Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

IMPRESE CHE ESPORTANO IN ARABIA SAUDITA :COME FUNZIONA IL PROCESSO CIVILE IN ARABIA? AVVOCATO SPECIALIZZATO PROCESSO CIVLE IN ARABIA SAUDITA

IMPRESE CHE ESPORTANO IN ARABIA SAUDITA :COME FUNZIONA  IL PROCESSO CIVILE IN ARABIA? AVVOCATO SPECIALIZZATO PROCESSO CIVLE IN ARABIA SAUDITA

ARABIA BANDIERA

L’avvocato Sergio Armaroli esperto di diritto Saudita

Vanti un credito in Arabia Saudita?

La tua impresa è stata fermata  o chiamata in causa in Arabia Saudita?

Che fare?

avvocato cassazionista bella

Come difendersi?

Alla base della struttura giuridica musulmana sussistono quattro grandi scuole di pensiero, Hanbali, Shafii, Hanafi e, infine, la scuola Ma’lik, che hanno lo scopo di interpretare la legge Islamica.

Precedentemente all’unificazione dell’ordinamento saudita, i tribunali e i singoli giudici emettevano le proprie decisioni rifacendosi ad una delle citate correnti interpretative. Nell’ Hijaz predominavano le scuole Hanafi e Shafii, mentre l’insegnamento Hanbali deteneva un ruolo guida nel Najd.

A partire dal 1927, il Governo Saudita ha scelto i sei libri Hanbali quale unico riferimento interpretativo per le decisioni di tutte le corti di giustizia, con l’intento di creare un assetto giuridico omogeneo e coerente.

Il richiamo alle altre scuole di pensiero, come ogni altra scelta discrezionale da parte del giudice, è consentito nel solo caso in cui i sei libri Hanbali non contengano specifiche previsioni sul caso in trattazione.

Tale eccezione ha conferito flessibilità al sistema giuridico. Presentando il suo studio sulla Shari’ah alla scuola di giurisprudenza dell’Università Araba di Beirut, Solaim ebbe ad affermare che “la differenza dei quattro Imam, che hanno dato il nome alle quattro scuole di pensiero, è un dono di Dio per la nazione Islamica”. Grazie alle differenti correnti interpretative, la legge Islamica è in condizione di tradurre i propri principi in precisi dettami da applicare alle singole circostanze.

InArabia tutto l’ordinamento soggiace alla legge islamica

ADENAROLENTE

La legg e processuale è divisa in sette parti:

1)indipendenza del potere giudiziario e sue garanzie

 

2)uffici giudiziari

 

giudici

Il ministro della giustizia

Notai pubblici

Gli impiegati degli uffici giudiziari

Disposizioni generali e transitorie

 

Gradi art 5:

giudici della shari’a

Supremo consiglio giudiziario

Giudice d’appello

Giudice generali o comuni

Giudice del sommario

 

ARABIA SAUDITA NORME IMPORTAZIONI MERCI,COME LAVORAR ECON L’ARABIA AVVOCATO ESPERTO EXPORT IMPRESE ARABIA

 

Marchiatura dei prodotti destinati allArabia Saudita

E’ fatto obbligo di marchiare tutti i prodotti destinati allArabia Saudita, apponendo etichette non rimovibili indicanti il Paese di origine di dette merci (made in + Paese), con le seguenti modalità:

  • sui prodotti assemblati o confezionati non necessario applicare il marchio di origine (made in + Paese) su ogni singola parte che li compone. Sara’ sufficiente che il marchio venga apposto in modo indelebile sul prodotto assemblato o confezionato e considerato come “unicum”, nonchè sullimballaggio dello stesso; 
  • sui prodotti importati in Arabia Saudita come parti separate o come parti di ricambio, fatto obbligo apporre il marchio di origine (made in + Paese) su ogni singolo prodotto, che dovrà inoltre essere accompagnato dal rispettivo certificato di origine; 
  • per i prodotti di piccole dimensioni valgono invece le stesse regole utilizzate per le esportazioni in ambito UE.

 

  • Il Customs Declaration che deve riportare al campo 3 la dicitura araba equivalente alla parola import;
  • La dichiarazione doganale d’importazione;
  • Il certificato di importazione o elenco di importazione.

I documenti possono essere prodotti alternativamente in quanto sono equipollenti. Essi devono contenere tutti gli elementi che possano far ricondurre i documenti citati all’esportazione effettuata (codice doganale coincidente per le prime sei cifre o descrizione della merce compatibile con quanto dichiarato sulla dichiarazione doganale italiana, identità del mezzo di trasporto con quanto riportato sul documento doganale di esportazione, numero colli e peso lordo/netto della merce ecc.) e devono essere debitamente timbrati e firmati dalla locale autorità doganale. Si fa presente che il SAISA può richiedere anche la traduzione giurata del documento. Le Autorità saudite possono, a scandaglio, sottoporre a controllo sanitario la merce; in tal caso è necessario acquisire il certificato sanitario o l’esito del controllo. Il documento può essere prodotto in originale o copia conforme all’originale. La conformità all’originale può essere attestata nei modi previsti dal Reg. Ce 612/2009 e segnatamente:

  • dall’autorità doganale saudita;
  • dall’ICE;
  • da consolati o ambasciate di paesi aderenti all’Unione Europea.
  • Si precisa che il richiamo della Dogana Saudita all’obbligo di osservanza dell’apposizione del marchio di origine (Made in ………..) in maniera indelebile (stampa o marchiatura) su ogni singolo prodotto e imballaggio, risponde ad una precisa normativa già introdotta da molti anni, normativa che allo stato attuale risulta essere applicata in modo più coerente e rigoroso, rispetto a quanto fatto dalle autorità in precedenza.
  • Riguardo all’apposizione del marchio di origine sui prodotti assemblati o confezionati, è stato precisato che non è necessaria l’apposizione del marchio di origine su ogni singola parte che lo compone, pur se di diversa origine.

 

DATI ESPORTAZIONE ARABIA SAUDITA

Fattura commerciale:

La fattura commerciale è richiesta in tre esemplari (un originale e due copie) recante il visto della Camera di Commercio italo-araba: E’ necessario produrre la traduzione in lingua araba.

La fattura commerciale deve riportare la dichiarazione di conformità alle norme sul boicottaggio di Israele: “ We hereby declare that the mentioned merchandise is being exported for our own account. The goods are neither of Israeli origin nor do they contain Israeli materials, nor are being exported from Israel”.

La fattura commerciale deve contenere i seguenti elementi:

-data di emissione e numero progressivo

-nome ed indirizzo dell’esportatore

-nome ed indirizzo del destinatario

-descrizione della merce

-nome della nave o compagnia aerea

-data di spedizione

-porto di spedizione

-porto di destinazione

-peso lordo e peso netto

-quantitá

-valore dettagliato della merce

-valore totale della spedizione

-contenuto di ogni package e di ogni container

-condizioni di pagamento (numero della lettera di credito L/C se applicata)

Fattura Consolare:
Non è richiesta

Certificazioni attestanti l’origine

Il certificato d’origine é richiesto in tre esemplari (un originale e due copie) legalizzato dall’Ambasciata saudita a Roma e dalla Camera di Commercio italo-araba e deve contenere i seguenti elementi:

-nome della nave o compagnia aerea

-data di spedizione

-nome, nazionalitá ed indirizzo dei produttori della merce da esportare

-origine di ogni prodotto

-nome ed indirizzo dell’importatore saudita

-descrizione della merce

-nome ed indirizzo della compagnia di spedizione

Se la merce da spedire in Arabia Saudita non é prodotta al 100% nel paese d’origine é necessario compilare una dichiarazione “Appended Declaration to Certificate of Origin” disponibile presso le ambasciate saudite all’estero ed allegarla al certificato d’origine.

 

 

 

 

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» IMPRESE CHE ESPORTANO IN ARABIA SAUDITA :COME FUNZIONA IL PROCESSO CIVILE IN ARABIA? AVVOCATO SPECIALIZZATO PROCESSO CIVLE IN ARABIA SAUDITA

» ARABIA SAUDITA NORME IMPORTAZIONI MERCI,COME LAVORARE CON L’ARABIA AVVOCATO ESPERTO EXPORT IMPRESE ARABIA Marchiatura dei prodotti destinati all’ Arabia Saudita

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI CESENA FORLI VEDOVO VEDOVA ESTROMESSI DA EREDITA’ DIRITTI DEI VEDOVI

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

» CASS SEZ UNITE RISARCIMENTI PUNITIVI la sentenza del 23 settembre 2008, esecutiva, della Circuit Court of the 17th Judicial Circuit for Broward Count (Florida), confermata in appello dal District Court of Appeal of the State of Florida, dell’U agosto 2010, che aveva concannato la società italiana AXO Sport spa a pagare la complessiva somma di dollari USA 1.436.136,87, oltre interessi al tasso annuo dell’11% , a seguito di procedimento giudiziario svoltosi davanti a quell’autorità;

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna