Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

ART 156 CC EFFETTI DELLA SEPARAZIONE SUI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA I CONIUGI .AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA Rapporti patrimoniali tra coniugi Art. 156 c.c. Effetti della separazione sui rapporti patrimoniali tra i coniugi Il giudice, pronunziando la separazione, stabilisce a vantaggio del coniuge cui non sia addebitabile la separazione il diritto di ricevere dall’altro coniuge quanto è necessario al suo mantenimento, qualora egli non abbia adeguati redditi propri.

ART 156 CC EFFETTI DELLA SEPARAZIONE SUI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA I CONIUGI .AVVOCATO MATRIMONIALISTA BOLOGNA

 

avvocato Sergio Armaroli Bologna

avvocato Sergio Armaroli Bologna

achiama subitoACLIPRIMOASEPLITAAFFIDOFIGLI

Rapporti patrimoniali tra coniugi

Art. 156 c.c. Effetti della separazione sui rapporti patrimoniali tra i coniugi

Il giudice, pronunziando la separazione, stabilisce a vantaggio del coniuge cui non sia addebitabile la separazione il diritto di ricevere dall’altro coniuge quanto è necessario al suo mantenimento, qualora egli non abbia adeguati redditi propri.

L’entità di tale somministrazione è determinata in relazione alle circostanze e ai redditi dell’obbligato.

Resta fermo l’obbligo di prestare gli alimenti di cui agli articoli 433 e seguenti.

Il giudice che pronunzia la separazione può imporre al coniuge di prestare idonea garanzia reale o personale se esiste il pericolo che egli possa sottrarsi all’adempimento degli obblighi previsti dai precedenti commi e dall’articolo 155.

La sentenza costituisce titolo per l’iscrizione dell’ipoteca giudiziale ai sensi dell’articolo 2818.

In caso di inadempienza, su richiesta dell’avente diritto, il giudice può disporre il sequestro di parte dei beni del coniuge obbligato e ordinare ai terzi, tenuti a corrispondere anche periodicamente somme di danaro all’obbligato, che una parte di essa venga versata direttamente agli aventi diritto.

Qualora sopravvengano giustificati motivi il giudice, su istanza di parte, può disporre la revoca o la modifica dei provvedimenti di cui ai commi precedenti.

all’assegnazione della casa coniugale di Giarre, … , di esclusiva proprietà del B., non risultando la C. affidataria di prole minorenne o convivente con figli maggiorenni non autosufficienti, la corte territoriale, sulla base della rilevata maggiore consistenza del patrimonio immobiliare del marito ha affermato che alla moglie andava riconosciuto il diritto a un “contributo di natura immobiliare”, determinato nella sistemazione abitativa nell’immobile sopra indicato, con la precisazione che l’onere a carico del marito corrisponde “nella sostanza ad un assegno pecuniario mensile pari al godimento del medesimo immobile, ossia al canone di locazione dell’appartamento determinato a norma del mercato e delle leggi vigenti.” Tale determinazione non pecca di indeterminatezza, perché il valore economico relativo, se non determinato, certamente è determinabile così come non sussiste contraddizione tra il mancato riconoscimento dell’assegnazione e l’attribuzione di un “contributo di natura immobiliare” di natura analoga, ma anche diversa, nella sua atipicità, rispetto all’assegnazione.

Tuttavia la pronuncia di cui si tratta, si basa su un’interpretazione estensiva dell’art. 156 c.c., che questa Corte ha più volte ritenuto non essere consentita (ex multis v. Cass. n. 13747/2003, 5857/2002, 9073/2000) stante il carattere eccezionale della norma, dettata nell’esclusivo interesse della prole minorenne. La sentenza impugnata, che non si è attenuta a tale principio deve essere pertanto cassata, con rinvio alla corte d’appello di Catania, in diversa composizione, che provvederà anche sulle spese di questo giudizio di legittimità.

P.Q.M.

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE I CIVILE

Sentenza 23 novembre 2007, n. 24407

Motivi della decisione

  1. Con il primo motivo, deducendo la violazione e falsa applicazione degli articoli 156 e 2697 c.c. e 116 c.p.c, nonché vizio di motivazione il ricorrente lamenta che la corte d’appello di Catania abbia proceduto alla comparazione delle situazioni economiche delle parti senza previamente accertare il tenore di vita matrimoniale e l’insufficienza dei mezzi della C.. Ritiene che illogicamente la corte, dopo avere accertato che, sul piano della percezione di redditi la situazione delle parti era equivalente, ha stabilito un contributo a favore della moglie a suo carico. Afferma, inoltre, che sarebbe errata la ricostruzione del patrimonio delle parti, perché: a) non è vero che la casa della C. a Macchia di Giarre non è abitabile, perché ciò risulterebbe solo da una perizia di parte, prodotta dalla moglie; b) esso ricorrente non è proprietario di un locale terreno a Giarre, piazza *****, in quanto tale bene, come è pacifico tra le parti, era stato venduto prima del 2000.

Con il secondo mezzo, deducendo la violazione e falsa applicazione degli articoli 156 e 2697 c.c. e 116 c.p.c, nonché vizio di motivazione si censura l’affermazione secondo cui esso ricorrente sarebbe stato proprietario di una casa a Macchia di Giarre, Via ***, in quanto, essendo stato acquistato dopo la separazione, tale bene non poteva essere valutato ai fini della comparazione tra le situazioni economiche. Inoltre la corte territoriale non avrebbe valutato il suo stato di salute.

Con il terzo motivo si deduce la violazione dell’art. 156 c.c. e vizio di motivazione, lamentando che la corte territoriale in violazione del principio secondo cui il contributo di mantenimento deve consistere in un’obbligazione di natura personale di valore determinato, avrebbe imposto un vincolo reale, che costituirebbe un’espropriazione per un titolo non previsto, tra l’altro di valore superiore alle stesse 200.000 lire mensili, stabilite in sede presidenziale, senza che risulti il motivo dell’aggravamento dell’onere.

Con il quarto motivo, deducendo la violazione degli articoli 155 e 156 c.c. e vizio motivazionale, il ricorrente censura la sentenza impugnata per avere assegnato il godimento della casa di Giarre, *****, di proprietà esclusiva di esso ricorrente, che aveva cessato di essere casa familiare con la dissoluzione della convivenza tra i componenti della famiglia, in violazione del principio secondo cui tale assegnazione è possibile solo in presenza di figli minori o maggiorenni conviventi e non autosufficienti. Tra l’altro la motivazione sul punto sarebbe contraddittoria perché da un lato viene negato il diritto all’assegnazione della casa familiare e dall’altro si è proceduta alla concessione di “sistemazione abitativa” nell’appartamento sopra indicato.

Con il quinto motivo, deducendo la violazione degli articoli 155 e 156 c.c. e vizio motivazionale, il ricorrente denuncia che la corte territoriale abbia omesso di pronunciare sulla sua domanda di condanna della moglie al pagamento di un assegno di mantenimento in suo favore, domanda formulata con l’appello incidentale condizionato.

  1. Il primo, il secondo e il quinto motivo sono in parte inammissibili e in parte infondati. Sono inammissibili le censure dirette nei confronti di giudizi di fatto compiuti dalla corte territoriale e basati su argomentazioni corrette e immuni da visi logici e giuridici. In particolare è incensurabile in questa sede la ricostruzione del patrimonio dei coniugi e non può essere esaminata la dedotta mancata valutazione dello stato di salute poiché il ricorso, in violazione del principio di autosufficienza, non indica le specifiche condizioni patologiche né, analiticamente, i documenti dai quali le condizioni stesse risulterebbero, e pertanto è impossibile Valutare la natura decisiva della circostanza di fatto di cui sarebbe stata omessa la valutazione. Non c’è alcuna contraddizione nell’avere affermato il diritto della C. a un contributo a carico del marito, sulla base dell’accertamento di una sua situazione patrimoniale inferiore a quella del marito, e la valutazione di equivalenza della situazione reddituale, essendo la componente patrimoniale e quella dei redditi comprese nell’ampio concetto di “sostanze”, ma, ovviamente. concettualmente e giuridicamente distinte. Non è vero, inoltre, che la corte non abbia accertato l’insufficienza dei messi della C. per consentirle il mantenimento del tenore di vita coniugale, perché la corte d’appello ha espressamente affermato (pag. 8 della sentenza) che il “contributo immobiliare” a carico del B. avrebbe consentito alla moglie di conservare un tenore di vita analogo a quello goduto in costanza di matrimonio. Quanto alla domanda di determinazione di un assegno di mantenimento a proprio favore, la pronuncia di rigetto è implicita nel riconoscimento di tale diritto alla C., sulla base di un’argomentazione basata sul giudizio di prevalenza della situazione patrimoniale del B..
  2. Sono fondati, per quanto di ragione, il terzo e il quarto motivo. Dopo avere negato il diritto all’assegnazione della casa coniugale di Giarre, … , di esclusiva proprietà del B., non risultando la C. affidataria di prole minorenne o convivente con figli maggiorenni non autosufficienti, la corte territoriale, sulla base della rilevata maggiore consistenza del patrimonio immobiliare del marito ha affermato che alla moglie andava riconosciuto il diritto a un “contributo di natura immobiliare”, determinato nella sistemazione abitativa nell’immobile sopra indicato, con la precisazione che l’onere a carico del marito corrisponde “nella sostanza ad un assegno pecuniario mensile pari al godimento del medesimo immobile, ossia al canone di locazione dell’appartamento determinato a norma del mercato e delle leggi vigenti.” Tale determinazione non pecca di indeterminatezza, perché il valore economico relativo, se non determinato, certamente è determinabile così come non sussiste contraddizione tra il mancato riconoscimento dell’assegnazione e l’attribuzione di un “contributo di natura immobiliare” di natura analoga, ma anche diversa, nella sua atipicità, rispetto all’assegnazione.

Tuttavia la pronuncia di cui si tratta, si basa su un’interpretazione estensiva dell’art. 156 c.c., che questa Corte ha più volte ritenuto non essere consentita (ex multis v. Cass. n. 13747/2003, 5857/2002, 9073/2000) stante il carattere eccezionale della norma, dettata nell’esclusivo interesse della prole minorenne. La sentenza impugnata, che non si è attenuta a tale principio deve essere pertanto cassata, con rinvio alla corte d’appello di Catania, in diversa composizione, che provvederà anche sulle spese di questo giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso per quanto di ragione, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese di questo giudizio alla corte d’appello di Catania in diversa composizione.

Consulenze legali Bologna su contratti compravendita avvocato Bologna :studio legale a Bologna avvocato Sergio Armaroli,consulenza legale Bologna, contratti .immobiliari Bologna, contratti Bologna

Consulenze legali Bologna su contratti compravendita avvocato Bologna :studio legale a Bologna avvocato Sergio Armaroli,consulenza legale Bologna, contratti .immobiliari Bologna, contratti Bologna

art 156SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE

SEZIONE I CIVILE

Sentenza 23 novembre 2007, n. 24407

Motivi della decisione

  1. Con il primo motivo, deducendo la violazione e falsa applicazione degli articoli 156 e 2697 c.c. e 116 c.p.c, nonché vizio di motivazione il ricorrente lamenta che la corte d’appello di Catania abbia proceduto alla comparazione delle situazioni economiche delle parti senza previamente accertare il tenore di vita matrimoniale e l’insufficienza dei mezzi della C.. Ritiene che illogicamente la corte, dopo avere accertato che, sul piano della percezione di redditi la situazione delle parti era equivalente, ha stabilito un contributo a favore della moglie a suo carico. Afferma, inoltre, che sarebbe errata la ricostruzione del patrimonio delle parti, perché: a) non è vero che la casa della C. a Macchia di Giarre non è abitabile, perché ciò risulterebbe solo da una perizia di parte, prodotta dalla moglie; b) esso ricorrente non è proprietario di un locale terreno a Giarre, piazza *****, in quanto tale bene, come è pacifico tra le parti, era stato venduto prima del 2000.

Con il secondo mezzo, deducendo la violazione e falsa applicazione degli articoli 156 e 2697 c.c. e 116 c.p.c, nonché vizio di motivazione si censura l’affermazione secondo cui esso ricorrente sarebbe stato proprietario di una casa a Macchia di Giarre, Via ***, in quanto, essendo stato acquistato dopo la separazione, tale bene non poteva essere valutato ai fini della comparazione tra le situazioni economiche. Inoltre la corte territoriale non avrebbe valutato il suo stato di salute.

Con il terzo motivo si deduce la violazione dell’art. 156 c.c. e vizio di motivazione, lamentando che la corte territoriale in violazione del principio secondo cui il contributo di mantenimento deve consistere in un’obbligazione di natura personale di valore determinato, avrebbe imposto un vincolo reale, che costituirebbe un’espropriazione per un titolo non previsto, tra l’altro di valore superiore alle stesse 200.000 lire mensili, stabilite in sede presidenziale, senza che risulti il motivo dell’aggravamento dell’onere.

Con il quarto motivo, deducendo la violazione degli articoli 155 e 156 c.c. e vizio motivazionale, il ricorrente censura la sentenza impugnata per avere assegnato il godimento della casa di Giarre, *****, di proprietà esclusiva di esso ricorrente, che aveva cessato di essere casa familiare con la dissoluzione della convivenza tra i componenti della famiglia, in violazione del principio secondo cui tale assegnazione è possibile solo in presenza di figli minori o maggiorenni conviventi e non autosufficienti. Tra l’altro la motivazione sul punto sarebbe contraddittoria perché da un lato viene negato il diritto all’assegnazione della casa familiare e dall’altro si è proceduta alla concessione di “sistemazione abitativa” nell’appartamento sopra indicato.

Con il quinto motivo, deducendo la violazione degli articoli 155 e 156 c.c. e vizio motivazionale, il ricorrente denuncia che la corte territoriale abbia omesso di pronunciare sulla sua domanda di condanna della moglie al pagamento di un assegno di mantenimento in suo favore, domanda formulata con l’appello incidentale condizionato.

  1. Il primo, il secondo e il quinto motivo sono in parte inammissibili e in parte infondati. Sono inammissibili le censure dirette nei confronti di giudizi di fatto compiuti dalla corte territoriale e basati su argomentazioni corrette e immuni da visi logici e giuridici. In particolare è incensurabile in questa sede la ricostruzione del patrimonio dei coniugi e non può essere esaminata la dedotta mancata valutazione dello stato di salute poiché il ricorso, in violazione del principio di autosufficienza, non indica le specifiche condizioni patologiche né, analiticamente, i documenti dai quali le condizioni stesse risulterebbero, e pertanto è impossibile Valutare la natura decisiva della circostanza di fatto di cui sarebbe stata omessa la valutazione. Non c’è alcuna contraddizione nell’avere affermato il diritto della C. a un contributo a carico del marito, sulla base dell’accertamento di una sua situazione patrimoniale inferiore a quella del marito, e la valutazione di equivalenza della situazione reddituale, essendo la componente patrimoniale e quella dei redditi comprese nell’ampio concetto di “sostanze”, ma, ovviamente. concettualmente e giuridicamente distinte. Non è vero, inoltre, che la corte non abbia accertato l’insufficienza dei messi della C. per consentirle il mantenimento del tenore di vita coniugale, perché la corte d’appello ha espressamente affermato (pag. 8 della sentenza) che il “contributo immobiliare” a carico del B. avrebbe consentito alla moglie di conservare un tenore di vita analogo a quello goduto in costanza di matrimonio. Quanto alla domanda di determinazione di un assegno di mantenimento a proprio favore, la pronuncia di rigetto è implicita nel riconoscimento di tale diritto alla C., sulla base di un’argomentazione basata sul giudizio di prevalenza della situazione patrimoniale del B..
  2. Sono fondati, per quanto di ragione, il terzo e il quarto motivo. Dopo avere negato il diritto all’assegnazione della casa coniugale di Giarre, … , di esclusiva proprietà del B., non risultando la C. affidataria di prole minorenne o convivente con figli maggiorenni non autosufficienti, la corte territoriale, sulla base della rilevata maggiore consistenza del patrimonio immobiliare del marito ha affermato che alla moglie andava riconosciuto il diritto a un “contributo di natura immobiliare”, determinato nella sistemazione abitativa nell’immobile sopra indicato, con la precisazione che l’onere a carico del marito corrisponde “nella sostanza ad un assegno pecuniario mensile pari al godimento del medesimo immobile, ossia al canone di locazione dell’appartamento determinato a norma del mercato e delle leggi vigenti.” Tale determinazione non pecca di indeterminatezza, perché il valore economico relativo, se non determinato, certamente è determinabile così come non sussiste contraddizione tra il mancato riconoscimento dell’assegnazione e l’attribuzione di un “contributo di natura immobiliare” di natura analoga, ma anche diversa, nella sua atipicità, rispetto all’assegnazione.

Tuttavia la pronuncia di cui si tratta, si basa su un’interpretazione estensiva dell’art. 156 c.c., che questa Corte ha più volte ritenuto non essere consentita (ex multis v. Cass. n. 13747/2003, 5857/2002, 9073/2000) stante il carattere eccezionale della norma, dettata nell’esclusivo interesse della prole minorenne. La sentenza impugnata, che non si è attenuta a tale principio deve essere pertanto cassata, con rinvio alla corte d’appello di Catania, in diversa composizione, che provvederà anche sulle spese di questo giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso per quanto di ragione, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese di questo giudizio alla corte d’appello di Catania in diversa composizione.

ì

ì

Al fine del riconoscimento del diritto al mantenimento in favore del coniuge cui non sia addebitabile la separazione, è essenziale che questi sia privo di redditi che gli consentano di mantenere un tenore di vita analogo a quello goduto durante la convivenza e che sussista una disparità economica tra i due coniugi, non avendo rilievo che, prima della separazione, il coniuge richiedente avesse eventualmente tollerato, subito o – comunque – accettato un tenore di vita più modesto. E siccome la separazione instaura un regime che tende a conservare il più possibile gli effetti propri del matrimonio compatibili con la cessazione della convivenza e, quindi, anche il “tipo” di vita di ciascuno dei coniugi, se prima della separazione i coniugi hanno concordato – o, quanto meno, accettato – che uno di essi non lavorasse, l’efficacia di tale accordo permane anche dopo la separazione (Cass. Civ., sez. I, sentenza n. 25 agosto 2006, n. 18547, RV591588).

In tema di separazione personale dei coniugi, l’attitudine al lavoro proficuo dei medesimi, quale potenziale capacità di guadagno, costituisce elemento valutabile ai fini della determinazione della misura dell’assegno di mantenimento da parte del giudice, che deve al riguardo tenere conto non solo dei redditi in denaro ma anche di ogni utilità o capacità dei coniugi suscettibile di valutazione economica. Peraltro, l’attitudine del coniuge al lavoro assume in tal caso rilievo solo se venga riscontrata in termini di effettiva possibilità di svolgimento di un’attività lavorativa retribuita, in considerazione di ogni concreto fattore individuale ed ambientale, e non già di mere valutazioni astratte ed ipotetiche (Cass. Civ., sez. I, sentenza n. 25 agosto 2006, n. 18547, RV591587).

Al coniuge cui non sia addebitabile la separazione spetta, ai sensi dell’art. 156 cod. civ., un assegno tendenzialmente idoneo ad assicurargli un tenore di vita analogo a quello che aveva prima della separazione, sempre che non fruisca di redditi propri tali da fargli mantenere una simile condizione e che sussista una differenza di reddito tra i coniugi. La quantificazione dell’assegno deve tener conto delle circostanze (ai sensi del secondo comma del citato art. 156), consistenti in quegli elementi fattuali di ordine economico, o comunque apprezzabili in termini economici, diversi dal reddito dell’onerato, suscettibili di incidere sulle condizioni economiche delle parti (Cass. Civ., sez. I, sentenza 27 giugno 2006, n. 14840, RV589897).

Le dichiarazioni dei redditi dell’obbligato, in quanto svolgono una funzione tipicamente fiscale, non rivestono, in una controversia, relativa a rapporti estranei al sistema tributario, concernente l’attribuzione o la quantificazione dell’assegno di mantenimento, valore vincolante per il giudice della separazione personale tra coniugi, il quale, nella sua valutazione discrezionale, ben può fondare il suo convincimento su altre risultanze probatorie (Cass. Civ., sez. I, sentenza 12 giugno 2006, n. 13592, RV589530).

anzola dell’emilia separazioni e divorzi avvocato 2. argelato separazioni e divorzi avvocato 3. baricella separazioni e divorzi avvocato 4. bentivoglio separazioni e divorzi avvocato 5. bologna separazioni e divorzi avvocato 6. borgo tossignano separazioni e divorzi avvocato 7. budrio separazioni e divorzi avvocato 8. calderara di reno separazioni e divorzi avvocato 9. camugnano separazioni e divorzi avvocato10. casalecchio di reno separazioni e divorzi avvocato11. casalfiumanese separazioni e divorzi avvocato12. castel d’aiano separazioni e divorzi avvocato13. castel del rio separazioni e divorzi avvocato14. castel di casio separazioni e divorzi avvocato15. castel guelfo di b. separazioni e divorzi avvocato16. castel maggiore separazioni e divorzi avvocato17. castel san pietro terme separazioni e divorzi avvocato18. castello d’argile separazioni e divorzi avvocato19. castenaso separazioni e divorzi avvocato20. castiglione dei pepoli separazioni e divorzi avvocato21. crevalcore separazioni e divorzi avvocato22. dozza separazioni e divorzi avvocato23. fontanelice separazioni e divorzi avvocato24. gaggio montano separazioni e divorzi avvocato25. galliera separazioni e divorzi avvocato26. granaglione separazioni e divorzi avvocato27. granarolo dell’emilia separazioni e divorzi avvocato28. grizzana morandi separazioni e divorzi avvocato29. imola separazioni e divorzi avvocato30. lizzano in belvedere separazioni e divorzi avvocato31. loiano32. malalbergo separazioni e divorzi avvocato33. marzabotto separazioni e divorzi avvocato34. medicina separazioni e divorzi avvocato35. minerbio separazioni e divorzi avvocato36. molinella separazioni e divorzi avvocato37. monghidoro separazioni e divorzi avvocato38. monte san pietro separazioni e divorzi avvocato39. monterenzio separazioni e divorzi avvocato40. monzuno separazioni e divorzi avvocato41. mordano separazioni e divorzi avvocato42. ozzano dell’emilia separazioni e divorzi avvocato43. pianoro separazioni e divorzi avvocato44. pieve di cento separazioni e divorzi avvocato45. porretta terme separazioni e divorzi avvocato46. sala bolognese separazioni e divorzi avvocato47. san benedetto val di s. separazioni e divorzi avvocato48. san giorgio di piano separazioni e divorzi avvocato49. san giovanni in p. separazioni e divorzi avvocato50. san lazzaro di savena separazioni e divorzi avvocato51. san pietro in casale separazioni e divorzi avvocato52. sant’agata bolognese separazioni e divorzi avvocato53. sasso marconi separazioni e divorzi avvocato54. valsamoggia separazioni e divorzi avvocato

pratiche di separazione e divorzio,assistenza legale bologna

pratiche di separazione e divorzio assistenza legale casalfiumanese

pratiche di separazione e divorzio assistenza legale porretta terme

pratiche di separazione e divorzio assistenza legale crespellano

pratiche di separazione e divorzio assistenza legale baricella

pratiche di separazione e divorzio assistenza legale pianoro pratiche di separazione e divorzio assistenza legale zola predosa pratiche di separazione e divorzio assistenza legale molinella pratiche di separazione e divorzio assistenza legale sala bolognese pratiche di separazione e divorzio assistenza legale medicina pratiche di separazione e divorzio assistenza legale castel guelfo di bologna pratiche di separazione e divorzio assistenza legale assistenza legale budrio pratiche di separazione e divorzio assistenza legale castiglione dei pepoli pratiche di separazione e divorzio san benedetto val di sambro pratiche di separazione e divorzio crevalcore

pratiche di separazione e divorzio assistenza legale pianoro pratiche di separazione e divorzio assistenza legale zola predosa pratiche di separazione e divorzio assistenza legale molinella pratiche di separazione e divorzio assistenza legale sala bolognese pratiche di separazione e divorzio assistenza legale medicina pratiche di separazione e divorzio assistenza legale castel guelfo di bologna pratiche di separazione e divorzio assistenza legale assistenza legale budrio pratiche di separazione e divorzio assistenza legale castiglione dei pepoli pratiche di separazione e divorzio san benedetto val di sambro pratiche di separazione e divorzio crevalcore

pratiche di separazione e divorzio assistenza legale pianoro

pratiche di separazione e divorzio assistenza legale zola predosa

pratiche di separazione e divorzio assistenza legale molinella

pratiche di separazione e divorzio assistenza legale sala bolognese

pratiche di separazione e divorzio assistenza legale medicina

pratiche di separazione e divorzio assistenza legale castel guelfo di bologna

pratiche di separazione e divorzio assistenza legale assistenza legale budrio

pratiche di separazione e divorzio assistenza legale castiglione dei pepoli

pratiche di separazione e divorzio san benedetto val di sambro

pratiche di separazione e divorzio crevalcore

cause civili san pietro in casale,san giorgio di piano, cento,

cause penali san pietro in casale, san giorgio di piano, cento,

cause legali san pietro in casale

pratiche di successione san pietro in casale, san giorgio di piano, cento,

lo studio dell’avvocato sergio armaroli tratta diritto di famiglia, come: divorzi (divorzio giudiziale e divorzio congiunto), riconoscimento del matrimonio o divorzio realizzato all’estero, riconoscimento della separazione e del divorzio estero in italia, affidamento condiviso e congiunto, scioglimento del matrimonio e cessazione degli effetti civili, convenzioni matrimoniali, disconoscimento di paternità, filiazione, mantenimento del coniuge, mantenimento dei minori, assegno divorzile, addebito della separazione, risarcimento dei danni, adozioni, tutela dei minori, matrimonio misto, accordi di convivenza, diritto penale della famiglia, impresa familiare, violenze intrafamiliari, interdizione, inabilitazione, decadenza potestà genitori, sospensione potestà genitori, diritti degli ascendenti, dichiarazione giudiziale di paternità, strumenti a tutela del corretto adempimento delle obbligazioni alimentari, consulenza legale relativa a separazioni, divorzi, mediazione familiare, affidamento dei figli, accordi di convivenza, adozioni, variazioni alle condizioni di separazione e mediazione familiare, assistenza legale – assegno di mantenimento – assegno divorzile – diritto di famiglia – affidamento condiviso – separazione giudiziale

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» FAMIGLIA DI FATTO CONVIVENZE BOLOGNA SOMME VERSATE AL COMPAGNO VANNO RESTITUITE? AVVOCATO FAMIGLIARISTA BOLOGNA ad essere esenti dall’obbligo di restituzione sono, secondo la giurisprudenza, solo i versamenti effettuati per far fronte alle esigenze di vita quotidiana, indipendentemente dalle modalità di versamento (una tantum, mensili, ecc.) (Cass. n. 1277/2014).

» MALASANITA’ Sei stato vittima di un errore medico? AVVOCATO MALASANITA’ FORLI CESENA BOLOGNA Sei stato vittima di un errore medico? La legge Italiana tutela il diritto alla salute. La pratica e la realtà non sempre ci riescono. Se vuoi ottenere un equo risarcimento danni perché vittima di un errore medico, l’· interventi chirurgici dannosi malattie insorte durante la degenza e a causa di essa terapie mediche sbagliate consenso informato senza una vera informazione omessa informazione al paziente

» BOLOGNA DIVORZIO CON MOGLIE STRANIERA ALL’ESTERO COME DIVORZIARE DALLA MOGLIE STRANIERA CHE RiSIEDE ALL’ESTERO?

» E’ stata effettuata una diagnosi errata BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO C’è stato un errato o eccessivo dosaggio di farmaci BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO L’intervento chirurgico è stato eseguito in maniera errata BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Infezioni contratte in strutture ospedaliere BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Errata diagnosi prenatale e nascita indesiderata BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Errore in sala parto e gravi danni neurologici al neonato BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Ritardata diagnosi di tumore alla mammella BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Colpa dell’anestesista BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO Carenza di consenso informato BOLOGNA RAVENNA RIMINI FORLI CESENA ROVIGO VICENZA TREVISO BELLUNO

» DANNO ALL’IMMAGINE AVVOCATO RISARCIMENTO BOLOGNA Il danno alla reputazione e all’immagine, per pacifica giurisprudenza di questa Corte, è un danno-conseguenza che richiede, pertanto, specifica prova da parte di chi ne chiede il risarcimento (v., tra le altre, le sentenze 13 maggio 2011, n. 10527, 21 giugno 2011, n. 13614, e 14 maggio 2012, n. 7471); prova che il giudice di merito, con accertamento non sindacabile in questa sede, ha ritenuto non essere stata fornita dall’avv. C.. E, d’altra parte, mancando il carattere dell’antigiuridicità del comportamento della dott.ssa C., non vi sarebbe comunque spazio per un danno risarcibile.

» Successione ereditaria Bologna erede pretermesso Bologna , testamento, azione di riduzione Con la sentenza n. 24755 del 4 dicembre 2015, la Corte di Cassazione adita con ricorso dalle figlie, ha affermato che “il principio di intangibilità della legittima comporta che i diritti del legittimario debbano essere soddisfatti con beni o denaro provenienti dall’asse ereditario, con la conseguenza che l’eventuale divisione operata dal testatore contenente la disposizione per la quale le ragioni ereditarie di un riservatario debbano essere soddisfatte dagli eredi tra cui è divisa l’eredità’ mediante corresponsione di somma di denaro non compresa nel relictum è’ affetta da nullità ex art. 735, primo comma, cod. civ.”

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA FAENZA LUGO IMOLA Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti)

» EREDE QUOTA PRELAZIONE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA PADOVA, RAVENNA RIMINI CESENA FORLI QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

» TRIB ROVIGO CONCORDATO PREVENTIVO COLLABORAZIONE TRA IMPRENDITORE E COMMISSARI –AVVOCATO PER CONCORDATO PREVENTIVO osservato come l’orientamento espresso dalla Suprema Corte in altra sede conforti il principio espresso di necessaria collaborazione tra l’imprenditore e i commissari (“il termine fissato dal tribunale, ai sensi dell’art. 163 l.fall., per il deposito della somma che si presume necessaria per l’intera procedura ha carattere perentorio, atteso che la prosecuzione di quest’ultima richiede la piena disponibilità, da parte del commissario, dell’importo a tal fine destinato e questa esigenza può essere soddisfatta soltanto con la preventiva costituzione del fondo nel rispetto del predetto termine, da considerarsi quindi improrogabile, con conseguente inefficacia del deposito tardivamente effettuato” Cass. 21 aprile 2016, n. 8100; conf. Cass., 23 settembre 2016, n. 18704, Cass., 22 novembre 2012, n. 20667)

» QUOTA DI LEGITTIMA EREDE Le persone che hanno diritto alla riserva sono : CONIUGE, FIGLI, GENITORI il coniuge i figli (o i loro discendenti, se i figli sono premorti) i genitori (solo in assenza di figli)

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» LUGO FAENZA RAVENNA MALASANITA’,AVVOCATO PER MALASANITA’ E DANNO DA COLPA MEDICA danno responsabilità medica danno responsabilità medica prescrizione danno da responsabilità medica risarcimento danno responsabilità medica danno biologico responsabilità medica danno differenziale responsabilità medica calcolo danno responsabilità medica danno da responsabilità medica prescrizione danno patrimoniale responsabilità medica danno esistenziale responsabilità medica danno biologico responsabilità medica tabelle responsabilità medica calcolo danno biologico danno biologico da responsabilità medica responsabilità medica e danno biologico danno biologico per responsabilità medica responsabilità medica contrattuale e danno biologico atto di citazione risarcimento danno biologico responsabilità medica quantificazione danno biologico responsabilità medica liquidazione danno biologico responsabilità RISARCIMENTO MALASANITA’

» FAMIGLIA DI FATTO CONVIVENZE BOLOGNA SOMME VERSATE AL COMPAGNO VANNO RESTITUITE? AVVOCATO FAMIGLIARISTA BOLOGNA ad essere esenti dall’obbligo di restituzione sono, secondo la giurisprudenza, solo i versamenti effettuati per far fronte alle esigenze di vita quotidiana, indipendentemente dalle modalità di versamento (una tantum, mensili, ecc.) (Cass. n. 1277/2014).

» BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA IMOLA successionedei legittimari e successione legittima successione necessariaquote successionetestamentaria quote eredità fratello deceduto senza figli chi sono gli ascendenti eredità legittima in presenza di testamento successionelegittima nipoti figli di fratelli successione obbligatoria

» RISOLVI MALASANITA’ Sei stato vittima di un errore medico? AVVOCATO MALASANITA’ FORLI CESENA BOLOGNA Sei stato vittima di un errore medico? La legge Italiana tutela il diritto alla salute. La pratica e la realtà non sempre ci riescono. Se vuoi ottenere un equo risarcimento danni perché vittima di un errore medico, l’· interventi chirurgici dannosi malattie insorte durante la degenza e a causa di essa terapie mediche sbagliate consenso informato senza una vera informazione omessa informazione al paziente avvocato ti segue ovunque errori medici durante il parto diagnosi sbagliata o ritardata trasfusioni di sangue sbagliate rifiuto delle cure palliative (terapie del dolore) malformazione del feto danni da interventi estetici errore medico risarcimento danni risarcimento danni malasanità prescrizione risarcimento malasanità tempi risarcimento malasanità morte risarcimento danni per malasanità tabelle risarcimento danni malasanità

» MALASANITA’ Sei stato vittima di un errore medico? AVVOCATO MALASANITA’ FORLI CESENA BOLOGNA Sei stato vittima di un errore medico? La legge Italiana tutela il diritto alla salute. La pratica e la realtà non sempre ci riescono. Se vuoi ottenere un equo risarcimento danni perché vittima di un errore medico, l’· interventi chirurgici dannosi malattie insorte durante la degenza e a causa di essa terapie mediche sbagliate consenso informato senza una vera informazione omessa informazione al paziente

» Separazione marito moglie Bologna ,casa coniugale?assegno mantenimento entrambi? Vediamo

» BOLOGNA DIVORZIO CON MOGLIE STRANIERA ALL’ESTERO COME DIVORZIARE DALLA MOGLIE STRANIERA CHE RiSIEDE ALL’ESTERO?

» GLI EREDI LEGITTIMARI : LA LESIONE DELLA LEGITTIMA E L’AZIONE DI RIDUZIONE – IL LEGATO IN SOSTITUZIONE DELLA LEGITTIMA BOLOGNA L’IMPUGNAZIONE DELLE DONAZIONI Art. 588. Disposizioni a titolo universale e a titolo particolare.

» OME OTTENERE L’EREDITA’ CHE TI SPETTA AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA RAVENNA FAENZA CESENA FORLI Il testamento – olografo o pubblico che sia – non deve necessariamente contenere, a pena di nullita’, le indicazioni catastali e di configurazione degli immobili cui si riferisce, essendo invece sufficiente, per la validita’ dell’atto, che questi siano comunque identificabili senza possibilita’ di confusioni, salva la necessita, la quale peraltro non attiene ad un requisito di regolarita’ e validita’ del testamento, che gli eredi, in sede di denuncia di successione e di trascrizione del testamento medesimo, provvedano essi ad indicare specificamente gli immobili predetti, menzionandone dati catastali, confinazioni ecc..

» AVVOCATO PENALISTA BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA APPELLO PENALE RICORSI PER CASSAZIONE PENALE Lo Studio Legale dell’avvocato Sergio Armaroli di Bologna forte dell’esperienza maturata sul campo, offre dal 1991 consulenza ed assistenza legale, giudiziale nei diversi ambiti del diritto penale, svolgendo attività di consulenza ed assistenza legale nei confronti di persone giuridiche e di persone fisiche, avanti a tutti gli organi giurisdizionali italiani, ivi compresa la Suprema Corte di Cassazione.

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna