbe venuta meno al dovere di rivalutare complessivamente tutta la vicenda, ma non avrebbe dato risposta ai motivi di reclamo con i quali era stata dedotta l’erroneità della sentenza dichiarativa sia nella parte in cui affermava che non erano in contestazione i requisiti di fallibilità di cui alla L. Fall., art. 1, sia nella parte in cui, nonostante le ampie e tempestive difese da essa svolte per dimostrare l’infondatezza della pretesa creditoria di _________________________, aveva ritenuto sussistente lo stato di insolvenza.

Il motivo, in parte infondato e in parte inammissibile, deve essere respinto.

In primo luogo, la corte territoriale – premesso che col reclamo la società aveva censurato la sentenza dichiarativa per aver ritenuto incontestata la ricorrenza dei requisiti di cui alla L. Fall., art. 1, comma 2, – ha osservato che, indipendentemente dalla contestazione, dall’esame dei bilanci dell’_________________________ non emergeva il mancato superamento delle soglie al di sotto delle quali l’imprenditore commerciale non è assoggettabile a fallimento:

contrariamente a quanto si sostiene nel motivo, la questione è stata perciò espressamente affrontata dal giudice a quo, che ne ha negato la fondatezza nel merito, in base ad una valutazione in fatto che non risulta in alcun modo investita dalle critiche della ricorrente.

Non risulta, invece, che in sede di reclamo l’_________________________abbia dedotto l’erroneità dell’accertamento del tribunale concernente il suo stato di insolvenza, che, a prescindere dal mancato pagamento del credito della _________________________, il primo giudice ben avrebbe potuto fondare su ulteriori risultanze istruttorie, a cominciare da quelle emergenti dalla stessa domanda di concordato.

Va in proposito ricordato che il reclamo L. Fall., ex art. 18, pur non essendo soggetto ai limiti di cui agli artt. 342 e 345 c.p.c., deve comunque contenere l’esposizione dei fatti e degli elementi di diritto su cui si fonda, con le relative conclusioni: esso, dunque, non si configura quale mezzo di impugnazione a critica illimitata, in cui è sufficiente lamentare l’illegittimità della decisione per ottenere il riesame completo della res iudicanda, ma come mezzo che devolve alla cognizione del giudice ad quem le sole questioni tempestivamente dedotte dal reclamante (cfr., da ultimo, Cass. nn. 12706/014, 6306/014).

La ricorrente, che sembra confondere il presupposto oggettivo di cui alla L. Fall., art. 5, (in effetti desumibile anche da un solo inadempimento) col presupposto soggettivo di cui all’art. 6, comma 1, (la cui eventuale mancanza, per l’accertata insussistenza del credito dell’istante, comporta il rigetto della domanda di fallimento in quanto presentata da soggetto non legittimato, indipendentemente dalla ricorrenza dello stato di insolvenza) non poteva pertanto limitarsi a denunciare sul punto un vizio di omessa motivazione, o di omessa pronuncia, della sentenza impugnata ma, in ossequio al principio di specificità del ricorso, avrebbe dovuto chiarire in base a quali fatti il giudice di primo grado aveva ritenuto che essa non fosse più in grado di assolvere con mezzi normali alle proprie obbligazioni e richiamare nel motivo quei passi del reclamo in cui aveva dedotto l’insussistenza e/o l’irrilevanza di quei fatti.

Peraltro, ove mai il tribunale avesse fondato il proprio accertamento sull’unica circostanza del mancato pagamento del credito di _________________________ (con la conseguenza che _________________________, assumendo in sede di reclamo che il credito dell’istante non era nè certo nè liquido, avrebbe contestato, ad un tempo, la ricorrenza di entrambi i presupposti di cui si è detto) la censura risulterebbe infondata, in quanto la corte territoriale ha esaminato e respinto la doglianza in base all’incontroverso (e indubbiamente dirimente) rilievo che il credito, rimasto insoluto, era portato da titolo esecutivo giudiziario definitivo.

2) Il secondo ed il terzo motivo del ricorso investono i capi della sentenza impugnata con i quali la corte del merito ha dichiarato inammissibile la domanda di concordato depositata ai sensi della L. Fall., art. 161, comma 6, ed ha escluso che la dichiarazione di fallimento fosse subordinata all’esame dell’ulteriore domanda presentata da _________________________ nel febbraio 2013.

2.1) La ricorrente sostiene che il giudice del reclamo avrebbe erroneamente applicato l’art. 161 cit., comma 9, che riguarda soltanto la nuova forma di domanda concordataria “con riserva” introdotta, con decorrenza dall’11.9.012, dal D.L. n. 83 del 2012, convertito nella L. n. 134 del 2012, e non opera se nel biennio antecedente sia stata invece presentata, come nella specie, una domanda di concordato “piena” dichiarata inammissibile per il mancato raggiungimento delle maggioranze richieste. 2.2) Assume, inoltre, che altrettanto erroneamente la corte avrebbe decretato, sempre ai sensi del predetto comma 9, l’inammissibilità della domanda depositata il 19 febbraio, che non integrava una nuova proposta concordataria, ma costituiva mero scioglimento della riserva formulata nella domanda prenotativa anteriormente avanzata.

2.3) Lamenta, ancora, che la sua richiesta di ottenere una proroga del termine di 60 giorni assegnatole per la presentazione della proposta, del piano e della documentazione, sia stata respinta con decisione sanzionatoria e contraria alla lettera, oltre che allo spirito, della legge, ovvero senza tener conto che il ritardo nello scioglimento della riserva era dipeso da fatti che non le erano imputabili.

2.4) Osserva poi che, in ogni caso, il termine di cui alla L. Fall., art. 161, u.c., non è perentorio, tanto che ne è prevista la proroga, sicché neppure potrebbe rilevare l’avvenuta presentazione della proposta, del piano e dei documenti in data successiva al suo scadere.

2.5) Deduce, infine, che il rifiuto dei giudici del merito di esaminare la nuova domanda non poteva fondarsi su un preteso abuso del diritto, non invocabile in materia e non rilevabile d’ufficio e che, poiché in caso di contemporanea pendenza di un procedimento di istruttoria prefallimentare e di uno di concordato preventivo il tribunale è tenuto a verificare preliminarmente l’attitudine della proposta e del piano al superamento dello stato di crisi dell’impresa, prima di decidere sull’istanza di fallimento il tribunale avrebbe dovuto convocarla in camera di consiglio per l’esame nel merito della domanda concordataria.

3) Anche questi motivi, che sono fra loro connessi e possono essere congiuntamente esaminati, devono essere respinti.

3.1) Le censure della ricorrente muovono da un’errata lettura della decisione impugnata, atteso che la corte partenopea non ha fatto applicazione della L. Fall., art. 161, comma 9, ma si è limitata a rilevare che, per un verso, la domanda di concordato depositata ai sensi del comma 6, del predetto articolo era inammissibile in quanto la debitrice non aveva presentato la proposta, il piano e i documenti entro il termine di 60 giorni (non prorogabile, stante l’assenza di giustificati motivi) di cui al comma 10, della articolo medesimo e, per l’altro, che il deposito di una terza domanda, avente natura chiaramente dilatoria, non poteva pregiudicare l’esame dell’istanza di fallimento.

Risultano dunque inammissibili, perché prive di riferimento al decisum, le ragioni di doglianza sintetizzate sub. 2.1) e 2.2).

3.2) L’assunto della _________________________, secondo cui nel febbraio del 2013 essa non aveva fatto altro che provvedere allo scioglimento della riserva formulata nella domanda di concordato avanzata ai sensi della L. Fall., art. 161, comma 6, sembra poi non tener conto che la corte del merito, nel dichiarare inammissibile la domanda depositata il 19 febbraio, l’ha qualificata come nuova.

Tuttavia, poiché dall’esame complessivo dei motivi può desumersi tanto l’intento di contrastare detta qualificazione quanto quello di contestare, in ogni caso, la legittimità di una sentenza dichiarativa emessa nonostante la pendenza di una domanda di concordato completa in ogni sua parte (a prescindere dalla sua qualificazione ai sensi della L. Fall., art. 161, comma 1 o 6), appare necessario seguire interamente il filo del ragionamento della ricorrente e chiarire le ragioni per le quali non può essere condiviso.

3.4) Va innanzitutto affermata la natura perentoria del termine concesso dal giudice al debitore per la presentazione della proposta, del piano e dei documenti relativi alla domanda di concordato c.d.

“con riserva” o “in bianco”.

Il termine in questione, infatti, non è prorogabile a mera richiesta della parte o addirittura d’ufficio, ma solo in presenza di giustificati motivi, che devono essere allegati dal richiedente e verificati dal giudice, cosicché la sua disciplina, lungi dall’essere assimilabile a quella di cui all’art. 154 c.p.c., risulta, piuttosto, mutuata da quella dell’art. 153 c.p.c..

Inoltre, come è reso chiaro dell’ultimo periodo dell’art. 161, comma 6, si tratta di un termine decadenziale, alla cui mancata osservanza si ricollega la sanzione di inammissibilità della domanda.

L’accertamento della ricorrenza di giustificati motivi per la proroga costituisce poi espressione di un apprezzamento in fatto, non sindacabile in sede di legittimità se non per vizio di motivazione:

vizio che, nella specie la ricorrente non ha dedotto in rubrica, né ha specificamente illustrato in ricorso, limitandosi a rilevare (senza riprodurre l’istanza di proroga e gli eventuali documenti ad essa allegati, né indicare l’esatta sede processuale in cui gli stessi sarebbero stati prodotti) di non essere riuscita ad acquisire in tempo utile presso la Banca d’Italia, per fatti ad essa non imputabili, le informazioni (deve presumersi della c.d. Centrale Rischi) necessarie per valutare la sua esposizione bancaria, che non solo avrebbero potuto essere richieste alle banche creditrici, ma che (come implicitamente affermato dalla corte territoriale) dovevano, in ogni caso, essere già state acquisite in vista della presentazione della prima domanda di concordato.

3.5) Esposte le ragioni di rigetto delle censure riassunte sub. 2.3) e 2.4) (che si sono esaminate percorrendo l’ipotesi che _________________________ il 19.2.013 si sia limitata a depositare il piano, la proposta e i documenti al fine di dare tardiva esecuzione agli adempimenti richiesti dalla L. Fall., art. 161, comma 6) resta da ancora da verificare se, nella diversa ipotesi (in concreto ritenuta sussistente dai giudici del merito) di avvenuta presentazione, in quella data, di una nuova domanda di concordato, la corte territoriale abbia errato nell’escludere che la dichiarazione di fallimento fosse subordinata alla preventiva delibazione della sua ammissibilità.

L’interrogativo si pone, giacché le SS.UU. di questa Corte, con le recenti sentenze nn. 9935 – 9936/015, hanno affermato che – ancorché
non si possa ravvisare un rapporto di pregiudizialità tecnica fra il procedimento di concordato preventivo e quello per la dichiarazione di fallimento – durante la pendenza del primo, sia esso in fase di ammissione, di approvazione o di omologazione, non può ammettersi l’autonomo corso del secondo, che si concluda con la dichiarazione di fallimento indipendentemente dal verificarsi di uno degli eventi previsti dalla L. Fall., artt. 162, 173, 179 e 180, essendo maggiormente coerente col sistema ritenere che il fallimento non possa intervenire finché la procedura di concordato non abbia avuto esito negativo.

Va osservato, d’altro canto, che, ai sensi della L. Fall., art. 161, comma 9, al debitore non ammesso al concordato di cui al comma 6, è precluso unicamente di ripresentare nel biennio una nuova domanda di concordato con riserva.

Dal dato testuale, che non autorizza interpretazioni estensive od analogiche, può dunque ricavarsi, a contrario, che il medesimo debitore può presentare una nuova domanda di concordato ai sensi del comma 1, dell’articolo citato.

Va tuttavia considerato, sotto un primo profilo, che, poiché rispetto al medesimo imprenditore ed alla medesima insolvenza il concordato non può che essere unico, qualora la procedura di concordato sia pendente non è configurabile un’ulteriore domanda di ammissione avente carattere di autonomia (cfr. Cass. n. 495/015), a meno che da quest’ultima non si desuma l’inequivoca volontà del proponente (pur se non espressa con formule sacramentali) di rinunciare a quella in precedenza depositata.

Sotto altro profilo, va rilevato che le SS.UU., nelle sentenze sopra citate, hanno precisato che è inammissibile una domanda di concordato preventivo presentata dal debitore non per regolare la crisi dell’impresa, ma per procrastinare la dichiarazione di fallimento: in questo caso, infatti, la domanda integra gli estremi dell’abuso del processo, che ricorre quando, con violazione dei canoni generali di correttezza e buona fede e dei principi di lealtà processuale e del giusto processo, si utilizzano strumenti processuali per perseguire finalità deviate od eccedenti rispetto a quelle per le quali l’ordinamento le ha predisposte.

