Il mio obiettivo? La tua soddisfazione!
CHIAMA SUBITO!!!

ANATOCISMO FARE CAUSA SUBITO Si può fare causa entro 10 anni dalla chiusura del rapporto con la banca, e si può agire per il recupero di tutto, anche se il mutuo o fido è durato ad esempio 30 anni, perché la prescrizione non decorre mentre il rapporto è in essere.

ANATOCISMO FARE CAUSA SUBITO

Si può fare causa entro 10 anni dalla chiusura del rapporto con la banca, e si può agire per il recupero di tutto, anche se il mutuo o fido è durato ad esempio 30 anni, perché la prescrizione non decorre mentre il rapporto è in essere.

 

ì

ì

Nell’aprile 1996 La Meridiana s.r.l. e P.G. opposero il decreto ingiuntivo che la Cassa di Risparmio di Savona aveva ottenuto nei confronti della società e del P. medesimo, quale fideiussore, per la somma di lire 1.267.776.422, importo pari allo scoperto del conto corrente intestato alla società e agli interessi successivamente maturati sul medesimo. Gli opponenti dedussero la nullità della clausola del contratto di conto corrente diretta a disciplinare la misura degli interessi passivi, la nullità delle previsioni inerenti alla capitalizzazione di tali interessi, la illegittimità della applicazione della commissione di massimo scoperto, nonché la nullità del contratto di fideiussione concluso dal P. per indeterminabilità dell’oggetto; in via riconvenzionale chiesero che la Cassa fosse condannata a rifondere quanto corrispostole per interessi ultra legali, oltre interessi e rivalutazione monetaria

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 10 febbraio – 24 marzo 2014, n. 6857

Presidente Salme’ – Relatore Didone

Svolgimento del processo

1.- Nell’aprile 1996 La Meridiana s.r.l. e P.G. opposero il decreto ingiuntivo che la Cassa di Risparmio di Savona aveva ottenuto nei confronti della società e del P. medesimo, quale fideiussore, per la somma di lire 1.267.776.422, importo pari allo scoperto del conto corrente intestato alla società e agli interessi successivamente maturati sul medesimo. Gli opponenti dedussero la nullità della clausola del contratto di conto corrente diretta a disciplinare la misura degli interessi passivi, la nullità delle previsioni inerenti alla capitalizzazione di tali interessi, la illegittimità della applicazione della commissione di massimo scoperto, nonché la nullità del contratto di fideiussione concluso dal P. per indeterminabilità dell’oggetto; in via riconvenzionale chiesero che la Cassa fosse condannata a rifondere quanto corrispostole per interessi ultra legali, oltre interessi e rivalutazione monetaria.

chiama-adesso 4La Cassa si costituì chiedendo il rigetto della opposizione. In esito ad istruzione essenzialmente documentale il Tribunale adito, pronunciando con sentenza non definitiva, revocò il decreto, dichiarò la nullità della clausola n. 7

del contratto di conto corrente, rimise la causa in istruttoria per il prosieguo con separata ordinanza dando corso a consulenza tecnica volta ad accertare l’ammontare della somma dovuta. Il primo giudice preliminarmente osservò che le contestazioni mosse dagli opponenti, quanto all’effettività della produzione in giudizio degli estratti del conto corrente in questione ad opera della banca, erano generiche ed intempestive e non valevano ad escludere che la ricorrente avesse, a suo tempo, adempiuto al proprio onere probatorio producendo gli estratti, specie ove si fosse considerato che alla udienza nella quale a verbale si era dato atto della relativa produzione da parte della Cassa, la controparte non aveva formulato eccezioni di sorta in merito, chiedendo anzi in una successiva memoria che fosse disposta consulenza tecnica sui documenti prodotti ex adverso.

Aggiunse che la incontestabilità delle risultanze del conto conseguente alla tacita approvazione del medesimo si riferiva agli accrediti ed addebiti nella loro realtà documentale, ma non impediva la contestazione della validità ed efficacia dei rapporti obbligatori sottostanti dai quali essi derivavano e che, sulla scorta di detti principi, occorreva considerare che il credito esposto dalla Cassa nel ricorso monitorio derivava dalla applicazione di una clausola, quale la n. 7 del contratto di contocorrente, che regolava il tasso di interesse passivo, nulla per indeterminatezza ed indeterminabilità dell’oggetto, giacché il rinvio alle condizioni usualmente applicate sulla piazza ivi contenuto non conteneva un criterio di determinazione del tasso idoneo a soddisfare l’interesse tutelato dalla legge. Aggiunse che il credito della opposta azionato rappresentava il saldo di un conto corrente nell’ambito del quale la banca aveva applicato la capitalizzazione trimestrale degli interessi passivi in forza di una clausola contrattuale (la medesima clausola 7) che il S.C. aveva recentemente dichiarato fondata su di un uso negoziale e non normativo, e contraria alle previsioni dell’art. 1283 c.c. che regolano l’anatocismo. Tanto premesso, affermò che il credito della ricorrente andava individuato applicando al rapporto il tasso di interesse legale ed espungendo la capitalizzazione trimestrale degli interessi senza prevedere ed applicare alcuna diversa modalità di capitalizzazione.

Poiché gli estratti prodotti dalla Cassa documentavano le sorti del rapporto solo a partire dal 1/1/1980 allorquando il conto presentava uno scoperto pari ad oltre 200 milioni di lire e il difetto di antecedente documentazione rendeva impossibile ricostruire le operazioni che si erano svolte in precedenza, il credito della banca avrebbe dovuto essere quantificatoomettendo di considerare il saldo iniziale passivo risultante dai primo estratto conto prodotto, considerando il rapporto come sorto il 1/1/1980. Sulla scorta di dette affermazioni, revocato il decreto, dispose la rimessione della causa in istruttoria per l’espletamento della consulenza contabile, riservando al definitivo il regolamento delle spese.

Con la sentenza impugnata (depositata il 4.5.2007) la Corte di appello di Genova, in parziale riforma della decisione del Tribunale, ha dichiarato che gli interessi passivi dovuti dalla correntista alla Cassa di Risparmio di Savona sono capitalizzabili annualmente, respingendo i residui motivi di appello e, per quanto ancora interessa, ritenendo inammissibile, perché nuova, la richiesta di applicazione dei tassi previsti dall’art. 117 T.U. n. 385/1993.

1.1.- Contro la sentenza di appello la s.p.a. Cassa di Risparmio di Savona ha proposto ricorso per cassazione affidato a tre motivi.

Resistono con controricorso la s.r.l. La Meridiana e P.G. .

Nel termine di cui all’art. 378 c.p.c. parte ricorrente ha depositato memoria.

afd5

Motivi della decisione

2.1.- Con il primo motivo di ricorso la banca ricorrente denuncia vizio di motivazione e violazione degli artt. 117 e 161 T.U. 385/1993. Deduce che nel richiedere l’applicazione dell’art. 161 del T.U. del 1993 edell’art. 117 del D.L. 385/93 non ha proposto, invero, alcuna eccezione nuova, ma ha semplicemente rivolto una mera sollecitazione al Giudice il quale deve e doveva rilevare d’ufficio la mancanza di prova dei fatti posti a base dell’eccezione del convenuto atteso che, a sensi dell’art. 2697 cod. civ., chi vuoi far valere un diritto in giudizio deve provare i fatti che ne costituiscono il fondamento (Cass. 3/7/2003 n. 10475).

Formula, ai sensi dell’art. 366 bis c.p.c., applicabile ratione temporis, i seguenti quesiti: “1) la motivazione è completamente contraddittoria e/o omessa laddove non ha deciso sull’applicabilità delle norme di legge di cui agli artt. 161 e 117 del T.U. del 1993 n. 385;

2) qualora la parte invochi l’applicazione dell’art. 117 del T.U. n. 385 del 1993 e quindi l’applicazione delle condizioni pubblicizzate per le corrispondenti categorie di operazioni e servizi, in tal caso le condizioni stesse si applicano dalla data di entrata in vigore del D.L. 1/9/93 n. 385 in avanti (e cioè per l’avvenire) e non già per il periodo precedente in cui è stato stipulato il contratto. Una diversa interpretazione dell’art. 161, 6 comma del T.U. del 1993 contrasterebbe infatti con l’art. 3 della Costituzione e contratti identici nel contenuto (per esempio, riportanti entrambi la clausolarelativa al rinvio alle “condizioni di piazza”) troverebbero disciplina completamente diversa soltanto perché stipulati prima o dopo il T.U. 385/1993.

2.1.1.- Il motivo è inammissibile perché la Corte di appello ha ritenuto nuova e, quindi, inammissibile la questione posta dalla ricorrente, talché la stessa avrebbe dovuto denunciare ai sensi dell’art. 360 n. 4 c.p.c. la nullità di tale capo della sentenza. Le Sezioni unite hanno di recente ribadito, in una fattispecie analoga, che “il ricorso per cassazione, avendo ad oggetto censure espressamente e tassativamente previste dall’art. 360, primo comma, cod. proc. civ., deve essere articolato in specifici motivi riconducibili in maniera immediata ed inequivocabile ad una delle cinque ragioni di impugnazione stabilite dalla citata disposizione, pur senza la necessaria adozione di formule sacramentali o l’esatta indicazione numerica di una delle predette ipotesi. Pertanto, nel caso in cui il ricorrente lamenti l’omessa pronuncia, da parte dell’impugnata sentenza, in ordine ad una delle domande o eccezioni proposte, non è indispensabile che faccia esplicita menzione della ravvisabilità della fattispecie di cui al n. 4 del primo comma dell’art. 360 cod. proc. civ., con riguardo all’art. 112 cod. proc. civ., purché il motivo rechi univoco riferimento alla nullitàdella decisione derivante dalla relativa omissione, dovendosi, invece, dichiarare inammissibile il gravame allorché sostenga che la motivazione sia mancante o insufficiente o si limiti ad argomentare sulla violazione di legge” (Sez. U, Sentenza n. 17931 del 24/07/2013). Vizio di motivazione e violazione di legge – appunto – denunciati dalla ricorrente. Infine, l’inammissibilità del primo motivo rende irrilevante la questione di legittimità costituzionale, prospettata dalla ricorrente, dell’art. 161 del d.lgs. 1 settembre 1993, n. 385, in riferimento all’artt. 3 della Costituzione, peraltro manifestamente infondata (cfr. Corte cost., ordinanza n. 338 del 2009).

2.2.- Con il secondo motivo la ricorrente denuncia violazione e falsa applicazione dell’art. 100 c.p.c. e vizio di motivazione.

Formula il seguente quesito: “In riferimento all’art. 366 bis c.p.c. si fa presente che la Corte ha completamente ignorato la questione della mancanza di interesse da parte degli opponenti a richiedere la ripetizione di somme oltre il 1986, con conseguente giudizio completamente diverso e che qualora il convenuto eccepisca la mancanza di interesse dell’attore a proporre una determinata domanda, la relativa eccezione è rilevabile anche d’ufficio in qualsiasi stato e grado del processo”.

2.2.1.- Il motivo è infondatoperché muove dal presupposto erroneo che il termine prescrizionale decorra nel corso del rapporto di conto corrente anziché – come puntualizzato dalle Sezioni unite – dalla chiusura del rapporto: “l’azione di ripetizione di indebito, proposta dal cliente di una banca, il quale lamenti la nullità della clausola di capitalizzazione trimestrale degli interessi anatocistici maturati con riguardo ad un contratto di apertura di credito bancario regolato in conto corrente, è soggetta all’ordinaria prescrizione decennale, la quale decorre, nell’ipotesi in cui i versamenti abbiano avuto solo funzione ripristinatoria della provvista, non dalla data di annotazione in conto di ogni singola posta di interessi illegittimamente addebitati, ma dalla data di estinzione del saldo di chiusura del conto, in cui gli interessi non dovuti sono stati registrati. Infatti, nell’anzidetta ipotesi ciascun versamento non configura un pagamento dal quale far decorrere, ove ritenuto indebito, il termine prescrizionale del diritto alla ripetizione, giacché il pagamento che può dar vita ad una pretesa restitutoria è esclusivamente quello che si sia tradotto nell’esecuzione di una prestazione da parte del solvens con conseguente spostamento patrimoniale in favore dell’accipiens” (Sez. U, Sentenza n. 24418 del 02/12/2010).

Il ricorso deve essererigettato. Le spese del giudizio di legittimità – nella misura liquidata in dispositivo seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna parte ricorrente alle spese del giudizio di legittimità liquidate in Euro 8.200,00, di cui Euro 200,00 per esborsi.

Tag:, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Avvocato separazioni Bologna, Avvocato per separazioni Bologna, Avvocato per divorzi Bologna, Avvocato civilista Bologna , Avvocato matrimonialista Bologna , Avvocato Bologna , Avvocati Bologna , malasanità risarcimento, Testamento olografo, diritto di famiglia avvocato, risarcimento incidente stradale mortale, risarcimento incidente mortale, incidente mortale risarcimento, risarcimento danni incidente mortale, incidente stradale mortale risarcimento danni, morte per incidente stradale risarcimento, risarcimento danni sinistro stradale mortale, risarcimento danni incidente, risarcimento danni sinistro mortale, incidente stradale risarcimento, risarcimento assicurazione incidente stradale mortale, risarcimenti incidenti stradali, morte incidente stradale risarcimento, risarcimento morte incidente stradale, risarcimento incidente stradale, risarcimento danni per incidente stradale mortale, risarcimento sinistri stradali, risarcimento incidente mortale tabelle, tabella risarcimento morte incidente stradale, incidenti stradali risarcimento, risarcimento per incidente stradale, risarcimenti danni incidenti stradali, indennizzo morte incidente stradale, sinistri stradali risarcimento, risarcimento sinistro stradale, risarcimento danni incidente stradale mortale, risarcimento danni sinistro, risarcimento danni fisici incidente, indennizzo incidente stradale, sinistro stradale risarcimento

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

Articoli Correlati

» INTERESSI ANATOCISMO L’anatocismo è l’applicazione degli interessi (relativi a un debito con la banca) sugli interessi già maturati e non corrisposti in precedenza.

» ANATOCISMO FARE CAUSA SUBITO Si può fare causa entro 10 anni dalla chiusura del rapporto con la banca, e si può agire per il recupero di tutto, anche se il mutuo o fido è durato ad esempio 30 anni, perché la prescrizione non decorre mentre il rapporto è in essere.

» IPOTECA EQUITALIA CASSAZIONE SEZIONI UNITE CIVILI Avendo gli attori richiesto davanti al giudice ordinario la condanna di Equitalia alla cancellazione dell’ipoteca, fondata sulla asserita insussistenza del carico esattoriale, l’accertamento della illegittimità o illiceità della relativa iscrizione, stante l’espressa domanda formulata, non costituisce, all’evidenza, “una mera questione pregiudiziale”, ma il presupposto o l’antecedente logico giuridico al fine di decidere sulla domanda risarcitoria.

» COMMISSIONE DI MASSIMO SCOPERTO BANCHE ANATOCISMO

» BANCHE Non Performing Loans DEVE INTERVENIRE E SALVARLE, COME E’ AVVENUTO PER LE BANCHE TEDESCHE E FRANCESI

» AVOCAT EXPERT EREDITAR Cauze, diviziuni ereditare, AVOCAT EXPERT WILLS CAUZE 27 martie 2015 – Postat de: Sergio Armaroli – In categoria: testament , TESTAMENT moștenire “A BOLOGNA – Un comentariu AVOCAT EXPERT EREDITAR cauze, DIVIZIUNI ereditare, AVOCAT EXPERT WILLS CAUZE 1) Luca: a avut o dispută cu frații pentru o divizie ereditare. După mai multe negocieri am ajuns la un acord care satisface toata lumea !! 2) Caterina este o doamnă care se căsătorise rus nr a doua soție italian.

» LIBRO QUINTO DEL LAVORO TITOLO I DELLA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA’ PROFESSIONALI

» DIFENDITI DALL’ANATOCISMO BANCARIO, AVVOCATO BOLOGNA SERGIO ARMAROLI

» MUTUO DELLE BANCHE , TASSO USURARIO, SENTENZA CASSAZIONE

avvocato a bologna

Articoli Recenti

» CORTE APPELLO BOLOGNA TRIBUNALE DI BOLOGNA DANNO JURE PROPRIO IN INCIDENTE MORTALE La Corte si e’ soffermata sulla natura delle tabelle milanesi e sul come la loro inosservanza si ponga rispetto ai paradigmi dell’articolo 360 c.p.c., nella sentenza n. 4447 del 2014. In detta decisione la Corte si e’ soffermata su quello che ha individuato come il problema della “ritualita’ della deduzione come violazione di norma di diritto delle c.d. tabelle milanesi” ed ha svolto le seguenti considerazioni.

» BOLOGNA RAVENNA RIMINI CESENA FORLI VEDOVO VEDOVA ESTROMESSI DA EREDITA’ DIRITTI DEI VEDOVI

» AVVOCATO PER SUCCESSIONE EREDI TESTAMENTO BOLOGNA RAVENNA FORLI CESENA SUCCESSIONE QUOTE SRL SUCCESSIONE LEGITTIMA CONIUGE Le partecipazioni sono liberamente trasferibili (1) per atto tra vivi e per successione a causa di morte, salvo contraria disposizione dell’atto costitutivo [2284, 2322, 2462, 2471, 2468]. Qualora l’atto costitutivo preveda l’intrasferibilità delle partecipazioni o ne subordini il trasferimento al gradimento (2) di organi sociali, di soci o di terzi senza prevederne condizioni e limiti, o ponga condizioni o limiti che nel caso concreto impediscono il trasferimento a causa di morte, il socio o i suoi eredi possono esercitare il diritto di recesso ai sensi dell’articolo 2473. In tali casi l’atto costitutivo può stabilire un termine, non superiore a due anni dalla costituzione della società o dalla sottoscrizione della partecipazione, prima del quale il recesso non può essere esercitato .

» RISOLVI ORA PORRETTA LIZZANO IN BELVEDERE VIDICIATICO GAGGIO MONTANO AVVOCATO MATRIMONIALISTA SEPARAZIONI E DIVORZI SEPARAZIONE DOMANDE E RISPOSTE DOMANDA ma separarsi è una cosa facile? RISPOSTA No, vi sono mille problematiche da risolvere! DOMANDA Quale sono le problematiche maggiori nella separazione? RISPOSTA :i figli la casa coniugale il mantenimento 1)DOMANDA quale differenza c’è tra separazione giudiziale e consensuale?

» MALASANITA’ FORLI SENTENZA TRIB FORLI’ INFEZIONE DANNO CASA DI CURA RISARCIMENTO Nella responsabilità medica, se invocata a titolo contrattuale sul presupposto di un rapporto contrattuale “da contatto” intercorso tra il paziente e il medico o la struttura sanitaria, l’onere probatorio per il paziente danneggiato consiste nella dimostrazione che l’esecuzione della prestazione si è inserita nella serie causale che ha condotto all’evento dannoso, rappresentato dalla persistenza della patologia per cui era stata richiesta la prestazione oppure da un suo aggravamento fino a comportare una nuova patologia ovvero il decesso del paziente. Al contrario l’ente ospedaliero deve fornire la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente, con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione ed igiene ed anche di aver adottato tutte le procedure, i protocolli e le linee guida idonei a fornire agli operatori sanitari le indicazioni necessarie per un corretto svolgimento della prestazione sanitaria e che gli esiti peggiorativi siano determinati da un esito imprevisto ed imprevedibile. Ai fini della determinazione del quantum risarcitorio, la legge 189/2012 non ha efficacia retroattiva. Ne consegue che per i fatti verificatisi anteriormente all’entrata in vigore di tale legge, l’importo è determinato facendo rifermento alla tabella in uso presso il Tribunale di Milano.

» Tribunale di Forlì 20.02.2016, est. Ramacciotti. Responsabilità medica – danno biologico proprio e iure hereditatis – danno terminale biologico onere della prova – quantificazione del danno art. 1228 c.c. – nesso di causalità danno biologico da invalidità temporanea totale e parziale danno biologico permanente – personalizzazione del danno –danno non patrimoniale – danno morale “ il paziente danneggiato deve limitarsi a provare l’esistenza del contratto (o il contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia, nonché deve allegare l’inadempimento del debitore, che appaia astrattamente idoneo a provocare il danno lamentato; rimane a carico del debitore l’onere di dimostrare o che tale inadempimento non vi è stato ovvero che, pur esistendo, esso non è stato eziologicamente rilevante; in altre parole, il debitore dovrà dimostrare o che nessun rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia possa essergli mosso, oppure che, pur essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non abbia avuto alcuna incidenza causale sulla produzione del danno.

» RINUNCIA ALL’EREDITA’ QUANDO LA RINUNCIA E’ INEFFICACE AVVOCATO SUCCESSIONI BOLOGNA CESENA FORLI RAVENNA

» RINUNCIA EREDITA’ BOLOGNA AVVOCATO ESPERTO

» SUCCESSIONE FORLI RAVENNA CESENA TRIB FORLI SENTENZA SIMULAZIONE PREZZO VENDITA E DONAZIONE Trib. Forlì, Sentenza parziale 3879/2010 del 10.03.2015, Pres. Pescatore est. Ramacciotti Successione – Azione di simulazione relativa – Prescrizione – Dies a quo.

» FORLI CESENA BOLOGNA CAUSE EREDITARIE AVVOCATO ESPERTO DOMANDA la delazione basta per acquisire la qualita’ di erede? No occorre anche l’accettazione

Contattami subito!

Avrai una risposta in tempi brevissimi

Nome e Cognome *

Telefono *

E-mail

Oggetto

Messaggio *

Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto.
Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy

PUOI CONTATTARMI ANCHE VIA MAIL: avvsergioarmaroli@gmail.com
Avvocato Sergio Armaroli - Studio Legale Bologna