Sulla scorta delle considerazioni appena svolte, si può, in definitiva, affermare: che, In presenza di una domanda di concordato preventivo con riserva, il provvedimento del tribunale che abbia rigettato l’istanza di proroga del termine per il deposito della proposta, del piano e della documentazione di cui ai commi secondo e terzo della L. Fall., art. 161, resta insindacabile in sede di legittimità se congruamente motivato; che, respinta l’istanza di proroga e scaduto il termine concesso L. Fall., ex art. 161, comma 6, la domanda di concordato deve essere dichiarata inammissibile dal tribunale, ai sensi della L. Fall., art. 162, comma 2; che, tuttavia, va fatta salva la facoltà per il proponente, in pendenza dell’udienza fissata per la dichiarazione di inammissibilità, ovvero anche per l’esame di eventuali istanze di fallimento, di depositare una nuova domanda di concordato, ai sensi della L. Fall., art. 161, comma 1, (corredata della proposta, del piano e dei documenti), dalla quale si desuma la rinuncia a quella con riserva, sempre che la nuova domanda non si traduca in un abuso dello strumento concordatario.

Nel caso di specie è pacifico che, alla data del 19.2.013, in cui _________________________ depositò la terza domanda di concordato, era ancora pendente la procedura introdotta attraverso il deposito della domanda presentata ai sensi dell’art. 161, comma 6, che il tribunale non aveva ancora dichiarato inammissibile; può, peraltro, ritenersi altrettanto pacifico, proprio alla luce delle difese svolte nella presente sede dalla ricorrente, che nel presentare detta domanda la società non intese rinunciare a quella di concordato con riserva in precedenza depositata.

Tanto basterebbe ad escludere che, prima di dichiarare il fallimento, i giudici del merito fossero tenuti a valutare l’ammissibilità della nuova domanda.

Va aggiunto che il ricorso non contiene alcuna critica specifica al capo della sentenza impugnata con il quale la corte territoriale, nell’affermare che la reiterazione della domanda risultava preordinata ad evitare l’esame del ricorso di fallimento ed a procrastinare ulteriormente il diritto del creditore ricorrente a vedere deciso il procedimento da lui instaurato, ha accertato che _________________________ abusò dello strumento concordatario.

In conclusione, il ricorso deve essere integralmente respinto.

La novità delle questioni trattate giustifica la declaratoria di integrale compensazione fra le parti delle spese del giudizio.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e compensa le spese.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, si dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte della ricorrente di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per la stessa impugnazione.

Così deciso in Roma, il 10 novembre 2015.

Depositato in Cancelleria il 31 marzo 2016

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA ESTORSIONE Marito verso la sussistenza dell’elemento materiale del reato, cosi’ come le finalita’ della condotta contestata, proprio dall’analisi puntuale dei fatti, correttamente inquadrandoli, pero’, nell’abituale condotta di vita del (OMISSIS) e nel contesto abituale dei rapporti familiari dello stesso. Si tratta di una valutazione degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione, che e’ riservata in via esclusiva al giudice di merito, senza che, nel difetto di illogicita’ evidenti, possa integrare il vizio di legittimita’ la mera prospettazione di una diversa, e per il ricorrente piu’ adeguata, valutazione delle risultanze processuali (Sez. U., n. 6402 del 30/4/1997, rv. 207944; Sez. 4, n. 4842 del 02/12/2003, Rv. 229369).

» FAMIGLIA DI FATTO CONVIVENZE BOLOGNA SOMME VERSATE AL COMPAGNO VANNO RESTITUITE? AVVOCATO FAMIGLIARISTA BOLOGNA ad essere esenti dall’obbligo di restituzione sono, secondo la giurisprudenza, solo i versamenti effettuati per far fronte alle esigenze di vita quotidiana, indipendentemente dalle modalità di versamento (una tantum, mensili, ecc.) (Cass. n. 1277/2014).

» MALASANITA’ Sei stato vittima di un errore medico? AVVOCATO MALASANITA’ FORLI CESENA BOLOGNA Sei stato vittima di un errore medico? La legge Italiana tutela il diritto alla salute. La pratica e la realtà non sempre ci riescono. Se vuoi ottenere un equo risarcimento danni perché vittima di un errore medico, l’· interventi chirurgici dannosi malattie insorte durante la degenza e a causa di essa terapie mediche sbagliate consenso informato senza una vera informazione omessa informazione al paziente

» BOLOGNA DIVORZIO CON MOGLIE STRANIERA ALL’ESTERO COME DIVORZIARE DALLA MOGLIE STRANIERA CHE RiSIEDE ALL’ESTERO?

» E’ stata effettuata una diagnosi errata BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO C’è stato un errato o eccessivo dosaggio di farmaci BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO L’intervento chirurgico è stato eseguito in maniera errata BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Infezioni contratte in strutture ospedaliere BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Errata diagnosi prenatale e nascita indesiderata BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Errore in sala parto e gravi danni neurologici al neonato BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Ritardata diagnosi di tumore alla mammella BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Colpa dell’anestesista BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Carenza di consenso informato BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO

» DANNO ALL’IMMAGINE AVVOCATO RISARCIMENTO BOLOGNA Il danno alla reputazione e all’immagine, per pacifica giurisprudenza di questa Corte, è un danno-conseguenza che richiede, pertanto, specifica prova da parte di chi ne chiede il risarcimento (v., tra le altre, le sentenze 13 maggio 2011, n. 10527, 21 giugno 2011, n. 13614, e 14 maggio 2012, n. 7471); prova che il giudice di merito, con accertamento non sindacabile in questa sede, ha ritenuto non essere stata fornita dall’avv. C.. E, d’altra parte, mancando il carattere dell’antigiuridicità del comportamento della dott.ssa C., non vi sarebbe comunque spazio per un danno risarcibile.

» Successione ereditaria Bologna erede pretermesso Bologna , testamento, azione di riduzione Con la sentenza n. 24755 del 4 dicembre 2015, la Corte di Cassazione adita con ricorso dalle figlie, ha affermato che “il principio di intangibilità della legittima comporta che i diritti del legittimario debbano essere soddisfatti con beni o denaro provenienti dall’asse ereditario, con la conseguenza che l’eventuale divisione operata dal testatore contenente la disposizione per la quale le ragioni ereditarie di un riservatario debbano essere soddisfatte dagli eredi tra cui è divisa l’eredità’ mediante corresponsione di somma di denaro non compresa nel relictum è’ affetta da nullità ex art. 735, primo comma, cod. civ.”

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA FAENZA LUGO IMOLA Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti)

» EREDE QUOTA PRELAZIONE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA PADOVA, RAVENNA RIMINI CESENA FORLI QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TRIB ROVIGO CONCORDATO PREVENTIVO COLLABORAZIONE TRA IMPRENDITORE E COMMISSARI –AVVOCATO PER CONCORDATO PREVENTIVO osservato come l’orientamento espresso dalla Suprema Corte in altra sede conforti il principio espresso di necessaria collaborazione tra l’imprenditore e i commissari (“il termine fissato dal tribunale, ai sensi dell’art. 163 l.fall., per il deposito della somma che si presume necessaria per l’intera procedura ha carattere perentorio, atteso che la prosecuzione di quest’ultima richiede la piena disponibilità, da parte del commissario, dell’importo a tal fine destinato e questa esigenza può essere soddisfatta soltanto con la preventiva costituzione del fondo nel rispetto del predetto termine, da considerarsi quindi improrogabile, con conseguente inefficacia del deposito tardivamente effettuato” Cass. 21 aprile 2016, n. 8100; conf. Cass., 23 settembre 2016, n. 18704, Cass., 22 novembre 2012, n. 20667)

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» L’accertamento del diritto all’assegno divorzile si articola in due fasi, nella prima delle quali il giudice verifica l’esistenza del diritto in astratto, in relazione all’inadeguatezza dei mezzi del coniuge richiedente, raffrontati ad un tenore di vita analogo a quello avuto in costanza di matrimonio e che sarebbe presumibilmente proseguito in caso di continuazione dello stesso o quale poteva legittimamente e ragionevolmente configurarsi sulla base di aspettative maturate nel corso del rapporto, mentre nella seconda procede alla determinazione in concreto dell’ammontare dell’assegno, che va compiuta tenendo conto delle condizioni dei coniugi, delle ragioni della decisione e del contributo personale ed economico dato da ciascuno alla conduzione familiare e alla formazione del patrimonio di ognuno e di quello comune, nonché del reddito di entrambi, valutandosi tali elementi anche in rapporto alla durata del matrimonio. Nell’ambito di questo duplice accertamento assumono rilievo, sotto il profilo dell’onere probatorio, le risorse reddituali e patrimoniali di ciascuno dei coniugi, quelle effettivamente destinate al soddisfacimento dei bisogni personali e familiari, nonché le rispettive potenzialità economiche

» AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA ESTORSIONE Marito verso la sussistenza dell’elemento materiale del reato, cosi’ come le finalita’ della condotta contestata, proprio dall’analisi puntuale dei fatti, correttamente inquadrandoli, pero’, nell’abituale condotta di vita del (OMISSIS) e nel contesto abituale dei rapporti familiari dello stesso. Si tratta di una valutazione degli elementi di fatto posti a fondamento della decisione, che e’ riservata in via esclusiva al giudice di merito, senza che, nel difetto di illogicita’ evidenti, possa integrare il vizio di legittimita’ la mera prospettazione di una diversa, e per il ricorrente piu’ adeguata, valutazione delle risultanze processuali (Sez. U., n. 6402 del 30/4/1997, rv. 207944; Sez. 4, n. 4842 del 02/12/2003, Rv. 229369).

» ASSEGNO DIVORZIO BOLOGNA FORLI CESENA RAVENNA AVVOCATO ESPERTO Questa Corte ha già avuto modo di chiarire che in tema di diritto alla corresponsione dell’assegno di divorzio in caso di cessazione degli effetti civili del matrimonio, il parametro dell’adeguatezza dei mezzi rispetto al tenore di vita goduto durante la convivenza matrimoniale da uno dei coniugi viene meno di fronte alla instaurazione, da parte di questi, di una famiglia, ancorché di fatto, costituita da uno stabile modello di vita in comune, con la nascita di figli ed il trasferimento del nuovo nucleo in una abitazione messa a disposizione dal convivente. Da ciò consegue la cessazione del diritto all’assegno divorzile, a carico dell’altro coniuge, (Cass. 17195/11; 3923/12; 25845/13;Cass 6855/15).

» PEDONE INVESTIMENTO RESPONSABILITA’ AVVOCATO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA LUGO

» CURATORE FALLIMENTO POTERI AVVOCATO CIVILISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA RIMINI

» AVVOCATO PER EREDITA’ BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA IMOLA Il testamento – olografo o pubblico che sia – non deve necessariamente contenere, a pena di nullita’, le indicazioni catastali e di configurazione degli immobili cui si riferisce, essendo invece sufficiente, per la validita’ dell’atto, che questi siano comunque identificabili senza possibilita’ di confusioni, salva la necessita, la quale peraltro non attiene ad un requisito di regolarita’ e validita’ del testamento, che gli eredi, in sede di denuncia di successione e di trascrizione del testamento medesimo, provvedano essi ad indicare specificamente gli immobili predetti, menzionandone dati catastali, confinazioni ecc..

» AVVOCATO ESPERTO DIVISIONE EREDITARIA BOLOGNA FORLI CESENA RAVENNA Nell’ipotesi di divisione ereditaria, va escluso che l’assegnazione dei beni oggetto della divisione sia subordinata al previo pagamento del conguaglio in denaro

» LUGO FAENZA RAVENNA MALASANITA’,AVVOCATO PER MALASANITA’ E DANNO DA COLPA MEDICA danno responsabilità medica danno responsabilità medica prescrizione danno da responsabilità medica risarcimento danno responsabilità medica danno biologico responsabilità medica danno differenziale responsabilità medica calcolo danno responsabilità medica danno da responsabilità medica prescrizione danno patrimoniale responsabilità medica danno esistenziale responsabilità medica danno biologico responsabilità medica tabelle responsabilità medica calcolo danno biologico danno biologico da responsabilità medica responsabilità medica e danno biologico danno biologico per responsabilità medica responsabilità medica contrattuale e danno biologico atto di citazione risarcimento danno biologico responsabilità medica quantificazione danno biologico responsabilità medica liquidazione danno biologico responsabilità RISARCIMENTO MALASANITA’

» FAMIGLIA DI FATTO CONVIVENZE BOLOGNA SOMME VERSATE AL COMPAGNO VANNO RESTITUITE? AVVOCATO FAMIGLIARISTA BOLOGNA ad essere esenti dall’obbligo di restituzione sono, secondo la giurisprudenza, solo i versamenti effettuati per far fronte alle esigenze di vita quotidiana, indipendentemente dalle modalità di versamento (una tantum, mensili, ecc.) (Cass. n. 1277/2014).

» BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA IMOLA successionedei legittimari e successione legittima successione necessariaquote successionetestamentaria quote eredità fratello deceduto senza figli chi sono gli ascendenti eredità legittima in presenza di testamento successionelegittima nipoti figli di fratelli successione obbligatoria

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna